Skip to main content

Full text of "Biblioteca delle tradizioni popolari siciliane"

Google 



This is a digitai copy of a book that was prcscrvod for gcncrations on library shclvcs bcforc it was carcfully scannod by Google as pari of a project 

to make the world's books discoverablc online. 

It has survived long enough for the copyright to expire and the book to enter the public domain. A public domain book is one that was never subjcct 

to copyright or whose legai copyright terni has expired. Whether a book is in the public domain may vary country to country. Public domain books 

are our gateways to the past, representing a wealth of history, culture and knowledge that's often difficult to discover. 

Marks, notations and other maiginalia present in the originai volume will appear in this file - a reminder of this book's long journcy from the 

publisher to a library and finally to you. 

Usage guidelines 

Google is proud to partner with librarìes to digitize public domain materials and make them widely accessible. Public domain books belong to the 
public and we are merely their custodians. Nevertheless, this work is expensive, so in order to keep providing this resource, we have taken steps to 
prcvcnt abuse by commercial parties, including placing lechnical restrictions on automated querying. 
We also ask that you: 

+ Make non-C ommercial use ofthefiles We designed Google Book Search for use by individuals, and we request that you use these files for 
personal, non-commerci al purposes. 

+ Refrain fivm automated querying Do noi send aulomated queries of any sort to Google's system: If you are conducting research on machine 
translation, optical character recognition or other areas where access to a laige amount of text is helpful, please contact us. We encouragc the 
use of public domain materials for these purposes and may be able to help. 

+ Maintain attributionTht GoogX'S "watermark" you see on each file is essential for informingpcoplcabout this project and helping them lind 
additional materials through Google Book Search. Please do not remove it. 

+ Keep it legai Whatever your use, remember that you are lesponsible for ensuring that what you are doing is legai. Do not assume that just 
because we believe a book is in the public domain for users in the United States, that the work is also in the public domain for users in other 
countiies. Whether a book is stili in copyright varies from country to country, and we cani offer guidance on whether any specific use of 
any specific book is allowed. Please do not assume that a book's appearance in Google Book Search means it can be used in any manner 
anywhere in the world. Copyright infringement liabili^ can be quite severe. 

About Google Book Search 

Google's mission is to organize the world's information and to make it universally accessible and useful. Google Book Search helps rcaders 
discover the world's books while helping authors and publishers reach new audiences. You can search through the full icxi of this book on the web 

at |http: //books. google .com/l 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



BIBLIOTECA 



TRADIZIONI POPOLARI SICILIANE 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



FIABE 

NOVELLE E RACCONTI 

POPOLARI SICILIANI 

UCGOLTI ED ILLUSTBATI 
GIUSEPPE PITEÉ 

€»m DteeoiM» prcUmlBara. 

QraiUB>All«K del A1*1«1éo e dell* mrtml« ■lelllftne. 

Itaselo 41 B»TeUlD« »lb«i>Ml di SI* IllK 



VOLUME QUARTO 



PALERMO 

LUIGI FEDONE LAUaiEL, Editore 



UigniaOb, Google 



Tipografia del Giornale dì Sicilia 



UigniaOb, Google 



SERIE TERZA. 



ccr. 

Eàisi Vitu liùcchiu '. 

A teinpa ca li Tut-clii pig^hiavanu lì OiciliaDi priciu- 
neri, cc'era un (ali Ut Vitu Lùcchiu ch'era purpajoln ', Si 
tnivau 'nla la praja di S. Todòiu ' una barcliilla turca 
p'assarlari a chiss'omu e a so frati cu dadici omini. RaisL 
Vitu comu si vitti assarlari, pìgghia la fisclnae nnl 'ncoc- 
cia uan, e cci fa nésciri tutti li vudedda a mari. Jetta 
'n'aira (iscinata ' e nn'afterra n'àutru : e chist'omu sen- 
z'essiri curpitu! Jetta arre, e nn'ammazza n'àutru: e poi 
Q^àutru. Stancau; fu piggliiatu priciuneri, e la purtàru 'n 
Tunisi, 'nsÒDininla cu so fratello. 

Comu junciu, la purtam a vinuiri '. Vinni an mircaD- 
ti, e si ricattau chìss'omìni, e sì li purtau a campagna , 

' Baiti, pescaioru. 

■ Purpajolu, pescatore di polipi. 

* Cipo S. TeuJoro, l'amico Eg'jtitliiM 

* Tira un flilro colpo di fuioina. 

* Lo pori. rollo al iUi'N.iIo p<r lenJerlo. 

Purè. — Fiabe e Novelle. Voi. IV. 1 



UigniaOb, Google 



2 FIABE, NOVELLE, ItACCONTl EC. 

deci, uniJici migghia' fora tirrenu , vicinu di spiaggia, e 
lu miui a travaggliiarì. 

Eranu sei, setti misi chi travagghiavanu chistt frali; 'na 
jurnala cci dissi a chiddi chi travagghiavanu cu ìJdu : 
— « Picciotti, cci vuliti vèniri cu mia? Si viàtri vi fidati, 
io vi portu cu mia. ■ — t Za Vitu mio, cci dissiru tutti, 
cci vinemo. » E fóru tutti d'accorda. 

La Duminìca lu patrani li firmava e iiiscia '. ''Nea, co- 
mu lu vìtliru fora, 'sceru tutti e si nni fujeru. Ma, puvi- 
reddi, a cerlu punta 'un pòttiru fari nenli : fAru attup- 
pati di li Turchi ', e si nni jeru pi so casa , a travag- 
ghiari a ìu solitu. Lu 'nnumani turnau la mirranti, e lì 
iruvau chi travagghiavanu. 

AlPotlu jorna vinennu, livucò arre di tutti otta jiri- 
sinni '. Di rotili mancau unu, ca nun vosi fùijri. Lu pig- 
ghiaru e cci misiru lu 'uccàgghiu 'mmucca ' , e fujeru 
pi so via, a praja. Vìttiru la varca bella pronta e lì Tur- 
chi durniianu : cu' a bascìu, e cu' 'n cuverla comu tanti 
ballìri '. Si jét(a a mari Rasi* Vitu cu li gammi orzali, 
e acchiana a bordn; chiamau a lutti cu signu , e lì fici 
acchianari tutti a unu a unu. Quannu fóru tutti acchia- 
nalì s'arruspigghiau un lurcu di 'n cuverla. — ■ Eh pi 

■ Lu Domenica il pailrone li cliioiltva a chiave ed ascivu. 

■ Furono iiDpeJili [d'uiidiire araiili ilatriiiconlr») iJii' Turchi. 

' Passali otto gÌO!Q'. (Ltuv^hiu) rimise in c:inipa li iirq|io« a <Ji fuH- 
gire lutti otto. 

' (I selli ) lo presrro e gli m-seio il batnglio in bieca. 
* Ballili, barili; in ul:rl luoghi van-UL 
' fiati u llà,ii. 



UigniaOb, Google 



BAISI VITIJ LUCCMir, 3 

Maumetlumilia M • e pigghiau lu tagànu *. Lu Cristiana 
si 'orila di salta, e ca lu tagànu di slu turca rammazza 
e si pìgghia Parmatara. Li dogghi addaoiara *; s^arru- 
spiggliiaru l'àulri: — < Maumeltumilial • Tirana 1u tagànu; 
l'àutru cci leva lu tagànu, e cci lagghia la lesta. Li Tur- 
chi erana setti; di setti nn^arrìstaru cincu , e durmianu 
ancora. Sarpau Vitti rancura e Dei vela. Quaanu fdru 
quasi un migghiu a mari, la varca sì musìau * e nisceru 
ddui. Quannu vìttlru aggenti assai, tJraru tuttidui la ta- 
gànu, e Vita, comu vosi Gesù Crislu, a tuttidui Paggiuc- 
cau ': e nn'arrislaru tri : lu patruui di la varca, e n'àu- 
tri dui. Nesci lu patruni di la varca; pigghia la pistola e 
tagànu, e spara a Rasi Vilu. Iddu scansau; jetta 'na taga- 
nata e si In leva di 'mmenzu; e nn'arrislaru dui suli, di 
setti... 

Velai pi 'n Trapani. Si sappi chi ssa varca fu arrub- 
bala. Lu Re Turcu, ordini: — • 'JVa guadava cu Vogghiu; 
si si pigghia ssu birbanti, nna la quadara cu P oggkiu t... • 

'Na scuna apposta fatta di lu Be •; parti; la varca Pappi 
a vista. Ddi dui turchi d'abbàsciu avianu la 'ntinzionì di 
sfunnarì ]a varca pi falli jìri 'n funnn. Scinni Rasi Vi- 
ta: ~- I Senza Mi cani '' t Maumettnoiilia l • e duna a li 



■ Prj&a Iradizionate in Trapani con cui sr vuole tiptìera an giura 
uio L-sclamaior:o Je' Torchi. 

■ Tngànu JiitnganHÌ, sciabula. 

' ! e doglie acceselo, cioè interv(ir& Ih lolla. 

' La liarca fece qualche oiOTÌmenLa. 

> E Viio gli ammazzù tulli e due. (Aggìuceari , della dal metter ti 

illiiie nel giucca, eroe nrl pollaio, |ier farle dormire). 

• (Fu) r^lto uno schi>a:ier a biHn posln, per online del Re. 

' • Cani senza fede t Per Maomeiiol •—Si noti che i Tnrclti son cliia 



UigniaOb, Google 



4 FlABIi, NOVELLE, RACCONTI HC. 

Tui'clii. Assummanna ^n cuverla vidi la scuna turca pi 
dappressu. Curri, curri I e la scuna dappressu. Lu puvi- 
redda Vd putia cchiii, assicutalu sempri di sta scuna ciii 
cci java di fltlu di Qltu. S'arridduciu fina a Mazzata. Ddà 
scinni; Sanità: 'n quaraalina. Cc'eranu li dai [urclii. Tannu 
cu' dava dui turchi priciuneri, avia un cristianu 'n cum- 
pensn. Oc'era s6 frali; Rasi Vitti Qci lu canciu ; cci detti 
a Mazzera lì lurcliì, e si pigghian a so frati. 
E ctiistu è lu fattu di lu valurusu Rasi Vìtu Lùcchiu. 
TYapatti '. 

mali sempre cani dai i^rislinnl, meiilro i Turfbi chiamano caai i cri- 

sliani. Vi'di PiraÈ Canti pup. sic., voL I pag. 
Sai ODONE- U AHI :«(i, La tloria nei calili pap. (i>ii, pag. 17-18 (Pulermo, 

1869). Spaso. Canzoni pop. hisudartii. 
' R^ccimuo da Nicisio Calanzim snpran nominato Baddaxza 
Notisi in que.ilu trudizione lo spirito ardilo del narralorr', il qujle nel 

racGoniarmvIa. la sera del iì agosto 1673 di^nlro l'alLergo Burgnrdla in 

Trapani, geslicolaia lem pastosa mente applaudendo all' eroe Rais Vìtu 

LncRhtu, che |:er lui personificava il coraggio e V eroismo de' popolani 

di Trapani. 



UigniaOb, Google 



CCII. 
Ln Capitanu e lu QinU-eli. 

Si cunta e sì raccunta ca cc'era 'iia vonta 'n Cicilia un Re 
ch'avìa un rigliu;chislu era di vinlidu' anni e mancii spijava 
di niarilarisi. Lu Be lu cunsigliava sempri; ma iddu, netitt. 
Finalmenti: lira tu, e tira ia, si spusà' e si piglia' la figlia 
picciula d'un Principi. Finula la festa, lu Riuzzu si minti 
'nUt la so càmmara tuttu malanconicu enicliialu. La zita 
cci dici: — ■ Chi ha' ca si' accussì siddiatu ? • — t Chi liaju? 
Hajn, Tirisina mia, chi dmu a Tari giuramienlu, ca cu' mo- 
ri prima di nu', cu' resta vÌtu havi a jiri a guardari tri 
jorna doppo morti nni la supurtura lu mortu. • — «Mi 
cridia chi era ! chissà è nenti, . dici la zita. Piglia ia 
spala, ca cc'era la cruci, e vasàru la cruci pi gìuraiiiientu. 

Uòppu un annu di lu matrimoniu cadi malata Tirisina, 
e mori, Lu Riuzzu cci fa fari pompi e lìnirali, e la sira 
si piglia ia spata, du' pistoli, munita d'oru e d'argentu, e 
nesci; va nni lu sagristanu, si fa gràpiri la chiesa e la 
supurtura, e sulu suliddu si nni scinni ddà. (ki dici a 
lu sagristanu; — • Doppa passati tri jorna vieni a'scunti 
si ia tuppiu '; e tu mi apri; si ia nu tuppiu fina la sira, 
voli dira nu viegnu cchiù. • E cci detti cent'unzi di cum- 
primieniu. Lu Riuzzu apri lu tabbùtu, la guarda, adduma 

' Dopo frè (iioriii verrai ad aseollnre ((iscuii''iridcllajiiirtai,n, per njcu- 
(ori, asciidari') se io busserò. 



UigniaOb, Google 



6 PUBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

li torci c si minti a lagrintari. Passa la piima notti; a la 
secuona, senti un rimùri 'mmiezzu lu tabbùtu, e atTaccia 
un sirpenii flroci cu tanti sìrpintuzzi picciuli; lu sirpenti 
si jetta supra la giùghina morta; lu Rìuzzu si fa di cn- 
raggìu, piglia la pistola, cci spara e l'ammazza; e l'antri 
sirpintuzzì picciuli si nni vannue doppu nn pizzuddu tor- 
nanu cu la vucca china di erva, la mlntinu nni la lìrìta, 
nni la vucca, nni l'uocchi, nni tutta lu cuorpu di lu sir- 
penti; la sirpenti arrlveai, si susi e fuj. Lu Rìuzzu, ma- 
ravigliatu, piglia dd'erva, la minti nni la vucca e nni la 
cuorpu (li la muglieri, e idda annivisci '. Dici: — t Ah I 
quant'havi chi duormul > Iddu l'assetta 'n capulu tabbùtu; 
poi guarda tutlu sbavutlùtu, e vidi un pirlusu d'unni vinnì 
lu sirpenti, piglia la muglieri pi lu vrazzu, el'accumea- 
cia a nèsciri di ddu pirtusu. Nèscinu, e spuntanu ^mmez- 
zu 'na pocu di petri; duna a manctari a la muglieri, e 
pùa vidi quantità di dd'erva chi (lei annìvisciri la muglie- 
ri. Si nni cogli un gran fascìu, e partinu, e si nni van- 
nu 'n Parigi di Francia, e s'allocanu un palazzu vicinu 
lu lijumi di la cita. 

Passatu ciertu lìempu, iddu pinsà' di fari mircanzia; di- 
ci: — t Tirisina, ccà io nu vougliu stari; pòzztu ' vuogliu 
nèsciri e fari mircanzii. • Piglia 'na fimraina onesta e di 
buonu custumi, la minti pri sèrviri a la muglieri e parti 
p^un misi cu diri chi quannu tarnava, pi signati jìttava 
tri cannunati. Parli sicuru di la muglieri. Pi disgrazia 'na 
jurnata passa di la casa di sta signura un Capitatiu dì 

' Annìviie-rì per ai'ritiictVi più cdinuna, rivivure. 
• Pù3Z'V, piullosid (è il Ialino pofmil. 



UigniaOb, Google 



LU CAPITAiNU E W CLNlftALl. 7 

truppa napulitanu: la vidi e cci jetta t'uocchi. La giùgliina 
'un cci bada', iilda cliìama 'na vecchia e cci dici: — « Ma- 
tri granai, ini ta vulili fari 'na parlala, ca'nta stu palaz- 
zu cc"é 'na giùgluaa, e ia cci vurria diri 'na parola? E 
vi Uugnu ducent'unzi. • La vecchia iju nni la giugliina, 
e tanta (ìci e laniu dissi ca cci liei cridiri ca cci avìèva- 
nu a fari lu pìgnuramientu 'nti ìa casa. — ■ Haju 'na cà- 
scia (dici) china di robba, e mi la vuonnu pigliari; vossia 
mi la vuoli sarvari ccà ? » Rispunni la giùghina: — • Fur- 
iatila. > Subbilu la vecchia va nni lu Capilanu cci ludi- 
ci; iddu accatta 'na càscia granni, sì minti dinlra lu Ca- 
pilanu, e la vecchia la fa purtari nni la signura Tirisina. 
La notti quannu vitti ca idda durmia, nesci tu Capilanu 
di la càscia, piglia dda sigoura, si la minti ani lu basti- 
mìentu e si ta porla. 

A la misi vinni lu maritu, spara li tri cannnnali e nun 
vidi allacciala la mugliéri a iu barcuni; subbila lassa lu 
bastimentu, va a la casa e na trova la muglièri; vinni la 
bastimientu cu tutta la mircanzia , e si nni va a Napuli 
e si fa surdalu. Un juornu lu Re fici 'na gala, e li truppì 
erana a spassu; ogni capilanu avia a so muglièri a braz- 
zeltu. Lu Riuzza ca già s'avia fatta scrdatu canuscì a so 
muglièri cu ddu capitana; la mugliéri canusci a lu ma- 
ritu; e cci dici: — « Capilanu, me marìtu cc'è: e coma 
fazzu?! > Lu Capitana sì lu minti all'uocchìu, ed era nni 
. la so cumpagnia. 'Mmita 'na pocu di Furerà e Gapurala; 
iddu lu Riuzzu era già bazza uflìziali. Pareri. Mentri oian- 
ciava, lu Capitanu parla a la cucinieri, e ccà fa mlntiri 
'na pusata d' argenta nni la sacchetta di la tonica di la 
Fureri. Manca la pusata; si trova nni la sacchetta di sta 



UigniaOb, Google 



8 FIABIÌ, NOVELLE, RACCO>n EC. 

'nnucceiili. Cunslgliu di guerra: In pòghìra Fureri fu cun- 
nanaaiu a la fìcilazìonì. Chtstu avia n^amicu surdalu, fi- 
data so. Gei dissi: — < Amicu niiu , qaannn mi spanna 
li surdatì, la fa' 'na forti fumala. Mentri li sunlali fannu 
lu porlafanni / te' st'erva , mi la minti 'mmucca e nni 
li cMaghi e ti nni va\ » 

Basta, lu tìcilàra; 'mmezzu lu fumu l' amicu cci minti 
l'erva 'mmucca; iddu aonìvisci , si snsi e si nni va am- 
mucciuni. 

'Ntiit un paisi Inntanu succedi ca cadi inalata la figlia 
di lu Re e arriva quasi a morti, e na cc'eranu miedici 
chi cci puòttirn dari vita. Lu Re jetta bannu pi tuttu ta 
regnu, clii • qualunchi veni e fa stari bona a ma figlia, 
si è scliiettu cci la dugnn pi muglìéri ; si maiilatu , lu 
fazzu' Principi. > Stu Bìuzzu si vestì di Uulluri e si pri- 
senta a Palazzu riali; irasì e truva un saJuni ctiinu di 
miedici; asserva la malata e la trova quasi morta; e già 
dava l'urtimi suspiri. Dici: — 4 Maistà, già vostra figlia è 
morta, ia liaju un miezzu, ca la fazzu slari bona, ma vuo- 
gliu essiri di sulu e sulu cu la 'Nfantina.> Lu Re cci lu cuq- 
cidiu. Quannu arristà' sulu cu la malata, nisciu dd'erva cci 
la minti 'mmucca, nni lu nasu; ìdda suspira,esubbilustà 
bona. Cuomu lu Re l'appi bona, dici: — < Dutturi, ora ma 
figlia è lo muglièrì.i — • Maistà, mi pirduna, ia sugnu ma- 
ritato.' Rispunni lu Re: — ■ Dimmi clii grazia vùa ? • — 
< Maistà, ia vuogliu essiri Ginìralissimu dì tutti li Bìggi- 
menti.t— . Ti sìa cuncessu.» Piglia lu gradu di Giniralissi- 
mn, e cci fa 'na gran festa, primu pri la figlia ca stetti bona, 
lasecunna pri lu Giniralissimu; e sì ficì gala. Stu Gìnirali 
'mmità' li capitani di lu rìggìmenlu unni era ddu Capi- 



UigniaOb, Google 



LU GAPlTAnU E LU GINIRALI. 9 

tann chi avia fatui ficìlarì ad iddu; doppu chi manciaru 
li capitani lu Ginirali parla a un sirvituri, e (lei mintiri 
'na cucchiaredda di argenta nni la sacchetta di dda Ca- 
pitanu, e pùa li fici circart e coi trovano la cucctiiaredda 
e la fa mintiri 'd prìgiunì, pùa lu manna a pigtiari da- 
vanti la so prisenza e cci dici: — • Tu, comu si'maritatu 
schietlu? • Rispnnni lu Capilanu: — • Signuri, nun su- 
gBQ maritalu.i — < Ma la signora, chi vi veni amica ? » La 
Ginirali piglia du' surdati e la manna a pigliari: quannu 
idda cannsciu lu marita tutta si spavinlà". Iddu cci dici: 
— < Vu' siti muglieri di stu Capitanu?i Rispunni: — 
■ Nonsignuri, ca ia fa' arrubbala e stu Capitana mi purtà' 
ccà. » Lu Ginirali cci duna la sintenza di mintiricci 'na 
cammisa di pici a ogni ad unu e abbrucialli; e accnssì 
fini' la so vita doppu tanti stenti e travagli, e lu Biuzzu 
arristà' Giniralissiniu. 

.CasleUermini '. 

VAttlANTl E RJSCOXTfll. 

Questa è una tradizione cbe sarà forse comune a qualche 
altra lem non siciliana, ma che pure ha da far poco colle 
fiabe della prima serie della presente raccolta, (se un posto vi 
«Jovea trovare questo dovea essere allato alla LXX e LXXl], Più 
che di fiaba ha del racconto, tolta, s'intende, la parte del serpe 
e dell'erba della vita, che pur si riscontra nella nostra Li tri 
belli euruni mei I D. XI; come il preleso farlo del cucchiaio 
nel Tradimentu n. CXIV. Munte vi è deirinverislmìle, e Torse 

* RicconluLo d'I M. Agoaiiiiu Viiccnro, zolfiiluìo, e fEiila r.iccogliore dui 
«ig. Gaetano Di GioTiiDni. 



UigniaOb, Google 



10 FIABE, NOVELLR, RACCONTI EC. 

non sari difficile di trovarvi un fondo storico specialmente col- 
l'aiulo della se^uenle versione: 

Cui h m«li, mali aspetta. [Cianciana] 

Un marito e una moglie, fanno promessa di piangersi nella 
sepoltura. Mori la moglie e il marito l'andù a piangere stando 
nella sepoltura lutta una notte. Vide che un serpente andò a po- 
sarsi sul ventre della morta e che a mezzanotte partì. La 3. not- 
te lo stesso; e lo stesso anche la 3.. in cui però il serpente te 
portò un mazzo dì lìori. Marito e moglie uscirono col mazzetto. 
Per istrada il marito s'addormentò sulle gambe della moglie; 
passò un capitano, ed ella fuggi con lui abbandonando il ma- 
rito. Costui svegliatosi va a Sciacca da un suo compare, e 
-sente che il capitano se la gode con la moglie di lui. Va ad 
una lor festa; ed è fatto ammazzare e tagliuzzare. Il compare ìa 
ricompone, gli fa odorare il mazzetto; egli rivive. Col mazzetto 
fa rivivere in Palermo la moglie del Luogotenente generale dei 
Ile; in Napoli la tìegina morta; ed è creato Vicerè-JJa Viceré 
ritorna a Sciacca, fa preparare un rogo e vi fa bruciare l'in- 
grata della moglie e il tristo del capitano. 



UigniaOb, Google 



CGin. 

Lu Vicerrè Tunnina. 

Signnri, cc'era 'n Paletinu un tuanìnaru chi vinnia tun- 
nina a la chiazza di Baddaró. 'Na nuttata si 'nsunnò uq 
sonnu, e 'ivta lu soddu cci cumparìu unu e cci dissi: — 
t Vò' truvari la t6 Sorli ? va' sutta lu ponti di li Testi *, 
e la trovi. • Pi tri notti la stissa cosa. A la terza vota 
nescì, e va a li Testi, sutla lu ponti vidi ud puviredda 
tutlu sfardatizzu ', si sfrinziau e si nni iju ; chidJu lu 
cliiamau, e iddu cci 'ncugnau. Era la so Sorti. Dici : — 
Vidi ca stanotli a menzannotti , nnni ha' misi li varrilì 
di la tunnina sfossa, scinni, e zocca trovi ò tuo. ■ 

Lu tunninaru si pricura un palu, e si Tammuccìau pi 
la notti. A menzannotti si metti a sfussari. Leva 'na ba- 
iala, e trova 'na scala. Scinni e trova un magasenu gran- 
niusu tuttu cliinu di munita d''oru, e poi giarri e pignali 
d'archimia, e cascavaddi d'oru '. Cliiuj arreri, atlauga e 
si nn'acchiàna. Appena fatta jornu nisciu , e iju a scan- 
ciari la munita pi spignuii la Iruvalura '. Stu tunninaru 
caminciò a jisari la testa: si vinnianu casi, e iddu accat- 

' A In potili di ti Tesli, dici-Kl volgurmenk' il Ponte <J<tU' Ammiraglio 
<li Ruggiero. Giorgio Antioclu'no. 

* Sfardalizza, lullo tacerò. 

■ E poi vasi e jienlole .l'alcliimia e cacicavalli cl'otu, Cun-ta, toppa, 

* Spignari la tmeitura. tdglier l'inranlcsimo e premiere i lesori iri- 



i)j,--,..i,Coot^lc 



42 FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

lava; beli'àbbiti, e l'accanava : si sapi : Amufi, bilUzzn e 
dinari, su' tri cosi ehi 'un si poniiu ammucciari. 

'Na vola a lu Re di Spagna cci vinnì mùvimenlu di 
gnerra Era paccariateddu ' e mannóp'an miliuni 'n Pa- 
lenau, nni la Signuria '. La Signuria, criju ca era cchiù 
paccariata d'ora, e stu miliuni 'un avia d'unni piggliiallu. 

Lu lunninaru ca s'avia 'niparalu a leggili, liggiu l'av- 
visi di slu miliuni clii vulia lu Re , ha pigghiatu ed ha 
jutn a palazzi! di lu Vicerrè. — • 'Ccillenza , haju 'ntisu 
ca la nostru Re liavi bisognu d'uu miliuni; slu miliuni 
cci lu 'mprestu io.i Lu Vicerrè lu laliava alluccutu ; — 
i E quann'è chissu, io scrivu a lu Re. • Risposta di lu 
Re : — " Subbitu, facUili vèniri. ■ Lu lunninaru cci fa 
cunlari slu miliuni, e si li carriaru 'nla H varrili. Par- 
leru sii dinari, e lu Re allucchiu. — • Ora io, a slu lun- 
ninaru cci l'haju a dari un duou. • Scrivi a lu Vicer- 
rè : — » Vinili ccà a Spagna , e lucili Vicerrè a lu lun- 
ninaru. 

Coma lu Vicerrè appi sia nuliKìa , ha pi^^gialii e cci 
l'ha cumnnìcalu a lu lunninaru; cci ha datu lutli li pu- 
tiri, e si nn'ha parlutu pi Spagna. Slu lunninaru 'un a- 
via lanla 'struzioni ; pi diri cìi'avia dinaiil '. E perciò 
'un era rispillalu di nuddu; putia sunari campana all'armi, 
'un cci java nuddu. "Na jurnala scrivi a lu Re : — • Mai- 
stà, ccà mi càrculanu pi nenti; veni festa, e a la cappella 



Pn^cnrhleJdu 


dim 


Sigiiuriit. qui 


sign 


F, d,ri l'CC, !■ 


nhè 


me chfi PE'i <I 


.vess 



UigniaOb, Google 



LU VICIARnÉ TUNMKA. 13 

riali 'un veni nadJu. • Rispunai lu Re:— « Carta-bianca 
di fari Zocca vulili ^> 

Ma la Sìgnuria «li Palermu 'un nni vulia sentiri nenti; 
comu iddu vitti ctiistu si 'nimarca e si nni va a Spagna. 
A Spagna lu Re lu riciviu cu grann' onuri ; cci assigna 
un qaartu '. 'Na jarnata si la scinniu 'nta nn beltà jar- 
dìnu unni cf,'era 'na parata di cacÒL*ciuIi '. E dici: — 
• Guarda a mia 1 > Tira la sciabbnla e cumincia a fari 
satari li cacòcciuli ccbiù àuti. Lu Vicerrè Tunnina , (ca 
lu sìntìanu accassì), dici : — • Haja capita. > Si parli e 
veni arreri 'n Palermti. ',\ Palermu cu dda bel'a 'struzioni 
chi fa ? a la prima festa mannò a 'mmitari pi lu bacia- 
manu. Li Prìncipi 'un vinniru. Ordini: — « Arristati a tali 
e tali, tali e tali, tali e tali; > e sti Principi spireru. ' Lu 
ciànra di lu sangunazzu lu 'ntisiru tutti, e accumincìaru:. 
Vicerrè di ccà e Vicerrè di ddà / • 

Ddoppa sta cosa, lu Re di Spagna 'un cci putennu pa- 
gar! lu miliuni lu dei Principi di Pignatelli e Duca di 
Muntuliuni, e ogni annu di ssi paisi di l'innii cci purta- 
vaou li gran dinari. E di ddoca discinni la famigghia di 
li PigDalelli. 

Palermo '. 
VARIANTI E RISCOXTftJ 

Ne ho una leiione di Salaparuta da ma raccolta, nella qualo 

' (lo vi ilo) caitabiaMa tee. 

' Gli aisegiiù un qnnrtiere del suo palazzo. 

' Oif'era un peno di terreno piantalo a oarcioB. 

' E qucsli Principi apurirono (il Ticerè li fece tutti morire), 

' Saccoiiiato da Aguiuiza Messia. 



UigniaOb, Google 



14 FIABE, NOVCLLE, RACCONTI EC. 

ncD c'è di differente che il lilolo: Lu Principi di Pignatelli e 
qualche cìrcoslatiza di poco momenlo. Questo racconto è co- 
munissimo in tutta Sicilia. 

Il fatto della discesa del Ite nel giardino è lo stesso ricor- 
dato dagli storici a proposito di Tarquinio. Qui il consiglio 
del Re si riduce all'alto del mozzare i pia alti carcìofl, li a 
quello di spiccare, le leste de' papaveri più lunghi; entrambi 
ailudenli al bisogno di aggiustare, decapitando i piii alti del 
paese, la patria. 



UigniaOb, Google 



cav. 

Lu He e li carzaratt 



Un Re di Cicilia 'na vola ija a visitar! 'aa càrzara di 
carzarati, tutti cu' cunnannali vint'anni, cu' a Irent'aonì, 
cu' a vila; si misiru tutti a ringa aspiltannu a lu Re chi 
passava. Quannu la Re cci fu pi davanti, spijó a lu primu: 
— « Tu pirchi si' ccà cunnannalu ? Chi facisti ? »— < Io, Mai- 
ala t Io sugnu 'nnuccenti; mi pìgghiaru mentri era a la 
me casa. » — < E tu ? » dici a lu secunnu. — • Io sugDu 
^OQucceati comu Maria Santissima. Quannu mi 'ncalturaru 
io era curcatu. > — < ij,tu ? » dici a lu terzu. — « Io su- 
gna 'mpulalu d'avìri ammazzatua udu; ma fdru tutti ca- 
lunnii, e soffru attorlamenti. • 'Nsumma a quantu doman- 
nau iu Re, tolti si dettiru pi 'nnuccenti. L' urtimu cci 
dissi: — < Maistà, io haju arrubbatu, haju ammazzatu, ha- 
ju stalu un sciliratu, e pi chissu mi cunnannaru 'n vita. > 
Comu lu Re 'ntisi accussì, vfttasi e cci dici: — • E men- 
tri è chissu, tu, gran birbantuni, nesci di 'mmenzu di 
galantomini, ca sa' tutti 'nnuccenti, e'unponnu stari cu 
lia ca li guasti. > 

Lu piggliia e lu fa nèsciri a libbirtà, e accussi la virila 
fu primiata. 

Palermo '. 

' RaciMiiUla da Giovsiini Paluann. 



a. b, Google 



16 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

VABIASTl E RlSCOMTfil. 

QuiesU tradizione è di tulla Sicilia. 

Una versione di questo aneddoto è Ira %\i Aneddoti sicitiani 
raccontati da A. Losco, n. XXVI: La visita delta galera. II so- 
vrano avrebbe visitato i condannali nelle galere. Lo stesso fatto 
udii raccontare fanciullo come avvenuto io petto a un Re di 
Siracusa; mi si disse più tardi essere stato questo Re Dionisio. 
La tradizione perù non era di persona illetterata, 

Leggesi pure tra' Cento racconti di U. Somua, n. CXXV, che 
però è riportato da altri libri- 



UigniaOb, Google 



ccv. 

Ia Bedda di Llocari ^ 

Si cunla e s'arriccnnta ca a tempi amichi cc'era a Ca- 
rini 'na giuTÌna cchiù bedda assa' di lu Su1i , fatta di 
sangu e latti, ca si ctiiamava la Bedda di Liccarì. Chi fa? . 
Succedi 'na vola ca vinni ccà 'n Cicilia un 'Mperatiiri di 
Livanti cu 'oa gran quantità d'asèrcitu, a Sci la guerra 
a lu Begnu. Vinciu; e ddocu si metti a fari saccu e focu 
senza piata; a li vecchi e a l'omini, dicapitati '; a li firn- 
mini e a li piccìridi, tutti priciuneri. 'Nta lu mazzu 'ngàg- 
ghia e 'ngàgghia la Bedda di Uccari '. — • Oh putenza 
di Diul (dici); e com'è accussi bedda 1 Sabbilu , si pur- 
tassì a lu 'Mperaturi. > Lu 'Mperaturi, comu la vitti, am- 
minnaliu *. — ■ Nenti, dici , chi scava e scava * I chista 
mugghierì mìa havi ad essiri. > La ficì sciógghiri (ca idda 
era attaccata ca en priciunera), e si la pigghiau e si 
l'ha puntata cu iddu a li parti di Livanti, e coi ha misu 
la curuna di 'Mperatrici. 'Nta lu Livanti ce' eranu novi 
àutrì 'Mperaturi cchiù nichi *, ca stavanu assuggetti a 

' La Bella d'Icam. 

' l vecchi e gli Domini fece diciptliiM. 

■ Tra i prigionieri cai ilù la Bella d'icara. 'Ngaggkiari 'nla lu mazzu, 
frase comune, che louemini. sì apiega: incagliare nel niaiiu, nel fasci). 

'L'Imperatore", appena la Tiile, ram minchioni, sbalordì. 
' Scava, schiava. 

■ Cchiv nichi, più piccoli Ji lui per poienza. 

PiTRÈ. — Fiabt e Novelle. Voi. IV. S 



UigniaOb, Google 



18 FUBB, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

chiddu citi si piggliiau a la BeJda di Liccari , e cci pa- 
gavana taolu alTannu pri tributu. Comu vannu e vidinu 
sta 'strema biddizza, cci caderu a li pedi ca tutti ti cu- 
ruDi: — • Maistà (dici), siti tanta bedda , ca vulemu es- 
siri li scavi sirvitura vostri : vui cumannati , e nui e li 
nostri regni su' tutti satta duminiu vostra ; » e cci ap- 
prisintaru tutti novi li so' curuni. E ddocu si vidi quan- 
t'è putirusa'Ia biddizza sparaggiata di li Ciciliani '; ca 
la Bedda di Liccari petti nàsciri sulu ccà nni nui , e la 
alluminata di la so biddizza arristau macari pri muttu *. 

Idda campau Olici e contenti, 

E nni mischinì, poviri e pizzenti. 

Borgetto '. 

VARIANTI E RISCONTRI 

Una M<r£Ìone diversa da fjuesla è'in Vrnti, Conti pop. sicil., 
voi. I, pag. 9i Id nota: 

La B«ilda di Llooari (Carini). 

La più bella donna di questo mondo abitava un paese vi- 
cino al mare, un giorno vide approdare an bastimento e acen- 
derne molta gente guerriera, che assaltò Liccari (Icara), e gli 
diede il sacco e il fuoco. Gli abitanti parte fuggirono, parlo 
rimasero morii, parte prigioni; ma la Bedda diLieeari, in gra- 
zia della straordinaria bellezza, fu salva ; tanto che a breve 

' E di dducu ecc. E di qui si veild quanio sia poiterosa (polente) lu 
battezza innrrivabilc dei Siciliani. Sjtaraggia-u sema foraggia , senza 
pari. 

* K la 'tlumiaata o la 'nnsmnaia, la rinomanza, la fama. 

' Bacconldlj al Sjlomonc' Marino dalla Giovane Gineeppa Giambro^ii-. 



UigniaOb, Google 



LA BEDDA DI LICCABI. 10 

andare, sotto U protezione di quei forestieri . potè fondare 
una nuova Llccari a un miglio dalla precedente. > 



Comesi vede, questa tradizione di Carini e di Borgelto richiama 
a quella bellissima Laide che fu una, delle titì k:e!ebi'i coiljgiane 
dell'antictiità. L'origine storica della leggenda ci fa ricordare di 
Nicla che, partigiano de'Segestanì nemici deglìcaresi, andatola 
ad assediare, espugnatala, e distruttala ne riporta, insieme col 
ricco bottino, Laide ancora ragazza e la madre Epimandra o 
Timandra, le quali condusse in Grecia, ragione di meraviglia 
e di entusiasmo per tntli. Per lei, raccontano gli storici, arse 
tutta la Crecia, Le parole soltanto, i detti, le sentenza incan- 
tavano chi volea a caro prezzo comprare i suoi favorì. Io , 
diceva ella, conosco i fìlosofl; ho letto 1 loro libri, ma so pa- 
rimenti che non bussano meno degli altri alla mia porta. De- 
mostene arrestandosi una volta atterrito dalla sua domanda di 
10 filippi per passare una sola notte seco lei, profferì quel 
degno motto : • Io non compro cosi caro un pentimento. ■ 
Vedi quel che ne scrivono Tdudidb , Padsahia , Nicefobo e, 
per lacere d' altri , Plutarco , citati tutti da Pasquale Peco- 
raro, Notizie d'Iecari in [orma di dialogo (Palermo, stamp. 
Rol&na, 18tS6j, cap. III. Vedi- pure Salouquib-M ariho. La storia 
nei canti popolari, stndj. cap. 1, {neirvirchimo storteo siciliano 
ao. 1. fase. 1 pag. EU. Palermo, Lao 1873) a proposito d' un 
canto pop. di Monlelepre che comincia: 

Bedda ca si' cchiù bedda veramenti 

Di la Bedda di Liecari brillanti. 



UigniaOb, Google 



CCVI. 
Matunetta. 

'Nca si canta e si riccunla a lor slgnuri ca un tempo 
li diavuli flciru cuucùmiu a lu 'nfernu ' e diciaDu: — 
€ Ora iridili I cu sta vinuta dì In Misia tutti cùrrinu pri 
iddu, e a sui unì vennu a mancari Tamii. * Clii si fa? • 

— • Nenti, dici Farfareddu (una di li diavuli), lassati 
fari a mia (dici), ca lu rimèddiu cc'è. » — «E comu? • 

— ( ^Nca aviti a sapiri ca haju un frati ca si chiama 
Haumettu, ca sta 'nta lu munnu suttanu, ca è veru abi- 
litnsu *, ed é ^na pena ca nun T avemu ccà cu nuì, cà 
nni darla veru ajutu. Eu (dici), si tantu Lucifara toIì,Iu 
vaju a cbiamu, e lu mannamu a lu munou, e po' pénza 
iddu a tutti cosi, ca l'armu cci abbasta: ma cu pattu ca 
sùbbitu chi torna V avemu a situari ccà cu nui, cu aviri 
tutta la pntenza chi avemu nui. > — < Bona , boua I (di- 
cinu li diavuli), noi piaci. Cci sia cuncessu, avitlu purn 
cu nui. > 

Accussi ficiru. Maumettu vinni a stu munnu e a forza 
di magarla e arti arbòitca * nun vi pozzu diri la chìddu 
chi ilei e chi uprau. Basta , pr^ abbriviari lu cuntu , si 

' Fecero convegno nell'inferno. 

* Cbe i verumenle pieno d'abiliUi. 

• Arti arbàlica, arie Jiabulica; voci cbe rìconor:a pura nel Maga Vir- 
gitltt, n. LUI dì qnesUi rnccolla, voi. II, pag. 13, noia S. 

)n d«tla Gaba é pnre un convegno di demonii all'inFerno. 



UigniaOb, Google 



HADHETTU. 21 

misi tutta contra la liggi di Diu e fici 'na Uggì a parti, 
ca è la liggi chi si chiama di Maumettu , e misi a còg- 
ghiri armiceddi < pri lu so 'nfernu. Quanon cci parsi a 
iddu ca la ricóta era bona ', chi fa ? lassa a li so' 'afami 
ministri a fari Topira sua, sempri cu 'ngannu e arti ar- 
bòlica, e iddu si QD''tia jutu cu so frati Farfareddu e ca 
Lucifaru a marturiari Tarmi addannati. 

VonDu diri ca lu so corpa è misa 'nta 'na càscia di 
ferra 'nta 'na Chiesa pagana ; e sta càscia di ferru sta 
'ntra l'aria , tinuta a forza di calamiti cuncignati dì li 
diavuli, pri nun la tuccari nudda mai. 

E cu l'ha dittu e cu' l'ha fatta diri 

Di mala morti nun pozza muriri. 

BorgetU) '. 

VARIANTI E RISCONTRI 



Nelle memorie della mia fancìaliezza a proposito di Uao- 
metlo b questa Iradiziane, che io ndivo dalla bocca d'an certo 
Giovannino Pirrone, figlio di un maestro Alessandro calzolaio 
nella strada del Collegio di Uaria al Borgo; 

Maometto è cliiuso dentro una cassa di ferro: e questa cassa 
resta sospesa la allo per forza di una pietra cbd si chiama 
calamita. Per far cadere questa cassa in terra ci sarebbe un 
bello espediente : prendere un aglio, romperlo e buttarlo ad- 
dosso alta cassa, perchè l'aglio è contro le calamita. Uà chi 

' E mise a racco^litre anime (armiceddi, piar, femm,, dimin. <li ar- 

' QaDiido a lai parrà che la raccolla fosse Teramenle abbondante. 
* Raccnntala al Salumone-Marino da Giuseppa Giambrone. 



UigniaOb, Google 



22 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

può arrischiarsi di far questo là nel tempio di Uaomelto • I 
Tarcbi che adorano questo Dio ne farebbero mille pezzi, fn 
Turchia poi c'è Ift pena del palo. 

Il nome di Maometto ricorre nel dialetto siciliano quando si 
pretende riferire giuramenti di Turcbi. Vedi Rai» Vìtu Lùcchiu, 
n. CCIj Facci dì Uaumettu in un canto popolare dice per cruc- 
cio una donna ad un uomo. Vedi Sludi di poesia popolare, 
pag. 19. 



UigniaOb, Google 



CCVII. 
Lu mala Ougghlermu. 

Vulennu stu mala Gagghielmu ritiràrìsi lutti lì muoiti 
di Cicilia, li purtau a ilairi ' e fici passari la munita di 
còriu. Valennunni fari ancora prova, nuD aveonu cchiii 
chi fari pinsau di meltiri un gran cavallu 'mmenzu la 
chiazza pri vionirisi. Nud coi essenuu cui fatta vera cchiii 
diaari, né si caauscianu, un (igghiu di Principi dilUtanti 
ài carvaccari, si rigurdò ca a la morti di sa patri cci avia 
sìpiUuta se' tari 'n bucca. Lu pigghia, e va a cumprari 
5tu cavalla. Ln malu Gugghiermu siotennu chi stu ca- 
vallu si l'avissiru cumpratu, dici: — i Ancora dinari nn'a- 
sistinu; si mannassi a chiamari a sta Principinu, e vi- 
demu si on'havi ancora dinari. > Vinni lu Principinu e 
dici: — 1 Vulennu dìricci la virila, jea sta munita l'haju 
jata a pigghiari di la sepultura 'n bacca a me patri. > 

E cussi finia lu malu Gugghiermu di scòtiri * lì popalt. 
Sataparuta \ 

VARIANTI E RISCONTRI 

Due varianli di qoesla tradizione pubblicai io alesso nell'or- 
chivio Storico tieiliano, an. I. fase. I. pag. 79 e »9^ l'una di 

' GiuQSd fina a hre sparire lulla la moaela. 

* Scàiiri, qui lor munta ri'. 

* Ricconiaia da Loria soprannominalo Binthiaro, 



UigniaOb, Google 



2& FIABK, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Palermo e l'altra di Cerda. E perchÈ la tradizione è ioiportan— 
le, ed è etala oggetto di osservazioni speciali dell'illuslre D.' A^ 
Holiu di Lubecca, le ripubblico eotrambe: 

Gngghleriun lu Halu, 



Signnri, 'oca si dici ca rignaru ccà dui re, Gugghiermu la 
N&lu e Gugghiermu In Bonu; lu Bonu abitava sempri a Mar- 
nali e fici dda gran Matrici ca un cc'ò lu paru 'nla lo mun- 
nii, e tu Ualu abitava 'n Palermu. 

Ora stu Gugghiermu lu Ualu ce! facia 'nipaccìu ca carria- 

cnnnila d'oru e munila di ramu e d'argenta; piggbia coma 

Vitloriu Emnianuelì e accumenza a ritirari tutta la munita d'o- 

I ru, poi chidda d'argentu, e poi cbìdda di ramui e nìsciu U 

munita di còriu. 

Ddoppu tanti anni ed annuoi ccì veni 'n testa di vidìri si 
'nta In so Regnu cc'era unu ch'avia 'na mnnila d'oru. Piggbia 
'na jimenta, la fa mèntiri, couiu dicissimu, a li Quattru Can- 
(uneri: — • Cu' havi 'na munita d'oru si lu pigghiai • — Cu'. si 
l'avia a pigghiari ca dinari 'un cci nn'erai... 

Si duna cumminazioni ca passa un Prìncipinu; — < Ah! chi 
bella jimenta ! > Va uni la mairi;— • Principissa, voscenza m'ha- 
vì a dari 'na munita d'oru. • — • Figghiu mio, sì metti lu pa- 
laziu sullasnpra 'na munita d'oru nun la trovi. • 

Poviru picciottn 'un avia risetlu. La mairi si rigurdau, e cci 
dissi:— «Figghiu, a tempi antichi si sippillia cu 'na munita 
d'oru 'mmncca (ca l'oru li tinia forti e cu lu corpu si cunfà). 
Va' a li Cappuccini, dda cc'è lo nannu, lèvacci sia munita e 
ti la piggbi. • 

Lu picciottn va e trova stu corpu, lu strantulia, cci 'nlìla li 
manu 'mmucca e cci scippa la munita; curri a li Quattru Can- 
loneri: — • Sugnn ccì io: datimi In cavaddu.' > — «Siti arrista- 



UigniaOb, Google 



LU HALU GUGGHIERMU. 2!J 

tD!> cci dicÌDU boltu ntra botta li guardi!. L'hanna accuc- 
chiita e l'baanu pnrtatu a Palazza. Lu Re cci dici: — • Ah .' 
■bringnatui e nun sapivì l'ordini mei : • — • Haistà, io sta ina- 
nità la pigghiai a li cappaccini, cà a li tempi antichi si sip- 
piirianu cu la munita muiucca.- — • Beni ! si la cosa à corou 
dici tu, e t'allitibertij masinnò, la furca è cunsata. > 

Gugghiermu lu Malu sì pigghia la chiavi e va a li Cappuc- 
ciai, virilica la cosa, e In scitiratu e chi era Sei circari tulli 
li morti e cci Sci lìvari li muniti d'orn a lutti. E ala cosa 'un 
si pA scurdari: ra iddn fu tanta sbrìugnalu ca nioncn appi ri- 
spettu pi li stissi morii. 

Palermo '. 
II. 

Qnannu 'n Sicilia rignava Guglielmu lu Ualu (accossì ha statu 
la Sicilia, sempri mala trattata!) tutti li muniti e d'oru e d'ar- 
gentu a di bruozu si li ritirau ìddu, e liei fari li dinari di 
coriu. — Avviuni 'na vota ca la re misi 'n vionita un cavad- 
da assai spiritusu pri na munita d'orn. Lu fici furriari prl 
tuUu Palermu, ed arrivati chi fòru li genti chi lu cunnuceva- 
nu sutta lu palazza di lu Principi Uarvagna, ddà c'era lu fig- 
gbiu di lu Principi ch'avia morta tempa avanti, e a vidìri ddn 
beddu cavaddu, cci dissi a lu mastru dì casa chi tvU a In 
lato: — > Oh qnantu è magniGca stu cavadda ! n^ciu foddi ca 
lu vnlissi iu ! Uà cui mi l'bavi a dari sta munita d'oro, ora ca 
li dinari su' tutti di sola!» Lu maslru di casa comu vitti 
lu Principi accessi angustiata cci diasi: — • Tìun c'è nenti. Avi- 
ti a sapiri ca voslru patri era un omu grossu e quannu mor- 
si si ci misi 'na munita d'om 'ntra la vacca, ca accussi si 
usava allurs. Facenon accassi, jamu a lu cummentu a un frac- 
coltu un fratclln chi ni grapissi la siburtura ca nui àulri 

' RsccODlalo da Agamita Messia. 



UigniaOb, Google 



26 FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

ci arrigalamu 'na cusazza di dinari. < ÀccDssi Ticini. Lu fratella 
ci grapìn la sìburtura; iddi graparu In baullu danni, c'era lu 
Principi e ci tiraru di la vucca la ninnila d'oru, tali e quali 
comu ci l'aviann miiu, ca lu corpn sisUci ma 1' oru no. Ca 
chidda manila jera a cainprari lu cavaddu. E li vionitara jsru 
a lu palazzn di lu Re, u cci dissiru: — < Eccu ccà la munita 
d'oru: In cavaddu è viniiuiu. • Lu Re a vidiri altura dda mii- 
nìta dissi:— •Coma;... e ancora esistinu muniti d'oru? Acuì 
In vionistivu! ■ — •A In iìgghiu di lu Principi Uarvagna; ■ chie- 
di cci dissiru:— • Jìlilu subbila a ebiamarì.- i:oniD lu PrÌQcipH 
nu fu purtalu davanzi di Goglielmu lu ualu, chistu ci dissi: 
— • Nun tremi di «iniri a lu cuspettu di Guglielmu, lu Re di 
Sicilia! Comu: ancora hai dinari d'oru! Nnn sai lu bannu ch'baja 
fallu jiltari! Cui li l'ha data ssa munita d'oru*- La Principi- 
na tutta trimanti ci dissi: — • Maìstà, aviti a sapiri ca me pa- 
tri morsi prima dì «ui veniri 'atra la Sicilia, e sìccorDu era 
riccu ci misiru, a la morii, na munita d'ora 'n Lucca, coma 
era solitu. lu chi avvampava di desiderìu di aviri la cavaddu 
chi vinnla, nun sapia chi fari prì avillui lu mò mastra di ca- 
sa pirò mi fici cajiQSciri ca 'nlra la vacca di me patri c'era 
una muuita d'ora' jemmu a la Cuuveotu, parrammu a un frac- 
cotlu chi nni aprissi la sbirlura, e accusa potti eviri lu ca- 
vaddu chi si vionia. • Allura la mala Guglielma fici chiamart 
a tu £raccottu, e iddu tuttu scantatizza ci cunUu la fatto, m« 
la triaca ci jia tonica tonica. Lo Re, comu s'acotrtau di la 
faltu ci detti licenza a cbiddi di putiri jìcisinni, e ci raccomaiir 
nau ea s'avianu aucbi un granu dì munita di bruuzu, tu jissim 
a rivilarl, roasinnò la ciancianu.. 

Cerda '. 

Leggesi Del Compeniiio della Storia di Sicilia del Uadroligo: 
• Alcuni non pochi scrivono che Guglielmo (il Malo) fu tanto 
avaro a segno di aver dato ordine di spandersi moneta di 

■ Raccolta àà Vincenzo -Giuseppe Mnrotti. 



UigniaOb, Google 



LV HALU GUfiSHIEHHU. ^ 

cnojo, dietro di aversi litio portare nel suo tesoro tutto l'ar- 
gento e l'oro, e che per ìnUagara se in qualche parlo vi fosse 
rimasta oro, fece girare per vendersi nn bellissimo cavallo 
che davasi pel prezzo di una sola moneta d'oro. 11 cavallo fa 
comprato da un giovinetto, il quale pagò la detta moneta. Il 
re volendo sapere d'onde gli fosse provenuta, gli fu risposto 
che l'avea tratto dal sepolcro di suo padre. Gli antichi aveano 
il costume di seppellire i loro difonti con ana moneta in boc- 
ca.' onde da questo fosse data pel tragitto al barcaiuolo Ca- 
ronte. — In questo modo Guglielmo si assicurò che non era ri- 
masto piti oro presso i vivi. ■ Lib. HI. S V. 

Nel riferire nella sua Cronologia unwertale della Stctfta que- 
sta notizia, I'Aphilb nota che non si • sovviene di haverla letto 
in vernn autore antico • (Lib, I, cap. XX); onde se i ■ non po- 
chi* autori de' quali parla il Maurolico non sono rappresen- 
tati dal Fazbllo, non si saprebbe davvero quali possano essere-. 
B il Fazbllo, già prima dello storico e matematico messinese', 
avea scritto, che Guglielmo I • mandò un bando per tutte te città, 
castelli e ville dell'Isola di Sicilia, che ciascun portasse allo era- 
rio del Re tutto l'argento e l'oro battuto o non battuto, e tu- 
. cambio di quello, fece far certe monete di corame, dove eran 
le sue arme, e ordinò, che quelle sole si spendessero, e il ban- 
do andò con pena della testa a chi cootrofaceva. Pn questa 
bando tutti i popoli di Sicilia correvano a schiere per paura 
della morte, e portavano gli ori e gli argenti, che si trovava- 
no eo^ in danari, come in altre cose, o per uso. o per orna- 
menlo. Uà il Re, per far esperienza so ^mlche scudo contro 
ri suo bando fosse stato salvato da qualcuno, mandò in Paler- 
mo un huomo incognito eoo un bravissimo e bellissimo ca- 
vallo per venderlo, e ne chiedeva uno scudo d'oro in oro. Et 
bavendo Jt banditore, che lo vendeva, più volte sonatola trom- 
ba per adonare i comperatori, non sì trovava chi Io potesse 



UigniaOb, Google 



z8 PUBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

comperare per quello scudo, ancbe vi russerò di quelli che of- 
frissero la valuta in taola moneU-dl cuoio, ma il veaditore 
voleva uno scndo d'oro in oro. Fuvvi Analmenle ud giovanetto 
nobile, il qaale innamoratosi del cavallo, andò alla sepollara 
del padre, disol (erratolo, e gli cavò di bocca uno scado d'oro, 
ette la madre gli avesse messo quando lo mandò a sotterrare, 
e datolo al venditore, si menò a casa il cavallo. Guielmo in- 
tese qnesla cosa, e s'accorse elle la carestia de' danari bavera 
condotto quel giovane a quella scellerata et indegna imprbsa 
e conobbe cb'cgli baveva tirato a se tutto l'oro e l'argento del- 
l'Isola, e cominciò a credere, che si fosse soddisfattadella sua 
avaritia. • {L'Hi$toria di Sicilia, trad. da Remigio Fiorentino, 
deca II, lib. Vili, cap. 111). 

Dopo de) Faiello e del Uaurolico altri storici della Sicilia 
raccontano il fattoj ma tra tulli mi giova ricordare il messine- 
se fiORFiGuo, il quale nella sua Uessina città nobiliisima ci ri- 
chiama alla insaziabile avidità di Guglielmo con queste parole: 
• Dicesi per conlinovata traditione che questo Re havendo- 
si accumulato tutto l'oro, et argento delli suoi Stati, facesse 
spendere moneta di cuojo, f che per chiarirsi se più si tro- 
vasse ne' suoi vassalli dell'uno, e dell'altro metallo, mandò un 
giorno a vendersi all'incanto un bello e generoso cavallo per 
UDO scudo d'oro di cui innamoratosi un giovane lo comprò, 
e volendo il Re da costui sentire dove havesse ricavato l'oro, 
disse haverlo tratto di bocca del padre, molti anni già sepel- 
lito, così essendo chiarito, che piii fra vivi non si ritrovava 
oro. De argento; e noi crediamo quella superstitione allbora 
essere usala dai Saraceni, ponendo nella bocca del morto, se- 
condo la facoltà, e la condilione, la moneta per il nolo di Ca- 
ronte. . (Parte I, lib. V). 

Tant'è, la tradizione de' tempi del Fazello si conserva inal- 
terata ancbe oggi, e non vi è persona del volgo, vuoi della 



UigniaOb, Google 



LU MALU GUGGHIERNU. 29 

città, vuoi della campagna, che noD la rapporti quasi racca- 
prìcci andò. 

Ora, che si dava egli pensare della verità di questa tradi- 
xione! lo Don oserò dirlo, per rispelto a chi si preoijcupa di 
certe circostante invero poco esatte (e naturale 6 della tradi- 
lioni orali del basso popolo l'essere 'inesatte, anzi srormale) 
che essa contiene. Ma quando una notizia per univoca tradi- 
zione si tramanda per lanli secali, sarà egli lecito di dubitare 
del fatto in essa annunziato, il quale qui bene si accorda con 
altri della vita avara di re Guglielmo! Ma già Don bisogna dimen- 
ticare un fatto narralo dall'autore delle Cronichi di quitto Rt- 
gno di Sicilia (nelle Cronache siciliane di V. Di Giovanni, Bo- 
logna i865), cioè che quando gli ambasciatori siciliani a Curio 
d'Angió riferivano i disordini dei Francesi in Sicilia, • ipsu re 
ci respundia ; vui stati troppo boni. Io vi farro spendiri mo- 
nita di soli, comò altra volta baviti spiso. • 

Cosi scrivevo io il dì li marzo 1873 nell' Àrehieio itorico 
siciliano (an. I, fase. I) iDtorno a quest'antica tradizione po- 
polare. Il di 97 maggio V illustre prof. Holh indirizzava sul 
medesimo argomento una sua bella lettera all'egregio sig. ba- 
rone Raffaele Slarrabba, compilatore insieme con l'ab. Carini 
deir.4rcfti'cio slorieo. Quella leltera veniva pubblicata nel fase. Il, 
col titolo : Monto alla Leggenda di Guglietmo il làalo; ed ec- 
cola, toltone il princìpio: 

• Il mio dotto amico Dr. Pitrè ha pubblicato nel 1° fascicolo 
deir-4rcAÌBi'o due versioni d'una tradizione popolare concer- 
nente il re Guglielmo il malo, tradizione giudicata altra volta 
degna di essere riferita come fatto storico dal Fazello, e dopo 
di lui dal Uanrolico, dal Bonligllo , ed altri. Mi permetto di 
richiamare alla memoria la storiella di cui si tratta. Il re Gu- 
glielmo aveva fatto portare nel suo tesoro tutte le monete di 
oro, d'argento e di raoie dell'Isola, ed in cambio aveva fatto 



UigniaOb, Google 



30 FUBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

coniare delle monete di cdoìo ad uso del popolo. Ora, per sa- 
pere se vi fossero ancora delle monete di metallo nascoste, 
egli mandò a vendere un bel cavallo per uno scudo d'oro. Un 
giovane, inoamoralosi del cavallo, e non sapendo come pro- 
curarsi la moneta d'oro per comperarlo, andò alla sepoUurit 
di sao padre, cavò di bocca al cadavere ano scudo d'oro, che 
vi era stato messo quando Io sotlcrrarono , e con quella mo- 
neta comperava il cavallo. Lascio da parte quello che segue, 
come di nessuna importanza pel mio scopo. La tradizìoue po- 
polare, rapportata dal Pilrè. aggiunge a questa storiella dei det- 
tagli caratteristici per quelli che glierbanno raccontata. 11 ca- 
vallo si vende • a li Quattri) Cantuneri. • ìl padre è seppellito 
' a li Cappuccini, • il giovane t • un Princlpinu, > • lu Ggghiu 
dì lu Prìncipi Alarvagna; • tulli dettagli che convengono poco 
all'epoca di Guglielma I, ma il fondo della storia è lo stesso. 

Ora mi pare, egregio signor Barone, che questo racconto sia 
d'un valore più grande che non sembri al primo aspetto, e chs 
tutu quelli che si occupano di storia, non dico dì storia sici- 
liana, ma di storia in generale, debbano essere ricoooscentis- 
sìmi al D.' Pilrè della sua puLiblicazIone. La storiella conlieue 
un rarissimo, anzi unico, ma irello stesso lempo evidentissimo 
esempio della tenacità, per così dire, della tradizione popola- 
rei essa ci dà Ja prova, che questa tradizione conserva tuttora 
delle ricordanze dell'antichità, di cui gli stessi scriltori antichi 
non fanno motto. Ui spiego. 

Dice con ragione il D.' Pilrè. che la storiella in parola con- 
tiene delle circostanze poco esalte, ma che ìl fallo in essa an- 
nunziato si accorda bene con altri dalla vita avara del re Gu- 
glielmo, e cita a questo proposito un passo delle • Cronichi di 
quisto Regno di Sicilia '■ pubblicate dal prof. V. Dì Giovanni 
[Bologna, 1865) nel quale Carlo d'Angiò risponde agli ambascia- 
tori Siciliani, che si lagnano del mal governo dei Francesi in 



UigniaOb, Google 



LU MALO GUGGHtERMU. 31 

Sicilia, • io vi farro spendiri mnnita di soli comò allra volta 
• iiavìti spiso. • Paù donqae darsi che ìl re Gaglielmo sì sìa 
■rricchilo in questo modo, prendendo tDtte le monete d'oro ecc., 
ed emettendo monete di cuoio. 

Uà lutto il resto del racconto è una reminiscenia dell'antì- 
ctiità, e non appartiene al medio evo. La prova ne b nel modo 
di procurarsi l'oro, adoperalo dal giovane. Teda, signor Baro- 
ne, quanta pena si diano quelli che contano la storia, per giu- 
sliGcare la presenza d'una moneta nella bocca don cadavere, 
usanza degli antichi Greci , ma non del popolo -siciliano nei 
tempi dì mezzo, e sotto il regno di Guglielmo. Dice il Fazello 
che < la madre gli havesse mosso quando lo mandò a sotter- 
rare ■ senz'altro, perchè non sapeva nessun motivo per agire 
cosi. Maurolicu dice : • Gli antichi .aveano il costume di sep- 
pellire ì loro defunti con una moneta in bocca; onde da que- 
sto fosse data pel tragitto al barcaiuolo Caronte. • Benissimo; 
ma qui non ai tratta degli antichi : siamo all'epoca di Gugliel- 
mo I. Ecco perchè il Buonfiglio crede di dover dire • noi cre- 
diamo quella superstilìone allhora essere uaata dai Saraceni , 
ponendo nella bocca del morto secondo la facoltà e la con- 
ditione, la moneta per il nolo di Caronte.» Ognun vede che que- 
sta spiegazione non vai niente. Anche le versioni popolari pub- 
blicate dal D.' Pitrè parlano del fatto in parola, come d'un 
uso che non si comprende piti. La palermitana dice : • 1' oru 
li linia foni, e cu lu corpu sì cunfà. • Questo dettaglio della 
moneta nella bocca del morto è dunque una prova che la sto- 
ria nacquÈ nell'antìchilì, e che fu trasmesta di bocca in bocca 
sino ai nostri giorni. Questo È già un fatto rilevantissimo : 
ma mi sembra che si potrà fare pìU ancora; trovare, cioè, 
il nome del re che nell'anlichitìi diede origine alia nostra sto- 
riella . 

Questo re fu Dionigi il Vecchio, famoso nei tempi antichi 



■ UigniaOb, Google 



32 FUBE, NOVELLE, HACCONTI EG, 

per la sua atarizia e per l'astuzia e l'impudenza con coi 
seppe soUrarre il denaro a' suoi sudditi. Fu egli, che, secondo 
la testimonianza di Aristotele, fé' mettere in circolazione , in 
vece di quelle d'oro e d'argento delle monete di stagno, che 
averano un valore quattro volte minore di quelle dell'argento. 
Un'altra volta adoperò presso a poco lo slesso stratagemma 
di Guglielmo il Malo per indagare Io alato della fortona dei 
Siracusani; anche questa storietla' è riferita da Aristotile. Dio- 
nigi aveva imposto delle tasse così gravi che essi finulmeufe 
rìfiularonsi a pagarle, dicendo che non restava loro-pia dana- 
ro. Pareva contentarsi pel momento il tiranno, ma poco dopo, 
sotto il prelesto di aver sempre più bisogno di danarc, fece 
mettere in vendita le sue masserizie. Vi furono dei Siracusani 
cosi sciocchi che pensa ron di comprarne : allora il re prea- 
dendo il danaro, ritenne anctie le masserizie , e si potè van- 
tare di aver tratto fuori il danaro nascosto. 

Abbiam dunque trovato nella storia di Dionigi due dei tre 
tratti caratteristici della nostra storietta; il re che fa coniare 
delle monete d'una materia insolita e relativamente vite, eia 
vendita, per ordine del tiranno, d'un oggetto che non si può 
comprare, non essendovi moneta al dir del popolo istesso. 
Presso gli starici antichi i due fatti non sono connessi; la tra- 
dizione popolare vi ha supplito esagerando al tempo stesso U 
mancanza di danaro sperimentato dal popolo. Il terzo tratto 
caratteristico non si trova ricordato da veruno storico antico; 
ma esso è di tal natura da non potersi dire inventato nel iDe- 
dio evo; e quindi riesce più degno di nota in una tradizioa 
popolare vivente : esso prova che la tradizione conservataci 
da Fazello e dallo stesso popolo b veramente una tradizione 
originate, che esisteva ne' lampi antichi , ma che allora noD 
fu scritta, almeno per quanto ne sappiamo, e che si è conser- 
vala soltanto nella bocca del volgo sin al XVI secolo, quando 



a. b, Google 



LU UALV GUGGHieniUU. 33 

il Fazello la notò nel suo libro. Si capisce poi facilmeale cO' 
me essa dovette trasmutarsi. Quando in luogo dei Greci, altri 
signori ebbe In Sicilia, il nome àeì re avaro andava dlmenti- 
caodosi; e quando il governo dell'Isola passò nelle mani d'un 
Domo riputato non meno avaro e crudele. Guglielmo I, allora il 
popolo, lieto di poter dare an nome al tiranno della storiella, 
l'attribai senz'altro al rampollo di Tancredo d'Ilauteville. 

Ora cbe. credo di aver provato quanto ho assunto relativa- 
mente al fatto stesso, mi sia lecito di aggiungere alcune ri- 
flessioni alle a porre in luce la iniporlania di esso. Coloro 
che si sono occopati dì mitologia comparata, delle tradizioni 
dei dilTiirenli popoli, sanno che spessa volte accade di veder . 
cambiare di nome, nel corso dei secoli, i personaggi tradizjo- 
naU. Quello che prima fa un dio , diviene dopo alcun tempo 
an eroe e finalmente un uomo ; le dee si cangiano in donne 
del popolo. Cosi nelle tradizioni che banno un fondamento mi- 
tico diviene possibile rilrovare. per via dei caratteri dei per- 
sonaggi, le prime origini del racconto e constatare le varia- 
zioni da essi subite. D'altra parte, ciò mostra cbe il cambia- 
mento de' nomi b caratteristico per le tradizioni popolari. Re- 
stano sempre i fatti, che per Ìl popolo sono la cosa più impor- 
tante; ì nomi Sì scelgono secondo le epocbp. Quindi si può con- 
cludere che anche nelle altre tradizioni, in quelle cioè che han- 
no nn fondamento storico, ha luogo lo stesso cambiamento. Ed 
infatti, di quello cambiamento conoscevansene degli esempi d'un 
valor più ristretto. Vi sono dei particolari della vita d'uomini 
celebri, che rilornano nella storia due o tre volle , quasi, nello 
stesso modoj ma cotali fatti appartengono sempre alla storia an- 
tica. Al contrario, la tradizione del giovane che compra il ca- 
vallo del re colla moneta cavala dalla bocca del cadavere di suo~ 
padre, connette l'antichità col medio evo, e mostra una corrente 
non interrotta di poesia popolare che si trasfonde dall'una all'al- 

PiTHB. — Finte e SoveUe. Voi. IV. 3 



UigniaOb, Google 



34 FIABE, NOVELLE, RACCO-NTI, EC. 

tra età. Le leggi che reggono le tradizioni mitiche hanno dun- 
que la stessa forza per le stor'che; non esistono, per esse, de i 
secoli, DE le mutate circostanze. 

Ho avuto ragione, egregio signore, dicendo che la tradùione 
io parola è importantissima per la storia in generale! La storia 
non si compone soltanto di fatti; in quanto a qoesti , le tradi- 
zioni saranno senza valore e nessuno vorrà pretendere che il 
caso narrato nella nostra sia accaduto veramente a Siracusa : 
— ma la storia si occupa anche delle opinioni) e sotto qoesto a- 
tpelto, non ha pure interesse il racconto d'una donna palermi- 
tana dei decii[ionono secolo, il quale e' impari ciò che hanno 
pensato e raccontato di Dionigi il vecchio i Siracusani <ìei 
quarto o terzo secolo avanti Cristo? A. Holu. 

Cosi il dottissimo autore della Getehicle Siciltens im Aller- 
Iftum.alle cui considerazioni pienamente ci uniformiamo. 



UigniaOb, Google 



Gugghiermu lu Bonu. 

'Na vola, cc'era e cc'era un Rignanti ca avia !u duini- 
aiu supra di la Sicilia ; ssu Rignanti si chiamava Gug- 
ghierma lu Bonu, pirclii era bona cu lutti, avia lu cori 
comu la carta , e a nuddu mai appi a fari lamintari, 
mancu pri 'na ziccliittala '; basta a diri ca fa chiddu ca 
livau la munita di córiu chi misi la Gugghiermu lu Malu, 
pirchì idda a li populi li vulia beni assai. Dunca, comu 
stu Gugghiermu lu Bonu era accussi vìrtuusu, e divotu 
ca era di la Madonna , la Madonna 'na jurnata cci vosi 
fari un 'mbraculu * ca nun Tavia fattu mai a nuddu; e 
chi fa? mentri iddu era a caccia a Murriali cci fa ve- 
nir! un gran sonnu e lu liei addnrmìscirì sulta un pedi 
di Carrubba. Mentri dormi , si 'nsnnnau a la Madonna e 
cci dicìa: — • Vidi ca ddocu sulla unni dormi lu cc'é un 
grauniusu tisoru, ma granni ca Paguali nun si cunla, ed 
è sarvalu apposta pri tia: sa' ch'ha' fari ? fràbhicami ddocu 
stissu lu tempia meu, ca cci nn'è bìsognu ca la Cristia- 
nitati è scarsa. * E comu dissi accussi la Madonna spi- 
riu. Lu Gugghiermu lu Bonu a stu faltu s' arrispigghia, 
ed avia ancora l'occliì abbagghiati di li 'stremi biddizzì 
e di lu sblennuri chi avia la Bedda Mairi : chiama sub- 

' ZUehUlata , colpo di dito cbe scoppi ili soUo a I altro dito , bof- 
teno. 
' 'itbi-fltHlu o tarùeu'd, eonlr. di mti'aculu, miracola. 



a. b, Google 



36 FIABE, ^0^■ELLE, RACCONTI EC. 

bilii Diastrt muratura e mastri pirriatura ', fa scippari lu 
pedi di Carrubba, scava ccliiù 'n funnu e trova un mas- 
senti di munita d'oru tantu ', ca iddu stissu arristau cu 
la vacca aperta. — « Presta (dici), chi si facissi lu tronu 
di la Gran Signura Matri di Diu, ca idda lu voli! > Pa- 
rola di Be , e subhilu s' appi a''siguin. Cbiaiua maìstri 
di l'ora ' e capimaslri di tuttu l'universu munnu, e hanuu 
misu a fari lu tempìu di la Madonna, giusta ddà a Mur- 
riali, chìddu stissu d'oru e di petri priziusi ca ce' è an- 
cora, ed è 'na musia , ed è dignu vera di la Madonna, 
Gugghiermu lu Bonn nni fu cnntintuni ca nun 'J pò 
diri: riograziau a la Madonna, e ddoppu rauriu 'n santa 
paci comu tutti li veri Cristiani. — E chìslu è la cuntu 
di lu Re Gugghiermu lu Bonn. 

Bargello *. 

VARIANTI E RISCONTHt. 

É aiibastaozit celebre il tempio di Uoiireale eretto da Gu- 
glielmo li detto il Buono, perche ci sia bisogno di alcuna nota 
che lo ricordi. Veggasi l'opera monumentala dell'ab. Domenico 
Benedetto Gravina, Il Duomo di Monreate. La religiosa visione 
chd diede origloe alla fondazione di esso tempio trovasi la- 

' MatlH pirriatura, macairi cavaiori ili pietre. 

* E trova una massa Isnia di moiiela il'oro. 

' Qaesli maettri delV uro che lavorarono nella Tabbrica del lempìo di 
Monreale sono anche celebrali nei cauli popola:!. In uno di Molla di 
Ftancavilla (Vigo, Canti pjp. sic. VII, 13) io amanle vorrcbbtì 
.... chiamari ■ li mastri di l'oru, 
Chiddì chi Tabbricara a Murriali. 

* Raccontala al Salomone da Francesca Leto, 



Uigniedb, Google 



GUGGHIEHUU LU BOT'U. , 37 

ciula da Romualdo di Salerno e d» Riccardo di S. GerruEinD, 
cronisti coiitomporajiei; ma è raccontata da Uons. Trsta , JDs 
vita et rebns gestii GaiUlmi 11, pag. !07 : 

> Andava un giorno il giovinetto principe a cacciagione, 
secondo sdo costume, nella suburbaha villa di Monreale, non 
pia di quattro miglia.... dalla r<'ggia distante. Dal cacciare 
lasso, ai rezzo di fronzuto carrubbio si mptte a riposar poco so- 
pra la chiesa di S. Ciriaca, quando ecco a lui dal sonno sor- 
preso la madre di Dio di celeste luce raggiante in sogno gli 
appare, rd additandogli, che in quel luogo i paterni tesori 
nascondevansi, amorosacaente lo esorta a seguitare dalla cri- 
stiana pietà rinlrapreaa carriera, e il manifestato danaro ad 
impiegare in usi sacri ed in alleggiamento dei sudditi. Destato 
Guglielmo fa voto dì fabbricare alla stessa Vergine in quel 
medesimo luogo un tempio. I tesori scovertì fan fede alla ce- 
leste apparizione. Non si frappone indugio, ti re dà a co- 
strurre ecc. • 

Fa cenno di questa tradizione popolare Giovanni Evahgb- 
LisTi Di Busi, Storia del Regno di Sicilia dall'epoca oscura e 
facolota sino ai 1770, lib. VII, cap. Viti; e, tra gli altri, Isi- 
doro La Lumia, Studi di storia siciliana voi. I, pag. 490. . 

Un canto popolare di S. Giuseppe lato edito da Salomone 
(La storia ne' canti pop., cap. 1) celebra In questo modo il 
tempio: 

Binidìitu lu mastru cbi la Gei 

Lu 'Uperaluri chi la Gei fari! 

Di quantu è riccu 'un si canta e 'un si dici 

Nun cc'e oru, né argentu, né dinari. 

Maria, cb'è di II celi 'Mperatrlci, 

Dissi: Lu tronii meu mi vogghlu fari: 

L'angili manna a fari la Matrici, 

E firmaru lu volu a Murriali. 
Un proverbio di tutta Sicilia, alludendo aquesjo tempio dice 



UigniaOb, Google 



38 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

che olii va a Palermo e non salisce a Monreale (per vedere il 
Duomo) È un granile animale: 

Cu' va 'n Palermu e 'un vidi SJurrìali, 

Si' fini parti asinu, e si nni torna armali. 
Questa ilevola leggenda venne ritratta da Pietro Novelli, detto 
il Horrealese, in un bei quadro che trovasi nella scala del Mo- 
nastero de" Beniedellini in Monreale. Ecco intanto un'altra ver- 
sione dì questa tradizione: 

La 'Hperatar! Qaggliirrinu. 

A tempi antichi cci fu ccà 'n Sicilia un 'Mperaturi ca si chia- 
mava Gugghiermu: stu 'Mperaturi era divotu assai di la Bedda 
Ualri e ccì vulia fari 'na chiesa voramenti a la fiali; ina li 
tempi eranu scarsi e nun pulia fari chiddu chi vnlla lu so cori. 
Cna vota parli e va a caccia. Corau junci a Murriali cci veni 
un gran sonnu, e si curca sulla un pedi dì Carrubba. Mentri 
chi durmia cci cumpari la Bedda Uatrì e cci dici 'nta lu sonno: 
— • Senti ch'ha' a fari : ddocu sulta unni dormi tu ce' a un 
tisoru tirribuli, ca nun s'ha vistu mai 'n(a lu munnu; scava, 
li lu pigghi, e fammi lu tempiu eh' addisidiri tu. • Lu 'Mpera- 
turi Gugghiermu s'arruspigghiau tuttu sbagutlulu , e lu sonno 
mancu cci paria veru. Fici scavari : oh binidichi ! chi mun- 
zeddu dì muniti d'oru eh' attrnvau ! Allura s addinucchiau 
a ringraziar! la gran Mairi dì ria. e subbilu ordina a tulli 
li mastri di lu Rognu di fari lu gran tempiu chi nun avis'i 
aguali pri ricchizzi e biddizzi. e fussi unica e suln 'nta lu 
munnu. Accussì ficiru lu tempia chi cc'è a Murriali e chi b 
veru unicu e aulu; lant'g veru ca di tutti li parti di la terra 
lennu la genti pri vìdillu e gudirisillu, ch'Èun massenli d'oro 
e di petri priiiusi. 

Fartiniea '. 

' Dal villico Pietro Ceraci, 



UigniaOb, Google 



CCIX. 
Fidiricu ^Mperaturi. 

Havi a sapiii, signuri, ca a tempi amichi cci fa 'u Si- 
cilia un 'Mperaluri, ca sì chiamava lu "iMperaluri Fidiricu, 
làidu, sempri cu la ciufia ', e cu Tocchi russi comu 'na tì- 
ghira. Slu 'Mperaluri vulia ca li populi stassiru tulli stilla 
la so rrìscìna * seniprì, e senza manca cialari di li li- 
ranniì olii iddu cci facia. Ora, pulla essiri?. li Siciliani si 
sapi ca sunna lìvanlini *, e comu la pensanu la Tannu , 
pirchi maschi a nasu nun ni vonnu. A sia cosa, lu 'Mpe- 
raluri ch'avia a fari? era pulenti assa', e si nn' abusava, 
e sì vinnicava satigu pri sangu. 'Nlra l'àutn così, sì pìg- 
gliiava lu piaciri barbara ca a ca' cci paria a iddu cci 
facia fari 'na purpànìa * , e viva vivu lu facia sìpìllìri 
senza nec libi nec tabi '. Ma la jurnata pr'iddu vinni puru, 
e Tavlrsèriu so si lu vinnì a'rricògghirì beliu bellu e si 
lu purlau a la 'nferuu. E accussi finia l'abusa dì puliri 
e la crudilitati di Fidiricu 'Mperaluri. 

Bargello *. 

' Sempri cu la ciufii, sempre có\ broncio, sompru ci>l cruccio. 
' Setto la sua Goeinn, ciuè sulto la verga ilei suo eomaixlo. 
' Livanlinu., adi), di persona clic fucilmeiiie monta in ir.i cJ i ìndo- 
rMe di cuosigli e di ammonizioni. 
' P"rpdntn, propaggine. 

' Seiìza aee Ubi nec labi, in silenzio, senza rumore. 
' Rarcanlala n SEdrmone-Marina dal villico Giaseppe Pallili. 



UigniaOb, Google 



FIABE, NOVELLE, RACCONTI l 



VARIANTI E RISCO.\Tfll 



Il nome di Federico U lo Svevo è rimasto nella memoria del 
popolo, quando con buona e quando con cattiva fama. In un'al- 
tra Iradiziona palermitana salh Petra di In 'Mperaluri si celebra 
UD ciglione del Uonle Pellegrino a tramontana di Palermo, che 
l'Imperatore Federico decretò dover servire come segno a' la- 
voranti nell'ora in cui doveano cessare dal lavoro. 

A' tempi passati era popolare la opinione che non senza ra- 
gione fosse nato questo Federico, nemico di Dio e della cbie- 
sa : essendo figlio d'una monaca (Costanza), che mandando 
a mala ì suoi voti avea spoealo poco più che cinquantenne 
Enrico VI. 

Per la propagginazione vedi quel Glie ne dicono gli storici e 
gli editori dt documenti relativi a Federico llj nel nostro pò- 
polo corre la frase atorica: Lì tri donni, e ehi mali cei aevinnift 

Un canto popolare di Uineo ricorda cosi Federico II : 
Lu dissi Fidiricu 'Uperaluri : 
Si pìccatu nun ba', n'ancila pari. 

Vedi PiTRÉ. Studi di poesia popolare, pag. IO. 

tln altro canto edito da Salomone (La storia ne' canti pop., 
cap. I] conchiude: 

Puru tu 'Mperaturi Fidiricu 
'Neugna all'àlilu lo, ciamma d'amurì. 



UigniaOb, Google 



ccx. 
Lu Vèepìru siciliana. 

Si cuoia e s'arriccunla ca a tempi ca ed fflni 'n Sici- 
lia li Francisi; sii Francisi si misiru a fari tanti angaiii 
ca nudda nni putia cchiù. 'Nta di l'àutri mtsira la liggi, 
ca di li donni siciliani cu' si maritava s' avia a curcari 
h prima sira cu un Francisi e poi ddoppu cu lu manlu; 
Qguràmunni ca si era una ricca, si cci curcaya un capi- 
*3Du trancisi; si era di la mastranza si cci curcava un 
sargenti o puru un capurali; si era una povira sì cci cur- 
cava un surdalD. Ora sti così eranu di addìggiririsi < ? 
Manca pri sonnn I e tantu cchiù ca sti Francisi eranu 
patruna ' di tutti li cosi nostri, trasìanu e niscianu di li 
casi di li Siciliani coma si fnssini casi so',- si pigghia- 
vanu l'oru e Targentu e zoccu cci pisciale cliistu sparti 
di lu 'ncuitamentu di li mugghieri di chistu e di ctiiddu. 

Cc'era e cc'era un omu di gran caraggiu e valurusu, 
ca a sii Francisi tiranni cci Pavia a morti. Sl'omu si chia- 
mava Ginannì Pròcita, e l'avianu dislirratu fora Regnu. 
Iddn ciii fa ! comu senti tutti li 'nfamità di li Francisi 
chi facìanu 'n Sicilia, si vesti cu 'na tònaca di monacu, 
si crìsci la varva e veni ccà ^n Sicilia. Ddocu si linci 
pazza, e Jia fìrriannu tutti li paisi di lu Regnu, e cu 'na 

' Ora erm queste (oso da porlarsi in siint.i pace? 
■ Patiruna, ptur. miisi:))., paJranì. 



UigniaOb, Google 



42 FIABE, NOVELLE, BACCO.NTi, EC. 

trumma di càccami jìa parrannu a raricclii di tulli cliiddi 
chi 'ncuntrava '; a cu' era sicìlianu cci dicia : — » Vidi 
ca a lu Vèspiru dì marzu avemu a'mmazzari a tulli li 
Trancisi; i a cu' era Francìsi cci dicia matletti e canzu- 
neddi di rìdiri *; e iddi nenti sapennu ca vulia la so 
morii ',cci ridianu e cci dlcianu:— ■ Povìpu pazzu! • 

Quanna marzu arrivau e vinni Tura di la Vèspìrn, a 
Palermu (ca la cunciùra vera ' Pavianu cumminatu a Pa- 
lermu) mentri chi li Francisi pinzavanu a divirlirisi a 
lu solila so e a fari supricctiiarii ', ti Palermitani e tutti 
li populi metlìiiu a diri : — < A iddi, a iddi ! * oiorli a 

' e >n iiDa Irumnin di càccami an ilnva parlando all' orcrchio di lulli 

Ti-ummi di cateanii è un bori;iDolo dì cani'S verde di cui i faiicialti 
si .siTvoiio per ischiz7.are i nocciolclli del lo'o o Lagalaro {caccamu) che 
i il frullo li'l Loln$ jicob-vs. Qu-''Kla specie di giuoco, che .'pi'sao si tra- 
duce in vere rappivsnglie ira moni-Ili . si la imrhc con le meiecologne 
masticale, per la feslH dtlla Madonna del Hosarìo la t. Domenica d'Ot- 

' Mutielli t cailztliieddi di r-diri, monelli e canionpile da ridere. Mal- 
Ullu è un IiTcvisstmo Bltiriiellii popolare da un xola verso od nnche '^a 
due con iovocizioiir; eccone due cs'mpi (Pithè, Canll pop. t e. a. KH 
c5Ì3). 

ScorcÌH di MsMun» I 
La cilu i orvu e la zila si 'ncagna, 
Triccbi barr.icclii t 
S.niu arridJoiii comu pMnnaserpì, 
Nudi, morii di hmi e sema scarpi. 
* Ed essi nieiile sapendo cIéC egli volea la lor morie. 
' Che la vera congiura. 
' Sapricek^ari', sopercUierie. 
' A iddi I a iddi I Ietterai, n luia <i loro , cioè dalli 1 .làtÌi t Questo 



UigniaOb, Google 



LU VÈ3PIRU SICILIArtU. 43 

]i Francis! ! > e li scaiinàru a tutti ^nta qnantu lu dìcu e 
lu cuDtu. Poi nèscinu pri tutti )i paisi e li campagni, e 
javaau dumanuannu a tutti chiddi chi scuDtravanu : — 
• A tiat dici ciciri •. i — « Ginn. • — t Vattinni ca si' 
di li nosti'i. — Tu, liki ciciri. r — t Cliichirì. t — « Ali, sci- 
liratu! tu 'Drami Francisi si'l e l' ammazzavanu senza 
pietà: e pirchì li Francisi nun putiunu diri- ciciri e di- 
cìanu ckickiri, li canuscìanu allura; e accussi nni livàru 
di 'mmenzu tutta la mala sioienza. Ddoppu chìstu, pig- 
gtiiaru lutti li ciuretli di li Francisi ch'avìanQ aminaz- 
zatu, li salaru 'nta li vanìli di tunnina e cci unì man- 
naru 'na varcala 'n Francia '; e si miritavanu cliissu e 
àulru, Pirelli li tirannii clii iddi ficiru fóro nenti a pettu 
di ellissi. A Giuaiini Procila lu ficiru Cumannaati 'n ca- 
pila, e accussi li Francis! nua s'azzardara echini a met- 
lìri pedi 'nta la nostra Terra; e si nni- scanlfiru tantu , 
e ora puru si nni scàntanu, ca ogni annu pigghìanu 'na 
caria cu la Sicilia (v^ni a diri la Sicilia stainpala 'nta 
'na carta) e all'ura di Vèspiru 'nta Marza l'abbrucianu 
'mmenzu la chiazza; e cu chislu vonnu signlGcari ca si 



grillo è tra lizioiiiile quanito si auol iliàte adilussn ai) uluunn. In un mio 
scriltarellii sopra sìcane nii-marie ilrgli mini più belli deUa tuia fuKciul- 
]eiz;i, ìnlilobio: Una ic'«ii<i fantiuitaea lic'Uiann (vedi II Ttalro di Trie- 
ste, ai:. liJjS) E4II riparlili i versi bellicosi coi qn:ili i rag.nzi d>J se- 
stiere dvt liurgo e <li quelli) delia Kalsa in l'iilcrmo venivano nel I8i8 
alle s.-i<u>a[u nel PUno del C.islcllo funri PorU S. (Jiorgio. 

' Ciciri, ir«ci. 

■ Ddi/ppu ehUtu ecc. Dopo questo presero lalll j lestìcoli de' Fnncesi 
Ja essi uccisi, li salaro.no in b.irilì iIj Linno, e ne mandarono una bar- 
cala in Francia. 



UigniaOb, Google 



44 FlABIi, NOVELLE, RACC0?IT1 EC. 

vinissini arreri ccà e putissim avìri ^mmanu la Sicilia, 
rabbrucii'iana accussì : ma oan hannu chi fari, pirclù li 
Siciliani a lì Francisi cci Thannu semprì pri la 'nfamilà 
chi ficiru, e a coslu dì mòrìrì tulli, ud Francisi nan cci 
havi a meitiri pedi cchiù ccà nni nui. — E cliistu è lu 
Vèspini Sicilianu coatra la tirannìa di lì Francisi. 
Borsetto '. 

VARIANTI E RISCONTRI 

Qaesla b una delle versioni più complete sai Vespro sicilia- 
no, il quale b stato sempra per univoca tradizione ripetuto a 
un modo. Non meno di altre sei lezioni ho io di questo av- 
venimento; quattro delle quali venivano testé pubblicale nel- 
VAréhieio storico di Palermo, fase. 11. lo prima delle inedito 
presento le lezioni da me edi te, e le lo precedere dalle poche 
parole colle quali le accompagnai. 

Il racconto del Vespro è pur troppo nolo perchè abbia 
bisogno di osservazioni speciali. La storia della Guerra del 
Vespro di M. Auari è la riera fonte a coi ei^^vn anzitutto 
attingere volendo ricordare un fatto, ud aneddoto, una cir- 
costanza che abbia relazione col famoso ribellamenlo. Non- 
dimeno volendo parlicela ri zza re e trovar lestimonianie ài 
cronisti e di storici a sostegno e schiarimento di qualche cir- 
costanza del noslro racconto, ben lo si potrebbe fare colle cro- 
nache , pubblicate , Ira gli altri , dal tiregorio , dal Cappelli, 
dal de Renzi e dal Dì Giovanni. Cosi per citare qualche ri- 
sconlro delle viirie versioni del presenta racconto coi do- 
cumenti editi finora , i tre anni della macchinazione di Gio- 

' flacconiaia a Saloni ona -Mari no dal eapipiere Viiici,'nio Rappa. 



UigniaOb, Google 



LC VÈSPIRU SICILUNU. 4Ì( 

vanni da Piocìila (1873-1293) della (' versione trovano ap- 
poggio nei Ire anni che risulUDo dal RibtUamentu di Siciiia 
eonlra Be Cari»; menlre i sette anni della IV versione senibrano 
correre dalla Battaglia di Benevento e dalla dìsratia dì Man- 
fredi e Corradino al Veiìpro stesso. L'armarsi dei Palermitani, 
anzi l'andar essi armali, di che fan cenno due versioni, s'ac- 
corda colla Historia Sabae Malaspinaì e colle citale Croniche 
di guisto Regno dt SiciUa, anno lìSi. L'accusa di violenze 
fatte alle donne siciliane dai Francesi , di tutte o quattro le 
versioni, concorda col passo dianzi cennato delle Croiiicfti, ov'è 
detto che • lì siciliani mandavano ambaxaturi a lo re e li 
narravano lì disordini di li francisi cRì facianu e massime 
cu li donni. > (presso il Di Giovanni, pag. 178). E nelle stesse 
Cronichi è detto che G. da Procida • si Sci mattu, chi andava 
con una zarbatana diceonu a tutti li Siciliani c'omu lu jornu 
(li S. Spiriiu vulemu amoiazzari a tutti li francisi ., cosa affer- 
mata nella II e III versione; e nei Ribellamenlu siciliano e 
nella leggenda modenese edita dal Cappelli , à pur detto che 
G. da Procida andava vestito da frate a da eremita, come si 
legge nelle versioni II, Iti e IV, nelle quali il famoso cospira- 
tore ci apparisce vestilo ora da frale ora da prete [parrinu). 
Le quattro versioni che do alla luce convengono au per giti 
tatto uell'affermare la licenza dei Francesi, la macchinazione 
di G. da Procida e la sua cosiddetta pazzia, la dimanda di 
eiciri con che i Palermitani s'argomentavano conoscere du- 
rante l'eccidio i Francesi, ed altri fatti ancora. Studiandole at- 
tentamente sì vedrà d'altro lato come, secondo che si passi 
dall' antica Capitale della Sicilia a una terra baronale , sì ri- 
scontrino manifestamente idee dì feudalità e dì vassallaggio, 
che nella versione palermitana non sì riscontrano punto; anzi 
in questa È un ardimento che si direbbe nascere da sicurezza 
delle proprie forze e da coscienza dei proprii diritti. 



UigniaOb, Google 



46 PUBE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

Ecco intanto le quattro versìoDì : 

Lu Vìipiru lioiliflnu. 
1. 

Signuri, si raccunta ca cc'eranu li Francisi 'n Sicilia, ed e- 
ranu cu un dittagghiu ca lutti li picciotti scliettt si l'avianu a 
pigghiari iddi, e 'nta tutti li casi si cci avianu a 'mpalaziari. 

Ora li Palercnilani , ca muschi a nasu nun si nni faciauu 
passar! mai , sta cosa si la javanu diceiinu ammucciuni. Stu 
Tocu ìja cuvannu pi tri anni; a la (inuta dì li tri anni li Fran- 
cis! spatruniavanu pi tutta la Sicilia. AbLutU ora, atibutta poi, 
chi semu fatti di lignn ; "Najurnata cu 'na calunnia ca cc'era 
'na festa, ti Patermitani nisceru cu armi pi flnilla. A cu' scun- 
travana cci dicevanu a li Francis!:— > Dici ciciri'. • Cbiddi di- 
eevanu chichira. e cu stu dittu 1' accumìnsara ad ammazzari. 
e nni ficiru un mnntunìj e ddi qualtru chi ristaru piggliiaru 
lu fujulu. — Stu fattu aunau pi l'universu munnu; e ddi ddocn 
arristau lu muttu: • Cci baju lu malu gigghin comu In fran- 
cisi. • E ora ogn' annu 'n Francia pigghianu la stampa di la 
Sicilia, e l'abbrucianu. — B lu Palermilanu 'un tu pù sentiri a 
lu Francis!. Uà ora li Palermitani 'na cosa comu chissà 'un 
la sannn fari cchiui. 

Palermo < . 
II. 

'Na vota si rìccanta ca 'nta la cita di Palermu vìnniro li 
Francis!. Sti Franeisì si vulevanu pigghiar! larga manu , ea 
tutti cbiddi cbt si manlavanD, la prima sira avianu a fari ca 
un francisi s! cci avìa a curcari la prima notti. Li Palermi- 
tani, ca cci lìtia lu masso, s! mìsiru a fari un ".uuiprolu. Si 

' Itaccoutata da Agalulli UessJa. 



UigniaOb, Google 



LU VÈSPIHU SICILUNt, 47 

«fila unu vìstutu Dioaacu. ca sì chiamava ProciU, e dici : — 
. Sapiti ch'Amu a Tari T a lì 31 di marzu cc'è ta festa fora Pa- 
lerai u ; quanoa venni! li Franci^i pi fari a In solitu s6 , nuì 
fini facemu festa, e finisci.' 

Sta monacu a co' scontrava scunlrava di li Palermitani cci 
sunava cu 'na Irumma e cci pairava a 1' aricchia. — • Chi fa 
chìsiu ? ■ ilicevsnu li trancisi. — • JJenti ; è foddr.- 

A ti 31 di inarzu sDCcessI la cosa: li Palermitani s'arribbil- 
larn. Quaiinu scuntravanu a quarchì francisi ci facianu diri: 
Cieiri; chiddi ca diciaDU chichiri oranu ammazzati ; e accussi 
fineru tulli. 

Sta cosa sunau pi luttu l'universa munnu, e li Francisi 'un 

sì ta ponnu scurdarì cchiù. Dici ca ogn'annu 'n Francia fannu 

'sa citati di pagghia, e l'abbruclanu, vulennu significari ca si 

li Francis! vjjiissiru 'n Sicilia l'abbrucirriaiu ccmu pagghia. 

Ficarazsi '. 

111. 

A tempi aDtichi ti Francisi pigghiarn la Sicilia, e ti surdati 
francisi si ficcavanu 'ntra li casi e si pigghiavanu li donni. 
Diechiù bnfTuniavana lì Siciliani, e arrivaru a tali arruganza 
ca mannaru di Franz'a in Sicilia 'na varcala di cugnetli ccu 
supra pisci salati, e salta tutti chini di corna. 

Chistn fattu durau 'na pocu d'anni, e li Siciliani nun pu- 
tennu cchiù suffriri 1' affrunlu pinsara di ammazzari li Fran- 
cisi. Un omu granni, cbiantatu Giuanni di Precida, altura si 
finciu pazza, e c'un corna a manu furriau li cita cchiù forti 
unni c'erana sardalr, e jia facennn bu bu bu oca tu corna. A 
li Siciliani cci dieta a l'aricchia:— • A il ura avemu a'moiaz- 
zari tutti Ji trancisi; • e a li Francisi ci sanata tu corna: bu 

> Raceouiuia da una cena Cotiuiie di Ficarazai. 



UigniaOb, Google 



48 FIABE, KOVGLLE, RACCONTI EC. 

6u t Iddi dumannavanu cbivulia ddu cristianu, e ti nostri 
ri.ipunnovanD ca era pazio. 

Arrivalu lo jarnu li amniaziaru lutti : surdali e paiaani 
quaniiu non sapianu sì quarcunu era francisi, cci faciatio 
ciriru , e si dif.ianu ckichim, li scannavanu. Quannu noi 
ni ristau Quddu, doppu qualtru misi, misiru dintra li cugnetJ 
di -li corna lì segreli di li Francis! ben salati, e dintra 'iia ga- 
lera cci li mannaru a lu Re di Franza. 

Etna '. 
IV. 

Sì raceunta ca 'na vota ci fu 'na forti guerra; e ddoppu me 
cidiu ca li surdati francisì esseimn stati 'n Sicilia sì pigghia- 
ru qualunchi libirlì, e accuniinsaru accussl: La rimmina chi 
£i maritava 'nta ddi tempi e si pìgijhiava a un vìddanu, pri- 
mu sì cci «via a curcari un Eurdalu francisì; si si maritava un 
cappeddu, la maritu avia ad avlrì la pacenzìa ca nni lu so 
leltu si cci avia a curcari un lenenti, e accussi discurreunu. 
Nun putennu di sia nianera ognuna essiri p^itruni di la sd li- 
bertà, ddoppu si vìttiru cusirittì di linilla na vola e pi sem- 
prì. Un parrinu. ch'era veru sc^ltru, chi ficii... gìrau 'n teiu- 
pu sett'anoi tutta la Sieilia. Slu parrìui 'nta tutti li paisi si 
Sci lu su complotta e dissi a lì soi ca all'ura di lu Vespri, a 
tali jurnu, s'avia a fari 'na rivuluzioni generali pri tutta la 
Sicilia. Jennu caminannu fra lu spaziu di self anni, nun cci 
arristau un paisi ch'iddu nun avia giratu. Finiutultu lu viag- 
giù e turnaa 'n Palerrau. All'ura di lu Vespri si Gei oa tirri- 
bili rJvuluzioni, s'ommazzaru a tanti Francisi. La rivuluzioni 
'nta tutti li paisi fu quasi a la stissa ara. Ma comu ci arrìva- 
ru a putiri oanuscìri li sulì Francisì ì Li Siciliani avianu faltu 

' Racco Dialo dal contadino Francesco ArcìdiacoDO, e raceoliodaL. Vigo. 



lUi-reM,, Google 



LU VÈSPIHU SICILUNU. 40 

prova ca li Francisi nun sapìanu diri àciru e ogni vota chi 
«l'otuppava di diri ciciru dtcjanu ehiehint e inacari ii$eni. 

• Danca, dissiru, nun c'à raegghtD prova di chisaa: Nui av'«- 
mu a'mfnazzari a tiitlì cbiddi chi duo sanou diri ciciru. > Ac- 
cusai iìcira: accbianavanu ii Siciliani lì casi e facianu ogni 
vota la stissa cosa comannannu ad ognedunu di diri corou di- 
«ìanu iddi. Pire ogni lanEu pigghiavanu qauJchi sgarralina, e 
Aaimaizavanu puru a qualclii siciliani], pirch'i si soli diri ca 
fra ii vutti ci vanno li carratedda. Facianu la festa e passa- 
vanu avanti. Basta. 'Nla 'na sula sira slirminaru a tutli li Pran- 
ciai, e sulu arrislaru chidJi di un paiseddu chi si chiama 
^pirlinga, ca li paisani du nni vosiru sÈnlrrì nentì di chiddu. 
«hi cci dissi lu parrinu '. 

Polissi Generala '. 

Ora ecco una delle due versioni inedite: 



Lu Prancist avia pigghiatu parti nni ogni picciotta chi si 
maritava, e a sicunnu la partita si la pigghiavanu. S' era un 
Tiddanu si la pigghiava un surdalUj s'era un galanlomu un ti- 
nenti, s'era — mìllcmu — un baruni, un ginirali. 

Ora un scarpareddu * avla di niarìtari la flgghia: dispirata- 
inenti pinsau di nun cci dari st'onari a li Francis] ; e accu- 
minzau a girarì tutta ta Cicilia, p'avisari a tulli eh' un jornu 
di festa principati, à ara di vèspìri.s'avìanuaeslìrpari a tutti 
li Francis] di Cicilia. 

Lu santu * comu lu delti iddu, accuss) si virificau perfel- 
tamenti. 

' Anclie fra il popolo corre il deiw Sola Sperlìnga ntgavU. ' Riccoo- 
lato da un e^rlo Bellina, compilino puiiiiano, e raccoitj da Vioceaio 
Uialotigo. * Questi) calzolaio en, secando il pipala, Gian da Procida. 
' Lu lanlu. la parola d'ordine. 

riTBÈ. - Piali* e Nocelle. Voi. IV. 4 



UigniaOb, Google 



09 FIABE, NOVELLE, RACCO^TI EC. 

Li Pranciii )i eiciVi IL chiamana ehiehiri, li Cicitiani eiciri. 
A fu nèsciri di la chiesa, cu' dicia ckichiri, 'a ferrar chìdda 
chi djcia eieiri, a librrtà ! B di ssa manera Infra mezz'ura fora 
stirpati tolti li Fraocisi. Sia festa la lìciru tutti 'nta unjornu 
'nla la Cicilia , vasìnnò 'nta 'na laett' ara 'noni la pntianu 
spnntari '. 

Ddoppu ca li Ciciliani ammazzaru a li Fraocisi ai 'ficira lu 
Re ; Dn pensu quali fn. Eà è lantu l'odiu chi cci ristau a li 
Frantisi pi li Ciciìiani, chi seoipri rigurdìnnnsi di la distrutta 
di Udu jornu, cgn'annu facUnu la Cicilia ili carta, e l'abbro- 
ciaianu. 

Salaparuta '. 

La sesta dello \ersioni in parola prende colore locale . ed 
io eredo di far meglio allogandola nel lesto: è Lm tagghia-tag' 
ghia di li Francm 'n Trapani. 

ti vespro siciliano 6 anche celebrato ne' canti popolari; ve- 
lli Vigo, Canti pop. ticiL Salomone -Marino, Canti pop. nn. 747 
e Ti8, E La tioria «e Cavli popolari sicii, cap. Il, e PiinÉ, nu- 
meri 563, &6Ì e ms. 

' AllritncDti in niezi'ora non ci sarebbero potati riuscire. * Raccon- 
mh) da Carlo Loria soprsnnomÌJialo Bùnehiaro. 



UigniaOb, Google 



XjU tae:gliia-tag:ghla df li Francis! 
'n Trapani. 

Cc'eranu li Francisi 'n Cicilia, e facianu ca ogni Cici- 
lianu chi si marilava, s'era io ca sugnu faccliinu ', ca ine 
mogghieri si cci avia a curcari la prima sira an snrdata; 
s'era uà galantomu si coi avia a curcari un Unenti, e ac- 
cusa di tutti r àulri. Ora ce' era un formagista , e cci 
Tulìanu allnccari la lìgghia. Iddu riuuiu la rounnu, upi- 
rau, e ìjn flrrìannu pi tutta la Cicilia, e parrau cu tutti 
li scarpara di la Cicilia. 

Ora cc'eranu 'n Trapani qnatlrn scarparedda , e ficira 
cunsiggitm 'nta iddi; e si mitlieru tutti quattru a punta di 
Turrigni, vicìnu lu Scogghiu di lu malu cunsiggktu ' tutti 
quattru spaddi cu spaddi senza taliarisì niscìnnu. Fa- 
cennu cunsigghin tutti quattru dicevann:—i Quannucc'è 
véspìri a S. Lorenzu, stamu attenti: comu 1' aggenti nè- 
scinu di la chiesa, spijamu: I)iciti cidra I cu' dici chi- 
cara (ca li Francisi nun sapianu diri cicira), la testa tag- 
ghiala I • 

La cosa iju comn dissiru cliisti quattru; cu' dìcia chi- 
cara, trrr I la testa taggbiata I Doppu chi l'ammazzaru a 
li Francisi cci hannu livatu ddi cosi , e cci l'tiannu ab- 

' Il nccontalore , di cai ho dello a p.ig. 1, noU I, era facchiao, Ira- 
sportalo re. 
' Velli la Iradi'zione co:i joesto litolo n. CCXII. 



UigniaOb, Google 



52 FIABE, NOYeLI,e, RACCONTI EC. 

biatu a la sa paisi cu deci mali, e ca una cu la parola: 
sopra surra, cu li batliri, e sulta, bàcari e baltuna '. 

Qaaunu junceru 'a Francia, e viltiru sii cosi: — < Oh 
granni dia'! ' dìssiru; a la Francia flciru sta sfrèggiu? 
Haamettumilia I hannu livatu li battuna a la Francia ! 
La paghirannu I... DVa nn^avanli, ogn'anau chi veni la 
&Ò festa di Austa , facema la Cicilia 'n pronta *, e cci 
dama foca sutta I... * 

E ogn' annu li Francisi dunana focu a la .Cicilia ; ca 
hannn la curriru chi àppira fattu ssu sfrèggiu di la Ci- 
cilia. E cu la Ciciliana 'un cci pò nuddu di la facci e di 
In cori.i.. *. 

Trapani '. 

' Ddoppu ecc. Dopo avere (i Siciliani) ammazzati i Francesi, lagliaroDa 
ore i Lesticoli, e li maiidaroiio dI loro paese <in Fnncia) con dieci eotJo- 
moti « Oli Domo ohe avea la parola; di sopra {comparirà no) barili con 
sorra; di lallo, brocche e lesticoli. 

• Oh grande diavolo! 

■ E fac^saio la StcilU in figura. 

' E ai Siciliani non puùslsr a fronte neasnno per coraggio e per raion*. 

' RaccoFitalami da Nicaaio Calamaro sopranno mina lo Baddazza. 



UigniaOb, Google 



CGXII. 

Iiu Scogghin. di la mala canslgghiu. 

Signori, 'oca dici ca noi ssu scogglùu vinia Pròci ta a 
fari cunsiggliiu ca 11 so' baruna pi fari lu Vèspiru Sici- 
lianu : cci javanu a natuoi ', e naddu ddà li sintia, e 
parravana a so counnudu: comu di fattu lu Tèsplrucci 
arriniscio, e a lì Francis! rammazzaru a tutti. E pi chissà, 
dici, ca si cuDsìggliiavanu comu ammazzari a li Francisì, 
si chiama lu Scogghiu di lu malu eunsigghiu. 

Trapani '. 



UigniaOb, Google 



CCXIII. 
Tamma-OalUo- 

Vonnu diti ca qaannu li Siciliani flcira tu seira-serra 
di li Francisi * ccà a MìdIu Iq ficiru puru. Tutti li Fran- 
cisi eh' ammazzaru *an li vòsira vurbicari a lu campu- 
saDlu *. Ddocu, a lu chiana di Sant'Austina scavàni 'oa 
(ossa e cci li jittàra comu rosi Diu , e pi cchià sfregiu 
ogDunu cci jittò di supra la so petra. Di chistu noi vinni 
lu sclvulu ca chiamanu Tumma-Gallia '. 

Mineo *. 

' Nella iradizione dì Trjpani si dice la lagghia-laggKia di li Fran- 
ali, cbe è lo stesso. 

' Talli i frincesL dai Mineoii ucci»i non vennero appellili nel cun- 
posa n lo. 

■ Da qnesla ne venne quello scivolo che dicono Tumba GalLa , cioè 
Tomba gaila a dì Gallia. 

' Barcolla dal s g. Luigi Capuana, 



UigniaOb, Google 



CCXIV. 
La bella Angiolina <. 

Narrasi che dorante la gaerra del Vespro trovavasi Rug- 
giero Loria nel caslello che lo domina colla moglie e la 
famiglia, tra cui un'Angiolina di lui figlia di eslraordina- 
ria bellezza. Di costei erasi innamoralo un Delfìno di 
Francia. La giovane Angiolina gli si era promessa, ma 
scoppiato il Vespro egli faggi in Francia e promise alla 
sua fidanzata dì venirla a rapire infra sei mesi dandole 
segno del suo rilorno con tre fuochi che avrebbe accesi 
sulla torre di Monte Rotondo sulla vicina Francarilla. 

Difatti tornò travestito fingendosi demente e ^proprio 
nel giorno in cui celebravasi la festa di S. Lorenzo. Ivi 
era accorso it Loria circondato dai suoi cavalieri quando 
iacontrò it Delfino; e avendolo interrogato quegli seppe 
cosi bene imitare Io scemo che illuse il gran Capita- 
no. Costui gli richiese il perchè della venuta in Casti- 
glione e ne ebbe in risposta, che avendo ferito una cerva 
in questa contrada, da set mesi la perseguitava e non 
ravea potuta raggiungere; quindi era venuto per pren- 
derla ad ogni costo. Ne rìse il Loria e seco la sua Corte. 

' Pubblico, come l'ho a vnU dal cav. Lionardu Vigo li prcMnte (rtdi- 
lii ne, la qnsU rauolia ili boct» popuUiia i siala ^criiu in ilidailorna 
forma ilaliatia da an am cu d«l Vigo. 

Avrei potuto riscriverla in forma più semplice io sloiso; ma non t'ho 
osalo, periaaso che il laccoglitore s'aneline stri.'tiami,'nie alla iiar 



UigniaOb, Google 



S6 FIABE, NOVELLE, BACCOMl EC. 

Reslituìtosi costui al castello fu imbandito nn solenne 
banchetto, nel quale si narrò ravvenitnento di quel pazzo. 
Angiolina ne fé'' tesoro e ben comprese esser ella slessa la 
cerva a cui alludeva il suo liiJanzato. 

Aveva essa una fante chiamata Franca, partecipe ai se- 
greti di lei, a cui essa narrò la venuta' del Delfino eoa 
queste parole: — < Franca, vigghia si si addumanu ti tri 
fochi supra la turrì di Munti Rutunnu; i e la fante vigile 
pria della mezzanotte vide le tre fiamme convennle sa 
Torre di Monte Rotondo, e con altre tre fiamme consimili 
corrispose dall'altissimo vertice del castello che si chiama 
SuHcchiata. Poco dopo il Delfino era già in Castiglione 
con quattro suoi bravi, e dato il segnale alla Angiolina, 
essa e la fante per una scala di seta discesero dalla se- 
conda finestra ovale sostenuta da una colonnetta nel cen- 
tro sulla spianata, e dì li protette dal Delfino traversaro- 
no Francavilla Gagi, e sopra una saellia appostata a Schi- 
so ', da ove si affidarono al mare. 

Ruggiero Loria la dimane non vedendo la figlia che 
era solita correre mattinale all'amplesso paterno ordinò che 
la si svegliasse, e udendo che non rispondeva e che era 
profondo silenzio nel suo quartiere, accorse egli slesso e 
trovò freddo il nido, assente essa e la fante, ed una scala 
di seta pendente dalla finestra. Aliofa comprese il suo 
scorno e ne fu certificato dai versi seguenti scrìtti dal- 
l'Angiolina e lasciati sul l'inginocchia tojo del suo capezzale: 
Si vài truvari a tu figghia Angilina 
Vattinni 'n Francia e la trovi Biggina. 

Castiglione-Etneo. 

' Ove Porge» l'aniL-a Musso. 



-I., Contale 



ccxv. 

Ili Siati Pauli. 

Si cunla ca a tempi arreri cc'era 'na Suciìlà dj maistri 
e di populu abbàsciu ca (lifinniana li grilli di li boni ag~ 
geoli, e li vinDìcavanu contra li prìputenti rìccia e li 
nobili ca avianu lu putirì 'mmanu e facìanu angarii e 
cosi torli a la pupulazioni V Miltemu ca cederà un riccu 
ca ^ncuilava 'na picciotta oDesln di In populu abbàsciu ; 
lo sapìanu li Biali Pauli, e ziltu lu e zittu io cci facìa- 
na assènliri ca o si cullava iddu, o chi la livavanu di 
*inmeiizu; e si nun la sinlia lacaDzuna, si Pastutavanu pi 
daveru, e nuddu ciauiva '. Si cc'era, fìguràmunnì, un Vi- 
ciarrè, ca facia priputenzi, e cnnaannava attortameuti, e 
luaunava 'n galera senza ragiuni, li Biali Pauli ca lu sa- 
pìanu (pircbi iddi ca avianu li culleghi e ramicizii pi 
tDttu lu Regnu sapìanu tutti li suspìri di li populi) cci 
facìanu giustizia contra lu Viciarré, ca si lu spidugghia- 
Tanu bellu bellu cu du' corpa di cuteddu *. 'Nsumma ad- 

■ Si cusla ecc. Si raccorila die oc' Irmpi |isssHti c'eri iid!i socielà di 
maeslri e di popola basso clic- di fm deano i diriiii della buona genie, e 
li ■vendicava PO contro i riociii prepotenli e i nobili cfie aveano il polertì 
ìd mano e fureano angherìe e cose inginMa alta popotazione, 

■ E li nun la lìniia ecc. E se non volea intenderne nulla (se non ni 
qoielava) lo spegnevano davvero {ailulari, voce fig. per nmmnu ire), e 
nessuno fiala va. 

' Ca ii la tpidtigghiavanu ecc. Se lo levavano d'attorno bel bello «oti 
dae colpi di collcl'o. 



UigniaOb, Google 



68 FUBB, NOVELLE, RACCONTI EC. 

dilìnnìanu li cestri gritti , e li cosi camìnavaaa cu In 
versu, DO comu carni Qana ora, ca li Biati Pduli coi vur- 
rèvana pi daveru *. 

Sii Biati Pauli cci nn'eranu pi latti li paisi di lu Re- 
gna; ma li cctiiiì assa^ eraau 'n Palermu, e tinìanu cun- 
cùmiu * 'ala 'na gratta sutta terra chi cc'era aliata Saa 
Cosimu; e criju ca cci sia paranchi ora, pirchì la strata 
la chiamanu Strata di li Biati Pauli, A st'omini cci da- 
vano stu tittilu pirchì eraDii tutti omini ca facìanu li di- 
voti; lu jornu, pri patir! sapiri megghiu li cosi clii suc- 
cidtanu,' javanu vistuti comu monaci di San Francisco 
di Paula e sì stavano ''nta li Chiesi a diri la rosario 
(pri finzioni) : ta notti poi fadanu cunciùra di zocco 
avianu vistu e avianu saputo, e ordinavano li minoilti *. 
Ddoppu tempu la Giustizia li junciu e l'aSurcau a lutti, e 
li Biati Pauli fìneru pi 'na vota e pi seuipri. 

Borgetto *. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Il fondo di questa narrazione concorda eoa quello che ne 
scrisse Eumahdblb di Vilubianca, Oputcolo luiBeati Paoli; Vis- 
CENZD Lliabes, Raeeonti popaUri : I Beati Paoli, e leste Gin- 
SBPPK Bbuno-Arcaho, Sopra una pagina di ttoria municipale , 
pag. 3 e se;.— / Beati Paoli è il titolo e l'argomento don dram- 

■ Quella qui è ud' (4seiTAiioa« cums qaelld che suoi fare Agaluu 

■ Teatri «uncùnitu, lener eoiisi||1to. congiurare. 
' Minnilla per cinnilla, veaJclla. 

* Raceoniau a Salomone- M.irino Ja Francesca Campo Eoa serva. 



UigniaOb, Google 



LI BI\TI PAULI. 39 

ma di Benedetto Nasrlli; e da' Beati Paoli fa cenno il S6S* 
de' Canli popolari lieil. del Salomdnb-Uabino. 

Di persona trista, in apparenza buona, si suoi dir<3 che 6 aa 
Biatu Paulu ed anche un fiialu Paula oecultu. He". Modi dì dire 
toscani ricercati nella toro origine da SasàSTiANO Pauli (Vene- 
£ia, HDCCLXi;, pag. 31S, n. CCXXIX, è spiegato il riliobolo 
Beati Paoli, ma pare abbia da far poco colla frase nostra. 



UigniaOb, Google 



CCXVI. 

Li Diavuli di la Zisa. 

Hanan a sapirì ca 'a Palerma cc'è un gran Palazzu ch'è 
comu un Casteddu e si chiama di la Zisa. A sta Zisa cc'è 
'na 'ntjata ch'ò fatta d'ora e appitturata veia galanti, e 
'oCa lu menzu 'na funtana di màrmura ca cci scoppa n- 
n'acqaa pulita e frisca ca veni lu cori ', e 'nta st'acqua 
s'arròzzuianu pizzudda d'oru e d'argentu '. Ora ddocu, 
'nta sta Zisa, cc'è lu 'ncantisimu, e cc'è un bancu di nin- 
nita d'oro, lu cchiù granni chi mai (ma no quantu la 
bancu dì Ddisisa), e lu tennu 'ncaotalu li Diàvuli, pirchi 
nuD vonnu chi si In pigghiassiru li cristiani ; pirchi lor 
sigiinri hannu a sapiri ca stu Palazzu fa faitu a tempi 
di li pagani e cci tinianu ammusati ' li tison di In 
'Mperaturi. Ora 'nta Tarcu di sta bella 'ntrala di la Zisa 
cci sunnu pinciuti li diavuli ; cu' va a talialli lu jornn 
di la Nunziata, li vidi chi si movinu li cudi, torcinu li - 
mussa, e nuD si fida di cuntalli mai; chìssu è pri addi- 
mustrari ca msncu si ponnu cuntari li dinari 'ncantati , 
laniu su' assai, e mancu si ponnu sbancari. Ma uq jornu 

' 'Na fuataaa ixe. Una fontani Ji marmo , ovv cade an' acqua pu- 
lita e fresca rJie fa venire il caure, 'c:oé rictrn lo spirilo. 

• E in quest'acqua lombol;ino jiSMCIliiii il'oro e d'argento. 

È il riflesso de' musaici ili^ile pareti clic nella limpiila arqua fa pa- 
rere che iì rivolgano pezzettini J'or <; l'imuiagliie riflesiia vìen presa per 
h vera. 

'Jmmtuart, ammasrjre, cumulate. 



UigniaOb, Google 



LI DUVULI DI LA ZISA. 61 

lu rimediu pri sbancali] s'havi a truvari, e allura Saiscinn 
latti li puTirtà di Palermu. 

. Borgetto '. 

VARrAMl E RISCONTRI. 

Li Diavuli di U Ziaa. 

A li vinlicìnca di marzu, U fesU di la Aunziata, sì va a la 
'Livnzza e si vannu a visitami li Diavuli di la Zisa. Sii Diavuli 
sunnu 'nta la tettu, e 'un si pù sapiri qaaotu sunnu. Cu' dici 
ca sonni! Iridici,, cu' dici ca sunnu quinnicì, cu' dici ca sunnu 
macari ccbiù assai; &ta virila 'un sì pò sapiri. Si cunlanu , 
si cìiaUnu, e ora nèscinu di cchiù, ora di menu. Sunnu dìa- 
vnli, e a sènsiu mio pirclii su' dìaruli 'un sì fannu cuntari. 
Ora pi ctiiesu qaannu 'n,i cosa 'un si pò sapiri quant'è si di- 
ci : E chi su' li diavuli di la Zita ' • 

Palermo '. 

' Raccontata B Salomone -Marino ila Mnfa Lubaido. 

* La spiegazione ilul fatta è chiara .1 cbi sappia che coloro i quali van- 
no airOI'vuiza ov'è il palano della Zisa, msngiino e bevono quasi sem- 
pre fino %\\' ebbreiza,' ed è appunlo rosi che si recano aJ enumerare 
quella figurine cbe essi dicono diavoli. Aggiungi che essendo alrune di 
esse mollo piccole, e noe inlirre, v'Iia tra' TÌsilalarì chi le esclude dal 
conto- e cbi li mette, la frase : E chi tu' li diaculi di la Zita I b coma- 
jiissirna, e si dice a proposito di oggetti che numerati più d'ana volta 
e da pili d'una persona , no» corri sponlono niji alla prima enumera- 

' Raccontala da Francesca Amalo. Intórno alta Zisa vedi quel che ne 
scrive Ira gli nitri il PiLBhHO nella Gui.'a iilrullu'o ili Paltrmo, giorn.V. 



UigniaOb, Google - 



CCXVII. 
Iia Calata di 11 Judiol. 

SigDuri , cc'era 'na vota un Principi. Sta Principi era 
senza Yidità. A tempi, sti Principi tinevaau l'Abbati pi 
'struirì li figgili. Sta Principi si marilaa; 'n forma chi * 
la mugghieri nisciu gravita, idda si pìgghiò l'Abbati pi 
la fìggtiiu ch'avia a nasciri, ed era n' Abbati antica di casa; 
chi avia stata nni so patri. St' Abbai! sapia tatti li cosi 
di la casa , canuscia tallì lì 'ncartamenti , era a giornu 
di tattu. 

La Priocipissa sgravaa e ilei un figghiu màsculu ; ma 
ìdda, puTÌredda, muriu a lu parlu. Lu Principi, di la gran 
pena nni muriu puru. L'Abbati, ca sapia tutta , leva la 
nurrizza ', e duna lu nutrica ' a 'na mulinara 'nl'On jar- 
diaa. Pi 'na poca di misi cci detti lì misati a sta mali- 
nara; poi 'un cci pìnsò cchìù, e flniu. Lu piccìriddu cri- 
scia 'gnurantì dì la so furtuna, e java a fari lu jardìna- 
ru. Sta nurrizza avia n'àutra piccìriddu; e sii dui pìcci- 
riddì semprì si conlrapunlavanu *. 'Na jurnala cci dissi 
lu llggblu dì lu jardìnaru : — < Ma lu , frati mìo si'?... 
Tu si' figghiu di 'n'àutra mairi; va' cercatilla a lo matri 
ddà 'n Palermu I • Lu picciridda , ca sta cosa si 1' avia 

' 'N forma chi, appena ebo. 

• A'uTTÌz!o,»nu(lrii:i; (nttirice, frano }. 

> JVulrùu, lattante. 

' L'an'raintn forili, star umpre i tuppeitù. 



UigniaOb, Google 



LA CALATA DI U JUDia. 63 

^nlisa diri tanli voli di (da) s6 niatri, si parti e veni 'o 
Palerma , e si va a toni a la paata di li ChUwìtteri '. 
Cederà édk un capu-maslru cliiavitleri ; « lu piccìriddu, 
cW avia fami , irasiu nni sta ctiiavittfiri pi 'mpijarìsicct 
comn picciutledda *. Lu capu-niastru si lu pigghiau; cci 
dava a manciarì, e lu piccìriddu tirava li maniaci *. 

A slu piccìriddu cci cugghìeru afflziooi nni la casa di 
la cbiavitteri, e 'na vola cci spijaru: — * Ora, tu di cu' 

si' figghiu ? » Lu piccìriddu dici : — « Chi sàcciu I 

m'hanna dìttu accussì e accusai; ca io sugnu lìggtiiu (comu 
dicissìmu) * di In Principi Catolica ', e me mairi mnriu 
a lu partu, e di li me' beni si nni Gei patruni n'Abbati. * 

Ora a la principala * cci noi vinni comu 'na sorla di 
piata ca slu piccirìddu , fìgghiu di Prìocipi , avia a fari 
Ib muzzQ dì la stadda ■■; dici a In mariln: — « E pirchi 
'nn lu facemu 'mparari * a slu piccìriddu? ca é figghiu 
d'aggenli boni '.> Haitnu pigghiatu, e riiannu fattu 'mpa- 
rari a leggiri. 

Arrirannu ca chìsln putia fari la dumànnita '°, cci ne- 

' E va a rUursi (a fermarsi) nlU fine itella via dei CiiioTettieri. 
' E il r.igAizino, che uvea fame , enlrù nella LoKcgn di qDcslo chia- 
TCRiere per allogarsi da lui come garzone. 

■ Li mantici, il mantice. 

* Comu dic'nima, come a diie. (Osservazione della narrilrice e non 
del ngaliino). 

' 11 Prìncipe di Callorca, uno dei principali nobili della città. 

* La jirincipala, la moglie del prin«i/ nli. clie è qni il capo-maeslru. 
fl^i coleste donne si Fiinno chiamare anthe $ignurn. 

'' Fari tu niu:zu dì li itadda, f^ire i serviei più bassi delta casa. 

* 'Mparari, islniire, imparare a le)igere e scriirere. 

■ Aggetili ioni, bnona genie, gente a taiulo. clevalu, ecc. 

'* Vii'nànnita, dimanda. (Giunto ad un'eLi in cui polea figuiare din- 
nar.ii la Legge). 



UigniaOb, Google 



6ì FIABE, NOVELLE, RACCOnTI EC. 

sci taltu r arvalu di la parintela , nesoi talli li "ocarla- 
meati pi fàllu tneUiri a lili dicenDu ca l'aredi di sii rìc- 
chizzi 'un era st'Abbati ma %la picciottu (oa già lu piC' 
ciriddu avia crisciutu, e avia addivintatu un beddu pic- 
ciottu). Gumincianu a lìticad: l'Abbati java maanannu cup- 
pitedda ^ a Judici, a Prisidentì ; e la causa ddoppu du' 
anni fit dicisa cuntraria a lu piccloltu. S'appillau; li di- 
nari li varava comu l'acqua: si vinniu un bellu corpu di 
casi; ma siccomu l'Abbati mannava cuppitedda, l' AbbaU 
vìnciu. 

Stu poviru cliiavilteri 'a vidennu ca la cosa java tin- 
ta *, si 'mmarca pi Spagna; va a la Sanità; pigghia prat- 
tica. A Palazzu , fa passari la 'mmasciata a lu Re. — 
• Maistà, grazia t > dici, e cci proj li carti di la liti. La 
Re li lìgglu; subbitD pjgghia pinna e calamaru, e cci fa 
'na littra. — ■ Tini', dici , andati 'n Sicilia , ca tuttu vì 
sarà fatta '. » 

Stu mastru cu sta carta veni 'n Palermu; fa arriviviri 
la causa , e li Judici cci la davanu a sfavuri ; ma iddo 
'un si DUI curava. Vitti ca l''appi a torta arrerì, si parti 
e torna a Spagna. — • Haistà, la vostra firma 'uo la fi- 
ciru passari , e io m'haju cunsumatn l'essiri mio *. * A 
lu Be cci vuociaru lì capiddi *; si fa fati un àbbilu d'ab- 

■ Cuppitedda, canoccini, rotoli Ji moneiG d'oro o cl*argenlo. Inleaili 
che l'AbbaLe «irrompeTa con grasse somme i giudici. 

' VfdeiiJa che la faccenda aniljv» male. 

■ 7iii>' eco PivadL'if, dice, andate in Sicilia, e lullo vi sarà fatlo. An- 
dati, invece di ijti, per nobililare il parlare del re. 

' Io ho consumale lolle In mie sosianze. i miei averi. 
* Al re quesU faccenda t:' venire gran digpelto. 



UigniaOb, Google 



LA CALATA DI l.l lUDlCI. 6S 

tati, sbricia sbriciu ', e parli cu lu maslru. 'N Palermu 
st'Abbati iju a stari a la casa di lu mastru '; richiamò la 
causa arreri, stu mastra; e PAbbati cu iddu. 'Nta lu rib- 
baltimenlu uà jadici di cliisti flci 'na supirchiaria; la Re 
Tistutu Abbati , moddu moddu dici : — « Ora pirchì 'uà 
faciti la Liggi giusta ? • — « Ah 1 patr'Abbati cu V anchi 
stuccati t* • e cci stavanu tirannu lu calamaru ad iddu. 
Noi Tulistivu cchiù ? l'Abbati si leva la tunachedda ' e 
cci accumparisci cu la tusuDi riali. l'i Judici mòrsiru *. 
— • Ah, Judici 'nfami, dici iddu, ca vinnìtì la giustiziai 
Subbitu, chi sianusti Judici attaccati a lì cudi dì li ca- 
raddi e strascinati pi la cita I > 

Subbila sti Judici fAru pigghiatì e scusciati '. Di la 
peddi nni flciru quatlra seggi , e snpra sti seggi si cci 
assettano lì Judici quannu hannu a cunnannari a morti. 
Poi fóru strascinati strati strati a li cudi dì U cavaddi. 

L'Abbati persi dunca la cansa, e lu piccìottu addirintò 
Principi, e si pigghiau a la figghia di lu mastru. E ddop- 
pu, iddu fici fari la statua di lu Re di Spagna chi é ora 
'n facci la casa di lu Prisidenti Airoldi • a la Vanedda di 
fAgunizzanti, La Taoiddozza si chiamò lu Curtigghiu di 

■ SMHu ibrìcru, cosi, «emptiee. sema adornamenti. 

• Per ingiuria. «' ragoMini chìeriootti si snol dire ; 

• Patri abbati — cn l'anthi Bloccati, 

S' 'nn TÌ noi jiLi — Ti pieghio a piiratl t • 

■ Tvnaeliedda, lonachìiia.- voien dire ta sollana. 

* I Giudici diTRnnero come morti. 
' Seuteiali. scosciati. 

" Cu Prindenli Airoldi, Uonsignor Alfonso Airoldi. 
PiTRi. - Fiabe e Novelle Voi. IV. B 



uirneob, Google 



66 FUBE^ NOTEIXB, RACGONTl, BC. 

lu ile, e la strata unni ffini strascinati lì Jadiei (a clùa- 
mata la Calata di li Judici. 

Palermo '. 

VABIANTI E RISCONTRI. 

Uds leiione dj quatta tradìsioiia Tbo col titolo Lueapwao' 
stru chiatitteTi e la Be di ^agna. Una . versJane palermìlitaa 
con lievi differenze dalia presente ìeggesì neììt Ore del popolo, 
rivista dì Palermo, an, I, n. 7-8, col titolo : Una tradìsions po- 
polare. Il fatto si dice avvenuto dopo il 153t> , imperatore 
Carlo V. — I ragazzi che si mettono a toppertù tra di toro aon 
pure nel Grigoliu Papa, n. GXVlI—11 fanciullo povero raccolto 
per gauone dal chiavettiére ricorre neH'Jcnxnvnt, n. CXXIV. 
— La causa in Tribunale e le aanteazs contrarie sono nel Fara- 
steri e la Iratlurù novellila niec sa nelle- varianti della .Panxa 
chitarra, n. VllJi-t lira che si scopra b nd.Braeùeridi mana 
manca, n. LSXYl. 

' RuccoDlata da Agaioiia Uesiis. 



UigniaOb, Google 



ccxvni. 

lia petra di la Jucaturi. 

Dìntra la Chiesa dt Sant'Agatazza < ce' è 'na 'mmaggioi 
di Maria, ca cci uni voann occhi pi talialla. Chista havi 
'na Srìta ccà, supra lii nasu, e 'o'àulra nn'bavi lu Barn- 
mina. Ora 'na vota (nn'havi anni ed annuni), dici ca cci 
fa un jucaturi chi jacava Ticinn , a sta Chiesa. 'N jucanna 
'a jucannu persi tuttu l' essiri so. QQaana si vitti nudu ' 
e cmdu si misi a bistimiari la Suli e la Luna e a 'nsan- 
gnniarisi tatla *. Chi fa la scilirata? 'ncugna a la Chiesa, 
vidi sta 'mmaggini, e c'an cuteddu ch'avia, bistimiannu 
com'un turcu, cci duna cu 'na cutiddata 'nta la facci. A 
la prima corpa a la Madonna cci nisciu sangu ; cafadda 
lu secunna; cci Desci sangu arreri. La jacatari , cci ar- 
rìzzaru li capiddi 'n testa; scinni di la cappilluzza e va- 
li» scappar!: ma chi ! a li primi passi la Giastizia cci fa 
di 'acapu e Tarristaa. Bottu 'ntra botta fn cunaranatU' a 
la farca, e la forca s'avia a canzarì 'n facci la cappillazza 
di la Madonna. Ma la larga nan cc'era, e la cosa s'' avia 
a fari ddà , sapra' loca. Allura pi pirmissioai di Dia si 
vitti spantari a la punta dì la cantunera di la muru di 
'n facci 'na tìstetta, accussì.... a l'aalizza di la furca *, e 
senza ptrdìricci tempu l'hanau affarcata ddà. 

' È 11 Chiesa di S. Agau la Giiilla presso la Cattedrale. 

* 'Nmnguniàrài. beslpnmiar^? come no eretico. 

' 'Xa liiUtla, ecc., ud cantone, cosi all'allena della forca. 



UigniaOb, Google 



68 FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

Ddoppu jorna sìrraru < la listelta, ma la tUtetta nisciu 
arreri; e tanti voli la sìrraru, tanti voti spuntau : e ora 
passanou si vidi sempri, nisciula di fora: e pi chissà si 
dici La pelra di lu jticaturi. 

Palermo '. 

VARIANTI E RISCONTRt. 

1,3 devota tradizione letterata riferisce essere avvenuto il 
fatto l'aono t48i, inquisitore al Tribunale del Sant' CfQcio di 
Sicilia Pietro Ramano dell'ordine de' Predicatori, dottissimo 
palermitano. Non vi ha nessuna differenza nel racconto, coma 
pub vedersi dagli scrittori seguenti, ette con religiosa sempli- 
cìlfi la rapportano : P. Ottavio G.ìetako, Sanclorum siculortim, 
voi, il, pag. S8!; FRANCESCO Baronio, De Majeslate panormilana, 
Itb. ), cap. Xni, pag. 163; P. Giovanni BEariNi, Rosa Virginea, 
quaest. X, art- 8, contempi, i , pag. 383; P. Guglielmo Gcmp- 
PENBERG, Atleta Marianus, num. 694, pag. 737; G. Bonifacio 6a- 
GÀTTA. Admiranda Orbis Christiani, voi. H, ! b. V, cap. 2, S 1, 
D. 116, pag. 23i; G. Behhardo Castbllucci, Giornale sacro po' 
lermitano, pag. 106; Antonino Mongitore , Pahrmo divoto di 
Uaria Vergine e Varia Vergine protettrice di Palermo, voi. I, 
pag. 333 e aegg.; Ehanuelb Villabianca, Oputeoli palermitani, 
voi. Xlt, 3, pag. SIS, ms. della Biblioteca Comunale di Pa- 
lermo, (che riproduce la narrazione del Mongitore). e tra gli al- 
tri, Gaspare Palermo. Guida istruttiva per Palermo, giorn. IV. 

' Sirrari, segare. 

* Raccontala da una mamma del Conservi) Iorio di S. Agau la Guilla. 
Diconsi in quello senso mamme quelle donne che slantto a' aervìEJ esierni 
(porlare imbasciate, comperare agnelli «ce.) delle monache, delle colte- 
gine e delle reelos». 



UigniaOb, Google 



LA PETRA DI LO JUCATCRL 69 

A proposilo della pietra prodigiosameaU sorU , il llongi- 
lore noia che al secolo passato essa non era l'antica, poicbè 
• dovendosi rìfabbricara la cantonera di quel muro miraco- 
loso, fu rimessa novella pietra eguale alla suddetta che servi 
di forca per conservarsene sempre la memoria. ■ 

Tulio l'avvenimento è consacrato nella seguente iscrizione, 
che dopo molti arni fu scolpita dentro la chiesa della Guilla; 

Inquisitore fiec. D. Petra flansotio ord. pracdical. Episcopo Ince- 
rino iiSÌ. Quidam temerariui LusOT, ira inceiuut, Divam Matrem, 
et Deum Filium eum pugione pereustil, qui «latim « rubìo colore 
miraculote pallide effecti funi, et taerilegui ipie numquam abìre 
potuit danec tusfensui in lapide in fronte polito, vitam fiaivil. Ex 
inde uquuta miraeula teatibas eonstat fide dignis. VI autem per- 
petuo etaceat , D. loannet Baptista Grillo Baro Morieltae hoc 
r erexit M. DC. XXX/. 



Vincb:izo LisiRBS nei Racconti popolari ne fece argomento 
del sno Giocatore. 

La medesima Iradiiìone corre in Napoli per una immagine 
di Maria nella chiesa dell'antico spedale di Sant'Eligio, detta 
Santa Uaria della Uisericordia. V'è il giocatore disperato, la 
ferìzioue della immagine, e il sangue che esce dalie ferite. Ne 
fa cenno A, Rocca presso Minsi in Biblit. Mor., Iract. 46, due. 3; 
e se ne ha la narrazione in uno degli esempi del libro : il 
Giuoco di Fortuna, o vero il bene e 'l male dei Giaochi; Opera 
di Carlo Grbgorio Rosigholi della Cotupagnia di G»ù, pag. B9. 
(In Modena, J703. Per Antonio Dapponi stamp. Vesc.) 

(Ina consimile se ne ha come avvenuta in Buda (Ungheria) 
di nn giocatore che perdalo tutto , anche ì vestimenti, ferì a 
sassate un Crocifisso, a cui usci dall$ ferite gran copia di san- 
gue. Il sagrilego venne ucciso per mano d'un beccaio gottoso, 
coi una voce chiamò ad uccidere il primo che incontrerebbe 
ih istrada. Costui era il giocatore. La Giustizia fu vendicata. 
Vedi il. Somma, Cento Kaeeanti. race. LIV. 



UigniaOb, Google 



70 FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

Altro consimile miracolo avveaato in Uilaoo ciU Sanlo Al- 
fonso LiGUORi nelle Glorie di Maria, ecc. 

Ed ora ecco la narrazione di Vincenzo Linares: 

< Se il caso vi porta tango quel pianerottolo, che dalla parte 
di dietro il Duomo conduce alla discesa della Gnidda , qaivi 
scendendo vedrete a man diritta un'immagine appannata di 
nostra signora intesa della Guidda, che porge le mammelle al 
divino fanciullo. Al lato opposto, proprio rimpetto alla stessa, 
sporge faoridal muro una pietra quadrala. Oh: quella pietra 
rammenta un fatto atroce, è la pietra dW^iuocalore. Chiedetene 
ai vicini, e la voce ingenua del villanello, e della donnicciuola, 
ve ne farà in questo modo la narrazione: 

• — Stava in quei dintorni un tale, che avea lutti ì vizi a4- 
dosso, crudele , scellerato , n!mi;co di Dio e de' santi ; ma fra 
tutte la turpitudini quelle in lui erano più forti della bestemmia 
e del giuoco , si ch'egli passava I9 vita sua bestemmiando e 
ginocando, e quando ei rlducevasi a casa della povera e scon- 
solata moglie , e vedeva la bella immagine chiedevale aiuto 
con bealemmie tali da farvi rtizare ì capelli. Ma Dio e la Santa 
Vergine non proteggono l' infamia. Un di; e fu quello in c^i 
lo scellerato avea tagliato la gola alla moglie , mentre colla 
})orsa vuota e la disperazione nel cuore passava da quel luogo, 
fu preso da pazzo furore alzandogli occhi sull'immagine, da 
cui invano aveva sperato soccorso, irruppe in parole nefand^, 
jpreso un coltello, e feriva quel qnadro proprio nel mezzo. Ob 
prodigio I Sgorgò dal petto immacolato un rivo di sangue, an 
faggio 4! Ilice usci dal volto divino a saettare l'infame, che 
stramazzò a terra, dove quasi morto fu tratto con in mano il 
coltello, e coU'altra stringendo forte nna crocetta d'oro quella 
stessa che aveva strappata al suo pargoletto. 

^ Un tribunale istantaneo, tremendo sì alzava in qnel giorno 
stesso per punire il sagrilego omicida; ei fu dannato a morte. 
Quando egli veniva a supplizio, nel l^ogo istesso del delitto. 



UigniaOb, Google 



LA PETRA DI LU JUCATUBl. 71 

folto popolo lo accompagaava con arli e malediiiooi) ma ar- 
rivalo al punto, dov'era l'umnagine, videro una pietra qua- 
drata fuori dal muro — Ecco la forca, tutti gridarono, la forca 
dell' uomo empio. — Fu qaiodi tolto il palco, e appesolo eoo 
una fané alla piètra , in poelii istanti spirò quell' animo di 
Giuda. 

• Par togliere poi ogói memoria di luì fu dislrntta la pietra 
ÌD muEO ai gridi delta folla; ma il domaiii con generale sor- 
jaresa cemparve la pietra faori dal 'muro. Si torad ad abbat- 
terla la seconda, Ja terza volta, epperò ogni volta riprodnce- 
vasi la pietra fatale ; sì che scorsero gli anni, a ancora veg- 
giamo in quel muro la pìetradelgiaocatore, esempio di orrore 
e d! maledizione. Ora l'uomo divoto l'addita coma l'albero di 
dada, e ila rvi passando recita un Ave alla sacra immagine 
e passa frettoloso, come cacciato da un timbra tennaccevole. • 
{UGioeaton cap. tV) 



UigniaOb, Google 



Lu ourtigr^hia di li setti Fati. 

'Ntra stu Curtiggkiu di li setti Fati, 'nta la yanUdazza 
chi spanta 'o facci lu Munasteriu di Santa Chiara, voddq 
diri ca la notti cci vinìann setti donni di fora ', tutti una 
cchiù bedda di 'n'àutra. Sti donni si purtavanu quarchi 
omu puramenti quarchi fimmina chi ccì paria a iddi, 
e cci facianu vidiri cosi mai visti: balli, sònura, cummì- 
ti, cosi granni. E vonnu diri pura ca si li purtavanu sa- 
pra mari, fora fora, e li facianu caminari supra I' acqua 
senza Tagnàrisi. Ogni notti facianu stu magislerìu % e 
poi la matina spiriana e 'un si nni parrava cchiui. 

Di ddocu noi veni ca stu cortigghin si chiama la Cur- 
tigghiu di li setti Fati. 

Palermo '. 

VARIANTI E RISCONTR. 

La stessa tradizione riferisce C.PtoLA, Dia. deU« ttrade di Paler- 
mo, pag. 178: • Cortile delle settt fate (Via Santa Chiara). Baccon- 
tavasi che tutte le notti soleano apparire le fate, le quali tra 

' Donni di fora, con delie cene donne immaginarie, geni oecnlii ebe 
vanno in certe notti designale quando da uno qaanda da od altra per- 
sonaggio che esse vogliono beneficare, e lo porlan seco, e con lui con- 
Tersano. 

' Magitteriu, qui Tacenda intrigata, curiosa ed anctie misteriosa. 

* RaccMiiaio da una sarta cella salita del Salvatore. 



U.t,nra.t>, Google 



LU CCRTIGGHIU DI U SETI'l FATI. 73 

danze e scene incantevoli conduceano seco qualche iadividno, 
gli faceano osservare la profondila dell'oceano , l' immensità 
degli spBziì , e sinanco gli abissi , insomma Inllo ciò che non 
è dato a' mortali di osservare, e poi alto spuntare dei primi 
albori . invisibilmente lo riconducevano ond'erasi dipartito •. 
Qaesta ridda richiama a quella tirolese di Schnbllbr, □. 13: 
Einige Hexengeschickten, n. 3. Die zwei Dimer. (Alcune storielle 
di Fate; D. 3. } due servi) nelle Màrehen nnd Sagen aus Wal- 
tehtirol. 



UigniaOb, Google 



cacx. 

Iia Cmoi di la Chiesa di S- Cruci. 

À li tempi aoUcfai uo omu guardava visUami <, « ogai 
jornu UB TO' si mitUa 'n cuaicchiuni ' nei ddu data 
punta Olmi jè la chiesa di Santa Craci; e siccomu faprì 
tri TODti, In Tujani nnì Sci rìvelu nni li paisi vicini, di 
sta fatta '. Parti' la papalazioai prì jiri a scavar! nni 
dda pnntu, e scavannu scavannu truvarn 'na cruci, ch'an- 
cora esisti nni la chiesa di S. Cruci, e cc'ò od schirittn 
chi DUQ si pò lèjirì da nisciuna pìrsnna *. Pùa cc'eraan 
li Saracini chi faciana la guerra e li Cristiani, chi jé la 
forma di In nuostru taratala, e la facianu prì acquistarì sta 
Cruci. Li Saracini piérsiru e li Cristiani cci fìciru sta 
chiesa '. 

Casteltermini '. 

VARIANTI E RISCONTRr. 

La circostanza dell& guerra e del tataratà è un'aggiunta di 
Vincenzo Palermo, che pure riferì la medesima tradiiìone. Col 

' ridiami, bestiame. 

* E ogni giorno an bne si meiteva ginoccbioni. 

■ E iiceomu ecc. E siccome fa per tre Tolte, il guardiano de' bori 
reee di quello fallo rÌTclaiione ne' paesi vicini. 

* E ec'é ecc. E v'i ono scriilo che non si pai leggere da nessuna pet- 

' Questa piccola chiesa A a un miglio daU'obilato, Terso ponente, ca- 
91odila di nn eremita. 

I dal signor 



UigniaOb, Google 



LA Cnua DI LA CHIESA DI S. CROCI. 7It 

nome dj (aratala,— mi scrive il sigaor Gaetano Di GioTsnDl,— 
s'iatenda dai paesi vicini a Casteltermìni, e si dice anche scher- 
zosamente da noi , qaelia clamorosa festa che ai celebra dai 
Castellerminesi in sul fioìr di maggio in onore della S. Croce, 
e che io descriverò nel IV libro delle mie JVotme itoriehs di' 
Cattellermini. Si fanno dne lunghe processioni a cavallo di sera 
co« fiapcole, con qaattro o cinqiie bande mnaicalì, con tam- 
bprì in gran numero ecc. Gli spazzalori di lino .vestiti biuar- 
ramenla fanno parte della processione combattendo colla scia- 
bola, inchinandosi a quando a quando a uno di loro, vpstito 
da re, con ministri e dottori a' fianchi. Battonsi a suon di tam- 
buro, dal cui strimpellamento prende nome la festa. 

Questo combattimento allude all'invenzione della Croce per 
opera dell'imperatore Costantino, ed è combattimento di gioia. 
Tutta questa tradizione sì avvicina molto a quetla che diede 
origÌDe alla Terra di S. Maria di Niscemi nella prtivincia di 
Caltaniasetta, narrata da Vito Amico, Ditionario geografico t 
tUmeo dtUfi Sicilia, voi. il, pag. 209, da Feancbsco FBaiunA 
di' Treeastagat nella sua .Stona ifeneraJa di' Sicilia , voi. VII , 
pag. 148, dal Rocahò nella sua opera StUla Città eht furono 
ne'.la provincia di CaUattiatlta, pag. 30. (Caltanissetta, ISK0.) 



UigniaOb, Google 



CCXXI. 
La Orutta dì Sabbedda. 

DJcicacc'erano 'Da vuota quattru ptcciutIieddi,uDa cchiù 
biedda di 'n'àutra; ma la cchiù btedda era una chi si cliìa- 
mava Sabbedda. Un picciiiottu azzappaturi la ''ncuilava, ma 
idda nun cci dava còcciu \ ca era viera buona. Lu picciuotta 
chi fa? 'n vidieuDu ca Sabbedda 'un nni vuHa sentiri nen- 
tj, 'na jornata la pustiau fuora iu paisI.'Comu idda passau, 
iddn cci fa di supraecuomu idda cci liei risistenza, idda 
pi la rabbia cci cassaalucori,ela.vurdicau nni 'uà grutta 
vicinu *. E pi chissu la grutta sì chiama la Grutta di 



' Ma essa non gli iliivi rena. 

' Egli per li rabbia le trafisse il tnors, e la sepslll in u a grotta tì- 

■ RaccoDlaiarai da Angela Smiragll.i. Alire grolle sono in vicinanza ili 
Cipaci, come la Grulla di la pigghia, che i, dlcuno, grande quaolo un 
boecn, e se ne servono come magazzino di paglia; la Grulla di la ia Mi~ 
nica, avente questo nome da una povera danna stala scannata dai Sa- 



e-b, Google 



CCXXD. 
Vaddl di la Donna. 

St cimta ca quannu vinni lu Coati Roggero a piggbia- 
ri la nostra farlizza ca era 'n capa la Rocca di la Motta 
tutti li Saracìni si ddI jeru ddà 'n capo ', e li Cristiani 
lì cammattiaDU di la Serra di la Baonera unni cc'é an> 
Cora lu pirtusu ca cci mittiaau la bannera; e prì chissu 
si chiama la Serra dì la Bannera. Pùa li Cristiani vince- 
rà a li Saracini, e 'o a fimmina saracina tanta si scantà' 
ca si detti a fùijri. Si nn^addunaru li Cristiani e cci sdet- 
tìru appriessu *, la juncieru ddà vicinu ani la vaddata 
di la Donna 'a facci lu vuoscu ', e rammazzaru, cà nu li 
vozi cuDtìolori *; e pri chissu si chiama la Vaddi di la 
donna. 

Casteltermini '. 

' Tolti i Saraceni w oc salirono lassù. 

* I cmliariì corsero loro dietro, li insegairono. 

* È l'anlieo bosco dì Cbindìi. di rut rimiiDe sollania il nome. 
■ E la uccisero, dacché essa non li volle contRnlare. 

' Bacconitta da maesifo Filippo Manorana, pecorara, u falla raccoglie- 
re dal signor G»elaiio Di Gioiannl. 



UiBi-iieOb, Google 



La Bocca di la Motta^ Serra di' la Bannera 
e Vaddi di la Donna. 

A li tempi di li bracini si cammatlianii li Cristiani e 
H Saracini. Li Cristiani avianu pri fartizza la Serra di 
Bànnera, e cci avianu fattu un pirtusu 'ntra an massa, 
anni miltianu la bannera; e tuttora esisti lu pirtusu. E 
sicconru vincieru li CrìBliani di la Serra di la Banoera 
a li Saracini di la Motta doppu aviri pirdatu la battaglia 
du' primarii Saracini cb'eranu frati avianu 'na suoro, e 
pigliam la fuga 'nzèmmuia ca idda, e nni dda fuga foft- 
rn pirsicatati di li Cristiani, e quannu jicàru nni la vaddi 
di la Donna, qnasi erana junti li nimici, e pi nuQ dari 
la su suora 'mmanu a li nimici, Taccisìru, e fujeni, e ch'i- 
sta si- è chi si chiama la Vaddi di la donna. 

Casteltermini '. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Questa (rtdizìsna si legge nelle Cronache dei Halaterri; e sa 
di esse Nicolò Palkeri racconta nella^aa Storia di Sieilia, lib. 
• Era fra' Saraceni di Uessina un giovine di nobile naxione 
che aveva naa sorella bellissima sol primo fiore degli aoni, da 
Ini teneramente amata. All'eutrare de' Normanni [condotti dal 



UigniaOb, Google 



LA ROCCA DI LA MOTTA EC. 79 

«mie Ruggeri, an. IMI) fuggi ■ piedi secoDdando la sorella. 
Non usa la vergine allo strapuso, agitata dal timors , corso 
alquante miglia, veans meno di gtincbsiza. La paura che la 
sorella potesst. o essere astretta a cambiar di fede, o esser 
violata da un cristiano, estinte nel fratello ogni senso dì ple- 
Ut... e di sua mano la uccise.* 

Qaeslo fa(t(r porse argomento a nn bel quadro del messinese 
Dario Qnerei, profbiaore di Disegno all'Aecademia di 9. Luca 
in Boma, il quale quadro rappresenta Ibraftim eh» ueeidt sua 
lorelta. Vedi Pntii Di alami, muvi dipinti di Dario Qutrà{Pi- 
Isnno, Di Crìsilaa, 1867], pag. 10-tl. 



UigniaOb, Google 



CCXXIV. 
La Orutta di lu Pizzu Beddu. 

A tempu di li Saracini fìciru sta-granni grulla dqì la 
cuDtrata di lu Pizzu; e sìccuomu era sta grutta la priu- 
cipali risidanza di li Saracini , chi tatti li megliu tisori 
ch'aTÌaou rammucciavana ddà , si dici chi esisti accora 
sf ora ammucciata , chi oun si può pigliar! , pricchì jò 
guardata di lì spirdi 'a forma di crasii <. Pricciò 'ntra la 
billizza di la muuli e 'ntra li stissi tisori chi fuOruam- 
mucciali ddà, cci dicinu Pizzu Bellu. 

Casteltermini '. 

' Prietlù, ecc. perchO i guardala dagli spirili ctié seno sotto forma di 

* Racconlala iJa Vincenza Palermo, e falla ractogliere dal Di Giovanoi. 
La tradizione si rìallacca all'altra col titolo: Curaggài Don Menna I 



UigniaOb, Google 



ccxxv, 
Lu pedi d'aliva di lu Capitanu. 

^Nta li thiusi di lu Bargella cc'è un pedi d'aliva chia- 
mala Capitanu; e diciou pirsuni antidù chi l'hanna vi- 
slu, chi la notti 'ola ssa loca cci caiupari uà catalettu 
c'an morlu cu quattri! torci a venta addumali, e quattru 
chi lu portanu di 'n coddu, e Tannu avvìdiri chi lu stannu 
purlanua a la Chiesa cu Creda e accumpagnamentu di 
mortu. Vonnu diri ca sta inorlu è un Capitanu chi a 
tempi antichi Tammazzam dJocu, e pirctò si chiaaia l'a- 
lititi Capitanu. 

N'àulru mi cuntau ca 'nversu menzannotti si truvau a 
passari di sfai iva -capi taoiu, e vitti un versu d' un utru 
chi si cci arruzzulava appressa 'nta li pedi '. SpavintàD- 
nusi tuttu, cafuddannu senipri a st'utru c'un pezza di li- 
gnu, e mai putenou curpillu, viaggiava sempri pi lu so 
viaggia accumpagnatu sempri di st'utru Qnu a petra Par- 
casi *. Ddocu cci cafudda 'n'àutri dui vastunati cu lu li- 
. gnu, e l'atra cci spiriu di davaazi , e nun lu potti vi- 
diri echini. 



' E villi ter-. E ville una specie d'otre che gli rotolava di diei 
* Estensione dì terreno a poclii euomeirì dall'OUvo Capitano. 
' Raccontatami da Vincenzo Rappa. 



PiTHÉ. - Fiabe e Novelle. Voi. IV. 



UigniaOb, Google 



CCXXVI. 

Lu pizza di Marabedda. 

CcVranu da' frati chi jiano a fari ddisa '; si chiaiua- 
vanu liittì<lui Marabeddì. Mìltènnusi a sciarrìarisi 'n capu 
sia muntagna, un frali curpiscì all'àutm frati e lu sdir- 
rutiba di lu pizzu appinoinu. Chiddu si prisuiju '; la Giu- 
stizia dipo' lu pigghiau e cci fìci la cunnanna chi miri- 
tava. Di ddocii noi vinni ca ssa muntagna si chiama lu 
Pizzu di Marabedda. 

Borgetto '. 

VARIANTI E RISCOMBJ 

In S. Giuseppe Jalo sotlo queslo sUsso lilolo mi è stalo rac- 
coiilato elle Xarabedda [negli nllt pubblici antichi della .Vana 
Beila) eia una donna bellìssinia, la quale saliva 1a montagna a 
cavallo per andare at suo castello. 

È probabile che laulo Questa quanto la tradizione del lesto 
sieeo Irasforuiaiioni di cosa che riguardi l'antico castello di 
Uarahut. 

' Fari adita, rjiccog1ii-re impi-loilesmo. 
' Onello si fug^i, cìoA si lese Litilanlu. 
* lUcconLilami da Vincenzi Rapp.i. 



UigniaOb, Google 



ccxxvn. 

La muatag:na di la fera. 

Sta muntagna di la fera si trova supra lu feu di la 
Guastedda '. Ora cc'era un vistiamaru, chi guardava Far- 
mali, e semi 'na specia di festa, 'oa musica, canti e balli, 
sònira , giannelti , chi paria ca stavanu partennu ca fa- 
cìanu la carsa , caramilara ca vinitiana Intli sorti cosi 
duci *, e cci paria un spittaculu vidiri sta festa 'n capu 
la muntagna. S' avvicinau sbagultutu ' ca vidia tutti sti 
cosi e ''un avia dinari p'accatialli. Appriltatu da un vin- 
nìluri p' accàltarisi sti cosi , dissi ca 'un avia dinari dì 
'q coddu '. Arrispunoiu unn di li vinnitura: — ■ Cercati 
li sacchetti, ca t' attrovi li dinari. > S'ha circatu li sac- 
chetti e s'Iia truvatu cincu grana e ha accattala citicu a- 
ranci. Prijannusi di st'aranci 'nta la sacchetta, curriu noi 
lu so patrunì, e cci cunta lu fattu di la festa , e ca 'un 
avia dinari e si truvau cincu gi'ana 'nta la sacchetta , e 
g''avia accatlatu sti cincu aranci. Lu patruni , maliziusu, 
si li fa vìnniri, e cci li paga un tariolu Punu, e n'' atra 

' Il feado di Gaisiella, proprie^ di Antonio Di Slefanu Barone di San 
Lorenzo, nel fendo Bommarito rimpeilo Jalo. 

' Orci ee'era un v.iliamaru ecc. Or T'era un guardiano di bestiame, che 
cusioJiv!) aniinuli, e udi come una [està, musica, <:anli, baUi, auani, gian- 
iiL-tli (cavalli da cucsa) cbe parsa slessero per partire per la corsa, Ten> 
dilorl di cannamene, che vendeano ogni sorta di dulci. 

* S'accostò sbigottii!), 

* Disjìe che non atea quattrini addosso. - 



UigniaOb, Google 



84 FIABE, ^OVELLE, RACCONTI EC. 

pocu di dinari cci duna pi jirisinni a'ccatlari la restu. 
Qnantu junci supra la muntagna, e nan trova ccliiìi né 
musichi, né canti, né frutti, né nenti, pirchi s'avia livatu 
la sorti iddu stissu. 

Ora < ogD'annu, a ti 23 di lu misi di giugnu, si senti 
sti musichi e sta gran fìstiua 'n forma di 'na festa di 
paisi e tutta chiddu chi viuninu é oru *. Sti cosi però 
li senti ca' 'un nni sapi nenti , cu' è a tirrena virgini, 
pirchi coma lu sapi 'un senti cchtù nenli. 



VARIANTI li RISCONTRI 

In una versioDS che ne ho raccolta in S. Giuseppe Iato si 
dice che in questa montagna la notle di S. Giovanni, a mez- 
zanotte in punlo, a lume di luna, si tiene dalle magare una 
gran fiera di ogni sorta di frutta d'oro falso. Disegna salirvi 
di corsa (la montagna è altissima) e vi si vanno a comprar 
delle mete, delle arance ecc. Ogni cosa diventa d'oro fine 
se si giunge a lume chiaro di luna e in un dato momento. 



■ E luuo quel che vendono è oro. 
* Racconiaiami da Vincenzo Rajipa. 



UigniaOb, Google 



GCXXVIH. 
lii vèrtuli di la munta^aa di la fera. 

A lu laEu di l'atra parli dì la muntagna di la fera cc'è 
'□caDtali un paru di vèrtuli dì mu'aìta d'ora, vèrtali di 
Frizzi \ e pi putìrìsi piggbtarì cc'èaì tri migghia di via 
distanti: da' migghia di chianara, e un miggliia di idud- 
tagna. Havi a pnrtari un bicctieri d'acqua china, piansi- 
na * a dda pantu ca si trovanu lì vèrtuli senza fàrìnni 
jittari Dudda strizza '. E allura si sbanca stu banca di 
dinari. 

Gei pò spuntari una a'cchianari stu biccheri d' acqua 
chinu senza jitlàrinni 'na sbrizza? 



VARIANTI E RISCONTRI. 

In altra versione di RorgeElo, queste bisiicca incantate stanno 
dentro una grotta e appeso a una pertica insieme a un fucile, 
una giberna e altri attrezzi da caccia. 

La tradizione ctie un tesoro nascosto e incantato, il quale 
si può solo vincere con lo stesso mezzo del bicchiere d'acqua 
portalo ben colmo in palma di mano per tutta la salita, corre 
io Palermo, e si riferisce a una grolla del Monte Pellegrino, 
detta Grutta di tu li'soru. 

1 Vèrtuli di P.Ì21Ì, sono sptde di bisacce Ji felpa cbe si tinnoinPriKi. 

■ P'mriina □ pi 'mina o p'af^na. fino a. 

' S(iris:a, gocci.i. 

' Racconiaumi da Vineenta Raipa. 



a. b, Google 



GCXXIX. 
Lu Fizzu dì li tri frati. 

Lu Piziiu di ti tri ii-^li si trova a Pralii, cii' è un feu 
di lu Bargettù. Truvannusi Cri Trati etti jianu a cògghiri 
minestra cu lu saccuoeddu a la spadda e ìu culeddu a 
li manu <; aviaou un pezzu di pani per unu, e si sciar- 
riavanu cu' si Tavia di maacìari prìuiu. S' arrabbiavanu 
tutti tri di 'na patti e n'àutra, e cuminciaru a bistioiiari. 
Alluna lu Signuri li fici addivintari tri bàusi * cu li sac- 
cuna a la spadda e li cutedda a li manu. E cu' li guar- 
da di vicinu , vidi ca parinu veru tali e quali com'erana 
qnannu addivinlaru di petra, unu cchiù granai, unn cchiù 
nicareddu e unu cchiù nicu. 

Borgetto '. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Caulo Brusdo, Raccolta di Tradizioni tarde, fase. !' (Gaglia- 
rì, tip. TimoD, IS73) nella Nave impietrita riFerisce che nelle 
parli raaritlirae dell' Ogliasta, nel seno di S. Gemlliauo. è uno 
scoglio comunemente Appellato Sa ttai ammarmurada, che il po- 
polo dice essere slato una nave turchesca la quale approdando 
a quei paraggi offese sifTattamenle i cristiani e un simulacro 
della Madonna che fu subito convertila in na macigno a formi 



' Essendo andati questi ire TraleMi a 
alla spalla, e i! collello alle mini. 
' Tri bauli, tre balli, tre grandi raans 
■ Raccanlalamì da Vincenzo Rappa. 



UigniaOb, Google 



ccxxx. 

Lu bancu di Bdisisa ^ 

Lu banca di Dtlisisa è un lisoru clii si trova 'nla li grulli 
di lu feu diDiJìsìsa. Cunlanti l'anlichi ca cc^èungran mas- 
séoti di dinari ■ di manila d'oru e d^argenlu, e cu' è dii 
lì pigghia 'un Irova cchiù la porta di nèsciri. Ora certuni 
vulenou pruvari si piitevanu nèsciri, s' liannu pigghialu 
'na munita d'om e 'un hanno pulutu nèsciri. E s'hannu 
pigghiatu lu crapicciu di fari aggliiàllìri ón cani 'na munita 
dì cliisii dintra 'na muddica di pani, e sta cani 'un lia 
putnta nèsciri. E tannu ha nisciutu stu cani quannu ha 
jutu di corpu S ed ha jutu puru ìa munita. 

Pi sbancari stu gran Bancu di Ddisisa vonnu diri l'an- 
tiehi ca cci voli tri Santi Tunisi * di tri capi di regnu; 
dipo' pigghiari 'na jimenta bianca, ammazzalla e livàricci 
la campanìru ^Chislu si l'hannu a manciari afrittedda * 
ddà dintra, dipo' s'ammazzanu a li tri Santi Turrisi, e iu 
bancu si sbanca. 



> Qiies[^ collina, rii-l cui seno soa qiiflsle grolle soli iTrn dee, è coviti» 
iliille Tùvine il'un ciislello arabo. Vedi nella Itenim ainhieaiiim quie nj 
hittoriamticulamipetlant ampia C<iUectùi<liti.GiieauBlo{VcLn., MDCCXC) 
1» Sk'Uiai DeieiipUo ex Geograjiliia Nabiem'-. 

' Dna gran massa di danaro, 

' E alliira questo caiii> è liscilo quando ha evacuato. 

• Ci To^'liono ln> cliii si chiamino Santi Turriti. 
' Poi (uglierte le inierìora. 

* Queste interiora se l'Iianoo a mangiare u fiiMln. 



UigniaOb, Google _ 



ss FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

Li banchi cchiù nnaminati sunnu tri : Rocca d''Antedda, 
Ddisita e la Grutta di Re Cuccù ^ La Re Turcu dnmanna 
sempri: — (Su' sbancati sii tri banchi?! Dici:— (Nd.> 
— i '.Nca la Sicilia è ancora povira '. ■ 



VARIANTI E RISCONTRI. 

Riferisco qui appresso, sebbene quaei la stessa, la ifadizione 
sDlla nocca d'Antedda o d'Anleddu, co.me udii dire a Camporeale; 
ed intanto ecco qui una tradizione simile sul 

Pina Gadda. 

'Ma )d prima pìztn di sti muntagni ce' 6 an pìrtusu, e di 
ddocu si scinni pi jiri a spignari an gran bancu di dinari chi 
cci su' sarvali. Uà coma ana s'ha jinculo li sacchetti di di- 
nari va pi nÈscJri e non pò, ca lu pirtusu si trova chiusn. 
Dici ca certi voti ha saccessu ca comu unu si trova cu li sac- 
chetti belli chini si cci abbenia nn cani niuru pi fìricci jittari 
lutlu , e tanna lu lassa quannu chiddo ha jittatu Sina all'ar- 
timo grana. Altura pò nèsciri. 

S. Giuseppi Jato e Camporeale '. 

Come si vede, qui 6 aggiunta la clrcostama del cane nero. 

Ecco intanto un'altra versione sopra 

Ln Bancu di Ddiiìia. 

Stu bancu à 'nta 'na grulla e cci su' tanti càmmari, ma'tanti 

> Ri Cumu, è una grana in una collina Ira Partlnko eSicciara. 

* Cfr. V. Di Giovanni, Cronadu lùi'liat», noM nlla Cronaca di Fra Sj- 
ni<>n« da Ltniiiti. 

' RacconUlami da Vincenzo Rappa. 

* Da persone' di quei due comoni. 



Dp-reMb, Google 



LD BANCU DI DDISISA. 89 

Unti.A. 'ala l'urlinift di gti càmmari cc'è unu assittatu 'n sog- 
ghiu cu 'na cannila 'mmaDU. Comu si Irasi cc'È unu ehi sona 
la tamronrina , e comu triisi s'havi a jiri a pigghiari la can- 
nila chi cci proj chiddu di lu sogghiu. Si si la pigjjliia, lu ti- 
soru è sbancatu; ma si nun è prontu a piggbiàrisi sta cannila 
arresta ditlt pi pignu. Pò essiri ca chislu si cata a pigghiàrisi 
li dinari, ma è tullu lempu persu pircbi 'un pù nèsciri cchib. 
Btayetto '. 

A proposito de^ mezsi necessari ad aprire i leiori di DdUìta, 
in Camporeale mi è slato detto che : • Chistu b lu cchiù gran 
banca di l'anticbìlà. e li scupitlati hannu a vbggbiri pi sban- 
cari stu banca. > 

Tradizioni simili a questa ve ne banno molte in SìcIIj'ì), non 
escluso nuche l'ajermo, ove corre la frase cireari la (rullatura 
a la petra di la Gaipa, nata dalla credenza che nelle caverne 
della Pietra della Caipa. luogo pn.'sso lo $eogghia di muitaz- 
xola a Romagnuoio [tra Palermo e Acqua de' Corsari), sia in' 
cMitato un tesoro (vedi quel che ne scrive ìl Vili.abiahca, 0- 
fuieoli paltm. voi. XVI, PaUrmo d' oggigiorno, voi. Il, pagina 
1S4, ms. della Biblioteca Comunale), ed ove corre anche popo- 
lare la Grulla ài lu titorv alla spiaggia sotto Uonte Pellegrino, 
ricordala pure dal Viixabianca (op. cìt. pag. 117). 

Degli occulti tesori o tesori incantali del volgo fa cenno lo 
stesso autore, Opute. pater., voi. ). Disserlazìone V Delle ami- 
che mete e prezzi dei generi del Regno di Sicilia e delti peti e 
misure, pag. lì e seg. [ms. Qq E 77 della Biblioteca Comunale). 
A* tempi del Vìllabianca correa in Sicilia ms. un libro tradotto 
dal greco dello la Scrittvra dei tetori, lavoralo, por quanto 
credevasi, da alcuni greci di Costantinopoli. 

Vedi pure APitas. Cronol. licil. cap. is pag. 00, ci; eUoN- 
ciTORB, Sicilia ricercata, voi. I, cap. S9, pag. 9?0 e se^. 

' Da Dna fame. 



UigniaOb, Google 



CCXXXI. 
Bocca d'Antedda. 

Cantanu li genti ca cc^è 'na grutla cu 'na porla co 
'na gran qaanlilà di grana, a Rocca' d'Anleilda. Pi pig- 
gliialla, Uicinu ca comu tràstnu, a lu nésciri "an lianou 
pututn nèsciri ccliiui. Pi nésciri, li dinari vonnu sangu. 
Lassannu li grana, aliura si trova la perla di nèsciri. E 
hannu fatm prova di purlàrisi In criscenli ' e li cani , 
pri sti dinari raittiriccilii 'mmenzu lu criscenti e daric- 
cillu a mangiari a lu cani; ma lu cani ^aa ha nisciutu , 
sulu clii quannu lia dipusitatu li dinari cliMia aggliiul- 
tutu. 

Tri sunou ti banchi di la Cicilia: Rocca d' Aiìtedda , 
Muati di Rosa e Bancu di Ddisisa. Lu GransigQuri di Cn- 
stantinòbuli ' sempri dumanaa pi vidiri siddu banna 
sbancatu sii dinari, e quannu senti ca nun l'haunu sban- 
calu, dici : — «La Cicilia è povìra! » 

Salaparuta '. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Vedi la Bancu d) Ddisisa e le sue Variaali e Riseonlri. La 
dimanda e la sentenza de! Sultano ili CosUn tino poli è comune 
anche nella stessa tradizione e si può raffrontare con la con- 
chjusione della tradizione CCXVI : Li DiavHli di la Zita. 

' Il Saltano di Cosi a ii liti opali. 

' Raeron talami da l^urlo Loriu i >pran nomi nato BòaehiaTO. 



UigniaOb, Google 



CCXXXll. 
La muntagaa di Sautu Cuonu. 

Santu Caonu dì Pultzzi è ''na mu'ntagna di li Madunii 
e si cliiama accassi pi essìri ilintra Raccuonu ' ca la 
mazza ctii guarda la truvatiira. Sta muntagna havi 'na 
porta di lignu tutta farriala d'arièddura ', e pi l'esperien- 
za chi hannu avutu l'anlìclii si grapi ogni sett'anni a lu 
Jòvidi Santu 'nfìnu a guantu dura la Passiu a la Natrici 
di Pali zzi. 

A lu mumentu chi si divi apriri cala 'na oiggliiazza *, 
e jìnchi tutta la muiilagna e ddi cuntorna pi quantu ai- 
menu ognuDu si spaventa di dda gran scuria e nun sapi 
cctiiù dunni si trova. 

Dintra sta muntagna ci sunnu setti cfnninari oscuri 
sutta terra, unni ci sunnu lì munzedda di li dinari. 0- 
gDunu ch'è curaggiusu pò jirisilli a pigghiari, ma si havi 
a metlirì a cura ' di lu tiempu chi forma li sett'anni; e 
doppu di chissu divi stari avirtenti di lu mumentu chi 
s'apri la porta pi accussì essiri guagghiardu a scippar! 
la mazza ' a Raccuonu pi stari sicuru a nun si chiudiri 
cchiù la travatura e 'un muriri ddà dintra. Sìdda a Rac- 

' Baecuonu, furse Be Corni, sMondo la iraJijione volture è una sialua 
iti marmo cht irovn» Milo questa inonlagTi!i, 

■ Tutta girata il't-llera. 

■ Nigghiazza, pe([g. di neggh'a, nebbia. 
' Ma dee bndarc- 

' Pfr MPl psser gaglbrJo (pronto, solleciln) a lOjilier la rasKi. 



UigniaOb, Google 



92 FIABE, NOVELLE, RACCO.VTI, BC. 

cnona nun s\ arriva 3 livari la mazza, altura si &là cu 
cìrtìzza ca la truvatiira ala fiouLa di lu Passiu si chiudi, 
e cu' è dintra resta dintra. 

Stu tisoru si dici ca si l'avissim fattu metliri l'antichi 
Re, li quali pi stari sicari C3 nun si Tbavi 3 pigghiari 
nuddu ci misiru pi guardiana a Raccuoou, ca ca la sula 
prisenza chi pari clii valissi dari mazzali, fa spaviatari a 
li genti. 

'Nta sta muntagna c'è lu 'ncantisimu, e perciò unu chi 
arriva a carricari li dinari a la Disciuta, siddu havi a 
turnairi arrieri, havi a lassari un pigna pi quanta alnienu 
putissi vidiri si la furtuna è so , e accussi senza tuppu- 
liarì la porla, Raccuonu, ca sapi lu luttu, ci putissi grà- 
piri e ci lassassi purtari lu lisoru. Ma si a lu cuntrariu 
arrivatu arrieri a la muntagna trova lu pignu ddà, e la porla 
nun si apri, alluna nun divi fari risìstenza, pircliì é si- 
gnu certu ca la furtuna 'un è d'iddu, ma di àulru. 
PoHzzi '. 

' Raccdlla dal signor Vjnienio G^iilunp . 



UigniaOb, Google 



ccxxxni. 

La Bocca di lu Fizziddu. 

Vicina Cammarala cc'è la rocca dì lu Pizziddu, ca è a 
forma di maatagaa ca cci sunnu (ìcudinia e fastuchi '. 
Chissà è 'na muntagna ricca: cci snonu Irisorì , tanta è 
veru ca 'na vota vinni un Griecu di Livanti , ca cu sta 
sintura ' di stì trjsori li vulia pìgliari. Si Sci amica d'un 
cammaratisi, e cci dissi: — • Nn' ha' curaggiu ca ti Tazza 
aiTicchiri ? • — « Si. » — « Camina cu mia. > Jera a lu 
Pizziddu , piglia' un librazzu e 'na cannila niara *, cu- 
mincià' a lejirij s'aprì' dda pilrunì e truvà' ddu trisoni. 
Si pigliaru stu dinaru e si nni jeru a la casa. Lu ma- 
gàru cci dissi a lu cammaratisi : — t Sun cci tamari 
salu sa'l masannó cci appizzi la vita. • Lu cammaratisi 
cci gastaru li picciuli e cci turnau, caglia la squagliami 
di la cannila f, e fici 'na piccitidda cannila *, dissi ddi 
palori di lu Mau, e s' apriu la petra di lu Pizzidda. Lu 
viddanu 'ncuntenti *, nun laliava ca la cannila jiascun- 
fihiennu ''; comu s'avfa pnrtalu du' sacchi ranni, aranti 

' Ca cci ninnu ecc. e vi gopo (vi crescono) fichi d'indra e pisUccbi. 
(Fichi Opuntia e Piitacmm ili Liim.) 

' Con questo seniore (ilei tesoro incantalo). 

■ Prese nn librone (ili magia) e una candela nera. 

* Raccolse quel che era squagliato e sgocciolalo dalla candela di cera 

' E fece un.1 picco'i taoilela. 

' Il Tillai:a incaQlalo, non coiiteato. 

' Vedevi che la candela andava veuendo meno squagliando. 



UigniaOb, Google 



94 PUBE, NOVELLE, BACCO.NTI, EC. 

chi l'inctiin, la cannila s'astutan. La petra si cìiitiìja, e 
rìstau ddà jintra. Nun puteunu cchiù nèsciri, di la rab- 
bia £i rasicau 'na tappìna *. 

Ora pi puliri pìgliari stu trisoru di lu Pìzziddu cci voli 
ca un cavaddu a tutta cursa carainassi grigna grigna di 
la rocca sìna a la punta '; e allara lu 'ncatisimu sì Mvas- 
si, e Tussimu tutti ricciii. Stu cavaddu 'un s' tia pulntu 
tmvari, e semu tutti mianunì *. 

Camntarata '. 

VARIAMI lì RISCONTRI. 

L'ìntpossitiìlitit liti' mezzi necessari .il disincinto dei tesori è 
comunissÌQia nelle tradizioni <li questo genere. Vedi le nostre 

ccxxn. ccxxvin, ccxxx. ccxxxi, ccxxxvu. 

' Si rose unn pianella. 

' Ci vuole che un cavallo a lullu corsa monii sulla eresia ileila ro^^vi 
sini) ntla jianla delta rocca stessa. 

' Racconlaloila Pielro L» Piana. 



UigniaOb, Google 



CCXXXIV. 
I^a OhisuUdda di la Sarvatari. 

Vicina li muntagni di li Madunli , c'è a Pulizzi 'n'àa- 
tra muntagna chi nuì chiamatnu S. Cnonu. Sia tnantagna 
si grapi ogni sett'anni, e alPura giusta di lu Pàssiu, a lu 
Yènnarì e Santu matina. * 'Nta sta muntagna cc'è la tru- 
yatura, e vuìennu iinu 'na vota pigghialla, ci ijn ali'ura 
giusta, primu di dìrisi lu Pàssiu a lu paisi. Arrivau e 
truvan la porta aperta. Lu viddanu vitti ci l'ura era 
appiiiitu pi putiris" arncctiiri: trasiu,e siccomu sapia 'n- 
socclii avia a fari, lu primu chi pinsau Tu di jiri a liva- 
ricci la mazza a Santu Cuotiu, lu quali la lassa di li ma- 
nn sula a lu tempu di lu Pàssiu. Ci la scìppau, e ci ta 
pusau 'n terra. Ddà sintiu tanta battana di tanti chi stra- 
scinavanu catini di luntanu. Idda si misi a pigghiari li 
dinari, e li misi ni li visazzi pi carrioalli a li vestii chi 
tinia fora. 

Ci li canicau a li muli, flci rivirenza a Santu Cuonu, 
e si pigghiau la retina pi jirisinni. Pigghiannu la via di 
Id paisi, si iuccau e vitti ca ci mancava la burritta, Tavia 
pusalu .ddà pi lu gran rispetlu chi si divi fari a Santu 
Cuonu. 

Lu viddanu, nua ci vulennu appizzari la burritta, ar- 
rigira.a, lassau li vestii ddà davanti, e trasii arrerì. Misi 
a caminari ddà dintra pi circari ia burritta, e si ptrdia 

' 1.3 maUloii ilei Venerdì Sanio. 



UigniaOb, Google 



yo FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

ddà. Circava poi la porta, e Dun la vitti cchiù, pirclii 
Santa Cuoqu ci Tavia cliiuduta giusta appunta pirchi avia 
flnutu lu Pàssiu di la Maliici. 

Lu viddanu si lu crilti ca lu mutivu era chissà, e si 
vitti persa, vidennusi ca cctiiù nnn putia nèsciri, e avia 
a muriri. Lu puvtredtlu poi morta pi morta sì misi a fari 
prighteri a Diu, e ci prumisi ca si lalibirava, e lu facia 
nèsciri, iddu avia a fabbricarì ^na chiesa ddà 'a facci a lu 
noma di lu Saivaluri. Lu puvireddu poi, pi vulìri di Dia, 
s'arriscìdiu la sacchetta ', e travau ca avia 'iia sferra vec- 
chia di cuteddu; la pigghiau e taliava li mura pi vidiri 
siddu putia fari qnarchi purtusu pi nèsciri. Tintau, e co 
la sferra accuminsaa a rascari la muru, e lu mara si ni 
vinia pizzuddi pizzuddi. Arrivau fiualmenti a fari uà pur- 
tusu quanta iiida si ci putia 'nSlari, e nisciu ringrazianna 
cuntinuamenti a lu Signuri. 

Li dinari chi avia lassatu fora li truvau tali e quali : 

si li pigghiau cu tutti lì muli, e si lì purtau tuttu cun- 

tentì a In paìsi. Doppn jorna , comu iddu avia prumisa 

ddà 'n facci ci Sci fabbricari la Chisulidda di lu Sarvatxiri. 

Potizzi-Generosa '. 

' Si frogù la tasca. 

■ Ra<»:u[la dal sig. Vii^cenza Gialongo. 



UigniaOb, Google 



axxxv. 

La Petra di 11 setti MuU. 

'Na vota viaggiava un vurdanaru; e parlava cu iddu 
setti muli carricali di fiamentu. Janlu chi funi li mtiD- 
tagni di Pulizz) ci scunlraa un Rimi tu di iaChiesadila 
Pietà, chi ci addumaanau la limosina. Lu vurduaaru, ca 
nuQ cridia oé a Diu aè a Santi, ci Sci la nigaliva, e anzi pi 
junta et liei maltratti. Allura ddu bonu servudi Dluspìn- 
gia Tocchi a lu Celu, e l'arraccumanDau a lu SigouriI 
Chi vidistivu già? Si lassaa jtri di la cima un pezzu dì 
montagna, e carruzzauau scacciau ' a iddu e a li so' selli 
muli carricati. Doppu tempu alcuni genti chi jiaun pi l'af- 
fari so' a li jardina vicini, vidiaau ca lu rurdunaru facia 
arrisuscilari li muli carricati di frumentu, esicci mittia 
a cavaddu. Cu li manu spingiuti * vidianu ca iddu a ca- 
vaddu stissu circava di cogghìri di l'arvuli li frutti chi 
pinnevanu. La petra è granninsa, e tutti la chiamann an- 
cora La petra di ti setti muli. 

Polizzi-Qenerosa ', 

■ E rotolitnilo schi&ccl6. 

* Con le iDsni aliale. 

* Rne olta dal àg. Vinceiiio Gialongo. 



riTRÈ. - Fiabe e Novelle Voi. IV. 



UigniaOb, Google 



CCXXXVI. 
La Crèsia di la S. Nunziata. 

^Na vota 'otra slu nuostru paisi cc'era ud galaoiomu , 
ricca abbastanti, ma viziusa e malandrinu. Stu futtu a 
galaotomu, doppu aviri passata la giavintuti ammenzu 
li Yìzii, e doppu aviri fatta cliianciri tanti Cgghi di mam- 
ma , fìDarmeolt si liei vecchia e cu la vicchiata missi 
sienoa. 

Visti ' altura ca Tanni ci pisavana sapra li spaddi e 
pirciò accamiiizò presta a pinsart pi l'àatru munnu. Ac- 
caminzò a diri rusaria e patrioaoslra; a sentiri e a fari 
diri missi a monaci e a parrini, a fari limosina, 'ola 'na 
palora, ijuannu visti ca 'un''avia cchìù clii scamintari *, 
pinzò di fabbricari 'na Criesia e ddà mettiri para 'na spe- 
di di Monasteria : sta Criesia la vulò a la Mairi Santa di 
la Nunziata. 

'Ntantu si nni vinni cummari Murtidda, e, bona notti 
a li santi ! 'Mpirò nan passò tanta assai ch'iddn maria, 
clii un pìzzudda cchiù sutticedda di ssa Criesia *, giastu 
unni la tirriou ' si sprnfunna e fa dda sorta di vadda- 

' filli per siiti, vm. 

■ Q lando viite die non ave.i più che fare. Stunitilari. che ullrovu di- 
cano (pi-lminliiri, ipirimintarl, speri min tare, meltere in campo. 

' Intanto venne comare Morie, a buona nutle a' sanii.l (cioè, e fini 
tu(Io): P«ró non p..s$ò motto dopo la sua marie che un po' più soilo di 
questa chiesa. 

' Proprio, precisamente nel terreno (lirrtnu p>'r lirréna, come li- 
rinu per i.Vsnu.) 



UigniaOb, Google 



LA CRÈSIA DI I.A S. NUNZIATA. 99 

nata ' unni mancu cci posaau li corva; la genti chi slava 
vicina di casa, vidia 'nira la stati e 'nta lu piernn di la 
càudu ' paasiari pi supra dili sdirnipuoa un uomu 'ntab- 
barratu 'nsinu a la punta di lu nasn , chi mai si sidia, 
mai stancava, ma sempri spassiava e spassiava I 

Sia marumbra si facia puru vidiri di notti e di varii 
manieri. Qoannu cc'eranu timpiesti di vientu e Tacqua , 
ammenzu a lampi e trona, si Jittava pisi pisi ', iddu si mu- 
strava a quarchi poviru viddanu chi pi forza avia a ca- 
minari a chidd'ura e cu ddu timpurali, supra un cavad- 
dazzu nìuru cchiù di la pici, cu li capiddi tisi tisi supra 
la fruntì vislutu tuttu di rassu cumu na scartatu chi fu- 
jeanu a tutta scappala supra ddu cavaddazzu, vurnmicava 
di la vucca fuocu, fumu e faiddi *. 

Certi vuoti, pùa, cumparia cumu un crastazzu cu H 
eorna deci panna 'nturciuniati =, tant'àutri cum'un cani chi 
alluccava ; 'nsumma nun lassava viersn e maniera di 
fari scantari la genti, e st'aniiua addannata tulli cridianu 
ch'era l'anima di ddu fattu a galantomu chi avia fattu 
fabbricari dda Criesia, e qoannu passanu di ddà, si fannu 
sempri lu signu di la cruci e si raccumannanu a la Ma- 
donna di la Nunziata pi nun vidiri dda brutta mal'umbra. 
Lipari '. 

' Vaddiinala, vallonala, vallala. 

' Fidia ecc. Vedea nella slaUt e nel perno (nel cenlro. nel flLtu)iiel catJo. 

■ l.'atqaa ti jitlafa jiisi pili, in Fai. t'atqua cadeva pUnii pittili, l'acquu 
elideva a rovesci. 

' Vomitava dalla bocca fuoco, fumo e faville. 

' Alcane volle poi (pùi) compariva come uij gran becco con te corna 
dieci p.jmi (lanche) aliorcigliaie come un cane che aMen'Ieva pane. 

< Baccolta del sig. Salvalore Amendola e favoritami dal proft I^lierio 
Lilio Bruno. 



UigniaOb, Google 



CCXXXVH. 
La Turri di S. Branoatu. 

A Pulìzzi c'era 'na turri, aliata propria di la Chiesa di 
S. Brancatu, DiDlra sta turri ci abitarana li spirdi, pirchi 
dici ca n'avianu avuta 'spirienta; pirció nuD suto cadin- 
tra ssa turri 'nn ci irasia nuddu, ma chi mancu ci vulia- 
n\i accustari di fora. 'Nca 'na vota si juncieru lami pic- 
ciuotlì, e Tacianu discursu tra iddi di cui si sintia lu cchiiì 
curaggiusu. Fra l'àiuri un picciuottu dìcia ca iddu ni rulia 
centu di tutti iddi, ca s'avia truvatu tanti voti a darì 
provi di la so gran curaggiu. — • Va beni, ci dissiru tutti 
ràutri, 'nca giacchi tu ti sienti lu cchiù curaggiusu, tutti 
quanti! siemu aviemu a mettiri 'na scummissa di dinari, 
e sta scummissa 1' avia a vinciri cbiddu chi trasi diutra 
la turri di S, Brancatu. • — « Va beni, sugnu prontu a 
jìrici iu lu primu, ci dissi ddu picciuottu chi si cridia la 
cctiiù curaggiusu. Dìpusitamu parò lì dinari di la scum- 
missa; 12 tari l'unu. » — . Va beni, ci rispusiru tutti Pàu- 
tri, ma nui cuomu ni accirtamu si tu veramentl ci trasi? > 
Altura pinsaru tutti d'accorda ca lu signali duvia esstri 
cliìddu di chiantari un chiuova 'nta un mura di la tur- 
ri 'Nca altura lu picciuottu dissi si e ci dettiru un gmos- 
su chiuovu pi accussi jiri a fari la prova. Chìdda si li- 
cin^iau cu tutti e si ni iju. Arrivala chi fu 'nta la turri 
pigghiatu di curaggiu, acchianau li scali, e si ni iju 'uta 
In 'nteruu di la turri. Era tardu, e cc'era macàrt ti- 
muri a'slari dintra la turri. Lupìcctuollu primu di chìan- 



UigniaOb, Google 



LA TUBBI DI S. BRANCATU. 101 

tari lu chiovu 'nla lu muru si guardava davanli e dar- 
rieri pi vidiri cu' era chi avia a vèciiri pi livàricci la 
vita. Cu rummri di la notti già si accuminzau a guasla- 
ri la fantasia, ma jirisinni senza avlri fatili nenti nun lu 
valla fari, pirchl vasinnò ci appizzava li dinari di la scum- 
missa: e pirció circava di ailèstisi pi poi jirisioni currien- 
nu. Lu chiu3VQ pi chìantallii a lu muru si lu misi 'ola la 
mana manca e la petra chi avia pìgghiatu pi chiantallu, a 
la manu dritta, e siccuomu si misi 'n facci di lu muru 
dunni chiautava lu chiiiovu, ma vatalu, cu la primura 
spirlusaa la punta di lu cappuottu senza addunarisinni. 
Finenna di cliianlari lu chìuovu, cent'anni ci paria di jiri- 
sinni, ma quali fu lu spaventa quannu si vidi lèniri pi 
lu cappuottu? Allura ci parsi ca eranu li spirdi chi la 
tioianu pi un lu fari nèsciri cchiù, e pi ammazzallu. Tuttu 
lu curaggiu ci flnìu atlura, e tanta fu luscantu ca cadiu 
ddà stìssu muorto. Jamu ora all'amici ca nun la vittiru 
vèniri cchiii: ci parìa un sctierzu chi chiddu ci valla fari 
pi faricci vidiri lu so curaggiu, e ca nan si scontava di 
slari ddà dintra. Quannu puoi appuraiu beni ca a la casa 
pi du' jorna 'un si ci avia arricuggliiulu, e li ponenti 
stavanu cu 'ntisa, allura currieru tutti pi vidiri si fussi 
dintra la tnrri. Vanna ddà e lu trovano stinnicchiatu 
'n terra, cu la punta di lu cappuottu 'mpìntu 'nta lu mu- 
ru. Allura sì 'mmaginara quali fu lu mutivu. 
E chissà è la Turri di S. Brancata. 

Potizzi Generosa. 



UigniaOb, Google 



riABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 



VAHtAKTI E RISCONTRI 



La Dieilesinia traditìoDe corre in Palermo per U Titrì-i di li 
diacttli, fabbricalo antico « di bella archìtetlara deUa Guada- 
gna presso Palermo. — Piola, Dizionario dette tlrade di Palermo, 
.pag. 16-16 scrive: «Corre nna antica tradizione su questa 
torre, di un tale chu di notte per iscommessa andò a piantare 
un chiodo nella parete d'una stanza interna dì quest'edifìcio; 
che poi rimase attaccato osi credette ritenuto dai diavoli. • 



UigniaOb, Google 



CCXXXVIII. 
La Pizzareddu '. 

Lu Pizzareddu è 'na muntagna vicinu Capaci. Cc'eranu 
a tiempu il Turchi, e lassàru ddà od qualurna * cliinu di 
munita d'aoru; a cu^ cci va a mori, si spigna sta truvatu- 
ra. Ora a discursn ', si unu cci va a'mmazza a n'àutru, 
va a spigna slu quaturnu. Ddà nna la truvalura cc'è scritta 
sia cuosa 'nta 'na pietra. Cu' è chi si puorta e va a'mmazza 
a n''àulru ?.... 

Dduocu cci vannu a'bbianu li piecuii e li vistuola, pir- 
clii a muntagna '. 'Na vuota un pìccirìddu si scanlau ca 
€ci cumparìu unu cnoma un fratellu >, e cci java pi dap- 
priessu. Lu picciriddu si nni faìju; e lu Tratiellu ci iju pi 
dapprìessu. Lu picciriddu junciu a li casi, e lu fratìellu si 
nn'acchianau supra un vàusu. E lu picciriddu cuntau ca 
chistu prima si fici cani, poi corvu, e poi spiriu. E dici 
ca iddu lu chiamava pi abballari cu iddu; e si lu picci- 
riddu cci java, Torsi ca si spignava la truvatura. 

Capaci *. 

' Pizzartdilu, ilim. iti P'»u, r|ui pania, esirtmiifi, o acame lii mon- 

* Qualurau, colarno. 

* Ora. per modo d'esi;inpio. pulì il caso. 

' D<iuacu ecc. Coslì (quivi) «wisoo le pecore a io T:tcche , perchè è 
verso la mnnlagna. 
< Gli comparve ano come k fossa un frale laico. 
' Raccon titsm i <la Angeb Smiraglit. 



UigniaOb, Google 



CCXXXIX. 
La str&mula di lu corvn. 

Sta stràmnlaè ^napiccula brìvaturedda ^ unni cci vana» 
a viviri li corri , e tolli sorti d'aceddi , pirchi qnanna 
chiuovi si cci arrìcoggbi Tacqna. Sulla di sta straniala cc'ò 
'na grulla, ca cc'è rurdicatu un santu ciacerdutu '. Dici 
ca rammazzaru a liempì antichi lì SaracÌDi ; pirchi iddi 
ammazzavanu a ca' era era, senza piata. 

Capaci '. 

' Brìvaturtdda, dita, di ti-irafura, ablrSTBraloio. 

* E Ti è sepellilu un sanlo sacerdote. 

* RaccunUla ria Angela Smir^K""' 



UigniaObyGOOgtC 



CCXL. 

La muutafirna di lu Raja. 

A la inuDtagDa dì Raja cc'é un bucd, e ssu bacu è tag- 
gliialu tultu a garbu di sorfàra '. Li porli su' di sta gar- 
bu : 'na purticedda ogni lantu. Cc'èni coinu uà pezzu di 
saja d'acqui *; passannu Tacqna s'attrova 'aa casa sdir- 
rubbata, e poi, passannu la muatagna, Tacqua è stìmpala ', 
e cc'è 'oa truvatura, ca sunna dinari di li Saracini. 
Salaparuta *, 

■ È tiglJaU B fuim^ di toiraj». 

' V'é come nn pazo di cmala d'acqua. Sii;!i, gori. 
' Slivipala, seijzi .ir^ine. 

' Raccanlalaml ild Pirlro Lana sogirannominalo Bòneki''ro , il (|ualB 
conchiDdeva cosi ', 

■ Jeu l'ci rrasivi un [lirauddu; si Wasi vasciiiliddu, poi è allu , a cur- 
riiuri. L'acqua è fiidil.i un gelu. Poi 'un polli jirì cchiu avanti. • • 

Si sa da aliri che vi sono entrati die nelle pareti del corridoio si tro- 
vano di qnanilo in qoando cume de' posi di lumi , e vers > I» volta ve- 
stigi dì fumo. 



UigniaOb, Google 



CCXL!. 

La Bèg:e:ia di lu tarcu '- 

^Nta sta sèggia s'Iiaonu Iruvatu ossa antidii e muaili. 
Vonnu diri ca na turca ddocu era 'n qualità di Re, e 
'nta ssa petra si cci assitlara. 

Salaparuta *. 

VARIANTI E RISCONTRI 

A' piedi del Monte Erice è anchd un luogo detto Ssggìu, ove 
corre voce che si fermasse Giordano figlio di Ruggiero andando 
contro i Saraceni di Erice verso il 1076. 

' Saggia seilia. 

* RacGuntaia dn Pieiro Loria, soprannaminaio Bònehiaro. ' 



Uigniedb, Google 



CCXU[. 
Iiu Casteddu di Ficarazzl. 

La casteddu di li Ficarazzt è or casteddu anlìcu , e a 
tempi antichi cci abitava lu Principi cu tutta la so 'sim- 
blea *. Stu Principi cci accliianava a cavaddu , pirchì la 
scala era 'na cosa bella assai, 'na cosa riali. Sutta lu Ca- 
steddu cc''eranu e cci suqdu ancora li càrciari, e cci sla- 
vana tutti cliiddi clii la Principi facia pigghiarì *. Qnar- 
chi vota però sii carzarati spitianu e 'un si ani sapia 
cchiù né nova né vecchia. Di 'na càmmara di chisti chi 
sirvianu pi càrciarì si java 'Qta 'na càmmara scurusa ca 
cc'era un Irabuccu; comu lu puvireddu era purtatu nna 
sta càmmara finia : dànnu ■ du' passi cci vinia mena lu 
tirrena , e cadìa 'nta 'na gran fossa ca a lu funnu avia 
tagghi di rasola, cutedda, panti;di pugnali, spiti, crislallu 
tagghienti, e arristava appizzalu chiuvennu sangu di tutti - 
banni *. Amaru cu cci 'ngagghiava ! Né ce' era piata pi 
Duddu t Puteva essiri lu figghiu di Diu , forti chi lu 
Principi si lassava scappari lu ventu di 'mmucca ', la sin- 
lenza s'avia a fari. 

' 'Simblea o più ilaliariumenu 'simblea, a^scmblra > <iui sègoilu , ca- 

* Soilo il wuwllo iVrano e vi sono anwra le carceri, e tì slavano co- 
loro che il Princip' Ucvi prendere. 

* Oànnu. dando. 

' Piovendo (inand:indu) sangue da tane ie parli. 
' Farli ecc. Appena che il Principe si lasciava uscire il flato (il co- 
mando) di boiica ecc. 



UigniaOb, Google 



108 FUBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

A tempi mei slu trabuccu lu chiujeru pìrchi lì lempi 
'aD portanu cchiù sti così; ora li gemi hannu l'occhi a- 
perti, e prima di fàrisi aslutari d'uou di chisticci haunu 
a vidiri tutti li spìccliia , e maceri 'no si scantanu d^a- 
stutàrisi a iddi '. 

Accuse] va la storia di lu Casteddu dì li Fìcarazzi. 
Ficarazzi *. 

' Adesso gli uomini hanno gli ocelli iipt-rli, e prima d i farsi spegnere 
da uno di questi (signori), l'hanno a veder tuit.-i, e perfino non av»!)beri> 
paur^ di spegner loro. 

Aslttlari, voce furbesca, per uccidere in silenzio. T diri li ipirehia d- 
'na com, veder la Gne d'una cosa; presu d.igli spicchi di che si componu 
una oielarancin, un limone nello sbucciarsi. 

' Ra<7canIato da Cosmo Perlong^ si [iranno mi» a lo AmmuUa. 



Uigniècib, Google 



CCXLUI. 
Lu Chiana di Tarla *. 

A tempi stu chiana si chiamava lu Chiami di li fur- 
cbi, e si chiamava accussì pircbì ca ddocu cci stava sem- 
pri chiantala la furca, senza livarisì mai. Lu Principi era 
patroni di zoccu vidia cu l'occhi, e nuddu cci putia diri 
< chi facili?' pirchì li Ficarazzi erana d'iddn, e iddu 
pulia fari e sfari, e facia jirì a morii a cu' cci piacia fin- 
cenna ca lu cunnannavanu li nostri slissi viddani. Uà 
sii viddani chi facianu di judici eranu judici accussi pi 
"mparìssi *, pircht comu putìanu fari la liggi giusta si 
eranu stiggichi dì lu Principi e Tavìanu a obbìdiri ? Vi- 
nia, sempegrazia iu *, chi a lu Principi 'un cci piacia; iddo 
chiamava sti judici: — < Faciticci la. causa a sia malacar- 
ni ca s'ha arribbillatu a li mei stati! • e li viddani boUu 
'nlra bollu: — • È reu e havi a jiri a la furca I > (putìa- 
nu diri di no a lu Principi? eranu dicapitati di vita). La 
furca era bella cunsala: o senza noe lib nec labi lu ja- 
vanu a 'nfurcarì. 

Ora di sti cunnanni cci na'eranu spissu, e nn'arristaa 
la nnuminala. 

Ficarazzi '. 

' Il I iano dell'aia, i nn piccolo piallate dielro la chiva parrocchiale 
di Ficarazzi, a poca ilisUnzi ital Palazzo Js' Principi detto comnnernenta 
Caitello. Il) qu«sto piano i contadini irebbiano il frantento. 

■ Cosi p?r parvre. 

* C era. Teliti i^r.ilia, io. (Sempegra^ia, comp. da exempli u gralia.) 

' Raccontala da Cosmo Perlongo, soprannominato Sminuita. 



UigniaOb, Google 



Questa valle é tra le montagne La Cumeta e Maìanuci 
vicino la Piana de' Greci. È nna voragine prorondissìma 
destinata ad inghiottire certi disgraziati. Nella notte vi 
sono fantasmi , spettri , marombre e spiriti ctie fanno 
la ridda ; ecco perchè le madri proibiscono a' figli di 
passarvi anche di giorno. I colombi selvatici vi fanno i 
loro nidi, e i cacciatori con grave pericolo della vita vi 
si calano legati pel tronco. Questi cacciatori per Io piii 
son coloro che nacquero nei giorni di venerdì e di San 
Paolo, che son giorni ne' quali si nasce forti, robusti e 
invulnerabili. 

Piana de" Greci. 



UigniaOb, Google 



CCXLV. 
Ouragrgla Don Mennu! ' 

Cci vnoglia cuoiari ud fatticieddu di la grntla di 1u 
Pizzu. 

Genera an tali mastra Giuganni Catalana di Castelter 
mini, e sì sunna' li dinari cu Don Mennu Hiccichò nni la 
grotta di lu Pizzu. Si partieru , arrivaru a la grutta , e 
trasieru, e vittim 'na quantità di dinari, e nun putianu 
passari ca cc'eranu du' crasti chi si truzzavanu '. Lu Catala- 
QU, ca era cchiù curaggiusu, santa li du' crasti e passa; 
lu Don Mennu si persi di curaggiu, si scantà' e cci assin- 
tumà'. La Catalanu , quanoa trasi unn' eranu li dinari 
nn'aggrumpà' un pugna e si li misi 'n sacchetta, e nun 
pntia nèsciri. Don Hennn accumincia a gridari : — 'Oh 
bedda Matri, dati ajutu t > Lu Catalanu cci dicia : — • Cu- 
raggiu Don Mennu I • Quannu Don Mennu dissi : — ■ Aja- 
tami, bedda Matri t • 'ntra un mumientu si truvà' miezzu 
migliu luntanu. Lu Catalanu vulia nèsciri , e nun pntia 
nèsciri, e 'na vuci gridava : — • Lassali I lassali I • e cci 
detti ''na mazzata nni lu nasu. Piglia li dinari chi avia 
nni la sacchetta , e li lassa ; e accnssi potti nèsciri Ca- 
talanu. 

CaslellermìHi. 

> Qaesla iradiiioDe può servire di legame Ira la sert« HI <: la seria IT 
cha aefUi, perché è mia •friise [jroverbisle locale die rìlme dulie tiadi- 
zioLJ liggendarie. 

■ Velano due b«cclii che si urlavano. 



UigniaOb, Google 



FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 



VARIANTI E RISCONTRI. 



E vive lutt'ora Del popolo caslelterminese il Curaggiu di 
D. Mennu, il quale s'invoca tulle le volte che per ischerzo si 
vuole incoraggiare qualcuno. 

Questo D. Uennu. per quel che me ne scrive il signor G. bi 
Giovanni, fu un tal D. Vincenzo {Jenna Hiccirhè, notaro ca- 
stelterminese dal É77S al 1830. La grotta è presso il Pizzo di 
Pecoraro, di cui vedi G. Di Giovanni, Notiiie storiche pag. S9, e 
la tradizione La Grulla di Pizzu belbi. 

La impossibilità di uscire dal tesoro k anche comune a quella 
che si trova in altri tesori, come nella Rocca d' Àntedda, Bdi- 
sua. ecc. V. in questo voi. num. CCXXX e CCXXXL 



UigniaOb, Google 



SERIE QUARTA. 



CCXLVI. 
Cohiù si campa e oohiù si aapL 

Una vota si cunta e s'arriccunta ca cc'era un vecchia 
stravècchi u, omu di 'spirìenza, assittatu a lu focu. Veni, 
e veni un picei utteddu; dici : — • Mi lu dati un còccia 
di luci, pr'addumari lu cufuni nni mia ^ ? > — * Eti Qg- 
ghiu (dici lu vecchìu) , eu ti lu dugnu, ma 'nla chi ' ti 
tu metti, ca nun purtasti aenli ? qud lu sa' ca lu focu 
abbrucia ? » — • E vu' chi nn'àtì a fari f (dici lu picciut- 
teddu); datimillu, ca cci he pinzar! eu. > — • 'Nca pigghia- 
tillu. > Lu picciutieddu allura chi fa ? si jìnchi la chianti 
di la manu di cìnniri frìdda ', cci metti supra un eòe- 

> He lo date (vorreste voi darrai) an po' di fuoco per accendere il fo- 
colaio da me <nella mia casa)f 

■ Ma dove, sopra quale coaa. 

' Ziu picfiullcdilu ecc. Il giovn.netio allora che fa egli ? si riempie il 
pulmo della mano di cenere rnfTradilata. 

PiTBÈ. - Fiabe e Novelli. Voi. IV. 8 



UigniaOb, Google 



H4 HABE, NOVELLE, HAOXtNTI EC. 

ciu di focu e si nni va. — < Oh t (dici lu vecchiu; e si 
duna 'na manacciata 'ii tesla); ed eu cu tutta la me 'spi- 
l'ienza e lant'anni chi campu, nuQ sapia afTattivu ^ sta 
cosa; Cchiù si campa e cchià si sapi. • E di ddocu , sta 
palora arristau pri luultu. 

Borgelto '. 

odal villico Giasepp'! Polizii. 



UigniaOb, Google 



A gran Sìgnuri piccala prlsenti. 

Un Re vinai 'na vota 'n Sicilia, e firriava «inarchi paisi. 
Juacenott a la Trabia *, un viddanu 'nn avennn chi cci af- 
firiri, cugghia 'na pocu di fìcazzani ' , e cci nni jinchiu 
'na cartedda. Quannu In He juncfu, cci l'apprisinlau co- 
luu si cci avissi apprisinlatu )u céfaln. La Re 'na cosa 
ca s'affisi; .si vota : — • E olii m'ha' pigghiatu p'affamatn 
ca mi doni tutti sti ficn? > e tirò avanti. 

'Ma n'àulru paisi, coma dìcissimu a Termini, un vrd- 
dann 'nlìsi ch'avia a vèniri sta Re. E chi fa ? cogghi du' 
belli pira, ma dui di cuntn ', li metti 'nt'On cannUtredda, 
e comu passa lu Re , cci l' apprisenta e cci dici : — • A 
gran Signnri pìcculu prìsenti. > E a In Re sta parti cci 
parsi tanta grazin&a ca si pigghiau li pira e lu riagraziaa. 

Ora la muttn sicilianu chi soli diri : A gran Signuri 
piccìitu prisenti, nni vinai di sta fattu. 

Palermo '. 

VARIANTI E RISCONTRI. 
In un& versione poco dissimile si dice obe questo re fu Fer- 
dinanda I Borbone, quand'egli (b in Sicilia, al quale del resto 
si altribuiscoDO assai fatti, sentenze e motti. 

■ Trabia, comuH presso Tenni ni- Ime rew, nella pror. di Palermo. 
* Ficaztani, fichi prìmaliccì. 

■ Quando si ilice diu in aiciliano vuoili inlenders una quanlilì sape- 
riore » lai immero; ecco perchè volendo significare du« preciw si sggion- 
gc: dui di eunl». 

' BaccotiUta da Agalaiza HeMia. 



UigniaOb, Google 



D'un corna all'àutru 'un si pò sapiri 
la viritati. 

'Na vota cederà qq carinizzuoi cu da' voi; sciddicau un 
voi di chisti, ppùlQti 'n lerra. L'àutru voi cadiu pura. Lu 
poviru vujaru chiamò ajutu, e carrèru genti pi spincilii 
di 'n terra. Una di chisti chi ajutavanu a spiociri lu voi 
dici a chiddi chi avia a lata: — < Poviru armali I comu Tu 
ca cadiu ? » Vétasi unu: — < 'Un lu viditi eh' 'oa pò stari 
a l'addriltà? camina, povira bestia, e cimìddia <. > 

SpìDcèru lu voi di sta latu, e passàru ad ajatari a la 
voi di l'antro latu: jisa, ji^a, 'un cc'era puteuza di mit- 
tillu 'n pedi arreri. Si vACa uau e dici:— < Armaluzzu! 
ma la carpa 'un éd'iddul Stu vajaru è n'armali ca si 
mirìtassi d'essiri 'mpajatu ìddu. > — < Comu, coma? * dici 
chiddu ch'avia spijatu coma fu ca mdiu ? — (È lu vu- 
jaru ca 'un voli ca sti da' voi si tuccassira l'unu ca l'àu- 
tru, pirchi bannu sempri lu crapicciu di puDcirisi cu li 
corna e jiccari càuci. — • Oh I granni diavulut dissi 
chiddu ch'avia ajutatu. D'un contu aWàutru 'tm si pò 
sapiri la viritati/ • 



Palermo * 



' Cimiddiari, barcollale, ed è presa in sensi 
iti un cerio tremolia che fanno le cose lunghe 
', la qaale dlcesL ciincddn. 

' Bacco II la la da Francesco Amalo. 



uirneob, Google 



CCXLK. 

Navarra nnn la senti sta oanzuna. 

Aviti a sapirj ca sta Navarra era un gran latru, e nn'a- 
ria faltu quanta Cincbedda K La Giustizia 'oa vota l'ac- 
capitó, e lu calò a la Vicarìa. Si coi avia a fari la cansa, 
e la Jùdici lu cudiIdcìò a 'ntimiiri *. Navarra 'ud cci ac- 
cittava nenti, sempri diceona : f Mai t chissà 'un è ve- 
ra.... 'Un ni saccia neuti. > Lu Jùdici quaoDU vitti ca 
cu In bunellu 'an Slava, cci accuminzò a fari dari li fri- 
schi *; ma chi ? Navarra comu si lu cuntu 'un fussi lu so. 

DdoppQ nn pezza di dicuti e dissi * lu Jddici cci dis- 
si : — • Ora sentì, Navarredda mio, si ta mi ripeli bel- 
l'esatta 'na canzuna chi io sacciu, ti prumettu ca ti ani 
fazzu jiri a la casa. > — f Vassa dici. • 

La Jùdici accamincià : 

— • Navarra Thannu prisa attortamenti. > 
E Navarra appressa d'idda : 

— f Navarra l'haanu prisa altortamenli. • 

— ' Navarra l'hannu misu a la turtura. > 

1 Fàrinni quaalìt Cinchtdda, farne Ji tulli i colori. In una fiase con- 
simile si Jice : Fài'iniii guanfu Gtu/o. 

' 'A'iiiTUÌri, iùlerrogare. 

■ Vitti ecc. S'accorsa che calle buoiie {cu lu bunellu) nun conressava, 
comincii) a piccbUrlo per bene. 

• Dopa un peno di in per lu. IHculi « dUii, Iclleralineale ditali (io U 



UigniaOb, Google 



118 FIABE, NOVELLE RAGCONTf EC. 

Dici lu Jùdici 3 Navarra : 

— ( Navarra l'iianou misu a la turlura; 
— * Bonal dici lu Jiidici; 

E p'arrubbari cavaddì e jìmenti... » 
Navarra ailura capiu ca lu vulia fari cunfìssari cu sm 
strataggemma; si vdta e dici : 

— « Navarra nun la semi sta canzuna ! > 
E cci cuncliitiiju la canzuna iddìi stìssu. ' 



VARIANTI E RISCO.NTBI 

Questo slesso aneddoto è raccontato nei miei Sa^gì di c\ 
lica letteraria. (Palermo, L. Pedone-Lauri el 1871) pag, 73. 
Gli ultimi due versi variano così in un'altra lezione; 

— ■ Navarra patirà peni e turmenti, ■ 

— • Navarra sta canzuna nu la senti. ■ 

' RucconUla da Rosa Bruscu, cieca. 



UigniaOb, Google 



CGL. 
Cu' appi focn oampau, cu', appi pani murìu. 

'Na vota cc'eranu 'na poco di marinara clii navicavana. 
Era tempu di 'nvernu, e lu frìddu si uiuria ^ ca macari 
li puDli di li nasi cadianu. Succedi ca si nni vinni un 
gran malutimpuni, e lu baslimenlu, sballi ccà, sballi ddà, 
detti ad acqua e iju a funnu. Li marinara comu vosi Diu 
natannu natannu juncéru 'n terra. Ddà' cc'erauu genti, e 
tutti cumìuciaru a dàricci un so chi d'ajutu. Parti di sii 
marinara jeiu 'nla 'na casa, e parti 'nta 'n'àutra; cliiddi 
di dda casa àppiru pani, cà avia assai ch^'un manciavanu, 
ed eranu morti di fami: l'àutri dumannaru 'na vampiced- 
da ', pi quadìàrisi, cà eranu 'ncazzululi di friddu '. Tan- 
Vé ca lu 'nnumani cliiddi cli'avìanu manciata si iruvaiu 
tisi lisi morti di friddu ; e chiddi chi avianu pinsalu a 
quad'iarisi, eranu vivi comu tulli Pàutri. 

Accussi nni vinni ca Cu" appi focu campau, e cu' appi 
pani muriu. 

Paletino *. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Una versione calanese tli questa spiegazione è in A. Lo.tGO, 
Aneddoti lieitiani, n. XIU. 

' E dal freiklo si moriva. 

* Gli altri diraandaruno una piccola fiamma, un (och^rel'o, un po' UL 

* 'Ncazzuliri di friddu. irilìrìzzire i»\ frodilo. 

* Raccontala da Francesca Amalo. 



UigniaOb, Google 



130 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Ua'allra versione palermitana è rueaU che qui si riporta , 
narrata al Salomone-Uarino da Francesca Campo : 

• Cc'erano 'na vola du' frati, unu cchiù poviru dì l'àutru, 
ed avlaiiu un granu pr'unu. Era tempii di 'nvernu , e di lu 
friddu e di la nivi si inuria. Sti dui frati nuri avianu casa, e 
durmianu nudi com'eranu, darreri ssi porti porli. Vinni la sira 
e dissi TU ; — • Avemu un graau pr'omu; chi nn'accaltama sta- 
sir^? • — • Io (dici una] m'accatlu un granu di pani , ca cu 
lu pititlu 'un arrèggiu. • — • Ed io (dici l'imtri)) m'accaUn un 
grtnu di ginisi, e accussi mi faizu 'na fneatedda e mi qoa- 
diu, ca di lu friddu slaju innrennu. • Accussi ficiru. La frali 
chi s'accatta In pani all'àutru nun cci nni vosi dari; e percifr 
l'àutra, quannu s'addumau lu focu e su frati vniia 'ncugnari 
cci dissi : — • No, lu frali, ca lu pani un mi nni dastt; an- 
nnnca ognunu penza pi ìddu e Diu pi tutti. > 

La notti. coQiu si curcaru darreri 'na porla , lu frati chi 
s'avia manclalu lu pani nun polli arrisistiri a la gran frid- 
dura e muriuj cbtddu chi s'avia quadiatu cu lu focu , binchì 
dìjunn, arrisisiiu e carapau. E ddi ddocu nni vinni ca cu' appi 
focu campati « cu' appi pani muriu. 



U.t,nra.t>, Google 



cai. 

Dia ti la manna bona! 

'Na rota cc'era un medica ca era vera sceccu. Gbi fa- 
cia? Lù maliDa prima di nèsctrì pigghiava uo librazzu, 
cupiava 'na poca di ricetti e si li sanava 'nta la sac- 
chetta. Java nni li malati: — • Coma sema? > — i E 
com'hé essirìi ch'haju avntu nn duluri di mòrirì I • Lu 
medica 'nGlava li manu 'ala la sacchetta e tirava 'oa ri- 
cetta coma vinia vinia. — • Te' ccà : Dio li la manoa 
boDa I ca la tinta V haju di saprà ; * e cci la dava a 
la malata. Java nni n'àatra: — < Cti'avema? * — i E 
ch'ama ad aviri I ca la frevi m'ha cuciala ! • — t Ora vi fazza 
stari boDu io I » Piggliiava 'na ricetta e cci la dava : — 
• Diu ti la maona bona t ca la tinta 1' haja di sapra I • 
E accassi facia ca tutti, e poi cu' mm-ia murìa. 

Palermo '. 

VARIANTI E RlSCONTnr. 

Lo riferisce pure P. Casìlicchio nel suo Utile col dolo, aan- 
(aria II . deca li , arguii^ e. — Nelle Trtdìei piacevoli Notti 
dello STRjtPinoLA, notte Xlli, fav. 8 , un cèrto Cesare Mota 
dottore in leggi fa una filza di sentenze, disposto a darle co- 
me vengono quando sarebbe giuJice. 

' R.icr-onUu da Rosa Pras<:a, ci«<:a. 



UigniaOb, Google 



cau. 

Sigretu a fimmlni 'un cunfldari, 
Cumpari sbirri aua pig:g:hiari. 
Casa cu prèula 'un adduari ^ 

'Na vola cc'era un oiaritu e 'Da mugghieri, e avevaau 
un cumpari sbirru; e stavanu 'nta 'na casa ca cc'era 'na 
préula. Sia mugghieii si sintia ch'era 'na donna chi sa- 
pia tèniri li cunfldenzi, e seuipri si nn'avanlava. Lu ma- 
ritu, ca era omu, circava lu modu e la manera di pru- 
vari tanlu a la mugghieri e tantu a lu cumpari. 'iNajar- 
□ata s'arricugghiu a la casa c'uu muccaturi cu 'na cosa 
ammugghiata; va driltu tirala a lu puzzu, e sdivàca sta 
cosa 'nla lu puzzu. La mugghieri, curiosa : — i Chi fa , 
marilu mio? > — « Nenti, la mugghieri. » — • Chi veni 
a diri, oenti t Tu si' accussì tramutatu 'nta la facci, e mi 
dici nenti t.... • — t Lu sai chi fu ? lo ti lu dica, ma st'ac- 
cara, ca si si sapi m'abbraciann. Ammazzai An omu , e 
p^ 'un fari canuscìri lu so corpu cci (agghiai la testa, e la 
vinni a'mmucciari 'nta In puzzu. Ma pipa, sai t > — < Chi 
discursu fai I Comu si Tavissi dittu a la mura. > 

Lu marita la facia saprà lu naturali; era siddiatu. Lu 
cumpari cci bazzichiava 'n casa; dici a la cummarì : — 
• Cummarì, haju vistu a me cumpari siddiatu. Chi ita- 
vi ? • — € Nenti, cumpari.... > — « Parrai!, cummarì : cc'é 

' Casa con pergolato non lùrrc a pigione. 



UigniaOb, Google 



SIGRETU A PmUlM 'un CUNFIDARI. 123 

cosa? • — < Simili, io vi lu cuafìdu; ma pi carità ^ud 
ni facili discursu, inasinnó semu arruinati. • — i 'Nta In 
San Giuvanni! » 

Comu si cci abissi dillii: Va jitilu a diri.... Lu sbirru 
(cli'avia a fari azioni di sbirru) si parti e cci va a canta 
lu tultu a lu Jùdìci, e cci misi la junta. — ■ E cu' è stu 
sciliratu? > cci spijau lu Jùdici a In sbirra. — • È tali 
e tali. » — • E la so casa? » — < 'Un si pò sgarrar! : 
havì 'na préula davanti ta porta , chi duna 'nta la fine- 
stra. • 

A corpu, la Jùdici manna sbirri e centarmi ', Truva- 
ru la porta chiusa; ma la finestra cu la prèula era aper- 
ta e iddi sì 'nfìlaru dì ddà dintra. Comu àppira 'mmanu 
a lu marita raggrastaru e lu purtaru davanti la puzza. 
Dici: — • Unn'è la testa di ciiiddu eli 'ammazzasti ? » — 
( Ammazzar! iol? Cu' nni aapi nenti... > — i Si, si, ora 
lu vidi. > Ha calala un sbirru 'nta tu puzzu e cerca; cci 
veni 'mmanu 'na lesta. Tocca, mania, cci trova pila e 
corns. Dici: — ■ La testa é ccà; havi li capiddì, ma (dici) 
havi puru li coma..., » — « Chi corna e corna I ■ dici la 
sargenti di li sbirri; e cci facalari a n'àutru. Cliistu pig- 
ghiau la testa, e cci vitti puru li corna; dici: — «Ma idda 
TCru li coma havi... ■ E lu maritu clii ridia. 'Nsumma a 
unu a unucci scinnera tutti li sbirri circannu lu puzzu. 

Qaannu la sargenti si vitti cutuliata vosi sapiri comu 
java la cosa, e la marita cci cunlò cli'avia sta mugghieri 
chi si sintia ca linia ferra ', e slu cumpari sbirru, e — «io 

' Centanni, gendarmi, (Bambino mi iticeTano che si dicevano mii* 
larmt i gendatmi, perchè andavano oricati di cenlo armi (ceHl'armi). 
* La quale prcsnin.'Ta di essere grande manicniirtce di segreti. 



UigniaOb, Google 



i3i WABK, NOVILLH, RACCONTI, EC. 

l'hajn Tulatu pravari; e haju accaltatu 'na testa di era- 
stu, l'haju jitcatu 'nta lii puzzu cu diri a sta bona don- 
na ch'avia ammazzatti un crìstianu, e ed avia scippata 
la testa. Sta sigoura cci In iju a cantari a lu cumpari 
sbirru, e stu cumpari 'Dia tu San Giuvanni vinni a rì- 
currìri. Ora ch'liaja vistu lu Taltu mio, vi lassù stu rigor^ 
du pi tutta la vita: 

Sigretu a fimmtni 'un caufìdarl, 

Cumpari sbirri nnn pìggbiarì; 

Casa cu prèula 'un adduari. 

Palermo *. 

VARIANTI E RISCOSTBI. 

Lo riferisce per Napoli M. Sohìia, Cento Racconti; n. I..XX1I1: 
Non dispreszare U masitme fondata sulte iperame (sull'espe- 
rienza?). Le massime lasciale da un padre al figlio sono : I. 
Hon allevare figli altrui; t. Non [ani compare qualche birra : 
3. Non confidare i tuoi occulti segreti alla moglie, 

Cfr. con STitAPAnoLi, Le tredici piacevoli Notti, nolt. 1, fav. l': 
• Salardo figliuolo di Bainaliio Scaglia, si parte da Genoa, e 
va a Monferrato, dove fa conlra Ire comandaaienll del padre, 
lasciatigli per testamento . e condannato a morte, vien libe- 
rato, e alla sua palria ritorna. > I consigli sono; I. Non con- 
fidar segreto alla moglie, ì. Non alleBar figli altrui; 3. Non ti 
sottoporre a signore. 

L'aneddoto della testa è consimile in P. Cisalicchlo. L'ulife 
eoi dolce. II, VI, i. 

Lo slesso aneddoto ricorre in Gtufà. n, GXC. della presente 
raccolta. 

' R:.cconlaio ila Giovaimì Paluano, cieco. 



UigniaOb, Google 



COMI 

Tutta la aoiarra è pi la outra. 

G^era un maritu e ""aa mugghieri. Lu maritii unni sin- 
Ua sciarri e baruffi conia pi spàrttii. Li pirsuni si sciar- 
rìavanu e sempri chiamaranu a iddn , e la chiamarana 
mastra Pad. Hàstru Paci nun avia rìselta , e nun avia 
anni spartìrisi primu. Li genti sapennu chisla cosa, si 
aneru quattru marioli pi jii-isi a'ppustari satta la so Qai- 
struni, e flngeru di fari ^na scìarra , dàonusi vastunati. 
Hastru Paci di notti sintiu la battana e cci dissi a so 
mugghieri: — . Zittul ziuut ca sentu battana; ora li vaju 
a spàrlirì. > La mugghieri rìspusi: — < Chi n'aviti a fari] 
cui si ammazza ammazza. Oh tingiutul nun vi abbasta lu 
jornu , macàri la notti mi aviti a 'ncuitari. » — • No, 
lassamicci jirì , vasionò succedi qualcht omicidiu ! > Ma 
lu maritu chi non vulìa accunsèntiri, si misi a circari li 
surfaredda ', ma nun li potti truvari a lu scuru. Poi cir- 
cava li robbi e nun li potti truvari manca. Comu Titti 
ca nun potti truvari nentì, afferra la cutra di lu lettu e 
si la misi 'n coddu pri agghiumàrasi tuttu * e lassa nuda 
a la mugghieri. La muggliieri pirò si misi a gridari: — 
• Pirchi vi tràti la entra ', e mi lassati nuda? Già nun 
mi dati paci né notti nò jorau I * Mastru Paci pirò 

' Cominciò a arcare i lolfanelli (|>er accendere il iDme). 

' Per avvolgersi luiio. 

* Perchè vi liraio la colirs ? 



UigniaOb, Google 



126 FIABE, NOVELLE, RACCONTI £C. 

scinniu subbitu dicennu : — • Cbi avemu, SigDuri mei?! 
macàrì la notti vi aviti a sciarriari I > Ma chiddi marioli 
1u raciaDQ cchiù assai. Poi cci accamparu la entra e si la 
portarli milteitmisìlla 'n coddu '. Idastru Paci coma si villi 
nodn senza cammisi si ni iju susa cu so mugghieri prì 
dlspiratu dicenoa : — < Cui fa beni l' liavi arrianuta a 
maK I > La mugghieri ca la vitti nudu, cci dissi: — < Tin- 
giulal la cutra già vi facistivu pigghìari? Aspittatì. • Pìg- 
ghiau lu lignu e ci detti vastunati. L'assicutau e luchiu- 
dtu fora. Cussi finia la scena di Mastra Paci. Di ctiissa 
cosa poi ni vinni lu ninttu : • Tutla la sciarra è pri la 
cutra. » 

Polizzi'Generosa *. 

' Poi gli iiiTolsrano \3 colere, e se h pùrlarono vL uicUenJu^ela ail- 
* RaccitliB dal sig. Vincenio Gialango. 



UigniaOb, Google 



CCI.IV. 

Nun diri qnattru s"un l'hai 'ntft lu sacou. 

Cc'era 'na vola un frateìlu chi java pi ]a cerca, purtava 
cu iddu lu piccioli», (chìsti pìcciolti chi sòlinti servir! 'nla 
li cQcini di li cummenli '). Cc'eranu certi divutedili chi 
a 5ta fralellu cci davann 'na pocu di guastidduna ogni 
lÓQiri di misi *; stavanu di susu, e cci li jiccàvanu di 'na 
Saestra; lu piccìotlu grapia lu saccu, e li guastidduna 
scuppavanu tutti 'nta lu sacco; lu frateìlu si li ricìvia susu 
e coma li jìccava, lu picciottu java cuntannu, senza luan- 
cn avirìcct cadulu ancora lu guastidduni. Ora un luniri 
di chisli lu frateìlu cuminciò a jittari li guaatidduna. letta 
lu primu;— «Unni • dici lu picciottu; jetta la secunna; 
— . Duil > Lu terzu;— « Tri! — quattrul > Lu quarta 
però a locu di càdìri dintra lu saccu cci scuppò 'nta lu 
nasa a lu picciottu, e cci lu fricò. — <Ahit ca m'ammaz- 
zan!... • Volasi la fralellu: — « E coma dici quattru s"an 
Thai 'nta la sacca 1 1 
E di ddocu dici ca nni vinni la mattu. 

Palermo '. 



' (Uno di) qaratì gioTini cbe sogliono terrire dentro le CDcine ilei con - 

* V'erano certi deTOii che daTano a (faesia lai,xi alcnni pani ogni pri< 
■no lunedi di mcee. 
' RacconIaU da Francesca Amato. 



. uiuniaob, Google 



Iz8 FlàBB, KOTELLE, RACCONTI, EC 

VARIANTI E aiSCONTB!. 

Il proverbio corre quasi lo stesso in tutta Italia: in Gtnbria 
[UoRAHDi, Sapgio di prov. vmbri, pag. ti): • Noa bisogna dir 
qaattro, finché non è nel sacco. • la Venezia: • No se dise gQS- 
tro co no l'è in saco.> L'origine del qual proverbio trovasi qua- 
si la stessa in Pasqdaugo, Baccolta di Proveriì veneti, voi. Ili 
pag. 37 (Venezia tipografia del Commercio, 1BS8). 



UigniaOb, Google 



< Pigghìa la bon tempa e 'nfllatillu dintra, > 
dissi la sògglra a la nora. 

'Na Tota la sóggira dissi a la nora:— • Piggtiia la bon 
tempu e 'oSlalillu dintra. > La nora 'un dì capiu neati 
ca TÌnia a diri di slari attenta e di sapindi apprufittari 
di la beni dì Din; e 'na jurnata, ca era 'oa bella jurnata 
e la Suli era 'na gioja, acchtana supra In tettu di la so 
casa e accuroenza a livari tutti li canali, tantu ca la casa 
arristò scummigghiata. — • Ah! dissi idda allnra; ora si 
ca lu bon tempu mi Tbaja 'uBIatu tutta diotral ■ 



' Raccontala da Rosa Brasca. 

Piultosto che spiegazìaiie del proferbto Pìgghìatit bùn tanput 
tilln dintra , questa trailiziDoe i un aneddoto sclierzeTole a cui i 
v«rbio Slesso richlamo- 



Pvnà. — Fiaba 9 HwelU. Voi. IT. 



UigniaOb, Google 



cavi. 

- Li oarizzli di Tinchianl. 

Stu Tiocliiuni era nnu maritatu e atia 'na inugghieri 
ca la vulia bènìri assai: nni niscia foddi. Si era assittatu 
a la buffetta ^ clii manciava, a'avia a sùsiri , e si Pavia 
a vasari *; s'era assittatu ' a lu bancareddo * (ca idda 
era scarparu) s'avia a sùsiri, e cci avia a jiri a dàri 'na 
pocu di vasàti; curcatQ, vasàti; era In Za Vasa-vasa ^ 

'Na QUttata cci vinni comu un sdillìniu '; si Tabbrazzò 
e ddocu striDci e v^sa, strinci e vasa. La muggtiierì vt- 
dia ca la luaritu lu facia pi forza d'aniurt, e 'un cci di- 
cia nenli. Ma fdru tanti ti vasati , li carizzii e li gattig- 
ghi ^ ca a la mugghieri cci mancò T aria, e morsi accu- 
pata. E pi chissu si dici: Li carizzii di Tinchiuni, chi am- 
mazzò la mugghieri a vasati. 

Palermo ". 

[) per la più ad uso di pranzo. 

• Se en aeilulo. 

• Baacarediu, descliello. 

' £,u Zu Vai-i-xnia, irud. letleralm., il lio bacia-bicia; a sqdI dirsi di 
coloro che san asi a fur molle carenze e dar bici. 
■ Sdillìniu, delirio. 

'' Gnlt\gshi, plur. A'\ .galtigghiu, solleitco. 
' RaccuDUla da Agatuzza M^s^ra. 



Up-iieUbyCOOl^lc 



CCLVII. 

Pòrfici fftru. 

Cederà 'na vota nn maritu e 'oa mugghieri; lu marita 
era custureri ' (mi pari); la mugghieri purn, ed era fat- 
ttbalì (li casa *. 'Na jurnata, comu fu coma iju, la marita 
iruvò 'na pocu di cosi di cucìoa rutti: pignati, bicchieri, 
piatta, tutti ratti; dici: — • E comu Tu ca si rumpera ?» — 
• Chi sacciul • dici la mogghi. — 'Chi veni a diri chi 
saeciu\ Ca' li rumpia?» — «Cu' li rumpiu?.,. lo cu li fòr- 
ficil » dici la moggtii siddiata. — • Cu lì fòrfici t • — « Cu 
li fòrQcil » — * Tu vera dicit?.. Io yogghiu sapìri ca chi 
li rampisti, masinnò ti dugna di manut * — • Cu li fòr- 
fici ! » {cà idda avJa li forflci 'mraanu) — • F6rQcÌ, dici t • 
— . Fòrfici fòrul- — »AhchÌstu cc'è?l Aspetta ca ti fazzu 
vidìri si fusti tu cu li fòrfici. • L'attacca cu 'na corda e 
la metti pi calalla ona lu puzzu ; dici : — ■ Va , comu 
li raoipisti? Lu vidi? 'nta lu pazzu ti cala.> — i Fòrfìci 
fdru ! * Lu marita vidennula accassi ostinala la misi a 
calar! 'nta tu puzzu; e la muggheri senza manca pipita- 
ri. — • Comu fu (dici la marita) ca li rumpisti ? » — ■ Fòr- 
fici fora I » E la marita cci detti n'àutra scarricata •; ar- 
rivannu a m»nzu puzzu:— ■ Cu chi fa ?! • — • Fòrfici tò- 

' Cmltireri, sarto. 

■ Era fillittuli di caia, era massaia, nccudiva con premara e diligenia 
alle Faccende ilomesltche. 
* E il marìlo le dìeJ« nn'^llra Bcnrlca. 



UigniaOb, Google 



132 rUBE, NOVELLE, RACCONTI EG. 

rat 1 Ddocu lu marilu la calò ca cchiù furia, siaa ca coi 
flci tuccari l'acqua cu li pedi: — • Ca clii fu? • — • Fòr- 
fici rOruI • e iddu la calò Boa a meoza bustu; — • Cu chi 
fu ?» — . Fòrfici fòru 1 « — ■ Tale, cci dici arrabbiatu di 
vidilla accusai; picca cci voli a 'nlìlariti tutta 'nta Pacqua.... 
megghiu dici comu fu , ca meggbiu è pi tiat Coma pò 
essìri mai ca cu li fòrflci si rumpinu piatta, piguati... I Chi 
addivintaru pezzi, ca si tagghìanu? ■ — < Fòrflci forai fór- 
Qcì! > Quannu vitti accussi lassa jiri la corda, puhml e la 
mugghieri tutta 'nta l'acqua. — < Sf cuntenta ora ? Lu dici 
cchiù ca fa cu li fòrfici? » La muggheri nun putia cchiù 
parrari, ca era tutta 'mmenzu l'acqua; chi fa? (semu flm- 
Qiini e avemu la testa cchiù dura di lu corau); aesci la 
manu fora di l'acqua e cu li jìdita si misi a Tari signali 
coma avissi vulutu tagghiari cu li fòrfici. Cb'avia a fari 
lu poviru maritu?! Dici: * La mugghieri cci appizzii, e 
poi he jiri pi curtu e pi lojigu..; ora la tiru, e dicissi ma- 
cari ca fora fòrfici e furficiuna ^ > Accussi la tirò, e 'od 
cci fu versu di fàricci diri comu fa ca s'aviaou rumputu 
tutti ddi così di cucina. 

E stu fattu arristò pi prova di quaatu semu tistardi 
nuàtrì fimmini, ca macari cu la chiaccu a la gala * 'uq 
•anctamu sintimentu mai I 

PalermQ '. 



> • (S« io proseguo ad affogarla) io ci perdo Ja mogliu , a poi dorrò 
tnOarri di m«iio; adesso la [ira, e dica pare ette furan forbici e Torbl- 



UigniaOb, Google 



VARrAMTI E RISCONTRI. 

In Uodica è una versione che merita esser conosciuta perchè 
si riallacca a un costume di quel comune. 

Due parliti di Uodicani si dividono colà il canipo della devo- 
Eione e del culto dei santi : i cosi detti Sampilrani, che abi- 
tano Modica inferiore, e hanno per protettore San Pietro, e i 
Sangiurgiani, che stanno in Uodica superiore, e glorillcano San 
Giorgio. 

Ora una volta i Sangiurgiani presero un Sampietrano, e gli 
dissero : ■ Grida : Viva S. Giorgiol ■ Quello non volle; essi in- 
sisterono; quello rifiutò; lo legarono a una corda, lo calarono 
in una cisterna, alluffandolo nell'acqua senza che egli perciò 
volesse persuadersi a gridare YivaS. Gioì-gio. Quando lo liraron 
fuori , egli si persuase e disse : Mentri lu ^rannf Diavutu voli 
acaissi, viva S. Giorgi I • 

Vedi negli Aneddoti siciliani del Losco, pag. 79. la tradi- 
zione siciliana Fòrfci fùm; ne' Proverbi e modi didire del GKAni, 
pag. 13, la tradizione sanese Forbici U; nel Vocabolario bol»- 
gntse della Coronedi-Biìrti, pag. Eli, la tradiiione bolognese 
Forbea; nel Varchi, Ercolano, 150, (Padova, Cornino 1741) ia 
tradizione toscana, e nel Uinucci, nota al Malmantiie a propo- 
sito de' versi (Cant. X stan. fi3) > £ dagli, e picchia, risuona e 
martella — Uà forbice l'È sempre quella; ■ a nel Fanfani, Voc. 
dell' tuo to$cano, alla voce Forbice iFirenze. 18S3). Nei Modi di 
dire toteani rieereati nella loro origine da Sbb. Pauli, n. CXXV, 
pag. 133 È riferita questa tradizione: 

• Il dettalo È preso da una Novella vulgirissima fra le Donne 
di Toscana, in cui si conta, che una Moglie ostinala chiedeva 
un paro di forbici al Marito, e seguitò a chiederle, benché 
da lui aspramente battuta, e benché gittata in un pozzo. Da 
cui, non potendo parlare, ai valse delle mani, cavandole fuori 



UigniaOb, Google 



134 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

dell'acqaa. colle dita maggiori allargale, a gaisa di furbJci. Il 
Uinucci dice di aver trovata si fatta novella io iiQa Raccolta 
di esempj, falla da un Buontempi, ^' ^^^ ^8" coagervava il 
U. S. Si può aggiungere qui la Novelletta raccontata nel se- 
condo iegVEpidorpidi da Gaspare Ens: • Hulier qaaedam cum 
Uarito daos in coena Turdos apposuisset Hernlos esse diiil. 
Replicanti autem Marito Tordos esse, Illa triplicavit esse Me- 
rolas; unde ira percitus Maritus colapbunt ipsi impegit. Sed nec 
sic deslitit Dxor Turdos mensae apponens, Uerulas eas dìcere, 
ideoque colaptios ilie gemlnavit. Kxacta jam seplimana. uior 
Herularum suaruni iterum menlionem ìnjpcit: marito autem 
Turdos taoien fuisse diceote, cuoi Illa nibilominui ìninifì !àe- 
rulas fuisse asseveraret , coactus fuit maritus octavam cele- 
brare, plagas, et verbera iterando. Sed neque sic cessavit con- 
tentio, novo exoriente anno muiier viro objecit, quod ob ma- 
ledtctas Merulas praeterito anno vapnlasset^ et respoodente ma- 
rito, ob Turdos; nxore vero, ob Herula, occinentei non potnil 
se continere maritus, quin valuti Anniversaria celebrans, iterum 
probe eam depecteret. Nec tamen sic adigere poluit, ut Turdos 
fnisse faleretur. • 

NeU'fJiJe col dolce del P. Casalicchio, Centuria 1', deca S, 
arguzia 9, un marito reduce dalla caccia con IO tordi li dì 
alla moglie a spennarli. Ella dice che soQ merli; succede un 
battibecco, e la donna tanto s' ostina a dìrjì merli che ne tocca 
delle belle. Ogni anno al giorno stesso del battibecco , e per 
pib anni dì seguito, la moglie ricorda il fatto e l'errore del 
marita , affermanilo essere slati merli e non tordi gli uccelli 
portali da esso, e ne tocca sempre. 

Il modo dì dire siciliano corre anche in un verso: Fórfct 
fùru chiddi chi tagghiaru: 



UigniaOb, Google 



Hi vai purtanna di erutta 'n grutta 
Coma lu badàfrsrbla ' di Tucoa 'n vucoa. 

'Na vola si canta e s'arriccunla ca cc'era un marita e 
"•na mugghieri, maritaleddi di friscu *, 'Na jurnata, men- 
-Iri chi cc'era lu cumpari, lu maritu s'adduoa ca lucum- 
pari abbadaggliiava, e la muggliieri abt)adagghiava puru: 
abbadagghiava chiddu, e idda ce! arrispunnia sùbbitu. — 
f Ah, dici, 'nca tu cu lu cumpari mi tradisci 1 Sti signi 
davanti di mia vi l'ali a fari? Aspetta, ca ora ti tu fazzu 
fmiri eu lu spassu. > Ha chiamatu a so mugghieri e cci 
dici si vulia fàrisi 'na passiggiata cu itldu 'n campagna. 

* 'Nca jamuninni; • dici la mugghieri, Camina, camina, 
lu marita si la porta luntanu luDtanu 'nta 'aa grulla. 

Iddu (menti pri mia) si avia purtatu 'na cutiddina tan- 
ta ', e vuHa scannari a s6 mugghieri, pri la caciuni ca 
cci paria ca cci facissi la curuna '. Juntu a dda grulla 
stava tiranna lu stili; ma po' taliaa a so magghieri e cci 
parsi veru bedda; di cchiù la. vulia bèniri assai e cci 
sappi foni a scannàrila. Nesci, si la metti a brazzettu e 
la cunnùci a 'n' àutra gratta. Ddocu pura cci Ilei pena a 
la cori e nun l'ammazzau, e si misi a caminari pri 'n'àa- 
tra grutta. La mugghieri cci vidia fari sti fattellt ', lu 

' Badagghitt, sb^idiKlia; abbatlagghiaTÌ, sbadigliare. 
' Sposali di fresco, da pi>{0. 

* S'era porUia con lui una cottellina (un langa collello) tarilo lungo. 

* Fori la curuna. far cornulu. 

" Fatletti, plur. di fallella, silo, mOTimentn con cui si vuole aggirare 



uigniaob, Google 



136 FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

ridia fari di milli culuri senza diri neoti, e cci spijau: — 
• Dunni Jemu, marita meu? UDn'è chi avemu a fari sta 
passata ? • Ln maritu cci arrispnnnia: — • Ora cci jenau; 
staju vidennu di travari un bcnu locu pri fari lavulid- 
da ': * e sìcuiau a cunnùcila di 'na grutta a 'n'autra grulla, 
piosaonu di scaoDàrila e poi parènnucci piatusa. Ddoppu 
citi avìanu fìrriàlu cchiù di deci gratti, e la mugghieri, ca 
non sapia la pirchi, vitti ca !a cosa sicatava, si v6ta e dici: — 
< maritu meo, mi sta' purtannu di grutta 'n grutta, 
comu lu badaggkiu di vueca 'nrtfcca.> — • Coma? Comu? * 
dici lu marilu. — ■ Comul mi sfa' purtannu di grutta 
'n grutta, comu lu badagghiu di vucca 'n vacca. > — « E 
chi voli diri? pircbi mi dici accussi ? i — « Pirchi ca è 
vera ca lu badagghiu va di vucca 'q vucca ; difaltu si 
UDu abbadàgghia, l'àatri chi la laliaau abbadagghianu 
puru; e si ''nta ta chiesa, a mo' d'esempiu, abbadàggbia 
una, tutti li vacchi si gràpinu a badagghiari. > — < Oh, 
mugghieri mìa, ca ssa palerà t'ha salvatu la vita. En ti 
purtava ccà pr'ammazzàriti, pirchi mi cridia ca mi tradi- 
vi cu lu compari; abbadagghian iddu e abbadagghiasti tu, 
cchiù di 'na vota, e la cosa mi parsi ca camìnava. Ora 
viju ca tu si' 'nnuccenti e ti vogghiu cchiù beni assai di 
prima, sparti ca m'baju 'nsignatu 'na cosa nova. > Accas- 
si ficiru paci, e si nni turnaru a la casa filici e cunienti; 
e di ddocn fu ca nni nasciu lu muttu ca dici: 
Mi va' purtannu di grutta 'a grutta, 
Comu lu badagghiu di vucca 'd vucca. 

Partinico ', 

' Fari laimliilda, fare spOBtino. 

' Racconiaia da Margherila Uartorana. lavandaia e raccolta da Salo- 



UigniaOb, Google 



Fàrisi sorupula di la stisaa di Iti latti. 

Cc'era un latra di galera ca si avia arrubbatu uà mig- 
ghiam di voti, criju ch'avia arrubbatu picca '. Si soli diri ca 
ogni latru e ogni bagascia bavi la so divozioni; e chistu avia 
la divnzioni di 'un si cammarari * la Jòvìri e Saotu, pi ri- 
spetta a lu Signuri. Ora successi 'aa vota, comu fu comu iju, 
ca un Jòviri e Santu ccì sbizziò tanticchia di latti 'mmac- 
ca; subita cci vioni lu scrapuln ca s'avia cammaratu, e 
corriu nni lu cunfìssuri p'aviri rassuluzioni di sta gran 
piccata. Lu cunfìssuri cci dissi: — • Chista è novat... Ti 
fa scrupulu di la stizza di lu latti, e 'un ti fai scrupnlu 
d'aviri arrubbatu raacari a Diul... > 

Palermo '. 

VARIANTI E RISCONTRI 

Uoa spiegaiione simile offre P. Casalicchio, L'utile eoi dolce, 
cent. 1, dee. II. arg. 8; e M. Souua, Cento racconti, n. XXX. 

' Il quale (lailru) se uvea rubalo un migliaio di toUc. io credo chea- 
vea rubalo poco (se io dicessi che uvea rubalo ecc.) 
' Camiruràriii, mangiar di carni, latiiccini ecc. 
' RaecontLla da Rosa Rrasca. 



UigniaOb, Google 



CGLX. 
Sarvari orapa e cavoli. 

Genera 'Da vota uQ viddanu e avia 'oa crapa, un mazza 
di cavali e un lupu; avia a passarì nn ciumi e era cnnrasa; 
dici : — < E comu fazzu I sii cosi s'hanoa a passarì a udii 
a una, masinnò mi perdu.... Ma corno fazzu?! Si passa 
prima lu lupu, la crapa si mancia li cavali; si passu pri- 
ma li cavuli, lu lupu si mancia la crapa; si passu prima 
la crapa, poi a la secanna aggirata * o la crapa si maocia 
li cavuli, lu lupu si mancia la crapa.... E couiu faz- 
zu?!.... • Pensa, pensa... chi fa? prima passa la crapa; 
torna e si va a pigghia li cavuli; lassa li cavuli all'àu- 
Iru latu di lu ciumi e si piggliia la crapa arreri , e ca 
la crapa torna unn'era la lupa, si lu càrrica sntta la 
vrazzu, e cu la crapa d'un latu e la lapu di l'àutru passa 
arreri lu ciumi, e accussì sarvò crapa e cavuli. 

Di stu fattu noi veni lu motta di quanuu si dici: sar- 
vari crapa e cavali. 

Palermo *. 

VARIANTI E HISCONTBI. 

Tradizione che è pura in P. Casalicchio, L' utile col dolce , 
cent. Il, dee. IX, arg. 3. L'Iubriani nella Novellaja fiorenlina, 
pag. ìiZ, noia i, ne dà una lezione che è alla lettera la stessa 
della nostra. 

' Al secondo vinggio. 

' Raceanlals dd Agatmza ìlessfa. 



UigniaOb, Google 



Dissi la vecchia a Hiruai: 
< A lu peju non co*ò fini. > 

Niruni era un Re ca faceva mali a tutla la pupulazioai e 
tutti noi parravanum3li.Cliistii,malizÌDSu,pi sentiri rarma 
di la pupulazioDi java jenau travistutu 'nta 'ocantini, trai- 
lurii, cafò, pi sentiri cu' uni parrava mali e cu' nni parrava 
beai {beni nu ntii parrava nuddu). Un jornu cci vinni 'n 
Lesta di lìrrìarì pi 'na campagna e 'ncontra 'na vecchia. 
— • Chi vai facennu, bona vecchia.» Dici:— • Vaju ca- 
minannu pi vuscàrimì lu panuzzu. i — ■ Mischina, mischi- 
na! Di sii tempi nun si pò campari, è veru?Ddocu aviti 
ssu Re Niruni ca è veru sciliratu. • Si vutau la vecchia 
e cci arrispunoi accusai: — « Chi Diu nni lu guarda e man- 
tegna 1 > Lu Niruni stunò a sta cosa; dici: ~ • Ora com'è 
ca tu nni parti benij mentri tutti nni dicinu omnia mma- 
liditta M > — 1 Sissignura, sìgnuri Cavaleri (cà a la vecchia 
Niruni cci parsi un Cavaleri); pircbi àppimu a lu tali Re 
ca nni parravanu mali tutti, ed era veru riversu ; vinni 
l'àutru ca era cchiù tintu d'iddu; nni vinni n'àutru, ca 
passau e junciu; ora avemu a Niruni ca lu Signuri nni 
scansa ogni Sgghiu di mamma; perciò Diu nni lu guarda 
e mantegna, pirchì A lu peju nun cc'é fini. • 

Palermo '. 

> Omnut maìiditta, omnia multdiHu. 
' Raccontala ila Agatazia Messia 



Uigniao'b, Google 



140 FIABE, NOVELLE, BACGONTI EC. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Lo stesso aneddoto si racconta in Umbria a proposilo del 
proverbia : • Il peggio vien sempre dopo. • L. Morandl. Saggio 
di proterbi umbri (SanseverÌDO-Marche, 1869), pag. 8, scrive per 
sentita dire: > Certa vecchia inconfraodo Nerone, gli disse: 
■ Che siale benedeUo, e postiate campar mill' Anni. • It tiranno, 
che sapeva d'easere in odio a tutti, meravigliò dell'augurio, e 
di rimando alla vecchia:— «Come va che mentre ognuno mi de- 
sidera la morte, tu mi auguri mill'anni di vita! >— • Perchè 
il peggio vien sempre dopo gli rispose la tapinella. lo ricordo 
vostro nonno, ed era catlivuccio; vostro padre, ed era un po' 
peggio : ora conosco voi, e siele un diavolo !.. Che sarebbe di 
noi; se venisse un altro t • 

Ne' Proverbi toscani del Grusn, pag. 156, dopo il proverbio: 
• Dio ti gnardi , signore, che ditpo questo ne verrà uo peg- 
giore • si aggiunge : • È trito quel detto d' una vecchierolla che 
pianse Neronp. • 

Nella 1' delle Leggende greche di Martano in Terra d'Otranto 
del Morosi Studi sui dialetti greci delia Terra d'Otranto, pag. 73, 
si racconta: ■ Una volta c'era una donna, che sempre pregava 
Iddio acciocché il re stesse bene. Certi uomini dissero al re 
questa cosaj e il re la chiamò e le dimandò perchè pregasse 
tanfo per lui. Ed ella disse: ■ Io prego Iddio che lu rimang» 
vivo sempre, perchè tu ci scorticasti; e, se muori tu, ne viene 
un altro che ha da saziar la sua Urne. > 



UigniaOb, Google 



Flraru mal facìsti pira, 

E manca santa fai miracali. 

'Nna vota ni 'na chiesa di Nicusia cc'era un CruciQssu 
fattu d'un cippu di pini ch'aria siccatn, e non facia ccbiù 
pira. Cc'era un viddanu chi ogni jomu java e lu prigava 
di cuncédicci 'nna grazia, e ciancia a làrimi di sangu. Lu 
Crucifìssu no nni sintia nenti , e lu viddann si 'nflrva- 
rara. 'Nna vota a la puviredda cci scappau la pacenzia; 
si vOia e dici: — • Piraru mai facistì pira, e mancu santu 
fa' miraculi; > e si ni iju. 

E di ddocu Di vinai lu mutlu. 

Catania *. 

VARIANTI E EUSCONTRr. 



i {PaUrmo) 

'Na vota cc'era uo viddann chi privava a lu Cnicifissu di 
fìricci 'na grazia, dì faricci stari bona la figgfaiu. Lu figgbiu 
a locu di stàriccl bonu, cci maria. Sta cracifiasu era nova, a 
l'aviaQU fatta d'aa pedi di pira eh' 'un avta fattu mai pira. Cci 
In djssiru a la viddana, e la viddann diasi : — > Firn, 'un fa- 
cisti mai pira, e manca CruciQssu fai miracoli.» 

■ He io raccontò nn cameriere dell'albergo di Ytiuxia (T) 



UigniaOb, Google 



142 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Hi piru pira, ni Bantu miraonli {Borgslto). 

C'era na vota un viddantt chi avia an pedi di piru 'nira 
In so jardinu; e pirchì sin piru 'un cci fici mai pira, pinsau 
di scippaIJu. Comu di faltu lu scippau e lu vinnju a unu chi 
facU lu scnUuri. Stu sculturi uni liei un bellu San Franciscu 
di Paula, e l'hannu misu a la Ualrici; e lutti l'aggenti l'adu- 
rsvanu cu frivuri. Va jornn si cci va a raccamannari lu vid- 
daou, e lu prijava a chiantu ruttu a cu tutlu lu cori ca vu- 
lia fatta la grazia di faricei campari lu flgghiu chi cci stava 
murenna. 'Nta slu pnnlu cci venuu a dicinu ca eù figghiu 
muriu. Ddocu mischinu perai la pacènzia : taliau a lu Santa 
cu l'occhi torti e poi cci dissi : — • Eu nun t'avia a prigari, 
ca ti canuscia di quantu si' sdisùlilii né piru pira, né Santv 
miraeuli I • 

E di ccà sta palora arristan pri rauttu. 

S io mal non ricordo nei Proverbi del Villabiakca, tds. ine- 
dito della Biblioteca Comunale di Palerino, è una apiegazìone 
consimile di questo proverbio. 

Ne' Canti pop.Hc. del Salomonb-Mamso, n.734, è questo canto. 
ove sì parafrasa la slessa spiegazione: 

Piru. nascisti 'nta un ortu 'ccillenti 
E mai a lu murinu pira avistl a fari; 
Ora, di piru, cruci ti prisenli, 
Cu' un ti canùsci ti veni a adurari; 
Ma eu ca ti canùsciu, piru, senti : 
Pira 'nn facisti e 'mbràculi v6' fari? 
Dici Sant' Agustinu veramenti : 
Cu' nasci di natura 'un pò mancari. 



UigniaOb, Google 



Tutti cosi ponnu BUCcedìri,fora d'omini preni; 
appura cci fu lu prenu di Murrlali. 

Sta prenu di Murriali fu unu chi cci java vuacìannu 
lu stomacu e la còscia, e lanta vunciau ca slava muren- 
Du. VÌDoiru li chierùrici, e ci fìciru lu tagghiu, e a loca 
di nisciriccì acqua o puru marcia, cci nisciu un picciriddu. 
La cosa liei 'na gran maraviggliia ; e ancora si parrà di 
la prenu di Murriali. 

Palermo. '. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

La tradizione non si rimane a questo. Il popolo dice che net 
Duomo di Uonreale c'è la immagine di qnesluonio gravido, e 
l'addita in uno dai musaici che rappresenta it miracolo di G. 
Cristo all'idropico (v. Ecang. di S. Luca XIV.] 

In altra versione di Borgello il fatto è narrato così : Un 
llonrealese è malato e chiama il medico; questi vuole con- 
servate le urine. La moglie par trascuranza le butta, e poi per 
evitare rimproveri olTre a vedere le sue. Per caso era gravi- 
da : il medico, sapendo certe del marito quelle urine, dichiara. 
gravido il marito. Da ciò la origine del motto : La prenu di 
Murriali. 

Il buono e semplice marchese di Villabianca spiega in que- 
sta forma il proverbio siciliano : 

' Racconiata da Rosa Brasca. 



Up-iiaOb, Google 



144 FIABE, NOVELLE, RACCONTI BC. 

• Per prenu di SIttrriali ai gente l'ub. Corvino, nato ddlla no- 
bile famiglia Corvino di Palermo , quale essendo Ermafroditi 

prevalendo in giovinezza nel sesso femmìaile b\ fece ingra- 
vidare nella cittì di Idorreale dal commendatore Carlo Castelli 
cui partorì in Uorreale una femina che fu Girolama Castelli, 
che ebbe in marito Leonardo Cadelo nobile trapanese. 

> Dopo questo parto la femina Corvino divenne maschio e 
cosi lasciando l'abito donnesco vesti l'abito d'abate, per coi 
si fé' chiamare l'abate Corvino. • 

ViLLABUNct, Proverbi tieìl., pag. 304, ms. della BibliotecA 
Comunale di Palermo. 



UigniaOb, Google 



CCLXIV. 
Arrlstari coma la zita cu la ^gghiù rasu '. 

Si dici 'ccusì pircht aDticameDli dici ca 'ona picciolta 
coma si facia zita s'avia a rùdiri la g^gghiu, e chistti era 
sigDu ca la picdotla era pigghiata,e ntiddu cci pntia a- 
viri pritinzioni supra d'idda. 

Ora flngemu lu casu ca lu matrimoniu si lassava , la 
zita comu arrìstava ? arristava cu lu gigghiu rasu, e cu' 
'un lu vulia sapiii 'un lu sapia ca 'unn era cchiù zita; e 
chista 'unn avìa cchiìi facci di campariri. 

Dì tanna 'n poi qnannu una arresta 'nta 'na cosa cu 
li manu 'mmanu e scarnatu, si dici ca anistaa comu la 
zita cu lu gigghiu rasu. 

Salaparuta *. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Questa slessa tradizione trovasi riassunta in una nota dal 
voi. I. 

' ResUre carne la sposs col sojracci^lio riiso, 
' Lo Mtfcolsi da un nomo di Sulaparula, 



PiTRÈ. - Fiabe e Novelle. Voi. tV. 



UigniaOb, Google 



CCLXV. 

FI 'na clpndda di Oal&vria si persiru 
quattm CalavriBì. 

Signuri, 'na vola cc'erauu qaaltru Calàvrisi , di chisti 
C3 mancu è bonu ona pi paisi^ Chisti avianuun càrricu 
di cipaddi di Calàvria, e l'avianu a jiri a vinniri a Missina; 
eranu 'nla 'na varca, e vacavanu talli qualtm pi jun- 
Ciri prestu. Succedi ca ''na cipudda cadia a mari ; una 
d^iddi (ca eranu lutti quattru unu cchiù zicca-alfritla di 
n'àulra) si spoggiiia e si jetla a mari pi piggliiari ìa ci- 
pudda. Ddoppu un mumentu ca li cumpagni 'un lu vit- 
tiru assummari *, si ^pogghia n' àulru e si sammuzza *. 
Comu li dui 'un vìltiru assummari mancu a chistu si- 
leva unu d'iddi la cammisa e li causi (scarpi avia chiddi 
di nàscita *), e jettasi puru, cunfusu ca s'avia a perdili 
la cipudda. A ddi parti di Biggiu vìcinu Missina lu mari 
è tintu assai ', ca appena cc'è anticchia di maretta , lu 
mari s^agghiulti li genti comu calia '; li tri Calàvrisi "un 

' È il nolo |iravi?rbia siciliano : Calavrìti, ntaiicu unu pi paSti , t li 
eehiù cci nn'ùli. (ùjlu comu pttti; (Calabrese, oeppur unu (le ne vaole) 
por paese, e se più ve n'é, fuggilo come pesie); il quale suole anche dirsi 
de' Trapanesi e di altri non Palermitani con nomi Riiili in in'. 

' Attvmmari, venir in tumma, cioè a i;alla. 

■ Sammuzzàrìù, ailuffarai, immergersi nell'acqua. 

* Searpi di iiatcila, dice se henec olmeti te il popolo i piedi nudi. 
' Il mare è assai tallivo. 

* E appena ecc. E appena v'è un po' di marea, il mare inghioiie ia 
genie (i nafiganli) come calia (ceci abbrustoliti). 



UigniaOb, Google 



PI 'NA CIPDODA si PEBSIRU quattro CALAVRISl. 147 

cci vinniru nuddu 'n summa '. La quartu 'un vìdennu a 
Duddu cuminció a'nnarvuliari '; dici: — ■ Ahi pi Crùstu, 
ca iddi tré si la mancianu la cipùdda ' ! > e com'era, cu 
tutti li rebbi, si jittò a mari pi jiri a truvari li cumpagni 
cu la cipudda. 

Comu la varca cu la càrricu arristò sula, passàru certi 
piscaturi, ca avianu vista lu fattu di luntana , e si par- 
tàru la varca a Missina. E accussì pt 'na cipudda di Ca- 
latria si pèrsiru quatlru Calavrisi. 

Palermo '. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

CoDcorda pienamente colla versione che se ne legge in A. 
LONGO, Aneddoli tiexliani, n. II. 

' Dtì' ire calabresi nessuno ne venne su a galla. 

' Annariutiari, lenlennare: qui fig. melMrsi in pensiero. 

' Si imita esagerandola l'acceninaiione <le' CaUbresi. 

' RacGoniaia da Agatuzza Messia. 

Ricordo che quesla novelUtrice è siala qual':lie anno in Messina. 



UigniaOb, Google 



CCLXTl. 

Ccl appissau la Bcecon e U carrubbi '. 

Cc'era 'na vota un Capaciota, nnu di clibli co la pag- 
ghia-luonga *, e portava uà scecca càrricu di carrobbi. 
'Ncugoa un matafajiila di chisti chi vaona strati strati *, 
*nSla la manu * , e cci piggtiia un pugnu di carrobbi. 
Ln Capacìotu cci abbia e'' un cànciu 'nta li sigreti , e lu 
stiuDÌccbia 'o terra. Cùrrina li genti : — < Mischiau, mi- 
schinu!... Sta Tiddanoazzu ! ca pi neoti ammazza li gen- 
ti * I.... I e cci vulia cbiaolari di nianu a la Capaciotu. 
'Ma mentri, veunu li sbirri, una accùcchìa a lu Capa- 
ciotu, n'àutra si pigghia lu picciottu assintumatu *, e 



' Vi perdette l'asino e le carrobbe. 

■ C'era naa volta uno <fi Capasi, uno di questi (che vanno vendendo e 
gridatido pei Palermo) la paglia lunga. Vedi voi. Ili, n. OLI : I>u Capa- 

' Avvicina un furbacchiuulo di questi che v.-inno per U strade. 

' InSla la mano. 

* È naturale nel popolino di Pjlermo l'ingiuria di rillano a chi non 
è palermitano; figuriamoci poi quando questo non palermitana è uno de' 
conladini o villici u'ud comune come Capaci. Del resto se qui si com- 
patisce it ladrutìcello e non il Cipaciolo, egli è pereliè 11 ladioucello non 
è mono, e la Giustizia non è inlervenuu. Quando è venata la Giòslitla, 
it ferìtore, l'uccisore è sempre messo al coperto, e la Gtuslilia per inter- 
rogare che faccia non riesce mai ad appurar nulla che interessi alla ve- 
rità e al diritto. V'entra la «merla, il silenzio che prende colore di pru- 
deiii I, la coscienza che aborrisce dallo spionaggio. Ecco il perchè del- 
l'immorale proverbio ' Ln n'orlu è tnortu; l'havi a dari ajutua lu viim. 

' Un altro sì prende il giovinetto svenuto. 



UigniaOb, Google 



Ca APPIZZAU LU SCECCU E L) CARRUBBI. 149 

n'àutru ìii sceccu. Causa ; Patrucìnaturì, Avocati, cumpri- 
mentu a chistu, terzu a chidda <; lu poriru Capaciotu oni 
nisciu pi punì miraculu; ma 'nta tricchi e barracchi * cci 
appizzò la sceccu e li carrubbi. 

Palermo '. 

VARIANTI E HISCOXTRl 

Una versione un po' differente ìd principio è in A. Losco, 
Aneddoti iicitiant n. III. 

> Complimcnlo » questo, palmario a ijnel l'altro. 

■ 'Xta Irieehi e barracchi, computalo latto, al somiiur Jel e spese, alla 
conctnsione de' falli, iraùgieli ebaràgioJi. 

■ Raccontati! da Agatana Usseri. 



UigniaOb, Google 



SCI vogghia beni Clu, 
Cà di li Santi mi nni jocu e rju <. 

'Na vola cc'era e cc'era un pagana ca si Tattiaa e si 
detti a la lidi di Gesù Cristo. A sin pagana lu purlarn 'ala 
'na Chiesa, e coi misiru a 'osigoari ad uuu ad unu latti 
li SanLi e tutti l'artarì ; dici : — « Viditi ? cliistu è San 
Giuseppi. Chistu è San Jachina, lu patri di Maria. Chistn 
è San Gaitanu. Chistu è San Franciscu di Paula. Chista 
è Santa Maria Maddalena. Chiddu è San Binidtlta....; • 
'nsumma cci 'nsignaru lutti li Santi , e ddoppu latti: — 
( Ora laliati oca : chislu è Din. • — i E dicitimi (dici In 
paganu valtiatu) , sii Santi chi sannn fari ? * — ■ Fannn 
miraculi e gràzii. * — < E stu Dia? > — • Din è lu Santa 
supra tutti li Santi , In patri e la pairuni di tatti. » — 
• E miraculi Dia noi fa?> (dici lu paganu.) — < Nni fa? 
(rispunneru) : li fa intli Iddu, e latti li gràzii e li mira- 
culi si fannn quannu Iddu voli; li Santi stannu sùggìcM 
a Iddu, e lu matlu dici, ca nun si movi foggbia d'àrvuìu 
s"un afe valuntà di Diu. • — l 'Nca senza vuluotà di Dia 
sii Santi nenti ponnu fari, di vuluntà propria saa ? • — 
t Nenti. 1 — < 'Nca annunca chi cci staju ad adurari a 
sti Santi, si sali nun sanna fari nenti? Pri parli mia, va 

' Hi Taglia bene Dio, thè de' Saniì me ne gioco e rido. — Uaa TarìuiK 
del prOTerbio dice : Diu ni ragghia btni, cà di li Sunlt pocu mi uni 
'mforla; ovrero . Viu mi vogglùa btni, e di li Santi pocu mi nni premi. 



UigniaOb, Google 



HI TOCGHIA BENI DIO, Ca' DI LI SANTI EC. ISl 

Stativi unni siti vai, Saa Giuseppi; vui,San Jachinu; vui 

San Franciscu di Paula, vui tutti quaatu siti Santi grossi 
e Santi nielli , mi vogghia beni Diu , ca di li Santi 
nni jocu e rju. • E si nni iju ad adurari e a priai-i In 
suin Diu. 

E di sta palora chi dissi lu pagana nn'arrìstau 1u 
-muttu. 



al SalomoDe-Maririo dal villico Giusepiie Potizii. 



UigniaOb, Google 



caxvui. 

Palermu, un saccu tantul 

Lu Re di brunzu di lu cbtjan di Bilogni dici: — • Pa- 
lermu, un saccu tantu! > e sta cu la manu jisata accns- 
sì, coma si s'avissi a qnadiarì; e voli diri ca pi poliri 
stari 'o Palermu cci toqdu un saccu di dinari granai e 
gàutu quantu di 'n terra a la so maau. 'N Palermu li pìc- 
ciuli si noi vannu comu Pacqua, e pi pntlrì manciari e 
Tjstirisi cci voli 'oa vurza senza lazzu *. 

Antri vonnu diri ca sta statua dici: — ■ Palermu, sae- 
chiteddi tanti pi aviri giustizia *; » pirchì la chiavi di l'oro 
grapi qualnnchi porta; e 'a Palermu a tempi antichi li 
Jadici la giustizia la vinaevanu pi dinari. 

Ficarazzi •. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Nella piana Bologni in Palermo è aoa belfa slalua ìn broa- 
10 di Carlo V, Imperatore, opera di G. B. li Volsi di Tusa 
(prov. di Uei^iaa), che la compi nel 1630. • L'Imperatore è ve- 
stito da guerriero coll'antica armatura, la spada al fianco, la 

' 111 Palemo i quattrini se ne vanno via come l'acqua (prestissimo e 
a manale), e per poter maogUre e vestirsi ci vuole nna borsa sema 

* Paitrmo ecc. In Palermo, per aver gìusliiii ci vogliono saccbetti co- 
. jsì grossi di danaro. 

' Raccontata da Giuseppa Feria. 



Up-iieOf, Google 



PALERUn, DN SACCU TANTO. 1S3 

sinistra mano appoggiala ad ud bastone di comando, e colla 
destra in alto di giurare, come fece quando venne in questa 
capitale, io mano del Vescovo di Uazara D. Giovanni Oniodao 
Palermitano, per l'assenza dulI'ArcivescoTO di Palermo Casan- 
dolet, nella Cattedrale l'osservanza dei capitali e privilegi del 
Begno e di questa città , e colia fronte cinta dell' imperiale 
alloro.- G. Paleruo, Guida Utrutliva per Palermo, giorn. III. 
Ora sdH 'atteggi a mento di questa staloa il popolo non paler- 
miUno ha creato la fola proverbiate mettendola in bocca a Carlo 
T. Una dilTereote interpretaiione di essa, e poco popolare offre 
R. Starrabba nel suo recente scritto: U Palazzo Ajìttamieriito 
(Jrchtcìo storico tieiliaiit, au. II, fase. I). Natisi che questa è 
la sola una delle poebe itstue che ne' moti rivoluiionari e 
ne' sollevamenti del popolo palermitano sia stata rispettata ; 
mentre si sa che le prime cose cui il popolo stillevato prende 
a manomettere e ad abbattere in Sicilia sono le statue e i 
monumenti dei principi: esempio la statua di bromo di Filip- 
po V. nella piazza del Palano reale, e le statue in ittarmo de' 
Borboni alla Marina. 



■uigniaOb, Google 



CCLXIX. 

Jibbiaoti, tnutajaddi <. 

'Na vola si riccunta ca a Jibbisa un jaddu chi e' era 
non caniò, e tutii li Jibbisoti sicutani a dormiri sina a 
tarda. A ura di menzujornn si risbigghiam e vittinu chi 
lu jadda DOD aveva cantatu e ci aveva fatlu perdiri la 
malinata. Chi fanno? lu pigghìanu e lu Htaccanu supra 
un sceccu e lu mèntinu a liuslari pi tuttu lu paisi, sìna 
chi po^ annaru unni lu Giudici. Pi chistu li Jibbisoti si 
dicìou frustajaddi; e quannn a Missina veni ddu di chi- 
sii di Jibbisif Qui Missinisi ci dìcemu: — < Peppi, cantau 
lu jaddu ? 1 



< Abitanti di Gesso, frnsu-galii. Gesso (iat. Gjrpmi o Gtbiium) comuM 
nel lùrcoodario di Hessiua. 
Qnesu è un'ingiuria prorerbiale (iella piovincia di Uessina. 
■ L'albi da un pescatore indiciiiatidomi verso la contrada detta il Pa- 



UigniaOb, Google 



CCLXX. 
Cani Carinisil 

Vonnn diri ca quannu a Cariai successi la casu di la 
Barunissa di Carini , ca so patri la scannaa a corpa di 
cateddu, (ca macari cci n'è la Storia nisciuta % idda , la 
picciotta jia correnna di càmmara 'n càmmara prì nun 
sì fari piscari, e jia gridaanu:— € Ajutn, Cannisi I Ajutu,' 
Cannisi t * Ha, coma fu comu iju, lu fattu è ca di li Ca- 
nnisi Bua currin nuddu pri ajutalla, e lu patrì cci mioa 
'na murtali sciabbulata 'nta lu cori, a so flgghia. A stu 
bratta idda, ca mischina nun si vitti darì ajatu di ni- 
sciunUj j'etta 'na vuoi 'strema gridannu ; — « Coni, Cari' 
nisit • sintèanncci diri ca erana veri cani, pirchi nun la 
vòsirn ajutari. E di ddocu an'arrislau lu muttu ca si dici 
Cani Carinisi ' / 

Bargello '. 

' libe ie n'è anche <:oin[iMU una Storia. Questa Storia , o Leggenda 
popolare, è sUta raccolia e pubblicala con ompie illastraiioni Jal S<t- 
LoioiR-U ARINO. Vedi il liito volumE : La Baiorttaa dì Carini ttggtnda 
ttoriea popolare del itcoio X VI in puaia lieiiiana con diieorio t noti ec. 
Seconda edizione. (Palermo, h. Padane Laariel edilore, 1873 ) 

' Queal'epilelo è, come dice il Salomone (op. cit p.ig. fiS) • Teramente 

■ cagnesco; perilooabile a quella dlsgraitala in quell' eil cerno momento. 
• ina non a cfaì anche oggi ingiaria Cani i Csrinesi, che sono inTero Ira' 

■ più gentili, ospitali e uordiali Siciliani. • 

' >aTrsl(j al Salomone -U arino ilal villico Giovanni Amito. 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



SERIE QUINTA. 



CCLXXI. 
Braucalluni! . 

Si cunta ca cc'era uq póghìru viddanu cii'avia uà scic- 
carieijiJu e campava cu jirì a Ugna : un juomu vjuia di 
ligna e cci cadr lu sceccu, e non lu potti sùsiri cchiù: 
cci leva la vardedda e lu lassa 'n terra pri muortu, e sì 
nni va. Lu sceccu la notti si siisi, si ddì va "ntra un lìe- 
gu \ si minti a manciari fina chi si fa bieddu grassu. 
Un jornu cci aSaccia un lupu e accumencia a taliàrilu e 
a 'ncugnàrici adaciu adaciu ; lu sceccu, quannu vitti lu 
lupu, dissi : — < amarn mia I ora mi mancia , • e ai 
misi 'n superbia cu li guricclii a l'addrilta \ la cuda spin- 
ciuta, lu cuodda anarcaia ', e accumencia a taliari fìssu 
lu lupu. La lupu quannu lu vidi accnssì flroci, cci spija: 
— « Coma vi chiamali? * Rispunni lu sceccu : — «Mi 
chiamu Bran ca....liuai.> Cci dissi lu Inpu: — ■ Oh chi 

' Fiegv, della parlala p,^r feu, feuilo. 

' Colle orecchie tese. 

■ Li colla alzala, it callo ad arco. 



UigniaOb, Google 



1S8 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

nnomu tirribili chi aviti I > e cci ^ncugnava adaciu ada- 
ciu; quanna lu sceccu l'appi vicinu , si scanlà^ e jiltà' 
quattra pìdita < : lu Inpu cci dissi : — < Brancaliuoi, chi 
sunnu ssi botti ? . Cci rispunni lo sceccu : — « Chìsti 
suanu cannunati , ca haju cannuna e scupetti di patir! 
ammazzari lupi e tutta sorti di cosi, i Lu Inpu quannu 
senti sti cosi cci dissi : — ■ la sugnu disidirusu di mao- 
ciarimi 'na puocu di carni di pullami , pricciò dumani 
rammazzati cu li vuostrì cannunati , e mi li facili tru- 
vari ca ia viegna, e mi li viegnu a manciù. > Lu sceccu 
cci dissi : — ( Cci Sti a vinìri 'n passanna dumani ^ • 
Lu lupu si nni ij', lu sceccu rista' cumbusu. — « Cuomu 
haju a fari ? * dici; e si nni va a curca 'ntra un chiaou, 
si linci mnortu, calanu 'na quantità di cuorvie vutùra *, 
cridìanu essiri rauortu e si cci appudanu * di 'n capu prì 
manciarisilìu; iddu quannu vitti lu liempu appurtunu ac- 
cumencia cu li piedi e cu la vucca, e mi' ammazza 'na 
puocu; si Susi e li lassa ddà muortj. Pùa vinni tu lupu: 
— • Brancaliuni, unni sunnu li carni di pinnami. > Lu 
porta nni ddu chiana : — < Ccà sunnu , mandati. > Lu 
lupu si mancia l'acieddi e cci dici: — lO chi su' belli! 
carni accussi bella e agustusa 'un n'haju mancìalu ma'. > 
La sceccu cci dissi: — • Ora ru', cumparl, m'àti a'mmì- 
tari. * Cci dissi lu lupu : — • Ora pìgliu 'una puocu di 
cuniglia e vi li manciati. » — f Nano ' , cumpari , ca ia 

' Si preO'Je Ji panni e gena qajttro peti. 

* Dotete tornare l'utiro domani. 

* Vittùf't, plur. ili «u'ùru, avvollojo. 

* Ci si avventano. 

' Natio, no, signor no. 



uigniaob, Google 



BRANCALIGNl I 159 

pata di àcitii, e dq' ani paczzu manciari ; m'àti a dati 
virdura, ca Dni manciù ccliiù assà'. > Cci dissi la lupa : 

— ■ Cumpari Brancaliuni, sàcciu un uorlu di cavuii ca 
sunnu 'na maraviglia; ora vi cci puorlu. • Si nni jera a 
Vnorta e lu sceccu accumincià' a manciari , e si fici la 
panza 'oa vutti, chi nuo pulia caulinari cchiù. > Lu lupa 
cci dissi : — • Ora jamuniiini; 'un faciemmu ca veni In 
patruni.* Ddà cc'era un limmitn gàutu ', e lu lupn san- 
ta *, lu sceccu nun cci lu poUi fari, e rista' cu li piedi 
darrieri appisi '; lu lupa l'afferra pri li piedi darrieri 
pri ajulàrilu a tràrìlu ; lu scecca fa 'na furzata e jetta 
tanti pìdila, e 'na pidató delti a lu lupu; lu Inpu quannu 
senti sii botti di pidita, e la pidata 'ntra 'na gamma, cci 
pàrsira caununati clil l'abbinniru nni la gamma, cci di- 
ci: — < Oh cumpari Brancaliuni, ctii facistivu ? ■ Rispuani 
lu sceccu : — ■ Cumpai i, ia mi stava divirtiennu. > 'Ntan- 
tu In lupu cumencìa a carriri, ca sì scantà' di li botti , 
e si nni ij zuoppu di 'na gamma. 

Lu sceccu rista' e dissi:— • Abbuono ' ca mi allirbìtavu 
cu stu manjpoliu " chi haju fatlu. • Tanta curri lu lupu ca 
ancontra un liuni, e cci dissi:^ — tChi aviti ca curriti ? » 

— ■ E ch'baju aviri ! ca cc'è Brancaliuni ca cu 'na botta 
di cannuni mi abbinni ' 'ntra 'na gamma e mi azzuppò ''. > 

> Em là un limile alto. Gàulu, della pari, per àula, gàìitu, alia. 

* Santa, della parlai», per lòula, salta. 

■ Rvslò co' pi«' dì dielro appesi, allaccaii. 

' Abbuoni, abbon'é, ù bon'é buono è, irieno male, naneo ta^ìe. 

' Manapotiu, qui siraiagemma. 

• Con un colpa di cannone mi coljd., 
' Mi azzoppò. 



UigniaOb, Google 



160 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Rispunni la liuni : — • Cumpà', cci vuogliu viniri a yì- 
diri a Brancaliani. » — «Oh cumparì liuni, è cchiù pu- 
tenti di tu'. > — • 'Nquà sintiti chi faciemmu: nn' attac- 
cammu pri li cudi cu 'na corda; si va' 'aa palili curriri 
ca siti zQoppu, ia vi tiru. • 'Nqaà cuaunioaru accussi , e 
si Dni jeru; quannu cci arrivana di vìcinu, lu sceccn si 
uni adduca e si minti a lu solitu cu la testa spìngiata 
li guricchi a 1' addritta , la cuda tisa e dissi : — * Ora 
pri mia è junla Tura. * Lu liuni tu vitti accossì pripa- 
ratu e dissi : — • 'Ncugnàmucci adaciu adaciu. • Mentri 
si avviciuavanu, lu sceccu tnttu scantatn accnmencia a 
jittàri pìdita; quannu lu lupu senti li botti : — f cum- 
parì liuni, curriemmu, ca si nn'abbenni cu 'na badda di 
chìssi nn'ammazza.i Lu lupu 'un puLia currìri, ca era zuop- 
pu; e lu liuni si lu tirava apprissu; e accussi lu pògliirn 
sceccu si allibtrtà di nun essirì mancjatu di la lupu e 
di lu liuni. Pùa lu sceccu dissi : — * Mi uni vnoglia jiri 
di ccà, manzinó si veni lu lupu mi mancia ; ■ si misi 
'n caminu e si nni ij' nni la patroni; quannu lu palruni 
vidi affacciarì lu sceccu bellu grassa, ccu tanta cuntin- 
lizza lu piglia, cci minti lu capistm e si lu trasi jintra, 
e lu sceccu accumincià' a carriari ligna comu prima. 
Casteltermini *. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Trovasi nello Striparol*. notte X, fav. ì, e vi si riscoatr& 
perfino la slesso nome eli BrancaleoDe': • Un asino fogge da 

' Raccontala ila Vincenzo Midulla solFalaio, e Falla raccogliere dal sig. 



UigniaOb, Google 



BDANC^UUml 161' 

uii monaioi e capitato sopra un monte , e trovato dal Leone 
gli addimHnda chi egli è, l'Asino alt'iuconiro aJdimanJa al 
Leone il nome suo. Il Leone ilice essere il leone, e l'Asino, Braii- 
caleone; e sfidatisi a fare alcnne prove, l'Asino Snalmenle ri- 
mane Tiocilore. — Non vi manca neppure la preda del Lupo, e 
l'incontro col Lupo stesso, cui il Leone fa prendere dì tanta 
paura per Brancaleoné che anch'esso fugge col Leone. 

Costituisce ii fondo del Brancaleone, biiloria piacevole et mo- 
rale, dalla quale può ciascun avere untissimi documenti per go- 
verno di SI stesso et d'altri, scritto già da Lalrobio filosofo et 
horà dato in luce da Ibrohiuo Tkiultio (Milano, appresso Giov. 
B. Alzato 1610 e poi in Veneiia, 1607; in Pavia, 16SI; in Mi- 
lano 1689). Se ne vuole autore Antonio Giorgio Besozzi , che 
fu a' servigi di S. Cario Borromeo in Milano. L'asino vi figura 
splendidamente ornato, e quando s'avviene nel leone, e questo 
gli chiede chi sia. l'asino sta impettito, e dimanda invece il 
nome del leone. Il leone si dichiara, e l'asino risponde : • Se 
tu sei il Leone, io sono il Brancaleone. • Seguono quasi tutte 
le avventure che si riscontrano nella nostra favola. 

Per le prove tra l'Asino e il Leone vedi la novella di Sora 
nel Napolitano pubblicati dal KSrlrk nel Jahrbueh fùrroma- 
nische und engliseké Lileratur, Vili, pag. 246: Vertrag zwischen 
Herm und Diener wegen der Bene. Nella Prima versione de' Di- 
$corsÌ degli animali di Uesser Aomolo Firenzuola è un leone 
che ha gran paura d'un bue, animale che egli non ha vedolo 



PiTRÉ. — Fiate e ffotelle. Voi. IV. 



UigniaOb, Google 



CCLXXil. 
Li dui sarci. 

. 'Na vola un surci cci dissi a n'fltm surci: — « Gei vfl' 
vèniri a maDciaii udì me ziu? • Chiddu, chi era mortu 
di la ftìini; cci dissi:— • Sì, ma unni sta?» — • Chi an'lia' 
a fari I sta ccà viciDU. • 

Sì parlerà lutlidDì e jeru nn'dn magasena. Slu maga- 
senu avia la porla cu lu pirtusu tuutiu tunnu pi tràsiri 
e nèsciri li galli. Gomu arrivaru, lu surci cli'avia lu ziu 
cci dissi a lu cumpagnu: — < Trasi primu, ca appressu ira- 
su io. t — t Chi cc'entra! cci dissi l'àlru surci, tu si' Io 
palruiii, e lu lia' a trèsiri.- Lu surci pi falla 'n granni si 
'nGla lu primu cu diri ca java a cliiamari a lu ziu. Mancu 
avia Irasulu 'nta lu magasenu ca 'na gatta l'aggrastau pi la. 
gregna ^ Lu surci accumiosaua fari: — • Ziu! siut* L'dtru 
sorci coniu 'alisi accussì dissi: — • Minchiuni I e t'è ziti, 
e manca ti canusci M vidi chi voli fari cu miai • Vut6 
tunnu ' e turno d'unni avia vinutu. 

Ficarazzi '. 

' Neppure pr.^ entrato nel raai^iziino . eie un gallo 1' alTerrù per la 
cemce. Gregnn agrigna, propriamente é il {ririe o la criniera, Jeliodel 
civallo o d'dltra qDailruprile. 

* Minchione I e ti é zio, e neppar li riguarda I 
' Fece una giravclla. 

* Raccontala da un cerio Cutnpurelio. 

In questa favola c'è il eloppio aoitt della voce ùu, la quale vale zio, 
e imi la lo slrìdere di'l Borcio. 



UigniaOb, Google 



LI DUI suna. 



VARfANTl E RISCONTRI. 



Una versione palermitana dì questa favola è in Pitrè, Otto 
Fiabe e Sovetla, n. Vili: La turei magra e In ture* grauu. Biz- 
zarra è la conclusione, nella quale il topo magro libero dico 
al topo grasso stato acciuffato dal gatto, che egli se ne tor- 
nava libero al giardino; 

• Gei dissi lu sorci magm a lu sarci grassa; 
Si scappi 'nla li vrùcculì lUspeltu.» 

Una simile ne hanno il Gozzi e il PioitoiTi, ed arieggiano 
quella del Cane. e del Lupo di Fbdro. Leggesi pure in Vbns- 
RiNOO GaKGi: Ltt tìirct di campagna e fu surci di cita. 



UigniaOb, Google 



GGLXXIH, 

L'Omu, lu Lapu e la Vurpi. 

'Ha fola dici ca c'era uu poviru lignaloru, e campava 
carriannu Ugna di lii vosca supra li spaddi e si'Ii jia a 
vinniri 'n citati. \Na matioa mentri si ni scinnia 'mpuntitu * 
sintia certi gridi e lamenti. Allura avvicioau unoi èrina 
ddi gridi e quannu arrivau ddà, vitti ca cc'era fatta 'na 
fossa funna, e ddà intra cci avia cadutu 'n Lupue di sa- 
prà dMddu 'na vaiata grussuna *, d'unni non putla cchiù 
né fùjrì né scappar!. Quannu lu Lupu vitti lu lignaloru 
cci dissi:— • Fainmi lu favuri: tibbrimi di ccà, ca cor- 
chi vota ti la pozzu arrènniri. • Ma lu lignaloru pinsau 
e cci arrispusi dicénnucci : — • Lu farrissi iu *, ma tu 
mi Tarrenni ca doppu ca ti scapulu la vita ti mangi a 
mìa. > — 'No, chissà non farro mai , arrlipusi lu Lupu, 
ma aozi quanna tu veni a lu Voscu e cc'é corchi àutru 
Lupii ca ti vorrà mangiari, in ti addifengu a costu di la 
me vita ; • e doppu cci fici milli giuramenti. Ln po- 
viru lignaloru cci dissi ; — • Sì; ora vaju ppì 'na scala , 
e tornu ppì nèsciti *. » 'Nfatti quantu cchiù prestn potti 
si va a'mpristau 'na scala ', turnau ni lu Lupu, misi la 



' Cna manina mentre se ne scendea cirlco. 

* Una grossa pietra. 

* lo In farti questo. 

' E torna per uscirli fuori (per liberarti dalla fossa). 

* Andò a prendere ad imprestilo una scala. 



UigniaOb, Google 



L OUU, LU LUPU E LA VDRPI. lOO 

scala Di la fossa e poi tanta ilei e tantu non fici ca coi 
livau la vaiata di supra, e lìbbràa di la morti la povira 
topo. 

Coma lu Lupu acchianau lutLu cunsamata e tutta spi- 
lato, lu lìgnaloru si 'mpuniu la scala e piggtiiau licenzia 
a lu Lupu; ma chista però ci dici: — ipassu passo, cum- 
pari; unni è ca jiti? ah gnurnò , ca iu havi tri jorni ca 
non manciù ; e mora di lu pitittu , e cchiù megghiu di 
mangiàrimi a vai chi pozzu ascìari < ? >— « Coma! ccl dissi 
lo lignaloru; a mia vi vultli mangiari ? * e arrìstau spanto 
trimannu di lo limurì '. Ma piggtiianna coraggio cci dis- 
si: — . Jemu a lo nostra : tutti li to' prumissioni unni 
jeru ? clii chista è la tò palora? chi chista è la beni ca 
t'hé faLto, ca ti libbrdi la vita? e ora mi v6i mangiarli Ah 
DO, ctiìssu non è giusta, e mi vói fari 'na pruputenza. » 
La Lupo ci dicia: — • Non fari chiàcchiri e voci; in haju 
fórni ca mora, cehialtoslu camina tanticcliia cchiù co mia 
a lu frisco *, servi ca mangia all'ammira '; • e In cacciava 
cu la cuda. Allurlimala la lignaloru cci dissi: — « No, 
jamuoinnì di un violu, fina ca n'ascòntrìnu tri ', cci cua- 
lamu la raggiuni e la fattu, e sì dicinu di tu mangià- 
rimi, mi mangi, ma si dicinu di no, m'ha' lassali jirl. • 
Allura lu Lupu vidennu ca.era veru birbanti, cci dissi : 
— € Sì, facemu comn dici tu; > e cuminciaru a caminari. 

' E eh' polrò mangiar meglio ciie voi ? 
■ E restò allerrìlo iremondo dalU paura. 

' Nun far eli lacchi ere e tooì, io ho una fame da morire, piullosio cam- 
mina un po' di piii con me verso il trvsco (:i II 'ombri ). 
' Cosi io mangio ali'oml.ra. 
' No, aiidiami) per uii aentiera, finché non inconiri.imo ire. 



UigniaOb, Google 



iDO FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Caminanna caminanDU cci scuDtrau u'omu, e lu li- 
gnaloru cci raccuntau lu falla coma avia stata; doppa, 
lu Lupa cci dissi : — f Ma ia haju fami, e non haju co- 
iBu fari, dunca dicidi chhaju a fari. • L'omu scantàiinusi ' 
ca lu Lupa lassava a cliiddu e si pigghiava ad iddu, cci 
dissi sti paiori : — « lu non haja chi diri, ma ta famié 
bruita. I Lu Lupa allura si vutaa e cci dissi a lu ligna- 
loru:— • Vidi, chistu è lu primu a me favuri, e canta 
unu; • e sicutaru a caminari. 

Doppu 'n pezzu ' cci scuntrau 'aa Vurpì; allura la li- 
gnaloru e la Lupa la chiamaru e cci dissiru li su' rag- 
giani DgnuDu, ma la Vurpi arrispusi e dissi: — • QaaooD 
iu haju fami, macari la lerra mi maagìa, ca ppi tristu 
pani non si mora i fami '. • E lu lupu vutànnusi cu 1q 
lignaloru : — • A n'àutru stai *, e a mia la fami mi sta 
avvincennu, e mi pari mala ca t'haju a lassarì viva an- 
cora. » Ma lu lignaloru lu fici caminari n'àutru pizzud- 
rtu ppi scuntrari all'àutru. 'Nfalti cbmu flciru Ma furria- 
tedda , cci ascuDlrau un Lìuni* e altura la lignalora 
dissi : — < Sugnu morta! ora lu Liuui duna raggianì ad 
iddu, e pd mi mànginu lutti dui; > lu Lupa, a lu cau- 
trariu, si prjjau, e cci paria Tura di cuatàricci lu fatta. 

' L'uomo arendo paura. 

* Dopo Dii trailo. 

' Un [.rOTerhio siciliano : 



* Mon iplai che piT un allro (non li rimane che un «Uro a cansnlla- 
:; cioè, ia tea vita dipende da un altro paicre). 

* Infalli appena fecero un picralo giro, s'avvennero in un leone. 



UigniaOb, Google 



forni, US LVPV E LA VVRPl. 167 

Allura tuttidui s'avvicìnaru a lu Uuqì , e lu poviru 
lignaloru, tullu scanlànnuai , cci arriccuntau tutta lu di 
scursu e comu avia libbratu di la morti a lu Lupu ca cci 
avia fattu tanti prumisìoni, e ora poi doppu lu Lupu stanza 
vuliri sentiri ccliiu raggiuni si la vulia mangiari, e ctii 
slava a la sinteii2a di lu Liuni a mangìarisillu o no, co- 
mu era lu pattu. Lu Lupu non dissi cciiiù nenti, e attin- 
gava sempri ca avia 'na fami ca muria e pirclò si Tavia 
a mangiari. Quannu lu Liuni 'ntisi tuttu lu tlnuri, panaa 
e dissi: — ■ lu non pozzu diri nenli, né cui liavi raggiu- 
ni lorlu, si non prima viju la fossa, la vaiata, e co- 
mu era misu lu Lupu, e poi chiddu ca uprau tu lignalo- 
ru ppi sarvarì la vita a lu l>upu; e tannu poi dugnu la 
sintenza. > Accuss'i fìcìru. 

'Nfalti jeru 'n'àutra vota supra locu, e lu Lupu cuniin- 
tuni scinniu nni la fossa; doppu, lu Liuni cci dissi: — • Oia 
mentili nai lu slissu stricanacchiu ca eri ', e iu e la li- 
gnalc.'u ti minteniu passa passu la vaiata di supra. > 'Nfatti 
lu Lupu si curcau e cci misìru la vaiata di supra. — < Ora 
aspetta quantu acehianamu, e vidu chi ti flci la lignalo- 
ru. • Subitu, acchianau cca lu lignaloru, si tirati la scala,e 
la va a guardan di ddà supra, dicènnucci : — • Senti, 
Lupu 'nfami e birbanti, ca cangi sempri lu pilu e mai lu 
vìziu *: staiti ddocu e crepa di la fami Una a quannu li 
vènninu a'mmàzzinu chiddi ca ti paràru la fossa *; pir- 
clii si eri anuralu e galanluomu arringraziavi e vasavi a 



' Adesso menili aeWa slessa posizione in cai eri prim^i. 

* Il (iroierbio dice : lu lupu uincia In pilu e no (u gì;ì". 

■ Fincbè non vengano ad anitnazzanl coloro chi! Il prirono la tossa. 



UigniaOb, Google 



168 FIABE, NOVELLE, RACCONTI &C. 

cllìOdu c3 l'avi» sarvata la vita , e no ca li lu vulevi 
mangiari. Vui boaomu vaitiviDQì pi U fatti vostri, e va 
dati a mangiari ccu lu vostra travagghiu a li vostri fìg- 
ghiareddi ', e vi 'nsignu ca lu beni l'aviti a sapiri fari, 
e prima di falla avili a canuscìrì a cui la faciti. > D'accassl 
dicennu cci pigghiau licenzia e si ni iju. E lu poviru li- 
gnaloru ritarnau a la so casa cuntanau a tutti tu fattu, 
tuttu spaniu e cchiù mortu ca vivu. 

Etna '. 

VABIANTI E RISCONTRr. 
Lu Soarparn e tu Li'itni. 

Sì raccunta chi ce' era un Scarparu. Comu cc'erii stu Scar- 
paru avia quatlru figghi; miBchinu, si nni iju pri la terra, e jia 
abbanoiannu : — • Cunzamu li searpi, I Soli e taceuna mitU- 
mul ' ' Nan lu chiamava nuddu ; e iddu cci parila : > Ce' è 
liadaeghL! passainu a 'n'autra strata ! — • Cunzamu li searpi t 
Soli e taccnna mittemu I > Nun lu .chiamava nnddu. E iddu : 
— • Nun ce' è chi fari, nun ce' È chi farir ■ 'Nsumma flr- 
riava lu paisi e nuddn lu ch'amava. — • Va. mi nni vaju a 
la casa. Vajn a viju si me mugghieri e li me' figghi hanna vu- 
acalu quarchi cosa e mi dunanu a DiaDgiari. • 

ArrivaoDU a la casa ti figghi aspittavanu chi so patri cai ■- 
vissi purlatu di mangiari. Coniu trasiu dinlra lu patri, li £g- 
ghi : — '0 pairuzzn roeu, v' arricugghistivu! chi purlali otra 



' Figghiareddi, figlìoleiii, llgliolini. 

* Raccolta dal sig. Salvatore- Pasqoale Vigo. 

* Maniera dì gridare da' cisbaUini , che sìgniGca 
piamo) le scarpe t Meniamo suole a tacchi I 



..gniao'b, Google 



L'Olle, I.U WVV E LA VUBPl. 169 

I* coffa!- Li fifghi cu' filava, cu' raciaquasetla;jetlaiiu rocca 
e quasella 'n terra e currinu e s'alhppanu a la coffa '. Povìru 
patri arrìstau affritlu!— ■ Pigghl mei, dici, chi vi poizu fari! 
nun portu nenti , mancu un cenlesinìD! Vnàvatri nenti aviti 
vuscalu ! ' — ■ pairuzzu , nenti { tutU semu dtjuni. • — • E 
jeu miremma, e semu latti dijuni r Ma figghi mei , dumani 
mi vajii a rumpu li gambi e lu coddu pri jiri a vuacart 
quarchi cosa. • Li figghi s'assittaru tatti a lu focu 'cnmezzu la 
casa, e pai lu patri accumencia a pinsari : — • Figghi mei, lu 
sapili chi haju pinsalu t domani ni nni jemu tutti a ministred' 
da.' La matìnaparterupri còg^htri sta minestra; arrivannu vì- 
cinu 'nna muntagna , chiamata Bocca d' Antedda ', accumin- 
ciaru a cògghiri lassaneddi , finocchi , cicoria, e tattu chiddu 
chi cci vinia, e avianu addubbatu cu la Irusciledda e cu lu 
saccuni, e stavana gin pri pìrtiri '. Lu patri senti un lamentu; 
e cci dissi a II figgiti : — • Figgiti mei , abbiali ', chi jeu ora 
vegiiu.*— • Patri, nun aviti a'ddimurari chi nuàvutri arrivannu 
a la casa, sutCa la bolla mìlteina la pignata >. — • Vuàvulri 
jili presti e priparatl . chi jeu vegnu appressa. • Stu acarparu 
pri nun fari scantari a li figghi arrìstau salu pri jiri a vidiri 
chi era stu lamentu. Cumencia ad avvicinari 'ntra ddi fèudi 
<ri muntagna, senti diri vicina : • amicu, avvicinativi e datimi 
ajutu chi haju ncappalu 'ntra 'na grulla. Mischinu , chistu 
sintennu sta vuci s' avvicina a ddu baca di la grulla, e vidi 



' JUtanu ecc. (Le figlie) bnllano pur terra rocca e calza, e corrono e 
s'aweDlano alta sporta, * Sulla Rocca d'Anledda, Rocca d' Eniella, veJì 
la tradizione CCXXXI. * CumiRCJaru ecc. Si diedero a cogliere cavoli 
aetvstlci (tauanoliii, piar,, dim. dì laiiana, eryiimma barbarea dì Lin,), 
finocchi, cicoria, e tulio ciò che loru vi'ntva, e sve.ino accomodala (le- 
gandoli) con an fagollo e con il saccone, e stavano gii per partire. ' Ab- 
biali, aceióli, avviatevi, andate ìonanxi, ' Sobllo (tattala botta, sotto 
il colpo, 11 per li] metteremo sul fuoco la pentola. 



UigniaOb, Google 



no FIABE, NOVELLR, RACCONTI EC. 

'Dna rocca ch'avu etimpatii davanti la porta di diia grulla ■ 
e idda nun pulla niìscìri, e rispusi Iti scarpara e cci dissi: — 

• Amica, dicilimi comu siti ddocu dintra. ■ — < Cara amica, 
assira mi pirnutiau 'nlra sta gratta; stanotti sticnpau sta rocca ed 
arristavi ccì dintra,- — ■ uaquà di mìa obi valiti orai • cci 
dissi la mastra.— • Prilanau chi vai in'ajutàssiva, Jeu di dintrs, 
vai di fora, a scagnari sta rocca ', quanta jda putissi oèsciri. • 

— • Jeu v'ajatu, ma vurria sapiri clii cosa siti; sili cristianuT 
animali T • — • Amica, jeu sugna an Lìuni. ■ ha scarpara : — 

• Ujsiricordia '. jea v'tié ajalari pri nèsciri di ddoca ? putiti stii' 
ricci in alernu. Pirelli si jea vi faizu nèsciri di ddoca, j eu haju 
la fami, vai lu pitiltu e eerlu mi mangiati. • — • Como ! amicn 
meu strillu! ddoppu chi vu' mi dati la vita, jeu v'hé man- 
giari! saria un vili, un tradlturil' — • Dastà, circati d' aju- 
tarimi chi jeu beni vi puazu fari e no mali. • Uischinu si 
fici livari di sta bestia, e lu nisclu '. Niscennn, liei tanti ringra- 
ziamenti a lu scarparu ; duman^aru 'nna bellissima licenza e 
pariju. Appena lu vitti arrivari, p. es., 'nna sittina di passi ai- 
lanlanala d'idda, cci cumencianu a vÈniri badagghi e slinnic- 
chi a lu Liuni, e tu chiama : — • Amicu, un mumentu i avanzi 
chi vi ni jili vi voggbìu fari un cumpllmentu.» Uischinu, a- 
spittava stu Linni chi si metti la cuda a paliedda, e camin- 
elBD a fari quattru satitti * e carri ad avvicinari a 1' amlcu. 

— • Chi vuliti, lu cumpari : curaggiu nan cci nn'haju, cci dissi, 
ca lu pil'ittn mi scippa l'occhi ', o vai o àutru bavi ad essiri. • 
Mischimi, lu scarparu sinlennu sii parali morsi : — • Vi l'baja 
dillu chi sempri siti armalu; chista è la parola chi mi dàstivn 

' E v«de una rocca che staccandosi e precipilaiido era andata a chiii< 
(jere ia bocca di quella grolU. ' A (Arre d' avauti, a spiugere inaanii 
dalla porla qaesla rocca (qnesto gran masso). ' Poverello, sì Usciti per- 
suadere da qaesla beslia e lo usci (in salvo). ' Salllti, sàtlelli, salterei' 
li, sgambelti. ' l^a la fame mi cava gli occbi. 



UigniaOb, Google 



l'ohd, ld ldpu e la vnnpi. 171 

ferma, di a mia Dun mi tuccari, di lassarimi libira! • — • Al- 
tura senti ehi li pozzu fari, ta lu sai cbi lu beni s'arrenni a 
malu; ora nni millenni 'n camlou lulti dui, e a lu prìmu chi 
'ncuotramu cci duinannamu lu beni a chi s'arrenai. Si dicina 
chi s'arrenni a mali, e Jeu ti manciù; si dìcinn a beni ti lassù 
jiri, ' Uenlri eaminanu, 'nconlraau un sceccui dutnaDDarn: — 
< A chi s' arrenni !□ beni? • Dici : — • A mali s'arrenni. • 
— • Ti l' haju dillu T ■ 'Ncunlraru un Lupo e cci dumannara 
In beni a chi s'arrenni, e cci rispiisi miremma a malu. Dici: 
)q Liuni: — ' Ti l'baju dilla! e su' dui! 'unnhaju chi ti -fari; 
'D'antro cci nn'È;> (pirchìaviana a dumannari a Iri). Si metlinu 
'd camini! e ncontranu 'na vulpi , e cci dumannanu: — • Lu 
beni a chi s'arrenni? • Dici:— • A mali. • Comu, mischinu, 
'ntisi chi a mali, chistu arrìstaa friddu i:omu la nivi. Uischinu, 
si detti d'animu e fa occhia a la Volpi. La Vnlpi caplu chiddn 
chi cci Tulia diri lu poviru scarparu e cci dissi, dici:—- Ora 
quanta sentu chi cosa avislivu vuàvutri ! • E cci cuntann Cultu 
lo fallo. Allora la Vulpi dissi: — . Ora sopra loco s'havi a 
fari giaslizia, nni nn'ìmu a jirì sopra locu. • 

Mentri chi caminavanu prì jiri a la grulla, la Lìoni avanti 
tutto cuntenti, e la scarparu jia cuniìdannu « la Vulpi: — • Si 
io ti Qdi allibirlarJrai di st'assassinu, jeu ti cumplimentu ottti 
gaddini e un gaddn, 'nsoccu dici dici me moggbieri.* — • Non 
cci pinsari, chi l'aliibertu; ma basta chi tu la comprumìsa nnn 
ti la dimentichi. ■ — • amico meu, e comu mi l'haju a di- 
mjnlicari?' Agghiungero a la grulla, fanno 'nlìlari lu Lìunì 
'nlra la grotta, dici : — • Haju a vidiri com' eri situatu, 'nsum- 
ma, pri jeu cunnannari; • si 'nGIau dinlra la grotta lu Liuni e cu 
miuciaru a melliri la rocca com'era misa prima, e cci duman- 
oava; - ■ Era accusai la rocca? • — . 'N'àotra aniicchia a jiri 
a mia era ', pirchì lumi nni vidia picco; ora nni viju assai. • 

' Era nn altro poco Terso me. 



UigniaOb, Google 



172 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Lu siluaru com'era; dici r — • Ora accusai era situalu. > Dici : 
— • Unqaa tu arresti ddoca, e la poviru mastru si nni va. • — 
• Pri carità niscitimi , ehi nun lu toccu. ■ — • Tu pò' stari 
ddoco ; lu tocchi o nun lu tocchi, pò' stari ddocu e chiddu 
si ni va pri r affari soi. • Pigghiau In searpareddu 'osèm- 
mnla cu la Vulpi ai nni i]u a jiri a lu paisL Arrivannti a lu 
paisi ccì dissi la Vulpi : — > Cam aoiicu , jeu 'nira lu paisi 
nun cci pozzu tràsiri; si siti amicn jiti a pigghiari li gaddinì 
e jeu v'aspetlu ccà fora.* — • Uà caminati . vinili a la casa 
e vi- li pigghìati pirchi m' aviti a fari fari sta via ? ■ — • leu 
nun cci poziu vèniri, pirchi si mi vidi gualchi cani [chi su' 
nnìmici mei,) m'assicufa. > — • Uiiquà aspillati un mumenlu 
chi vi li vaju a pigghiu. • 

Iju nni UD ucceri, si fa 'mprinlari un cani grossu, si lu càr- 
Fica 'n coddu e iu porta a curamari Vulpi. La Vulpi sempri guar- 
dannu si vinia l'araicu cu li gaddini e lu gaddu , e vidi chi 
veni carricatu , tutta cuntenti dicennu: — • Chi sorti d' omu 
di parola ! macari la gaddu porla veru; là' ■ comu cci sbatti la 
cada; minchiuni chi gaddu; ■ Lu scarparu arrìvannu vicinu 
di la Vulpi cci abbia lucani appressu:— • Uh! cani: ad idda 
ad ìddai > La Vulpi: — > Ah! tradituri! cfaislu è lu beni chi 
li. ficl ! ■ — • Si , chi In beai s'arrennl a mali, e tu stiasa la 
dìcisli. > 

Salaparuta >. 

In un'altra versione egualnieule siciliana ruesta favola si lega 
con nn'altra novella. 

Un'altra versione siciliana è in Go.vzb:4Bach, Sicil. Mdrchen n. 
68: Lòwe, Pferd und Fuchs [Leone, cavallo e volpe). Un leone 
cadde in un fosso; un cavallo ne lo liberò, ma poi il leone se lo 



UigniaOb, Google 



l'ovu, lu uspu e la vurpi. 173 

volea mangiare. Se ne appellarono ad una volpe; qnesta volle 
vedere com'erano sitaali l'uno e l'altro quando il leone era 
slato liberato dal cavallo. Qnando essa ebbe di sotto il leone 
nella fossa gli gettò addosso una pietra e l'uccise. 

Una versione greca di Castrignano in Terra d'Otranto ù in 
U0R03I, studi sui dialetti greci di Terra d'Otranto, Prosa, IV> 
Un' altra leggesi in ?. Casalicchio, L'utile col dolce, cent. Il, 
dee. IX, arg. I, ove il villano si libera poi dalla volpe facen- 
dola entrare nel pollaio, e percotendola a morte. 

Altre versioni ne cita il KOrlkr nella 69 della Vergteieheiide. 
Anmerkungen alle Sicil. Mar ehm. 



UigniaOb, Google 



CCLXXIV. 
Lu Venta, l'Acqua e rOnuri. 

Un juorna, a tempa aDlicu, si riccunta, ca sijaDceia, 
caimnannn camioannn, lu Ventu, TAcqua e rOouri. S''ab- 
brazzani tutti, e ficiru tanti discursi 'ntra dHddi dì tutta 
qhiddu ca avìana fatta e aviana a fari. 

L'Acqua cci cuntau ca currenna 'nlra un ciijmi < poca 
tempu prima, avia fattu tanta beni, abbìvirannujardinura, 
furriannu muliai e arricrìanna a tanti assiEati *. 

Lu Veata cci raccuntava ca iddu facia macàrì farriaii 
mnlina *, e senza d'iddn non palìana caminarì cctiiù basti- 
menli e varchi, e chi poi quanau non avia cchiùchi fari 
si ni jia a spassàrisi o ccu ti nuvuli o oca l'àlbuli 'ntra 
li vàschira ' o 'ntra li cimi di li cchiù àuli munti. 

L'Oauri, paviredda , non avennu ctit diri cci dicia al- 
l' Acqua e a lu Ventu: — < In è certu, non pozzu fari sl< 
mmrdcnli, ma tegnu tutti Tominì-'a pugnu, e ccu latta 
ca sogDU nenti e para auddn, qoaanu n'omu dì munnu 
ricca puvireddu, cchiù meggliiu quanna havì a mìa 
Iiavi assai, e ccu mia p6 e voli. > 

Doppn ca tutti tri si la discurrern cunvinnìru ca èrinu 
tri Putintati di lu munnu , e siccomu avìana chi fari sì 



' Che correndo per entro an <letlo di) Same. 

' lE*fBaado givnlini, facendo girare mulini e ricreando Unii «striati. 

* li vento raccontava toro cbe anche esso faceu girar mnlini. 

* con {lì aUicri Ira' boselu. 



UigniaOb, Google 



LU VENTO, l'acqua E L'ONVOI. 175 

pigghtant licenza e si dì stàTìnu jeona ognnnu ppi li 
fotti so'. 

Ha comu si spartèvìna la Venta cci dissi airAcqoa e 
airOnuri:— • Ma quannu ni juncemu 'n'àutra vota, e un- 
ni? » E 1' Acqaa cci arrìspusi : — • A mia mi troTÌ ni 
li frischi funtani. > — • E si su' sicchi? > cci dissi lu 
Venta. — « Allura mi truviraì certa 'ntra lu mari, » — 
< Ha a lia unni ti attrovu ? > cci addumannau t'Acqua a 
lu Ventu. E lu Ventu: — • A mia, quannii sugna spicci u, 
ppi ccliiù certa mi attrovi sopra la cima di Mungibeddu 
e ddà mi spassa e jocu e ccu li nuvuli e lu so fuma. > 
Allura lu Ventu e l'Acqua — cci addumannaru a TOnuri: — 
« E a tia quannu ti circamu unni t' ^u a iruvari ? > E 
rOnuri accnssi cci arrispusì; — » A mia ? ora si,, chistu 
eulu non pò essiri; pirciii ìu stilu < ca cui mi perdi 'iia 
vota , non m'ascia ' e non mi vidi cchiù ppi mentri è 
mnnnu. 

Acireale '. 

VARIANTI E BISCONTRI. 

Questa favola sì trova io Straparola, Tredici piacevolissime 
notti, XI, 3 : ' Pomporio Comona viene accusato al patrone del 
sao disordinato mangiare , ed egli con una favola , mordendo 
il patrone, delia querela si salva. • La favola raccontala da 
Gomona à del Vento, i'Acqua e la Vergogna. 

Gaspare Gozzi la diede anche lui col titolo II fuoco, l'acqua 



' Raccolta Jal sig. Salvatore- Pssqu.ilo Vigo. 



UigniaOb, Google 



i76 FUBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

e l'onore. sostitueDdo al vento il fuoco. E perchè sì possa ve- 
dei>e come la nota favolelta del celebre letterato veneto non 
si discosti per nulla da quella del povero ed oscuro monta- 
naro etneo, eccola qua nella sua interezza. 

Il Fuoco l'Acqua e l'Oaore 

Il fuoco, l'acqua e l'onore fecero un tempo comuQella ' in- 
sieme. Il fuoco non pud mai stare in un luogo, e l'acqua an- 
che sempre si muove; onde tratti dalla loro inclinazione , in- 
dussero l'onore a far viaggio In compagnia. Prima dunque di 
partirsi , tutti e tre dissero che bisognava darsi fra loro un 
seguo da potersi ritrovare, se mai si fossero scostati e smar- 
riti l'uno dall'altro. Disse il fuoco; e se mi avvenisse mai questo 
caso che io mi segregassi da voi, ponete ben mente colà dove 
voi vedete fumo; questo è il mio seguale e quivi mi troverete 
certamente. E me, disse l'acqua, se voi non mi vedete più, non 
mi cercate colà dove vedrete seccura o spaccature di terra, 
dove vedrete salci, alni, cannucce o erba molto alta e verde; 
andate costà in traccia di me e quivi sarò io. Quanto a me, 
disse l'onore, spalancate ben gli occhi e ficcatemiglì bene ad- 
dosso e tenetemi saldo, perchè, se la mala ventura mi guida 
fuori di cammino, sicché io mi perda una volta, non mi tro- 
vereste più mai. 

' Comunella, comunione, società, lego. 



UigniaOb, Google 



CCLXXV. 
Cumpari Lupa e cummari Vulpi. 

'.Va vota cc'era la Vulpi, e cc'era un sardàra ' chi pur- 
tava li sardi. Idda si schinci * malata. — • Cummari, cci 
dissi lu sardàru, unni jiti?» —4 Cumpari, sugnu malata 
e nun pnzzu abbtaggìari '. » — t 'Nca, sapiti chi facemu? 
io vi metta ^n capa la vèstia, e poi unni valiti essiri las- 
sata, io vi lassù.) DaiTieri ce' era compari Lupu. — « Cum- 
pari, cci dissi a l'ammucciuni la Vulpi, sspiti ch'haju pin- 
satu? io mi metta '11 capa la véstia di lu sardàru, piglia 
li sardi, e a uDa a una vi li Jettu, e vai cumpari, l'arricug- 
ghiti. > Ha pigliata lu sardàru e tia misu la Vulpi 'q ca- 
pa la vèstia, e la Vulpi jia jittannu ti sardi, e lu Lupa 
l'arrìcaggliia. Arrivannu a meoza stanza ' dici la Valpi:— 
< Cumpari, ora scinoìtimi, ca ccà è la me gratta. • 'Nca 
iu sardàru ia scinniu, e idda si junciu cu lu Lupu. — 
• Cumpari Lupu, nn'àti cuglìatu assa' sardì ? •— « 'Nnasi, 
cummari Vulpi; assai nn'haju cugliutu. • — • Vui cumpari 
l'ali cugliulu, ma ora l'flmu a spàrtiri stì sardì. > — < Oti I 
cummari, io heju fatta tanti stenti, e vui li valiti ? * E 
sardì ^ua cci uni vosi darì. La Vorpi schinci ctiì di la 
colira cadin maiala. — « Oh I cummari Vulpi, e chi atili ? 

' Sardàru, venditor di sarde fresche. 

' Sthinnri, della parlala per ^nciri. (iiigeiv. 

' F. non posso viigitiare. 

' Giunla a iDezu via. 

l'iinÉ. - Fiabe « Novelli. Voi. IV. 11 



UigniaOb, Google 



178 FIABK, NOVELLE, RACCOTfTl EC. 

'Nsamà ' cadistivu malata pi la colìra di li sardi ? • — 
« Nnasi, cumparì. • — ■ 'Nca io vi li portu li sardi , ba- 
sta chi vui vi susiti, » Ha pigliatu lu Liipu , e cci ha 
purtalu li sardi. Ddoppu chi sì luanciaru li sardi, passaa 
un cardunaru '. Dici lu Lapu: — < Cummari, comu facie- 
mu, ca si cci haanu a livari li carduna a sia cardunaru? • 

— < Sapiii chi raciemu ? cci dici la Vulpi, io ora mi schio- 
ciu malata,' idUu mi càrrica 'ota lu sacchitieddu; vui vi 
miniti darrieii di mia, e io vi jettu li carduna. > 

Passa la cardunaru:— • Chi aviti cummari Vulpidda? • 

— • Sugnu malata, e a la me grulla nun cci pozza jiri. 
Mi valiti purtari vui 'n coddu? • — « Nnasi, cummari.» E 
si la misi supra lu saccu di li carduna. La Vulpi cu la 
granfudda scippava li carduna ' di lu saccu t cci li jt- 
lava a unu a una a la Lupu. Quannu cci parsi ad idda: 

— • Cumpari, cci dici a lu carduoaru, scarricàtimi ccà, ca 
ccà èni la me stanza. > La cardunaru la scinniu e si 
nni iju pi so via. — • Cumpari Lupu, cci dissi la Vurpid- 
da, li carduna? • — < Cummari, io avia una gran fami e 
mi riiaju manciatu tutli; p' 'un diri farfanlaria vi nn'haju 
sarvalu du' pjduzzi '. • La Vulpi, arrabbiata, si la sar- 
vau '. 'Na jurnala si schinciu malata: cci va lu Lupu e 
cci dici: — • Cummari, comu siti ? » — • Cumparì, malata 
sugna, ed bé jiri 'n Palermu, e nun pozzu camìuari. » 

' 'Xtamà', oonlr. ila iMiri lUt mai, non fia, non vorrai die. 

* Caidunàiu, venJitore dì canloni. 

' La volpe collo mmpino tirava i cardoni. 
' Per non diru una lugm (a dire il vero» ve ne 
(cardo ni). 

* Ln volpe, arrabbiala, se la conservò {se la legò 



UigniaOb, Google 



CCMPARI LtPU E CDMMARI VULPI. 179 

— 1 Zitlitivi cummari, ca vi cci porta io. • Si l'ha misu 
''n coddu cumpari Lupu, e sì misi a caminarì. Lu Lupu 
era zuoppu; e la Vulpi juva cantannu: 

• Pianu, pianu, piana ', 

E lu rnttu porta a la sana. • 

— «Ch'aviti, cummari?» cci spija lu Lupa. — < Chi 
haju ? — NuD pozza caminari, e caDtu. > Ddoppu 'n'àu- 
tra arrancaledda ', accuminzò arreri la Vulpi : 

< Pianu, pianu, piano, 

E lu rultu porla a lu sana. * 

— • Ma, cummari, chi jitì dìcenuu ? • — t Nenti cumpari, 
mi vaju allianaonu accussi. • — t Ma coma vi sintiti ? » 

— • Coma m'hé sentiri? roalaledda ancora, e nun m'tiaju 
patutu sullivari. * ~ • 'Nca caminamu, • arrispunni cum- 
pari Lupu. Passannu 'n'àutra arrancatedda, idda si misi 
a cantari arrieri: 

< Pianu, pianu, pianu, 

E lu ruttu porta a lu sana. > 

— « Ora 'nsumma , cummari , a cu' valiti buffuniari ? 
Vuì siti malata e jìti cantannu? > — < Ah t dici la Vulpi: 
'nca io avia pigliatu lì carduna, e vui 'un mi nni vuli- 
slivu dari, ora io sugnu bona, e m'haju fattu purtari di 
vui zoppu; ■ e comu dissi accussi, salò e lassò lu Lupu. 

Valleiunga '. 

' La ROTeUaIrìcq ba prununiiato quDSla voce pùinu con tina dotcezii 
da di^raJarne Ja più g«ntile toscana. 

' Dopo an'atlra piccola arrancala (pochi sUri passi). 
* Bacconlala ila Elisabetta SaDfralellu. 



UigniaOb, Google 



fSO FIABE, NOVELLE, RaCGO.NTI, BC. 

VAIUASTI E RISCONTRI. 

Il principio è simile alla Vurpi a. CCLSXVII. Per l'insieme 
ba lo stesso fondo del Lupi* e la Vurpi di Palermo, che e 
una versione meno circostanziata della nostra, e che credo 
opportuno di pubblicare: 

La Lupa e la Turpi. 

N'a vota si 'ncunlrniu cuupari Lnpu e cummarì Vurpi. Cci 
dissi cummari Vurpi a. compari Lupu : — • Chi ce 'è, cumpari, 
Gomu silii Quant'havì ch"un vi viju i Cci vulemu jiri a pi- 
sc&ri ! ■ — • Unursi, cummari, jamuninni. • E sì nni jeru. Ar- 
rivannn a roari, arrivannu a ddu punlu unni putiaou pig^biari 
li pisciteddi, cci diasi la. Vurpi : — • Va, cumpari t vui vi jit- 
lati a mari, io v'aspetlu cca, e mi prujtì chiddì chi pigghiati. • 
Lu poviru Lupu. comu si jittau 'nta lu mari , s'ammaraggiau; 
e iju a funnn, e qnannu pulia nèscìri la testa fora di l'ac- 
qua, gridava : — • Cummari, commari , etaju murennu : > La 
cummari, com'idda la chiamava, ea valla ajuta , si mittia a 
scippari tutta, e cci dicìa: — •.Cumpari mio, io staju ma- 
renuu cchiù di vui, io ora mi jetlu a mari cu' vai. • E lu 
Lupa affannava arreri. E idda, la Vurpi, si mitlia abballar! pi 
cunlintizza quannu lu Lupu java a funnn. 

Fìnalmenti lu Lupu, ccbit morta ca vivu, arrivau a DÈseiri 
di lu mari. La Vurpi, vidennu ca lu lupu avia niscìutu ccbiii 
mortu ca vivu, si cci liei truvari jittala 'n terra quasi morta 
di la pena. Lu Lupo comu la vitti jittala 'n terra cci misi ■ 
diri ; — • Ch'aviti, cummari mia* Cb'avilì , cummari mia T > 
— • E ch'haju ad aviri. cumpari ! ca io pi la pena cbi m'haja 
pigghialu sugnu cchiti Diorta di vui r E comu ora facemn, cani' 
pari, ch'io 'un baju cchiù àlica di caminari ••— • Commari, ri- 



UigniaOb, Google . 



CUHFABl LCPD E CUUHAHI VULPI. 161 

apuani la Lupu, cu taltu ca io sugnu luUu slruppialu, sapiti 
chi vi dica T millilivi.'n coddu di mia. e vi portu a la casa a 
stfascinuni. • Coinu la poviru Lupa si metti, mischinu, a stenla 
a caminari. la cummari, coma si villi n coddu di lu Lupu , 
accumenza a cantari : 

• Kinu minnaou, Sìnù minuanu, 

Lu malatu porta a lu sauu : • 

Ora viditi chi sorti di vurpaiza facciola! 

Palermo '. 

■ Baccolla dal prof. G. Pardi. 



UigniaOb, Google 



ccLxxvr. 

Lu Re di l'armali, lu Lapu e la Vurpi. 

A lu tempu chi l'armali parravanu, lu Lìiini, ctrera re 
di l'armali, linia 'nta lu so paiazzu a lu Lupu pi sbirm 
e a lu sceccu pi sigrilarìu, 

'Na vola stu Re cadiu malatu, e tutti rarmali coi jera 
a fari visita, fora di la Varpi. Lu Re, mischinu , malata 
com'era, 'uD s'avia addunalu di sta mancanza di la Vurpi: 
e tutti ràutri armali, cu' pi amuri, cu' pi timuri, di sia 
cosa 'un ci dicevanu nenti a lu ite. 

Ma lu Lupu 'nfami, pirchi 1' avia cu la Vurpi e 'unni 
la pulia vidiri mai, stetti, stelli e si la iju a cantari '. 
Trasiu 'ola la palazzu di lu Re, e cci dissi: — ( Haistà, 
io staju lantu àmmiratu ca tutlu lu nostru populu ba vi- 
QUtu a vidiri a So Maislà, ma 'un sacciu pi quali mutiva 
la signura Vurpi nun s' tia fattu awìdirì nudda vola. • 
Lu Re a stu ditta si 'ncuitò cuntra la Varpi , e ci dissi 
a Itt Lupu:— • Tu veni mi dici? Ah! sta birbanti J sta 
malacriata I Cci ìiè Tari avvìdiri comn si Irattal» E cn- 
mannò chi cci la jìssì a circari mò pir mò, l'acchiappassi 
pi 'u'ancchia, e ci la parlassi ddà presenti. 

La Lupu di botta si misi a circari la Vurpi 'nta ssi 
campagli! campagnì. Ma 'ola sta mentri lu segretarìu, 
ch'avia 'ntisu tu discursu, ad onla di la Lupa, zitta zitla 
ija nni la Lebbra, ch'era so curreri e ci dissi: — « M'ha* 

' Sldlte, sletle, poi andò » hi la spia a danno della volp«. 



UigniaOb, Google 



LU RE DI l'armali, LD LUPO E LA VURPI. 183 

a fari un fauri, ha'aj'irì a truvari 'nrdn sàutu la signura 
Varpi e ci ha' a diri cliista, chistu e chistu.> Lu Leb- 
bra curri ca li carri, ci purtò la 'mmasciata prima assai 
d' arrivàricci la Lapu. La Vurpi sìDtennu lu fatta, dissi 
'ntra d'idda: — < Ha' ragiuni, sbirrazzu di Lupa! ma ti 
l'haju a caazarj io la capizzii! 'un dubitari ! • E seaza 
perdiri tempa si nni iju a la prisenza di Lu Re, e ci dis- 
si:— • A pedi di Sua Haistà; sàcciu ca So Maistà é alla- 
goata cu mia, picchi mentri ha stata malata 'un cci h6 
Tinutu a fari visita. Ma havl a sapiri Sua Maistà ca io 
'un haju mancatu a fari lu mio duviri , essennu ca io 
nun mi senta cchiù né cosci, né gtiiammi jennu furriannu 
tanti paisi pi la beni so ', meffi * pi cìrcarì un bima me- 
dica a Sna Maistà. InQni sta medica l' liaju truvatu e 
m'Iia 'mmizzatu 'na gran midicatuna *, chi appena So Maistà 
si la pigghia si ristabilisci allura; masinnó è mortu.* Lu Re 
a sta parrari ammanzò; e cci diimannò: ~ i E etti è sta 
midicina ? • — * Vudedda di lapu a decottu, > rispasi la 
Varpi. Lu Re pi la saluti so chi guardava uà so sirvieati * ? 
€umannò chi s'ammazzassi lu sbirra. Allura tatti acchiap- 
para a la Lapu; ci fìciru nèsciri li vudedda di fora, e ci 
li licìru a decotta a lu Re: la Re si la piggbió e stetti bonu. 
Termini-Imerese '. 

> SenJo che non ho più casce De g mbe (mo U son rul'e) andanilo 
girando lanti paesi pel bene di Lei. 
' Mt/p, voglio dire. cioè. 

* Infine questo medico io l'ho trovato . ed eau m' ha prescritto ana 
grati medicina. 

* Il re per la salale sua non guardava a quell.i d'un suo suddito 
(che C''ia importava al re della salate d'un suo saJdilo quando dove* 
pensare alla saa?) 

* Raccontata da I. Cuioella , pescaiore . e raccolta d:il aìf. G. Patirl. 



UigniaOb, Google 



FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 



VARIASTI E Riscosrai 



È una delle favole p'iii antiche presso gli scrittori.— G. Gozzi, 
cbe fece sue altre Involo popotarì, l'ha anche col titolo : Del 
Lione, del Lupo e della Volpe. — P. Casjilicchio la riferisce net 
«UO Utile eoi dolce, ceni. HI, dee. I, arg. IO. — Venerando Garoi, 
favolista di Acireale, ne fece argomento del Liuni e lu Lupu. 

Ecco un'altra versione di questa favola: 

Ln Llmiì, In Lupu e la Tori I, 

'Na vola lu He di l'armali cadia malatu. Tutti l'armali cci 
javanu a fari visitai cu' cci nsignava 'na cosa e cu' 'n'àotra. 
La Vnfpi però 'un cci java propria ', e lu Lupu la 'mpustu- 
rava 'n facci lu Liuni '. Lu Liuni era abbultalu coma un cani 
e savia mlsu 'n testa di f!iricci scuttari lu cottu e lu crudn *. 
La Vulpi 'un ni potli fari a menu, e 'na jurnata cci iju a 
fari visita. Lu Liuni comu la vitti cci dissi ; — • E comu hai 
avutu l'ardiri &' "kin vèntri t • — > Uaislà, ora cci euntu. • — 
• E chi vA' cuntari, sbrìugnata? • — > Signuri. iohaju appu- 
rala ca pi putirì stari bonu Vostra Maislì cci voli 'na peddi di 
lupu, ca v'ammantassi vu cu idda; accussl tutti li mal' umuri 
ch'aviti si l'assorbi dda peddi. • Lu Lìutì detti ordini a 11 Mu- 
nissi ca quannu Irasia lu lupu cci ave.'anu a livari lu còriu. 
Lu Lupu, a lu solitu, iju beddu asciuttu una lu Liuni j ma li 
lianissi bottu 'ntra botlu cci fdru di supra e cci sfardaru la 
cammisa *. Lo Lupu ardennu pi l'abbruciuri si iju a ijitìri 

' La Tolpfl perb.non ci snJav» proprio (dal leooe). • E il lupo ta.ca- 
lanniava presso ti leone. ' li leone era sdegnaltssimo (contro la volpe), 
e s'era messo in capo di farli: paguro il fio di [ulto. ' Gli furono a dosso 
e lo lacprarono, {ifardari la camm tu, frase mollo vivace per fignificare 
ttricciare la pelle, locerarr, ferire; e si suol dire più spesso de' cani e 
di' galli che si accinlTano). 



Up-iieUbyCOOl^lc 



LO RE DI r,'ABMALl, LU LUPU E LA VORPL ÌS& 

'ot'An panUnu ddlt vicinu p'arrifriscarisi la russu '. Pinsaonu 
sta cosa la Lupo 'un cci pulia paci, 'iiGna ca iju a la casa, 
e cci dissi a lì lupacecfaioli ■ ; — • Lu viditi chi m'ha fatlu 
sta scbiGusa Vurpi?... Cotnu idda passa, io vi ordina ca l'aviti 
a squarlariari. • La Vurpi ch'era minchiuna i Idda 'un niscia 
tu nasu fora la casa di lu Liuni. 'Ha vota però 'un ni potti 
rari di lu menu e nisciu. Li lupacehioli cci (Ara di supra ; 
l'attapanciaru ' e nni Gciru festa, e cci disstru:— • Tu cci fa- 
cisti livari lu fìrriolu a me patri; ora nuatri ti lu livamu a 
tia *. . 

Fkarazjelli '. 

' Arrifriiràriii la rutm. rinfrescarsi le carni nuJe e saaguinunli ' Ì.n- 
faichioii, liipicini, ' L'alterrarano rorlemente. ■ Tu facesti strappare il 
ferrainolu tia pelle) a rmsiro pa<lre,- adesso noi lo strBppi:imo & L'. * ItaC' 
tomaia Ja nn certo Giulio. 



UigniaOb, Google 



CCLXXVII. 
La Vurpì. 

'Na vota un piscaluri truvù 'na Vurpì *n terra., moria. 
L'ha piggialu e si Tha jittatu supra li spadJi. La Vurpì 
era viva, e stinnia la granfuclda ', e a una a una cumìa- 
ciò a jlLtari 'mmenzu la strala lì sardi ca lu piscatori 
avìa 'nta lu panàru. Quannu.ccì parsi a idda ; ppùiSli I 
jeita un sàutu, e allippa a curriri *. Lu piscaturi dissi : 
— • Hai ragìuni ; mi l'Ita" fatta I > E siculo a caminari. 
La Vurpi comu fu sulu si misi a cogghiri tutti li sardi 
ch'avia jitlatu, 'nsìua chi nnì fici 'na bella friltat-j. Edda 
avia pi vicinu un Lupa, ca 'un lu pulia addiggirtri , e 
'un sapia comu lìvarisìllu dì 'mmenzu. Ora chi Hci ? La 
Lupn ccì spij'au: — < Comu lì capilastì stì pisci ? > Idda ci 
arrispunniu: — « Comu 1 1 haju pigghiatu 'na (juartàra ', 
mi l'baju altaccatu a lu coddu, poi juncennu a menzu mari 
fora fora, ccì haju lìvatu lu tappu e haju Jutu a piscalli 'd 
funnu. • Lu Lupu cci dissi: — • Dammìnni una, ca oggi 
li raju a cogghiu io, e li la dugnu. > La Vorpì dissi 'ntra 
idda: — • Spiramu ca fussi l'urlima; • e cci la detti. La 
sira la Vurpì cci attaccau la quarlàra a lu coddu di In 
Lupu, e si lu purtau supra un scogghiu; e cci dissi: — 
< Ora si tu vOi pigghìari sardi assai , ti nn' ha' a jiii 



UigniaOb, Google 



LA VURPI. 187 

fora fora , e quaonu io M fazzu signali , e tu slappì la 
quarlàra , e vidi chi pigghj. > Lu Lnpu ccl critti ; e si 
misi a Dalari. Ogni taotu si vutava, ma la varpl lu facia 
caminari seinprì; 'nsina ca junciu beddu luntauu; alliira 
cci dissi: — I Ora ddocu li pO' jittari 1 • Lu Lupu, stap- 
pi V 6 aCTunnau; e accussì la Varpi maliziusa si libirau 
di- ddu birbanli dì lu Lupu. 

Ficarazzi '. 

VARIA.NT] E RISCONTRI 

Nella Novella di Cacasenno, figlio del semplice Bertoldino (Mi- 
lano, Fr. Pagnoni 1S70) pag. 3S-37 una volpe calasi aopra una 
secchia in un pozzo ove son molti pesci, e l'altra secchia (es- 
sendovene due, una che calava mentre l'altra abbassava) risa- 
lisce. Kon potendo più uscirne e lamentandosi, un orso le di- 
manda del perchè dei suol lamenti, ed ella risponde: • Per non 
poterne porlare i pesci di questo puzzo che non ho potato 
mangiare. Calati tu. e vieni a mangiarne.* L'orso cala nella sec- 
chia, e la volpe risalisce nell'altra, e così lo lascia nel pozzo. 

Nella Fola dèi Corov bolognese Jella Cono ned i-BsitTr c'è una 
vendetta simile della volpe, a cui il lupo avea mangiati i vol- 
pini. Lo cala in un pozzo per bere , legato a una corda . e 
4]uand'è a fior d'acqua l'attuffa e ve lo lascia morire. 

' S appi I Yoce imilaliva del .sul no elle nasce dilla vìuk'n'a stura del 

* Da un cC'DUdino a nome Giovaiioi Cordova. 



UigniaOb, Google 



ccLxxvni. 

Id'Aoidduzzu. 

Cummari CocQla Batissa * 'na vota vitti a cummari 
Gaddina Carcaranti *, e cci dissi: — • Oggi si fa 'na gran 
festa a lu munti di San Calòriu ', cci vaju, tu cci vtf ve- 
nir! ? ■ — < Sì, cci vegDu niirerami ; • rispusi cummari 
Gaddina Carcaranti; e tultidui si misiru 'n caminu. 

Caniinannu, caminannu "ncuntraru a cumpari Gaddu 
Cantaturi e a compari Acidduzza VulaLuri, e cci dissiro: 
— ■ Si vuàtri cci vulili vèniri, n'àtri jama a la festa di 
San Calòriu. » Cumpari Gaddu e cumpari Acidduzzu cci 
dissiru si, e si oni jeru lutti 'nsèmmula. 

Pri via s'^addanaru ca cc'era cumpari Cani Abbajatnri, 
ciii si nn^ acctiianava pnru a la festa: lu chiamaru e cci 
dissiru si coi vuleva fari cumpagnia. — • Cu lantu piaci- 
ri! risposi cumpari Cani Abliajaluri. !o sugnu pratica di 
sti lochi, e sàcciu 'na strata d'accurzu; vinili d' appres- 
sa di mia ca vi la 'mparu. • 

Iddu avanti e l'àutri appressu, si misiru a'ppiccicari 'nta 
la muntagna di San Calòriu. Fraditantn lu tempu si gua- 

' €he s'inteii'eise (li diM con qiiesio i i>nid il n.irr.iiore non mo la 
seppe spiegar!-. Che a'abbU ad int«ii(Ji>r« per la Tt'inira del Cuna dalle 
penne i^ere 1 • Cotd mi scrive il sig. G. Pitirì. 

' Carcaranti, parlic. del v. en -airari o ca- carìarì, con cui per onmna- 
lopea si esprime la voce della gallins che ha a fjr l'unvo. 

' Mo:ile San Calogero, monlagn.i che trunleggia In eiilà di Termini-!- 



UigniaOb, Google 



l'aguwuzzo. i89 

sLò, si fìci niuru, e si scalino 'na lìmpesta d'acqua di cie- 
iu, trona, iamvì e sailti, ca si vitUrn persi. Cumiuari Cò- 
cula, cummarì Gaddioa, cumpari Gaddu e cumpari Acid- 
<Iu7.zu, tulli sbauttati si vutaruna cu cumpari Cani e cci 
dissiru: — . Aht mal'è pir nui M ca sema tulli morii t • 

— • Curaggiul 'un cc'è neatil 'un vi scamatili rispusi 
cumpari Cani.Gcà vicinu sàcciu la casa di cummari Vur- 
pi, e spera ca nni putemu arriparari. CurrìU appressu di 
mia ! » Curri ca Li curri, 'nl'àn vidìri e svidiri arrivaru a la 
grulla di cummari Vurpi. — • Tuppi, luppi. » — • Cu" è ? • 

— • lo sugnu, cunimari Vurpi, cci dissi lu Cani: mi aviti a 
rari la finizza d'arripa rari uni lanticchia 'nta ia vo&lra casa, 
a ca ctiiovi * a celu 3pertu,e'un avemu unnicàdiri e mó- 
riri. > — • Patruni, rispusi cummari Vurpi. Pri quanlu ali: 
vostri cumpagni, siti lu patrani; ma siccomu la mìa casuz- 
za è 'strema assai, vai, cumpari, 'un cci pulili iràsiri. 

— • Prì mia 'un cci aviti a pinsari, dissi lu Cani, io v 
fazzu la guardia ccà fsra.» Lu cumpari Cani arrislò fora, 
e tutti i'àutri traseru e s'arriddussaru 'ntra 'n'agnunidda 
di la grulla *. 

L'.i tempu 'un Untava di cliiovirì: passa un'ura, du' uri, 
tri uri, e a cummari Vurpi ccliiù clii lempu passava, ccliiù 
pilillu cci scummiggiiiava *. Finarmenli, a punta dijornu 
''un cci polli stari cchìù. Cummari Vurpi si vutò cu cum- 
mari Cócula e cci dissi:— < Chi vuliti, cummaruzza miai 



(ero si rijjssu {l'arriddulsam) in 



UigniaOb, Google 



)90 FIABE, >OVELI,E, RACCONTI EC, 

incavili a cumpàliri; la pitìtlu tn'assicDta, e la badJa cadiu 
supra di Tui. • Cnmmarì Còcula si misi a trimari tutta, 
e cumnaari Varpi, senza tanti cìrimonii, l'afferra e si l'arrù- 
sica. Ddoppa 'un pezzu cummari Vurpi si vutò cu eummari 
Gaddina, e ci fa lu stissu discarau di cuminari Còcula. 

Ddocu si prìsenta cuDipari Gadda e dici: — • Comu I 
cummari Vurpi, ma chisla cli'è prudenza ?Nun vi abbastò 
la prima, ca vi nni vinili cu la secunna? altura io cantu 
e fazzu vuci 1 » — « 'Un v'arrisicali, cumpari, cci dici la 
Vurpi; ca vi perda lu rispellu, e la cliianciti vui ! • Cum- 
pari Gaddu s'aitirriu; e 'un pipilo ccFiiù,-e cummari Vur- 
pi, dissi: — ' E dui ! > e sì spizzuliò < la bedda Gaddina. 

Lu tempo s'era misu alTacqua, e 'un lìnia ccliiù di chio- 
viri: trona, lampi e sailti 'nfinitali! Cammari Vurpi fici 
arreri pilìttn, a la gula cci facia nnicchi nnicchi pri cum- 
pari Gaddu »; llnarmentì l'acchiappò e cci dissi: — • Sin- 
liti, cumpari....» — • Ora 'un baju chi sentiri, rispusi ìq 
Gaddu; lu sacciu nzoccu m' avili a diri. » Sì ci avvicinò 
tuttu 'oguttumatu ' : — t Ammazzatimi, cci dissi, ca la li- 
nemu e noi livamu di sii guai.... ■ La Vurpi 'un si lu 
liei diri du' voti, si sbarracbia tanta di vucca ; ci duna 
quattru angali e si lu leva di 'mmenzu ^ — (Ed ora 
allocca a mia!» dissi 'ntra d'iddu cumpari Acidduzzu, 
chi s'avia fatlu nìcu nicu cctiiù dì quant' era, e trimava 
comu la fogghia. 

' E si sbocconcellò, 

' E avea gran desidiTio di mangiarsi il gallo. 
' S'aecoslù lutlo morliGcaio. 

* La volpe non se lo fece dire Jue volte; «palanca lanlo di bac<^, gli 
dà qasUTO JpnTale, b Io toglie di mezto. 



UigniaOb, Google 



l'acidduzzu. idi 

Cummari Vurpi flei arreri pilitlu, e si cci 'ncumincia 
a'vvicìnari adàciu adàciu. Cumpari Aciddiizzu clii avia 
Tocchi a idda tempri , cci liggiu lu sénziu, e cci dissi : 
— < Aspittati, cummari Vurpi, prima d'ammazzarimi vi 
damannu 'na grazia. • — > Clii grazia vOi? • ci rispu- 
si la Vurpi. — « M'avili a fari mòriri cu lu mio pìacìri, 
e senza sentiri tantu duìuri. Aviti a fari accussi; vi chiu- 
diti Pocclii, e vi grapìti la vucca bedda granni, e quan- 
nu io vi posu 'nta la lingua, mi dati un scacciuneddu e 
nj'aKghìutliti ', • — t Resta fatta I » rìspusicci la Vurpi ; 
e ddocu si cliiudi rocchi, e si mitti cu la lesta all'arra 
e cu tanta di vacca aperta. 

Cumpari Acidiluzzu allura ppir ', vola e scappa comu 
'na saitta di dda grutta. Cumpari Cani Abbaiaturi l'af- 
ferra e cci dici : — « Unni sta' jennu? • Cumpari Acid- 
duzzu, chiancennu a làrimì di sangu, ci cunta lu fattu: e 
!u Cani sintennu la stragi ch'avia fattu cummari Vurpi: — 
« 'Un vi scanlati I » ci dici a cumpari Acidduzzu ; ca vora 
ci pensu io pri ssa malacnala e birbanti.» Plggtiia, e si 
metii di posta a lu buca di la grutta. 

'Ntra stu mentri, cummari Vurpi cu la panzazza china 
china ' s'avia slinnicchiatu longa longa, e la punta dì la 
cuda ci niscia fora di la grutta. Cumpari Cani si nn'avvitti 
e ci 'ncugna loccu loccu, e quannu l'appi a tiru, gnàf- 
fiti ' I e cci afferra la cuda, e, tira ca tira, la nesci fora 

' Hi date subi(i) una piccola atreUa, e m'inghiouile. 
■ Ppirr I voce imiuiiva del suono che Itono lu ali baiiendo «I volo- 
• Panzazsc, dispn-g. ili pansa, slomaco. 

< Gnii^lt. voce cnn rui si vuol signiScare l'iiprir del li bocca p«r in- 
£bioi;ir bcuscumejile qualche cosa. 



UigniaOb, Google 



192 FIABE, NOVELLE, RAGCOP.TI EC. 

di la grutta, e poi si ci lassa jiri pri li caonarozza e 
la scanna. Cumpari Cani e cumpari Acidduzza lassàru 
'n terra morta a cummari Vurpi, e si uni jem 'u cilà. 

Jamn ca cumpari Cani 'un putta reggiri ccliiù di la 
gran fami ch^avia; e ogni tantu ci java diceanu a cam- 
pari Acidduzzu : — « Chi Tami chi haju I chi fami cbi 
liajii! mi duni a maQCìari,o ti maociul» Cumpari A- 
cidduzzu dissi 'nta d'iddu : — • Comu mi l'haju a livari 
di.supra a cbist'àutm? • Mentri chi pibsava e rìpinsava, 
s'addunau d'uà piccìulteddu chi portava 'mmanu ud gran 
teanu ' di pasEa 'ocaciata. Cumpari Acidduzzu chi fa? vola 
e cci va a posa di supra a lu leanu. Lu picciutteddu vi- 
deuDUsi sfAcidduzzu pi davanti, jetta cu 'na manata pi 
acchiappài'ulu; e ddocu tiritùppiti 'a terra ' teana e pasta 
'ncaciata. 

Cumpari Acidduzza va subbitu nni cumpari Cani, e ci 
dici : — € Va saziativi, a ca io vi salala. > 

Termini-Imerese *. 

' Teanu. in Pai. HaiiU, allrove tigànu, wgime. 
' Tii-.'ùppili, voci imitnllva del suono die si fa billendo per terra. 
■ Racconlata da Ijjiiazio Cu meli a, pescatore, e raccolta dal signor Gin- 
se ppd Pali ri. 



U.t,nra.t>, Google 



CCLXXIX. 

Lu Lupu e lu CardidduEZU. 

'Na vota cc'era e cc'era un GailUu, e a iu solita so sca- 
liava 'nla un munnizzaru ', Scatia, scalia, e trova un li'- 
briceddu. Comu trova stu libriceddu, iu grjpiu, e a la pri- 
ma fògghìa clii cci vinni leggi 'na scrittura chi dici: Gaddu, 
Re. Ddocu si meiti a sbàtti ri l'ali tutlu cunlenti: — • Cu- 
curucùf Cucurucùf • Curri la Gaddina , e cci spija: — 
• Chi aviti ca siti accussi cuntenti ? • — • Chi haju ? (dici 
lu Gaddu); allruvaì stu Itbrìceddu, l'haja liggiutu, e a la 
prima fóggliia ce' è scritlu : Gaddu, Re. • — « Oh bella ( 
oli bella! (dici la Gaddina). Vnlili vidiri pri mia? • — 
Vota Vàutra fòggtiia e leggi: Gaddina, Rigf/ina. » — 
■ Oh, chi sugnu cuntenti I (dici la Gaddina) : calca ! ca.' • 
e sì metti a sbàttiri Pali. 

Passa e passa 'na Vtparedda '; dici : — « Chi aviti, ca 
cantati accussi allegri? » — « Hàmu truvatu un libri- 
ceddu, e cc'era scritta accussi e accussi. •—« Veru di- 
citì ! 'Nca viditi pri miai ■ Lu Gaddu passa 'n'àulra fòg- 
ghia di Iu libriceddu e leggi : — • Yiparedda, cantma- 
rera. — » Veru ! oh chi cuntinlizza 1 Tirr I tirr / • e 

' K al solilo sua razzolava in un moiiJezzaio. 

' Viparedia, d'ita, iìvìfara, vipera. 

PiTHÈ, — Fiabi e Novelle. Voi, !V. ' I3 



UigniaOb, Google 



194 FIABE, novelli::, racconti, ec. 

si misi a 'nturciuniari lulta * e aJ abballan tela e (1- 

stanii. 

A sta punlu passa e passa un Lupa : — t Chi cosa a- 
viti, ca facili tutla sta festa? • — • Ch'averau? Ave- 
mu ca si Iruvau un Itbricedila accassi ed accussi , e 
cc'è scritta cliislu e chislu ! • — • Oli, chi cosi curiusi t 
Adduiica viditi si ce' è nenti pri mia. > Lu GaJJu sfòg- 
ghia lu libra e leggi : Lupu, Papa\ — € Oh chi furlana, 
cumpari Gadda I tini senta veru piacili I Uhut Vhuf * 
e si misi a satari e firriari lutlu allegru ca idda era lu 
Papa. 

Vola e s'attrova a passeri an Cini-didduzzu, e li vidi a 
tutti quattra cu tanta gioja : — «E chi aviti vuàtri , ca 
faciti sta gioja ? > — • Ch'avenm ad aviri ! 'Nta stu mun- 
nizKaru s'altruvau lu libru di l'arniaii , e lu Gaddu coi 
Hgijiu scrittu : Gaddu, Re; ddoppu : Gaddiiia , liiggina ; 
appressu : Viparedda, cammarera; appressa ; Lupu, Papa; 
e pri chislu semu chini di cuntintizEa. • — • E pri mia 
nenti cc'è? Viditi pri mia, vidili pri mìa I • Lu Gadda 
passa 'n'àutra fdggliia, e trova lu scrittu chi dicia : — 
Cardidduzzu, mrdatuzzu, guardianu di lu Castidduzzu *. 
Ddocu la Cardiddazzu metti a battiri l'ali e a'ngargiari 
di veru cori cu lu megghiu cantu chi sapia '. 

— ( Ora chi facemu ? (dici lu Lupu) : semu tutti ccà, 
e cc'é un Regnu campila. Capiti chi vi dica?'Sennu ca 



' E si mìso a «iiulorcersi tultn. 
■ CarJelliiio, snliJaUno, ^uanlinno ite! caiielltno. 
' Qui il cdrJullino matte a iMlleri; l'a[i e a canlare 
Di'gtio canto dui sijiea, (Nyurgiau, gorglicgEÌ.ite). 



UigniaOb, Google 



LU LUPU E LU CARDIDDUZZU. lOS 

eu sugnu lu Papa, pri putirisi accuoiinzari un bona Re- 
gnu lu meggliìu chi é ca vi cunfessu a lutti. • ~ e Bo- 
na t bona ! . — . 'Nca viniti ad uno ad unu. • Si parti e 
va tu GaiJclu, e cci tra::! dinirn In cu n fissi unàriu, (cà lu 
Lupa s'avia assittalu a cunfissiunàriu). Comu trasì , lu 
Lupu si cala, grapi tanta di vacca.... Màu\ e si mancia 
a lu Gaddu, Ete. Veni appressa la Gaddioa, Riggina : la 
Btissu; e lu Lupu 3i l'ammucca 'nla quanlu lu dica e lu 
contu. Ddoppu, trasi la Viparedda; Màu I e nni fa un vuc- 
canì. Alt'ultiniu jancì lu Cardidduzzu, ca 'un era loccu. 
Talia, e vidi !i signali di lì pinni:— tAh! (dici) pri 
cliissu cu' si va a cuntissari nan torna cchiù! Torsi ca 
lu Papa si l'agghiuUi a tutli senza jitlàricci né ossa né 
spina : aspetta ca ora ti conzu eu I > 'Ncugna nni lu Lupu 
e cci dici : — (Sa Papa, vossa jtsa la testa e grapi la 
vucca, ca cci dicu li piccati. • Lu Lupu, ca spirava d'ag- 
ghiuttirisilln puru, jìsa la testa e grapi la vucca. Lu Car- 
didduzzu spiaci la cuda, cci caca 'mmucca, e si nni vola 
cantannu e dicennu : 

• Re e Riggina Li manciasti, 

Viparedda t'agghiuttisti; 

Cardidduzzu, lu sgarrasti, 

'Na cacala 'mmucca avisli ! • 
E lu Lupu arristau scuroalu e irizziatu , ca ancora cci 
penza, e cu li Cardidduzzi nun cci pìggiiia cchiù ^mprisa. 

Favula longa e favula curia, 

Diciti la vostra ca la mia é tutta. 

Partinico '. 

' D«;ia:a a] Sslomoni'-M irino ila Margherita Marlorana InvanJaia. 
È una favoleiin ch« potrebbe anthe anitare tra quelle che vanno sotlo 
i no. CXXIX-CCXXXIV. 



UigniaOb, Google 



1ÌH> FIABK, NOVELLE, RACCONTI, K. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Utia versione siciliani è rn Go.nzbnbacb, Sict/. Uàrehea, n. 66: 
roti dem Hakn dir Pabst werden oolite (Il gallo cbe volea diven- 
tare papa). Versioni tedesche, svedesi, ledescbe del Xord, alpi- 
giane, boeme, danesi, irlandesi ecc., cita il Kììhler a pag. S4S 
del voi. II delle Sicil. Màrchen. 



UigniaOb, Google 



X.a Cicala e laFrummicuIa. 

'Na vota cc'era 'na Cicala e "na Frummicula: era leiiipa dì 
slati, e Cicala slava cu la panza all'aria canlannu sem- 
pri e slunanou li genti clii passavanu; senza pinsari pro- 
pria Cd pi manciari s'havi a Iravaggliiarì. La Frummicula 
a lu cuQlrarìu, zitlu zitlu java riciuppanuu ora un còcciu 
(li frumentu, ora 'na mu^jdicheilda di pani ', ora 'na cosa, 
ora 'n' àulra , e si li java carrianna nn' On pirtusiddu, 
pi Tarisi la 'ncbìusa pi lu 'mmerna *. Vinnì e vioni lu 
'mmernu; la Cicala 'un avia chi manciari, e si muria di 
la fami ; la Frummicula si java spìzzuliannn ddi mud- 
diclieddi e ddi cuccitedda di frummenlu chi avia arri- 
cugghiutu nna la siali '. Cci dissi la Cicala: — • Fram- 
miculidda mìa, fammilla la cantati, dùnami anticchia di 
manciari, ca dì la fami mi staonu iiisceunu l'occhi M > 
— «No, cci dissi la Frummicula; pirclù quannu io ra'af- 
Tannava a Tarimi la pruvvisioni, tu ti divinivi a canlari 
e grattàrili la panza. Cu' 'un travagghia 'un mancia ! > E 
'un cci nni vosi dari. 

Palermo \ 

' (Ln formica) and.iva racimolali ilo ora un i ti le io ili gmno. ora una 
motlicola ili patte. 

' E ti li java, ecc. E ne li anJava Ir.i sfiori. mito in unii buca per f>r$i 
la proVTiggione per l'in verno. 

' La fmmmieula, ecc. la [ormìca s' antidiva spiz/.i.''iii<lo quello che 
avca raccolto nella siale. 

■ Dalla (lanla) fame mi schizzano gli occhi. 

' RacC'>Dtat.i da Agalaila Uestia. 



UigniaOb, Google 



l9o FIABE, NOVELLE, BACCOMTl EC. 

VAlUANTr E RISCONTRI. 

l'ila lezione in poesia siciliana di questa favoletta è Delta 
Centuria di Caini popolari liciliani oro per la prima volta pub- 
blicati da G. PiTHB. (Padova, 1873) n. 93 ed è quesLa : 
Gei dissi b Cicala a la Purmica ; 

— • VaJA, cummari, 'mp'istatimi un pani. • 

— ' Nun vi nni dugnu mancu 'na muddica, 
Ca v'iiaju a fari iiii>riri di fami. 

lo l'hnju ricali] a spica a spica 

Sulta li pedi di li cristiani; 

Ed haju arrisicata la me vila, 

E tu hai cantalu 'ola stì virdi rami. ■ 
Lcggesi lai quale in lìisopo : La cicala e le formiche, nelle o- 
pere di S. Cirillo, nelle Fabulae Aviam, n. XXXtV; Formica et 
eicada (Biponti, (79i); in Gozzt, la cicala e la furmica; in Pi. 
«SOTTI, id.; ìd VENRriASDo Cangi, Lo ei'eafa e /o /'urmicuJa ecc. Il 
celebre La Fomtainb ne fece argomento d'una delle sue favole. 



U.t,nra.t>, Google 



^FPENDICE 



CGLXXXI. 

I.U He Cristallu. 

C'era 'na vota un Re e 'na Riggina;sta Re e sia Rìg- 
gina avianu un picciriddu. Passannu li Fali di la so strala 
acchianaru e ci lu piggliiaru. La patri e la matri arri- 
staru addulurali e cliiancìanu. Ora lassarau a lu Re e a 
la Riggina, e pigghìamu a un patri cu tri fìgghi, e nan 
avia clii dàrici a mangiari. Rispiisi la figgliia granni e 
ci dissi a \a patri: — < Patri mia, vni aviti a jiri a cii'- 
cari la Sorti mh: aviti a jiri 'nta'na Signura (e ci dissi 
cu' era) e ci aviti a dumannari un r|uar(ucciu di vina. 
Altura vidirreniu si ìu sugna furlunala. > La patri ac- 
cussi liei: iju ddi^, e idda, la Signura , a la minima du- 
manna ci la detti, cu lu patta pirò di purtàrici virdura *. 
Lu patri poi ci purtau la virdura, e accusst ci scullaa lu 

' E'J Pila, la sigiiora, glielo ilieJe (il tini ) a pano pirj elio e^li (il pi- 
•Irc) le parlasse (in conirnccambin) clela T«r<<urn. 



, uirneob, Google 



200 FIABR, NOVELLE, «ACCONTI, EC. 

vinu '. Sì ni iju dinlra lu patri, e si 1u iju a viviri cu 
li so' flgghi. Poi la minzana ci dissi a lu patri : — • Pi 
la fìgghia granni ci aviti piusalu; ora aviti a pinsari pri 
la Sorli mia. Jiti ni 'n'àulra Signura, e ci diciti pri una 
guastedda a nomu mia ', » Lu patri si partin e ci iju a 
truvari la guastedda di tu pani, chi poi ci lu scullau cu 
la virdura. Si ni iju, prìjatu, dintra e si misiru a man* 
giari e viviri. Rispusi poi la ccliiù nica , e ci dissi: — 
( ?i\ ora aviti a vìdiri pri la Sorti mia: aviti a jirì pri 
'na pocu di picciuli, pi quantu ni servinu pi la spìsa. > 
Lu patri ìju ni 'n'àulra Signura , e si li iju a fari dari 
pruoiitténauci anelli la virdura. Lu patri tutlu cuntenti e 
prijatu, si ni iju dinlra, e iju a Tari festa cu li so' lìg- 
glii e ci dicia ca a tutti ci avia truvatu la Sorti. Lu du- 
raani comu iju a virdura pri purtalla a dda Signura, ni 
la campagna ci scarrubbau l'acqua forti '. Virdura pirò nun 
rii pottì truvari, sulu travau un pedi di cavulu , e idda 
si misi a taggliiallu di lu truncuni; ma pirò nun lu polti 
spèddiri di tagghiarì, stanticc)ii lu truncuni era forti, e 
l'acqua lu 'sassinava '. Poi, avennu jutu dintra, li fìggili ci 
spijaru e ci dissiru: — t Pà', chi facistivu? Nni purtastivu 
virdura ? . Lu patri ci rispusi: — < Nun ni potti cògghiri 

' Il padre pai le porlo la viriJura, e cosi le cdinpciisù il (cesio del) 

* GuatUdda. (ocaccia. 

■ L'indomani appena (il pad r^) andò por (rapcogliere( la verdura, 
nella campagna gli starici addosso una gran pioggia. (Scnn-ubbarì, ca- 
dere come un carrulibo), 

* K idiiu eoe. ed ejili si misp a tagliarlo dal ceppo , rat perù non io 
potè finiri! {Mpiddiri), sianlcchè it ceppo ara forle, e l'acqua lo assassinava 



UigniaOb, Google 



I.U RE CHISTALLir. 201 

ptichi vinnì la tiinpistata d'acqua e m'annìgai tuttu pir- 
ciò. Sulu truvai un pedi di cavutu, e pirchi era duru la 
tranzu nun lu polli spèddiri ailura ^ Pigghiaia la via e 
mi ni vinni. > Li soru ccbiù granni si la roisiru a pig- 
ghiari cu la soru cchiù nìca, pìrcht idda era sfurtuitala e 
fu la causa di fari aonigari lu patri. Ma lu pairi ci dis- 
si: — < lu a me ilggliia nun la voggliiu mossa : nun ci 
aviti a dari vastnuati: ora comu scampa ', iu ci vaju ar- 
rerì a cogghiri la virdura , e la porlu a la Signura clii 
l'aspetta, • 

Basta: scampau e lu patri ci iju arrerj, e ija a truvari 
dda pedi di cavulu menzn tagghiatu comu Pavia lassata 
iddu. Comu poi lu sicutau a taggtiiari , ci cumpariu un 
Cavaleri chi si iruvau a passari e appuntau ni la stissu 
ortu. La Cavaleri ci dissi : — « Chi fai ddocu ? • — « E 
ch'haju a fari I nspusi ddu puvireddu, haju li figgili di- 
juni, e cogghiii stu pedi di cavulu pirchi chistu sulu tru- 
vai. t Bispusi arreri lu Cavaleri : — t Quanta n'hai lìg- 
ghi'? » — € lu tri n'haju , ma nun si ponnu vidiri nad- 
du ': massimi a la cchiù nica ci fannu gran disprezzi, e 
pri quantu iu ajeri nun potti purtarì sta pedi di cavulu, 
ca sì ni vinni l'acqua forti, hannu subbuliatu a la soru 
cchiù Dica , diceonu ca idda fu la causa di farimi va- 
gnari '. • — < A chissà ccJiiu nica, chi nua la ponuu vi- 
diri, rispusi la Cavaleri, mi la porti a mia, e iu li dugnu 

' E percliè it tronco {trunzu. lors'O era ilaro, non puk'i finirlo tana 
p?r allorn (.fi lagll.iie). 

■ A''esao, appena spioverà. 

■ la ne ho tre (figi uolc), mn si oiJiiino tulle e ire. 

' Haaua-$ublmliùlu ecc. Hanno liiUDla In sorella più piccola. 



■p-iiaob, Google 



202 FIABE, NOVELLE, RACCOMl F.G, 

'na pocu di dinari, chi di ora slissu li servinu pi capar- 
ra. I Lu patri sì pigghiau ssa pocu di dinari e In pedi 
di tu cavulu e si ni iju a djrìccitlu a il figgili. Caminanna 
lu patri, pri la via ci scarrubati "n'àutra bona timpistata 
e arrivau vagnatu arreri. Li figghi comu vitEiru vinìri a 
lu patri vagnatu, si la piggliiaru arreri cu la soru ccliiù 
nica e ni mi^iru tanti 'mproperìi, dànnucci aochi vasta- 
nali. Lu patri giulosiànnuai di la liggliia ccliìù nica, dt- 
cia a li fìggili granni di lassaila stari e nun la capuliari 
cchiù ', stanti iddu pi la ccliiù nica aviri tnivatu la Fur- 
luna meggliiu di chidda di rànUi. — ■ E ora chi purta- 
slivu ? » ci dissiru li lìgs'ii- — • Un pedi di cavulu; » ri- 
spusi lu patri, bla chiiUli i^a ni vnlìanu la minutidda di 
daH vastunati a la soru * ci dìssiru a lu patri:— < Pulii... 
abballati!... * 'Nca chi avemu a Tari cu stu pedi sulu di 
cavuli ? • — • Oh, rispusi lu patri , e lassatimi parrari ! 
Purtaiu vide ^na pocu di dinari, e ni facemu la spisa. > 
Li figghì tannu si prijaru tutti, e subbila Ticiru la spisa 
e si la mangiaru cuntenti. 

Doppa mangiari li lìgghi dumannaru a lu patri quali 
avia slatu la fortuna di la som cchiù nica. Lu patri ri- 
spusi: — . Truvai la fortuna di raarilstla cu un Cavaleri 
riccu, obi la manteni cu cammarerì. • Li soru coma sin- 
teru chissu si mtsira a cbiancirì; ma stu chianlu era pru- 

' Il pn Ire ave .do p eia itclU fi^ljuola più piMalu, i]ic-a alle HgliuiJe 
magjjiul"' ''he la liisoiaascro alare (i:i pjw), e non balUswM più. {Citpu- 
liari, baucie, Jelln tirila c.iriiL'). 

' Ma qui'lU chu ne voleano [1 menomo prtlMlo per b:islOMr« la so- 

* Aprili cielo t quanla ruba ila saziarsi 1 



UigniaOb, Google 



LU RE CRISTALLtl. 203 

tloltu pi 'mnittlia, avóggliia ca iddi diciurni ca era pi a- 
murì. Basla : lu [lalri ti lii dissi a la Tigghia cchiù nica 
C3 avi3 Inivatu la Fortuna , siddii vulia jiri assemi ca 
iddu pri purtalla a lu Cavateri, chi PaspiLtava. Idda ci 
dissi di sì| e cunlenla di libeiùrisi di li so' soru , si )i- 
cìnziau cu tulli e sì nt iju. Lu palri si la purlau ddù e 
la cunsignaii a In Cavaleri chi si liei truvari ni !u pas- 
siaturi. Lu Cavaleri ci jìncliiu un sacca di dinari a lu 
patri, e ci Rei la privinzioni di nun purtari a iiuddu di 
li so' figghi: essennu iddu palruni di viniri sulu quanln 
voli vulia. Li camiDareri, comu la ficiru acchianaii susu, 
ci cunsignaru la so càmiujra cu patlu pirò di nun mo- 
visi mai di ddà, e di nun gràpiri mai la porla di la cara- 
mata, chi c'era 'n facci a chissà.— • Va beni, rtspusi idda, 
ili uuD la grapit. • La sira coma si curcau e si stava ad 
durmìscenuu sula ó <curu, ci iju ii'idda lu marita a cur 
carisi. Lu maritu avia un sistema di iiun farisi vidìri ma 
ni la facci, e per cui ci jia di notti scura, e si jia a cur 
cari. Idda lu 'misi e nuQ si ni 'ncaricau. Lu maritu poi 
si misi a dormiri puru. Lu dumani ci iju lu patri 
jiri a vidiri a so lìgghia , e ci spijau : — « Comu ti la 
passi? Si' bona?» — ■ Oli, risposi idda, iu sugnu comu 
'na Rigginedda; iu ricca, ia allegra, iu sìrvata di tanti 
cammareri, iu trattata di tutti; nan c'è ccliìà filici a lu 
muuuu. » — • Beni!... Beni!...» risposi la patri. Poi si 
licinziau e si ni iju a cantari li cosi chi cci dissi la fig- 
ghia e li cuntau a li soru, li quali a sentiri lutti ssi 
cosi dumannaru a lu patri siddu la putìa purtari cclilù 
ddà, puru ci pulianu jiri iddi. — • Né una cosa, né 'n'àu- 
tra, ci rispusi lu patri, slami lu Cavaleri avirimi ditta ca 



UigniaOb, Google 



201 FIABE, NOVELLB, RACCONTI EC. 

a Vili àutri nun vi voli rtdiri mai, né maocu vostra sortt 
putiri vèniri ccà ccliiù.» — « Ma nui 'na vota sula ci vu- 
iemu jiri. • — « Nun pò essiri, iu nun cci lu dicu a lu Ca- 
valeri e manca a iJila.i — < E prìgatilu a nuomu nostra, > 
cci dissiru lì lìggiii.— € "Nca ia ci lu vaju a ilicu, e videma 
iddu clii dici.» Ci ìju, e prigau a lu Cavaleri anelli a nnomu 
di lì so' fìggili. Lu Cavaleri ci dissi: — • Pri sta vola sula 
ÌD vi (lugnu lu pirmìssu dì purtarìvilia. > Lu p-tri sì la 
purlau e lì soru la rìciveni cu tanti cirìmonì, spìjàDnucci 
tanti cosi, fra di l'àulrì macari si vósiru 'nfurmari d'ìdda 
comn era so marita ni la facci. A sta dnnianna idda ci 
dissi di nun sapiri nentì pirclù di jornu nun lu avia vi- 
sta mai, e la aotti quannu sì vinta a curcaii a In scurii 
idda nun la putia vidirì. La cclùù granni di li so' som 
ci dissi: ~ < Senti chi hai a Tari allura: plggtiiali sta can- 
niledda di eira chi haju ìu, e poi quannu iddu si curca e 
dormi, tu l'addami e lu vidi bonu ni la facci pi poi sa- 
pillu a diri a nuàutri. » Sta proposta di la soru pirò nun 
era tanta sincera, anzi era tiittu elTellu di 'nimidìa. La 
soru cctiiù nìca lu capia ca era pi furici perdiri la fur- 
tuiia , ma iddi tiiltìdui tantu llciru, tanta 'un liciru pi 
lina a quannu la pirsuadei'u e ci fìcinu prumettiri di fari 
chiddu chi iddi diciana. 

Lu patri 3 lu dumani la ìju a purtari a lu palazzu unni 
abitava lu Cavaleri, e idda si ni iju ni la so cammara. La 
sira idda si iju a curcau , e doppu un pezzu ccì iju vì- 
demma lu Cavaleri a jirìsi a curcarì cu idda. Quannu 
pìrò lu Cavaleri durmia idda addumau la cannila dì eira 
e lu misi a talìari. Cchìù lu talìava cchiù beddu cci pa- 
ria; e dicia tra idda : — > Oli qaantu è beddu t chi beddo 



a. b, Google 



LU RB CniSTALLtl. 205 

giuvinì ctiì liaju I • Coma era misa chi Tacia tutti sti so' 
riilissioni, cadi 'na stizza di eira càvuda dì lu nasii di 
lu Cavaleri; iddu sinleonusi ardiri si sdruvigghìau di- 
ceonDu : — • Tradimentu!... tradimeDUi!... • Si susiu e 
allnra ni mannau a la luugghieri. 

La muggliieri si truvava gravita; notti tempu si misi a 
caminari 'na lungliissima via, e poi ci scunlrau un Biraita 
'nta un voscu, e iddu ci dumannau cl)i cosaiia facennu. 
Idda ci cuutao lu fattu, e lu tradimenti! chi ci aviaou 
fattu li so' soru, e iddu ci rispusi; — • A ssa mancanza 
chi hai fattu iu nun ci trovu rìparu; ma sulu li dtcu ca 
di restu siddu voi camìnari ancora, appressi! trovi a n'àu- 
trn Himita cchiù anticu di mia, e vidi 'nsocchi ti dici. * 
Idda sicutau s camìnari, e ci 'ncuatrau d' àulru Rìmitu 
cì}\ ci dissi subbitu: — • Chi vai fiirriannu?> — «CamiRU 
pirchi la disgrazia mi purlaa ccà, e nun haju chi fari.» 
Ci cunUu tutta la passata, e ta Rimitu ci rispusi chi non 
c'era riparu allattu pircliì la mancanza era grossa e nun 
c'era cchiù rimediu. — < Sai chi ha' a lari t fatti un pam 
di stivali di ferra, e camini qnantu cchiù pòi caminarì , 
unni poi ti pari ca la terra è cchiù modda e li stivali 
si mettinu a strùdiri, tu poi vidi un palazzo e ti ci fic- 
chi. Idda fici accussi slessu, e poi arrivata ni lu palazzu 
chi chiddu ci avia dittu , idda si misi a chiamaci. Poi 
ci affacciaru ticammareri e ci dumannaru 'nsocchi vulia. 
— • Fri carità, idda ci dissi, mi alluggiassivu pri sta notti 
suld, ca sugQU gravita e nun haju a st' ura unni ccbiù 
farriari I > Li cammareri ci iu jeru a diri a la patruna 
e a lu He Cristaltu e chiddi ci rispusiru ca nun ci spir- 
ciava atTattu pirchi ancora avia lu cateddu 'nta In cori 



a. b, Google 



206 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

ili lu dulurì chi provava pi iii figghiu chi ci accampara 
li Fati '. Ma 11 camma re ri ci dìssiru a lu Re ca cliidda nun 
sì ni vulia jiri e vulia falla ssa cariti Allitra tu Ite e 
la Riggina rispiisiro ed urdinaru a li cammareri iJi rìcUìia 
almenii pi ssa sira stila. Li cammareri la riciveru e la 
misit'u ni lu gaddìnani. Idda poi vulia cuntari lulla la 
passata a li cammareri , ma chìddi nun si patianii lun- 
gliìari *; li cammareri si ni jerii e lu dissiru a la Riggina: 
— • Sapi t ci dissiru, sta puvireUda di jusu ni voti cunlarì 
li so" sventuri e ni dici : — t Avissivti a sapiri t... • 

Ddoppu tempu idda parturiu e tlci un beddn picei - 
riddti. Li cammareri si ni jeru a dunari e viltiru ca idda 
avia partiirtilu e avia un picciriddunudu senza cammisa 
pirohi la puviredda nun avia nenli. Ci jeru a diri a la 
patnina In faltu, e idda ci mannau li rubiceddi a lu pic- 
ciriddu, e la mairi tu vìsliu. La oultala appressu quannu 
era curcata ci cumparìu UDu e cci iju a dissi : — (Tu 
stanotli ha' a murari tutti così pirciii hannu a viniri tri 
fati eh' hannu a purtari lu picciriddu di lu Re ; Lu poi 
ci tu vai a purtari, e almenu vidennu sta cosa lu Re Cri- 
slallu e la Riggina ti vonnu beni cchiù assai.» Basla: idda 
ristau 'nlisa, e si misi a murari tulli li ciaccazzi di li 
porli, astulau la cannila ', e poi (]aannu fu preparata 
tuttu , vìnniru li tri Fati e ci purtaru lu picciriddu di- 
cènnuccì: — • Cliislu è lu figghiu di tu Re, cti' liavi tanta 
tempu chi Pavemu nuàtrì, e ora ci lu vai a purtari tu. • 

• Pirchi ecc. Pi'fchè afCd tuuuvia (carne un) colle'li} a\ cuore iJsl lin- 
ieri! che sentiva ilei figlio s\Mos}i involalo dalle hi-. 



UigniaOb, Google 



LU RE CniSTALLU. 207 

Ctiidilì si ni jeru e ci lassar» )u pìcciriddu. Idda lu du- 
mani si susiii e ci iju a purtari a lu Re e a la Riggina 
lu pìcciriddu. Gutnu lu Re e la so faoiiggliia si vittiru 
purtatu lu picch'itldii, si la pigglii^ru a bemmuliri, e la 
trattar» assai a cliidda, e nun la fìcim nèscirt cchiù mai 
ili lu pal3zzu. Si misi ni a fari tanti trnltamenti, tanti li- 
stini, e tanti cosi, e arristaru pri sempri filici e cun- 
tenti. 

Favula ditta, favula scritta, 

Dìciti la vostra ca la mia è dilta. 

Polizst-Generosa *. 

VAUrANTI E msCONTIil. 

Pubblico per Vi !ii porta nz.i ilemo-jnllologìc* ch'essa ha la pre- 
sente fiaba gii da me ceonata nelle Varianti e Riscontri della 
XVIU, Re il'Amuri ([lag. 174 del vel. I}, alla quale bisognii rav- 
vicinarla, cosi come per alt-uno circostanze alla XVII, e alla 
XIX, e per il fatto del lume di cera che sjiocciola sul viso del 
Be Cristallu. alla LXXXII. Per la couclusione. dalla (ine della 
pag. 30!f alla pag. ìOfl, vedi Lu Re d'Animmutu ti. XXXII, e un 
fratto della Rigginotta Sghin/ignuia. n. CV. 

' ISacculu dal sig. Vincenzo (ìinlongo. 



UigniaOb, Google 



GCLXXXII. 
La muglieri oariiisa. 

Si raccuDta ca 'na vota cc^ era un giuviai maritatu e 
imn putennu camparì uni In bó paisi, si nni strania nni 
n^àtru paisi , e si adduà' ^ in un Parrinu. Avennu un 
lempu chi cci stava, un jornu Tra dì Pàtri, di fora * tru- 
vaa 'na funcia ', e la purtà' a lu so patrunì, e cci 'da- 
mannà'' a lu so patruni unni l'ugghìà' '; cci dissi: — ■ A 
lu locu ', • — I Uumani ha' jtri arreri a lu loca, e ha' a ijri 
a scavar! uun'era la funcia, e a scavari nni la radicuui di 
la funcia e zoccu trovi la porti ccà. > Lu 'nnumani va a 
lu locu, e va a scava nni chiddu puntu e truvà' du' vi- 
pari, l'ammazza' e li purtà' a lu patruni; chiama a la cam- 
marera e cci li fa sarvari. Gghiustu gghiustu cci avianu pur- 
tatu 'na pocu di anciddi, cci li metti 'nsèmmula, e cci dissi 
a la serva: — • Duna a manciari a lu garzuni, pigli du' 
anciddi, li cchiù minuti, e cci li frji, ■ Scanciu ' di Paa- 
ciddì cci frìj' li vipari, pircliì cci avianu parulu anciddi; 
cci li porta a la tavola, e lu garzuni si li mangia'; coma 
fini' di mangiari sintia parlari la gatta e lu cani, chi e- 

' Si adduà'. Sì mise ni servizio itcneile ci annuale. 

' Di fora, in campagna. 

• 'Afa funeia, un fungo. 

■ Dove la Lrovù. Agghari, della parlala, per atciari trovare. 



UigniaOb/GOOglC 



LA MUGLIBRI CUBIUSA. 209 

rana nni la casa di lo paimni, e lu cani dicia: — < A mia 
m'hari a dari lu pani. > La gatta dicia : — < A mia mi 
rbavi a dari vide '; ■ ma lu caci: — « A mia mi l' hati 
a dari ccbiii a«sà\ ca vaju * cu tu patruni; • la galla cci 
dici: — < No, lu tò misteriu ' è ctiìssn; quantu nn'havi a 
dari a tia on'havì a dari a mia, masinnò nnn fa gghiu- 
stu. • E slu garzuni sintia parlari st'armali , ca avia pi- 
gliala la virtù mangiannusi li du' vipari ; si ani scinni 
noi la stadda stu garznni pi purtari l'òriu a li moli , e 
lì mali sinUanu vinirì In garzuni; lu capn-rètina * di- 
cia: — I A mia mi nn' havi a dari cchiu assà' di lia òrìu, ca 
iddn mi va a cavaddu; • n'flti-a mula cci dicia: — (Quantu 
□n'havi a dari a Lia, nn'havì a dari a mia, ptrchi a mia mi 
càrnea cchià assà'; > e sta garzuni sintia tattu lu dì- 
scursa , piglia Pòriu e cci lu dividi eguali. — < Vidi ca 
ilei gghiastu ca ani la divisi eguali? > (dici lu mnlu) e 
si noi acchiana susu lu garzuni, e appressa avia la gatta; 
la gatta cci parla' e l'avvirtì', cci dici: — < Vidi ca tu lia' 
'atisu parlari a nui, vidi ca la tò palrani ij' a circari li 
TÌpari, e nnn lì truvà', dumanoà' a la serva, e cci dissi 
cà li detti a mangiari a tia, e t'havi a spijari ch'hai 'ntisu 
cà sapi ca tu ha' la virtù, e cci In dici eh' havi un Uhm 
dì 'ncantamentu, tu cci ha' a diri ca nan ha' 'atisu aenti, 
masinnò si tu cci la dici, tu mori, e la tò patruni piglia 

' ride. acearciaiJTD di vidtmiaa, paie. 
' C'i vaju, cbe siegua, che va. 

■ Lu lù muieriu, il lao mesliere. le lue faaiioni. 

■ Capu-rèli<ia, i la mula che sia prima delle sa((« lunie che compiono 
'noa redina di muli. 

PiTBà. - Fiabe e NovilU. Voi. IV. li 



UigniaOb, Google 



aio MABE, NOVKUE, RACCONTI EC. 

la virtù, e Thavi a'utjuinazzan, e lu nun cci lu vuleaair 
diri, ti noi manna.' Piglia lu garzuoi, e trasi nai In sfr 
patroni; coma lu viitj, cci cumincia a spijari ; e lu gar- 
zoni dicenou seoiprì no; si nichiu < lu patruni, e noi la 
maona; coiou nni la maona", iddu piglia" la vìa pi iinsinui 
noi lu so paisì; pi la slrata ed 'nimattì 'na maunra *, e tm^ 
yy li picurara nicliiati, pricchi notti pi notti cci manca- 
V30U li pecurì; piglia stu garzuni e cci dissi:— * Ura va^ 
quantu mi dalt ca nun vi nni fazzu maucari cchiù ? > Lu 
curalulu cci dissi: — • Quannu nun nni mancanu cchiù^ 
ti dugnu 'na jumenta cu 'na mulaccluna ', > U sira si 
scura' ddà , doppu chi manciù' si iju a curcarì fuora la 
pagliaru ; arrivannu a mezzannotti 'ntisi parlari li lupi, 
chi dìciann a li cani:—» cumpari ViluM > U cani cci 
rispnnneru : — • cnmpaii Cola. » — • Patemu vitòri 
pi l'annali? i Li cani cci dissìru: — » Nun cci potili vi- 
Diri, ca ce' è lu palruni curcalu fuora. ■ Iddu sta vita. la. 
Dei pi ottu jorna; e pecurì nun ni mancayanu; arrìraonn. 
a li novi jorna ilei amtnazzari lutti li cani grossi. — * Or» 
stati cunienii, cci dissi lu picciollu a li curatuli, ca ar- 
mali nnn ni mancanu 'cchiù. > Cci detiiru la jum^rta co. 
la mujacciuna e si nni ija; la sira li lupi gridarli arreri 
4 li cani;— ■ cumpari Vitu, putemmu vinìri? » Cci ri-- 
spponina li cagnoli picciuli: — ■ Nua £ci putiti viniri, ca 
li vostri amici l'ammazzam, e si vinili, pmvuli ' e baddi 
cci nn'é vide pi vàirì. • Lu garzuni arrivatu a la so casa 

' Si niAia, sitntlte di vral'DTnDr?, hnbruncia. 
■ Cci 'mmalli 'na luannrn, gli capila una mandra. 
JHtti'iMiuna, mula gitTane, muluitd. 

* Si rtcordi ette S. Vilu è il prolcltore Uc' Ciini, 

* Pmiiili, polveri! da sparo. 



UigniaOb, Google 



LA HUGUERl CDRICSA. 211 

la mnglieri vidi chidda jumenta cu la mnlacciuna, cct 
spijà' di ca' era la jamenla; !u maritu cci dici: — t Nò- 
scìa è '.» S'avricìnava, ca cc'era 'na fera tra un paisi vi- 
cino; cci parsi di ggiiioslu a la picciottu di jiri a la fe- 
sta ca la moglieri; si meltina a caraddu a la jameota e 
parlino; pi strata la mulacciona si rista' e gridava a la 
matrì (lì aspitlàrìla, la matri cci risposi: — < CamìDa, ca 
la si' legata e ì' porln a da' a cavaddo '. > Piglia lu ma- 
rito comu 'misi sta discarsu e si misi a ridirì : la mo- 
glieri, crftsiera ', cci spijà': — * Pirchì arridili ?• La marita 
cci dissi: — * Prl uenti. > La mngiieri cci dici: — « Nano; 
mi l'aviti a diri, masinnò a la fera; nun col vegnu. • Lu 
marito cci dissi: — € Arrìvannu a lu Santa * ti lu dico, • 
e lu Santo jera prima di lu paisi. Arrìvatu a lo Santo, la 
moglieri comencia a dìricci : — * Pirchi arriditi? Mi l'a- 
viti a diri; • Lu matitu cci dissi :—• Ooaooa arri- 
vammo jintra ■ ti lo dico. > Piglia la muglierì e si uni 
vosi aggìrari seoza jiri a la fera; e si nni ^g^aoa; ar- 
rivanna jintra comencia la moglieri: — t Ora mi l' aviti 
a diti ? > Piglia la marita e cci dici : — • Va chiamami 
hi Ganfissari, ca doppo li la dica. * Piglia la muglierì si 
metti la mantìllina tutta affaonata e va a chiama a la Con- 
fìssurì , cci dici chi vinissi a mararomanu * ca s'havi a 

' Sóieia, DI sin. 

• Ed iu porto ■ «stallo due persone, 

• Crii-era, cnriou. 

• Arrirannu a tu Santa, cìoj arrivando alla ctiJesa dove si veuera il 
Santo Jn onore del qnale si tiene il mercato. 

' Jialra, in casa. 



UigniaOb, Google 



iiì FIABE, NOVELLE, nACCONTI EC. 

cnnfissari me marita. > Nustrameotri lu maritu era sula 
piglia UD pagDu dì còccia \ e li detti ca avia 'na pocu 
di gaddint e un gaddn ; a la jiltata li còccia li gaddiai 
s^affaddavann pi manciari, e lu gaddu c'un puzzalaoi li 
facia scappar! a dda via, ca nun vulia ciii maaciavaau: la 
garzunì rìspasi e cci dici a lu gaddu : — * Pirchi nun 
manci , e nò li fa' manciari? > Rispunai la gaddu, cci 
dici: — * No, nun tiannu a manciari , i' sugnu lu gadda 
e i' he cantari, no comu lia * ca pi cnnfidari lu fatiu a 
tó mugiteri on ha' a muriri. • Piglia iddu e si avvirtì' * 
e dici a lu gaddu : — • Cchìù giudizio di mia havì I > 
Chi fa? Piglia 'na cigna, la vagna, e la mitti adordioi ; 
comu si arricogli, la muglieri cci dici: — « Lu Canfissari 
sta vinennu , ora mi 1' aviti a diri. • Piglia la cigna la 
maritu, e comencia a dari cignali, e tanlu cci noi detti 
ca la lassa cchiù morta ca viva; veni luparrinu, cci dici 
si s'avia di cunGssarì; piglia lu garzunì cci dici: — < Cu' 
cci l'ha dittu a vossia? > — • Vescia muglieri. • — t Pi 
idda, cci dissi, no pi mìa. > Piglia lu parrinu e 'ncugna 
nnì la muglieri, e idda nun cci dava cuntu, e lu parrinu 
s'adduna ca la cesa nun era gghiusta, vota tunnu senza 
diri nenti e si nnì va. Doppu un pezza la maglierì rivi- 
nl', e lu maritu cci dici: — « Vidi chi t'avia di diri , la 
muglieri ? Nichiatì. > Cci rispusi idda : — • Nenlì echio 
voglia sapiri. • B accussi fìniu la curiu^ìtati dì la muglieri. 
Ciatteiaaa *. 

' Coccia, residuo del fruin»nlo dopo la cri ve] lai io nr. 
• Tit. le. 

■ S'arviru; fece rifli'ssione, 

' RaccoDUU da Rosario Di Libarlo, caTalorc Delta lolfaie , o racculla 
dal aig. Gaetano Di GìoTanai. 



UigniaOb, Google 



LA HDGLIEBI CVBICSA. 



VARIANTI E RISCONTRI. 



Dal viaggio del marito e della moglie ddIU giameoU in qui 
rtscontraei nello Straparola, Tr«ifict piaceBolUtime Jioltì, XII, 3. 
• Federico da Pozzuolo, che intendeva il lingnaggio degli a- 
nimali, astretto dalla moglie a dirle do segreto, quella strana- 
mente batte.' In casa canta il gallo; ìl cane gli rimprovera cbe 
cAnli quando dovrebbe attristarsi della vicina morte del pa- 
lone; il gallo risponde dando del debole e dello sciocco al 
padrone che non sa comandare sopra aaa donna mentre egli 
gallo domina su cento galline. Invece del confeisorec'd il notaio. 



UigniaOb, Google 



ccLxxxni. 

La Parrastra. 

Si cuata ca cc'era an marita e 'aa tnagUerì, ed ariana 
da' figli, una fìmmina e una masculb: cci muri' la ma- 
glieri a slu marilu, e passa* a secunni nozzi; esi piglia' 
ad una ch'avia ''na figlia. Sia figlia era orn di un noc- 
cbiu: la marita era burgisi e si nni ij' a travagliarì 'ntra 
an Sega; la muglìeri , chi era parrastra di lì prìmi da' 
figli Dan lì putia vidiri, e pi fàriU perdici , fici la pani 
e lu manna' a lu marita 'ntra n'antru fiega pi farli per- 
diri. Li picciliddi arrivanna 'Dira 'na serra accaminciaru 
a chiamar! a so patri , e non cci rispunnia nadda ; la 
picciultedda fimmìna era 'nfatata, e lo frati avia siti; tro- 
va' 'Da faDtana e vulia vtviri: la saoru flmraìna cci dis- 
si: — ■ Nan viviri nni ssa funtana , ca tnornt scèccu. > 
Piìa travara 'n'anlra fanlana e lu piccìaottu vnlia Tiriri, 
e la piccialteda cci dissi: — « Nan riviri ddaoca , ca si 
vivi , addiviene vitieddn. • La picciaotta vonzi viviri e 
divinlà' vitiedda ca li corna d'ora. Pùa camenzana a ca- 
miaari ed arrivarli a la spiaggia di la mari ca cc'era 'na 
bella casioa , e cc'era a sbìliggialara la figlia dì la Re; 
sta figliu di lu Re si chiama a sta picciotta; (la vitti ac- 
cnssì bèlla bella) e si la piglia' pi muglieri; pùa cci ddb- 
manna' di lu vilidduzzu chi cosa en, e idda eci dissi: — 
< Cci bajn l'affizioni ca Tbaja addivatn ia '. > 

Ora pigliammn a sa patri ca pi la gran pena di li G- 

' Gli foglio bene perchè I'Lq iillerala io. - 



UigniaOb, Google 



ÌJi PARBASTRA. 2t5 

£lì nisci' pi alliaDarist e si nai ij' a flnuocchi: tanta ca- 
mioà' ^Dsina ca arriva' ani dtla casina unni era la figlia 
■chi s''avia maritala cu lu He: la Sglia atTaccia a la fine- 
.stra e cci dissi : — < Amicu, acchianati susa. ■ Ha la fi- 
glia Pavia canusciuta, e cci dissi:— < Ainicu, nua mi ca- 
OBsciti a mia? • — «No, nua vi fazzu ricanosoenia, • E 
«ci dissi: — • la sugnu vostra figlia, chi cridili va' essiri 
^jersa. • Danca si cci jetta a ti piedi e cci disse — • Pir- 
duDatimi, caru patri , ia pri cumminazioDi arrivava nni 
sta Casina,. e cc'era la figlia di la Re, a mi ha spasala. ■ 
La patri nn' appi unta cunsulazioni ca travà' la figlia 
ciccassi bona oiaritata. — < Ora, cci dissi, patri mia, sdira- 
«ati ssa sacca di fiaaoccbi, ca vi rìtichia di dinari. • E 
pàa lu prigà' di jiri a pigliari la maglieri e la figlia orva 
•di an aacchin. La patri turoà' a ta casa ca lu sacca china 
di dinari, e la muglteri spavintata ccì damaana: — < Cu^ 
ti delti sii dinari ? > E cci risposi: — * Oh muglierì mia t 
sa' ch'agghiavn a ma flgtia ', ed é muglierì di lu Re, ca si 
ratta spasala e m'inchl' sta sacca di dinari ? ■ Idda sparli 
d'aviri cansalazioni si attrista' sintienna ca la figliastra 
aacon era viva, ma pirò dissi a la marita: — i Cci vuo- 
£liu Tinìrì, e mi pnartu a la ma flgtia, • (chidda chi era 
0rva). Si parteru e si nni jera, la marita, la maglieri e 
la figlia orva; orrìvaru ddì la figlia, tutta canienta la figlia 
«a la BÓ {larrastra; ma chista vitti ca nun ce' era lo Re, ed . 
era sala la figliastra; Paggrambà' e là jittà' a fnart di 'na 
finestra appinnino, e pùa chi fa ? piglia la figlia orva, la 
-vesti ca la v^ti di chidda, e cci dissi: — < Quflnnn reai 
lu Re e ti trova chi chianci tu cci- dici: — < Lu vUidiazsn 

' Sai che lia iroraia min figli* f 



UigniaOb, Google 



216 FIABE, NOVBLLEi RACCONTI EC. 

CU Itt eiiornu m'annuirà^ ed haju un uocchiu; > e sì nni- 
ttirnartt a la so casa. Vinoi lo Re e la trova' corcata chi 
chiancia, e cci dissi:— « Pirchì chianci? • — < Lu vilid- 
duzzn cu 'na caroata mi annorvà' un uocchia.> 'N sabjla 
lo Re dissi:— «Va chiamati lu vaccieri, ca s'havi a scaii' 
nari lu vitieddu ! • Lu viliddiizza qtiannu 'ntisi diri ac- ' 
cussi, ca s'avia di scahnari, affaccia a la barcuni, e chiama 
la suora di la mari: 

< Oh I surozza anedda anedda, • 
^ Pri mia si scarfa l'acqua, 
E s'ammolanu li cutedda. • 
Rispanni la suora di (da) la mari: 

« Oh! fratuzzu, 'un l'haju chi fari, 
Sogna 'mmucca di la pisci-cani. ■ 

Lu Re quannu 'ntisi diri a lu Yutieddu sti paroli , va' 
a'fTaccia a la finestra, e quannu vitti la muglieri chi 
era nni lu mari, chiama da' marinara, e la Gei pigliari, 
l'acchianani susu , la fici risturari ; e pùa piglia' Torva 
e la fici ammazzari ; la taglia a pìezzi e la sala pi tun- 
nioa, e la manna a so matri. 

Quannu so matrt vitti stu rigala , dissi a li vicini:. — 
< Taliali chi mi manna' ma figlia la Riggina ? > E camin- 
cià' a speonirla a li vicini, e cumincià' a manciarni. Idda 
avia un gatta e cumincià a maghijari ' e cci dicia: — « Du- 
naminni tanticchia, ca ti lu dica. > Rìspunni a lu gattu 
e cci dissi: — < Gattazzu tintn, chi mi ha' a diri 1 > Ri- 
spusi la gatta e cci dissi: — ■ Chissà è la carni di vostra 
figlia orva. > Si mitti a riminari lu varliri * e va a trova 

' UaahijaTi, miagolare. 

* Si mena a rifrugare per entro ii barile 



UigniaOb, Google 



LA PABBASTRA. 217 

la testa cu od aocchia e li mani , e tanna si pirsuadi* 
cbi era la carni di so figlia, e ij' noi li vicini, e cci dis- 
si:— > Vnmmitativi tatti, ca chista è la carni di ma Q- 
glia orva. > So marita pi vidiri coni,u era sta fatta si nni 
va ani la figlia pi ^nfurniarsì dì lu fattu; cbidda cci cunta 
la ragiani , vitti ca la figlia avia ragiuni, abbannuoa la 
mnglieri perfida e si rista' ca la figlia. 

Casteltennini K 

VARIANTI E RISCONTRI. 

È Ia Elessa della IB delle SietlianUeht ilarchtn . ove la ri- 
gaiEa cliiamaU Sabedda va alla scuola, ed il padre, per pre- 
ghiera di lei De sposa la maestra, li fratello dì Sabedda mu- 
tato coll'acqua che beve, pecora colle eorna d'oro, grida presso 
td essere seannatg : 

Sabedda, mia Sabedda, 

Fri mia 'mmolaou li cntedda, 

Pri tagghiari sta carni bedda, 

Un'altra versione è la 49: Yon Maria und t'Arsi» Brùderchin 
(Harìa e 11 suo fratellioo). 

Nel Cunto de li eunli vedi Ifinnillo e Nentlla, glorn. V, Irati. S : 
Jannuecio ba due figlie de la priroma mogliere, se 'nsora la 
Mconna vota, e songo tanto odiale da la malrea, che le porla 
A DO vuosco, dove spardnlo l'uno da l'aulro, Mnnillo deventa 
caro Cortisciano de no prencepe, e Nennella ietUoDosi a ma- 
ro, è gliottuta da do Pesce fatato, e iettala sopra no scuoglio. 
è da Io fialiello recoDoscinta, e da lo prencepe maritala ricca 
ricca.* 

> Racconlila dalla Gnura Vincenia Giuliano, lessiirice , e Talla nccO' 
Clterit dal lig. Vincenio Di Giovanni. 



UigniaOb, Google 



2(8 HABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Dna vertkoae vtaeziaaa è in Bbrnohi, n. S delle Fiabe p^. 
ven.% El pesti can. 

11 gallo che rivela la Dglìa della madrigna essere salata nel 
barile è pure nella Figghia d» Siancucmrì, o. UX; e nella 34 
delle 5icif. Màrehen. 

Un gatto fatato che parla è pnre 'Della nostra XCIX:£i (citi 
Tittuzzi. 

Il fondo è nell'Esempi di tre totànn della Noveltaja mila- 
Mete. 

Per qualche altro punto di riscontro vedi Ltt Sirpeiiti , La 
'Nfanti Uargarita ecc. 

Altre versioni di questa novella cita EtìliLEa a pag. 133 del 
S* voi. della GoNas.iBACit. 



UigniaOb, Google 



CCLXXXIV. 
Lu Bimitn. 



Gc'era un certa Rimitu ch'abitava 'ntra 'aa maotagna e 
'uB manciava àutru clii ervi e frutti sarvaggi. Cc'era 'aa 
mànnira vicinu e iddu accumiDcià' a pigliari amicizia cn li 
picurara; e cc'era lu curatnlu ca la purtava dì beni e cci 
dava a maaciari la rìcuiledda, lu panuzza < e aocu&si si 
campava bìnissimu. Sti picurara tioiaaa li jumeoti e lu 
staddunaru cu lu cavadda e lu sceccu *. Lu bona Rimita 
pi fàricci accrìditarì la so santità cci Tacia la biaidizionì 
a li jumeuti, a chiddi ch'aviana di fari muli cci facia fari 
muli, cliiddi chi avìanu di fari putrì cc| facia farì putrì 
cci binidicia li pecuri, cu diri ca cci faciaau tumazzu * 
e ricotta cchiù assà'. 'Nsumma stu Rimitu l'aviaDU pr'ua 
saatu. 

Lassamu starì a lu Rimitu, pigliammu a lu curatala, ca 
era vieccbio e si ronsi marìtarì, e sì piglia* a 'na bella 
picciotta figlia di uo miezzu galautumicchiu '. 'Ntra ca 



■ Bktitlidda. ilim. ili rieol»; p'iauzsu, dioi. di pani, pane. 

■ Questi pc«araj tenevano i efutneoli . e il gDirdiii»o della sulla cui 

■ J^tlru, jmddUi-u, pu!«Jro. 

* Miexzu galantumiechiu, mrzio gLilanKiiiiino, di cotidiitoDe an po' d- 
wìle. 



UigniaOb, Google 



ÌSa FtABIf, NOVELLE, RACCONTI EC. 

era vìecchiu; 'atra ca nu cci jìa spissu a 1u paìsi, e la 
maglìeri cci facia tnancanzi <; la sappi la curatulu, e 
pinsà' di propiu di purtarisila a la marcala; quaonu lì 
picurara la vittira arrivari accumìnciaru a parlari 'atra 
d'iddi. Lu cnralulu piosà': — < Ora la Tazza biDìdiciri di 
(da) lu santa Rimilu, ca cci passa tutta la fantasia *. • 
Ficim ctiiamarì lu Rimìtn, e vIodì tuttu divuziunata, la- 
danan a Diu e a li Santi, e cci dissi a la muglieri: — i là- 
gacci lì manu. * Ln Rìmìlu fici lìntizza ca nu cci vulia 
dari la manu ': la Rimita chi appi tuccata la manu di 
{da) la muglieri di la carutalu, si misi 'ntra 'na tana di 
vespi; accamenciana a flrmiculiarci lì carni, si Tonta cu 
lu curatulu e cci dici: — < Chi aviti jumeoti ccà, ca sugna 
tuttu china dì muschi cavaddiiii ' ? > e camincià' aVraspà- 
rìsì lutti lì carni, massima uni li spaddi; lu curatulu cci 
dissi:— t Chissn è la sautilà, ora binidicitìcci la testa. * 
Cci binìdiciu la lesta, e cchiii assà' cci YÌnni In chìurì- 
tu '; rispunni lu Rimila: — • Lì spaddi mi chiùrinu cchià 
3ssà\> Rispanni lu marìtu:— < 'Nniacci la mani nni lì spad- 



' E la moglie gli Iacea mancanze (^11 (acea le fusa torie, gii meliea una 
bella corona in capo). 

' £ cosi le passano lulte le lenlanoni. 

■ Ligaeci ecc. • Baciagli le mani > Il romiiu fece finta (liaiitza, alter. 
(li ftnlaj di non Toleile dare le mani (per averte baciale). 

' 5i miH ecc. Si mite (rome) m una tana dì r^spe; cominciarono ad 
informicolargli le carni; si voltd (li voala per li nòta, si volta) col ca- 
alaldo e ^11 disse: ■• Oli cbe avete giamcnle qaa, chi io aon tutto pieno 
di mosche culaie f • 

* CA'unìu, dtrllj parlata per prurilit, pruriti) ; e cosi cUnriri, pra- 



UigniaOb, Google 



LU RUITD. 221 

di. • La muglieri cci raspa' li spaddì: cridia In curatala 
ca cchiù lu tuccava, cchiii la bioidicia; quanaiila fìimitn 
appi laccati li spaddi, si minti 'a faria pri aggrambarla ^; 
idda ruj e accuni«Dcia a carriri, e la Rirnitu si cci misi a 
corriri appriessu: lu curatulu vidiennu la furia di In Ri- 
mila cumaDoa a lutti li picurara e a lu staddunaru: — 
• Cnrnticci appriessu, ca ia sugna viecchiu e nu cci puozzu 
arrivar!, e pigliati cordi e santàticci davaoLi ', e piglia- 
tilu a cuorpu di lazzu. > Accumencianu a curriri a raddi 
e vadduaa, e lì picurara sempri appriessu; ora pùa quan- 
nu erann junli 'nlra ^Da serra e Tidìanu ca lu curatala 
era luntano, e mi putia arrinari ' appriessu, li picurara 
e la staddunara si assittara,ca nu putianu cchiù curriri. 
Ni stamentri arriva la curatula e chiddi accumencianu a 
curriri cchiù assà'; cci grida lu caratala: — « Unni su' juu- 
ti ? » — • Ddabbanna lu vadduni *. • — < E chi fannu? • — 
€ Chi fanna? rispunninu li picurara, a cavadda sa' li 
jumenti. • Quanau lusantu Rirnitu si allibirtà', lassà^ a 
la muglieri di la curatala, e fuji' pri 'u'antra baona; li 
picurara cci vannu a lu stagliu, cci paranu la corda, iddu 
santa, cadi; pùa si susi arrieri e accumencia a curriri cchiù 
forti pri la muntagua, e nu la puottiru ptgliari; e tutti 
si nni turoaru a la marcatu cu ranchi stuccati, e lu pó- 

■ Agg^ambari, della pari, per aggranfari, aggranfiare, ghermir?. 

■ E prendete delle corde e salute loro davanii. (Santari , per «alari, 
dell^ parlati). 

' Ora pùa ecc. Ora poi quand'erano gianii in una scria, e Tcdeano ebe 
il castaido era lontano, e non potea più ceair loro appresilo. 
• Di là dal vattone. 



UigniaOb, Google 



3X2 FUSE, NOVELLE, HAOCONTI EC. 

gbiru curatDln, viecchia, balli di ccà, balli dì ddà, pri 
forea si polii arricoglirì a la marcata '. 
E cliisla fa la binidizioni di lu santu Rimila t 

Casteìtermini \ 

■ £ ehi /annu f ecc. • E chv <x>»a fanno? ■ — ■ Ch« cusa taonof ri- 
spondono i pecorai; sodo a cavallo alle giumenie • Qoando il tanto ro- 
mito si abrìgò, lasciò la moglie del castaido, e fuggì pur uu'alira ('n'a»- 
Irn). parie; i pecorili vanno a troncargli la via, fli panino la corda; egli 
calla (tanta), cade, poi si mila (si luti mrieH), e comincia a correre piA 
forte p«r lu isootagna; ed essi noi poierono .prenderla, e tulli se ne lor* 
. naruno al mercato con le anche roKe; e il poveri casluldn, vracbìo, bnl- 
li di qaa. e batti di là, a malapena potA ridursi al tnìrcato. 
* Fa la raccogliere dal signor tiaeiano Dì Giovanni. 



UigniaOb, Google 



CCLXXXV. 
I4A bedda ploolotta. 

Si canta e si raccunta ca cc'era un mircaati eavia ^oa 
figlia bella, ca era tanta bella ca oni lu mannu nu' si 
onì avia vista ma'. Stu mircanti la valla 'strema beni as- 
sai''; avia la patia di la mircanzia 'mmiezza la chiazza, e 
la casa di abilaziooi ^ntra 'n'antra strata Torà la chiazza. 
'Ntjuà lanlu volia beni sia figlia ca 'un avia di passarì 
un'ara ca fli-mava la putia pri jiri a vidiri sia figlia. Un' 
joornu cci vinnì un pitturi a la patia e si cambra' 'na 
paoca dì tila pri fàrinni ritratti < : la mircanti cci dis- 
si: — f Amica, facitimì un ritrattu, e mi l'aviti a fari pir- 
fettu; » si lu porta a la casa e si pronta 'n facci a la fi- 
glia: piglia la tabaccherà, e cci dici:— < Vui 3ti a ritrat- 
lari a ma figlia sapra sta tabaccherà. > La pitturi ritratta 
noi dei da', unu supra la tabaccherà, e unn noi la tila, 
e chiddu di la tila si lu cuosarvà'prì iddn a l'ammucciu- 
ni *. La mircanti cci flci un buona cumplimientu e Io 
pittori si nni ij' 'ntra 'na cita; piglia li ritratti cli'avla, e 
lì minti fora: na mentri passa un figlia di un Principi, e 
talla ddi ritratti, ferma la carrozza, e' talia a siccu lu ri- 
trattu di dda giùghina * figlia di lu mircanti: torna e si 
nni va a la casa, e manna a chiama a Iti pitturi e cci 

' Si eoniprò una quBTMilà dì telu prr fama ritraili. 

* E quello ( t rilmtio fuUQtaapn U i«la S4 lo coiisorvb lui di nawosio. 

* £ guutilu flfamenle il riliXlo di quella |iaTaii«. 



UigniaOb, Google 



3X4 FIABE, ROVELLE, RACCONTI, EG. 

dici: — < Vuogliu sapiri d'anni vi vinui sta rilraltu ? > La 
pitturì ccì cunta ca: — •nni la paisi di Castel lermj ni cc'è 
UD mircanti ca havi 'na gJAgliina tanta Iwlla ca l'uoccht 
mia na' nn'hanna vidata mai, e si chiama Tari^na. > Sta 
Principina si partì', si nni ij' a Castelterroìnì e si addaga 
uà palazza 'n facci a lu palazzu di sta mircaoti pri par- 
iarì cu sta ginghina. Tutta la jiiorou stava afTacciatn a 
la barcani fina a tanta ca cci caminciava a parlari a puo- 
ca a puocu fina ca si ridussi a diricci ca la vulia pri mn- 
glieri. Iddà cci rispusi: — < E comu è possìbuli, ca ma pa- 
tri na m'ha vuluiu marìtari?' Rìspunni lu Principi: — 
> Già chi è chissà tini jammu a l'ammacciuni '; e senti 
cli'ha' a fari; ti fa 'na Irùscia di li lo' robbi nicissarìi, e 
stanolti, a mezzannotti, ti truovi a la porta, e quaanu pas- 
su ia accravaccammu e nninni jammua la ma cita V> La 
picciotta era di spirita, e cci dissi si. Eccu ca la notti ar- 
rivala la mezzanaottl, Tarlsina st fa la truscìdila e piglia 
'na bultìglia di vinu alluppinatu ', e si noi va a lu pur- 
tuni; ma pri so mala sorti passa un briganti; cu 'na ju- 
menta, e idda si cridia ca era lu Principi, e cci dici: — 
• Ccà Gugnu; • In briganti si la piglia senza diri nenti, 
l'accravacca a la jnmenla e si la porta: quanna fa fatta 
juornu, si adduca e canasci ca nun era la Principi: si 
scaraggisci, e accumencia a chianciri: lu briganti la porta 



' Rispose il principe^ Giacché è cosi (poicbi c'è qaesio) ce ne andia- 
10 niscosumente. 

' E guannu ecc. ed allorché passerò io, cavalcheremo e ce ne aadre- 
10 alla ciiU mia. 

' Vinv <^lupj^inalu, per viuu alluppiatu, fino oppiato. 



UigniaOb, Google 



LA BEM>A PlCCtOTTA. 2Ì& 

''nb^ DO vaoscu, e la scravaoca, e idda, ^spetta, ccl diei: ^ 
«Misienta dìbulìzza, bciemma cnlazioaì. (dduabbedìsci, 
es'assèllana a maDciari; lu briganti viri beni, e cadì' al- 
lappìnatu; Tarisina lu spoglia di li so^ veati , e si vesti 
4'eMu, munta a cavaddu a la juindata di la briganti e 
parti pd la cita di Missina (ca la Prìncipi era di Missina); 
arrira a Missina e accumencia a spijarì unni sta la tali 
Piiocìpi, fina chi la trurà"; acchiana e trova un sirvituri 
e cci dici:— « Amicu, facltimi di fagùri di parlari a lu 
Prìncipi si havl di bisuognu di un sigritarìu, ca sugna 
prontu a sirvillu. • Lu sinrituri parla a lu Principi, e cci 
dici di sì. Si prisenta a la Principi e lu ridi accussi bellu 
fi di camplissioni dilicata, e lu minti a scrìviri 'atra uà 
scagna '. 

Lassamma a stu sigritarìu nni In scagna, e pigliammo 
a la figlia di la Principi. Quannu arriva a lu purtuni 
e nu trova a l'amata Tarisina, dici: — » Tradimentu fu 
ctttslu chi mi flci so patri 1 • Lo mircaati nun trova la 
s6 amata figlia, accumencia a circai-i e ou la trovanu ; 
dispiratu, si parti lu Principìnu e si nni va a la so cita 
4ì Missina, e si minti malanconicu senza ccbiti parlari e 
senza nèsciri; so palrì vidiennu lu figliu cussi malanco- 
nicu, prega 'na puocu di amici pri fari allianari lu flglìu; 
sti amici un ìuornu si lu portanu a caminata pri fan 
quattru passi, e camiuaau marina marina , e trova a nn 
uomu assittatu 'ntra ^na petra cu la testa a pinnuluni ; 
Ìd PriDCìpinu io talia, e cci dici : — < Amicu, pricchi stati 
Recassi malancuossn ? > Rispunni : — < U signurì, sapis- 

' E lo me'.le a far da scrivano in nn banca. 

PiTRÉ. - Fiabe e Novelle. Voi. IV. 18 



UigniaOb, Google 



2z6 FIABE, NOVELLE, IlACCONTI, EC. 

sivu la mi còlara, niscissivii pazzn. > Rispusi lu Priii' 
cipinu:— «E vu' sapissivu la ma sorlìljè cchiù tinta di 
la vostra; amicu, cunlatimi chi cosa aviti ? * e accumen- 
eia a cnotari ca : — • era a Casteltenninì e passava ii 
'na slrala, e vitti 'na bella signura , la pigliavu e mi la 
purtavn 'ntra uo vuoscu, mi ailuppinà'; quaonu mi risbi- 
gliu, nu ti'DOvu né ad idda, né la jumenta, e mi tru- 
vavu nadu. > La Principi a lu sentiri stu discursa, tira 
la cQtieddu, P ammazza e lu jeita nni lu mari; quanna 
li so' amici vìttiru fari stu 'micidiu, subbila si lu pigliana 
e si lu portanu a la casa, arriva' noi lu PriDcipi tnttu 
cunienti e si nni va nni la so quartu di palazzo; pùa 
so patri sì porta nni lu sigrìtariu, (ìntu uomu, ca lu ca- 
nuscia, e nu si dava a canusciri , e coi dici : — t Prin- 
cipi, so figlia havi 'na pena 'ncurabili ca no cci pò pas- 
seri ma', mi basta Tarma a mia di truvari lu rimie- 
diu di fàricci passari sta malancunia. > — < E chi cosa 
cci voli ? ■ — < Prìncipi, sapi ca so flgliu vulia beni 'oa 
giùgliina, e sta giùghìaa cci spiri' e nu la potti truvari 
cchiù, pricciò ia saccia unn'è. • Subbitu so patri va nni 
In flgliu, e cci dici: — ' Fìgliu, lu nuostru sìgritariu sapì 
canusciri la tó malattia. • Subbitu va nni lu sìgritariu, e 
lu sìgritariu cci dissi:— • M'3ti a dari un misi di tempu e 
ia fazzu vinìri la giùghina ccà nni la vostra casa. > Rispunni 
lu Principinu: — < Si tu lia' stabilità, ti fazzu acchìanari 
un pnosta di cchiù gradu '.• Passalu lu misi^ chiama a 
lu Principinu e cci dici : — • Già é finulu lu misi chi 
ia cumprumìsa; dumani ammitati tatti l'amici e parienti: 

' Se tu hai qaesi'sLilitù io li So salire a on pos'o Ji maggior grftilu. 



UigniaOb, Google 



LA BCDDA PtCaOTTA. Ìe27 

subbila quannu arriva la vostra zita v' aviti a maritar! 
tnllu cunteDti e ristami. > Fa l'ammìta, lu sigritariu si 
vesti di li stessi robbi ch'avia quanna si ani fnjT di so 
patri , si vesti e affaccia e ccì dici : — • Eccn la vostra 
Tarisina. • Iddu allucculu Tabbrazza, si la striaci, si spu- 
saru, e ristara cuotenti e Qlici. 

Casteltermini <. 

VARIANTI E BISCONTHl 

Vari paali di riseonlro ba con alcaae fiabe dì questa rac- 
colta. La conclusione ha di quella d'una delle tre nocelle del 
Pappagallo, n. Il e della XI : Li tri belli cttruni tneit 

■ Bacronuu da maestro Vincenzo Hidutla, e falla racco|liere dal sig. 
Gaetano Di Giovanni. 



UigniaOb, Google 



GGLXXXVI. 

Ln faaa ondata. 

Sì rìccunla e cc'era 'na vota e cc'era ^na matrl chi si chia- 
mava gna Paula, povira, mischinedda, vidua, ch'avia qnat- 
tni figghi flmmini, una si chiamava Catarina, l'àutra sì 
chiamava Vìticchìa \ l'àatra Rosa, e ì'àutra Maricchia; e 
chi campavaou cu lì sol fatii, ^nchiusì 'nta 'na povira ca< 
sa- '. La mairi pi qnatèla di li figghi chi travaggbiavanu 
la notti e lu jorno, \i firmava e si ani jia di ccà e di ddì 
pricacciannusi sirvizzo, manni, stappa, cuttanì e tilàggio 
e purlava tutti cosi ^n casa *. ^a duminica la cchiii nica 
DUO vuleDDU, appastata moda ', ijri a la misea 'nzèmmula 
ca li so' som, arristaa 'a casa, firmata e, cu tuttu ch'era 
festa, si misi a Qlarì a la finestra, tatiannu cu' passava e 
ca' spassava. Saccessi chi lu fusu ccì cadia mentri 'an pas- 
sava nadda, airartimata passa e passa un Cavalerì: idda 
dissi 'ntemu so:— • sorti, o morti ! • e poi vutala ca dda 
Cavaleri cci dissi: — • Cavaleri, pri grazia sua mi voli pig- 
ghiari sta fusa ? > Lu Cavaleri rispasi: — i Nun pOi scio- 

■ Vilkthia, veiieggialiNo dì Vita. 

■ Le quali campayanu culle lord falicbe , chiuse dentro una p^Tera 

■ La mairi e^t. La madre per cautela delle flgtiuuFe, le qaal[ layoia- 
vano natie e giorno, le chiadaTa a chiave (li firmava) e se Di' aDJan 
di qua e di ìi. procacci a admi lavora : |>ennecclii, stoppa, cotone e tele, 
e tntto portava in ca»a. 

• A bella posta. 



UigniaOb, Google 



l,C TVSV CADDHD. ,ÌSS 

Diri a piggbiiiFiti)lu tu * ? > — < Naa poaa, [urcbì sngsu 
firmata. > — ■ E pirchi sì' tlrmata ? * — f He laatrì « U 
me' som sì unì jeru a la Missa,ejeuTOsi arristaRì ìa casa 
pi allèstìmi la sirvizzu chi 'ud avia Qnatn la aknaaa chi 
'scia ' e pi vidiri ca' passava e tintarì la sorli si pi ca&u 
mi patissi livarì di stn 'mpen * ài travagghiari la sotti 
e la jornu, e si mi cadissi lu fusu, cbiddu chi mi la pig- 
ghia avia a essiri marita mea.* Kisjpasi la Cavaleri e cci 
dissi:— «Taliàti chi cumminaziooi t jeu 'scii di la casa 
dispirata, pirchi stanotti non potti cait^ri, e m^ mamà mi 
diesi: — ' piesci^ e cercati mezzu '. ^ra, poeta chi U sorfi 
m'è vinata ed èmu a ^siri marita e SMgfhi, si fa ae- 
cussi: la tosa mi la tegaa jea e quaaoa vwi tò matrl cci 
lu dagna di niauu e maau. • ^ < Jtai, 'an pò esseri, ri- 
spasi la picciotta, nun vog^hia chi me nutrì sapissi cbi 
jea filava a la finestra, jaraata di fesda; facemu accossi 
cbìottosta: cala lu fila e Vossia mi l'attacca, poiqaaQDa 
veni me matri Vossia coma voli jiìfisari pensa. * 'Nta sta 
^ntirìmi&sì, tappiti e veni so matri *, Cowa idda vitti v.è- 
ojri a so matri e li so' soru, cci ^issi 9 lu Cavaleri: ■- 
' Vossa talia: chissà chi ve^i ésti (uè matri &a li me' sfi- 

> (Oh t) non paoi scendere a prendertelo da la '(il fuso)-? 

* U4 mairi ecc. ÌIU madre* le mie lorallu^e ne «ndaroDe a messa, ed 
io velli limjineTe ifl cun per istmgarmj («Mviimì. .alteaiirmi) ,U laiaro 
rhe non ho finilo rella sellimlD» cbe osci. 

• 'Mpeu, impiego, tnesiiere. 

• Taliati ecc. Vedels on pu' che co m binazione 1 la nscii cti casa dispe- 
ralo perchè sianone non potei aver quiete (tuitari, ì.lr. iiss'it,, quietar- 
si), e mia madre mi disse : Esci e cercali Difiio. 

* In questo menlra, eccoli 11 U madre. 'Altrìmiifi, irorrotlo dn Ìnlt~ 
rim; lùppili, lo sieuo che ppùfflli, bliùffUi, pùfTelc dei Tuscani. 



UigniaOb, Google 



230 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

ra. > E si Mlìlaa dintra. Lu Cavaleri si prisialau 'n faeci 
a si mairi e cci dissi: — < Bona donna, a vostra flgghìa 
cci ha cadatn la fasa e jeu cci l'haju pigghiata e idda 
m'tia ditta: Cu' pigghia lu fusu havi ad essiri maritu meu, 
e jeu Dun ci 'ncuontni difigurtà ■; caminati cu mia, vi- 
nili a la me casa e sinliti li mei disposizioni senza tari 
assènliri nenti a naddu. • — • E comu mai è possibult, 
Toscenza pigghiari a mò flggbia , meaticchl jen nnu 
haju Dà tegna? • — ■ Beni, caminati cu mia, cci cum- 
mattu tutti cosi jeu *. > La gna Paula ha jutu cun iddìi 
e sannu arrivati a la casa di lu Cavaleri, — <Vai stativi 
ccà davanti la ^nlrata, cci dissi lu Cavaleri; jen acchianu 
supra, vi scinnu nn saccòccia di dinari, cu sti dinari vi 
vistiti tutti, vi adduati un beddu palazzu e poi sarrà la 
casa di vaniti me papà e me marna. • Accussl liei , cci 
scinnia li picciuli e la matti tutta eunteati si nni iju a 
la casa. 

Arrivata 'n casa si vota cn la fìgghìa e cci dissi : ~ 
( Maricchia , la matri ', ora comu va stu fatta ? > f! la 
flgghia ci cunlaa la canta sana e sinseru '. Poi la ma- 
tri cci detti lu sacca di li dinari e cci dissi:— < Te' ccà, 
Haricchiedda la mia, disponi tu, pirchi la sorti èsti tua. > 
La flgghia comu 'misi accussi si misi a trippiari e a'hbal- 
lari, e doppu un pizzuddn cci dissi a so matti: — iHa- 

' Io noo v'incontro difficollà (per me, nessuna diBlcolla). 

' Bene, venite nucO' proTreJerò io a tutio (cHmmà'tir , rjjii aver da 
fare, bfldare tee.) 

' Uarìa, fi|lÌuoU nila. 

' E la figlia le racconiù il fatto com'era andato («anu t iÌH$eru o iati- 
$eru. intiero e ÙDcero). 



UigniaOb, Google 



LU FUSO CADUTU. 231 

iti mia, ora 'scemu niàutri dui , firinamu a Catarina , a 
Viticchia e a Rosa, jemu a la chiesa, ringraziamu la Di- 
vinila e poi si nni jemu ^nt'Aii paaneri aYcattari li vesli 
« soccD abbisogna <. • Accussi llciru; iiannu 'sciutu, lianau 
jatu a la chiesa e poi hannu jutn nai la panneri. Qaaaau 
traseru dinlra di la putia di la meggliiu panneri, lu pa- 
troQi di la putia cci dissi : — € Chi vulili? chi cosa di- 
■sidirati ? > Rispusi la picciotla e cci dissi : — < Vogghia 
a megghia vesti chi cci sunnn 'nta sta pannarla. • — 
•• E pi cu' servino? • cci dissi arre lu panneri.— « Sèr- 
vinu pi mia; > cci dissi la picciotta. — < E vui chi putiti 
fari tutta sta spisa ? • — • Nenli, vossia 'nn si nn'havi a 
"'ncarricari; a pocu banni stannu li virtù *; vossa mi pig- 
^hia li vesti e po' videmu. ■ Lu panneri comu 'ntisi ac- 
cussi, dissi 'n testa sua: — • Ali a vidiri comu finisci sta 
•caculata t cti' hfì scìnniri "na paunaria ' senza poi cun- 
-chiùdiri nenti. > E ddocn lu panneri si misi a scinniri li 
megghiu robbi ch'avia 'nta la so putia. Haricchia tutta cun- 
tenti, vota di ceà, svOta di ddà, la facci a culuri di rosa, 
— • chìsla 'uu mi piaci, — chista 'un mi fa geniu... • zic- 
«hia, ziccbia *, pigghia di sulla e metti 'n capu, — « Chi- 

' Mairi mia ecc. Ma<<re mia. adesso usciamu ('utiau) noìallrc dae.; 
«hiudUmo a chiave Calerba, Viu e R'i»!i, andiamu {jemu a jamvì aiU 
chiesa, ritigr^iiiama 1 1 Divinila; e poi ce ne andijina ila an venditore di 
panni a comperar te vesti e quel che abbisogna, (li tinjjernu, pet nni nni 
ja-au, vedi voi. Il, pag. i, nut i 1)- 

* A potu baiai (a a bon laeu) ifannu li rir'ù. proverbia coniDne che 
lignifica : La virtù non è mollo comune, e dov'è sta bene. 

' Ali a i!i''iri ecc. Siale a vedere (ili, avete) come vada a finire que- 
sta mincbionerin, per la quale ho a scendere (ho a metterfuori ìlegli Bcal- 
Iì\ì e sciorinare] mezia bottega di panni. 

* Zitehiari, sceglierà. 



UigniaOb, Google 



X3z FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

Sta cci ge(]iaC3larin3,~-st'àutraéboD3piRosa — ; matri. 
Tossa talia ch'è tiedda chista, a Viliccrita cci havi a aiafì 
'na piltara, • 'nsumioa vDta, gira e firrria, Hariccbia $i 
persi 'oitnezzu lu beni. La pannerì vìdennn chi si pirdia 
tempu, e non putia fari l'àutri aigozi cu antri genti, cci 
dissi: — 1 Bona donna, spldugghi alivi ', chi jeu haju li me'' 
ehi^i.* La picciotla, viya_cì vivaci, cci dissi chi idda svia 
a pigghiari robba assai e chi piuma vinia idda e po' l'ào- 
tri. Pi abbriviari lu cuntu Ja mairi e la figgbia piggtiìiaii 
'na vesla di rasu turcu pri Maricchia, 'na vesta di iava 
pi Calarina, 'oa vesta a vela pi Viticchia, 'na vesla 4i 
musuUneUu bonn * pi Rosa , e 'na vesta oscura pi s6 
oiatri; e po' pìggbiaru cijicn pezzi di tila polla *, etnea 
pezzi di mnsulinu e cinoo fazzuletti di sita. Ddoppi) cbt 
si ziccbiaru tulli sii cosi, lu pannerì fici lu cuiUa e ar- 
riDi»;iu vini' anzi. La picciotta tutta cunlenli cci con- 
' i3u li vìDl' anzi , si piggbiaru li robbi e si an' batolo 
julu flstaati a la casa. Arrivati chi fóru, vagghiarda vig- 
^hiardu *, cbiamaru a la mastra % cci dettiru li roblù a 
cùsiri, e 'd tempu. di nenti si cci alHsteru; poi chiamarli la 
scarparu, si flciru fari li scarpi cu li zagareddi '; poi bale- 
na julu a vidiri un betlu palazzu chi s'adduava, la pa- 
imna era 'oa barunissa, ia casa cci piaciu: 'a quanta a la 
tnert, pìrchì era mezza all'annu, a lira tu eliraeu,nip- 

' Spìdugghialivi, sbrigaieti, fale presto. 

* Umtcbu di baon mussoljnetto. 

' E si presrro cinc|iie peme di lelii polla. 

* Gagliardo, priinLo, solleciio. 

* La matlra, qai lii sarta. .... 

* Si lectro Tare le ecarpe coi iiauri. 



UigniaOb, Google 



LV FUSU CAfiUTD. z33 

pira TÌDtiqoattr'ami *. Poi passàru nairorìSoi, eicchiàra 
.^a pocu di oricchini di perni, di aneddi, di CQllaai: un pa- ' 
rn l^Du, e un bedda domanti chi sirria pi la zita, e tatti 
cosi caslaru sìssanfuDzi. Jama a li Ticini e a li parrue- 
ciani chi si nmimuriavaDa, Tìdennu tutti sti gran rabbi e 
tìl'om aecaltatu tuttu 'nzémmula e diùanu: — > Fìgghidi, 
obi ccà successi a la goa Paula ! sa chi nova cc'é 'n pa- 
Iftz^a * 1 * ^ cu tuttu pili si maDciaviuiu li miruddi, nun 
patianu scavari oeuti ', pircbì sapianu veru chi la gna 
Paala e li so' ligghi avianu statu sempri ^enti boni , e 
ojauri ani vinuianu. 

Doppu obi allisteru tutti cosi, 'oa dumiaica si pàrliau 
tutti cinca, vistati di gala, lisci e pÌtliDati,e si oni vaaou 
a la casa nova, 'nta lu palazzu chi s'amou adduatu. L^ 
zita ^QQ n'avia ditta nenti ancora a sa mania e a so papà 
dì tatti sii ^iBbrogghi e patarocchi ' e ^na jurnata chi vitti 
passeri ia zita cu la mairi e li som di sutta la so casa, 
vistuti 'n pampina d'aranun ', ilei finta chi 'un li cann- 

> 'JV gudntu a lu^i ecc. Quanlo si lìuo, perchè eri a inelà d'^ll'anno, 
~ Il forza (ti squallriuaru (a liraiu t tara tu) ruppero {il prezzo p«r) ven- 

* Ecco DD proTsrbio die spìP(B la Trise Chi noEki ec'è '» Pataxzu ; 
• Qnaaau In pairutii dici di tatiia » lu servu, mal» nova cc'è a Palazzu; • 
e Tale : qunndo il puilrone osa mollo rispi^tto al servo , le cose vanno 
naie, qualcoia c'è ili meiio. 

' Uà con tulio cbe (milgrailo che) farne li cavano (51 maaeiavaita li m'> 
ntidi, «i rodevano il cervello), non riuscivano ad appurar nulla. 

* Il fidanzato non avea ancora dello nulla di i}ues l'imbrogli alla ma> 
dre e a padre, — Pataroceki, in P.-ilermo patbttlùarì, e vale anche imlira- 
gli, questioni, rJiiacchiere, e simili, coum nai proverbio : CAiòctAinri, ju- 
lùuhiari ( labbactAeri di Ugau, tu Afunfi non ni 'iiijijj)na. 

* BelMaaiina rrase cbe &a d'Orienie, e vale vesijie vgrecianMnie. 



UigniaOb, Google 



234 FUBB, NOVELLe, BACCONTI EC. 

sciu, e cliiamò a so marna e cci dissi: — < Hamà, marni I 
vossa talia chi bella gìuviaa chi passa ! Idda mi talian e 
mi ridiu , è a mia mi quatriu '.> — • Mànnacci subbila, 
la marna '. • Ecca chi chiamaru a Raffaeli lu criatu , e 
cci dissiru di jiri appressu dda famiggliia e di appurati 
unni slavaou di casa. La criatu ha julu, ha appurata la 
casa e cci ija a diri a lì palruna chi dda famigghia stava 
'ot'On palazzu granoiusu, e poca avia chi cci avìanu tur- 
nalu *. Eccn chi la Cavaleri fa 'na liltra, cci dici si va- 
lla apparintari cu la pìcciotta chi iddu sapia , e chi si 
priparassiru a fari larìcanuscenza' cu sòpapàe so marna 
e dintra di la littra , aminucciuoi, cci misi un domanti 
pi la zita. Raffaeli s' ha pigghiatu la lillra e si noi h» 
jutu 'u casa di la zita, Maricchiedda comu liggiu la lit- 
tra, e viti) lu domanti, si priau tutta e si misi a fari so- 
letti e abballelti • e cci rispunni prestu cu n' àutra Ul- 
tra e cci manna la so domami. La zilu era misa a li 
Tistì; comu ricivia la litlra si pigghia In domanti, si la 
metti a la jìdìlu e tultu 'sciata di li panni si misi a fari 
lu foddi '. La marna e lu papà, sinlenno chi sta famig- 
ghia abitava 'nt'Oa palazzu granniusu dissiru: — «Gran 

' E a me piociiae. Qaalrni , in Palermo qualyau , qaaJrù , anJò ■ 
wngue. 

■ UiiDJa aubila a dirt;tierla {maailjla a ilimanJure in ispiiu), il aio 
Qnliuolo. 

' Eli e» poco cbe or no anduii ad abiurio. 

• E far la conoscenza. 

* E si mlM 1 lare s:iliarelii e balletti. 

■ Lu zilu era ecc. Lu amante era mesio alle redelte; appena ricevetls 
la lettera si prese il diamiotc, se lo mise al dito, e raori di si dtlla eioia 
('lei'ulv di li panni, nsclto de' panoì), si mise a fare (come) il mitia. 



UigniaOb, Google 



LE rUSU CADUTI!. 239 

famigghia nobili havi a essiri I • e la sira , cu carrozzi, 
crìati e sirvitù si parteru cu tu flgghiu e jeru a fari la 
rìcanascenza ài la zita. Lu zitu cci purtau li rigali : un 
para di bracciutelta, un spartipettu, cullani ed àutri cosi. 
La zila e tutta la famigghia cci jeru a tu 'ncontru, flciru 
gran cera, e dda sMssa sira s'appuntaru '. Doppu chi 
chiaccliiariara un pezzu, si vAla lii zilu e dici: — < Hamà 
e papa, quann'é Turae lu punlu chi si porta sta slràula 
a mnolala *? 'un pigghiamu tempu assai, 'un fazza chi 
Unisci a jippuni dì morti. Jeu dirria accussi: lassamu pas- 
sari li tempi proibiti, e pi li Sdirri facemu soccu ému a 
fari '. » — < Bonu, bonu, bonu I • dissim tutti; sulamenti 
la zita arristau caggbiata cagghiata *; pirchì lu lempu cci 
parsi allongu; ma poi pinsanuu chi lu tempu cci voli pi 
allèstisi tutti li tusuzzi * sci , sì misi a cìucìalìarì mire 



' S'appuntaru, delerminaroTio i[ lempo di sposarli. 

■ • Mamà e p 'pà, qaando sarà .l'ora e Jl H.omsnia iii cui si p riera a 
compimenlo qui'SU faccenda f 

' 'Uà pigghiamu reo. Non prendiamo mollo tempo ('non anditmo p«r 
te lunglie); che non finisca mule; io direi casi : lasciamo passare i tempi 
proibiti, e per Carnevala Taremo qurl cbe avremo a Tare. 

Fìniri a jippuni di nfirlu, frase che significa Cnir male, e si dice pure 
Finiri a pidituddn di birrifla, a euda di lurei, a fet'a di Ciralti, a 'iiftr- 
»u di la Gàntia, a Parramtatu di Tuniii. a ehidda di puviredda ecc. 

Tempi proibiti, sono lu Quaresima a l'ATTenlo; (qui la Quaresima) nei 
r|Daii H' Il si possono celebrar none. 

Li Sdari, voce di H:irjala, Trapani e di qualube altro comune riiÌDO, 
« significa Carnevale. 

* Cagghiatu, perplesso. 

* PiT allestirsi il corredo (li cututù, te cosetic). 



UigniaOb, Google 



236 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

cg ràolrì, tutta alièghira e cuatenti *. Pi sbiviarì la cnota ■ 
airorlimala, chicatu ctii fa ta tempu ',airartimi jornadi 
CaniJUvari, Ìq zita e la zita ei maritare, Qciru 'oa gran 
ftsta, tavulati, fistiai, carrozziati. 

Iddi airistara filici e caoteati, 

C n.ià^tri ccà senza di neoti. 

Mortala *. 



' Si miw B dcabre anch'essa cogf'i altri, tatù alte, 
■ Per abbrariiire la oaTella (a fjtla brevr). 

* Giamo (ehitatu) che A) il tempo. 

* Raccontata da Anna Maltese e raccolta da! lig. Salvatori Stroppi, 
Ouetla noTsIU nMi 4ia niente dell' inierisimile ; e quanto a foma t 

delle più dlainvulte. La narratrice vi ha largheggialo di qoel Uosoaggio 
fauiiliare che è un pregio (allo particolare della Messia. 



e^■t>, Google 



CCLXXXVII 
IiU caTadduzzn fidili. 

Si cunta e si raccuota ca cc'era uà Principi , ed avia 
'aa figlia uaica chiamata Mariuzza; lu patri la vulia ma- 
ritari; idda cci dissi : — < Si m'hè marìtari , haju a fari 
'Da cosa; > e cci dissi: — < Havi a fari jittari lu liannu. > 
Tutti li Principi e li Cavaleri ariana a jiri ddà, pi vidiri 
s' avianu difetta. Cci jern lutti e si misim a manciari ; 
^otaDtu cu' 'aa coi piada ca avia la vucca torta, cu"ud 
cci piacia pri n' antru cuntu ; unu chi cci piacìva aria 
un ciensu ' 'n piettu e 'na pinna 'n culu. STariuzza ij' 
ani so patri e cci dissi ca nu cci noi piacia nuddu, e 
macari cci aa'ò unu ch'havi uà ciensu 'n piettu e 'Ha 
piana 'd coIu. Lu patri cci dissi:— < Va taliali buonn ca 
cci nn'bannu ad essiri citi t'hannu a piacirì. > Idda ij' a 
taliàrìli arrierl, e cci nni piaciu unu, e si marilaru. Ma- 
riuzza avia un cavadduzzu, idda la sira jia a dari aden- 
zia * a lu cavadduzzu, e lu Iruvà' chi chiancìa; idda cci 
dissi: — • Chi ha' ca chianci? Tu t' ha' vulutu maritari 
e ti maritasti, e ti pigliasti ad una chi si fa selfannl ar- 
mala e sett'anni orna; ti dugau du' puma , una rnssu e 
uaa giarau, lu russa lu duni a manciari ad ìddu; pùa ti 
viesti omu, e scinni ccà.i Idda acchianà' susu e cci detti lu 
puma, e ìddu assintumà'; idda scinni ani lu cavadduzzu. 

> Cuntu, ttaiu> del gelso. g«lsa. 

* Dàricei adètisia, qui pro*Tcdcr[o di orto e paflia, e dargli a ben. 



UigniaOb, Google 



238 FIABE, NOVELLE, RACCONTI, Ea 

Lu cavadduzza cci dissi: — • Accravacca a mia , e unni 
ti puortn, vieni ; • e si nni jeru 'atra Q'anlra città ; tu 
cavadduzzu cci dissi: — < Accbiana noi ssu Re, e cci dici 
si havi bisaogQu di cammarieri, e cci lia' a diri ca ti 
chiami Ood PippÌDu.> Lu Re si la piglia'. Slu Re avìa a» 
figliu, cci dissi a so patri: — • Papà, ssu Don Pippinu mi 
pari fimmina. ■ So patri cci dissi: — ■ Dumani iu puorti 
'ntra on'argiutierì, e vidi zuoccu si piglia. * La sira Don 
Pippinu ij^ a dari adènzia a lu cavadduzzu, e lu cavad- 
duzzu cci dissi : — • Vidi ca dumani lu Itgliu di lu Re 
t'havi a purtari nni Targintieri pi vidiri si si' flmmiaa, 
e tu t'tia' pigliari n'anieddu d'omu. • 

Lu 'nnumani lu figlia di lu Re cci dissi: — < Don Pip- 
pinu, nisciemmu, jammu nni Pargintieri. • Tiasieru ani 
l'argintieri: — • Pigliativi zuoccu vuliti. » Don Pippinu cci 
dissi: — • E ia chi sugnu fimmina, chi m'iiaju a pigliari 
sti cosi? Mi pigliu n'anieddu sulu. > Si noi jeru dintra; 
cci dissi lu figliu : — • Papà, n'anieddu sulu si piglia'. > 
Lu patri cci dissi : — < 'Un ti lu dicu ca jè omu? » Lu 
fìglìu cci dissi: — • Nenti, papà, ca ciertu jé fimmina: 
Manuzza longa, manu saltili, 
Facci di donna ca mi fa muriri. 
£ chiaucia. 

Lu patri cci dissi : — ■ Dumani lu puorli nni la di- 
spensa, sì idda assintàma, jè fimmiaa. • 

Lu 'nnnmani cci dissi : — • Don Pippinu, nisciemmu, > 
e lu purtà' nni la dispensa, e Don Pippinu nun cci vulia 
iràsiri, comu trasi assintumà'; lu figliu manna a cbiamari 
a si patri, e si lu purtaru dintra. La Riggina lu visti' fim- 
mina, e lu marilaru cu lu Riuzzu. La Rìgginotta aisci' grà- 



UigniaOb, Google 



LU CAVABDBZZU FIDILI. 239 

vita, e aspitlava ud picciliddu. Lu Riuzzu appi a jiri a la 
guerra e cci dissi a so mairi: — «Marna, vassia l'havi a valìri 
béniri Glioma cci fussi ia, e cuoma veni lu picciliddu m'havi 
a mannari un cun'ierì.* Pùa cci rinni lu picciliddu e cci 
manna' lu currieri; lu currieri piglia' vuóscura vuóscu-- 
ra, e vitti un bellu palazzu, e s'assittà" nnì la scala; ddà 
cci stava lu sirpenti e cci dissi: — <Vu' chi jiti faciennu 
a sti viola ? > — < Vinni lu picciliddu a la nora di lii Re, 
e iu staju jennn a diri a lu Rinzzu; > pùa lu sirpeuti cci 
dissi : — • Stasira vi curcati ccà-, » e cci detti a man- 
ciari. Lu currieri s'addurmisci, e lu sirpenti cci arriscedi 
si avia littiri, e cci li piglii'', e pùa cci lì misi 'n'antra 
vota ani li sacchetti ; tu 'nnumani chiddu si susi e lu 
sirpenti cci dissi: — • A lu ritnornu àti a passari di ccàt > 
Pùa si nni jì*, e a l'autra vota passa" di ddà; lu sirpenti fici 
manciarì, elufici curcari, cci pigliarla litlìra e cci nni misi 
Vantra fatta d' ìddu, e cci misi tanti cosi contra Ha- 
riuzza ca cci V avia a mannari ad idda e a iu piccilid- 
du, cà l'avia ad ardiri 'mmiezzu la guerra; lu 'nnumani 
lu currieri si nni ij' e lu Re liggì' li littiri e dissi a la 
Riggiua : — (Ma pricchi stu nuostru figliu è accussi ar- 
rabbiatu cu sa muglieri ? ad idda nun cci nn' imam a 
diri nenti, • idda cci spijava: — » Marna, vinni la liltira? » 
e sempri cci dicìanu di no : pùa cci la llciru avvìdiri la 
lìttira; idda cci dissi : — ■ Mentri iddu mi voli jittari 
fora, ia mi nni vaju >; e la Riggina cci dissi: — < Tu nu 
cci ha' fatta nenti, pricchi ti nn'ha' a jiri ? chissu appi 
ad essiri 'nganuu. > La notti Mariuzza sì piglia la picci- 
liddu, e lu cavadduzzu e si nnì ìj' 'nta un vuoscu, vitti 
ddu palazzu e s'assiltà' a lu pedi di la scala e suspìrà'; 



UigniaOb, Google 



SU) nABB, NOTELLB, RAOCONTI EC. 

la ftirpenU la 'alisi e cci dissi : — • Tieni ccà, amica. > 
E i^Jda Id caniisà' ca era lo sirpenti, e cci dissi:— < Fammi 
'azuoccami rùa fari, abbasla ca nuD mi luocehi sta 'dddc- 
cenli.i La ij' a 'itghiàirì a l'urtima càmmira e cci dissi <; 
— • t To' 'un fosti cbidda chi mi dasti la pamn e mi fa- 
ciali aBsintumari ?» e la 'ngliiiiji'; Rei gamiàri 'na caVcàra 
e la dei pigliar! di li servi. Pi nesciri di ddà avia a 
passari selli càmmari; affaccia a la prima finestra e grida 
I Cavadduzzu mia, donami ajulu >; ogni finestra gridava 
sempri; airurtima cci arrisponni lu cavaddnzzu, e cci dissi 
a la sirpenti:— (Avanti ch'abbruci a la ma patruna, 3mmu a 
fari 'na guerra nantrì du', * e In cavaddnzzu In ammazza' 
la sirpenti. Pùa lu figlia di la Re s'arricuglì' e cci dissi: — 
r Hamà, tton'd Hariuzza e ma flglìu? • e la mairi cci dissi:— 
( Tu chi scrivisi) ? • e cci cuoia lu faltu; e lu flgliu chian- 
cennu cci dissi: — < 'Ngaanu, 'ngannu cci fu >,e si vulfa 
ammazzar). Un jornu li so'amici lu niscieruesi lu pur- 
taru a caccia , pùa cumincia a ghiòvirì e irasiern na- 
n'era ddu pulazzu *, e la muglierì lu canuscì' e dissi a la 
figliu : — • Vidi ca ddocu jintra * ce' è 16 patri, vàsacci la 
manu; > e lu pìcciliddo cci ij', e so patri la canuscì', e cci 
dissi : — ' Chiama la mamma, • e la muglierì cci ji' e ù 
nni jeru oni lu Re. 

Iddi ristarà marita e. muglierì, 

E DU) rìstamma scazi di li pedi. 

Casteltermini *. 

■ L'anOb > chiodcre Dell'allìniK camera e \e disae, 

■ Pùa ecc. Poi camineiò a pioTcrt, ed enlruono iù od ptiuio. 
' Ddoeu jinlni, là entro. 

* Raccontata da BosaPicilli, ragsixa'a 13 anijì, figlia del eapo-nii«stro 
iDlCalaio FranceKO Picilli; e falla raccoglierà dal sig.Gaetano Di GioTanni. 



b, Google 



LU C&TADDDZZn FIDILI, 



VAfllAHTI E RISCONTRI. 



Sembra lì fusione di Ire novelle. 

Il principio è simile alla nostra CV : La Bigginotta tghinfi- 
gnvia, e meglio alla Briila in barba della Coronedi- Berti. 

HarioEza che si va ad allogare, travestila da uomo, come 
segretario dal Re, si riscontra con la principessa della 11 delle 
SieiL March, della Gohzehbach ; Fon il«r Kdnigttoehter und dem 
KÓnig Chicehertddu. 

Il re che va alla guerra lasciando gravida la moglie ecc., 6 
nella nostra XXXVI : Li ^gghi di la CavuUciddaru con leggiere 
differenze. 

Un cavallo buon consigliere è nella XXXVI: Lu cavaddu 'nfa- 
tatù. 

Vedi le varianti e riscontri a tutte queste fiabe , e la noia 
«lei KShlbr alla suddetta novella della Gonzenbach. 



PiTRB. - Fiah» » Sooelle. Voi. IV. 



UigniaOb, Google 



CCLXXXVUI. 
La pupidda. 

Una ?ota si cunta e s'arriccunta a lor signuri ca cc'era 
*na pOTìra matrì vidua chi avia tri figghi lìmmiDi; dui 
spnnluliddi, e uaa ancora piccirìdda. Sta povira mairi e sti 
figghi nun campavaDU àutru chi cu lu Qlari; pigghiavaDa 
morsa ' a filari e jnaaciavanu, e di restu eranu spiddizzati * 
ca mancu puUaDu cumpariii a la vista di la genti. Un jor- 
nu la mairi dici a la nicaredda ', mitlemu ca si chiama 
Ninetta,— ■ Ninetta, va' nni chidda chi nni duna li mor- 
sa e cci dici ca sema dijunt e vogghiu un tariolu a cuotu, 
cà dumaai cci la scuttamu *; comu ti li duna, accatti un 
tariola di pani e la porti, ca manciama. > La Ninetta sì 
partì; si Ta dari lu tariola , e slava jennu a'ccattarì lu 
pani. 'Nla sta mentri scontra e scontra 'na vecchia; — • A 
lia, cci dissi la vecchia, mi In duni ssu tariolu, ca eu ti 
dugDQ sta pupidda ? > Ninetta, comu si vitti prisintari dda 
papidda, tutta graziusa, visLuta vera galanti e un Talared- 
du biaocu ca era 'na mosia ' nun vitti cchiù di t'occhi ', 

> PienJeano peni. 

■ La nieitedita. la picculina, la minor?. 

* E dille (« rei diri) che sinino digiune, e to^IÌo dd tari (cem. il di 
■ Ita) a CODIO (del lavoro cha noi le facciamo Jl Alata), e domani glielo 



* fi cu uii fatartddu ecc. e con on gremì; 

* Non vide più dagli occhi (d«lia gioia). 



UigniaOb, Google 



LA PDPIDDA. 243 

si scurdau di lu pani chi avia a'ccattarì e cci dici: — f Gnor- 
sì, tioiti la tariolu e datimi la pnpidda. • Cci la delli e 
Ninetta si nnì iju tutta cuntenli a la casa. Spija so matri: 
■ — € A tia, l'accattasti la pani ? » — . Gnurnò, dici, 'ncun- 
trai a ^ua vecchia e mi vinniu sta papidda: lu vidili ch'é 
bella I > — ■ Ah, scilirata I gridanu a 'na vuci la matri e 
li Eora ; ab sciliratal e comu patisti fari ? nnn lu sa' ca 
sema ancora, di stamatina, ca ani patìriania fari la cu- 
monioDi? ^ Ed ora ch'avemu a maociari? > E ddocu misi- 
m tutti, chidda chi nun vói ti la cànciu, supra la povi- 
ra NEnelta *.— • Vattinni I nesci 1 addiventa avirsèriu 1 Fora, 
fora!, tu e la tò pupiddat ammenu la fami e lu fridda ti 
fanno passar! lu disia di li pupi I * E a via d'ammultuna ', 
di pu^a e di càuci la jettano fora e chiudinu la porta. 
Ninetta s'assittaa supra lu scaluoi a misi a chiancirì cn 
la so papidda 'u bt^zza; dipo', 'sennu ca cc'era un frid- 
du chi lagghiava la facci, s'agguccìau tutta cugghiula e 
a la papidda si la misi *ntra la fàuija *. Ddoppu un piz> 
zuddu la papidda dici:— < Marna, cacari vogghiu.> — ■ Ca- 
ca, flgghia. > E la pupìdda cci jinchi 'na talarata di mu- 
nita d'oru. Passa n'àutra anUcchia e dici arra *: — • Hamà, 
cacari Togghio. >— ■ Caca. > E cci sdivàca 'n'àutra gran 
quantità di munita d'oru. Basta, pr'abbrivjari lu dìscursu, 

> Non E«i eb« siano tutinria, Ja iiamattka (in cosi perreiu digioDo) 
che ci poliemiDO far Ja coamniona ? 

• E qui si miscio tat:o a biUen foriernenle la povera Njnetla. 

■ E a via di apintoni. 

* Poi , tenda oh* v' ira un freJdu che tagliava la taeei» , a' accoccolò 
(uiu raccolta, e si post la baratola nella faida {nel f^ivinliiale). 

■ Poua va altro poco, ed essa loroa a dire. 



UigniaOb, Google 



24& FLABB, NOVELLE, RACCONTI EC 

la papidda iju di lu corpu tanti voti ca tatin la scaloni 
e davanzi la porla era chinu di manita. AUara la Niaetta 
metti a chiamari a so matri: — * Mairi, presta grapiti, gra- 
pìLi c3 megghiu è pri vuil > Ddoppu tanta chiamari, eia 
matrì e li soru a Ilnciri ca nun sin^na e a diri di qo, 
a la fini dicinu: — . Ora grapemu, videma chi cosa voli 
cu tutta sta prìmara, e 'n casn la lassamu arreri fora. • 
Coma TanDa pri gràpiri, cadi dintra 'na graa massa di 
dinari: — • Oh chi riccbizza I e co* ti li detti intti sti di- 
nari?' — -L'ha cacata la pupidda. • — i Presta Irasi, 
trasèmala e curcàmula 'ola la letta bedda canzatu. > Ac- 
cussì flcìru: traseru tutta dda munita d'ora, e la pupid- 
da la curcara 'nia la letlu. Ogni tantìcchia: — < Cacari 
vogghiul Cacari vogghiat * e jinchìa lu lettu dì dinari 
fina chi la matrì e tutti li figghi du' Dn'apinru cchiù unai 
miltirìlì. A lu 'nnumani la matrì sVcattaa aa grao pa- 
lazza, carrozza, cavaddi, e tutto lu beni di Dio chi rosi, e 
addivintaa la cchiù ricca di tutto lo paisL 

A sto fatta uoa vicina di la mairi, ca Tavia canosciata 
dijuna e morta di fami, 'nsumma nuda e cruda , non si 
pulia dari paci : — -E corno arricchiu 1 e chi sorti ca 
vinni ? • Un jomu si chiama a la pìcciridda Niaetta: — 
.A tia , dicimi: coma fu ca addivintàstivu ricchi taltu 
^Qsèmmala ? > — < Comn t arrispunniu Ninetta ; accattai 
'na pupidda, e chista, ogni vota chi voli cacari, caca ma- 
nita d'oro, ■ — "E l'avili cchiù ssa pupidda? • — • Gnur^: 
ma comu avemu tanti dinari ca mancu ce' è unni mittl- 
rili , nni la misimu 'nta lo fanno dì 'oa càscia vecchia, 
chidda ch'è 'nta la sala, e la lassamu stari ddà. Chi cci 



UigniaOb, Google 



LA PUPIDDA. !£45 

ima a pìgghiari a Tari '. > Dda fliuinìDa, coma si 'ntisi 
stn discarsa iju a cnafiriri ca so marita pri cuinminati 
lu coma cci raTissiru a ptgghiari, dda popidda, e addi- 
TÌntari ricchi iddi. E chi Tanau ? La sira la marita metti 
a lignìari a la mugghìeri, e la mugghieri sbìgoa pri fora 
gridanna , e ddoppu si va a riparari a lu palazzu di la 
vicina, chi avia arricculu '. — lAh, signura, dici, pri ca- 
rità, m'arriparassi, mi sarrassi ccà slasira, ca me maritu 
mi Toli ammazzari I Slu 'mbriaca e sciliratu, ca m'ha stao 
cala Tossa a ligoati I Alii t mora I ahi I moni I • — < E 
bona, cci dici ia vidaa, arrìstativì ccà, manciati e dar- 
miti ccà cu DUI , ca idda ccà nua cci veni : dumani, 
quaoau cci passa tu Tina, vi uni turnati a la vostra ca- 
sa. > Dda fimmina , chi tat Ucchia la casciazza vecchia 
di la sala ' e si cci corca di sapra. Ammàtula la matri e li 
figgili la vallano fari manciari e fari curcari 'atra aa bella 
letta: idda, ca 'nta lu stomaca cci avia mala , vosi arri- 
stari ddà 'ainamenti. La notti grapì adàcia adàcìu la cà- 
scia e si pigghia la papidda. A la matina si licenzia, ria- 
grazia ia signura e si nni torna a la so casa. La marito 
Taspittava abbramata: — < La pigghiasti ? » cci dici sab- 
bitu chi janci. — • La pigghiai. • Allura chiadina la 
porta , conzana an letta ben pulita , cu li linzola di la 
dota e cci curcanu ala papidda. — ■ Cacari vogghiu • dici 

' Cile co^ D'abbitmo n fare a prenderla (clie stiumo * tare a pren- 
derla)? 

* La lira ecc. La sera il marito melio a dir kgiisìe ..ìh moglie, e ta 
moglie se la svigna fuori gridanJo, a quindi si va i nasc: nilere nel pa- 
lino della TÌcina che s'era già arricchita. 

' Adocchia la cassacela vecehi.i della sala, la cassapanca. 



UigniaOb, Google 



246 FIABE, NOVELLE, R\CCOKTI, EC. 

la popidda. — « E caca ddocu 1 ■ cci dicinu iddi. Tra, (ra, 
fra, e ccì jinchi tntta la Iella dì faslìju, ca di lu feia si 
murìa. — < Ah , troja schiHosa t sti fatti mi fai ? • Pig- 
ghianu la pupidda e la vannu a jittàri ^n campagna, 'nta 
UQ casalinazzu sdiirubbata luntana Inntanu '. 

Succedi ddoppa tempu ca la Re va a caccia. Caminanna 
ccì finni di fari tu so bisogna * e Irasi pri cummì Dazioni 
"nta ddu casalina. Comu allistiu, vidi ddà 'n terra la pu- 
pidda cu dda falaredda biaocn palila e la piggbia pri sia- 
jàrisi. Chi fa la papìdda? Sàala e si 'nfìla 'n cala a lu Re. — 
• Olà ! olà I • Carrera li surdati: — « Maistà, chi cci sac- 
cessi? > — • Tiratimi sta pupidda. • Si mettinu tatti tirat 
tira I e la pupidda duo potti nèsciri. Portana la Re a pa- 
lazzu e si ctiiamaou tutti li medici di chiaga e li medici 
di pusu ', e pri audda ce' è forma e manera di scippà- 
ricci la pupidda a lu Re. Altura la Re fa jittàri stu ban- 
nu: — < ^ cu' scippa la pupidda a la Be, si è omu, ed 
3ia data la Bigginedda, e sei tummina di munita d'oru; si 
é fimmina, si la spusa lu Re e la fa Riggitta. • Misira a 
currirì tutti, figurativillu I ma nuddu si Bdau di fari co- 
sa. A la floi cci vauDQ prima la granni e po' la mizzaoa 
di li tri soru figgili di la vidaa; ma nun pòtttau fari chi 
un pirtusu sulu 'ola Pacqua comu lutti l'àutri. 'NQni, cci 

' Tru , Iru , Ini f (per imilazìont! di-l ramare pradoiio dalla scarìcbe 
della pop.i) e le riempie tolla il Uno •lì slerco . (cusl bmiioj che dalla. 
jiuzia si morìfa. • Ab I bratia porca t queste cose ci fai ? • Prendono la 
popa e la vanno a bmiar via in caDipagnn, io Dna ciisaccra («oiolinK) dt- 
:roccai3, lontano lontano. 

' Gli ti'nne il lisogno di scarirare il venire. 

■ Uédici di ehiaga (piaga) cliirargi; mtdìei dipaiu (polso) medici Usici- 



UigniaOb, Google 



LA PUPIDDA. 247 

va Ninetla. Corau janci a lu Re , eli' era misa a facci a 
buccuai < chi spasimava e quasi ca stava murenau , si 
metti a diricci:— < Veni oca, pupUda mia; veni ccà, pu- 
pidda mia. • I^a papidda aesci, e curri 'nta li vrazia di 
Nioelta. — I Evviva me mugghieri I evviva la Riggina ! » 
4(ci lu Re. Si SUSI, fa ciiiamari la Cmti, fa abbaaniari un 
misi di fistinu e fa la spuQsalizia cu Niaetta , ca già a- 
via dicissett'anni. Flcirn li gran cummlli e festa pri tuUn 
lu Regnu e si juncéra. 

Iddi arrisum filici e cuotenli, 

E nui assillali comu un prisideati. 

Borgetto *. 

VARIANTI E RISCOSTRr. 

Confronla co»' Arginuri, n. XXV della presente raccolta e COB 
le varianti in esso notate. - ' 

' Appena- |i auge (NinelUi) <U\ Ra. il qiial« era messo bocconi. 

' Racci>:>taia dj, Nina FeJck', villka, u riceolU il^l Salo mone- UatiiM. 



UigniaOb, Google 



CCLXXXIX. 
Lu Iiiunl. 

Si canta e si raccunta ca cc'era nn Priocipi e avia pas- 
sata tutti I) piaciri di la muana, e scrissi noi la sa pur- 
toni : 

• Cu' havi gran caralla va unni voli ; 
Cu' Iiavi gran dinari fa 'nzoccu voli. > 

Di ddà passa* lu Re, e talià' lu purtuni di lu Principi; 
e lu Uggì' e si uni ij' a palazzn, e piglia* un sìrvituri 
di li so', e cci dissi : — < Jiti a chiamari a la Principi 
cbl sta ani lu tali palazzu; • elu Principi si prisintà' a la 
Re e cci dissi : — • Chi cosa voli ? • Lu Re cci rìspusi : 

— ■ Vu' scrìvistivu a lu vuostru portuni : 

Ca* havi gran cavalla va unni voli, 
Cu* havi gran dinari fa 'nzoccu voli. 
Già eh' aviti scritta sta cosa a 1« vuostru purtani, ia 
faa]u ad ammucciarì a luà figlia ani stu ma palazzu; si 
ragghiati ' vi la dugnu pi muglieri, manoó • siti dicapi- 
tatù di vita; vi dugnu un misi di tìempu, • 

Lu Principi sì nni stava jeonu tuttu cumbusu, e 'ocuon- 
tra 'na veccliia e cci dissi: — * Mi lu duna un sardicied- 
du? > e lu Principi cci dissi : — ■ Lassatimi perdiri. » 

— t Vossa mi lu dici 'nzoccu havi I • e lu Principi cci 
dissi : — « E ch'haju ad aviri 1? la Re mi dissi ch'hé tru- 

' Agghiari, per atciare. irotare. 
■ Manno, per mai'mnù, se no. 



a.t>,Gqoglc 



Lu UUNI. 249 

vari 3 so Sglia 'a tiempa nn misi. > — • Oh I pi ssa cosa 
s'bavi a cumbùnniri ? ' na'havi oru ? • — « Nn'haju. » — 
« Pigliammulu, e jamaoiani a la marina e faciemma vela 
a la bastìmientu, e lu carricamma. > Accnsst ficirn ; ca- 
miaa di ccà e camina di ddà, ajangieru a Napuli, si nni 
jéra nni la lucanna, e ficiru jittàri lu banau: Chi tutti 
rargintera viniasiru a la lucanna tali. Tutti l'argintera 
cci jern, e la veccliia cci dissi : — ■ Vu' vi fidati 'nfpa 
tri jorna fari 'na testa di liuni ? • ~ ■ Mi fidu. • — E 
vai, cci dissi a l'àutrn, vi fidali fari du' piedi di liani ? • 
— € Mi fidu. i — • E vu' vi fidati di fari Pàutri du' piedi 
di liuni ? 1 — • Mi fidu. > — « E vu' vi fidati di fari un 
coorpu di liuni ?» — • Mi fidu. ■ — « E vu' vi fidati fà- 
ricci Tuocchi ? > — i Mi fidu. > Si ficiru 'nsignari lu ba- 
gtimentu di l'ora e si misim a travagliar!; tirmioaru, e 
tutti cci cuQsignaru lu liuai chi sprillucia tuttu di do- 
manti; cci delti cenl'nnzi l'unu, e chiddi si nni jeru, e 
lu Principi e la vecchia partiern; jicàra nni la città d'unni 
eranu, nni ]a casa di la vecchia; la vecchia piglia lu liuni, 
la misi 'nlra 'na càscia e si la càrrica pi fari vìdiri la 
lontananza '. 'Ntantu ce' era Tordlui chi tutti li piacira 
prima Pavia a vìdiri lu Re, lu patri di la picciotta am- 
mucciata; la vecchia ij' nni lu Re e cci dissi : ~ • Voli 
vidiri 'na cosa ? » E lu Re cci dissi : — > Si'. • La vec- 
chia apri la càscia e niscì' In liuni , e lu Re vidiennu 
sta cosa si maraviglia' e cci dissi a la vecchia, chi la 



' Oh t per quesla sTia Ella a caiifonJere ? (tii'nftùnniVi della parlali 
•T <un/unniri; più sopra eambuiìi per tunfatu). 
■ Per dar a vedere che venira d» lontana. 



UigniaOb, Google 



XSO FIABE, NOVELLE, BACCONTI, EC. 

lassassi stari pi ^Jia Duttata fina a deci ari ca cc'è dumila 
ynzi di cutublimenlu; la veccliia si facia forti, airurtima 
cci In lassa', e si noi ij'; 111 patri appunlidda la purtOQi ' 
e la mnglièrì cci dissi : — « Lu sa' quanfbavt cbi la no- 
stra figlia é 'nchiusa, chi Dun vidi Denti? facièmncci vi- 
diri sta ideila cosa; e lu marita cci dissi di si; allaTan- 
càm li mura e 'mmiezzn dì quattru mura cci jittarn la 
Unni a la figlia e arrìeri la chiojeru *; la notti la lìuni 
vidiènDosi ddà intra, talià' e vitti ca oun cc'era nadchi, 
accumincià* a svìtàri '; la Riggina laatu ammirava li bil- 
lizzi di stu liuni, ca mancn sintia ca scmscia; ma di ho 
subbitu, 'Dira 'na botta, nesci in Priocipi di jntra In liuDi; 
la Rìggioa si spavinlà' e lu Principi cci dissi : -~ < 'Un 
ti scaatari ca si' cu mia; dùnami lu tò domanti; > idda, ca 
lu piccioUu cci piacì\ cci lu detti, e si ficiru 'na bona di- 
virtuta. 

Vinnì Tura di deci uri, e la vecchia si ij' a pigliar! In 
liuni; la patri dissi a so figlia: — < Tha' divirtatu ? >— « Sis- 
ti * papà, m'haju addivirtutu aseà'. • Chìai li quattru mu- 
ra, la vecchia si nnì ij': lu Principi nesci d'intra lu lia- 
ni, e si misi a passiarì; lu vitti lu Re e cci dissi: — < A.- 
viti l'urtimu juornu di vita. ■ Vinni lu jaorau ca lu Prin- 
cipi avia a jiri a la furca; lu vitti in Re e cci dissi: — 
< Ch'Ati fatlu? • — • Nenti, Maistà. • — < Dunca éti a jiri 

' Il pnJK, il re. pomelli il porionc 

* Abbatlerono le mura, e in inetto delle quattro mora gettarono il leone 
alla figliuoli, e lei rlciiinier<?. 

■ La n tle il leone vedendosi là ealro, guardò . e vide che non v'er» 
nessuno, e coniiiiciù a svitare (i peiii che comiwDevano il leone). 

• Sirli, atcore. da liuigncre. 



UigniaOb, Google 



tv LIUKI. 251 

a la morti? • — « Havi ragiaoi Vostra Maistà. » CuQzàra 
la Tarca "mmiezzu la cbiazza, e lii stavaou 'mpinnienau: 
latta la città tutta scasata, tutti chi taliavanu, e la figlia 
affacciata a la balcuni chi si guadia la vista '; trdru la 
corda pr'affucarlu ' e iddu cci dissi: — < Grazia, Maistàt • 
— < Cbi grazia vùa ? > — < Eccu lu domanti di vostra ti- 
glia. • Subbìta iu ficiru scìnniri di ddà, e lu Re grida' 
davanzi di tuttu la puopulu: — < Veru jà ca cu' havi gran 
dinari fa 'nzoccn volt I • e subbita li Ilei spuaari, e si flcira 
''na bella divirtuta. 

Iddi, ristarà marita e muglieri 

E nu' scàuzi di li peri. 

Casteltermini '. 

VAfllANTI E RISCONTRI. 

Corre sotto il titolo : La putenzia di li grana, e fu cennata 
nel voi. Il pag. 331. 

Il principio è simile iìV Abbati senza pinseri, n XCTII. — 
Vedi le varianti delle novelle L'Acuta chi tona e L'Acuta d'oru. 

' E iu tlavanu, tao. e lo stavano a(r.)rcinilo. Tulla l« citlà era andil.i 
d VA.Iere questo spetiacolo; ioni guardaiano e la figlia al [jakana. a go- 
derai qae\ a viala. 

* T irarona la corda per afforcarlo. 

' Bacconlaia da Giui'^ppa Lapo da CiiaisUormini, ragazza a l'i anriJ, fi- 
glia del p.mriio Pietro Lapo, dimoranli! oggi a Cianciana. La r^iccolae it 
si{. G. Di GioTanni. 



UigniaOb, Google 



ccxc. 

L'Arti Bi parti e la Natura Tìnci. 

Co'era 'na vola un Principi capricciosa di Palermu, ca 
cci avia 'a lesta di pntiri aggiustar! lu munnu e l'armali 
a piaciri so e vincìri a la Natora. Comu di fatta, a la ca- 
vaddu so l'avia 'nsìgnatu 3 manciari carni; a Iii canicci 
facia manciari erva; a la sceccu cci 'mparaa a fari bal- 
letti e ad accumpagnarisi iddu stissu cu lu sona di la 
ràggbìu: "nsumma, stu Prìncipi s'avantava ca iddu cu Tarti 
so avia lu putiri di duminari a la Natura. 'Ntra di Tàa- 
tri, si misi a cummàttiri f" 'nsignari ad un gattu; e ddop- 
pu tantn cummattimentu a la Bni lu purtau a In stato di 
tinillu sapra la s6 tavula qnannu pranzava e cu li graaS 
cci facia tèniri la cannileri addumatu. Purtavanu carni a 
tavula, purtavanu pisci, purtavanu tutti sorti di mancia- 
rizzi, li mittianu davanti a )u gattu, e chista sicutava a 
tèniri In caonileri coniu si fussi 'na statua fatta di ligaa 
senza nenti scumpònisi. Lu Princìpi s'avantava; cci facia 
vidiri stu gattu a ramici, quann'era a tavala, e cci dicia 
cu sfrazzu: — « La Natura à nenti: cà TArti mia vali echio 
d'idda, e si fida di fari chissà ed àutru. > L'amici lìstià- 
vana e cci dicianu a lu spissu a lu spissu: — f Cu' 'nasci 
di natora 'un p6 mancari; l'arti si parti, e la natura vin- 
ci. > — < Gnurnò (dicia lu Principi), faciti tatti li provi 
chi vulìli, e viditi ca la mò gattu nun si scorda mai l'arti 
chi cci haju 'nsignalu. > 

Un jornu nnn di ramiclcàpita un sarei: si lu metti din- 



UigniaOb, Google 



L^ARTl SI PARTI E LA NATUaA VIXCI. 253 

tra lu cappeddu, cummigghiatu cu lu fazzalettu, e va noi 
lu Principi ani Pura ch'era a tavula. Lu gatta era ddàa 
la solitu, chi tiuia lu cannileri soda sodu, comu si ddà 
nun cci fussiru né carni né pisci. Lu Principi sì vota cu 
Pamicu e cci dici: — -Ma dtciti la virila: è mastru veru 
lu me galtu ? Nni tocca carni ? nni tocca pisci ? l'Arti mia 
va pi cento di la Natura. • L' amicu nun dissi uè ciu 
uè bau, e catàmmari catàmmari ' si leva lu cappeddu e lu 
posa supra lu tavulu, livànnucci lu fazzuletta. Lu surci, 
comu si vitti fari larga, acchiana adàciu adàcia, e afTac- 
cia cu lu mussu fora di lu cappeddu. Coma lu gattu nni 
senti a mala pena In ciàuru e cci vidi lu mussiddu, saùta 
di bottu, e mannafinu a gammi all'aria lumi, piatta e tatti 
cosi, va a'ppatància * )u surci e scappa pi la cucina. Ddocn 
Pamicu si misi a fari li belli risati, e a lu Principi ch'ar- 
rìstau a taliari cu la vucca aperta cci dissi: — • Eh, cani 
signur Principi, vi l'haiu dittu sempri ca VArti si parti, 
e la Natura citici t • Lu Principi arrùnctua li spaddi ' e fu 
custrittu a diri: — < Haju tortu, cara amicu, e la multa 
vostra havi tutta la raggiuni. > 

Palermo '. 

VARIANTI E RJSGONTRt. 

Ha Dn foDdo consimile alla favola di Giovanhi Ubu, Lu Gatta 
lu Frwteri e V Abati. 

' L'amico non diese ni ai né bai (non fialb), e Itimme lemme ecc. 

' Ya a'itapaticia, va ad afferrara. 

' li priiiciiHi si siringe le spalle. 

* Sarra'a al Salomone -Mari no da Francesca Campi). 



UigniaOb, Google 



COXCI. 

Nnl Tannittaru a Firollu * ! 

Stu mutta accamìazò a djrhi qaaanu coi fu lu Casu 
di Sciacca. Lu Ga&a di Sciacca à sapi quaPèj ca eraoa st- 
uccati forti la Barunì Pirollu e lu Baraci di Luna. Quan- 
na nu noi pottiru cchiù, cci fu lu serra-serra, ca dud 
si sapi lu nùmaru di quanta omini s'ammazzaru. Lu Pirollu 
pirdfu la causai e lu Luna si la livau di davanti bello 
beilu, Tacennulu scannari cu tutta la famiggliia. E pircliì 
stu Baruai Pirollu era unu putenti e riccu assai, nn'ar- 
ristau lo muttu chi dici: — « Nni PanniOaru a Pirollu ! » 
ca lu dissiru prima lì Sciacchitani. Ora stu muttu si dici 
puru quanuu si voli diri ca paranchi ti cchiù ricchi e li 
cchiù pulenti dunana lu mussa 'd terra. 

Borgetto *. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

QDesto proverbio, riTerentesi alla firoosa guerra civile nota 
sotto il nome di Caso di Sciaeea, che successe al tS19 tra Si- 
gismondo De baca e Gìacorao Perollo, due ricebi potenti si- 
gnori di Sciaeea, trovasi ancor registrato nel Savasta , Il (a- 
ffloso coM di Seiacca, Iralt. IV, cap. 33. 

' Ce lo tollero di metio (lo ammanarono) Parelio. 

* Narrala al Salomone -Uà ri no ini villico Giuseppe Polizii. 



UigniaOb, Google 



NM L'ANNITTABU A PtROLLU. 28» 

Lo riporta aocora il Salouons-Uahcho a pag. 14 dei sqo li- 
bretto La ttoria »(i canti popolari ticiliaai, seconda edii. (Pa- 
lermo, IS70). Parlarono del Caio di Sciacca gran numero di sto- 
rici; qui si DolaBò solo i seguenti, come più autorevoli e pia 
noti : Fazzbllo, Biit. Dee. Il, lib. ulL Madìioltco, Hist. lib. ult. 
AcRU, Iti. dei Viceré : Di Blasi, Storia del Regno di Sicilia, li- 
bro XI, cap. 7 : pALHBRt, Sonma della Storia di Sic, eap. XLIII : 
La Lnxu. Ui Sicilia tolto Carlo V, cap. V -. HoRTiLLtRO , Leg- 
gende ttoriche iicil. Vili; e pih difTuianiente di lutti P. Savi- 
STA nel libro /( famoto Caio di Seiaeca. 



UigniaOb, Google 



ccxai. 

Fi lu puntu S. Martina persi la cappa. 

San Martina era limasinaDli '; Tacia sempri limosioa; 
« si paru arristava cu la sula cammisa si la livava pi 
stu puDtu di fari carità. 'Na vota cci iju GuUcchia % e 
si cci finciu di puvuredda morta dì fami; dici Saa Mar- 
tinu: — > Vatlinni, ca nun haju chi ti dari * ('an avia man- 
ca un guraau di supra *). Dici la purureddu: — < E mi la 
facissi la carità ', ca havi du' jorna ch"ua tasta mancu Tac- 
qua.i A San Hartinu cci parsi piatusuilimusinanti ca cc'era; 
si leva la cappa e cci la dona: — • Te', ca nun haja àn- 
tru; va mancia "1 • — lEtiI dici Culicchia, e l'haja ca- 
tuliatu I... • e si cci prisintau dì diavulu cbi era. San Har- 
tinu cci dissi: — • Io ti vitti piatusQ, e ti detti la robba 
mìa; ora ca t'baja canusciatu, vattinni, brutta bestia, a li 
pirfunni di lu 'Nfernut 

E pi lu puntu San Martinu persi la cappa. 

Palermo '. 

' Liiiiuiiaanli, qui limosi niere. 

* Culicchia, ano de' soprannomi del demonio, che, com« s'è dello «Ilio- 
ve (vC'i. 1, pag. e, noia 3, e pa;. 40t, noia 1; voi. U, pag. IB, ttoca 1.) 
si chiama ancbe iHiulru Paulu. 

' Saa avea neppure Da qaatlrino (qui un grano, cent. S di lira) ad- 

* Ed Ella me la faccia la carilàl 
> To', non ho altro; prendi i 



Up-iieUbyCOOl^lc 



ti LV PDNTU S. HIRTINU PERSI U. CAPPA. Z57 

VARIANTI E RISCONTRI. 

QaesU non è la vera forma onde corre il aoto proverbio, nfe 
'è qnesU la migliore spiegazione di e»a: ma non posso darne 
altre perchè noa ma le troro scritte cortie le ho ndìte. Riferi- 
sco beasi nel numero seguente una versione, la quale è tolta lo- 
-ca'e, e non ha da far nulla con altre versioni popolari d'altri 
popoli la quali illustrano il proverbio. 



FiraÈ. — Fiab» e Novelle. Voi. IV, 



a. b, Google 



ccxcm. 

Fri un punta Martina pirdiu la Cappa. 

Eranu li MarLini 'na familla ricca quanta la mari; ma 
si ridussiru a la miseria pri causa di lu jocu; pirchi non 
di sta familla chi si chiamava Martinu jncava sempri a 
la dispiraEa. Chistu Martina sulièva jiri sempri 'nla 'aa 
cita e ddà si liunièva cu tatti li primi jucatura. 'Na sira 
'nlra Pàulri si misi a jucari a russu eniuru ', epirdìèva 
sempvi, laatu ca nuii cci arristau nò oru né argenta. Ca- 
minciam a jucari 'n parola, e si vinniu tuttu chiddu ca 
pussidièva. Pirdièva sempri; cci arrìstava un sulu fiegu, 
chi era chiamata la Cappa. Punlàa sta fiegu e slava cu 
tanta d'occhi sbarracatì * a guardari li so' punti; si cci 
liggièva la spiranza 'nta la faccit Però quali fu la so 
rabbia quannu tiraru, e pri un sula punta pirdiu la Cappa? 
Alimma '. 

VARIANTI E RISCONTRI 

Leggesi psrafrtisalo nelle Consoni siciliane di P. pjkOLO Ci- 
TANiA di Monreale, t. Il, n. 417. Corre anche in Sardegna: • Pro 
unu punctu has perdidn sa capa; • G. Spano, Procerbi sardi ecc. 

' Itoiio e nero, sona di giuoco, di cui vedi Van-Tbsac, Aeadémit àtt 
Jeux. coHlenaal t'h!$lorique, la marche, la règia, 
da Jeux ecc. pag, 379 (Paris, Garnier frèresl : tìoage e 

' Punlb questo fonilo a 3l»vs con tanto d'occhi npalan 

* Raccolta dui sig. .M:chcle ì!csìiiaa-FauUei. 



UigniaOb, Google 



PBI UN PDNTD MARTINU PIRDID LA CAPPA. 259 

(Cagliari, I87t). pag. 336. In Toscana : • Per un ponto Uartin 
perse la cappaj ■ Giusti, Proverbi loicani, pag. SBi ed il Gotti, 
Aggiunta a' prov. tote, pag. 63, ne dì, seaza citarne la fonte, 
questa origine: • Frate Uartino priore del convento della Cappa, 
aveii letto scritto sopra la soglia del suo monastero:— Porla patena 
(ito. Xulli eloudatur honesto; levò il ponto (love era, dopo etto, 
e lo messe dopo nttlti, e fece leggere: Porla pal^nj esto nulli. 
Claadalur honeito.— La cosa fece lanto orrore, che l'abate Mar- 
tino fu levato dai convento; di qua è venuto questo proverbio. > 
Prima dei Gotti aveano data questa spiegazione altri autori; cosi 
leggesi nel Dizionario di Albbrico giureconsulto, da cui la riferi- 
sce il Mo.NOSLM nelle Origini della Lingua ilattana del ìIbnasio, 
il quale Io racconta colle .parole stesse di E. Pisquigh. Lsttrtc, 
IÌT. Vili; nell'Etymoloji'e, ou Explicatton des proverbes franeoii 
ecQ. par Fleuuv de Bellinoek (A La Haye , M. DC. LVI] , 
da cui lo ha anche riferito Lb Boux db Linct, nel Livre dw 
proverbia franeais ecc. (Paris , A. Delabays, 1859] t. Il, sèrie 
n. IX, pag. 53 a proposito del proverbio : Pour un potnt, Jfar- 
lin pertfttsonasne.cheJBAH NicoTnelleaggiunte al Trésor de la 
langue Francoyse lanl ancienne que moderne ecc. di Aihart db 
Rak^onnet (Parie. M. OC. VI) riporta sotto il tìtolo: Pour un 
poti ifarltn peniti ton atne. 

Secondo il Nicot : • Un nommé Martin ayant perda son asne 
à la fojre ou aulrennenl, en réclamoit un autre qui avoit aussi 
esfé perdu: le JDge du^village à qui Marlin s'esloit addressé, 
fut d'avis qn' on lui rendisi t'asnequi avoit esté tranv4;nìais 
celuy qui l'avoil en sa possession et qui le vouioit garder, s'a- 
visa de demander à Martin de quel poii estoilson asne! Martin 
ayant repondu qu' il estoit grjs, fui deboulé sar-le-^hamp de 
8a demande . parca que l'asne estoit noir. Ainsi, ponr n'avoir 
sgea dire de quel poli estoit son asne , il donna lieu à ce 
proverbe. ■ 

Notisi che in altre varianti francesi di questo proverbio, Uar- 



UigniaOb, Google 



260 rUBIf, NOVELLE, RACCONTI EC. 

tino è sostituito ora d& Gaobert, ork di Gibsrt, ora da Baadet. 
Altra h l> spie{aiìoDe che ne da Silairb Lx Gai, Petite fin- 
cgelapidie da prootrtet franeaù , [Pmìs , Passard, l8St]. {la. 
gina 33S-37 : • Harlia araìt joaé son ino aax dét; il ne ini 
fallait plus qa' on poiot pour gagaer od pgrdre ia parila , il 
ne put faire ce poinl, et perdit son ine. De lì. le prorerbe, 
gai Cardaa a fonia inlerpréter d'ane manière pina uvante; 
mais le fait sur leqnel repo»e *on explieation a est rien moin 
<Id' ètabli. 

• On cite eoeora ce dictoo de la manière salvante: Poar «n 
poti Marlin pirdil tm dne. 

• Martin, dit-on, avail parie qoe son Aae étail noir : la ga- 
genre fnl acceptée. Examen minalienx éUnt fait da poli de l'a- 
nimai, aa milìea de toas les poils noirs on en Iroava un blanc, 
et Martin perdit ainsi sa gagenre et l'àna qni avait été mia 
comme enjen. Je rapporta toat cela parca qne qnalques Tìeax 
anleors font raconlé. • 

Ser BftitHBTTo nel Pataffio ha : • Uartin la cappa perde per 
an ponto. > 



UigniaOb, Google 



Pr' 'un fari lu grappiddn 
si perdi Inpantlddn '. 

Oc'era e cederà 'na oaDoa e 'na oiputi : la oaiioa erai 
pi casa sua, e la nipati maritata pi Taffarì soi. Ud jorna 
la nanna vìnQi a càdjri malata ; chiama a la Dipati : — 
■ Semi, Sgghia mia, si tu mi servi 'ota la ima malatia 
io a lu fìai di la me morti ti lassa lu gruppiddu. • — 
f Neati, nanna mia, chi bisogna ce' è' di gruppiddu ? Io 
la servu , e chiddu chi vassia voli fari Ta. i (Ma 'atra 
d'idda slava cu l'aspittativa di sta gruppiddu). Basta, fi- 
nalmenti la nanna viani a lu puntu ca (a 'o fini di mor- 
ti. Lu cuntu 'un porta lempu ; la nìputi pinsava sempri 
a lu gruppiddu, e coma vidia ca la nanna pirdia tirrena 
e quasi ca nun parrava cchiù, cci dissi: — • Nanna, vassa 
vidi ca quasi ca perdi la palerà ? Vassia dissi ca havi lu 
gruppiddu; 'aca unn'è? Mi la dìcissi.» — • Ora, la nipu- 
ti, aspetta n'àutru pocu, > (dici la nanna). La nipati ra- 
cla primura. A la fini, quanna vera vera quasi ca la vuci 
Pavia persa tutta , si chiamò a la nipoti e cci dissi: — 
• Senti, niputi mia, ca ti dngnu la prummisa di lu grup- 
piddu. 'Nca vidi ca quannu casi, hai a fari sempri bonu 
lu gruppiddu 'nla lu filu, masìnnò p^ 'un fari la grup- 

' Per non fjre il nodo, si perUeil punto (gruppiddu, im, di jrupjm, 
ptmtidiìu, dìm. di punlu). 



UigniaOb, Google 



262 PUBE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 

piddu si perdi la puatidda ; e zoccu ha' cusulu si veni 
a scùsirì ^ • A sta cosa la niputi scappa arraggiata di 
la casa , pirchì spirava lu grappiddu ca ti dinari e Dna 
l'appi, e lassa la Danna 'n iridici. 

La nanna mnrìn ; e la so palora arristan pi muttn, e 
perciò si dici: F '«» fari lu gruppidda si perdi tu pm- 
tiddu. 

Palermo '. 

' E quel clie lisi cocito si verri u scucire. 

' Raccontau si Sslomorie- Marino ds Francesca. Ba^emi. 



Up-iieUbyCOOl^lc 



ccxcv. 
Tri donni, e chi mail col abbinni! 

'Nca dici ca a tempi anticlii ce' era ccà in Sicilia la 
''Hperaturì Fidiricu , ca era orna crudili assai. A Napuli 
si cci arribbiddara li populi. Chi fa iddu ? Fa ammazzari 
prima a tanti, e poi si pigghia a tri billissìmi dami e si 
li porla a Palerma; e pirclii erana d'aggenti boni e ap- 
partinianu a li ribbeddi, lì liei sipilliri vivi 'nta li trab- 
bucclii di lu Palazzu riali. E comu di sti tri donni nua 
si nni sappi cchiù né nova né vecchia , né si nni vitti 
mancu lu fumu , di ddocu nni vinai lii muLtu obi dici: 
Tri donni, chi mali cci abbinni f 

Palermo *. 

VARtANTI E RtSCONTRI. 

Eceo soma racconta il Pazzbllo quest'aneddoto; • Condanoù 
tFederico II lo Svevo} Tbeobaldo, Francesco, et Guielmo da San 
Severino, et molli altri Baroni , parta d«' quali tormentò con 
diversi supplici, et altri fece abruscJar vivi , i quali a Napoli 
Dell'anno dell» salute MCCXLIIII, nel mese di marzo ribellatisi 
da lui erano andati alla dìvotione dal Pontefice, e fece metter 
le mogli loro, et i figliuoli in alcuni {tic) sotterranee prii^ioni 
del palazzo, ch'egli haveva in Palermo, e commindò che fu»T 
sero lasciate quivi morir di fame. Per la qual cosa fino alla 

' Racconlats al Salomone'Harino da Franceaea BoM^mi, 



UigniaOb, Google 



26» FUBB, KOVCLLG, tUCCOMI EC. 

mea etì si dice per proverbio: Le donne che malamente v 
a Palermo, due corpi delle quali essendo sUlt ritrovati da al- 
cuni cavatori, quali erano aifdati ad acconciar quelle prigioni 
nella Rocca, nell'anno HDXIllI furoit veduti da noi inaienia con 
tolta quasi la città di Palermo con grandissima maraviglia, pe- 
rocbè erano ìntegri insieme con tutti i loro vestimenti. • L'Si' 
iloria di Sicilie, trad. da Rbhigio Fiorbntihoì deca II, lìb. Vili, 
eap. II. 

Parimenti G. Palermo celia Guida Ittnittiva per Palermo, 
Giorn. 111. Rtgio Palazzo- • Era pure in questo palazzo un 
carcera sotterraneo, nel quale per ordine dell'Imperatore Fei- 
derico II, furono nel mese di marzo 1143 rinserrate per mo- 
rirvi d'inedia le mogli dei ribeili Teò baldo, Francesco, di Go- 
glielmo di Sanseverino e di qualche altro signore napolitano 
per avere gli stessi abbandonato in napoli II partito del so- 
praddetto Imperatore, e aderito a quello del Pontefice Gregorio 
IX; le quali donne piti non si videro, da cui nacque in Sici- 
lia il proverbio cbe tuttora è in bocca di tutti: Tri donni chi 
mali-ei abbinai. (Fazello; Dee. 11. lib. 8). I4el ISSO fu questo 
palazzo, già andato in rovina, ristoralo dal viceré D. Giovan- 
ni de Vega, il quale per nobilitarlo, e per non venirgli impe- 
dita dalla parte del piano la veduta della città, fece buttare 
a terra l'antica torre rotta,' cbe serviva di carcere, a nello 
scavare gli operai ritrovarono, dopo iJS anni i cadaveri delle 
aopradelle tre Dame niente putrefatti, e colle vesti intere, e 
le cufBe di seta.» Vedi C. H. AHetii, De litu Siciiìae presso Ca- 
ruso, pag. 7. 

Pel rinvenimento di questi cadaveri Ippolito Ariuinbhsb di 
Lentini dettava tosto il seguente epigramma; 

Vos homìnesT Non terra sumus, fuimnsqae qaod estis T 

Et quot sunt annis ! InnnmerabUibus. 

Cur non corrupli lotìs cuoi vestibus! Ah, ah: 



Uigniedb, Google 



TRI DONNI, B CHI MALI CCI ABBINM t 28K 

Quid non ridetist quod stupor iste gapil; 
Ha pudeat proferre deeet non ossa manere 
Vos naiara qnibDt aoa nova, rara facit. 
Et nova, qnaa vario prodacit tempore, tot luat 
Ut non siat vobia ordine mira suo; 
Qua ro adniiramur, simul et concurrimiis omnes t 
QQod sic vixerit a, sed cito nemo putat. 
Vedi Memorie per tervìre alla storia letleraria di Sicilia t. I(, 
art. 2, pag. 28. 



UigniaOb, Google 



CCXCVI. 

Lu tisoru di la Zlsa. 

'Na rola cc''era e cederà un PriDCipi ctii avia 'na Sgghia 
'Dt3 la batia di Santa Catarina. 'Nta la balia di Santa 
Catarina s'avia a fari un mnaacatu; cci parsi di beni a 
la Batista di diri a la llgghia di la Principi di mannari 
nni so papà, pi quanta cci 'mpristassi 'na pocu di caa> 
nileri, piatta e cosi d'oru e d'argeatu priziusi , pi gaar- 
niri la Chiesa e la càmmara unni s^avia a fari slu muna- 
catu; e accussi la batia putia fari iìgura. Hanno pigghiata 
a dui facchini chi sirvianu a la stissa batia, e hannu man- 
natu a la casa di lu Princìpi, a nnomu di so Qgghia e 
di la matri Batissa. Li facchini, 'n cànciu di jiri a la casa 
di la Principi, sgarrerà; e si jeru a tèniri a la palazzu 
di la Zisa. Tuppuliaru, e cci aSacciau 'na specia di criata: 
— • Chi vulìti ? . dici. — « Sta ccà lu Principi tali f » 
— • Gnursì. • — « 'Nca manna s6 flgghia e la Signura 
Mairi ', ccà cc'é stu bigliettn, e na'havi a cansignari 1i 
cosi d'oru e d'argeniu pri In munacatu: nui semu li fac- 
chini di la batia, ca la biglietta In dici, e noi pò can- 
signari ogni e qualunchi cosa. » — e Ora vegnu * (dici lo 
criatu). Ddoppi un pezzn toma cu du' carteddi tanti di 
cosi d'ora e d'argenta massizzu, caanileri, calaci, speri 
e tutta chidda chi cchiù si putia disidirari, cu petri do- 

' Dunque (ini) manda la figliuola di Lei e la superiora (del noui- 



UigniaOb, Google 



LD TISORU M LA ZISA. 267 

tnanlì e petri priziusi grossi e belli mai visti. — • Tini', 
dici, parlatili a la matri Batissa, e la salutati a nnoma 
di la Principi. • 

Accussi ficiru. La matri Batissa e la Sgghia di la Prìn- 
cipi nni ficiru 'na festa granni, e cu tulli ddi gran tìsori 
d'oru e d'argentu cci ficiru 'nla In munacatu 'na gran 
Qgura rialì: tutti guardavanu alluccuti e diciaou: — < Ge- 
sù t sti cosi manca lu Re li pussedi ì • Basta, a la finuta 
chiamanu arrèrl a li dui facchini, cci jìnchinu li dai car- 
tidduua tali e quali com'eranu, e cci li mànnanu a In 
Prìncipi. LI facchini jeru a lu solitu palazzo di la Zisa, 
e tuppuliani. Veni lu solìlu fatta a criatu ' e grapi. — 
f Tiniti ccà, dìcinu li facchini, la Batissa manna li so' 
tisori a lu Prìncipi e l'arringrazia tanta. > Lu fattu a criatu 
nun cci dava Tarma a ptgghiarisi li cartidduna, e taliara 
a li facchini. Chìsti taliavanu paru, e locchi locchi cci 
dicinu:— « PigghiatìvilU e vi li cunsignati si sn' giusti '.• 
Lu criatu li taliaa arrèri, si pigghia lì carteddi, e senza 
vnlirisilH cunsignari si metti a tistiari e cci dici:— «Quan- 
ta fùstivu minchiunal • e comu dici accussi, spirìu cu 
tuttu lu palazzu, e li da' facchini si truvaru fora di Porta 
Nova. — « Oh, dicinu, e com'è sta cosa ? com'è ca sema 
ccà ? ■ — «E va spijacci ' t • Traseru, e turnaru a la balia 
senza mancu avvirtìricci cchiù *. 

Ddoppa jorna lu Principi va e va a la balia. — • Oli, 

' Venne quei tale cbe iacen da servo. 

* Prendeieveli . e consegna levcli se soqj nel niitnerQ che ilovrebbero 

' E va tp^eùi, e v allei aprsca, 

* Scnia più porvi menie. 



UigniaOb, Google 



168 F1A9E, NOVELLE, BACGONTJ EC. 

Signur Principi , quanta cci sagon iibbrigata I > dici la 
Signura Mairi. — ■ Oh, papà, dici la figghia, chi bella fi- 
gura chi mi ha fatta fari ^nta la balia ! quantu rtccbizei 
- mai visti t e nnDi Tavia, ca io pan cci rhaju saputa maj! > 
£ accussl tntti li monachi ringraziavano e facianu elogi 
e ossequii a la pnacipi. Lu Prìncipi si sìatia pigghiatD 
di lì Turchi: — • Ma chi diciti ? Ma di chi mi parratì ?... » 
DumaoDi e risposti, cci dieìnu lu fatta. — t lo qu ani 
saccìu nanti , dici la Prìscipi ; cu' $ chi v' ha manuata 
cosa ? Spijamu cehiuttostu a li facchini unni jeni. * Chia- 
manu a li facchioi : — < Coma va stu fatta ? • e chiddi 
cuntana una di la tattu, e macàri V ultima palora di In 
criatu, e coma abbinni ca spiria e si truvaru fora Porta 
Nova. — • Ah ! dici lu Princìpi; fùstivu mìuchìuna veni 1 
Ddocu la Zisa è, unai cci sunuu tutti li gran tìsori 'ncao- 
tati dì li diavulì, lisorì ca nun ce' è aguali pri tutta lo 
manna. La sorti era vostra; sta puEgenti bancu s'avirria 
sbancata, e vuàutri, tocchi, nun vi nni eapistivu appruGt- 
tarìl Ma un juomu si sbancbirji , e qaauaa si sbanca, 
tanna airìcchìsci la cita dì Palermu. 

Palermo *. 

VABIANTI E RISCONTRI. 

È ona tradizione che si riattacca a i^uella de' Diaeuli di la 
Zita, n. CCXVI. 

' Deilaia A Salomone- Melino da Fru::G(9c^ Bnscenit. -> 



UigniaOb, Google 



CCXCVII. 
Lu Tìddanu e lu He. 

Sìgaarij si rìccanla ca 'na vota cc'era un viddaDu. Sti 
-viddaDi, cci nn'è ehi liannu la testa fina veni, api giu- 
dizlu 'an cci havi a dari cumanni nuddu. 'Nca stu vid- 
daou facla la so jarfiata e tirava du' tari lu jorau; quat- 
tru belli patacchi di carrina ca jinctiianu 'oa manu <. 
(Ora avemu sti cintimuli ', ca su' 'na ricchizza I...) Comu 
piggtiiava la so jarnata stu vìddanu turuava a la casa , 
e java diceanu:— < Uà camnu mi lu maaciu, un carrina 
la scatta, una raggira , e una la jettu '. • Ogni jorna 
la stissa canzana. 

Successi ca 'oa vota lu scuntrò la Ete; dici:^< A tia, 
cbi veni a diri sta cosa ? > — * Maislà, io cci la cunfldu 
a So Maistà : un carrinn mi lu spenna pi manciari io ; 
an carrina lu spennu pi li me' Qgglii; un camnu lu du- 
gnu a me patri, ca mi maationi sioa chi criscivi; e l'àu- 
tra carrinu lu dugnu a me mugghieri ; e cliistu è un cap- 
rina persu. > — < Zitta, cci dissi la Re; chiàntatì; ca sta cosa 

' GoadagniiTa due tari (cent. STI di lira) ogni giorno, (che erano) qniillro 
grossi) paiaccbe (una paiacea cent. U di lira) che (dalla lama grosseita) 
riempivano (il palmo di) una mano. 

* Cifllliiitlu o àrìtnvla, dlcfsi per nn bisticcio dispiegialivo il conlesimo 
di lira. 

■ Un carlino me lo mangio, uno lo sconto, una la resliluisco, ed uno lo 



UigniaOb, Google 



270 FIABE, NOVELLE, HACCDNTt, EC. 

mi servi pi Ririnni un 'nniminu '. Tanna l'ha' a diri 
iluaDDU tu vidi pi un cintinaru di voti la me facci. * 

Eccu ca chiama a li so^ Ministri, e cci prnponi stu 
'nniminu. Li Ministri ch'avlaou a 'nnìminari I... Jàvana 
nni lu viddanu, e tu viddanu, pipai Olivera mincliiuni * t 
Un Ministra di chisti si cci misi tantu a pittima pi diric- 
cillu ' ca lu viddanu 'un ni potti cchiù; 'na jurnata cci 
dissi : — ■ Ora vuliti chi vi lu dicu ? datimi centu ddup- 
' pii di mnnita d'oru, e io vi la cunfidu. » Comu di fatti, 
la Ministru cci cunta li centu dappii e In riddano cci 
cunfldò lu sigretu di lu 'nnimìoa. Lu Ministra , tinca 
tincu * , si nni va nni lu Re : — t Maìstà , lu 'nniminu 
veni a diri cliisla, cliistu e cliìsta; > e cci lu spijò tatla '. 
Menti pi mia. Nna lì dduppii dì munita d'oru ce' era 
stampata d'un latu lu regna, dì l'àutru lata la facci dì 
lu Re. — linea lu viddanu comu Pappi sì li misi a pas- 
sarì tutth una pi una stì muniti, guardannu prima lu latu 
unni cc'era lu Re, e poi esser vannuslUi cu tutta la s6 
'simurlura '. Veni lu Re, com''3ppì addìmìnatu sta 'noi- 
mìnu, e si fa chìamari lu viddanu. — • A tia, dieì, e ac- 
cussi 'siguistì r orditi mei di 'un svilari In sigretu a 
nuddu si prìmu 'un vidivì centu voti la me facci?! • — 

' Penhé queslo mi serve per torrannie un indovinello. 

* Andavano dal villinu, o il villano, acqu<t in bi^ca. Oh ) eh' era ui> 
minchione (the ateva a rivelare il 3.-greio) 1 

■ Uno di queiii ministri cominciò a piiiimarlo lanio. perchè egli gliela- 
svelnsse.... 

* Tinta lineii. difll.lo. 
' E glitlo spiegò lullo. 

' Con tulto il sQo agio {'limwtura, per aferesi invec: di disinvoltura). 



UigniaOb, Google 



LU VlDDANt) e LU RE. 271 

€ E io 'un Qei chisla, Maistà ? • — « Comii, chistu ? si la 
cu sta vota m'ha' vista du' voti ? > — • Nonsignara, Maistà : 
io prima mi flci dari centu duppii di mnnita d'ora; e tanna 
cci cunHdai In sigretu, quannu vitti la so facci sopra lutti 
li eeolu muniti.) — • Ha' raggiuni I • dissi ìu Re, ailuccutu 
di In cirìveddu di slu viddann '. 

Palermo *. 

VARIANTI E RISCONTRr. 

Un'altra versione sìciliaDU, qoasi la stessa della nostra , è 
in GONZBNBACK. D. SO; Vili» kiugen Bauer. (Il contadino scaltro.) 
Lo stesso leggasi nelli: Gesta Romanorum, cap. 57. ovo il re È 
rimperatore Tiloj nel Novellino, n. LXXXll, ove è federico II 
iBiperalorej ne' Sermonet di Barletta (Lyon, IS16, pag. 160 , 
colonna 3). (Vedi un articolo del Liebrbcht oell' Ori«nt und 
Occident del Bopst, 111, pag. 37!). 

Il KitHLBR a pag. 334delvol.ll delle Sieil. Màrehen cUi una 
versione dall'ÉItì; dei cantei di d'OuviLLB (à la Haye , 1703) 
li, IBS; un' altra delle Spanisehe Dorfgeschichteit di F. Cabal- 



* Hai ragione I disse il re sbalordilo del cervillo ffioo) del villana. 
' Rasentata daAgaintia ìleisia. 



UigniaOb, Google 



ccxcvra. 

Pinnioula piunàoulu pionia. 

'Na vota cc'era un mircanti chi java viaggianDu pi li 
so' mircanzii. Stu mircanti qoanna arrivava naa quarcbi 
paisi s'arripasava, e java nna qaarchi lucaona; ma qaaona 
cci scorava ^nta li pedi, s'avia a'rristari uani s'attruvava, 
macàri 'nta nn toscu. Ora 'na vota, 'nia di l'àulri, morta 
di lu sonnu si jittò sutta un padi di piru e si misi a 
dormiri. Li latri rabbistaro; dici:—» Picciotti, prisji cc'é; 
jama I > e s'abbiàru nni sta povìru mircanti *. Ora st'ar- 
vnla era càrricu di pira , ca ognunu pisava menza tò~ 
ttilu runa *, ed «rana belli maturi. Cc'era taDtìccliia di 
Tiatareddu ', e li pira pinnuUavanu , e javana di ccà e 
di ddà. 

Udo dì sti pira, rùmpisi In piricadda *, ppuhm ! e cci 
scoppa sopra la naso. Lu mircanti sata 'atra l'aria; va 
pi jisari l'ocelli e vidi li latri obi vinianu pi iddu. — € a 
mia voliti?! > allippa,e santi pedi ajutatimil 



' 1 ladri lo g<:aprirona e dissero (dici per ditiira, o diui unu A' iddi): 
I Ehi conpagni, c'è della preda; aadiaina; • « s'arvìarooa da qaesia pò- 

* Or ques l'albero era carico di pere, ciascaiia delie quali pesava (quasi) 

' V'era (^pirafa) nn po' di venlerello. 

* [Ina di queste pere, si rompe i picciuolo ec. (Una dì quesie pere, rol- 
toaele il pici'iuolo ec.) 



UigniaOb, Google 



PINNICULU PINNACOLO PINNIA. 273 

£ di ddocu uni tìudì lu 'nniminu chi dici : 
PianicDlu pinnàculu pinola, 
S' 'nn era pi pioDìculu pinaàculu moria. 

Palermo *. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Una versione dell'indovinello à negi'ImiovinelH popolari M- 
nexiani raccolti da Don. Giuseppe Bbrnoni (Venezia, tip. Anto- 
Belli, 1871), a. 3S, ed 6 questa : 

Pico picandolo che pisolava, 

Dormi dormacoio, ai che dormiva. 

Se no ghe giera pico picandolo che picorava. 

Dormi dormacoio no se desmissiara. 
E nella spiegazione è dello che • El giera uno che dormiva 
sote nn perer, e xe sU svegià da nn pero che ghe xe casca 
in testa. < 

' Racconiata da Rosi Brusca. 



piFRG. — Fiabe e Novellt. Voi. IV. 



UigniaOb, Google 



CCXClXi 

La Divota. 

^Na vota cc'era an vicchiareddu. Stu vìcchiaredda era 
maritata e avia 'na Sggbia. Ln vicchiareddu fu a fini di 
morti e primii di móriri Sci tistamentu. Cootu maria, 
grapèra lu tistamenta e truvaru ca ce' era scritta: i Gei 
lassa a me figghia a S. Giuseppi <. • Ddoppu 'na prmu 
di jorna, la povira urfanedda si misi a filari pi buscàrìsì 
UQ pizzuddu di pani; ma siccomuchiddu chi guadagnava 
'un cci putta abbastari pi mangiari e pi vìstinsi, era tan- 
ticchìa scumitulidda di Vesti *. Un jornu, ment^'idda fì- 
lafa, si vidi cumpàriri un vicchiareddu c'ud sacchiteddu, 
e cci dici: — I Figghia mìa, pigghiatt sta pani; cu cbistu 
manci, e ca chiddu chi guadagni cu lu filari ti vesti ; e 
accussi pdi tirari avanti. * Li vicini 'nTÌdiusi videnou ca 
chista java vistutedda e manciava, cci nni vieni 'na gi- 
Insia, e cuminciaru a diri tanti cosi curiusi ', tanta ca 
juDciu a r aricchi di lu Jùdici ; e lu Jùdici la mannò a 
cbiamari e cci dissi: — < Dimmi, figghia, coma va sta cosa 
ca tu cu tu sulu filatu manci, vivi e ti vesti: cu' cci veni 
nni tia?> — ■ Signuri, io chi sàcciu: 'na vota vinni un 
vicchiareddu e mi dissi accussi e accussl: — lo ogni 
jornu ti portu di manciarì, e di chiddu chi vuschi filan- 
nu ti vesti, — > Lu ludici rispusi:— < Na'haì tu, figghia, di 

' Io lascio mia Qglii a S. Giàseppe. 

' Era un po' sprovTeduia dì vesti. 

* (Wìnciaiooo a dire tante brulle cww (sui conto ifl Id.) 



UigniaOb, Google 



LA WVOTA. 278 

sta pani? ■ — < Sissignara: ccà an'haja du* pizzudda 'nta 
la sacchetta. ■ Lu Jùdicl 'n vidennu lu paci, la ciara, e 
poi cci dici: — « Vattinni, figghia : sècula coma ta hai 
manciata a manciarì, e com' ha' filalu a filari. > Ddoppu 
di chistu, manna a chiama a tatti ddi mali lingai e li fici 
mettirì satta, pi castigalli di li frami chi cci avìanu ai- 
sciati! a dda povira picciotta *. 

'Nta slu paisi cc'era au Rignanti: avia lu figghiu malata 
ed era 'n fini di morti. Ln Re jìttó an bannu: — < A cui 
mi fa stari bonu a me figghiu , s'è màsculu , cci dugno 
mità di lu regna; s'è Gmmina, cci dugnu a me figghiu pi 
marita. • Cci jero tanti e tanti : e a nudda cci vasto 
l'arma di putilla fari stari bonu. La 'otisi luvicchiaredda 
chi cci portava lu pani a sta picciotta , e va a Palazzo. 
Cci dici a la sintìnella ca vulia acchtanari nni lu Re; la 
sintinella vidénnnlu accussi pizzenti 'un la vulia fari ac- 
chianari. Idda cci dici: — • Noosignara , io haja a'cchia- 
nari. — S'è banna ca pò acchianarì ca' voli, haja a'cchianarì 
pnru io 1 > E ddocu si misiru a con Irapun tarisi. A chistu 
lu Re seati sta battaria e affaccia e dici: — < Chi ce' è ? * 
Rispanai la sintiaella : — • Halstà , ce' é ccà an vecchiu 
pizzenti e dici ca havi a fari stari bonu a vostru figghiu. * 
— • Fadtila acchìanari, facitila accbiaaari. > La vicchia- 
redda coma acchiana dici: — • Uaa^è vostru figghio ? ca 
baja taota abbilità di farivillu sta^i bona, i Lu Ra lo 
porta una la stanza aao'era lu Riuzzu , e la vecchia lu 

* Ddoppa ecc. Dopo questo (il EiodiC") manda a chiamare lune le (per- 
sone di) male lìngne (che aveano mufs» in mala voce la ragazza), e le fece 
meliere in carcere per castigarle della catiiva fama Iframa) che anano 
sparsa a danno di quella povera re|azia. 



UigniaOb, Google 



276 FIABE, NOVELLE, RACCO\n EC. 

trova ca era qaasi ca slava assaccannu '. Nesci aa vasit- 
tiau d'angaentu, e cci lu metti a untar! pi tutta lu cor- 
pu: comu finisci si'upirazioni lu Riuzzu stetti bonu, coma 
mai a lu munnu avissi statu malatu. Allura lu vecchiu si 
vAta cu iu Re o cci dici: — • Maistà, datimi la prumisa: 
io haju 'na flgghia , e vui cci aviti a dari a vostru fig- 
ghiu, a tiouri di lu baunu. • Lu senti la Htggiaa e dici: 

— • A la lìggbia di stu vecchiu pizzenti cci avemu a dari 
lu figghiu DOslru'?— Sapiti chi vi dicu? Vi damu quanta 
miliari vuliti, e vui la maritati cu 'na pirsuaa bona, e me 
figgliiu si pigghia a quarchi Rigginedda. • Lu viccbia- 
reddu sintennu sta cosa: — • Io, (dici) nun.vogghiu di- 
aari. > Ha vutata cAtu c6tu e si un' ha scinnutu *. Ap- 
pena ca scinni lu flgghiu di la Re ricadi cchiù malata 
di prima. Lu Re jiltò un bannu e dici: — (A cu' liavi 
rabbuila di purtàrìmi stu vicchiareddu , io cci arrigala 
an munneddu di munita d'oru. • Meutri lu vecchiu ca* 
minava si nn' adduna 'un poviru patri di famigghia chi 
era nicissitusu, e cci dici: — * Patri granni , patri gran- 
ai, jili noi lu Be , ca havi bisoguu di vui. E accusai la 
Re vi, duna tu Riuzzu pi vostra flgghia e lu munnedda 
di munita dVu pi mia. • La viccliiareddu cci arrispunni: 

— t Senti, Sggbiu mio: pi iddu nun si lu miritassi, ma 
pi tìa ti vogghiu agivulari. » E cuntu ' ca si parli e va 
a Palazzu: fa la stissa Ijj^tetta: cci unta lu midicamento, 
e lu Riuzzu stetti boon. Comu stetti bonu iu Riuzzu, dici la 
Re; — < Ora, comu cummiuamu pi maritar! a vostra fig- 

' E il vecchio lo trovo al punto che era quasi per mandare I' ultimo 
«spiro. 
' Hii voltata (ha fatto una giravolta) i^uallo quailo, e se ne é sceso. 



UigniaOb, Google 



LA DIVOTA. 277 

ghìa cu mò flgghiu.' — • 'Un cci voti nenti, arrispasi lu 
vicchiaredda ; uni mittemu 'n carrozza e noi la jamu a 
pigghiari.t Eccu ca la Re, la Riggioa, (tutta abbullata, ca 
'un vulia fari fari sta matrimoniu) e !a Riuzzu s'hannu 
misu 'n carrozza, e bannu jutu a la casa di lu vicchiared- 
du. Lu vicchiareddu java avanti. Comu jùncinu trovana 
'na picciotta, oli I la rara facci I bedda, bedda, pi quanta 
Diu la pulissi fari; e 'na casa muntala ca inancu li meg- 
gtiiu signuri l'hannu, cu niofl, divani, cifTuneri , lappiti, 
cannileri d'argentu: 'na cosa mai vista. E cc'era cu idda 
'na donna chi Ancia di matrì. La Riggina a vìdiri sta rara 
facci e li riccbìzzi sparaggiati, cci vinni lu risu a lu mir- 
ceri '; curri nni la picciotta e si la pigghia sulla lu vrazzu, 
'un putennu ccliiù di abbrazzalla e vasalla. 

Scinneru di la casa, la vicchiareddu chi facia di patri, 
la picciotta, la mairi, e la Re cu la Riggina e lu Riuzzu. 
Comu si 'nlilanu 'n carrozza spirisci' lu patri e la mairi, 
e arresta la picciotta cu lu Riuzzu , la soggira e la Re. 
Allura si pirsuasini ca chiddi erana S. Giuseppi e la Ma- 
donna, ca l'avianu pruliggiutu pi li so' boni costumi. Lu 
Riuzza e la picciotta si maritaru. 

Iddi arristara (ilici e cuntenti, 

E nuàtri ccà chi nni liccamu li denti. 

Patenno '. 

■ Ali» Regina eomp.irva il riso sulle labbra.— FeniViJurini alumir- 
e«ri, leu. tale : Teiiire il rìso al merciflio ; e per eoltmbour si suol Jire 
di persona che, essendo imbroDctuta, per un ciiso inaspeiiato si metta a 
ridere; prenJeiiJosi In voce riJn per risa pianta, e per riso manitosiaiio- 
iie (li gioia. 

• RflMont.iU da Rosa Brusca. 



UigniaOb, Google 



CGC: 
TTn re raru. 

Cc'era un galantomu cadutu 'n vascia fortuna, chi 'uà 
avia forma di travaggbiari di nadda manera, pricchi era 
lagQusu. Un juornu si nni va nni lu Re a Palerma, ma 
siccome era mala-cannutta, valia campari di putruni; 
cuomu si prisintà' uni lu Re. la Re cci dici : ca era 
unn binignu e carìlatevuli. — < Amicu , chi cosa vu- 
liti? • — • Maistà, siccuomu nu puozzu campari , ca no 
sàccin fari nudda sorti di fatica, sugnu viauta nni Vostra 
Maistà; mi duua quarchì limuosina. > Lu Re lu talia, e 
tutlu lu guarda di capu a piedi, e pùa cci dici: — < Ami- 
cu, quantu aviti cumpratu sti causi * ? > — • Màlstà, cia- 
cu scuti. » — 'E stu cileccu *t • — t Maistà, du' scuti ? » 
— tE sta giammèrìa'? > — «Maistà, se' scutl.» — lEstu 
cappieddu ? > — t Maista, du' scuti; • pùa cci talia 1! mani 
e cci li vidi belli bianchi; e cci dici: — • Pri ora nun puoz- 
zu, pùa viniti Vanirà vota •, e lu galantomu si nni ij'. 

Cc'era un jardinaru ch'avia un sciccarieddu, ed era af- 
famiglìalu ca avia setti figli, e la muglieri ottu ; e cam- 
pava cu la sceccu ca carriava virdura a la cita: cci muri' 
lu sciccarieddu, e si perdi di curaggiu ca jiu putia cam- 
pari cchiù la famìglia. Un juorau cci dici la muglieri: 

' sii càuli, questi callosi. 
' E quesu salloTeere f 
' E questo soprabito ? 



UigniaOb, Google 



DN RE RARO. 279 

— « Sapìti vu' eh' aviemmu un Re bnonu e caritatevuli, 
jiticci, ca vi duna quantu vi accattati lu scecco. • Si parti 
e si noi va a palazzu dqì lu Re, duna T aamiascìata e 
trasi, e si prisenla, si leva la birritta: — « Maistà, sugna 
un pògliiru jardiuaru e baju setti figli e la muglieri, e 
mi piriscina di la fami; avia un sciccarieddu e mi muri', 
e ou lu puozzu accattari, cà mi mancanu li dinari. > Lu 
Re lu lalia e cci piglia li mani e coi li cumencia a ta- 
liari e vidi ca cci avia li caddi pri lu tantu travagliarì, 
e cci 11 accumeucia a vasari, e cci dici: — « mani bi- 
niditti, ca dati a la vostra famiglia; ora va: quanlu pnlia 
jiri sta sciccarieddu? »— «Maistà, putia jiri ott'unzi.i 
Lu Re cci fa un vìgliettu di cent'unzi e cci dici: — < Te' 
stu vigliettn, ti va' a siggi • sti cent'unzi : cu quaran- 
t'unzi ti accatti 'na mula e lu rieslu ti viesti li Agli e la 
muglieri..) Lu pòghiru jardinaru scinni li scali tuttu cun- 
tenti, si uni ij' uni la muglieri, si accattò In scieccu, vi- 
&lV li figli, e cci rìstaru li dinari pri furisi lu caviali *. 
E chistu fu un fattu pri daveni. 

Casteltermini '. 
VARIAMI E BISCONTRl. 

Vedi oeW Adolescenza, Strenna pel 1874 cowpiVafada B. E.Hai- 
NBRi, an. II, pag. 119 : Chi lavora fa la roba, noeetlina popo~ 
lare di G. Pitrè. (ililano, Ludovico Bortolotti, 1874, in 16}. 

' Ti y«i ad esigere. 
' Caviali, cafÀule. 

' Raccunuioda maesiro Vincenzo Aricù, e fallo raccogliere dal signor 
G. Di^ioTunni. 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



8A.GGIO 

DI NOYELLDJE POPOLARI ALBANESI. 



UigniaOb, Google 



..gniaObyCtlOglC 



Questa raccoltìna di novelle popolari, le quali gli Al- 
banesi chiamarlo Pugàre, è stala fatta per me dal signor 
Gerlando Beonici in Piana de' Greci , uaa delle Colonie 
Albanesi di Sicilia a 16 miglia da Palermo. 

Nella trascrizione il raccoglitore ha seguito, in generale, 
la grafia della Grammatotogia albanese di Demetrio Camar- 
da uniformandosi a qualche lieve modilicazìone proposta 
dall'avv. Pietro Chiara, autore del bel libro L'Albania, il 
quale è per dare alla luce nn volume di sue poesie Alba- 
nesi precedute da uno studio su quella lingua. Le lettere 
greche mescolate alle latine ritraggono suoni che l'alfabeto 
cornane non rende. La narrazione è semplice e schietta, 
e il fjDdo di ogni pugàra niente dissimile da quello d'o- 
gni altra novella. La versione italiana è fatta letteral- 
mente, ciò che di necessità la rende un po' inelegante; 
ma per questo il bravo raaoglitore, a cui attesto pubblica- 
mente la mia viva gratitudine, invoca la indulgenza degli 
slndiosi. 

È da osservarsi che la ortografia usata in queste no- 
velline cerca di rendere con chiarezza le inflessioni e 
le cadenze della pronunzia usata in Piana dei Greci , e 



UigniaOb, Google 



284 FIABE, PfOVELLE, RACCONTI EC. 

ài conservare per quanto è possibile quella tinla locale, 
e quel sapore caratEeristico del volgare didlelto che tanto 
difTerisce dalle altre Colonie Albanesi di Sicilia. E questa 
differenza di pronunzia che, in generale come in tutti i 
popoli, segna i limiti ove finisce il dialetto ed ìdcoidìq- 
cia la lingua è ben delineata in una specie di critica po- 
polare, che sin dall'arrivo degli Albanesi va per le boc- 
che di tutti. È UD adagio che laconicamente compendia un 
trattato di Ortofonia locale: Cuntissioièt clanS — Munsifsiàrt 
^gnene — PalazztotSt bumbulisgnene — CaWotiànt eatun- 
tart vlasfimisgnene. — I Contessoti (gli abitanti di Contessa) 
piangono — I Mezzojusari (quelli di Mezzoiuso) seccano — 
I Palazzioti (quelli di Palazzo Adriano) tuonano — I Pia- 
Dioti (quelli di Piana dei Greci) bestemmiano. — Da que- 
sta differenza d'accento tra ie quattro colonie di Sicilia po- 
trebbe argomentarsi il luogo di loro provenienza, potrebbe 
conoscersi con precisione la provincia, il paese che abbao- 
donarono, riempendo così molte lacune che rendono in- 
certa in alcuni punti la storia di quella eroica ed impo- 
nente emigrazione. Tali ricerche però eccedono lo sco- 
po dei presenti studi, e volentieri cedo là parola a chi 
spetta. 

G. PrmÈ. 



UignieOb, Google 



I. 
La Bedda di IL setti citri \ 

Gne iiheTé e goé /her3 isc gn6 Reggh; chi Reggb nch3 
ctiisc bij e i Sa Tintiotit se na chisc bij b3a t€ rìjifl per 
stat viet vaj.Si scùan néot muaj pati gag bir e rioSi vajèt 
per stat viet. 

Gaé dit né tierat,vate gné plach me gué picer sa mjio 
T3Jé ma vajèt chisc sosur e némi até Reggh ; e gheggh 
diali ce chisc stat viet e sturi gDé bocè, e i ciaiti rogghién. 
Placa e Dèmi, e i Oa:— tCatèmarac la Bedda di li setti citri.» 
U rit diali, e jati de' t'e martoxé me gne vaj!;è me ebucura 
e xorés. Ma diali i da: — t U ca tè mar: la Bedda di li setti ci- 
tri.* Vate diali per ne ^orèt, e sci^h dizzà naiénza, e nca 
gas ci sci^b e pris e digl gné copile. Preu pran m&. tS 
madea e doli gne copile, e' isc: la Bedda di li setti citri. 
U paOSn me vaiKn, e i biri i reggliil i ea:— • Ti rri età se u 

' Lk Bella de' «ette oedri. 

Un* Talli ed mia volta eravi un Re ; i|ueslo Re non aveva fi^lj e 
promJM a Dio che se ne avesse farebbe scorrere per sette anni olio. Dopo 
nove m«9i ebbe dd figlio, e corse olio per seite anni. 

Va giorno tra gli altri anclb ana Tscchia con mi Taso per raccogliere 
olio, • maladl aqaelRe; la senti il fancinllo cne avea sette anni eie gettò 
una palla a le ruppe il vaso. La vecchia lo maleitl e gli disse: — ■ Spo- 
vrai la Bella dei selle cedri. • 

Crebbe il fanciullo, e 11 padre volealo sposare con nna giovine bella 
del puse: ma il gioviiie gli diue:— ■ SpoHtù la Bella de' tette cedri. • 



uirneob, Google 



280 PUBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

vele marr ggbinteQ lime e verni te /ora ime; vaizà i Sa: — • Na 
jot SmS té chSrcon criet li marrone nga cu.' Diali vate té 
xora e tiix e i fta gghrivet se gghieti nusen, e lodét u sta 
sat flij e ejéma i chércoi criet e diali x^froi nusen. 

Vur pSr mua. La Bedda di li setti àtri mi gn3 narénC 
pris déndrin; ma dSndri nché vi/. Dan; arvtigamis,te cu 
isc la Bedda di li setti diri ìsc gQ$ crua e atiè vij gné 
scave té mbloj nziren. Chèjò scave vérre^hei te ujt e i 
ducu se isc e bucur, se la Bedda di li setti citri ducbej te 
v^t, e i ducu scaves se isc aj6. Sia nziren e u uj te croi. 
Ma cur pa até vaiC mi nar3azèn i pieti ci buj atiè e ajò 
i Sa, se priis dendrin. 

E ce buri scavia? bè té vij post la Bedda di li setti dtri 
sat e cri/b. Scàvia chisc gnè gghilpur i fataarmé e ja 
udenti te criet e la Bedda dì li setti àtri u bn i:ogg. Ma 

Andò il giovine per le ciii:'i e vedeva le molle mi'tanince , ed ofouna 
che ne veliera la lagliaya e ne usciva una. giovitte. Tagliò poi U pia 
grossa e ne asti una gioviiie cbe era la Uella ile' selle ceilri. 

Si baciarono colla rjgizza, e il figlio dui Re te disse: •• • Tusiai qoi, 
cbe io Tado a prendere i miei paienli e andremo nel mìo paese. • 

La giovine gli disse: — ■ Se Ina madre ti cercherà i capelli, tu ti dimeh- 
licberai di me. • Il giuvine andò uel suo paese e disse ai parenti cba a- 
vera trovato la Promesu, e slanca si gettò u dormire. 

La madre gli cercò la lesta e il ciovine dimenticò la Promessa. 

Helli per me. La Bella de'setle r«dri topra an melarancio appettava il 
damo, ma il damo non veniva. Vicixo l'albero doveera lafiella deiselte 
cedri eravi un fonte; ivi andava una mora per riempire l'idria. Questa 
mora si specchiava neiracqna, e la parve di esaere bella, perchè la Bella 
Uei sette cedri appariva nell'acqua, e parve alla mora di essere issa. 

Allora gellù l'idrin. e si assise vicino il fonte. Ha qnaxido vide qaelta 
giovine sopra l'arancio te dimandò cosa facesse in quel luogo, e quella ri- 
spose: -~ I Aspetto il promessi). • E che fec« l:i mura ? fece Ktndere la 
Bella dei sette cedri per pettinarla, 



UigniaOb, Google 



LA BBODA DI U EEtTI ClTHI. 287 

gne dil né tierat i biri regghrt u cuitoa Dca nusia, e vate 
t' e mirrés. Ma cur pa scaven per la Bedia di li setti citri i 
pìeti si eie se u ba e CeilS; e ajo i fla, se diali e buri astù. 
I biri regghlt cbìegbi nusen te x'^^^- '^rdi dita cUr cbisc 
martoscJD; burri ce baj ts ngrént pa gaS Cogg ce chèndoj. 

t Coeu coca di la cvcina 

Chi fa la Re cu la Rìsgina? 

Chi si pigghiau la scava 

Pi la bedda dì ti setti citri. > 
Ai burr jà Sa birit l€ reggbit, e cblndruan, se cbisc ^Sjin . 
ató togg. Te dita pran e Un e ì ailuartm ggbilpnrn, e 
Cogga u bu la Bedda di li setti diri. 

I biri i reggbit bè té doggbén me dri té gnoma scaven; 
ea mortua cu la Bedda di li setti citri. 

Atà rruan e trasguan, 

E na chcndruam si ur té scinam. 

La mora aveva nno spillo incantato e lo Geco nella testa ili es^, e la 
Bella àe'i selle cedri diventò uccello. Vin un giorno tra gli alin il figlio 
del Re si Ticorilb della Promessa e andò a prenderla. Ha quando vide la 
mora invece delia Qelln dei selle cedrile domandò come si Tosse fatta nera, 
e quella risposa che il sole la aveva fatta cosi I! figlio del Re candosae 
la Promessa nel paese. Venne il di quando si doveva tnarìlare. E l'uomo 
cbe faceva il mangiare vidde un uccello elio cantava; 

Chi fa lu Re co la Rigina 7 
Chi si pigghiau la scava 
Pi la bedda di li seni citri.» 
Qnell'aamo lo racconlA al figlio del Re e restarono che dovevano pren- 
dere rucccllo. Il giorno dopo lo presero, gli tolsero lo spillo e t'uccello 
diventò la Bella d^i sene cedri. Il figlio del Re fece ardere r.on sarmenti 
verdi la mora, e si maritò colla Bella dei sette cedri, 
E quelli vissero e godettero 



usniaob, Google 



riàBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 



VARIANTI E RISCONTRI. 



Si confronti colla nostra XIII: Btan«a-comu-niti(-r tuta-co pnm- 
focu, e più colla variaote di Noto riassnota nel voi. I, pag. 118: 
la bttla Rosa, ove sì legge lo stesso intercalare delle colombe. 
Il principio è slmile alla XIV: Mandruni e Mandmnai a ìì &ao 
alU XV : Lu Re di Spagna. 



UigniaOb, Google 



n. 

Mamadraga *. 

Gas xlierS e gaé xheré goS burr rate le goS copst sat 
DipjiS Sam, e vate té prìsé goé lacr emade. PSr lacren 
prea gag chgpurd; ma ajo nch6 isc goe chépurd, ma isc 
vesci i Mamadraghes. Mainadraga sturi gné iarim, e vate 
(6 x^i barrin ai gghi6 i trombar i lìpi ndlès; e ajo i Sa 
se nchS i bnj mosgghi^ ma cbisce i cbiexh gné nca td 
bijat. Ai ftet ja chieglii. Ueuatnet Mamadraga doli , ma 
me pare sat di) i 6a vaUis se chisc yH] gné log druri. 
Vai^a chércoi sat exaj, nché mundi e sturi le plé^hté. Hd 
dizzà kérò jerdi Mamadraga e Oerriti lugghén; e lugga i fla 
se isc te plSxbt; a^bierna Mamadraga xhéagri vajCaén; 
Dopu dizza dit vate ijati IS vajCés e piati per te bijga; 

' La Hammndraga 

Una volta ed uaa yolla nn nomo aodA in un orto per cogliere erbaggi, 
e andò par lagllaie an grosso cavolo. Col eavolo lagliù insirme un 
funga; tua quello (il fango) non er^ fungo; ma era l'orecchia della Una- 
(oaJraga. La Uamoia raga grilli un grido e andb (lalfd) a mangiare l'no* 
tao. Quello lulio intimiirila le cliiese perdono; e i^uvlla gli disse che no» 
gli farebbe nulla a patio che le portasse una delle me figlie. Egli vera- 
mente gliela menò. 

Li dimani ia Sl^tumadraga usci, ma pria di mcire disse alla ragaiia, 
<be dovesse mangiare una cocchiaia Ji legno. La ragaiia cercò di man* 
jiarla, ma non poié, e la gettò naJa polvere. Dupo qualche tempo venno 
la Uammadraga e chiamA la cucchiaia , e la cucchiaia rispose che era 
nella polvere. Allora la Mammaitraga dlvotd la ragazza. Popò alquanti 

PiiKB. — Ftab« e Novelle. Voi. IV. 19 



UignieOb, Google 



290 FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC 

Hamadraga i ea se né dej t'esci^h chisc chie^ tielrìn 
bijé. Chi ja prù e ajo i Sa gne tumen xarom. UeDatSo 
me par sat dil Mamadraga 6a \3ìZès se chisc xaj logghén, 
n6 jò e vris si vrau tietrén motré. Cbio ce chiscé mS ndel- 
ghim, dogghi lugghèn e slipi e tosi te vjét e exliéogri. Si 
scuan zza dit ierdi Mamadraga e pieiti lugghés te cu ise, 
e lagga i Sa se isc te barca e vail^es. A/hierna Marna- 
draga u ghKua e eburi ilogne té gghifl scirbiset. Gné dit 
né tierat Mamadraga desc chércuar criet, e vaii;a i da gné 
carpane te criet e evrau, Axhierna doli gné bir regghi e 
me até n martua. Atà rraan e trasgtian; Suaj tgndea se 
limen e 6ascS. 

VARIANTI E BISCONTni 
Vedi la nostra XIX: Lu Seavu. 



gioroi andò it padre detta fjncinlla e chiese di sna figli ; la Mamoit- 
draga rispoie che se{egli) la valeva vederu doveva condurle l'altra BgVa. 
Que*d gliela condusse, ed essa gli diede {alCvomo) un lnini>lo di monela. 
Il nialtiQO. prima di nseirc , la Manmiwlniga disse alla ragazza che do- 
vesse mangiare la cucchiaia, alirimenii la ucciderebbe come uccìse l'altra 
sorella. Questa, che aveva più inlelligenza, bruciò la cacchiaia, la peslA, 
la sciolse nell'acqua, e la bevelte. 

Dopo alquanti giorni venne la Hammadraga, e domandò alla cucchiaia 
dov'era, e la cucchiaia rispose che era nei venire delta ragazu. Allora la 
Hammadraga nelu conlenta, e la Teca padrona di tulle le coie (tM). Un 
giorno fra gli altri la Hammadrag.i volle cercala la testa; la ragana I* 
diede nn gran colpo sulla testa e ta uccise, nllora venne fuori {utà) un 
dglb di te, e con essa s'ammogliò. 

Quelli vissero e godeiieru; 

Dici la tua, che ha detta la mia. 



UignieOb, Google 



One ca pne*af et e Qiuxait <■ 

Gn6 x^^^^ Giaxait i eà iati se chisc xain P^i" Natagbet 
gghielin ce chgndoj. Gn6 dit Détierat Giuxai vale prSja- 
sta, e gghiegghì gnè burr cS chSndoxS; i docu se isc 
ggliieli ce chisc vrìsin; e i slu gné ggur 13 trut e Trau atS 
bar. Me dizza x^er^, jerdi iati i Giurali, e cur pa, até ma^ili 
u trfimp mos ezijn te fulachia, e gliio i dreruar morì tè vra- 
riu e stHrì te gnè puz, e sipr i vmi gn€ licuré dasci. ErSi 
mi dizza xSr3 ligghia, chfircuan ta vrarin te gliie vendet, 
e cur pan te puzt, stua t€rcuzdn e erSì licura e dascit, 
Ghgslu vetém e scapiirdicbi Giurai. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Vedi la nostra CXC, Giufa', % S: Giufà « lu eanta^matinu. 

' Una delle (torielle di Gin^ji. 

Una valla a GiuXà disse il padre, che per Natale marigerehbero an 
gallo che cantava. Un gioina tra gli altri Giuyìandò in campagna.e senU 
un DOma che cantava, e gli parve che era il ^«llo elio dovevano Decide- 
re; e gli gettò una pietra netl» testa e uccise l'uomo. Dopo i^aalche ora. 
Tenne il padre di GiuX^, e quando vtildo quel fillo sanguinoso letaè che 
non lo menassero in carcere, e tatto spaventato pres4 l'uccito e lo getti) 
in nn pozzo, e sopra vi pose una pelle dì montoni'. YeDne dopo i]ilalche 
tempo la GiDstizia, cercò l' ncclso da tutte la parli, e quando vide (guar- 
dùi nel pomo, gettò le corda e venne la pelle del monlone. Cosi solo se 
la cavò Giovà. 



UigniaOb, Google 



I blri Begrgrhit e Oghialprl *■ 

Gaé xlieré iscd gnè bir regghi; chi bir regghi vate sat 
ggbiéD. U ndo5 sat vij gn6 carpane scìu, e ai clièrcoi gnfi 
pèrstiim. 

IscS gné shpi nilani;, e ai vale atiè ; lupuliarli, e isc« 
gnS vaiCote ebucur ebucur ce nclié de' sblij. 

I biri reggbit sturi te Seu deréa, e cur gghieti vaìC^a 
i buri dizza x^ré, e i Sa fìal se chiscfi e miréj per ause. 
VaiCa emiera u la sat munde} oca xaret eltxS- Menatnet si 
u ngrìtin oca strati i biri reggbit de' té ve]; e vaita i Oà: 
— I Sit ti mfi le? » — « E/.S; ma pran vign6.» E cur isl 
cUéstù i da vaiCa u t€ jap chéte gghialprd ce ca 16 vigne 
me ti-/.3> e ncbS té le sat marscé mosgnera vaiC se mua.» I 
biri reggbit vale, de' mirSj gtid vai^, e ggbialpri ju ddreB 

' 11 &glio d«l Be e il Berpeote. 

C'era una volta nn Bglio di Bf, qa«9ia Oglìo di Ile andò a cacctare. 
Successe che se na venne un colpo d'acqua, ed cgti cercò un ripaio. 
C'era una ca»a vicina, ed egli vi andò. Bussò e c'era una ragaiia bella 
bella, la quale non volevi aprire. Il Sglio Jet Re getiù s terra la por- 
la, e trovala la ragaua le Teco mille carene e te promise di sposarla. 
La ragaiiB, poverina, si lasciò vincere dalle sue carente. La maltins 
come sì alzarono da letio il figlio del Re voleri andarsene. La ragaua 
gli disse: — • Come t 1u mi lasci ? ■ — -Sì, ma pai tornerò. • — «E 
quand'é cosi, gU disse la rag.izza, io li do questo serpente che verrà eoa 
le; e Don li laecerù sposare nessuna ragazza altro che me, • 

Il figlio del Re »BÌi> via. Volle sposare una ragazza; e il «arpe gli si 



UigniaOb, Google 



1 BIRt REGGUIT E GGHIALPRL 293 

té chiah , e i 6a se dex$ t' e vrìsej. OeJ martonej me 
gnetré e ciò si me pare. Clé astù se vale te vaiCa , e 
gDÌi;e u leflerua nca gghialpri car u nartua me vai!:én 
ebncnr. 

Ata rruan, e trasgnan 

6u3j tenden se timen e Oascd. 

VARtAHTl E RJSCONTRI. 

Una versione più circostanziala ne diede Gonzenbach, Sieil. 
KSrch. n, 40. Fan der Schlange , dii f&r et» lUadehen ztugtf. 
Qnalcbe rassomiglianza offre la 19 delle Sagen nttd Legindaa 
j&dUeher Konn'l, di Tkn&lii;). 

attorcigliò al collo, e gli àUac eh» voleva occiilerlo. Volle iposBre nn'al- 
tra e ;li sacc'-ue come prima. Fu cosi che andò dalla rsgazin. e allora 
Ri liberò dal serpe quando sposò la bella ragazia. 

Quelli vissero e foJeitero 

Dici la lui, che la mia Ih dissi. 



UigniaOb, Google 



V. 
Chepuzari pa x^elms *■ 

One xheré iscé gnè chgpaSarS. Chi chèpuzarè chSr- 
cojS ditéD buch, oatgn pelchè. Gng dit n3 tierat u pa 
me diàlin, e diali i Sa gnè zzaccùle c3 iipéj x^rom, e gnS 
péstrim cS chiscS buj tre vièt, Ire muaj, e tre ddit. Chi 
cbgpuzara vejd p€r aé x(>rét, e x^"^^^ ctiisce sa dej. Clè 
se gDé mbret chiscé bello^fn^, xarooiSsc^, ma sciuin, e mo6- 
gneri i chiscS. Ctiépuzari j'a xi^aiti, e ja $à. Mbreti u 
eamas, e cBa se chìscè t'i jip per nuse bijén mS tè maden. 

Chepuzari me iacdotuam se chiscé pcrsrimiii c'è cbisf^ 
Sène Diali, e nch'e desce. E bija me evogla e mbretti e 
pa, e i pèlkeu, e e descS ajó, e u martuan. Scuan ire 
Tiet; tre mnaj, e tre ddit, e chepuzari , u gescS me pé- 



' II oatiolaio Matti affanni. 

C'era una volta un calzolo'o. Questo calinUio desiderxva il gioroo pane 
e la nMle roba. Un gLorno tr.i gli altri si vide col demonio, e il demonio 
gli diede ana tiorsa cho dava sciripre danari e nna cesta che doreva le> 
nere tre anni, tri; mesi e tre giarnì. 

Qa sto ralzolAio andava pt r lo cilik e denari, ne ovea guanti ti* votea- 
Successe che un Re avea bisogno di ilaniiri, ma molti; e nessuno li avea. 
Il calzolaio glieli prestò lui , e glieli regalò. Il Re si -muravi gì 16, e gli di<w 
die gli volea dare per moglie la sna figlia maggiare. Il calzolaio era brat- 
to, perchè avea la veale che gli avea data il demonio, e (la ragaiza) noi 
volle. La figlia la più piccola del re lo vide, e le piacqui!, e lo volle lei e 
sì maritarono. 

Passarono Ire anni, tre mesi e tro giorni, e il calzolaio « svesti della 



-I., Coniale 



CHEPUZARt PA. XHBLHB. S^ 

Strimi té dialit, e u bù gnS copi! i bucur, e Ig Kiosmit 
i Kéntruan. Sa x^i^i nch3 i elea leciig ajo spi 1 1 Car e- 
motra emaSe pa chéts copti ibucur védiké per rax3Qii> 

Atà rrnaa e trasgnan 

E na kSDtraam si or tfi sciuam. 

VARIANTI E RISCONTRI. 

Vedine un perfetto risconlro livornese nelle Italienùche Volks- 
marehen del Knust, n. B: Ber Vertchwendtr. 



veste del JUvulo e ilivenne an giovaac bello, e le riccbma gli restarono. 
Quante feste non ci furono in quella casa f I 
Come la morella maggiore Ti<le questo bel gioTuiB no ni^rì iti rabbia. 
E quelli vissero e godettero 

le (ino ni spenti. 



UignieOb, Google 



VL 
Di mezzomerat tatarm ■. 

GnS x^^^ i3<^ S"^ regghé, e gaé rigin^. Chi regghd, 
e chéjò riginS ncliS chìscìn bij , e parcalesiìn lén i^oo 
sat chiscin gni. Gné ddit vati te lufta , e sbtiartia reg> 
ghério. Tè inierit vein tu-e-lipur e£è buchén. Gaé ddit 
né tierat a ndoS regghi ndan; gaè lum3, e mori gné ba- 
cnr piscbe i cukS. I 6a piscu reggliit: Pritgoi cattrS zopa, 
gag p^r jot scioke, gnS per Keniz tènd, gnS p€r pelén 
tènde, e gnetré per copstin. Si scuan dizza ddit esciokia 
poli di bij, kenì ddi culisce, pela ddi gnéj, e copsti mos* 
gghie. GghiO età iscia le fatarme se piscu iscé iratarmé. 
Si a rilSn età di bij n vun calaar mi ddi gneité , e me 
kenetS vein sat chiscin pamela regghérin ifi jatit tire. 
Van per né yprèt, e gneri a ndo6 te goé reggliérì co 

■ I due gemelli fateli. 

C'era una voUa un Be e una ttrgins; qafsto Re e qnesla Ilegini non 
avevaDO figli; e pregiivana IJdìo per averne almeno uno. Un giorno an- 
darono atta guerra, e perileltero il regno. Miseri anilaiano accanando an* 
elle il pane. Un giorno Iru gli allri si trovb il Re vicino a un dump, e 
prese un hot pesce rosso. Disse il pesce al Re: — • Tngli»mi in qu illro 
peui: uno per tua moglie, uno per la tua cagna, uno per la lua caViilla 
e nn altro pel giardino.» Passati alquanti giorni la moglie parlori due ge- 
melli, la cagna due cagnolini, la cavalla due cavallucci, e il giardino nien- 
te. Tutti questi orano fatati, perchè il pesce rosso ^ra fjlato. Crescimi 
questi gemelli montarono sui loro caTaituoci, e coi cani andarono per 
riavere il regno del loro padre. Andarono per b città; ed uno capita in 
nn regno ove alquanti giovani lottavano per vedere a cbi dovesse loc- 



UigniaOb, Google 



D) HEZZOMERAT FATAHM. 297 

muodscin dizia copij sat sci^bio caj chisce i ncbiséj pSr 
scioke Bigina. 

Ai a tartaa, mundi e mori riginen. Chgjò riginfi tscS e 
bija te regghit c6 chiscS mar reggb€riD té jalit etixfi- Scoar 
Cza ddit chi diale vale sat gghìèD me calia, e me kenin. U 
ndoO sat vij lietri via ce i gglisSj ggli6 atìxé, e f)»o me 
calin, e me kenin. Bigina i bari fakte scana se iscé isciokì. 
Mbrdraanit van le strati, ma copili vari némest gng Càbie 
sat mos i bojfi brit té Tlaìt.ErSi menatnst isciokì, e cnr 
ggbièggbi scèrbesin e nats de^ tè vriséj té scioken, pra 
cur ggtiiegghi se me te vlain, e ajò, nchè chiscé clén 
mosgghiè, epu^i, e estrSngoi te gghiri. 

Ati rruan, e trasguan. 

fioam ténden se timea e OascS. 

VARIANTI B RISCONTRI. 

l'nk TorBÌone quasi U stessa ne ha la GonzE:<BACH , d. 39 : 
Von den Zteillingsbr&dem (t dae fratelli gemelli), ed ana con* 
fimile al n. 40 : Von dea drti Brùdtm [l tre fratelli). 



care in moglie la reginella. Egli comballè e vinse e apoaò la re^netla. 
Qneala rpginellaera la (ìglia Jet re cheavea preso it regno del padre di lui. 
P.nseatl alquanli giarni questo gloiane aodù a caccia col cavalla o col 
canr. Si trova a vanire l'aliro fraUl^o che gli somigliava lu'io, e I cnira 
col auo cavallo e col suo oane. La reginèlla gli fece buon viso come se 
{egli) fosse suo marilo. La sera andarono a lello; ma it gioT^ue mise io 
meno una sciatta per non f.tre le corna a suo fratello. Venne l'inifoma- 
dì e qn.indo lo sposo ndi l'accaduto della notte voleva nmmaiEare la mo- 
glie; poi quando seppe che tra il fratello e lei non c'era stato nulla la 
baciA e la alrinsa al petto. 

Essi vissero e godetterii 

Dimmi la Las, thè bo detta la mi:i. 



UignieOb, Google 



"298 FIABE, NOVELLE, MCCOMI EC. 

Una veraioiw veDezìaaa con qaalche variante ne diedero 
WiDTBR e WoLF nelle Volltmàrehen qui Yenetien , o. 8 : Dtr 
Drachtnl64ter (L'uccisore del Drago) ; nna tirolese Ip Scrhbl- 
J.BB. n. 18 : Di» drei Fischersdhne (/ tre figli del peseador). 

Per altri riscontri, vedi Kohlbr nel JaArtucJi fùr romanitek* 
und englùeke Lileratur, VII, ì, pag. ISS-Sij nelle Sù:itidni$dit 
Marchen, voi. II, pag. 319-30; e Se hncllbu, Sfare A«tt und Sagm 
atu Wàlìchtiroi, pag. 186-87, n. 38. 



UignieOb, Google 



GLOS8AJRIO 



UigniaObyGpOglC 



UignieOb, Google 



AVTERTBMZA 



Questo Glossario comprende dd buoa numero delle voci 
che ricoiTODo più spesso Della presente raccolta, e quelle 
specialmente che per discostarsi dal siciliano comune e 
dalle forme grafiche usuali si rendono meno intelligibili a' 
Qoa siciliani. E perchè si veda a prima giunta quali sieno 
le voci di tutto il dialetto (intendasi sempre popolare), e 
quali le speciali di una o più parlate, è da avvertire che 
le voci seguile da parentisi con un nome di cillà, non 
sono che di qaella o di altre città soltanto, fors'anche di 
una, due o più provincie, ma non già dì tutta l'isola ; e 
quelle invece che mancano di silTatta indicazione sono 
di talla Sicilia. A tal uopo le voci speciali (sieno anche 
le più vicine a' loro etimi), appunto perchè tali, richia- 
mano alle voci generali, che poi alla lor volta raccolgo- 
no dietro di sé le differenze e le varietà delle parla- 
le. Vanno escluse da questo elenco le voci dì S. Ca- 
taldo nella provincia di Caltanissetta , e quelle di Piana 
de' Greci , colonia albanese ; perchè le fiabe di questi 
comuni recano a pie di pagina una versione letterale 
italiana. Le spiegazioni sono limitate (e questo si vaol 
notare espressamente) a' significati che le voci hanno 



UignieOb, Google 



302 FUBK, NOVELLE, RACCONTI E£. 

nei testi, altrimenti si dorrebbe compilare nn vero vocabo- 
lario, mentre quello che Ta al caso nostro è no elenco alfabe- 
tico delle voci dialettali o sotto-dialettali cbe i vocabolari 
non tutte né sempre registrano, o non spiegano coafor- 
memeote al nostro significato. Dei sostantivi é segnata la 
desinenza del plurale, la quale è sempre in t o in a. Sotto 
la qualità di diminutivi escono anche i vezzeggiativi. Dì 
quasi tutti i verbi irregolari e di qualcuno tra' regolari son 
date le voci del presente, del passato rimoto, del futuro e 
del participio passato. Forse non sarebbe stato inutile per 
la storia della lingua italiana e dei suoi dialetti Taggino- 
gere a ciascuna voce siciliana la voce dell^aptìco italiano, 
che 6 quasi la stessa; ma per ciò il lettore potrà far capo 
ad altri lavori d^argomento siciliano, ne' qoali codeste si- 
miglianze son messe in evidenza '. 

Ecco intanto le abbreviazioni con le relative loro spie- 
gazioni : 

Acer., (accrescitivo); agg., (aggettivo); avv., (avverbio); 
cong., (conginnzione); dim., (diminntivo); t^ (femminile); 
fot., (futuro); intr., (intransitivo); m.,(maschile) part., (par- 
ticipio); pass., (passato); prep., (preposizione); pres., (pre- 
sente); pron., (pfonintte);rifl.,(riaesso); sost., (sostantivo); 
tr., (transitivo); v.,' (verbo). 

■ Canti popolari tìeiliani raneotti td Utiulrali da h. Vtao. ptg. 6-3l( 
(Cataou 1SÌS7); Confi pop, lieil. raeco'ti tdUlialrati dsG. Pitbè, voi. t 
(Palermo, 1870); La Baronma di Carini ecc. di S. Salo ione -Sf ah no , 
2 ediijoae, pag. 971-SaO (PaL 1873). 



Uigniedb, Google 



GLOSSARIO 



>4,prep., a. || Talora è una sem- 
ilice tetterà che si aggiunge mnanii 
)d alcuni verbi ed aachc ait altre 
parole per crescere eiGcacla al si- 
joilìcato. Allora si raddoppia o si 
rafTorza la consonante onde il ver- 
bo o l'altra parola comincia; e qutu- 
li libbirari, ricampari , rieannsci- 
1, gapiri, ai ìa aliibbirari.arrieam' 
tari, arricanitidri , aisapm, Pie- 
Iro f anfani {Vocabolano dell'uso 
lotc.) trova qnesta maniera cornane 
l) calabrese, al Dapolitano, al to- 
icano ecc. e tace del siciliano, che 
''ba eomunissrma. Francesco Selml 
Qibellù, novella inedita in 8. rima 
lei buon leeolo della lingua, nota 14. 
lologna, Bomagitoli 1863) discorre 
ell'a prepositiva ora affissa orastac- 
ata dal verbo infinito quando esso 
erbo è preceduto dal verbo fare; 
I a proposito della frase fare a sa- 
ìere afferma che essa sia • partlco- 
ar« coslratlo vetusto, circa al qna- 
e si smarrt la memoria della causa 
inda si compone. > 

'a, per afer., prep., a. 

abhagnari, f. Ir., intingere II Ba- 



gridare per le strade frulla o altro- 

abbannunari, v. Ir,, cadere in sve- 
nimento, [leliquio. Pres. abbannumt; 
p:is3. ùhbT.iinnai.abhaiinv.naoi; fot. 
abbannunirrò -ogijia; pari. pass, ab- 
battnunaltt. 

abbannvnatii, pari. pass, da ab- 
bunnunari, abbandonato || Svenato. 

abbarruiriii, abbauririsi, v. rifl., 
basire , intronare , stordire. Pres. 
t7i'aii6arr«(s«u; pass, m'abbarruivi; 
part. pass, abbarruutu. 

abbaieiu, avv,, abbasso. 

abbaurriri (Salap.) , vedi abbar- 



abbiaggiari (Vaflel.) vedi viag- 
giari. 

abbiari, avvtan. v. tr., STViare, 
indirizzare, mandare. Pres. abbiU}. 
pass, abbiavi; fut. abbirrò -oggiu} 
part. pass, abbiatu. 

abbtdiri, vedi abbidiri. 

abbili, per prolesi, invece di bi- 
li, s. f„ bile, collera. 

abbiliàriii, V. rtfl., prender bile. 
incollerirsi. Pres. m'abbiliu; pass. 
m' abbuiavi; fuL m' abbiUirrò -og- 
giu; part. pass., abbiliatu. 

abbiittà, o abilità, s. (., abilità. 



UigniaOb, Google 



304 TìàBB, NOVILLE, RACCONTI, EC, 

abkinnttrì, a binnari, t. Ir,, ben- 
dare. 

àbbilu, t, >. in., ibtto, veste. 

abbivrdri (Vallel.), conlr. da oi- 
bivirari, abbeveri re, inkffiare, id- 
s equi re. 

abbràciu, s. m. , albagio. sorta 
di tessuto di lana per inverno, di 
cui fanno mollo uso i campagauoli 
e i contadini. 

obbraman, v.inlr., desiderare ar- 
dentemente. Il Essera avaro, quasi 



lelic. 

ttbbramalu, part. pass, da abbra- 
mari, usato in /orza d'agg., avaro, 
avido, quasi famelico. 

abbricari, v. tr., obUigare (voce 
dell' umiliseiino volgo;. 

abbrisciri o albiteiri , v. intr. , 
levarsi tra' vivi. 

abbriieiarì, v. tr. e intr., brucia- 
re, ardere, i Recar bruciore; aver 
bruciore. 

abbuceari, o 'bbucean', v. tr., ab- 
boccare, rovesciare, cader bocconi. 

abbìiliàrisi o 'mbuttàrUi, v. rifl., 
saziarsi. 

aceabbari (Marsala, Trapani, En- 
ee), V. intr,, morire. | Finire, ter- 
minare. 

aecabbala (Erice ecc.) s. f., fine, 
termine. 

aecaeiuni, per prolesi, invece di 
eaciuni, cagione, causa. 

accalviKcun (Salapar.), lo stesso 
che cavalcavi. 

aeeampari (Polizzi) v. tr., rubare, 
involare. 

aceaniari, v. tr., guadagnare, ot- 
tenere, riavere, ricuperare. 

accarjiari, v. Ir., afferrare. 

aecaiàriti, v. rifL, metter su casa 
sposandosi. 

acca*tagnttri, vedi 'ncattagnari. 



lalìre, 
] vedi aeehie- 



acekianari. v. tr. e intr., 
moDtare. 

aeehirchiari (Sala; 
chiari. 

ùcthieehiari o oceAirehiari, v. in- 
trans. , mettersi in allenzione , JD 
orecchi, guardare inarcando le ci- 
glia. 

dccia, i, 3. f., sedano, appio. 

aecicciari v.tr.. abbracciare stret- 
tamente, afferrare. 

accineirt, (Erice), vedi einctri. 

accitedda, i, a. f., dim. di àccia, 
sedano. 

occuceÌan(Aeireale) y.agptueìari. 

aeoHaitari (Mangano) veai aeeum- 
viudari. 

accummudari , o accitmitari , v. 
tr., accomodare , adattare, accoD- 

ai;i;uTnpa|ina(u, part. pass, da ae- 
cumpagnari , accompagnato. I Agg. 
di cosa nbbondanle, ben fatta, bea 

XCV) > La rigginotta vosi la cafe 
e laculazioni bella accampa^nata.' 

accumpàriri , o accumpanri , v. 
intr., comparire, apparire. Pres. oc- 
eumparu o accumpariteiu; Pass, oc- 
cumparivi, accumparti. Part. pass. 
accumparutu, accttmpantt. 

accunséntiri, v. Ir., acconsentire, 
accondiscendere. 

aecupatu,' pur iscanibio della 
coll'o, invece di occupalu, agg. di 
persona che manca d'aria, e sof- 
fre al respiro. 

accora o a cura, composto da 
{dvn)a forse a {hai , t^bi) cura. 
H stari occuni, badare, stare in at- 
tenzione, In guardia. Il Oa ri a cura 
badarsi, riguardarsi, slare attuilo; 
e dicesi pure pur fognazione del ver- 
bo duna (dli): n'aceura, bada. 



UigniaOb, Google 



1 (per o«i 
f., occorrenza, bisogno. 

aceurzari, v. tr., accorciare, ab- 
breviare. Il P'. aceurzari . a farla 

acctirzu, ì, t. m., mezzo breve; 
U Viascorciatoja. 

accum 'cenisi o cuti, avv.,cosi, 
11 accussi e acuiti cosi e cosi, e' è 
questo e quest'altro. 

acfutufari (Mangano), vedi aeeu- 
tuffari. 

aeeuluffari o aceuai/ìjn.v, tr., ba- 
stonare perbene. Il Lasciare mal- 
concio a bastonate. 1 Trovarsi dì 
malessere. 

aeiddàru, o oeidddaru, i, a , s. 
m., uccellatore. 

acìddottv, i, s. m., dim. di aceddu, 
nccel lotto. 

acieddtt, yedi oceddii, uccello, 

adàcitt, adagiu, avv., adagio. 

addannàriai o dannàrisi, v. rìfl., 
dannarsi. 

addattari, v. Ir., dare, aoccbiar 
laUe. 

addàuru, t, s. m., alloro. 

addetta, o 'ddella, gaddetta, t. s.f., 
fossarelia ctie Tanno i fanciulli per 
giocare alle nocciole. 

addijri, v. tr., scegliere, presce- 
gliere. Pres. addiju; pass, addijni; 
tut. addijrò -oggiv, pari. pass, ad- 
dijatti. 

addifénniri, o difenniri, v. tr., di- 
fendere. Pres. addifennu (e all'Etna 
addifeagu), pass, addifinnivi, addi- 
fisi; fot. addifinnirrà -oggiu, parL 
pass, addifinnutu. 

addiggiriri o digiriri, t. (r., di- 
gerire. 

addiminari, vedi 'ndivinari. 

ùddìnchiri (Salaparula), vedi jtn- 

PirRÈ. — Fiabe e Novelle. Voi. IV. 



305 

addinucchiuni, o a dinueehittìii . 
'«cuti l'ecAiuni, avv., ginocchioni, in 
ginoccliio. 

addiperdiri , o perdiri , v. Ir. e 
jnlr., perdere. 

addtvari, [voce non palermitana), 
V. tr., allevare, nutrire. 

aiMicintart, v. intr. , diventare, 
divenire. 

addrilta [a l'), mod. avv., in pie- 
di, ritto. 

addrizzu, o ddrizzu , i, s,, no. , 
fornimento d'oro per donne, fini- 
mento. 

addrummisciri (Vallelunga), vedi 
addwnmiscin. 

adduari, vedi addugari. 

addugari , adduari . allucari, v. 
ir., dare a pigione 11 Tórre a pigio- 
ne, llillogare. 

addumari , v. tr. e intr., accen- 
dere, allumare U Inalberarsi. 

addunàrisi. v. riti,, avvedersi, ac- 
corgersi, addarsi. Pres. m'addugnu, 
I' adduni, s'addttna ecc. Pass, m'ad- 
dunai, m'addvnavi; par!, pass, ad-^ 
dttnatK. 

addvrmieeiri, o addrumisciri , 
addrumtniscìTi, attrummintari, an- 
numigeiì-i, v. Ir., addormentare, far 
prender sonno II Addurmisairùi, 
rifl. addormentarsi. - 

addtttturari, v. intr., addottorare, 
diventar dotto. Il Tr., far diventar 
dotto, islroito; vedi voi. Il, pag. Iti. 

affacciari, v. inlr. e (r. , affac- 
ciare. 

affaceiu (o f), (Salap.). o -nfaeei, 
rimpelto, di faccia. 

oifoiaMtialu. pari. pass, da affas- 
ziinari, che tia belle fazzuni, (fat- 
tezze), di buone o di belle forme. 

affenniri, vedi offenniri , offen- 
dere. 



UignieOb, Google 



306 



FIABE, NOVELLE, BACCONTl, EC. 



offgghiari, v. tr., affibbiare, ab- 
bono na re. 

agHicchiari, v.tr., appuntare, ten- 
deri<. stare in attenzione. 

offirrari, V. tr., afferrare. 

affriggiri, affiggiri, v. Ir., afflig- 
gere.- 

affrilt», o a$itt», ag^., afaitto. 

affrunlarisi, v. rifl.. aver roesora, 
icrgognarsi. 

affucari, v. tr., affogare . stroz- 
zare. 

aggargiari, ». tr.. afferrar per la 
gola. Il (Resuttaoo) cominciare. 

ag^enti . per protesi, invece di 
genti, gente. 

agghtari (Caateit.) vedi atciari. 

agghicari o abitari , jUari, 'g- 
gkieari, a. intrans., ginagere, ar- 
rivare. Il Tr., aggiungere, andare, 
raggiungere. (Voce non palermi- 
tana]. 

àgghilari, o jilari, v. tr. e ìatt., 
gelare. 

agghiri . comp. da a jiri a ire , 
Terso, i Àgghiriceà, verso qua. li 
Agghiriddà,veno là. li AggbirvUoon, 
costi. 

agghiómmarv , t. vedi gghiÓM:- 
nam. 

agghiumnar(m, agghiummariari, 
V. tr., aggomitolare, ravvolgere. Il 
Fra vergere. 

agghiuneiri, v.tr., raggjangnere, 
giugnere (come leggesi nei Oeca- 
mtrone, X, éO: • Le quali (barche) 
non poteron si tosto fuggire, elle 
PtfODio noa gmngast quella ove 
eranle donne; ■ e vai, 6: «iHondo 
ìtao in&no a. laezta gamba gli ag- 

aoj)AttMtarì(Poli>EÌ), io stesso che 
ag^vutan. 
agghiuttiri o agliùttin, 'nghiut- 



tiri, V. tr. , inghiottire ll Àggkht- 
tirisi o agghiùltiai, inghiottirli; e 
si dice per lo pita del dimagrare 
istaotanco o del tirar profonda- 
mente il fiato. 

aspirata, i, s. f.. ritorno. 

aggiuceari, v. Ir., appoIUlare i 
Kel linguaggio meizo furbesco, am- 
mazzare in siieaiia || Rifl., appol- 
laiarsi. 

a^iurcatu. parL pass, da aggiue- 
con, appoìiajato. 

ap!)rainbart(Gaslelt.).loste&soe!te 
aggranfari. 

aggranfari o aggrambari, aggram- 
pan, V, tr., ghermire, aggranfiare, 
afferrare, 

aggrastari o accraitari, v, tr..at- 
ferrare. (Dalla maniera come s'af- 
ferra un becco, che djcesì ertute). 

aggrattu, i, (PoIìezì^ s. m., forte 
grido, urla. . strido. 

aggntppari. v. tr., annodarb | 
Aggruppari lifila.Sg. esser castra 
a dissimulare, dover soflrice con 
pazienza e silenzio, rassegnarsi. 

agguriusit o agnriviu, aurtim, 
aaruan, agg., di buon augnrio. 

àghirn o agru. agj, acre. 

a^ftutdW (Valleinnga] vedi oj* 
gkiittiri. 

ofnuni s 'gnuni, & m., aogt^, 
^ k) pia d una at»nia. 

agnuniari, v. tr., nascondere, riil- 
oantucciare. 

agmUi, tgnali, agg,, eguale. 

a^usNnu, quest' anno. 

aitati, s. f^ età [voce umile mi 
non plebea). 

alùeedda (S>a>U(>.) s. 1. àìw*. di 
alba. 

àlbalit (A^ifeale) , vedi «rviita. 

Ali, s. la.'. nODie lurcbsseo. dai 
popolo dato per lo più a qaaLeb* 



UignieOb, Google 



scbUvo o serro, apecialoienle nelle 
noveile- 

àlica, a. (., alito, forza. 

àiicu, s. m., vedi dJ»a. 

atiagnàrUi, v. rifl., lagnarsi, do- 
ItTsi. lamentarsL 

albuapatu, part pass, da allam- 
pari, afTaiiiato. || Colpito, o come 
colpito da jaiiipo; assaettato. 

allampari , t. Intr. , sbalordire, 
stordire. Il Venir colpito da lampo. 
Il Avere gran fame. 

allatinari. v. (r., suggerire altrui 
per Slo e per segno quel che s'ha 
a dire o fa re; imbeccare. U BJpetere 
con esatlezia. (da latina). 

atlmiancari, v, tr. , precipitare, 
laeciar cadere come dannaJaoan- 
ca, cioè ilirupo. 

allazsaratu, part. pnss., allatsa- 
rart, ed è add. di persona cbesia 
come Lazzaro quatriduanov magro, 
stec abito, amnnto. 

atlaziari, v. tr., allacciare. 

aUianatu, part. pan. da alBana- 
risi, distratto. 

oUtaaaztont. i, s. f. alienazione^ 
dìstrasione, svago, divertimento. 

altianàrwi o ailitnàrui, v. intr. 
rifl., alienarsi, divagarsi, distrarsi. 

a([»66Ìrort, ». tr., liberare, n»el- 
tere in liberlà- 

alRenàriti (Salapar.), vedi aUta- 

aifintan, o Hntari, v.lr., aJlenlara 
I Lasciar fare. 1 Scaricare, dar giù. 

Atlitticàrisi, T. rifl., ammalarsi 
cosi da non poterai p^ji muovere 
dal ietto. 

alivcari (Cast)., vedi addugari. 

atluccari, V. Ir., scroccare, alloc- 
care. I Dioeai anche, in eatti vo 
aenso, dì favore du ii cerchi da 
una donna. 



laio. 307 

aUueehiri, v. intr., divenire Ga- 
me un loecu, ciod come uno sce- 
mo; sbalordire Pres. attnechUeiu , 
allucehiici, allueehiiei; aUucchenm , 
allveekiti, aitueehiteinu. Pass, ai- 
tttcehivi Hlluechii, aUucchiiti , al- 
lucchiu; altucchemti , alUcchiitivu , 
aUuceheru. Fui. aiUcahirù -oggm. 
Pari, pass, allucculìi. 

ailKccutu. part, pass, da allvc- 
ehiri. raromincbiunito. 

ailuggitmentu, i, t. m., alloggia- 
mento, r alloggiare. 

allucintari, v. intr„ rtman>H'e ab- 
bacinato, il Tr., spalancare per ma- 
raviglia gli occhi. 

allupatizsìt , alter, da attapari . 
affamalo come lupo. 

allTippiari, V. tr., oppiare, addor- 
mentare con oppio. 

oJItippiatu, pari. pass, da altnp- 
piari, oppiato con oppio. 

alluttari, v. tr., vestire a brano. 

aUuUat»,p»rt. pass, da alluttari, 
mettere, vestire a luUu. a brono. 

alluszari, V. intr. . uuardar sol- 
tocchi ma con certa brama e in- 
teresse. Il Guardar fisanienle. allut- 
ciare. l Agognare. 

amitàriti, v. rifl., aver pratica il- 
lecita. 

amitftri a '»gamitari, t. tr., iv 
saldare, bagnar con acqua d'amido 
(• si dice della biaocberia che si 
deve stirare]. 

aaimacchiariti. v. rifi. , naacan- 
derai In una macchia. 

ammancari a mancane v. intr., 
mancare, difettare, vanir meno. 

ammamUìtiri , v. L , uanteoare. 
Pres. ammantegna. ammanititi, atn- 
maatewii ammatitituina, ammanti- 
niti, anmanttunu. Pass. ^InMaiili- 
ni'ni amman ft'nfii) Fui. amntanti- 



UigniaOb, Google 



308 



PUBE, NOVELLE, RACCONTI KC. 



«t'rrd -oggi»; part. pass, ammanti- 
ntiEu. 

ammàtula o 'mntàtula , avv., in- 
vano , inutilmente. D Parrari am- 
malula, bealera mi are. 

ammfnu, armenit, almemt , av»., 
aloieoo. 

ammenzu, io slesso che 'mmenzu, 
in mezzo. 

ammigghiurari, v. iotr., miglio- 
rare, detto per lo più della salute. 
Vedi migghturaTt. 

ammigghittrari.omigliurari, mil- 
lurart, ammigghiurari, ammigHura' 
ri, ammillurari, v. tr., migliorare. 
iDlr., migliorare, andar meglio. 

amminaiii, s. f. plnr., minacce. 

ammtnàzzitu, i, a. m., minaccia. 

ammintari, 'mmintari, 'nointari, 
V. Ir., inventare. 

ammitari, vedi 'mmitari, invi- 
lare. 

ammueciari, v. tr., nascondere. 

ammucciitni, avv., Daseostameo- 
te, di nascoso. 

ammutari, v. tr., ngozzare. 

ammuntiddari, v. Ir., mettere a 
mumeddu, a mucchio; ammassare, 
, raccogliere. 

ammunttMri, o ammintuari, an- 
ninluari, 'mmintavari, 'muniuart , 
v.tr., mentovare, menzionare. Prea. 
(inimiintuu, ammuntùi, ammutitila; 
Fas9. ammuntwoi; Pul. Ammuntuir- 
ró -oggiu; Pari. pass, ammuntuatit. 

ammasciari [Moto) , vedi antmu- 

ammuicitmari, v. tr., corbellare. 
O Cogliere in inganno. 

ammustrari, o ammutciari, v. tr., 
mostrare, far vedere. 

ammuttari, v. tr., spingere. 

amuruiàtaia, ii, s. t, atfo amo- 
revole. 



ananlt, (Uilaizo) vedi davanti. 
anca, ehi, s. f-, anca, «ale pure 

àneilu, angiln, i, s. m., angelo. 

andari, (nel Messinese e nel Hi- 
laizese), o annari. v. intr., andare. 

aneddu, ■', a, s. m., anello (vedi 
pnre lOddu). 

an fitta, v. ansino. 

angidda, i, (Noto), s. f., angailla. 
In tutta Sicilia attcidda. 

animmu/tt, attimulu, t, e. m., ar- 
colaio. 

animmuleddu d attimulidda , t , 
s. m,. dim. di animtnulu, arcolaino. 

annacan, v. tr., cnllare. 

annarbari, o anitatbari , annar- 
vari. V. intr., serenarsi, e si dice 
del cielo (da alba, quasi albeg- 
giare). 

annari, (Etocca-vald.), lo stesso 
che andari, andare. 

anRtdrj, o annigari , v. tr., an- 
negare, n Rifl. anntàrm, annegarsi. 

annigghiatu, part. pass, da attnig- 
gkiari, annebbiato, annuvolato, n 
Fig. oppresso, confuso, accalcato, 
e si dice anche di persona. 

anntvisctri, iCastelt.), vedi arrt- 

annunca, vedi dunca. 
amina, lo stesso che 'nstno, sino, 
^na, fino. 

dtilicchia, tantiechia , avv., o s., 



un pocolino. 
antrart o nfran, v. intr., entrare. 

In slcil. comune tràsiri. 

antru (Cast,, Caltaniss.) agg. e 
pron., vedi àvtru. 

antu (Cast.), vedi dulu. 

anzitart (Polizzi), lo stesso che 
'milari. 



UigniaOb, Google 



appàeiri, o p àciri, v. ir^ aver 
pace, portare in pace , tollerarE 
soffrire. 

appagnàriti, v, rifl., prendersi di 
appagnu, dì paura. 

appagHv , i, i. m^ sospetto , ti' 
more, adombra mento; e aicesi, per 
lo pit, delle bestie. 

apparintari, v. tr, coolrarre pa- 
rentela. 

apparintatu ^Caltanias.), s. m., lo 
stesto che parintatu, parentado. Q 
Fart. pas9. da apparintari. 

appattari, v. tr., indettare | kn- 
patlare , pattare, H Somigliare, n 
app(itlàriii,ri(l,, imboccarsi, indet- 

appiccicori, V. intr., montare, sa- 
Irre aggruppandosi mani e pie, ar- 
rampicare. B Fig. inalberarsi. 

appinnicàrin, v, rifl., appisolarti, 
cominciar a dormire. 

apjìitininu o a pinmnv, avv. , e 
agg.. a basso, in gib, al pendio. 

apptszari, v. Ir., appendere, at- 
taccare. Il Perdere. 

appresm. avv. e preji., appresso, 
di poi. n Talora è quasi aggettivalo: 
Yappreuu «otti, la notte appreaao. 

apprtari, vedi pfiari. 

appricUtari, v. tr., consigliare 
imponendo, farsi per fona pro- 
melUre, (viene da prillili). 

apprittari, v. Ir., eccitare, atuZ' 
licare, pressare, aizzare. Il (Poliz- 
zi). aRreltareiappnìIau In peuiu. 

appràsitti , corrotto dai latino 

appvdàri (castelt.j, v. appujari. 

appujari, v. tr-, appoggiare. 

appulitziari, v. tr.. pulire, ripu- 
lire. [ Spolverare, 

appuntamentu, i, s. ta.. a propo- 
silfi di matrimonio, è la prima en- 

PiTRÉ. — Fiabe a Novelle. Voi. IV. 



trala che fa Io sposo in casa della 
sposa, nella quale entrata si sta- 
bilisce it roatrimonio da fare. 

appuntari, v. tr-, fermare. || inir, 
fermarsi, non poter pìQ andare ln> 
nanti. 

appuntiddari o pmUiddari, v. tr., 
puntellare. 

Aràtimu, ». m., tiraacno. 

aratu, i, s. m,, aratro. 

àrbtru [Hocca-Vald., Nolo), vedi 
dreuju. 

artdfint (Borgelto) , idiot., par 
diaboiicv, sgg.. diabolico. 

àrburt (Noto) , vedi anwlu , tu- 
bero. 

dr&uni (Nolo), V;edi ortiulti. 

arbùra, i, s. /., albore. 

arco, s. r., a^lga, 

areu, chi.t. m., arco, n «irDbtulti- 
rìsi r arcu, capir subito a V|d]o, 
mangiar la foglia. 

drdin, v, (r., bruciare, ardere. 

arqii, s.ra., quattrini (Fr.arii«nt}- 

ano, s. f., aria i.Jrta, ù, aria. 

ariccfcta, ovr/ccAio, vrieehia, aa- 
riceia, t, s. f., orecchio, orecpbie. 
D Àpìri l'oriechi a lu pi|m«d(ju, 
stare all'erta, jn attenzione. 

arraddari [Besutlano), t..lr.,r»ii- 
foljgere. 

arraf{(/a(u(Be8uttano},part.pa*s.i 
dft arraddari, ravvolto. 

arramurchiari, v. tr„ vedi turi-' 
mMcehiari- 

arrancari, v. jolr, , arrancane, 
camminar presto, correre. 

arra$cari, v, ir, raschiare. 

arratiàri. v. tr., dissostar^ al- 
lontanare. 

atrosiu o «rrosu, avv. e p«p. , 
discosto I Vedi fora, 

orrasu (Valisi ooga}, vedi. orroMU. 

SO. 



UigniaOb, Google 



310 



FUBB, NOVELLE, RACCONTI KC. 



arri (Borgetlo), vedi arreri. 
arrigpri, v. Ir., reggere. ] Intr. 
reggersi. 

arr^ntri (Messina) , vedi renni- 

arreri , o arrieri , arre , arria , 
avv., di nuovo, nuovamente. Il Die- 
tro. Vedi darreri. 

arrélu (Acireale), 'rretit, arretru, 
dietro. 

arria (Resuttano), vedi arreri. 

arribbuffari, t. inlr. , ributtare , 
ripercuotere. 

Qm6l»tt([an, v. tr., ribultare. ri- 
gettare, scacciare. 

arricampàriii , v, rifl. ritirarsi , 
tornare a casa. || Tr. , raccogliere , 
mettere insieme. 

:, vedi Weonusciri, ri- 



arricintari, v. Ir-, risciacquare, 
e dicesi della biancheria, de pialli 
d' altro. 

arrieurriri, vedi rieurriri. 

arricùgghiri, raccogliere 1 Alber- 
gare il Ricevere. 

arridiri [Noto), vedi ridiri , ri- 
dere. 

arrieri, vedi orrori. 

arrimoil» (Noto) . vedi rittalu, 
rimasto. 

arritnastari, v. Ir., batter di qua 
e di là. Il Fare stramazzare. 

arrimucehiari, o arramurchiari, 
V. Ir., rimorchiare. 

arrìnéiciri, v. Ir. , riuscire, con- 
durre a Sae. Intr., riuscire. 

arrispigghiari, vedi ruipigghiari. 

arripitari o ripitari, v. tr., pian- 
gere il morto, far corrotto (da ré- 
pùu). 
, arritcédiri (Vallel,), rtsc^ln,fr^- 



intr.,^ìsedere, riposare,avereslan£3 

Il Vale anche fari risidmza. 
Pres. arriiedu; pass, arrisidivi ; 
fui. arrieidirà 'Oggiu; pari. pass.. 
arritidvlu. 

arrisicu o.risicu, chi, s. m-., ri- 
schio, pericolo. 

arriiiUari, v. tr., rassettare, mel- 
tere in asaelto. Il Arri$iUàriii , v. 
rifl-, rassettarsi, quietarsi, tranquil- 
larsi, n Prender moglie o marito, e 
quindi aver la quiete desiderata e 
necessaria. 

arrispig^hiari. v. ruipigghiari. 

arristari, v. intr., restare, rima- 

o arritrdri, v. tr., riti- 



■. Il Bifl 



ritira 



arritràri (Caltaniss.), vedi arri- 
arrivari, v. tr. e intr, arrivare. 



aì'riviteiri o annitheiri, v. intr., 
rivivere, risuscitare. 
arrvmurustt o rumurwu, agg., ro- 

arntspigghiari, v. ruspiggkiari , 
risvegliare. 

àrvttlv, o àrbtilu, àrburu. àròuri, 
àrbilu, órdini, i, s. m., albero. 

àscta, i, s. r, ascia. Il Mastru (To- 

aiciari, o agghiari, v, tr. , tro- 
vare. 

ainppari, v- seipparì, 

asciogghiri, v. tciàgghiri. 

atciuttu. 'seiuttu, agg., asciolto. 
Ilasc4u(tu, o beddu atctutlv e pitti- 
nalu, indifferente, senca che paia 
fatto suo. ecc. 

ascwnlari (Caalell.) , v. auutari. 

aicurtlrari (Etna), v. tcunlran. 



UignieOb, Google 



1 Pro- 



vare. I 



. (.. 



osserva per osa . . 
nervazione | .Stari a l'asierva, slare 
alle vedette, ia osserva lione. 

asiammarari, v. tr.. smollare, e 
dicesL della roba a cui s' ha a 
fare il bucato. 

asiantucchiàrisi. v. tr. riO. . na- 
scondersi con arte e cautela coma 
fancio i santocchi (baciapile), i quali 
operano sempre con iscaltro ac- 
corgioiento. 

aìsapiri, v. Ir., per tapiri, sa- 
pere. Virdi la voce {ari e la let- 
tera a. 

ossari (Udazzo), vedi lattari. 

atieqvh, s, f. plur., esequie, il 
s. m., ossequi. Vedi voi. 1, pag. 3sa, 
nota 3. 

astieeumàrisi, o aitieeumiriii, v. 
rifl., divenir magro (siccu) per in- 
terno patema, assecchire I Man- 
giar poco e male per risparmio. 

atiiemi (Noto), v. 'nzémmula. 

attintumari, r. intr. , cadere in 
siutomo, iD deliquio ecc. 

assirinari. v. sirinari. 



attittàriti, V. tr. riti., sedersi. 

OMoreiri. o «(oloiri , assortir», 
V. tr., assolvere. 

oisumman, v. intr. e tr., venire 
a iHmnta, cIoè a galla, venir su, 
salire, nionlare. Il Sommare. 

atiuppan , v. tr. . imuppare II 
Rifl. inzupparsi l Attingere noliiie 
con arllfliio e senza parer fatto suo. 

atturbignari (vallel.t.dar legnate; 
preso da torbu, sorbo, il cui legno 
perchè elastico è buono a basto- 



àstmcu, ehi, s. m.. terrazza. 

ailràlacu. ehi, s. m , astrologo. 
ailutcW.v. Ir., spegnere, u In lin- 
guaggio furbesco, ammazzare in si- 

altnpancian, v. tr,. aggavijnare, 
afferrare strettamente. 

adintart. V. tr., slare in orecchi, 
origliare. Pres. aftsnlu; pass, altirt- 
tai, allintavi; fui. altintiró -oggiu; 
pari. pass, attintatu. 

atlipari, V. Ir,, riempire a zeppo, 
(da tipu, agg,. pieno). 

nllirruri (Acireale], per protesi di 
(irruri, terrore. 

afiisari, v. intr., divenir teso, 
duro. 

aHrassu, i, s. ra., ritardo. || Avv., 
in ritardo. 

nltricimentu , i. s. m.. audacia, 
ardire [Spagn. atrivimiVnlo). 

allrtf itu, agg. , ardito, audace. 
(Spagn, atreDÌdo). 

attrwmmtiì(àmi(Vallelunga), vedi 
addurmiseiri. 

attrvvari a Iruvari, v. Ir., trovare. 

attu, i, s. m., atto. U AUu ^ran- 
ni, lì cacare. Il AUu picculu, il pi- 

altujipari, v. tr., turare, tappare. 
H Intr., capitare. Il Incagliare. 

Aluzza. o Tuisa per Àgatutxa, 
dim. di Agata. 

auriceia (Nolo), v. ariccbia. 

dulru, air», antru, agg. e pron., 
altro. 

àulu, aniu, ariu , alta, gàulu , 



HS- < 



. alto. 



avantari, vanlari, v. tr., vantare 
Il Rifl,, vantarsi, menar vanto. 

avanlu, per protesi, invece di 
vantu, I, s. m., vanto, vantamento. 

acanzi, avv.. prima. | Avansì chi. 
prima che, atanti che. 



UigniaOb, Google 



312 

atàmu 
menlo, progresso. 

avirtiriu o vinérìu, l'i, i, oi., tose. 
Bvversieri, demonio. 

avirlenli, pari. pres. ila avérliTi, 
avverliri, avverteote, accorto. 

avàggkia, avv. , invano | Poco 
monla, non importa, non fa nnlla. 

atuidiri abbidiri , \. tr. , ve- 
dere i Avvedere, ravvedere. 

acrtntari o abbinlari, v. tr^ sca- 
gliare, scaraveatare. Il lDlr„ aver 
ùvttnt» abbentu, cioè riposo, re- 
quie; riposare. 

avvirtiri, v. Ir., avvertire. 

aovùlari o abbhlari, v, tr., sco- 
prire. 

avvutateddu o abbutaUddu. dim. 
di cccufolu, pari. pass, àa avvitla- 
rt, semicbiuso. 

aszappari , v. Ir, e inlr. , zap- 
pare. 



Bàcara ^Trapani), s. f., lo stesso 
che quarlara. 

baeazsiari (Salaparuta), v. intr., 
beccheggiare. 

baecaredda (Castell.) , vedi bata- 
redda, piccola brocca. 

baccaruni, i, s. m., (Caslell.), ac- 
crescitivo dì ftàccara o bàéara ; 
grossa brocca. 

bacchittala, i, s. f., colpo di bao- 
chella. 

badagghiu, i, s. m, sbadiglio. || 
Bavaglio. 

baddòtlìiìa. i, 8. t., dònnola. 

badelta a barMo, i, a. L, vedet- 
ta, awiso. spia, l Tèniri la ba- 
delta. spiare. 

bagghiti. b«jltu, i, s. m., cortile. 



nABE, NOVELLE, RACCO.NT), EC. 



6ao^iu pappili, i. 8. m., paggio. 

baiala o volata, i , s. t, lastra , 
lastrone. , 

boìlìri (Trapani),-vedi varrili. 

banca, chi, s. f., banco, detto per 
lo piti dello studio del notare. 

baiieareddìt, i, s. m.. dira, di ban- 
di, deschetto da calzolaio. 

banitnta, i (Erice), v. bonajtnto. 

banna, i, a. L, banda, parte, sito. 

(annera o banni«ra, i, s. f, ban- 
diera. 

bannjri. v. tr., bandire. 

baratlari, v. Ir., barattare, sbri- 

Sarsi con nn pretesto ^alungne 
i una persona, 

borcunt. o pareuiU, palettrti, 8 , m., 
lo stesso che finislrum, balcone. 

barra, t, s. f., barra, t Àviri 'na 
barra 'nta lu ciriveddu, melaf., a- 
vere una specie di faaiasia fissa 
nel capo. 

bàrsamu, i. s. m., balsamo. 

baiiiicó, a baimcà, s. m., basili- 
co, apt'utn botili'cuiR di Liun. 

balia, l't, s. I., badia. 

battagghia o ratlogghia , batta- 
glia, battallq. i. s. f., batlaglia. 

battagghiuui. (a), modo avv., a 
più non posso. 

battalla (Mangaoo, iliroena, Ge- 
raci-Sic). V. -baHagjftia. 

battana, b. f., chiasso, roinore. 

ballariuna, s. !.. accr. di baUa- 
ria, gran chiasso, gran rumore. 

bàuiu, lo a tesso che càusu. 

boisariottt, i, s. m.. compratore 
e venditore di oggetti all'iugrosso 
ed a minuto. (Da bazar). 

'bbHnaanti, per afer. , invece di 
abbunnanli, abbondante, molto. 

beceu, chi, S. m., becco tj Becm 
fujiitu, becco Kucco. 

biniri, per paragoge , invece di 



UigniaOb, Google 



beni, bene 1 Vtdiri bintri, voler be- 
ne, amare. 

biancu , wanen , brancu , agg., 
bianco. 

bica, ehi, s. f., fune. 

hieehirinu, i. a, dim. di biccheri, 
t. m., bicchierino. 

biddiisa , hiUisza , i, e. f-, bel- 
lezi a. 

hidri (ResDttano) , lo sUaso che 
viàri, conlr. da vìdiri. 

bindiri (Milazzo), vedi cinnirì. 

birhatia , a. f. , chiassata. Il Fari 
birbazza, far baldoria, divertirsi, ec. 

btmtta, i, a. f., berretto. 

bt'unnti , bninnu , crunnu, agg., 
biondo. 

bonajinli, vedi bonaj«nlu. 

bonajent», i (Trapani), nel signi- 
Seato di cntttanu, e dicesi pare 
bonajmti, banientv. 

honifatturi, btnifatturi , i. b, m., 
benefallore. 

bolla ,1,8. f. , botta , colpo. || 
Solfa 'n tetta, forte dolor di capo. 

bramavi, (Caltanias.) , v. ìntr, , 
gridare piangendo, quasi ululare. 

bromu, t (Caltaaiss.), s. m., grido. 

brazsetlu, o braccettu, (a), modo 
avv., a braccetto, a braccio. 

brioalura , a. f. , contr. da 6it>i- 
ratitra, abbeveratoio. 

brvcehittata, i (vallelunga), vedi 
/urcA l'Ita la. 

brvdu, (Caltaniss.), vedi brodu. 

brvnttu, agg., biondo. 

buffa, i, s. f., rospo. 

buffetta, i, s. f., tavolo per la più 
ad uso di pranio. (Fr. buffet.) 

bvggiaaia, echi, s. f., carniera. 

buggiaccaiza , i, s. f. , avvìi, di 
. bug giacca, 

bunellu , (cu lu) xn. avv. , eolle 
buone. 

PiTHÈ. - Fiabe e Novelle. Voi. IV. 



LBIO 313 

burctìlata (Palermo), vedi fnrchit- 
tata. 

burgiti. i, 8. m., agiato villano. 

bur^iiotu, agg. e aost. , lo stesso 
che burgisi, colui che è alquanto 
agiato se non ricco, e piglia terre 
a seminare nelle masserie cooia 
metEajolo. 

burro, t, s. f.,. burla. 

burrttla, vedi birrtlta. 

buttiggbia, buttiglia, buttilla, i, s. 
f., bottiglia. 

bultigghina, i, g. f., dim. di bvt- 
tigghia, boccetta. 

bùzzari, ì. f,, plur., gangheri. 



Ca, conginni., che n Pron. relat., 
che, il quale, la quale, i quali, le 
quali. 

cà, eong., che, perchè. 

'ca (Uangano] per fognamenlo , 
invece di 'nca, 'unea, dunea, adun- 
ca, annurtca, dunque. 

càccamu, a. m., loto o bagaloTo, 
frutto del Lotto jacaboew. 

cacazza, t, s. f., sterco. 

cacca, s. f.. cacca , voce per lo 
pita barubinesca. 

eacocctuta, eacorciula, earciòfula, 
i, a. f., carciofo. 1| Fig-, caporione. 

cac^tW, v. intr., eadere. Prea. eadw 
(Gastelt. caju); pass. rim. eadivi} 
fut. cadirà -oggiu; part. pass, ca- 

cafma, s. f, testa, «ìad il lo, cer- 
vello. 

cafuddari, y. Ir., dar fortemente, 
percuotere, batterei picchiare. 

cagnuledd», i, s. m., dim. di co- 
gnelu, che lo è di cani, cagnolino. 

cajorda, i, e. f., cialtrona. 

eafaorìtollH, t, s. m., dim. di ca- 
io" 



UigniaOb, Google 



3U 



FUBB, NOVKLU, EI&CCONTI, EC. 



lavriti, caUbrue. B Damerino, ler- 

eàtia, s. f., caci abbrustoliti. 

callàra (Calta DÌgt.)> vedi guaéara, 

catumari, v. tr., calumare, calo- 
mare. 

calunnia, ii, a. t., calunnia. || 
Pili comunepente vale ciuia, ra- 
gione, appleco. H Preltslo. 

Calàriu, ». m., Calogero. 

tàivsiìi, o ^uafwiiu, i, contr. da 
cavìiliizzit, diro, di eavviu, cava- 
talo. 

camiari, o famiari. v. tr., riscal- 
dare il foroo per cuocervi il pane. 

càmmara , càattnira, i, s. f., ca- 

cammaràriai, v. riti., DiaDgiare di 
càmmaru, cioè dì gratso. 

eammarera, i, s. f., cameriera. 

càmmira, (Nolo), vedi eàmnara. 
camera. 

tximntitt, più comunemente cdn- 
eiu, i, s. m., o&inbio, scambio. 

camóra, avv., adesso, in <]ueslo 
istante. (Comp. da come orai. 

canali, i, ■. m. , tegolo , tegola. 
E Canale. 

Mncedda , (in vari comuni del 
Trapanese), vedi eangieddu. 

tanciu, càtigiu, o càmmtH, e. m., 
cambio, acamctìo. 

cangiarì, (Noto, Salaparuta) vedi 
oaittiari, eambiare. 

eaf^itddu, %, (Caatelt.), s. m., spe- 
cie di grande cesta da trasportare 
oggetti, cestpne. 

cau'gghia. caniglia, eatiilla, a. f» 
itvica. 

caNtirlta(Castelt.}, vedi canigghia. 

cannarozzu, a, e. m., gola. 

«annoia, i, a. t., boccale. 

cannileri , t, s. m. , candeliere, 
candelabro. 



cannittru , (, s. m., caaeatra. i 
Vinniri eannigtra wcaati, mostrare 
di far servigi o geslìlezze. 

cannàlti. a. g. ta., cannellino par 
dove si fa sgorgare 1' acqua nelle 
fontana, canaalla. li V&iiO di canna 
tagliato tra nodo e nodo, o in un 
nodo solo . b)d>balo. | Qiulunatie 
tubo , boccinolo, cannello, g Btdd» 
carta mi nauta 'n ean»ùiu, (rasa che 
corrisponde a quella toscana: • Car- 
la canta e villa-i dorme. 

eannuechiali, eormucchiali , can- 
nueeiali, i, s. ai., cannoccbialo. 

cannucciali (Noto) , vedi eounuc- 
chiali. 

canlaranu, a, s. m., canterano. 

eantàru, a, t, s. m., ouintale. 

càntaro, t, a. m,. pitale. 

caniàszv. i, s. m,, dim. di catti , 
cagnolino. 

caìtzuna, i,i. f., canzone. || Storia, 
storiella. H Cosa solila. 

capìcchiu, i , s. f., capezzolo , e 
per lo piti si dica delle maoimelU. 

capidilu, i, a. m., capello |i Gudi- 
riii ti eapiddi di 'n Ietta, stare in 
piena feliciti, rallegrata da ot^aì 
gioia e contentezza. | Jiri li copti- 
di pi Caria, fig. stare in grandis- 
sima solleaitudina. 

capiddiàrisi, v. rifi., lo stesso cbe 
fiiàrisi. 

capitanu. i, s. m., capitano. 1 Fi|{., 
pi la fé. 

capitulu, t, 3. m., capitolo, detto 
per lo più del contratto matrimo- 
niale. 

eofpizzaita, t, s. m., capestro. 

eap»ult«d({u, i, s. m., di cappotta, 
piccolo cappotto.. Il 11 demonio, n 
Bariti l'arma a cappftleddu, darsi 
l'anima al diavola, disperarsi, dan- 



UigniaOb, Google 



oa/yrisehiu (RsuiUsBo], vsdi ea- 
prtcciu. 

capuccifaru , i, s. io. , comp. da 
capa e nfaru o lucifaru, capo-de- 
monio. 1 Più coiDunein. vaio un 
diavola d'irreqaietetia. 

capulia-ri, t. t., tagllQuare, ìud- 
tere (detto della carne). 

cura, t, 1. r., tìso, faccia (Spagn. 
cara, figura). 

eareognu, i, ■. m., calcagno. 

careàra, i, ». f., calcara, forna- 
ce, calcinaloig. 

càrtiara, corsara , ù eàrciari, t, 
8. f-, carcaie. 

carc(ariri. o earzarerì , i, s. oi,, 



cardidi»3zìi, i, s. m., dim. di ear- 
diddìi. cardellino. 
cariunaru, i, i. m., venditore di 

cardani, a, i, t. in., cardone. 

carnato, o camera, i, t. {., rar- 
naio. 

Carnalivari, Camivali, t, a. m. , 
Carnevale. 

camera, t, (Salap.), lo stesso che 
camola. 

CaruiUvari, (Salapar.), vedi Car- 

carrabba, i, t. f., caraffa 
stada. 

carrabbuneddu, i, a, s. m.. Aito. 
di carrabbwi, cbe È accr. di ear- 
rabba, caraffa, "guaetada. 

carrettu, i, a. m., carretta. 

cOTTieart, v. tr., caricare. 

cavriealuni , acc. di eamcatu , 
che è pari. pass, da earrieari, mollo 
caricalo. 

cirritv, agg., carico. 

earruzzwn, a, i, s. m., accr. di 
carroisa, carrOKione. 

cartedda, i, s. U corba. 



gua- 



m 

eartidduiza, t, a. t., din. di car- 
tedda, corbello. 

caruttt, i, voce non palermilanit, 
s. m., fanciullo, plceolino. 

carvurtaru, o cor6j*naru, t, a, S- 
m., carbonaro. 

eamuni, carbunt o craount, s.ni., 
carbone. 

cfflraareri , i, e. ui. , vedi earciii- 

eata, s. f. , caga; al plur. ca«t, 
case. I Casa muda, inferno. 

eatamealu, o casamieatu, i, s. m., 
casamunto, caseggiato. 

caicavaddàru , a, i, s. m. pizzi- 
cagnolo, venditore di ca^cacaddi. 

cascavaddu , t , s. m, , cacioca- 
vallo. 

ca$cìvni, a, s. m., cassone. 

Casina, t, s. f., casino, villetta. 

càssara. a. in., strada principale 
dì Palermo. || Diuesicassarula prin- 
cipale vìa d'un comune. Dall'arabo 
El ktuittr. 

canata, t, s- i. , dolce di zuc- 
chero e ricotta. 

casiatedda, t, dim. di cassata, 

casa, i, g. m. , caso, i Occs- 

casuzza, i, s. f., dim. di casa, ca- 
se Ita. 

eoiliga, caittu, ti, a. m., castigo. 

eataeina, (Ficarazzì), s. l., febbre 
lenta e leggiera. 

Galamiari , v. tr. . muovere leg- 
germente. 

calàmmart calàmmari, m. avv., 
lemme lemme, lento. 

calànfa (Cerda), Io stesso che ca- 
tmia. 

calinaxzeddtt, dim. di calt'naisu, 
catenaccio. 

cattnazzH i, s. m.. catenaccio. Il 
Catinazat di tu eoddu, nuca. 



UigniaOb, Google 



316 



FUBB, NOVELLE, IIACCDKTI BC. 

f., din. di calino. 



eatinedda, i, i 
catenella, cateni 

cattitm, i, agg. e sosl., vedovo. 

tatuggbia, i, ». f., pellegola.sgual* 
drina. 

eatimiu, s. m., borbollio, borbot- 
tameolo. noia, molestia, n Fari ca- 
tùntu, brontolarsi. In alcuni paesi 
fao sentita dire, e nella presente 
raccolta si legge, in una Dovellìna 
di Cerda. Catania invece di cataniu, 
ciò ebe darebbe un'origine di cafu- 
niu poco lusinghiera per quella 
città. 

catutfdda, t, a, s. m. dim. di ea- 
tutu, 

catutu, i, a, a, m., doccione, doc- 
ci on a tb. 

càuti (Rocca-Vatd.), ». m. sing. , 
Tedi eàutiu. 

eàveiu, eàuei, i, ». m., calcio. 

caueìari, o guaciari, v. inlr., dar 
calci. 

càttdu, càvudu, a^g., caldo. 

causi, càuzt, cazi, canii, s. m. 
plur. [manca di singolare), calzoni. 

couia (Palai.Adr.], lo stesso cbe 
cauta, caasa. 

eàuii, (Pai. Adr.) , lo stesso che 
cdusi, calzoni. 

cavaddu, caoaJlu, t, s. m., cavallo. 

cavadduzìU, i, ». ni., djm. di ca- 
vaddu, cavalluccio. 

eavalirunt, s, m., accr. di coea- 
leri, cavalierone. 

cavaileTizta. i, », t., scuderia. 

cocaHttwu, (Bnccheri), vedi ea- 
taddvxzu, cavalluccio. 

eaeareari, eavaleari, eravaceart , 
eravaleari, eanaecari, cahaccari, 
ealvaeari, v. tr., cavalcare. 

caviali, t, s. m., capitale. 

càtudu, (Castel.), vedi 'àudu. 

eavulicéddu , o eaulieeddu , i, ». 



m., specie di ramolaccio selvatico. 

catrulitiddaru o caulieiddaru, t, a, 
s. m,, raccoglitore o venditore di 
eavulieeddi & di altre erbe selva- 
tiche. 

tavulu, o càulu, ». m., cavolo. ] 
Cavuiu cappuceiu, i, cavolo cap- 
puccio. 

cavuluzzu, quàluziu, i, s. m. dim. 
di cavuiu, cavoluzzo. 

i:azzalora, i, ». (.. cassernola. 

eaxzteatùmmula, t, s. t., s. f., ca- 
pitombolo. D fari cazzicatummuli 
pi URU, far cose straordinarie per 
uno. 

età, avv, dì luogo, qui. 

'eeetta lo slesso che arsita. 

cablili, crftttt, «Ili. ceiui, ciù, avv., 
più. 

ccAittltostu chwtloslu,avv., piut- 
tosto, meglio, invece. 

ed, pron., gli, a lui, 'a lei, a loro. 
I Avv. di luogo : ivi, quivi , cola. 
È un suffisso comunissimo ; dìtei, 
(digli, dille, di' loro}, caut, [va da 
lui, da lei, da loro, in quel luogoj; 
eueitnutei, (essendovi , essendo ivi 
ecci) Il £d e agevolmente cornane 
nelle parole atT«nnu«tTini, [avendo- 
gliene) i porlae^inni (portagliene) j 
parrannii<^c(nni [parlandogliene) ec 

'(ctanari (Nolo), vedi acchianari, 
salire. 

'etiUenza^pei aferesi di FxdUetita, 
». f. Il Sa 'ceilleiua, per antonomasia 
vale il viceré, J' autorità suprema 
dello stato dopo il re. 

'ctiui (Noto), vedi cehiui, piA. 

ciuUuottu (Nolo), vedi eèkiutto- 
ttu, piuttosto. 

'cevmtRjiari. vedi aecitmimari, 

'ccummudari, vedi aecummudari. 

tfidda, o ctUa. i, ». f, cella. 

««mi, ehi,. », t., qaestaa. 



UignieOb, Google 



feriva (Holo), vedi etna. 

tènwri ¥. Ir., cernere. 

eerrtt, i. s. ro., busto, f»cetU(5p- 
«erro) 

cena, i, s. f., guercia, 

cerca, eiriva, t, t. 1, oerva. 

ehiatehiariari , t. intr., cltitc- 
cbierare. 

thiaccu, echi, a. m-, nodo. 

e hiaja , cAia^a , otQ» , i , 9, t , 



pi»«, 

CAKini 



iwmari, ciafnari. T. U-i ctlta<' 
mare. 

ehitutcluri, i, b. m. , macsIlftiOi 
Tasditor ii carne ali» «hiawc (hot- 
k lega da caraezaiere). 
' eAtancin', ^jiuiitiri, n'anciri, t. 
tr. e inlr., piangere, Ucrimare. 
tMoHlari, oiantari, y. Ir., piantare 
cjttanlu, cia«tv, t, e- m.. piaato. 
ekianUt cianu, >. Pi., piano, pia- 
nura. 
chanura, ciMura, i, a. f., piann». 
ehiàppara. a, i„ cappero. 
Aian*, ii, », f.. cbJarore. 
chiavi, davi, i, a. f,, chiave. 
* cbiocuiBo, t, a. f., lÙiB. di(Aiol't> 
chia 



pepalo 
iruicaa* 



, « eJMcAJnt , eeeondo il 
alo vo«B miUAxa in bocca 
fr&ncaaa, caca. 

chiddu, t, proj). e agg, , quello , 
colui. 1 Sosl. , quello , e 3i dice di 
cjMt cbe non ai v.aol noBiioare per 
pndors « puliats e pi* comuDs- 
menle, per deretmo, «{uindi la fra» 
jan 1% thiddu ciacv euieu, (voi. il], 
pag. U), far il cui lappe tappe. 

okiè (BesiIUav), avv., poco. 

ehieia, chèiia, ereiia, oUtia, ti, »• 
f, chiesa. 

«M«Nt, ^t'iw, »gf., pieno. 

cAui5« , proi. e agg. , C o desio , 
questo. 

PiTRÉ. — Fiabi e Novelle. Voi. IV. 



«19. 317 

chtdetn, «tòwri v. imp., piovete 
u Tr* pera- . quindi Lu vrazuu cfi 
enioft saagu, il braccio gli ulandt 

saiitoe. 

enit^iri, chiudiri, fiditi, v. tr., 
ebiodere. 

chiumatm, a, a. m,, piumaccio, 
g;uBnoiale. 

(hi^^it^ (Cute't.), a. m„ prarit», 

eiatca, eh'- 6- f-> fenditura, 

«■'ascari, v. ìntr. , fenderli, n Tf-, 
spaecaf e, fendere. |l Dict«j pure \M 
primo layoro cbe ii fa sulU tarali 
coir aratro. 

tifUHfdotu, laetrdqlu, i,«. m., i^- 
cerdote. 

eiaiteddOj (Nolo), per ehiaiteHf, 
djoi, di 'hiaja, ehiaga, piaga. 

eiamari (Nolo), per ehiamari; 

(iamina, iciamma, hiatama, L a. 
f., fiamma. 

eianciattedda , i, t. f . , din- dì 
cianciano, aonagiio. 

ctónnocu, ehi, s. n., feodillira. 

eiantari, (Noto), vedi ehiant^ri, 

danti, » (Noto), vedi fhianu. 

ciaratnila, t, (TrapSDÌ eliiarsala), 
s. f., tegolo. (Io Giuliana g'^ViVHl' 
vita, altrove giaratnifa). 

aammedda, i, a. f., cianjiainell^, 
cornamusa. 

eialu, iciatu, hjattt. t, a. m., fialQ. 

eiatuni, ictiilunt, kjaìuni, a,a- ta-> 
fiato, grosso flato! 

eiàuU, o eiàvula, t, s. f., fatiti, 
gallerà, uccello ben noto. 

dfa, s. t: Chepc», Fraticesc», 

decH, s. Di„ Cmco, ebecco, FtilOr 
e esco. 

CmìIm SiciUa, fl. f., SieilJa, V.I- 
sola di Sicilia, 

cieira, I, B. f., cete. * 

eieiritlu, i, a. p-, dU»- 4i Cfcin*, 
ceca. 

«0"* 



UignieOb, Google 



318 



FIAM, NOTELLB, RACCONTI BC. 



cifaru, B. Ut., Lnoifsro. 

Cigna, s. t., cinghia. Fior, c^ni, 
ciogbie. 

cilmea, s. t., cilecca. | Fan à- 
Unca, far cilecca. 

nmtdda.i, s. f., canna da pwcars. 

cimieia, i, s. f., pimice. 

cimiddiari, r. intr. , barcollare , 
ecc. vedi voi. IV. pag. US, n. 1. 

eiiiiart, (SaUp.]. vedi f^niari, 

etntimiUu t, b. m., macchina ti- 
rata da Dna bestia ad dbo di ma- 
cÌDar biada, grano ed altro. 

einturtUa, t, a. f., anello. 

etnu, (Noto), vedi china, pieno. 

eiorta, i, vedi sciorta. 

etpudda, i, s. f., cipolla. 

etreari, v. tr., cercare, fragare, 
dimandare, chiedere. 

nrtnti, t, à, b. m. , fiammifero, 
zolfanello. 

eirivtddu, t, a. m., cervello B Wa- 
tctrì li ciriveddi uscir matto, g Per- 
diri lu cir^veddu , useir malto. 

eimigghiu, i (Borgetto), a. m., cri- 
vello, slaccio. 

etrtuicu, chi [Hangano], s. m., ce- 
rusico . chirargo.' Vedi voi. Spa- 
gina 160, n. 3. 

cùca, sehi, s. f., secchio, molira. 

eiitema, i, e. f., cisterna. 

cita, citati, s. f-, citta. 

eitatra, i, s. f., chitarra. 

citali, s. f., citta. 

cilrofu, a, a. m., cedrinolo. 

«cari, V. Ir., cibare. 

civccata, i , s. f. , lutti i pulcini 
che in una volta cova nna chioccia, 
chiocciata. 

ciuctufian. v. intr, pigolare, cin- 
gnetlare, garrire, il Tr. Bisbigliare, 
■Qsurrare, dir sommessa mente. 

citictulju, voce che per onoma- 
topea imita il garrire degli occelli. 



ciidiri (Noto), vedi ehivjiri, ehia- 
dere. 

eiupa, a. f., broncio, cruccio. 

ciuntora, iciiimara, hjumara, i, s- 
t, fiumara. 

eiuneu, agg., storpio, cionco. 

ciuri, seturi, Aj'urt, s. m., Gore. 

cUita, ii, (Borgetto), s. f., chiesa. 

eócciv , i, a. s, m. , acino , gra- 
nello, chi echi no. 

eùiiri , T. tr. e intr., cuocere , 
Prss. cdctu; ' pasa. cunei; ful^ eiK^ 
-oga^^i part pass. coIIk, «uciultt. 
. eoddv, i, s. m. , collo. | Jiri a 
eoddv tutta, andare a gambe levate, 
volgere a male, andare in rovina. 

colini , coltura , cóllira , cdrltro^' 
cirla, i, a. f., collera. 

eòllura, (Borgetto] , vedi edltm. 

contu , avv, di modo, come. I 
Avv. di tempo : appena che, tosto 
che, si tosto come. 

corcU, per qvarehi, qualche. 

córiìtj il, a, a. m., cuojo. pelle. 
D Avpixzàrieei tu cori» , perdervi 
la vita. 

c&rla ( 

tat di eòlira, collei. 

càrltra, i, (Salap.), vedi cdltrtt. 

comu, a, a. m., corno. || Fari li 
coma, far becco. | Leggiri li coma 
a unv, rimproverare uno , riafao- 
ciarglì nna coaa. 

cota, s. f., coaa. Plnr. eoit, coaa. 
Il Oggetto qualangua. g Discorso, | 
Afi'are. | Coti ifuct, dolci | Coti di la 
pcmta , biancheria od altro pai 
bambini appena nati. D Coti tUDui, 
orazioni e preghiere. I '^o eoa 
ea..., quasi che di 

e»ita. i. s. f.. costa, coatola. | 
Costa, riviera, apiaggia. | Parte, 
silo. I A dda coita, a quflUk futa, 
da quel lato. 



UignieOb, Google 



eùttu, pirl. pass, da eóeiri, colto. 

iiólu, contratto da co/tu, (non ti)a- 
to), agg., colto, raccolto ] Còlli cita, 
qailto quatto, ristretto la aè med»- 

»IDO. 

caziu.t>.m., occipite. |{ .iviri Toc 
ehi darreri Iti coxzu, esaere ridotto 
a cosi mal termine che gli occhi 
ai sono incavati nelle orbite da 
parere infossati fino all'occipite. 

crafòechiu, i, a. in., nasconifiglio, 
bugigattolo. I Fìg., grande bDtlero. 

erapa, ì, per metat, s. f., capra. 

crapicciu, per metatesi, s. m., ea- 
yriccm. capriccio. 

«rapili», par metat, lo etesio di 
tapUtru, capestro. 

crapmza, t, s. f-, dim. di erapa, 
capretta. 

erattietddi» , i, dim. , di erattu, 
e astra teli o. 

eraitu, (', per metat. invece di ca- 
«tru, i, (che non è comune) s. m., 
castrato. 

eravaecart, vedi eamueari , ca- 
valcare. 

eravaUari, (Salap.), vedi cacare 
eori, 

eramini, », m., oarboae. 

tritia, a, a. f., chiesa. 

erialet* ('Nlra unì (foto), io qd 
Kyrie Eies$on, ìd meo ebe non si 
dica. 

eriatttxta, t, a. t, pegg. di ertalo. 

eriatu . i, s. m. , servo , fante , 



mare. Prea. eriju, eridi, eridi; tri- 
dtmu, criditi, cridinn. Pass, ertili , 
cn'dtttt, ertili; crttlinitt, eridiitivu, 
erittiru. Fari. pass, crftfu, en'iliilit. 

crùcenti (Salapar.), s. ro., lievito. 

mietW, V. intr., crescere, venir 
lu. i Criteiri ad ura ed a puitì». 



ARIO 319 

crescere rapidamente, con rij^oglio 
e piencEsa di salata. D Criiein ogni 
jornu pi dui, crescer tanto che un 
giorno vale per due. 
criMman, v. tr., cresimare, 
criilianazsu, i, s.m., pegg. dì eri- 
eri itiantddu. t, s. m., dioi. di <rt- 
itianu. ometto che vale. 

criitianu , i, s. m. , cristiano. | 
pjfi comunemente uomo. (Vedi vo- 
lume 1, pag, ISI, nota % ; e 36S, 
nota 1). i Uomo scaltro, valente, 
ardilo, ed anche di ma^. 

en'DH, t, a, s. m., staccio. || Addi- 
cinlari eomu un erivv d'ocehiu, di- 
venire cosi maltrattalo da poterai 
somigliare a un crivello pieno di 
fori, e quindi bucherellato , rotto 

eróeehiula, i, s. t, conchiglia. 

croccH, a, chi, s. m., nncino. 

erozia, i, s. f., gruccia. 

erKceftera, i, (Alimena). specie di 
trabacca delle botteghe dei macel- 
lai ove sono sospese le carni. 

cruet, t, s. f., croce. 1 'Xeruci e 
'nnuci. in croce, a foggia di croce. 

er&na, contr. da «uruna, S. f., co- 
rona. 

cueeidffaJu, t, a, s. m., bocellato. 

ertineri (Castelt), vedi eurìuiu. 

eu, prep., con. 

ch', pron., vedi evi. 

euani (Vallel.), per cani, cane. 

eubba. t, s. f., cisteraa. 

eucchia, echi, s. f., coppia. 

cHcchulri, <r. Ir., far quegli atti 
che fa la civetta nell' uccellare. 

cueutza, i, s. f., cocuaza, iucca. 
,euetnu, i, s. m., cugino. Lia lia- 
guaggio furbesco , demonio. Vedi 
voi, I. pag. 8, nota 3. 

euddàli, r. intr., aparire l Imboc- 



UigniaOb, Google 



320 FIABE, NOTELLB, 

oirs uni strida. | (llesulUiio)GÌD[i- 
gsre, arrifsre. 

cuddàru, a, i, i. m., collare. 

cu/uni, I, a, t. m., focolaio. 

cugnà, (Salap.), tronco da eu- 
gnatu, cognato. 

cugninlura, i, s. f., congiuntara, 
oecaslone. 

CUI, pron., chi, colui il quale, 
tsigg. e eouplem.). 

CHÌtuiala, i, s.f., colpo di culatta. 

eutiddu,*, a, a. m., dim. di cutu. 

niUittitia, B. f., ghigliottina. 

eùlorva, i, s. (., per metat. in- 
veos di ctiWn'a, cutobria, colubro. 

(umanna i imper. prei. del verbo 
ettmannari, comanda ! ordina i 

evnbitu, (Castelt.), lo stesso che 
ctimpttu. 

cvmbusu (Caselt.). vedi cun/'utu. 

<mmméniri, curtvéniri, rutNmintrt, 
T. tr., conTenire, tornar conto.]! 
Spettare. 

cumtn^ti'ru, a, (Acireale), vedi 
cummentu. 

cttMfnértiri, o nmeérliri , y. tr., 
eoa venire. 

mminnitti, eutnmivtirtt, cunventu, 
i, a, ». m., convento. 

eummigghiari , cummuggkiari , 
otiMbugliart , ttttxmuliari , citmrai- 
gUari, 1. ti"., copririB, 

cumminaziont, o cuncinaziùtU , 
i, a. f., convanazione. 

otimvmditaU , o eummiKtati , i , 
». f., comodità, commod». 

cununtirtioni, o cumminiont, emt- 
«Hnioni, a. f., convulsione, 

«Vtnjià', tronco da uma/tri, 

evnvpattasgiii, i, a. m., campoBa- 
tlte, 

nimpari, s. m,, compare. 

cumpilu, ewnètta, piti. paaG..da 
fWMpJn, compire; 



RACCONTI, EC. 

ettn^fott*. cuffljirolu, cuMprotlit, i, 
a. m., congiura. 

aimpriari , (Acireale) , lo slesao 
che prigari, 

cumprimentu . i. s. ID. , compli- 
mento, dono^ regalo. 

cwnprolu, veai cutnpiotlu. 

cumunt , 3. m. , cesso. | È agg. 
nella parola Loc% cesso, 

cuneùmiu , il, ». m., convegno, 
detto oer lo pìQ iu cattivo senso. 

cunfuHniri, v. tr., confondere. Il 
CvR^tinntrìii . v. rifl., confonderai, 
non saper che si fare. 

eunfttsu ocVmbuìU, a^g., confuso. 

eaniggbia, i, t. f., coniglio femiiu, 
coniglia. 

ewtiggkùdda, i, ». f.. dim. di tu- 
nigghia. 

eunigghiu, eunigliu, laniUu, i, a, 
i. m., coniglio. 

eunnifiri, v. Ir., condurre. Pres. 
CunntKW, cHNnua, (unauci ; etinnu- 
cemu . cunnutiti , ctinnueinu ; pass, 
cannwiet, tt{ fut. tunnwirrò '^tggiu, 
part. pass., cunntictulu. 

mnocckia, euttoctia , t, S. t. , co- 
nocchia. 

eunóocia . t . (Nolo) , vedi oinQ'- 

cuMiddirirri. v, tr., considerare. 

cwaiggìiiii, finitali*, cuntilln, a. 
m., consiglio. 

«iiMufalH o c«i«i|I«, pranio f,u- 
oabra (Vedi voi. lU,p»g..l40> a- 1}- 

eùnsufu, o tùnvAi. i, a. ta. con- 
sole. U Pranzo funebre, 

cMutan, V. Ir., oontaie , raccon- 
tare, narrare. 

a:gg.oi 
contento. sTiia 
contento, 

emutinUxta^i, a. f„ «ontaoteiza. 



1 pare tuntentu per. 



UigniaOb, Google 



cuntiuinedda, s. t., dim. di cun- 
tmina, che lo è di cwititta, coo- 
lessìna. 

cuntrartorì , v. a. , contrariare , 
coDlraddJre. 

eunitt, s. m., racconto, fiaba, no- 
vella. U Cttnlu 'un >n«tt( tempu, le 
novelle noa tengon conto del tem- 
po, il tempo delle novelle pass» 
presto, p CoDto. 

cunlurbaltt (Vallel.]. part. pass. 
da cunturftart, conturbalo. 

eutiMrtttri, V. tr., confortare. 

euniart, o euniari, y, tr. accoU' 
ciare, racconciare, t Ctmsari icarpi, 
rattoppare scarpe, g Cnniari la let- 
In, rifare il Ietto. 

cuoddu CNoto , cianciana ecc.) , 
Vedi eoddu, collo. 

cupréeehiu, cuperehiu, euverthiu , 
i, s. m., coperemo. 

euraliilu, i, a. m.. castaido, fat- 
tore. 

carcarì, ettreuarì. v. Ir. , corica- 
re, mettere a letto. | Cttrcàrisi, riti., 
andare a letto. 

tHrcuarHyaUeìva%a).v(tdictircarì. 

euriuau, crUseri , cmaieri , agg. , 
curioso. Il Strano. 

eumata, t, s. f-, colpo di corna. 

curpa, I. a. f., colpa. 

eurpiari, \. Ir, dar colpi. 

ettrrivH, s. m., rabbia, dispetto. 

curunn, crtina, t, s. r., corona, dia- 
dema reale. || Sagra euruna, titolo 
col quale oomunemente si chiiiraa 
il Ite la dignità regia. 

cutcinu.i, a s. m., cascino, guan- 
ciale. 

eutiritati, per metateai, invece 
di curititati, canulitoli, s. f, , cu- 
riosità. 

ctMlr'tm, (Vallelnnga), Vedi euslu- 
rtri. 

PiTRÈ. - Fiabe e Novelle. Voi. IV. 



eustureri, eustrìeri, a. m., sarto. 

cutu^io, i, dira, di cosa, coset- 
tina. I CtMUZia minuta, a proposito 
di pane dJcesi del pane piccolo. 

cuteddtt. cutìeddu,i, a,s.m., col- 
tello. 

eutiechia, o cvticchiv, i, s. f., dini. 
di cult, pietra, ciottola, (Voce non 
palermitana). 

euttuni, a. m. , cotone. I Bam- 
bagia. 

cutuifnu, i, a, s. m., melacologna. 
n vivo dispiacere. 



Da, prep., da. |l vale anche tn : 
< chiddu ai nni ij' da nn paìsi • 
(nov. I, varianti e rise). 

dammaggiu, i, a. in., danno (Fr. 
dommaot). 

doppua [Milazzo], vedi poi (comp. 
da da pila). 

dari, V. Ir., dare. B Battere, per- 
cnotere. [ Bari l' ùriu '» pagghia» 
la tpiia 'n dinari, lelleral. vale 
dare l'orzo in paglia . e il man- 
giare in danaro; e flg. battere, pic- 
chiale iien forte. 

darre, vedi darreri. 

darreri, darre, darrStu, darria, 
avv., e prep., dietro. 

ddà. avv., là. 

ddabbanna, vedi addabbanna. 

ddha. [Vallefunga). su via, orati. 

ddiddu, diddu, pron., vedi idda. 

'ddipérdiri. vedi addipérdiri. 

ddita, 8. {., ampelodesmo. 

ddocu, avv., costì, costa. 

ddoppu, doppu, avv. e pr., dopo. 

ddàratia, comp. da Deo grattas, 
saluto di chi giunge in un aito o 
entra dopo aver bussato. 

31 



UignieOb, Google 



PUBE, NOVELLE, BACCOKTl CC. 



ddu , pron. , aferesi di chiddu , 
quello. 
ddvi (Trapani), v«di dui. 
detèrminu [Acireale) , vedi ter- 

di, prep,, di, da. 
dicina, i, i. t.. decina. 
dicuti. La frase a diruti e ditti, 
vale a la per la. 
diddu (Acireale. Vallel.) per en- 



fon.. 



iddu. 



difgurlà, ». f., dìfacolu. B Dub- 
bio. 1 Quesito. 

dinàtckiu. jinoechiu, ecc.. a, i, s, 
m., gioocchio, 

dintra, intra, jinlro. avv. e prep-, 
dentro, entro, il Ddà dintra, lit en- 
tro, e vale nell'altra stanza, nella 
stanza appresso. 

dipo' , dipoi, dappùa, avv., dopo, 
poi. 

diri. v. tr., dire. ì A dìeuti e di»n. 
vedi dienti. 

disbòtu, diàpótu , s. in., voto , 
parere, gi adirlo. 

dieapitari, v. tr., decapitare; ma 
quasi sempre corre nella frase: iJt- 
capitari dt vita , di la tuta, levar 
di vita, giustiziare. 

(iùcursu, s. D)., discorso, parlare, 
ragionamento, affare. 

ditpirarisi, o ditprdriti, v. riL, 
disperarsi. Pres., mi ditperu, pass, 
tnt dispirai; tot. tnidiipirirà -oggiu, 
part. pass, diipiralu. 

dispiratu dispràtu, pari. pass, 
da ittspirami, disperato, li Senza un 
quattrino, spiantato. 

diipitari, V. Ir., dispensare, far 
a meno, non curare più oltre. 

dispràrisi, (S. Cataldo), vedi di- 
ipirarisi. 

dittirrari, cacciare dalla terra 
nativa, esiliare. (Spag., dttterrar.] 



diiubbidignli. o diturptenti, tdit- 
ubbidienti, agi., disubbidiente. 

ditureienti (Rocca-Vald.) vedi di- 
mbbidienti. 

dittatu, i, s. m., dettato , consi- 
glio, suggerimento. 

tJtfluri, (Buccheri), vedi (Vulturi. 

dogghia, i, e. f., doglia. 

donna, i. a. t.. donna. I Titolo che 
si di. alle donne del volgo , supe- 
riore a quello dì sa. xè, zia, come 
donna fanno, donna Giuieppa ecc. 
Il Donni di fora, donne immagina- 
rie, geni occulti, cbe vanno in certe 
notti designate da uno o da un 
altro personaggio, cui essa vogliono 
beneficare, e lo porlan seco, e eoa 
lui conversano. 

donu. I, a. s. m.. dono. (Antica- 
mente dunu). 

dubbuluni, dubbluai . a, s. m., 
moneta d'oro che vale due doble, 
doblone. 

dui, o ddut, agg., due. 

duJurt, a, e- in., dolore, doglia. 

dutnànni'ta, dumanna, dimanna, 
i, 5. f., dimani^a. 

daminari, o duminìari, v. tr. , 
dominare. 

duminìari, v. tr. , lo stesso che 
duminart, dominare. 

dumtntca, s. f., nome d'un giorno 
della settimana, Donienica. 

dunca, coDg.. dunque, adunque. 

dunm d'unni , avv., donde , 



dultun', ditluri. 



., dottore. 



Eeeetra, e. m. , deretano, il se- 
dere. Vedi voi. I, pag. 310, n. I. 
erva o erba, s. i., erba. 



UigniaOb, Google 



etiiri. V. inlr., essere. Vedi la 
G rammalica. 

eu, (Borsetto) vedi io. 



Facci, i, s. !.. faccia, viso '» fac- 
ci, rimpetLo. 

fatttu la) (Fìcarazii), rimpello. 
Vedi 'n faeet. 

fadati , faudàli . faràli . (aditi , 
faudili, I, a. tn., grembiale. 

(addetta, i, (Bocca-Vaid.) Vedi 
fadédda. 
I (adedda . (aredda . (adetta , fau- 
' detta, faudeàda. i, s. f., gonoella. 

faidda. I. s. f„ favilla. 

falarata , i , s. t. , grembialata , 
quanto ne cape in no grembiale. 

(alianti, (ntra un), mod, avv. , 
in un islante, lì li, in un Stl. 

(alili, i, B. m.. fallo, errore II Fàtlu 
per (arlu, (àrilu, farlo, (verbo). 

(amala , i, a. f., fainula , serva , 

I (amiari, (Vallelunga), v. tr, , ri- 
scaldare il forno. Vedi eamiari. 

(arda, (àuda, i, s. f.. falda, pezza. 

farfaddiari (Resultano), v. intr., 
sfavillare, scintillare, rispleodere. 

faredda, i, vedi (adedda. 

faìi. V, U., fare. U Dire, parlare 11 
Dimandare, li Rispondere. || Sapere: 
— Sai scriviti t — No , nw» «i la 
(aszu (faccio, so) l| Fari petri pani, 
far l'iinposaibile. Pres. Fax^u, fai, 
(a, (acemu. (aeiti, ftnintt. Pasg. FiW, 
(aditi, pei; fitimu, fadstivu, ficiru 
o ftcinu, Part. pasf. fattu. 

fàrincìna, i, s. t., dim. di fàuda 
(falda), gonnellina, vesticina. 

fattiddiariii. v. rifi., infastidirsi, 
querelarsi. 



fastùca, ehi, s. f., pistacchio, pi- 
ttacium di Lino. 

fata, i, s. f., fata. 

fataeiumi, a. f., fatagione. 

fatta, fatiga. ii. s. {., fatica. 

fattetta, i, a. t, azioue inganne- 
vole. H GolTeria. || Allo, movimenlo 
qualunque. 

fatttbuli. agg., che si fa, che può 
farsi, li Fattibuli di cata, che accu- 
disce con premura e diligenza alle 
cose domestiche. 

(atti, i, s. m., fata maschio || Id- 
dovino. 

fàuda. t, 3. f., falda. 

(avara, i, s. f-, lo scaturir del- 
l'acqua. 

/assumi, (azzuni, i, a. m., plur., 
fattezze. 

(azzulettu. i, a, s. m., fazzoletto 
da viso , da naso , da spalle o da 
testa per donne. 

(edda. t, 8. f., fetta. 

fègv, feghi, (Pai. Adr,), lo stesso 
che feu. 

ferra, i, s. f., ferula. 

ferra, s. ui., ferro. | Téniri (erru, 
esser forte mantenilore di segreti. 

fitiri, V. intr., puzzare, mandar 
felore. Pres. (etu, pass. )itit>i. fot. 
fitirrò; pari. pass. ^tu(u. 

fetu, s. m., puzza. 

(eu, (egu, (turu , feudu, i, a. m., 

fezia, s. f., feccia. 

/iealu, I, s. m., fegato. 

peazzana, i, s.f., fico primaticcia. 

ficili (Pai.), vedi (uali. 

fieudinnia. a, a. !.. fico d' India, 
jtcus opuntia di Linn. 

jidàriii, 1. rifl., fidarsi, aver for- 
za, abiliti, coraggio. 

jiddutia, i, s. f., dim. dì (edda , 
fetlioa. 



UignieOb, Google 



384 



FUBE, NOVELLE, HACCONTl, EC. 



Udizia, II, s. f., fedeltà, e si dice 
per lo più di credilo che si abbia 
a certe persone in fatto di nego- 
lii, o dì quella fedeltà che ii de- 
sideri nelle persane di servizio. 

figghia, s.f., figlia. Q Ragatia. 



^gghiareddii (Etna), 3 



, dim. 



^g'gkiari, "^gliari, fillari, v. tr. 
e iiitr., figliare, sgravare. 

figghinsca , sci, (Noto), vedi (ig- 
ghiaatra, 

figghiaslra,fighiasca,figliaitra,fil- 
lastra, i, s. f., figliaslra. 

figgkiu, figiiu, filtu, i,a. m. , 



figghiolu, che lo b di figghiu, ger- 
me rimesso dal fusto vecchio ; e 
per similitudine, i piccoli bnibi 
nati fra il bulbo grande. 

figiiu, t. (Vallelunga, Cianclaiia] 
8. m.. V. figghiu. 

fillari, V. intr., aliare, e si dice 
dei conigli quando si va a farne 
caccia, e se ne intravede saltare 
qualcuno, ninvolar». 

filici, agg. d'ambi i generi e di 
ambi i numeri, felice, 

filìnia, ti, s. f., ragnalera. 

fìUu, (Ceraci, Alimena), vedi 
fgghiu. 

fimmina, i, s. t„ donna, fcmina. 
Il Coninn. vale donna di servizio , 
fante. 

fina, lina, avv., sino, fino, infino. 

/incinsi, V. rifl., fin|ersi.Pres. mi 
finciu; pass, mi fineivt; part. pass. 
finciutn. e qualche volta finta. 

filtrali, (caslell). , lo stesso che 
funirali. 

/tntrt, V. tr. e ìnlr., finire. Il Ces- 
sare. || Terminare , dar termine, n 
Morire, n Uccidere. Pres. Itnisciu; 



pass, finivi; fot. finirà -oggiu, par- 
tic, pass, finuta. 
finiftruni, a. i , e. m., balcone , 

finta, s. t. , Io stesso che infil- 
za. I Fari finta, fingere, dar a ve- 
dere. 

fintisza, 9. t., finta, finzione. 

finuta, a. f., fine, termine, ces- 

jirreKa, i. s. m. , dim. di ferra, 
forcina colla quale le donne si fer- 
mano i capelli, 

firriari, o furriari, v, tr„ girare, 
visitare. 

firrizzu, i, s. m., sgabello. Li- 
pari tanehi e mettiri firrixzi , fig. 
darsi tutta premura di accogliere. 

JSrriofu, t, s. m. ferraiaolo. 

fitcari (Castelt., Salap.), vedi fri- 

fiscina (Trapani) vedi frUeina. 

fitta, i. 3. f., dolore. 1 Aviri li 
ftti di Giulia, àg. stare in solleci- 
tudine, inquieto. 

fituttt, agg., che puzza, puzzo- 
zolenle. 

Foca, chi, foeura, s. m., fuoco. Do- 
lore cocentlssimo anche morale, l 
Focit granni, grande sventura || Ca- 
saldiavolo D Armeggio ecc. 

fogghiu, i. s. m., foglio. 

fora, avv. e prep.. fuori. H Ec- 
cetto. 

forchi. forchi, cong., fuorché, 
eccettochÈ. 

fàrfieia, i, s. f., forbici. [ Porfia 
font, ecc., forbici lì. Vedi voi. IV, 
n. CCLVJI. 

forma {'n), raod. avv., tosto, ap- 
pena, aubilo. 

forti, agg. e avv., forte, forte- 
mente. B ^u f'>^' chi, appena che. 
si tosto che. 



b, Google 



forxu, (aenta pinr.) , s. m. , per 
fona, poUniA. 
(rama, i, s. f., cattiva fama. H Ca- 

(ràdieiu, agg., rradìcio, fractdo. 

(rantugtiedda (Vallelunga), vedi 
ritagghitdda. 

frati, a. m., fralello. 

frazzata. t. s. f. . «chiavina. co- 
perla da letto. (Spago, frazada). 

{razzatedda, i, s. f.. dim. di fraz- 
zata, piccola schiavina. 

frevl, 8. f., febbre. 

friicalelltt, o fiicaliittu , t, a. m. , 
zufolo. 

/Hwa/oru (Cianciana). vedi /'ri. 
acalettu. 

friscari, fisearì, v. intr., fisrhiare. 

Irìscina, a fiidna, s. f., fiocina. 

fritcu, i. m., lischio, li Fresco. 

froda, t, s. t, frittura di uova 
impastate con cacio e pane gral- 
tuggialo. Il Fari 'na froda, flg. fare 
una min'^hioneria, un errore, uno 
sproposito, uno sbaglio. 

frudtt, t, sgorgo; piD comune è 

frùsdu (Borgetto), vedi frùdu. 

fueatedda, i, s. f., dim. di fucata 
piccolo fuoco da riscaldarsi. 

fueiii, o jiciti. t, a. m., fucile. 

fucttlaru, i. cuMaru , a, a. m., 
focolare, n Fari fuculara, unirsi e 
sparlare, criticare, ecc. 

fttjiri. V. intr., fuggire. Il Tr., can- 
sare. fuggire. 

fajiriizu. i, (Aliuiena), vedi fu- 
jutu. foga. 

fujalu, s, iD.. fuga. 

fitmu, s. m., fumo. 

fàaeia, i, s. f-, fungo l Fif-, bron- 
cio, y itftrita/'uncta, essere imbron- 
ciato. 

Pithé. — Fiabe e ffovelie. Voi. IV. 



^Rio 328 

funirati, /mirati, i, a, a. m,, (a- 

fùrtnaeu, r^i. s. ni„ fondaco. 

funnàri, v. Ir., affondare, calare 
a fondo, sprofondare. 

fttimtt , s. m. , fondo, il (Salapa- 
ruta) ag^., profondo. 

furaggiartdlla, v. rifl., scapparse- 
ne, fugsii- via, ecc. 

furatten, a. e agg., forestiere. 

farehillata , burdllata, bmcehit- 
tata, i, s. f., Quantità di vivandi 
presa con la forchelU. 

forma, i. a. f , forma da scarpe, 

furmagisla (Trapani), a. m. far- 

/urmaiu, part. pass, da furmari, 
formato. ] Agg., preciso. 

fumaria, ii (Marsala), s. f., bot- 
tega (li pane che ha forno. 

furnicia (Poliizi) , firnicia, cura, 
sollecitudine penosa. 

furriari (Mangano, Polizzi) vedi 
firriari. 

furtura. s. f., tempesta. Il Burra- 
sca. Il Bufera. 

fursusu. agg. di persona che sia 
abbastanza vi),'orDsa ed abbia fona. 



I Fàriai 



ii gadd». 



Gabbu , 8. n). , gabbo. 
gabba, maravigliars' 

gaddittv, i, a, m., 
galletto. 

gaddaxsu, t, dim. di gaddu, gal- 
letto. 

gaggia, i. s. f-, gabbia. 

gaUvtaedu, i. a. m.. tacchino (co- 
munemente gaddit d'Iniiia]. 

galluni. i. a. a. ni., largo nastro, 
gallone. 
, gatàfaru, garòfalu. jatófiru, t. 8. 



■ofan( 



ii* 



UignieOb, Google 



FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EG. 



gamma, jamma, i, ». f-, gamba. 

gammum, a, s. accr. di gamma, 
gamlione. 

ga'igularu, jangulàru , i, a. m. , 
mento. 

gorgia, i, 8. f., gola. 

gàrg'iari, v. tr. adocchiare, e si 
dice dal movimenla che si fa cui 
collo e con la gota {gargC}. 

garzuni, i, a. m. , gìTtooe. | Nel 
contado è qneU' uomo che per ma' 
stiere mena le bestia da soma , o 
è addetto al governo di case, o ò 
tenuto dai proprietari per simili 
servigi. Traina, tinovo vocab. sicit. 
Hai. 

gatiima, jostìma, i, 3. f., impre- 
cazione. 

galla, iatla, i, s. f., gattu. 

gatliggniu, i, a. m., solletico. 

gàutu, invece di àutu. 

gébbia, ti, s. f., vivaio. 

Geh I esclamazione, per Getit. 

genti, aggenli. i, a. t., g^'nte. 

gghiommaru, agghiommaru, i, a, 
8. m., gomitolo. 

ghissu, (Casteit), vedi jitsu. 

ghistra, o gistra, i, s. f., cesta. 

ghiuitu per giustu, giusto. 

!;taca(Mars;iIa), lo stesso che da- 
ca, ciottolo. 

giàrnu, o giàlinu, agg., giallo. 

giarra, i, s. f., pubblico serba- 
toio d' acqua che poi si distribuisce 
per doccionali alte case. I Grande 
raso di terra cotta che serve per 
lOQservarvi olio od altro. 

giarrolla.i, s. t., dim. di giarra. 

giganti, giegattli, giaantì, gìanli, 
liahanli, gtayjmti, t, a. m., gigante. 

giggkiu , t, a, s. m. , ciglio, u Gi- 
glio. 

giniti. I, s. m., carbone minuto, 
carbonigia. 



giileraa, vedi eiiterna. 
giiira, ghiitra, s. {., cesta. 
gtstruni, a, a. m.. accr. di gi$lTa, 
cestone. 
giugaettv, ». m., luglio. 
giughin' (Cast.), vedi e' 



a. !., 1 



ifaglii 



s. ni. , flocco. I 
Nappa del berretto. 

giunta, t, s. f., giunta, riunione- 
li Consulto medico. 

Giuvanni {tan), detto per anto- 
nomasia del comparatico. ( Vedi 
voi. I, pig. 73). 

giuntai, giaghini, i, s. m., giova- 
ne, i Gariuni. 

Gìaoanamza, a. f., dira, di Ciu- 
vanna. i In Capaci si dà questa no- 
me aiU volpa. 

gna, vedi piiura, gnora. 

gnirnò, gnurnà, avv. gnomo, si- 
gnor no. no. 

gttoccufa, i, a. f,. gnocchi (Badisi 
però ohe i gnocchi to.icani non so- 
no precisamente ì gnòaeali sici- 
liani). 

gnu, tronco da gnuri, gnore, si- 

gnura, gna, fognato da tignerà, 
gnora, signora; titolo che in raalt i 
paesi si dfi alle femmine del basso 
volgo invece del titolo di donna , 
usato in Palermo [donna Vanna, 
donna Cicca). | In Palermo e in altri 
luoghi è titolo delle mogli dei coc- 
chieri. 

gnuri, t, fognalo da tÌgnurt,gnori\ 
signore. |B titolo de' cocchieri, i 
Si dà in alcuni paesi (non mai io 
Palermo) al padre gnuW pd. 

griursl. avv. gnorsl, SÌ (coiup. da 
gnore, signore, e si). 

gora (Vallelunija, Caltaniss.) par 
protosi, invece d! ora, adesso. 



UignieOb, Google 



goitu, i, s. m., bicchieri?. 
gracùiàri (Cianciai)»), lo slesso 
che arraicari. raschiare. 
gradìgghia, i, s. t. cratieola. 
graticicuni, (a) m. avi-., carponi, 
granfa, i. 3. I., granila, zanna. 



««€■■ 



mie. 

I. di granni. gran- 



granu. o guranu, a. 3. m., Bra- 
no , sorta di niODet.i antica equt- 
vafenle a due cent, di lira. E Uà- 

gràpiri, o jàpiri, v. Ir, aprire. 

gratta, i. s. f., vaso da flori. [Boc- 
caccio : Qual esso fu lo malo cri- 
stiano — Che mi furò la giastai) 

grattala, i, s. {., dattero. 

grafi la. I. agg. feoi., araiid». | 
Gravita grosia, negli ultimi mesi 

gregna, o grigna. t, s. f., crusta. 
grétitì, Bgg., sciapito, insipido. 
griciu, agg.. grigio. 
gridJiuni, a, (Polizzi)8. ni., forte 

griddu, I, B. m,, grillo. U 'Un mi 
sentiitu, o 'un mi vidiwt maneu li 
griddi, non oii sente, non mi vede 
nessuno (neppure i grilli). 

p)-iifna(Cammarata), vedi gregna. 

grittu, driltu, agg. e avv., dritto, 
diritto. 

gcuppu, a, t. s. m., nodo, gruppo 
Il Gruppi) di ekiantìt, interna do- 
glia che vorrebbe prorompere in 
pianto. 

guaddti (Valtelunga), vedi gaddu, 
gallo. 

guadiri. (Palermo), lo stesso che 
godiri, godere. 

guagghiordizxa, o gualtardii'ia , 
s. f., gagliardia. U Prestezza. 

gualiri, (Paler.) v.tr.. guarire. Pres. 



mo. 327 

gualisciu; pass, gìtalivi; fnt. gualiró 
■oggiti; pari. pass, gualutu. 

gualata (Pnlarmo) pari. pass, da 
gualiri. gunrito. 

guallardizza (Alimene), s. (., ve- 
di guagghiardizza. 

guardaapaddi, i. s. m.. guardin- 
fanlo. 

guariri (Palermo), v. ir., godere 
(e non guarire, che il volgo di Pa- 
lermo ilice guaWri). Pres. guarisctu; 
pass, guarioi; fut. guarirró -ogg tu-, 
[larl. pass, guaratu. 

guattedda. 3. f., focaccia. 

guastiddani , a, s. m. , accr. dì 
guastedda, grossa pagnotta rotonda. 

gugghiala, s. f.. gugliata. (Vedi 
Pico Ll-ri di ViLiatto, Madidi dire 
prov. e motti pop. n. fiSKj. 

gudiri. v. tr., godere, v. guadiri. 

guisina, t, s. f., biacco. 

gulera. i, s. f., collana (che sU 
attorno alta gola). 



fltn((irt(Ìlonlevaga eVallelun 
vedi jiaiari. 
hjàura (Vallelunga). vedi eia; 
hjocca (CastelC). lo stesso di i 



r (Resultano e Cianciana), ve- 
di io. 
io, t', il, tM, SU, io, jò jeu, jé, ia, 

ia (cianciana), vedi io. 
iddu, ddiddu, pron., egli. 
illiclii-Ulichi, modo avv., subilo, 
tosto (uat. illieo). 



UigniaOb, Google 



PUBE, NOVELLE, RACCONTI i 



inghìri (Caslell), vedi jittehiri. 

inlm (Vallelunga), io stesso jin- 
tra, dintra, dentro. 

isca, s. !.. esca. 

l'fi, interjez. , ahiroò ! povera 
me.' 

tcinnii (Salap.), vedi iui. 



Jachinu, a. m.. Gioacchino. 

jaddittartt, i, a (Erice , Milazzo, 
Uessina) per gaddinarìt. gallinaio, 
veaditor di galline. ) Pollaio. 

jaddux^u (Noto), lo slesso che 
gadduzsu, galletto. 

jammaredda (Erice), Jiin, dijofli- 
ma, o fiamma, gambina. 

jancit (Mangano), vedi biancu. 

jardiàri, (Erice), v. tr., bruciare, 
CQOcere , mettere al fuoeo , info- 
care. 

jaitivia (Noto), vedi gastima. 

jataganni (Trapani), s. m. , scia- 
bola turca. 

jatla. t (Erice), vedi gatta. 

jé (Vallelunga). Ìo. 

jénnaru, j^nniru, s. ro., genero. 

jénniru (Cast.) . v. jénnaru , ge- 

j«t (Salap.. Ceraci), v, io. 

jesu. etv, agg., leggiero, l Jesu, 
je$u, lieve lieve, pian pianino, s- 
dagiHo. _, 

fieeari, lo stesso che jiKari. 

jidiltt, jitu, a, s. m., dito. 

jimtnta , jumenla , t , 8, I. , giu- 
menta. .. 

jiminledda, t, diNi. dt jtmenta , 
t f„ giumentina, piccola giumenta. 

iimmu. t, t. m.. gobba, n Aggiu- 
ttarì lu jimmu, bastonare forte- 
mente. 



jimmirutu (Castelt), vedi jimmu- 
rtttu. 

jimmuru tujimmirvta, agg.,gDbbo. 

jinehiri, jmgiri, inghiri, dinchtri, 
T. Ir., riempire. 

jingiri (Noto) vedi jnehiri, riem- 



qaesto verbo imita il jjilrrre del 
cavallo), vedi voi. I, pag. 311, n. I. 

jinoeehiu (Uangano) , vedi dinoc- 
chiù. 

jippuni. a, i, s. m., farsetto. 

jin, V. inirans. , andare, ire. H 
Andare del corpo, evacuare, ind. 
pres. Yaju, tiai, va, jamu, jiti, can- 
nti. lonperf. java o jia, javi .java , 
jia ; jàvamu o jiamu , jàvavu o 
jiavu.jàvanu o jtonu. Pass, jivi , ;i- 
tti, iju,jafBU ojetna o jemmu, jisti- 
vu, jer». Pari. pass. jutu. 

jitema. cisUrtia, gislema, t. a. t., 
cisterna. 

jiteddu ^uccheri. Vali.,) dim. di 
jitu. vedi ììdilu. 

jitlari ojiccari, v, trans., get- 
tare. Pres. jettv, jelti , jetta , jitta- 
mu, ;t((ali, j^ltanu. Pass, jt'llnt, il- 
taiti. jittau ecc. Pare. pass, jittatu. 

jitu, a (Noto), vedi jiditv, dito. 

jocu, ehi, jócura, s. m., giuoco. 

iomu, a, i, s. m., giorno. 

jticari, V. intr., giocare, traslnl- 
larsi. Pres. jocu, joehi , joea ; juea- 
mu, jucati, jócanu. Pass, jueai , jii- 
eaiti, jacau eoe. Pari. pass, juiradi. 

jumeata. vedi ;jin;nta. 

Janeiri, V. tr. e intr. , giungere . 
arrivare, pervenire. | Unire. 

jtmta, I, s. f., giunta, aggiunta. 
Misura che è quanto cape nel con- 
cavo d' ambe le mani unite. 

jamala, s. f., giornata. 



UignieOb, Google 



jtifu, avv., giuso, abbasso. 
jutu, part. pass, da ;irt, andalo. 
Mala jutu, malandato. 



Laechi, s. m., lacchÈ. 

lagntaa, agg., infingardo, fan' 

laidu, làdiu, làritt , lalitt , agg. , 
laido, bruito. 
latin (Buccheri), vedi tatdu. 



lamat 



. {.. 






eardus vutgarit di Lino. 
lampa, i. s. f., lampada. 
lampsri, s. m., lampadare. 
} lampu. t, s. m., lampo, baleno. 

lapa, i, per protesi, s. f., ape. 
làrima, lagrima, tarma, i, a. f, , 

tarma, i, (Palermo), horima. 

làiima , e. I., per protesi , asma 
(voce non cornane a tutta la Si- 
cilia). 

latsana.i, s. f.. cavolo selvatico, 
erysimum barbarea di Linn. 
> laisari, V. tr., iaaciara, conse- 

gnare, abbandonare, affidare, 

làsiima , t, 8. f., noia . fastidio , 
seccatura, briga eco. (Spag. io- 

latin», nella frase Dan lalinu o 
duri lu tatirtu a caoadda, vale dar 
in mano il modo di sapersi gover- 
nare. 

latu, agg., largo. 



gnato. In tutta Sicilia tiagnalu. 
lavanca, ehi, S. f., dirupo. 
lavannara^ laaannera. i, s. I., U- 

lavannera. (Caslelt.) vedi lavan- 
nara, lavaodaja. 

lavuri, lavurv, i, a, a. m., biada. 

PiTRi. — Fii^t I Nwellt. Voi. IV, 



IBID. 329 

lavina (a), m. avv., a sgorgo , a 
torrente. 

laoàmia, ii. s. I., sorta d'nceetlo 
di rapina beo grosso, dett'> da Lin- 
neo Falco aeraginoiiu. g fig. spro- 
posito, grande sciocchazxa. 

laziotu. i. a, s. in., lacciuolo. 

lazzu. i. È. m., laccio. 

lebbra, t, s. m.. lepre. 

teggiri. v. ir., leggere. I Senxa ta- 
piri hggiri e gcrivìri, per non sa- 
per le^uere e scrivere, seni' altro, 

lèggtu, agg., leggiero, g Avv., leg- 
giermente. 

hiri. a Uggiri. v. tr., leggere. 
Pref. leju; pass. Hjoi; tal, lijrà -og- 
giu; part. pass, lijutu. 

lenza, i, s. f-, lensa da pescare, 
n Nittiriii a leiza. mettersi pronto. 
Vedi voi. 1, pag. 371, nota i. 

Jesu, agg., attillato. 

letta, nella frase iHrinni 'na letta, 
dirne una fitta. 

letta, i, letiira. s. m., letto. 

lihbrdri (Mangano), v. libbirari. 

libbirari, libirari, libràri, v. Ir., 
liberare. 

libbru, a. i. s. m.. libro. 

licchitati (Erice), s. f. , ghiottor- 
nia, gola. 

liffiari (Acireale), v. tr. , carez- 
zare. 

lignaloru. i, a. s. m., legnaiuolo. 

lignamàrtt, i. a (Polizii), s. ni., 
falliignaiDe. 

Ujama. i, s. f, ritortola. 

limiti, limita, Ì. s. m., limite. 

limpiari (Cast.), v. Ir. far lim- 
pido netto, pulilui forbire. 



Un. 



.. f-, Il 



lingutari. v. Int., lini^ueggiare. 

linnina, tinnirà, i, s. U, lindine. 

liiminazza, i, s. f., pegg. di JJn- 



UignieOb, Google 



130 



rlABB, NOVELLE, RACCONTI KC. 



Hnnùuddu, i, s. m., dlm. il Hn- 
«na, lendioe. 

linntra (Erice), vedi llnntHa. 

l'ppu. I, s. m., maschio. 

httùtddu, I, s. m., dim. di lettu, 
lettino. 

Jtoanlinw, agg. di persona che 
facilmente monta in ira, od è in- 
docile di conaigli e di ammoni- 
zioni. 

Iwari, luvari, v. tr., levare, to- 
gliere, portar via. 

liziunariu, agg, di persona che 
faccia le cose per secondi fini. 

'Uianariii. vedi aUianariti. 

'^luminari, idioL , per iiumìnarì. 

lixxu, agg., sciocco, scemo, al- 
locco. 

loeu, chi, locùra, è. m., Inogo t 
A [oca o alloeu. Invece, In luogo, 

lucirtunt. t,a, s. m.,accr. di In- 
certa, g Jit-i l' occhi cotnu un Juctr- 
tttnj, andar gli occhi di qaa e 
di là. 

lumia, tt, s. f.. lomia. 

lutntnart, idiotismo, per numi- 

(umi'uni, a, a. ta., limone, n Me- 
taf.. minchione, sciocco. 

lurdia, u , s. f. , lordura , spor- 
chezza. 

Iwtru, a. m., lume. luce. 

lustmra, t, s. f., Ince, lustro. 

lìtoàri, {Rocca-Vald., Noto) vedi 
tivari. 



Ma (Vallelanga), agg. roasch. e 
femm., mio, mia. 
Ma', s. f.> tronco da matri, ma- 



inàa, 1, 8. f., maga. 

maAra. t, s. f., strega, maliarda. 

maeàri , avv. e cong. , magari, 
pare, anche. 

macchiovellii, s. f. piar., moine , 
finte carezze, false cerimonie. Ecco 
il nome del celebre Segretario fio- 
rentino sceso fino al popolo sici- 
liano per dar luogo a un nome di 
poco buon significato! 

fflocchiuRt, a, s. m., accr. dìmat- 
ehia, tuacrhiooe. 

maccio (Noto), vedi macchia. 

macchia, maccia, t, s. f., mac- 
chia. 

maehiitiari, v. Ir., macchinare. 

maga, tnàa, s. f, maga. 

malaria, maaria, majaria. s. t., 
alto, ratio, opera da maliarde, stre- 
gonerìa, fattucchieria. 

magasenu. maasenu, magati, ma- 
gazzen», majaienu, t, a; s. ta., ma- 
gazzino. 

magale, (Cast.), vedi magaienu. 

magazsenu (Caltanias.), vedi tno' 
gasenu. 

magghia, i, s. t., maglia. 

mag'hijari (Castell.) v. intr., mia- 
golare. 

magitteriti, ii, s. m., faccenda in- 
trigala, curiosa ed anche miste- 
riosa. 

dido, magnifico. 

magn, ghi, s. m., mago. 

mai, avv., no. || Giammai. 

m'tjorca , s. f . , sorta di grano 
gentile, silìgine. || Vulirinitì eentu 
cu "na majorea, voler raeione ad 
ogni modo, voler soddisfazione, 
riparazione ; fare o dire spacco- 
nate. 

maju rana, a. I. . maggiorana. I 
Preso anche come nome di donna. 



UigniaOb, Google 



maiaeunnutta. s, s. in., nomo di 
cattiva condotta, sbarazzino. 

malantrinu, i. i. m., malandrino, 

malateddu, dim. di malatu , un 
po' maialo, inalatucCJ'o. 

malatu, agi., ammalalo. || Malalv 
'nfirmu. gravemente ammalato. H 
Halattt bonu (bonuavv., bene), mol- 
to. Il Matattt e bonu, malato 



:om"è. e 

mali-sullili, mal aottìlt 
occulto malore. 

maiizittiuni, accr. di i 






mamma, i, a. f., mamma, madra. 
g yamma-draga o draa , . a traja , 
maoimailraga. 

manacdata , i , s. f. , colpo di 
mano. 

mandari, v. tr, e intr., mangia- 
re Il S. m., il mangiare. ] In senso 
furbesco o metaforico, prendere 
carnale diletto dell'amore. Il ifan- 
eiari primuni, fig., brontolare, bo- 
fortchiare. 

maneiarhsi, s. m. plur.. cose da 
mangiare, mangiarecce. 

maneiasciumi, (Acireale) , vedi 
tnanciaeiumi. 

manciatàriu . agg., che mangia 
molto, pacchione, ghiottone. 

manciatUri (l'orgelto) v, tr., fre- 
quentativo e pevglorativo di fflait- 
ctari. mangiucchiare. 

tnancu, avv-, manco, neppure- 

manlari, v. Ir., maneggiare. 

fnanigordu, manicordu, e corrot- 
tamente mnnit4ordi, s. m. , mani- 
goldo, carnefice. 

manna, i. s. f., manna. | Mani- 
polo di fieno. 

«tànnara.tnànnini, tf s.f. mandra. 



manlaciari, v. intr., andar coma 
mantice | Soffiare , far gonfiare. 
mantiggbia, i, s. f., mantiglia. 
manu, s. f. aing. e plur., mano, 

manuzza, i, e. f., dim. di manu, 

nantijomu (Mangano} vedi tn«n- 
zijornu , me^io^iorno. 

manzina (Cast.], vedi maiinnà. 

maravigghia, maraviglia, mara- 
villa, t, s. f., maraviglia. 

maravHta (Ceraci s Aliuiena) ve- 
di maravigghia. 

marina, i, s. t, marina. 

maritàriti. v. Ir. rifl., maritarli, 
ammogliarsi, detto tanto dell' uo- 
mo, quanto /Iella donna. 

màrmuru, màrmira, marmu, t, o, 
s. m., marmo. 

marpiitni, o marfiuni. s. ra., mas- 
cagno, trafurello. 

mariuliggiu, t, g. m., mariuoleria. 

marusu, {, s. m., fiotto di mare, 
maroso. 

marzapaneddu, i. a, a, m. , dim. 
di marzapani, scatolino. 

mascanart , v. tr.. Imbrattare, 
annegrare, macchiare in nero. 

mascidda, i, s. (., mascella, gaaD- 
cia, gota. 

masùuliddu, I, dim. di mósculu, 
maschiptto. 

màieulv.i, a. m.. e agg., maschio. 
\\ Mortaretto da sparo, n Satarìcomu 
un tappa di mas^ufu, saltare come 
tappo di mortaretto, cioè saltar su, 
scattare come .molla. 

mas in nò, i^osinniì, mancino, avv., 
altrimenti. 

massariotu, t, s. m., padrone, te- 
nitore di masseria. 

mojjenlt, t, s. m. , massa, muc- 
chio. 



UignieOb, Google 



33z FIABB, mVELLB, 

màttiea, s. f., qoell' alto dei ma- 
landrini di parlar oiastrcando le 
parole, cioè pronunziandole ada- 
gio, vibrale, e con Dintria. 

masticum, agg. di persona che 
abbia la màstica. 

maitra, o maiitro, i. s. f., mae- 
slra. dello per lo più alle sarte da 
cui le ragazze vanno a cucire, o 
a ijuelle donne del popolo che ri- 
cevono bambine, le trattengono 
molle ore del giorno insegnando 
loro le preghiere, e, alle piU gran- 
dette, la calta. 

ntajlrìscu. agg., da maestro. 

maitrv, i, s. nn.. maestro, detto 
per lo più d'un manovale, n Mae- 
stro di scuola. U JUailru d'acqua, 
fontaniere. 

matarasxinu, i. a, i. m., dim. di 
matarazzu, materassi no. 

matarazzu.i, a, s. m., materas- 
so. Il Sbatliri U itiataraìxa, sprimac- 
ciar le materasse. 

matarazzara , t , a , s. f., mate- 
rassaio, cucitore di materasse, 

ma tino . ». f., mattina, matti- 
nala. 

matrasca (Noto), vedi malrastra. 

matrastra, o parratìra, matrasca, 
s, f., madrigna, 

matri, s. f., madre. U Bedda ma- 
tri, Uaria santissima, Uaria. U JUa- 
tri Fvlippa, furbo, mariuolo. 

maini;), e. f., cattedrale, duomo. 

màu, i, s. tn., v. Uagu. 

Jlfaum«tlutRt7ta (Trapani], giura- 
mento esclamalorio'de' Turchi. 



ìnanarvcckiari. v. tr., batlsr for- 
te e ripelutamente colla riiazza. 
maggiari, v. Ir., battere, 
maiiu , t (Hang&Qo) , a , s. m. , 



RACCONTI, EC. 
'mbardrì (Castelt.) , vedi 'mpa- 
'mbiernu (Castel!,), lo stesso cbe 
'mbignari (Caslelt.), vedi mpi- 

'mbilari (Caslelt.) vedi 'nfiUtri., 

mbràeultt (Borgetto) vedi mira- 
eula. 

'mbriaairi, vedi 'méiriaeari. 

'mbriggkiari, v. Ir., imbrigliare. 

'mbristari (caslelt.), vedi 'mpri- 
stari. 

me, ma, meu , mieu , mio , agg. 

méedu, i, s. m., lucignolo. 
meffi , (Termini], cioÈ , voglio 

meggkiu, megtiu, meliu, miellu , 

agg., meglio 



meli. 






ménnula , i, s, f. , mandorla, g 
Scacdari la ménnuia, furbesca mente 
strinar l'occbio. 

méntiri, o mi'nlirt. vedi mèttiri. 
Prea. menlu, pass, mintici, mintti , 
miti, pari. pass, mintiteli. 

ffl«tilri o menti, avv., mentre, nel 
mentre, frattanto. || 'Ha ni«nlri, 'n- 
Iramentt, atramenli, nel nieotre. 

mensi/ornii, metzjomu , man::i' 
jornu, s- m.. mezzogiorno. 

mensu, mezxa, i. s. m., meizo. 

mtri (Salap.), vedi 'nmersu. 

merictlu, i (Ceraci) , s, m. , ore- 
fice Il (Sic. orifici, arginteri). 

merttu, i, s. m., merito, n liri s 
mail meriti , peggiorar di condi- 
zioae, scadere dal primitivo be- 
nessere, 

mettiri. méntiri, miltri ecc. v. Ir., 
mettere, posare, adagiare. | Princi. 
piare, comiociare, dar opera. Pres- 



UignieOb, Google 



m«t(u, pnsj. min. pari. pass, mt'su, 
miltittu. i Metti pi mia. a thia , 
?edi voi. I, paf. 370. noia 1. 

méttri (Vallelunga, Poliiìi) conlr, 
da tneltiri, niellare. 

mialu. agg., beato. 



■■■ f. , 



agg-. 
s. ni.. la 
ni do glia, 'mraglia 



dagli. 

midemma, mmidemma, videmma, 
mmidé. mmirè, vide, avv., meilesi- 
mamente, del pari (noa osalo in 
Palermo), 

mieto (Alimena e Ceraci), lo 
stesso che megghiu, meglio. 

mieu ^Capaci), vedi me. 

■miggbitiliddìi, agg., dìm. di meg- 
ghiu, un po' meglio. 

mignanìi, i, a, s. m., testo bislun- 
go !■ a più facce da piantarvi prez- 
zemolo, basilico, menta, ruta al- 
tro per uso di famiglia. 

ViUàlii, ì. plur. [manca il sing,), 



tnoint 
miUi. plot 






tnilia, mila, agg. nu- 

!.) lo 



ìllicatli , (A millieatli 

o cbe a muddicalli , 

li Geraci e altri comuni, 

:be, a pezzi, a frantumi. 

minchiuni, minghiuni, a 



88-. « 



miaghiuni (Mangano, Marsala, 
Trapani], vedi tRtncAtunt. 

min'scàrdiu, il, s. m., discordia. 

tninispreszu. i. S. m., disprezzo. 

minniKa, i. 8. f„ vendetta, n Fori 
mala miiBilla.fare strazio, scempio. 



. f., 

molta, poppa, il Dari m 
poppare, ailallare. 



(, dar da 



minnuzxa, i, dim. di minaa , 
mamma, poppa 

minliri, voce troppo nniile, vedi 
mei tiri. 

mimattu, agg., vedi miz^anu. 

mio, plur. mei. [ì come in qual- 
che parlata mia), agg., mio. 

miraeuhi. mraculu, 'mbrdculu, », 
s. m., mirécolo. 

mischinazzti, pegg. di mitchinu, 
poveraccio. 

mticfiinu, agg., poveretto. 

missa, i, s. f., messa. 

misgaggerl. t, a, m., messo, mes- 
saggiere. aiiibasciadore. 

misséri, i. s. e agg.. mincbione. 
Spesso poi sì dice misieri e min- 
ciiiuni, e vale anctie mincliione. 

mircanti, i, s. ai., mercante, mer- 
catante. 

mircantolu , i, 
mircanti, pic«oh 

mireadi, agg-, 

mire vedi midem; 

mirrinu, agg. 



mizsanu, minzanu, a 
no, medio. 

'inmaBu, comp. da ti 
mano, tra n 



dim. di 

buon mercato. 

IO, nero. 

gg., mezza - 

D manu , in 



, nelle mani- 
lieddi, s. m., pi., di 'm- 
maraiza (imbarazzo), panni, roba 
per lo più non noova. 
'mmarazzu, i. s. m., imbarazzo. 
roba, oggetti, 
ri, 'inbartamari, v.tr, 
imbalsamare. 

'mmasciatnri, i, a, s. m., amba- 
sciatori'. 

mmattana, s. f., mattana. || Vari 
mmatlana, importunare, dar briga; 
tribiilare. . 

'mmenitt, 'mmessu, comp. da in 
rufnm, in mezzo. 



a. b, Google 



nABE, NOVILLB, KAOCONTI, BC. 
'nvenu, 'mbtrnu.s. 



interDo. 

inmm(Va)letunga) vedi 'mmtriu. 

mmeriu, 'nvertu , mmeri , meri , 
»vv.. e pr., verso, imerao. 

mmide' [ Valleluoga) , vedi mi- 
demna. 

'mmiiiia Rvidia, b. f., invidia. 

'mnidiHtu. a^g., invidioso. 

mmillittutu, agtr. pieno di moine. 

'mminazza , (Palermo) , i. f. , 
pere- di •mmiria. 

mmHcàn, v. tr., immischiare. U 
'mmucànsi, v. rifl., immischiarsi, 
ÌDgerirsi. 

vtmèìtiri, t. intr, investire, dare 
ìd urtare. 

'nunilu, 1, s. m., invito. 

'mntrìacari. vedi 'mbriacari. 

'mmTogli (Vallelunga) s. m. plur. 
Imbrogli, detto per roba, abiti, 
vesti. 

'mmueea, composto da fn vueca, 
in bocca, 

'mmurmuriariìi, v. rIfl., mormo- 
rare, brontolare. 

'mmitjcdriit o nvnuàrni, v. rifl., 
imboscarsi, addentrarsi in un bosco, 

mmtiilra, t, s. f., mostra. 

modda, i, s. t. molla, molle. 

moddtt. agg., molle. U À moddu, 
Diod. avv., in molle, nell' 

monaca, ci, 8. m., mona 
y Comari monacu a unu 
lare, canzonare, coglionare, q Can- 
ta, monacu/ e tu grida; tu puoi 
querelarti inutilmente. 

montit, ù, 8. ra., titolo dei coc- 
chieri, di padrone , dei cuochi , e 
più de' barbieri. (Frane, monsieur). 

tnoriu. t, a, (Noto), morso, i (Ca- 
tania . Aci , ecc.,) pezzo, mozzi- 
cone. 

nmtTU, i, s. m-, mostro. 



tnolu. g. m., moto, t Convulsione. 

'mpalattàriii , v. rifl.. mettersi 
in possesso d' un palazzo entran- 
dovi a suo agio ad abitarlo. 

'mpann/ddari . v. intr.. fuggire, 
scappar via, correre velocemente. 

mp opti e chiari, v. tr. e intr., im,- 
pastoccbiare. 

'mparari, 'mbarari, v. tr. , inse- 
gnare l Meno comunemente, impa- 
rare, apprendere. 

'mponisi. facendo finta, dando 
a vedere. 

'mpasittliri , v. intr., ridursi a 
paitula, aiob a uva passa. | Fig. 
rinfii-hire. allibire. 

'mpaliddiri, v. intr., impallidire, 
allibire. 

'mpianeiarì, v. tr,, stirare dopo 
d' aier amidalo o insaldato. 

'mpiciari, v. tr., impeciare, im- 
pegolare. 

'mpignari, 'mbignari. v, tr.^ im- 
pegnare. 

mpiiiatu, lo ste.iso che 'mptjatu. 

'mpijàriti, v. rifl., impiegarsi, al- 
logarsi, mettersi a' servigi. 

'mptjatu, mpìatH. 'mpigatu. par- 
tic, quasi sempre in forza d'agg., 
impiegalo. 

'mpìaciri, v. (r, e intr., fermare, 
fermarsi, attaccare. D (Colini) ap- 
piccicare, sospendere. Pres, impin- 
eiv; pass, 'mpincivì; fut. 'mpintirà, 
oggiu ; part. pass, 'mpiikiutu , 'm- 

'mpintu, pari. pass, 'npindri, 
fermo. 

'mpiluttsu, agg., impetuoso, 

'mpoitiri (Uaiiganoi. v. tr. , im- 
porre, metter sopra, caricare. 

'mprattickirisi, v. rifl. , impra- 
tichirsi, addestrarsi. 

'mpreau, prep., presso. 



UigniaOb, Google 



'mpristari, 'mbristari, 'mprintari, 
y. Ir., imprestare. 

'mprisvta, agg., petnlaate, ardilo, 
ÌDtr«piilo, 

'mpràa, S. f.,' acqua. Voce bam- 
binesca. 

'mpugnari, v. tr., impugnare. 

'mpustari, v. lr„ nascondere, sti- 
vare. Il 'mpuilan la levpetta, spia- 
nar lo scliiuppo'. 

mraglia (Cianciana}.coQtr. da mi- 
daglia, 

mvccaturala, i, s. f., tanto di ro- 
ba quanto cape in un miueaturì , 
che è il moccicbino ed ancbe la 
pezzuola. 

muf^alun, i. a, s. m., pezzuola, 
moccicbino. 

muecnni, per cuccuni, boccone. 

muddicalti (a) (Ceraci), m. avv. 
a pezzi a pezzi.a frintumi, a uiol- 

muffitluni, a (AlimenaJ, accr. di 
moffìita, mmoffula. o boffa, ichi^no. 

tnugghieri . muglieri , mulleri , 
moygki, mogli, molli, i, 3. f., moglie. 

muta, i. 3. f.. mula. || Muta di 
fera, Mg., donna di apparenza ma 
piena ìli difalll. 

mulinaru. i, a. s. m., mugnaio. 

munaceddu, i, 3. m., dim. di mo- 
nacu. monaco. 

munnànu, agg., mondano, umano. 

munnàri, v. tr., mondare, pulire, 
ripulire, toglier la buccia. 

munnidduziu, a, i, i. m., dim. di 
munneddn. 

munniitazta, s. f., pegg, di mun- 

muntiizzedda , i , a. t. , dim. di 
munnizza. immondezza. 

mumignaru, i, a. e agg., bugiar- 
do, meazogniero. 

mumeddu, i, a, s. m., mucchio. 



336 

(Erice) , lo stesso che 
i. sepellire. 

muTtàru. t, a, 3. m., oiortajo. 

niurutu , part. pass, invece dì 
mortìi. morto. 

mumuaazzu, dispr. di murauiu. 

tnurruiu, agg. quasi sempre u- 
sato come sost., pieno di morvu , 
(moccio) quindi sporco, moccioso. 
P Fig., per dispregio si dice di uno 
che non rappresenti ni valga nulla 
in società, uomo dappoco, ragai- 

muita. tch\, s. f., mosca, p Vidiri 
li muichi virdi, soffrire, patire cose 
straordinarie e inaudite per lo più 
detto in senso figurato. {| Ammuc- 
cari o (^acciari mus hi, 6g. noD a- 
ver da fare per m.inco di lavoro. 

miticiu. agg., avvizzito. 

musili, l'i, s. f., bellezza sopran- 
naturale, magnificenza. 

musiari (Trapani), fari muiioni, 
cioè far movimento leggiero. 

mozione , mossa , 



movi 



;nto. 



v, intr., torcere il muso 
per disapprovazione, rifiuto ecc. 
fBUJSM, t, 0, 8, m., muso. I Bron- 

mustazzota i, a. f., specie di pa- 
sta dolce, e per lo piti dura, ir.U- 
stacciolo. Il Musla^zoìa di meli, con- 
fortino. 

musùra, i, (SalaparutaJ, vedi mi- 
sura. 

niulaiina, i, s. L, mutanda. 

matannedda, i, è. f., dim. dimu- 

muiticani, a (Poliizi), boccone. 
[ Morso, 
muszit, i, B. m., mozzo. 



UignieOb, Google 



FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EC. 



'JV, prep., in. || Non, no. Il Un, 

"no per afereei, una. 

naca, chi, s. I., culla. | Gorgo. 

nannu. t. s. m.. nonno. 

nano, avv., gnomo, no (voce non 
palermitana). 

'ncpocu, pron. plur., alcuni, mol- 
ti, un certo numero. 

nana, jchi, «. f. , naso grosso e 



. t, s. t.. pegg. di nasco. 

«aschiari, v. inlr, e Ir., fiutare 
(da muchi, narici). 

naKiVt, V. intr., nascere, i Venir 
su, spuntare, apparire. | Venire. 

nàtri (Gianci^na), noialtri. 

'nea, cong., adunque. 

'ncarruzzart, v. tr. , metti're in 
carrozza, far salirà in vettura. 

'ncartamenlu, i, a, s. ni., incar- 
tamento, carte. 

'ncattagnari, accastagnari, v. tr., 
sorprendere, cogliere alla sprovvi- 
sta, e più propriamente prendere 
in mez^to, 

"licoMudri, V. infr. cbe si suole 
unire alle parole di friddu. e vale 
intirizzire dal freddo, assiderare. 

'nchianari (Messina), vedi acchio' 

'nchirtìi , i,s. m. , pieno. || Lu 
'nehitiu di la 'mpanata , Sg. latto 
per filo e per segno. Il Agg., per 
chtnu, pieno. 

'nckiri (Calta niss.), Io stesso che 
iinchiri, riempire, 

'nchiiimmatu , part. pass, da 'n- 
chiammari, impiombare. 

'nchiuia , t , s. f. , chiusa , con- 
serva.... 



'nekiutu, part. pass, dal v. 'n- 
chiùijri, chiuso, rinchiuso, 

'nebiuoan, inchiodare. 

'neiammari, 'ngiammari , v. tr. , 
infiammare, accendere. U V. rifl. , 
accendersi, innamorarsi perduta- 
mente. 

'nco»lra. avv. e prep.. incontro. 
conlra. 

'ncrapieeiarisi, per metal, invece 
di 'ncapriceiàriai, v. rifl,, incapric- 
~'~~" entrare in capriccio, in de- 
. in voglia. H innaiuorarsi , 






'nerapicciafu, part.pass.da 'nera- 
piceiariii, incapricciato, 

'ncvgnari, v. intr. e tr., accosta- 
re, avvicinare. 

'ncHitan' , v. Ir. , inquietare. U 
Rifl., inijuietarsl, seccarsi, adirarsi. 
Pres. 'ncxietu o 'neujetu; pass, 'm- 
cuitai; /ut. neuitirrò -Ojjiu; pari. 
pass, 'n cu ito (II. 

'ncummudala, agg., incomodala; 
vale anche gravida. 

'ttcurrivatu. part. pass, da 'ncur- 
rivàrisi, indispettito, corrucciato. 

'ncuslunnia (polizzi). pari. pass. 
da 'ncustunart , unito . accostato 
(da 'ncoilu, vicino, dappres.so). 

'ncttttu. ajjg.. accosto, stretto, at- 
taccato. || Fitto. Il Importuno. Il Ap- 
piccicoso. 

'nd', 'adi (Milazzo), lo stesso cbe 

'ìtdivinarì, 'ndumnari. 'mminari, 
'nniminarii addiminari, v. tr., in- 
dovinare. 

'ndumani, avv., indomani. 

negghia. i, s. f.. nebbia, g Per- 
sona o cosa che ci porti coofusio- 
ne. rincrescimento. 

nsnti , avv. e pron. , niente > 
nulla. 



UignieOb, Google 



niieiri, V. jntr. e trans., uscire. 
Pres. nescia, p»s8.msem, part. pass. 
ntict'ulu. 

néipula, i, s. {., nespola, l Fig. 
il deretano. U Ptizu o pirtittu di 
néspula, il calo. 

'nfacct.prep. e avv., in faccia, di 
faccia, rimpelto. 

'nfallanli (Noto), vedi fallanti. 

'nfaiciaggki, s. f. plur., fasce da 
bambini. 

'nfalari, v. tr., fatare. 

'afazza, comp. da non e fatta. 
non faccia, non avvenga, non sia 
mai. 

'n/iceaW, v. tr, ficcare, introdurre 
intrudere. 

'n/5(ari, 'mbilari, v- tr., infilare. 

'nfinucchiari, v. [r.,inflnocohiara, 
incannare (Vedi la nov. CXXII). 

nfùrgiri, v.lr. eccitare, aizzare, 
far delle insinuazioni contro d'al- 

'ngaggkiari, v. tr. e inlr., Inca- 
gliare, incappare, impigliare, co- 
gliere, fermare, rimanere ecc. 

'ngagghidda, i, a. f., dim. di 'n- 
gaggbia, fessolino, piccolo fesso. 

'ngagghiatu, <CasIellerm.) part. 
pass, da 'ngaggkiari, incagliato, in- 
cappalo, fermato, còlto, impigliato. 
ngaliciàrisi, v. rifl., prendere una 
donna che, o perchè trista, o per- 
che non virlnoss, o per altra ra- 
gione, non potrà esser la felicità 
della casa. 

'ngatttt, t, s. m., incastro. 

'ngattatu, part. pass, da 'ngaltà- 
riii, rannicchiato, rincantucciato 
come gatto. 

'tighirriaiu, agg. di persona fa- 
natica, che fa lo gnorri. 

'ngtommart (Noto), vedi 'nciam- 
mari, infiammare. 

PiTHi. - Fiabe t NovtlU. Voi. IV. 



IMO . 33? 

'ngrifatu, pftrt. pass, da 'ngrifart 
arruffato. 

'ngriii, agg. e sost., in<;lese. Ve- 
di voi. I, pag. 309, n. 3. 

'ngrunnatu, part. pass, da 'njrrun- 
nari, ingrognato. 

'nguaggiari, v. tr., per lo più u- 
salo rifl. , dar 1' anello in chiesa 
sposandosi. Vedi la nota 3 del vo- 
lume I, pag. Ite. 

'ni^uanla t, s. f., guanto. 

'nguantttni , i , s. m. , acsr. di 
'ugualità, guantone. 

ngumtu, i, s. m., unguento. 

'ngumari (Polìtzi), vedi 'ngum- 

'ngummaù, o 'ngumari, v. intr., 
appiccicare con gomma; attaccare. 

ngummaiiszu. alterato da 'ngum- 
matw. attaccaticcio. 

'ugunicckiariti (Bosutlano ) , lo 
stesso che addinucchiariti, v. rifl., 
inginocchiarsi. 

'ngurjton, v. inlr,. gorgheggiare 

nidlri (Krjce e Marsala), pron. 
pers., V. nuàutri. 

nkareddu, dim. di nicu, agg., pie- 
colino. 

Hiekea, t. s. f. onta, dispetio. 

nichìàTÙi, V. rifl.. stizzirsi, im- 
bronciarsi (deriv. da nichea). 

nicit, (al plnr. nichì), agg., pic- 
colo, 

nicusEU, dira, di nicii, agg., per 
lo pia usato come sost., Piccolino, 
ina d'una piccolesza gentile. 

nìggkìa^za . i , s. f. , avvìi, di 
neggliia. nebbiaccia, 

nigghiumi, s. f-, grande e fitta 
nebbia. 

niguzziari, o mcuzìari, v. tr, ne- 

'niminari (Noto), veci 'ndivinari, 
ninfa, i, a. f., lumiera. 



UigniaOb, Google 



sts 



PUBE, NOTCUJt, BàCCONTI IO. 



niputi, a. m. • r., nipote. 
' niuni, nicurn, agg., nero, t Pa- 
ralo niura, parola iDeompreosibile, 
misteriosa e magica. 

nwi, s. f., neve. 

nna o nnt, prep., io (par esemp. 
Dov. I: nna 'na pinnicedda. in una 
piccola penna). Ecco i inioi com- 
posti: nn'ti, ttni Itt.nn'tf, neljnn'a, 
uni la, nella; nn t, nni U, nei, nejle. 
I Art. indet., una: ('Wna vola co'era, 
una ?otta c'era). Pron., ne()intu 
iju, ie ne andò). 

nnicehi-nnicchi hi rari significati; 
ehi nnieehi-nnicehi ! che imporla a 
me r come c'entro io T g Jin la gu- 
ta nnieehi-naiiiehi, desiderar viva- 
mente. 

'nnmtnu, i, s. m., indovinello. 

nnòrdini (a], lo slesso che in or- 
dini, in ordine, la pronto. 

nnueiienti vedi nnuzzenti. 

'nmueinteddu, 'nnttzzinteddtt,igg. 
e SDsl.. dìm. di 'nnuectnti, inaocen- 
tnizo. Il Bambino. 

'nnueeinMiitini, s. f., innocenza. 

'nnwnaai, 'ndwnatti, avv. esosi., 
indomani, domane. 

'nnuffi Ina ta, 'Uutnfnato, t, s. f., 
rinomanza, fama. 

'nnviientL 'nnue^anli, agg., in- 
nocente. 

nòltlu , i , s. m. , capriccio , 
grillo. 

nonngnura, lo slesso che nonit- 
^nurt, no signore, (o signora), no. 

'nqva ^Vallel.], per fognamenlo 
invece di dunca, dunque. 

'macchi e 'maeeomv, non so chi 
e non sa come. Vedi voi. Il, pa- 
gina iff, n. t. 

'majari. v. Ir., provAre. t 'Ntajà' 
risi, provarsi un abito, un ocello 
qaalaDqDe a) corpo. 



'ntaitgvUaTiti { Borgetto ] , redi 

''fiianguniarisi. 

'niatiguniàriti, v. rifl., insangui- 
narsi, it Bestemmiare. 

'niapvnarii v. tr., insaponare. 

'ntimmittari (Noto), v. Ir., met- 
tere 'ntémmula, cioè insitme; anire. 

'min^a, ^hi, s. t. segno, segnale. 
Il Fan 'nttnga. far segno. 

'ntiriri, V. inlr,. restare come dì 
sasso, non sitper che si dire ne che 
si fare, restar sopra dì sé soprap- 
pensiero ecc. Pres. 'nsirirauj (inss. 
niiriin. 'niiritìi, 'njtVia ecc.. fot. 
'nsirirà -aggiu; part. pass, 'jismi'u. 

'ntóJia, s. f., specie dì uva. f {.t- 
vari di 'tuolia, distogliere dal pro- 
posito. 

'nstimma, aw., insomma. 

'atwtHaethiatu, part. pass, da 'n- 
tuttnacckiàrisi, sonneccniante, cite 
sonnecrhia, che dormicchia. 

' ntunnariti, v. rifl.. sognarsi. S 
Venire il pensiero, il ticchio. 

'nla, 'ntra, prep.i entro,, dentro, 
in. 

'ntamafn, agg., sbalwd Ito, stupi- 
dito, (Fr. entamé}. 

'tttartarari, v. ìntr., intatlsrìre. 
bruttare, infardare, 

'nlarlaratu, ^art. pass, da 'nlar- 
(arart. iotarlarilo, bruttato, 

'nlisQ. s. f., intesa, udito, n JEt' 
siri di caduta 'ntisa , esser d i se- 
greto accordo, di preeedenteintet- 



iplr., 



ponirsi. 

'Ntonì, s. m., Antonio. 

'Stonia, s. L, Anlonìa. 

'ntraraenti {aiihzio^ Cast e II.) aw., 
nel mentre, intanto. 

'ntra, nla , avv. e prep. , entro, 
dentro, tra, in. 



a. b, Google 



strada. ^Non lo trovo in questo 
senso ia altre parhle.) 

'uirtniti^an, v, tr., eiatnìnare pro- 
fon da mea la. Il Sondare, addentrarsi 
interrogando, ecc. 

'ttriniicherì , agg. e soal.i ficca- 
naso, iatrliianle. 

nlruteiarit v. Ir., fare a troscia, 
ravvolgere. 

nlris aluri , t, g. m. , laccio da 
intrecciare ì capelli. 

'nltinnu. avv. e prep., in giro, 
attorno, qnasi in tondo. 

'uluniurulu, part. pass, da 'nlHn- 
tarirì, stepidito, stordito. 

'nluppari, y. intr.. ioloppare, ca- 
pitare. 

'ntun-accari [Nolo) chiudere den- 
tro una tolre. Vedi voi. I.pag. W*. 
(non lo trovo in altre parlate). 

'«u [Noto] per vn, uno. 

tmatri, nuavutri, niàtri, Ntautri, 
pron. personale, noialtri, noi. 

atta (Uìlazzo) vmlì nui. 

nuct. 3. f., noce. | Nwi dì eodda, 
nodo del collo, 'iij. rompicollo. || 
per ioiprecazi arte vale: ebeti possa 
rompere il collo ! 

nueiddda , i. &. t. , Boccinola a- 
vellsna, 

nui, Rua, proli., noi. 

nuddu, agg., e pron-, nessnno. 

nulilutu, agg., pieno di notili, 
capriccioso. 

numinari, v. Ir., nominare. D Le- 
vare in fama, n V. rifl., segna- 
larsi. 

nuRca, annunca, addunca, cong., 
lo stesso che dutua. 

Rutinu, t, s. m., nonno, avo. E 
Spesso si dì del nonno o della 
nonna ai vecchi, per rispetto, e 
iinasi per aR'etione. 



numna, i, i. f, nndrice , Julia. 
(Fr.„. «..««1. 

nuru, per nudii, agg., nuàu, no- 
do, i Ala nura, mod avv., ignudo. 

nularu, t, a. s. ro., notaio. 

'nultVi, inutili, ftgg., e avT„ i- 
nutilo, inutilmente. 

'nvtci, avv., invece. 

'nvtnu, 'mmertu, meri , 'mmeri, 
prep., verso. 

'nainga, 'nsittga, 'nitnen, ghi, s.f., 
sepno, segnale. | Insegna. 

nzinca {Acireale), vedi 'minga. 

'niirtan, v. Ir., indovinare, co- 
gliere nel segno. 

'mita, t, s. f., setola. 

nio (Vallelunga). lo stesso 6be so, 
ciò. D Nxocehi, nxoecu, crb che; vedi 
loecu, locchi. 



6, eonlP., da a tu, a 'u. al, alio, 

oibidiri. abbidiri. 'bbidiri, v. tr., 
Obbedire. Pres. obbittisn'u; pass, ab- 
Udivi ; fot. obbidiró -oggtu; part. 
pass, obbiduta. 

oceddu. aceddv . auneddu , ecc. , 
t, s. m.. uccello, n Pineiti oeeddi 
'nta l'aria, lelt., dipingere uccelli 
in ariaj e fig., cogliere a volo qua- 
lunque concello e saperlo espri- 
mere in carta. Lo stesso dicasi di 
un' arte «ce. 1 Pig^hiari oeeddi pi 
l'aria, essere sveltissimo , prontis- 
simo d'inge([nD. 

oàdiri, onriri. oecutiri, aecidiri, 
». tr., uccidere. 

offenniri, affétmiri, v. tr., o8ien- 
dere. 

ogghialureddu, i, a, dim. dì og- 
ghta/oru, utsUo , boccetta da ser- 
barvi olio. 



UigniaOb, Google 



:)40 



riABB, mvELlE, BAGCOim, EC. 



' opgKialoru, agghiahru, i, a. è. m., 
Dlello. boccetta a» serbarvi olio, i 
Lv dioBulìt ti 'n/ila 'nta l'ogghia- 
loru. il diavolo ci melle la cuda. 

igghiu, s. m., olio. 

DJ. oggi, avv.. oggi. 

ora, avv. di tempo, ora, adesso; 
D Gong., or. 

orclint, (, ». m. , ordine, roman- 
ilaoiento. | £iiiW all'ordini o ad 
ordini a nnoriitnt, esser pronto. 

óriu. a. m., ono. 

orlu, 1, 8. m. orto. 

ortit, agg.. orbo, cieco. 

owu, a, a. m.. osso. B OMit-pìx- 
siddtt , noce del piede, malleolo 
del piede. | Laiiart all'ottu, lascia- 
re al verde. 



Po', s. ra., tronco da patri, pa- 
dre. 

ji accana tu, agg., senza quattrini. 
Vedi sfasvlatu. 

padedda , paredda , t , e. f. , pa- 
dell». 

palangàra. t, s. f., catiDella, ba- 
cife (Sp. jialangana). 

palali ^ t- II, i (Palermo) s. m., ve- 
di palangàra. 

palala, i, s. !.. colpo di pala. 11 
Tania quantità di roba quanto ne 
entra in una pala. | (Salaparula) 
per balata. 

Palinu, s. lu., dim. di Paulu, 
l'aolino. 

paliti, ii, è. m.. palio. 

palora, i, per metatesi, invece di 
porosa, !. f., parola. 

palumma, t, s. f., colomba. 

pàmpina, t, s. f., pampano, fo- 
glia. 



panaru, t, a, s. m., paniere. 

ponnizsu, i, s, m,, pannicino. 

pantani, s. m., diavolo; voce pu- 
lita, con cui si vuol coonestare o 
coprire la bestemmia siciliana che 
■antìlica il diavolo : lantu di pan- 
tani, cbe pure dicesi soni» di pau- 
lu: 

panlanuni, s. m., accr. di pàntanL 

panuixu , i, s. m. dim. di pani, 
pane. 

pansa. t, s. f., pancia, ventre. R 
Coli di la pan;a, a proposito di 
donna gravida, vale il corredo. 

pamazsa. dim. di pania, grossa 
pancia, trippone. 

paraddistt, paradiiu, parariiu, s. 
m., paradiso. 

paraggiu, agg., simile, consimile, 
pari. 

paran, v. tr., parare. Il Parann. 
Tìfl., mettersi in guardia, in atlen- 
lione, in sospetto. 

parattt, part. pass, da parari, pa- 
rato. Il Curiti e malu paratu, stretto, 
costretto. 

por-funi (Salap.), vedi barcuni. 

parìcchia, i, s, t., pariglia. 

pon'wAiato, », s. f., data misura 
di terreno facoltativo. 

parpagghiari, v. intr.. 6d ancbe 
trans., muover le labbra nel prof- 
ferire, labbreggiare, pispigliare. 

jtarrari, v. lutr., parlare, i Cu' 
nni parrà T chi ne parla ! ehi la 
ilice? chi l'ba mai sognato t No, 
niente affatto, f 'Un ti nni parrà , 
non se ne parla neppure. 

parrinu, i , s. m. , prete (quasi 
padrinu). Il Padrino. 

parti,' t, s. f. , parte. t| Azione, 
atto. 

partttu, t, s. m., partito, y Uatri- 



U.t,nra.t>, Google 



pam, a, s. m., paio. I Di pam, 
m. avv. , a distesa; di continuo; 

sema eccezione. | Pam paru, gre- 
mito, ripieno, zeppo. 

pàtima. 1, s. f. , lungo e penoso 
patire. 

panaggiu, i. s, m., passaggio. Il 
Fatto della vita, tristo o lieto. 

patiari, v. tr,, passare. H Puzzare 
per putrefazione, e si dice delle 
sostanze animali, n Paitort pi'porla 
di Croslu, essere, diventar cornuto. 
Vedi voi. 11. pag. 13, nota S. 

patsn , I, ». m. , passo. Pasiu 
pativ, piano piano. 

patòccMara, voce che si scontra 
net proverbio: ehiaeehiari, potéc- 
ehiari e tabbaccheri di lignu lu 
MiiRti ttti nnt 'mpigna , e vale le 
cose Inutili non contano. 

patri, ■ s. 01.. padre. 

palracinaluri , t, s. m. , patroci- 
natore. 

patrucinaturieckiu. t, dim. avvil. 
di palrucinaturi, palrocìnatoruzzo. 

patnmt. s. m., padrone; fem. pa- 
Iruna, pinr. m. e f., palruni e pa- 
Ini no. 

patntMtt. i, 8. m., dtm. di patri. 

pau, pava, pauni, pagani, pavu- 

pavmtu, i, a, m., urlo, grido, n 
A paventu, come vien viene, in a- 
ria, e si dice dello sparare, equin- 
dl. fig. dello avventurare una prO' 
posizione qualunque senza discof' 
reme il fine, per saggiare l'animo 
di chi ci ascolta u tia da far con 

pavigghinni, a, s. m., padiglione. 

pecca, echi, s. m., difetto, pec- 
calo. Il Mettiri paccìi. trovar difet- 
toso, depreziare. coglier difetto ad- 



uuo. 3\ì 

pedi, peri, i, i. m., piede, i Fedi 

d'ttratieiu, di fica, tfi ptru. arancio, 

fico. pero. I Pedi di pitit, titolo av- 

vititivo che si dà a' villani, a' con- 
tadini, ecc. Vedi voi. I, pag. 333 , 
nota 9. 

pinniri. v. intr., pendere. 

pirdiri. V. tr., perijere. Pres. per- 
du, pass, peni, pari. pass, pena, 
pirdtttu. 

perni, s. f., plur.. perle., (Il sin- 
gofare È rare volte usalo), 

pesta, t, 8. f , peste, t Chi ti ee- 
gna 'na paia : che ti venga un ac- 
cidente: 

petra , i, s. f., pietra , sasso. D 
Faritilla petri pelri , cavarsela a 
stento , uscire a grande fatica da 
grave pericolo. I Fan petti pani , 

pcMU, t, a, s. m., pezzo. 

pi, pri, prep,, per. 

piócirt . piactri , v. trans, pia- 
cere. 

pialli, piatati, s. f-, pietà. 

pia ti icedifu. a, i, s. m. , dim. di 
piottu, tondino. || 'i'anii li piatti' 
eedda, farsi ì patti. cioÈ indettarsi, 
intendersi con precedenza. ^È pro- 
babile che invece di pialticitdda , 
debba dirsi patticedda o pattieeddi, 
che sarebbe dim. di paltu, patto. 

piatiti, prallu, i, a, piatto, tondo. 
=PiflHM di forti, fig,, il meglio. 

picea, avv., poco- n j4 picca apio- 
cn, in. avv., a poco a poco, pian 
pianino. 

pieckidda, avv., dim. dì picca, 
pocolino. 

picchtàri, V. tr. e inir. , piagna- 

piedlidda, i (Krice e Cianciana), 
vedi pieciriddu. 
pieciriddit, piccUiddu . t, s. m. , 



UignieOb, Google 



3U FIABE, NOVCUA, 

|iic«aniWM'*gs»ino. I tn Catanw e 
altrove, a^., piccufo. 

picciridduxsu, dim. ài pitciriddtt- 

pvciu li , ■. m. {ilur. , quattrini , 
moDeti spicciola. 

pkcium. a, s. m., piccioDC. 

picciutuddu. i, i. m., drm. di pie- 
eiotlu, radaiztao, giovinetto. 

pitu. (a), m. atv., * picco, a per- 
pendicolo, in pDnlo. 

pidmgna, i. a. f., firaietlo. 

Pidda, B. f., Giuseppa. 

piddémia, ii, f. f., coperta di la- 
na cotone dette donne. Vedi vo- 
lume I, pag. 131, nota I. 

viddìxxutti , a. s. m. , pidocchio 
àe polli. Il Fi(. il deretano; onde 
la fraas Cui trema lu piddiz'Utti , 
ha pagro, ^U Iremano i pipponi. 

ptdduìiati, V. tr. e inlr., straiipar 
la pelle. | Seccare, infastidire. 

pidocchiu, t, 8. m., pidocchio. 

pidiuetiazitt, i, s. m., pegg. di 
pidocchiu, 

pidttcchitàda , i, &. m., dioi. di 
pidociiitt. 

piduMu, dim. di pedi, pttdutxo. 

piffSkiari, pigliBri, pillari, v. tr.. 
pigliare, prendere. 

pigttala , t, s. f . , pignsta , pen- 
tola. ' 

pignalam. i, a. a. n>. pentolaio. 

ptgjnu, a, i, s. m., pfgno. 

ptlàriti, V. rìfl.. pelarsi, pianger 
dirottamente strappandosi i ca- 
pelli e dibattendosi. 

pillàri, (Aiìmena, Ceraci], Tedi 
pigghiari. 

pilli, a, s. ra. , pelo. Il Cosa da 
poco, da nulla, n Fretcalo. 

piiutedda. s. iF., dim. di piluia, 
tonte A dire pelogina. 

pinari, v. intr., penare, soffrire, 
patire. 



«ACCONTI, BC. 

pinata, j)arL pass, da pinari, fe- 
nato. 

pinitrari, T. Ir. , penetrare. 1 W- 
nilrarisi di na casa, peTGliadersì di 
una cosa. 



pÌHna, t, B. f., penna. 
Dinnamt, i, a. f., p " ~ 
cella.ne. 



Dinnamt, i, a. f., pollerìa. | Uc- 



pinnietdda, dim. di pinna, penna. 
pinnvla. i, s. f.. pillola, 
pimari, a piiuari , v. Ir. , pen- 

piniata , jitnialn , i , s. f., pen- 
sala. 

pirciarì. v, tr. , forare, bacare , 
pungere. (Frane, perctr). 

pireuUtri. V. intr., goociolare, dil- 
la re, 

pimieanv, i, s. m., pernice, t 
Fig. gobbo. 

pirrìoluri > a. m. , cavatore di 
pietre. 

pjrtiVunì, a. s. m. , pallino, mì- 
gliar'ila. 

pirttitu. yurtmu, i, u, s. m., per- 
tugio, buco, foro. 

pirv, a, 3. ni., pera. 

pirutu. pari. pass, da ptVi'rt, pe- 
rito. 

pit tazza, 3. f., urina. 

pitctteddu. i, g. m., dim. di pitei, 
pesciolino. 

pi$i pili, per pisiili pillili (Lipa- 
ri). Vedi p'siiii. 

pitolu, a (Mangano), ». m., mat- 

piituntàrin , v. riti. , batter coi 

fiedi quasi pestando per irreijuia- 
^^za. smania, o rabbia. 
piiuli-pisuli, piti-piii, m. Bvv., 
detto di pioggia, vale in gran co- 
pia, a calioelle. 

piiultarì, V. Ir., prendere sul pal- 
mo dèlta filano un oggetto, come 



UigniaOb, Google 



perìitsbilirnoappraKiiDaKvarMiite 
il peso. 

pitàggiu. i, I. m., pieUnsa, zup- 
pa, minestra (Frane, poUgt]. 

pitiUeddu. i, a, i. m.. dim. di pi- 
liìlu. pagiiottino di variti foruiei, e 
per io pili appetitose. 

piiruni, a, s. m., accr. di petr», 
grande pielia. masso; 

pilterra, pirterra , i, ». m. , ter- 
razza; (Pranc. partttre). 

pittintita, i, t. f., pellios hmgo, 
meiis ■ deoti radi per istrigire i 
pelli, e mei» a deal) filli per net- 
tarli e lieciaHi. 

pitturina, pvttrtnQ, pvtturina, i. 
». f, il vnolo tra il pelto a la 

pizta, 1. s. f., focaccia, d Eìtiri 
pizsa-avanti-fumu , A^l esser Min- 
pre i) primo a muoversi, a finì in- 
nanzi . a parlare , a sentenziare , 
come la pixia ohe si suol mettere 
sempre alla bocca d«l forno. 

■ptz'artdiia, i, (Vallelunga) s. f. , 
Hot. di pi'tidra. efae è il femm. di 
pizsàrv, cenciatuola. 

piaiàrv, t, a, (Vallelunga) a. io.. 
raccoglitore di pezze, (cenci], cen- 
ciaiuolo. 

pmicHni. a, s. ni., pizzicotto. 

pi'unedd». i. a, t. ai., dim. di 
piszitM, politi ino. 

pixsoUu, i, (Acir.) «. m., dim. <ti 
pe^zu, pei ietto. 

pizzudda, i, s. t. dfnr. di pttza 
pezzolina. 

ptsxuUu, a, s. m., peiaetto. d 
Pochino, pocolioo. 

pixtuluni, a. s. ni., beci^ta. Il Per 
piszieuni, pizzicotto. 

pocu, avv. e agg., poco. l 'Na po- 
ca, molti, un buon numero. 

}i4()btni, (Castel ter mi dì) i.poviru. 



uà». S4S 

jior, po', pita. poi. dipoi: 

palila, t, s. r. . pùlÌLìza. Il Fari 
pàlKa. far debita senza voler pa- 
rafe, che dtcesì pure : FarivMtau, 
fari porrà, ecc. 

pomi, i, s. m., porro. 

porta, i, s. f., p<irta, asoio. 

poviru, pàghin , póvuni, agg. , 
poterò. 

pòzziu, {Castelt.}, av*i, pioltosto 
(Lai. politts). 

pra;a, i. s. f- spraggla. 

prscci'd , i>er metal. , invece di 
pereti, perciò. 

prema, s. !.. pri>s»a, premura. 

prsu. s. m., contenlezH. gioja , 
festa (contr. da pr^, pregio), 

prittla, pirgula, pitrgttia , ». f. , 
pergola. 

prióri, prijari, prigari, v.tr:, pre- 

pricehi, o pircM , ptrefti , song. , 
perchè. - 

pricipttari, v. In, rovinare, con- 
durre » perdlzreoe. 

prietltori. V, Ir. invece di opprt- 
cillart. I Por lettneiurari , scon^u- 
rare. 

prfcurffri » pnteHiMri , v. Ir. • 
procurare. 

prMc^'ari, V. tri, prifleipiare , 
cominciare. 

prianMi, briniusi, é, ». m., brin- 
disi. 

pnsd, t. ». f. , presi: | Pngda. B 
Fari priia, fin preda, predare. Vale 
anche fare qualche iiBpiiesa. 

prisi'culu o priiiufu, pari. pass, 
da prisiqviri, perse^uitaloi U Lati- 
tante. 

priitRluiu, agg., presuntuoso. 

prisiàtit, vedi prisieutu. 

pràjri, v; tt., ^rgene. Pree;pt«>ti, 
ppy, prai, pnijnat, pnt^i't pngiiiHi. 



UigniaOb, Google 



344 



riABE, NOVSU^, HACCONTI, bc. 



Pass, pnyivi ; fui. prvjirà -oggiu; 
paft. [M83. frujutu. 

ràtitti, (corrotto dal latino pro- 
I. m., felicità, augurio ecc. U 
Viva. evvi?a! 

prucidiusu, agg., solamente usato 
„ rolla voeema/u: malu prucidiittit, 
che abbia mal piglio , broololone, 
niente gentile, burbero. 

pruntt. a, s, in., suaina. 

pntpiiiu , agg. , propìzio, favo- 
revoli'. I Opportuno. 

prttvìtta, I, a, f., provvista, pro- 
vigione. 

pravulaitu, s. ai., t. m., accr. di 
pruouli, polveraccio. 

pritvuU, per metatesi, invece di 
pureuli, putviri. i, t. f., polvere da 
sparo. D Addivi>itaripruvuÌi,ipiTÌre, 
dileguarsi. 

pùa. [CatleK. , Hìlaizo, Lipari), 
vedi poi. 

pttddicinu, B. m., pulcino. 

puddilru, i, s. m. puledro. 

pudia, ti, 9. f„ pedana della ve- 
ste. 

puggiari, v, inlr., poggiare. 

pulacctt, echi, s DI., polacco; no- 
me che si dà a chi dà numeri da 
giocare al lotto. 

pulitieehia, t, s, f., diin. di polita 
polizzìno. 

puncigghiuni , a, a. m. , pungi- 
glione. 

puncm, V. tr., pungere, t Spin- 
gere, eccitare, stuzzicare. 

puntai', s. m., sorla di pena nar- 

puntiari, v. (r., rimendare. 

punteddu, pijixeddtt, i, a, e. m. , 
pennello. 

papa. >, I. f-, pupattola. 

pupìdda, I, a. h, pupilla. | Dim. 
di {wpOt piccola bUHDola. 



pupu, >, s. m., fantoccio. B Pupi 
parrannu, fantocci che parlano per 
fatagione. 

puTcàru. ì, s. ra., conduttore, 
guardiano di porci. 

pumi. >, s. m., pulice. | Aviri un 
purci 'n Usta, avere qualche cosa 
hssa in testa, 

purteddu, ', a, s. m., sportello. 

purità, ', a. t., portiera. 

purticedda, i, e, f., diin. di porta, 
porticina. 

puTtunartddu, i, dim. di purlU' 
nani, piccolo portinaio, 

purtvnaru , >, s. m. , portinaio, 

purtuiu (Poliizi) , Vedi pirtutu. 
pur», cong. e avv„ pare, altresì, 

puiala, i, s. f„ posata. 

puiolu, part, pass, da putari, po- 
salo, adagialo, messo. 

puitédiri, V. tr., possedere. 

p usti diri, V. puisèd'ri. 

pwUma, ', s. f., postema. 

putliari, v. tr, tenerla posta, g 
Osservar dì nasoosto. 

pufto. pvtìga, puUja, i>, s. f., bot- 

pultàra, 1, s, f., fruttajuota. l Trec- 

putiga (Pa lazzo- Adr.), vedi putia. 

pittintalu, i, a, s. ui., potenl»to, 
potenza. 

piitru, >, a. m., puledro. 

pttttrina (Kesultano), lo stesso 
cbe pi(tiir>na, quella parte delia ca- 
micia che copra il pelto; i petti. 

puuN, I, s. ni., pozico. D Pk»u di 
bmi, pozzo da lume, cioè che da 
luce alla casa. 



UigniaOb, Google 



Quaeìàri vedi eaue'iari. 

quadara, quarara. i, s.f., caldaja. 

quadiari, quariari. v. Ir. e intr., 
riscaldare. 

guantu, avv., quanto. || Agg.. di 
ambi ì geueri e d'ambi i nuoieri. 

quarchi, agg., qnalche. 

quartàra, i, s. !.. meizìna, broc- 
ca ecc. 

qaarlaredda t, s. t.. dim. di quar- 
tàra, brocctieltai ecc. 

quartiuu, disa. di quarlu, s. m. , 
quartiere. 

quarlu, i, s. m.. quartiere. 

quartucciu, i, 3. m., misura an- 
tica di capacità. 

quaiqmai (Marsala), avv., quasi. 

quasanti, avv. , per causa di ; a 
cagione di; per colpa di; (da eau- 
tanti. causante.) 

quasàrisi, v. riti., calzarsi. 

qaasetla, qaazeUa. i, s, f., calza, 
calzetta. 1 Ventri bona la qìtasetla, 
fig. andar la cosa a seconda, pia- 
cere. 

qaatela, cautela, i. s. f-, cautela. 

quairv, t, a, s. m., quadro. 

guatturrà (Pai.), trouco da gual- 
turrana. 

quatlvTrana (Pai.) conip. da qual- 
Iru e grana, qnaltro grani, pari a 
quasi otto ceni, di lira. 

quilari, lo stesso che cuitari, v. 
Ir., quietare, acquietare. 1 Hiposare. 
trovar riposo, quiete. 



PiTRfe, - Fiaht e Novelk. Voi. IV. 



racina, s. f., uva. {Et. rateiti). 

raggbiuni (Noto), vedi raggiuai. 

raggiuni. ragghiuni, i, ». f. ra- 
gione. 

ràisi. s. ro. , nomq die si dà ai 
pescatori. 

ra;'a, *, s. f., raggio. 

raju, raggiti, i, 9. ro., raggio. 

raloggitt, t, vedi raggiti. 

ramu, i, s. m. . (atiio d'albero, 
fronda. I Rame, melallo. 

raneuràriii, v- riti., far rancura, 
rancurarsi, ramoiaricarsi, ijòleni 
per alfanno. 

rancuru, i, s. nj., ranciw», dBau- 
no, rammarichio. 

'randi (Messina), yedi grifuni. 

rappuggkia. i. ^alap. p BorjMto) 
g. f.. dim. di rappa. racimolo. 

rasòlit, a, i, a. m., rasoio. 

rajtu, t, s. u)., orma, iadieio, se- 
gno. [Spa^. ratlro). 

razza, t, a. (., razza. K Rapa sel- 
vatica. 

Tftzzuni, s. m., spronala, tirata, 

rètim, agg.. triste, infirescioso. 

ritma, i. s. f.. retliiia..|l Funata. 

riami, i, s. m. e f. . reame , re- 
gno. 

rtoWa. i, s. f., gara (ital. ,^90(0). 

riecu, agg., ricco. Il rùi;» 'n funnu, 
ricco sfondola,to. 

riccuni, accr. di riectt. 

riecuntari (Krice). Vedi .raccun- 
tari. 

rictssa (Polizzi), v^di yiseessa. 

Richetta, s. t, Enriche.tta. 

ricala, i, è. r.. ricolta, ricotto. 

ricàtu, i, s. ni., ricolto, ricolta. i; 
Pari, pass, da ricóggbiri , r(iccollo. 
Vi. V. .tr., ricorrere, farri- 
icliian;iaj;si , far richiamo. 
Pres. ncuritt, pass, rieurrw». "- 

W 



UigniaOb, Google 



FIABE, NOVELLE, RACCONTI, EG. 



ridduUu, par. pass., da Tiiduciri 
arrìdduciri. ridotto. 

Tìfardu, agg,, gretto, tirchio, spi- 
lorcio. 

rigginedda. i, g. f., la figlia del 
re, jirincipessa ereditaria del Irono, 

rigginotta, i, s. f., diro, di ripjina. 

rigàrdilu. t, (Valle).) vedi rigordu. 

rigordv, ricordu, rìordu. rigàrdi- 
fu, I, a. m., ricordo. 

rimédditt, ii, s. io., rimedio. 

ringhiceddu, i, a, t. i»., di ringit, 
rigo. 

Wpa, i, s. f., ripa, riva, spiaggia. 

ripét'rì, V. tr,, ripetere. 

ripitari, V. tr,, far corrotto sopra 
una persona morta. 

ripr-mioni, i, s. f.. riprensione. 

ripn'Btiisi'otit (Potizii) . vedi ri- 

riìcédiri, y. tr., cercare, frugare, 
addosso; nel qua! senso in Palermo 
si usa circari. 

risceasa, ricesta, i, (PoliiJÌ), 8. f., 
frugamento. ricerca con alleDEìone, 
(da risenti tri). 

risetttt, rizettv, riceltu, i, ricetto, 
riposo, requie. 

mia, ii, B. f., eresia. 

rispigghiari , v. Ir., risvegliare. 
V. arruipiggkiari. 

rispiliàrisi, (Baraci e Aliai.} ve- 
di arruìpig^hiàrisi. 

rigpiinnin , v. tr. , rispondere. 
Pres. ri»punnu; pass, rispusì , ri- 
spwnwiu, part. pass, n(;>uiiHtilii, ri- 
iposlu. 

risurtari, v. intr., risultare. 

rilagghia, i, s. !.. ritaglio. 

ritaggkiedda, i, s. !.. dim. di ri- 
lagghia, fjtaglioliao. 



ritagliedda (Vallel.), vedi ritag- 
ghìedda. 

ritunnti. agg., rotondo. 

rivutàr-ti, \-. rifl. rivoltarsi, sol- 
levarsi. 

rizettu, i (Cianciana e Acireale], 
vedi risettu. 

robba, 1, s. f., roba. 

'rreggiri, reggiri, v. arreggiri, 

rubbuna . s. f. , accr. di robba , 
grande quantità di roba. 

rubbuni, o , s. m. , sottana da 
prete. 

Tumaneddv, a. m., sorta di funi- 
cella. 

rvtnputa. t, s. {., rottura, rompi- 



runcari. 


V. tr., tron'.are, lagliar 


colla i-unci 


a, che È una specie di 


falce. 




runfulia 


ri, V. intr.. fare ninfulu. 


che è il r 


asso; russare, far rumore 


col respir 


dormendo. 




s. f., ronda. 


roggiu. 


alogg'u. Tlógin, rroggiu. 


Uórgiu, i. 


s. m., orologio, oriuoio. 


Ruiidda 


s. f., dira, di «osa, Ro- 


salia. 




rttvetlti. 


ruviettu. », a, s. m., ro- 



f., Elisabetta. 

sacchetta, i, s. ì., tasca. 

sacchìari, v. Ir, saccheggiare. 

sacchifeddu, i, a, dira, di sacca, 
sacchetto. 

&acmneddtt, i, a, s. in. dim. di 
saecuni, che è accr. di saccu, sac- 
co che sogliono portare i conta- 
dini e i montanari per lo più po- 
veri, del quale si servono a vari 
Qii, 



UigniaOb, Google 



sagghimmarcu, tallimmareu, t 
ghimmarcu. chi, s. m.. granfle m 
(elio. 

sagru. agg.. sacro. ' 

«atme. sugna. 









lallimmarcu, ehi (Aljmena), vedi 
laggkimmarctt. 

tammvxiari, v. inlr., utiuffarsi. 

sonori, V. inlr., risanare, guarire, 
e, a profiositodi piaga, cicatrizzare. 
H Sauari o tenari (Erice), contr. da 
sei danari, antica monda siciliana 
equivalente a doe cenlesiini di lira. 

iangu. plur. sàvgura, a. m., san- 

sangunattu, i, a.s.m, specie di 

salsicciotti composti di dolcia e 
Dva passa. 

sannunca.{ii»ngano) comp. da », 
dtinca. se dunque, se è cosi. 

aonu. agg.. sano, y intiero. 

sapiri. V. tr., sapere. 

sapntu (Vallelonga) agg., contr. 
da iapurittt, saporilo. 

sapuni . s. m., sapone. |i Lieari 
li rabbi di sapimi. lavare il bucalo. 

so rea (^i; fitti, selvaggio. 

sarvaggiv, sartaggkiu, agg,, sel- 
vaggio. 

iarvìala, i , s. f. , salva , lunga 
salva. 

larv'etta. 

saasitiu, i 

salari, v. int., saltare. 

satittu, (Salap.), dim. di làlu, 
sàttlu. salterello. 

adira, (vallelunga) , agg., contr. 
da satiiru, saturo. 

sàluru, sdtru, agg.. saturo, saiio, 
satollo. 

aaziv. agg., sazio. Il Sost., nella 
frase dori taziu, darla vinta. 



BiD. 347 

sbagnari, t. tr., bagnare appena 
o la prima volta la roba nuova 
quando s'è presa dal mercante. 

sbagiittutu (Borgetto), part, pass. 
da $baguttir,ii, sbigottito. 

sbatlari, v. intr., perdere del tut- 
to, fallire. || Trans., vincere uno al 
giuoco, fino a mellernelo fuori. 

tbannuttt, i, s, m., bandito. 

sbardu. i, s. lu., stormo. 

sbàriu il. a, ai., divario. || Sba- 
glio. I A!.'g. , vario, differente, di- 
verso, estraneo. 

ibarrocbtarj, v. tr., apalancaro. 

(fiorrori, v. ir., sbarrare, aprire, 
spalancare, i (Castelt.) vuotare, sba- 
razzare. (Salap.), riversare. 

s6aMtrÌ. v. tr., battere. 

sboiiis mór'si , v. riH. , dar del 
battes.mo . che È quanto dire del 
capo, della fronte qua e là, trava- 
gliato da sollecitudine e da grande 
costernazione. 

ibérgia, i, a. f., frutto simile alla 
pesca, albergo. 

sfcinirtcori, v. Ir. , sventrare , ta- 
gliare il ventre, quasi cavandone 
le interiora. 

sbiv. vedi iciu. 

sÈientitiri, s. m., splendore, 

sbracev. echi. s. m., passo. 

sbrotnari. v. tr., sbranare. 

sbriacari, v. Ir. e intr., farà uscir 
d'ubbriachezza. || Rifl., s&riacdr-it, 
disebbri are. 

ibr-dti, agg., semplice, modesto, 
e sì dice del vestire, il Sbrigativo, 
sollecito- H Sbricio. 

*6riisiari, v tr., spruzzare. 1 Pio- 
vigginare. 

sbrizziala. i. s. f.. Spruzzatina. 

sbrvgghiàri , sbrttgliari , v. tr. , 
sbrogliare. Il Svolgere, u Distri- 
gare. 



UignieOb, Google 



3%S 



FIABE, NOVKUUB, RACCONTI, EC. 



jbr«frli(tn(Val1elDnga),Te(lìjjirt«7- 
ghiari. 

sbirsitlan, v. Ir, dim. di «btir- 
sari, sborsare, tnocelQUfe. 

sbuttari, V. tr., sturare, sbottare. 
( (Ètn»). Uscir fuori, erompere, co- 
me a dire sjSrran. 

scaccdmàri ', V. intr. , Bghtgnaz- 



m., riso rumoroso, 
sghignazzo. 

leaech'era, i, s, f.. scaccbierà. 

tcacciari, v. tr., schiacciare. 

icafarittu, parL pass,, da ifo/o- 
rttn, di pbchi bapetli, ([Uasi calvo. 

tcafaxzàii, v. tr,, schiacciare. 

scaffarraia i, s. f,. scartbattola. 

icagghiu. scagliu, i\ a. m., vaglia- 
tura, bricchi me. 

scogliu. (tìllèl.), vedi sea^ghiu. 

scalari, y. intr., scemare, venir 
meno, decreEcere. 

scaletta, t. s. f., dim. di scali, 
piccola scala. 

scamintari (Lipari), v. tr, , spe- 
rimentare , inventare, ricercare , 
mettere in campo, vedi ipirimin- 

icanatnri, i, s. m., tavola di spla- 

seanailtari, v. tr. , cSneellare. |i 
Tor via'. 

seanciu t, s. m. , in canlti'o ; in- 
vece di.,. 

icanlathzu, alterato da seantatv 
pàrt. pa^s. di iifàntàrUi, ]preìò di 
paura. 

, tcariarbri , v. tr. , 



icarrubb'àri, V. tr. e intr., cade- 
re, pi'eciijitirè rovinando, (da ear- 
rubbu.) 



searttilidd», agg„ diro, dì icartii, 
scarseito. 

scarta. agg„ scaltro. 

scjTtru, agg,. scaltro. 

tearzarari. vedi searciarari. 

scattaminnaechi , s. m. plur., lo 
slesso che mtUàfiii , moine, false 

icattari, v. intr., scoppiare. 

scattivari, v. tr^ liberare, far u- 
scire dalla callivitì. 

seavutteddu, i, dim. di seavottu, 
che lo à di Mavu, schiavottino. 

sceeeu, echi, a. m., asino , soma- 
ro. 

ichettu, agg. e sost. . scapolo , e 
a prop. di doana, nubile. 

sekifm , li, S. m. , schifo , scbi- 
feiza, cosa brutta. 

schim, i, s. m., schiena. 

schirrari (Noto), vedi sfirrari. 

seiàbbica, s. f., bisboccio, gozzo- 
viglia. 

seitwquari, v. tr.. sciaguattare. 

scia labajocev, echi, s. un. , scialo 
coti ispensieratezza. 

seialaratu (Noto), vedi scHiratti, 
scellerato. 

scialibbia, 8, f- scialo, allegria. 

sdalucu (Termini), agg,, goloso , 
ghiottone. 

sciàmmaru. La frase catari 'nta 
lu seiammara , vale mangiare ru- 
bando. 

sciampagnìari, v. intr. darsi sol- 
Uzzo e bel tempo, sbirbare. 

&eiamparì, taamprari, v. intr, , 
scivolare. 

aciamprari (Palermo), lo stesso 
che sciampori. 



scìampnl 



V. intr. . scivola 



(Vi> J i setampuliaTi, teiampari. i 
sciampvliiri, v. inlr.. scivolare. 



UignieOb, Google 



tàampulun 



i(MM 



1»). vedi eianeu. 
rifl., rissarsi, cou- 
tendere. altercarsi. 

sciatuni (Catania), vedi ciatuni. 

scilirutu, icialaralti, agg., scelle- 
rato. 

iriliraluna, i, agg., f. di icitiralu, 
scellerata. 

sciUraluni, t, agg. m., accr. di l'i- 
lirattt. scellerato. 

seiraiddìàrisij^voe» cuniune nelle 
campagne, non in Palermo), v. rifl., 
lacerarsi, strapparsi. 

scimiddieàrisi (Marsala) vedi fi- 
middìàrisi, 

sdndiri (Hessiaa), vedi scimtiri. 

sciocca (Messina) lo stesso cbe 
ciucca, chioccia. 

sciarla, ciarla, i, s. f., sorla. 

scippa-anghi. s. tv., cavamele. 

seippari, v. tr„ cavare, strappare, 
tirar per forza o per inganno. 

"leiri (Noto) per afor., invece di 
iMcJrt. Vedi néiciri. 

icorria, t, s. f., scorza. || Buccia. 
I Scorcia di eoddu, maorovescio. 

ierat>aeari (Salap.), vedi scavar- 
eari. acavalcare. 

serimnu, i, a. m., scrivano, se- 
gretario, y Pilota del bastimento, 
oggi dello con un inglesismo <«- 
eotido. 

scumigliari (Palai. Adr.), vedi 
icummigghiarK 

scvmituliddit , dim. di seàmilu , 
.agg., scomodo, sfornito, in difetto. 

icummèlliri, v. tr., scommettere, 
mettere una scommessa. || Muovere 
a parlare, a dire, a fare. Pres. scum- 



i pass, s 



I. scummìltivi; fai. scant- 



imo 849 

scummi^ghiari , tcummugghiari , 
aeummigUari, scummultari , v, tr. . 
togliere il cttmmoggkiu, cio^ il co- 
perchio, scoprire. 

scummUsa, i, s. f., scommessa, 

«Gumpunufu. pari. pass, da teum- 
pàairi. scomposto. || Agg, di perso- 
na o cosa strana, scherzevole ecc. 

taumunieatu, part. pass, da jcu- 
------ - imunicalo. H Tristo , ì- 



scana. i, s. f., sorla di bastimen- 
to a vela (Ingl. Seootier). 

teunciurari, y. tr, , scongiurare , 
costringere i demoni ad andar via. 

scuoUu, fGuraci e Alimena) per 
tcoggia. scoglio. 

scupa, s. f . , sorta dì giuoco, n 
Scopa da ripulire il terreno, il pa- 
vimento ecc. Il Jucàrisi unu a la 
Scapa, mellt^re uno in derisione, 
beirarlo. farlo segno di beffe. 

seupari.v, trans., scopare. 

scupaszu, t, s. m., awilitivo di 
scupa. scopa da spazzare il forno. 

srupitt'ari , V. tr. , polire colla 
scupitta, cioè colla spazzola, spaz- 

scitppari, V, intr., quasi sempre 
vale piombare, cadere, sopraggiun- 
gere , ecc. 

scupuliari, v. tr. , frequenlalivo 
di seupari. scopare. 

scupaneddu. i. a, i. m,, dim. dì 
setipvni. che e accrescitivo di scu- 
pa, scopa. 

scurbvticu. (manca dì plur.) s, m., 
scorb'jto. 

tcuria. s. f., scaro. bujo. (Conlrft- 
rio di Ittìlrùra). 

scura, agg., oscuro, n Sosl. m. , 
bujo. 

tcurumi, s. f., bujo fitto. 

tcwsuni, a, s. ra., scorzone. 



UigniaOb, Google 



FIABE, NOVELLE, RAOCONTl EC. 



stutlari, V. Ir,, scontare. 

seuiutori, V. tr., scuotere, far ca- 
dere. 

icuvari, V. Ir., e inlr. , scovare, 
venire m loce. ed b detto degli a- 
nrmali. 

scunsvlori , V. Ir. . dello dei po- 
"-■ vale corli a tempo. i| Hom- 



pere 






ini. . abbandonarsi a 
correre per un laogo, sdare, || Ab- 
bandonarsi a nna vita senza fre- 
no. Il Prender l'aire, il moto. || 
hompere. Il Finire, cessare, termi- 
nare. 
sdiltiniari, v. intr., detirare. 
sdirri-jOTua (Nolo, Marsala, Tra- 
pani. Carini), ultimi giorni di Car- 
nevale. [Sdirri sarebbe il francese 
demier ri 

idÌTrvbbBtiszu . a^g. , pepg. di 
sdintihhalu, rovinaticcio. dirupa- 



sdisaggiu. i, e. m., disagio. 

sdisangatu , part. pass, da sdi- 
ianyari. dissanguato. || Fig. crudele, 
senza pieljt, disumano. 

tdilla. i.s.t., disdetta, disgrazia, 
rovescio di fortuna. 

sdraviggkiari (Polizzì) vedi arri- 
sbJggh'ori. 

sdmvigliari (Vallelunga) vedi or- 
riibiggkiari. 

sdruvtllari (Alim.), vedi arrisbig- 
ghiari. 

semperàzio. comp, da exempli e 
graia, per esempio, pula il caso. 

seriori , lo slesso che sanari (E- 



;el. 



, prep., senza, n Senza n 



tibbi nee tabbi. senza né ai né bai, 
senza fiatare. Vedi voi. I, pag. 49, 
nota 3, 

serpa (Salap.), lo stesso che ser- 
pi, s. f.. serpe. |{ Lucertola, 

sfalUri. V, inlr., per faltiri. U\- 

sfanlasiari. v, inlr,, mulinare i 
Scervellarsi B Fanlastìcare. 

sfardari, v. tr, stracciare, 

((ordala. i, s. f., slracciata. 

ifamlatu, jgg,, senza quatlrini , 
spiantalo, 

tfardari, v. tr,, stracciare, 

sfàvsu. agg-, per fausu, falso, 
cattivo, 

sfigghiari, v. tr., sfibbiare, sbot- 

sfilari, V. tr., sfilare, i Passare 
uno più per volta.! Sfilamilla, 
fuggirsene, battersela ecc. 

sf,iiUari. V. iiitr,, partire, fuggire, 
nascostamente, sgattajolare. (È «er- 
tamente corrotto da sfiritlari. fug- 
gir come un furetlo). 

$filv, s. m., desiderio, vaghezza, 
vogliolina. 

((ìrtnort (voce non palermitana], 
y. Ir., aprire la serratura. 

tfiruiciviu, »pg, di cosa che dà 
firnicìa , cioè fatica, pensiero, af- 
fanno per ottenersi o compiersi, n 
Pernicioso. 

s^ri-ot-i . sfttrrari . s^ftirrart , t, 
inlr.. sferrare, erompere. 

somari, sfSrriart, v. tr. e inlr.. 



sfraisiari. 


V. inlr., fare sfarzo. 


pompeggiare 




ifregfu. i. 


a. m-. sfregio. 


s/rinziàris 


, V. riti., concepire 



UignieOb, Google 



sfurrari (Salaparuta) , 



sfir- 



sfussari, v. Ir., far fossi- 

igoggkiarì, v, tr. e intr., strigare, 
svinfolar*!, sbiettare. E Itìfl., spa- 
njarsi, svincolarsi. 

igagghialu , part. pass, da sgag- 
ghiari. 

sgang», ghi, s. m., racimolo. 

igarratina, i. s. f., sbaglio. 

sgaìlari, v. Ir., scaslonare. 

ighimmari (Polizzi), v. ini. de- 
viare. Il Sboccare. 

sgranfugnur:, v. tr., graffiare, dar 
forti ^raffioai. 

tgrieciari, v. intr., schizzare. || 
Tr., sprizzare. 

igrìddari, v. inlr., saltare come 
on grillo. 

tgriddatu, part. pass, che fa da 
agg., senza grilletto (e si dice dello 
schioppo.) 

sguiddaru, i, S. m., grido, strido. 



verb' 



Jan. 



. sei. 



arido. 



vedi sica- 



ordine 



s'cu/aru , siculari 
sost., secolare, che v 
colo, e non e in ; 
religioso. 

sifiulan", t'iquitari. siguitari. v. Ir., 
seguitare. || Seguire. 

siddiari, V. tran., e per lo più 
rif\., seccare, aiinojare, infastidire 

siddiaCu. pari. pass, da siddiari. 
seccalo, infaslidilo. 

sidda, suddtt. cong., se. 

siddatti, s. m. sìog., accr. di sed- 
da, basto. 

siggitedda, >, s. f., dioi. di sèg- 
gio, seggiolina. 



., serraglio 



.RIO 3SI 

sigretu, t, s, m., segreto. || Orga- 
ni gi'nilalì maschili D testicoli. 

Sicuri, s. m., sigonre. || Dio, 

mdda, I, (Salap.) anello. 

singu. s. in„ pietra da sarti. 

siaten^a, i, ti, s, f., sentenza, n 
Imprecazione; onde mannari s'n- 
temii. 

tpàla. i, s f., siepe. 

'Sippu^zu (Marcala], per afer., in- 
vece di Giusippu^zii, dio), di 'Seppi, 
Giuseppi. Giuseppe. 

siqairi, V. Ir., eaegoi/e. 

siquitari (Marsala) , vedi sicnta- 

siriana, i, s. f., sera, serata, 
sirpwjso, i, s. f. , dim. di serpi, 
lucerloletta. 
sirragghiu 

iìrvizieddu, a. t, s. m. , dim. di 
sirviz u. servizio, faccenda. 

vizio, atto, ecc., 

lissi', tronco da msignura. 

sìsiignura, tissi', comp. da si si- 
gnora, o signore. 

smaccari , v. Ir,, dar Io scacco 
malto, belTare, canzonare, decidere 

smagaralìt , agg, , ohe ha della 

smaiUtu, agg., ismaelita. 

Ir., spoppare, svez- 



smammalu. pari. pass, da smarn- 
mari, spoppato, svezzato. 

guastare, sconciare, sconciare quasi 
per vendetta. 

sminnittiatu. part. pass, da tmiV 
nieiturt, svinnittiari, sciupato, gua- 
stalo (quasi per vendetta). 



a. b, Google 



FIABE, NOVKLLB, BACCONTI, EG. 



loeeki (Valleiuijga) vedi zocea. 

sogghiii, >, s. m., soglio. 

soìiehianedda. i, a. s. m., diabal- 
(ìno. (Comp. ja sola ehianeddì , 
suola-pianelle. 

sontiu, pi. sonni, sònnura. s. m., 
sogno. B Sonno. Il Terapie, n 'iV son- 
n» 'ncbitu. io pieno sonno, in son- 
no profondo. U '!f sonau paci, in 
sonino pac's, in sonno tranquillo. 

sèria, (Tormini) vedi 'nsàUa. 
sorti. I. s. f.. sorta. Sorle, 
som, u, s. f., sorella. 
spaciari (Resatlano) v. tr, fini- 
re, sbrigare. || Esaurire. | Consu- 

spagnàrisi, v. rifl. , prendersi di 
paura. 

eparaggialu . pari. pass, da spa- 
raggiar', che non ha pari; straor- 
dinario. 

sparati, v. tr,, sparare. 

ipatatana. i, s. f.. accr. di spa- 
rala, fig„ grossa strapazzata. 

«porrà mentu, i, s, m.. maldicen- 
za. Il Delirio, farnetico. 

sporrori, V, tr., sparlare, dir ma- 
le, i; V. intr., farneticare, delira-* 



spasaiggiu, i. s. m.. 

spata, i. a. !., spada 

spatrunalu, part. pass, da spo- 
(runoH, senza padrone, nb aiuto, 
ne sostegno; solo, derelitto. 

ipat>'ntusu, agg., straordinario, 
meraviglioso, ecc. Vedi voi. 1. pa- 
gina 363, nota 2. 

speechiit, i, s. in., specchio, spe- 
ra 

spéddm, tpiddiri, t. intr., finire. 



cessare, || Intr., allestirsi, sbri' 

garsi. 
spia, s. f., spJa.n/iW, spii spii, 

andar sulle tracce, chiedendo sem- 
pre informazioni e notizie. 

sptca, chi, 3. f., spiga. || Salica di 
muTU. angolo di muro. 

spicchiali. a, s. co. specchio. 

spicchial'iari (Cerda), lo stesso che 
spi'cffiiarj (da spiechial', specchio). 

spicchiari, v. intr.. rilucere come 
specchio, risplendere. 

spicuni, a, s. m., accr, di spico, 
spiga, u Angolo per lo piQ d' una 

spiddiiiàtiizu , avv. di spiddh- 
zalù, (come a dire spellicciato) la- 
cero, sdrucito, male in arnese. 

spidaggkiari, v. tr., distrigare, ti 
Spiduggttiariii a unu. in linguaggio 
di malia, ammazzare, levarsi d'at- 
torno uno. 

spignari. v. Ir., levar di pegno. 
I Spignari la travatura, toglier 
r incantesimo, prendere ì tesori in- 
cantati. 

spijari, V. tr., dimandare , chie- 
derli. Prea. Spiju , sp'<i, apija ecc. 
Pass, spijai, fart. pass, spijaltt. Il 
Vale anche spiegare. 

sp'Ua, i, s. f: spillo. 

spillongtt, jftt (Palermo), vedi 
spirlonga. 

spinciri, V. tr., alzare, levare in 
alto. 

spinatila, i. s. I., spillo. 

spinnari, v. intr., spirarsi dal de- 
siderio. Il Tr., spennacchiare. 

tpinntt , s. m. , vivo desiderio , 
per cui uno si spira. 

spintifUddtt. vedi spuntuliddu. 

spiJiacciari , v. tr. , torre la spi- 
npmi'a, (zipolo della botte], spil- 



. te Google 



sfiranza, s. f-, speranza. | Stari 
spiranza, sperare, contare sopra. 

spiraitzari, v. Ir., lasciare senza 
speranza di vita. 

spirari, v. Ir., sperare. 

spirciari, r. intr.. traforare, pe- 
netrare D-V. inlr.. evirarsi. 1 Essere 
a cuore, calere, premere. U Aver vo- 

spirdinii o tpérdut, v. rifl., di- 
sperdersi, smarrirsi. 

spirili, i, s. m., spirito. 

spiricami (Borgetto), v. rifl., far 
presto, sbrigarsi ecc. 

spirimenla, i, a. in. espediente II 
Esperi menlo. 

spiriri, r. intr.. sparire. 

spirlongu . tpitlongu . ghi , ga, s. 
m., piatto largo e bislungo. 

spirimintari, sprimintart. seamin- 
tari, V. tr.. sperimentare, mettere 
ad esperimento, a prova. 

spirlizza, i, s. f„ sveltezza, ac- 
cortezza, sagacità. Fan soirlizzi, 
far mirabilia, prodezze; ea anche 
esagerare grandemente. 

spirtusari, $pvrtusari, v. tr., per- 
tugiare, bucare, forare. 

spiiiddu. i, a, s. m., dim. di spi- 
lu, spiedinu. 

tpttu, i' a, i. m., spiedo. 
spiltari, per afereii , invece di 
aspìttari. 

spiziu.t. m., ospizio. D Per anto- 
nomasia, manicomio. 

t^izzicatu, part. pass, da tpizzi- 
cari, smozzicato, sbrecato. 

ipizzuliariìi, v. rifl., mangiare a 
piccoli e misurati bocconi con cal- 
ma e tranquillità, sbocconcellare. 

spanta, i, s. !.. spugna. 

sprémiri , v. tr. , stringere tor- 
cendo la biancheria mentre si 
ava . 

PiTKÈ. " Fi'oie e Novelle. Voi. IV. 



363 

iptigghiari, v. tr. , spogliare , le- 
var d addosso i panni, svestire. 

spunsoltsiu, ii, g. m., sposalizio. 

sputttvliddu, che altri dicono pu- 
re spintuliddtt, dim. di tpuntu, cre- 
aciutello. 

s;)untart, v. tr, trapassa re. n Spun- 
tare. Il Biuacire a fare una cosa. 

spantum, a, s. m., spuntone. 

ipuiu, t, s. m., sposo. 

ipatazza, i. s. /., saliva, i 'Vn i 
di lu tà stomacu sta spulatza, frase 
comune che vale: questo discorso 
non k tuo, non viene da te; tu sei 
stato insuÒlato. 

squagghiari, v. tr. e intr. , squa- 
gliare, venir meno , ridursi a mal 
termine per magrezza. 

squadiàrìti, V. intr., rifl.. entrare 
subito in sospetto per: cosa che si 
sia intraveduta, o intesa, o capita 
a volo. 

squereanarisi (Polizzi), v. rifl. , 
scagionarsi, scosarsi. 

Mabbittidisa , composto da isa 
(nostd, voisia, vossignuria) mi [che 
uella pronunzia sparisce) e binidica, 
cioè Ella mi benedica, la mi dia la 
sua benedizione. 

'stiri (Noto), per aferesi invece di 
«ssirt, essere. 

siu, agg.. codesto. 

Stabili, t (polizzi), s. m., fondo , 
tenuta. 

stacittiii, s. f.. stagione. || Per an- 
tonomasia, r estate. 

stadda, i, s. f., stalla. 

stafferi. s. m., staffiere, valletto. 

itagghitt. ì.s. m., cottimo. || Fer- 
mata, riposo. 

sta'teari, v. intr. riposarsi per i- 
stanchezza. 

stanca, ghi, s., spranga. 



stalla, t. s. f,, stadera. 



13 



UigniaOb, Google 



354 



HABE, NOTELta, tCACCONTl, BC. 



italu. t, 8. m.. Slato. | Stato, eon- 
disione. 

slénniri, v. tr., stendere, lendera 
(detto delta roba che si TDole a- 
scjugire alle funi). 

sterru, e. m., sterro. 

iteaa e ithm indislintamcate , 
pron. e agg. : stesso. 

stiddalu, part pass, da itiddari, 
stellato. 

ttidda, i, g. f., stella. 

itigghiu, i, s. m., stivile. D Stig- 
ghitt di la caia, letto. 

itimpari. V. Ir., togliere. 

5ttm]]untart . v. tr. , stentare , ti- 
rare inoanz) alta meglio. 

ttinnkehiari, v, tr., stendere, but- 
tare. 

stinnuttt, pari. pass, da iténniri , 
steso. 

stipa, t, s. f., bolle. 

itipu, i, s. m., stipo, armadio. 

sl[»n, pron. e agg., stesso. 

stizza, i, s. f. , stilla, goccia, n 
Stizza. 

Ètizztcari (Noto), stillare, lasciar 
cadere a stille. 

itizziiniari, v. tr., fare slizza, on- 
te, dispetti. 

stàmactt (Ffolo), lo stesso che sto- 
macu, stomaco, 

storia, ii, s. f., storia, novellioa, 
fiaba, ecc. 

tiracanciari, v. tr, scambiare. 

stracoddtt, (a lu), dietro i colli, 
faori di vista. 

strallùciri, v. intr., risplendere. 

stramenli (Oaslelt.) , vedi 'ntra- 
menti. 

tlramunlari (Noto)), V. traiaun- 
tari. 

stranuttatu , pari, pass, da «Iro- 
nutlumt, stanco pef aver vegliato 
tutta la notte. 



'stremìi, Bgg., ultimo, eslfeiiio. U 
Straordinario, 
stria, ii, s. f.. strega. 
strja, vedi stria. 
jirieart, 7, If., detto di roba, vale 

strigghiari. v. Ir., strigliare. 
slrttJart, v. tr. e intr., strillare, 
gridar fortemente. 

']frimtan,T.tr., risparmi a re quanto 
sia possibile. 

itn'Rciuta. t, s, f-, stretta, abbrac- 
cio. 

sinìlu, part, da ((rinciri, strette. 
I Strìltu i malu parata, stretto e 
mal parato, ridotto a cattivo ter- 
mine. 

strizjorl, ¥. Ir., sciogliere i ca- 
pelli, 
'strdiaeu, ehi, s. ra,, astrologo. 
sirùcciuji, s. f. plur., bazzecole, 
bagattelle n Cose dì poco momento. 
strudusa. agg., dispettoso. 
slnimmentu, i. s. m. , io stesso 
che slrumentu, strumento. 

sta, per aferesi, chistu. pron. dì 
persona e dì cosa, questo. 

stunari, v. ìntf. sturdire, sorpren- 
dersi. Il Ingruitirc. S Stonare. 
sturcianiari, v, tr., storcere. 
sabbitu sabita, avv. di tempo, 
subilo. 

sabbaliari (polìzzi) , v. tr, , pic- 
chiare, battere, bastonare. 

sacàri, v. tr., succhiare, sacciare. 
Il ^ucàrist, rifl.. auet tirare ctie si 
fa del proprio nato quando per 
colpo o per altro si Sente dolore; 
succiare. || Smagrire. Il Rimesco- 
larsi, n Sacarisilla , (succhiarsela) , 
far la spìa; ed anche ingozzare in 
santa pace un malanno, una sven- 
tura, un colpo qualunque, 
stwu, chi, s. m., succo. 

i 



UigniaOb, Google 



ituJura (Bnwttari), «., f, sin(„ ve- 
di «utiwn. 

tuduri, a, s, m., sudore. 

sùggitw, i, s. m., suddito, 

iùggltttt, i, s. DI., subbio. 

SHit, s. m.. sole. 

ivliddu, dim. di lulu, agg. e pron., 
solello. 

saluti, (voce comnne a qualche 
parlata), solamente, soltanto, 

suvieri, t, 3. m.. somaro. 

suortt, s. f., sorta. 

suoni' t, g. f., sorella. 

tttppUu. La frase jiri 'n luppìlu 
'n suppilu vale andare smagrendo 
.per lento dolore fisico o oioralQ. 

sttpracchm, s, m., sopra ppi ù, so- 
pravyaoKO. 

sttprajtiri, agg., superiore , inagr 
giore, da più. 

suprattiari, v. tr., sovraneggiare 
doroinare. 

supranu, i, s. m., sovrano, re. 

svprìcchiaria , tt, g, f., iovece di 
iupirehiaria. soperchi eri a. 

supurtunt, i(Castelt.), vedi i«pur- 
lura. 

tarastra, i, s. f., sorella per parte 
di padre e non di madre, o vice- 
versa, sorellastra (Fanfjni, Sappi). 

surbunf (Borgello), gran sorso. 

sureiteddu, i, e. m., dim. di surei. 
toplflo. 

lurfareddu, i, a, s. m, zolfanello. 

iÙTfarn, s. m.. zolfo. 

surruicu, tehi, s. m.. baleno. 

surticedda , s. f., dim. di sorti , 
sorla 

sitWm', ¥. inlr., sortire , uscire , 
venir fuori, Pres. surtiscitt; pass. 
lurtiu, fut. SHrtird -oggiu, part. pass. 
surtuitt, 

(tircMZUi iiVnusu, t. a, s. n).> ser- 

VJEJO. 



sùjtW, y^ tr., aliare, sollevare. || 
Susin'si, riti., alzarsi. Pres. sutu; 
pass, tiutot; fut. iusirrà.-oggiu; part. 
pass, sututu. 

titspicn, ehi, s. m., sospetto. 

siupineiri, v. tr., sospingere, sol- 
levare, alzare. 

ìustori, V, Ir-, riuscir di molta 
noia, peso a fastidio. 

tutta, avv. e prep., sotto. 

judiminiu , M , s. m. , sotterra- 
neo. 

iuttuHdda, avv., dim. di lulla, uà 
pochino sotto. 

svigghiari , v. tr„ sveglUre, ris- 
vegliare. 

tointura, talvolta usalo per ven- 
tura. Voi. ], pag. 103: • Si miti 'n 
viaggitt a la svintura. • 

sviti. II, s. m., sviamento, dìstra- 



Tabhari, é, s. m., vassoio, baci- 
io,, guantiera. (Fr. cabaret o gaha- 



taSari, v. intr.. mangiare a cre- 
papelle. 

làlfiti, voce che imita il suooq 
che nasce dal percuotere il col- 
tello tagliando con violenza stir un 
corpo duro. 

tagànv, vedi jatagannl. 

tagghiari, lagliari, tatlàri, v, tr., 
tagliare. 

to(aÌ, vedette. Il Eitiri (o start) a 
li talai, essere alle vedette. 

tdfantu. (armu i, s. m., tftlamo. 



UignieOb, Google 



rUBE, NOVELLE, RACCONTI, BC. 



lafenlti, j, s. m., ingegno, qualità 
inteilellnali. 

tartari, v. tr, guardare, af[ls«are, 
fissare. Pres, taltu, talii, talia, (a- 
Hamu, [aliati, lalianu ; Pass, tali 
o taliam, taliasti, talió o laliat , 
lattamu. taliastivu, taliaru; Fut ta- 
liirrò , -oggiu , part. pass, laliatu . 
Imperai, pres. ì.' pers. sing. , tale, 
talà talia. 

toltàri (Ceraci e AlìDnena), vedi 
taggkiari. 

lammun'naru, t, a, s. ai., tanibu- 
riao. 

Tanàsia, s. f., Atanaaia. 

iannùra, <, s. t., foroello. 

(antan', per linlari , ir. Ir. , ten- 
tare. 

tantaluri, tentaturì, i, s. m., ten- 
tatore. 

lanltarì, v. inlr. , andar lento- 

tanticchia, avv., un pochino, un 
pocolino. un cotal poco. 

tanticchiedda, avv. , diui. di tan- 
tiechia; un pocolino, un zimino. 

tanlu, agg.. e pron., tanto, molto. 
[Avv., lauto. 

lanlunt , (a) , mod. avv. , a ten- 
toni. 

tappino, i, s. 1; pianella. 

tannu (Salap.), vedi tàlatnu. 

lartuca, chi, s. f., tartuga, tarta- 
ruga. 

lussa, (ascio, ts. f., tassa, impo- 
sta. 

lata, s. m., padre, (voce fanciul- 
lesca). 

latitila, làuta, i, s. t, tavola. 

tavulineddv, i, s. m. dìm, di la- 
vulinii, piccolo tavolino. 

tempu, i, s. m.. tempo. U A tempu, 
mod. avv-, a poco, pian piano. Il 



À tempi, nei tempi passati, a' teoi' 

pi antichi, u Témpura, plur. di tem- 
pu , è consacrala per H guattru 
tempttra. 

tènin, V, tr, tenere, n Tenere , 
assistere una partoriente, Voce dell e 

tenniru, agg., tenero. 

tessiri. V. tr., tessere. || Fig. pas- 
sare, ripassare per un silo. 

lesta , i, s. f. , lesta. || Jisari la 
testa, alzare il ca^o, venir su io 
prosperità, e quindi acquistar quella 
fidanza di se stesso che nasco dal- 
l' avere. 

(ia, pron. person., te. 

t'iànu vedi Itpànu. 

tigànu ttànu, tijatm , i, a, s. m., 
tegame. 

lila, i, a. f.. tela. 

limpa. i, 8. f., poggetto. 8 Salita. 
li Balza. Il Mucchio per lo più di 
terra ecc. 

timpirineddii, t, a, s. at., dim. di 
(impmnu,, temperino, 

timpulata, i. s. t, guanciata. 

timpuluni, a, s. m.. accr. di f^- 
pufa, tempione, guanciata. 

timpuni, a. m. , accr. di tempii, 
tempaccio. Il Itìalii timpuni, tempo- 
rale. 

tinciulu , part. pass, da tinciri , 
tinto, n Tristo, cattivo, n Fannulto- 
uè, infingardo. 

lincu, agg., pronto, ardito. | 
Tincti (ifwu, diritto, difilato. 

tineddu, i, a. s. ni., tinello. 

tinidduzsu,i.<ì\aì. d'itineddu, pic- 
colo tinello, tinellolto. 

itnntrtz^a, t, s., tenerezza. 

tinta, s. f., inchiostro, tinta. 

(intu, agg., cattivo, tristo, brullo. 

tipv, a|g., pieno zeppo. Il Tipu 
tipu, pienissimo. 



UignieOb, Google 



tiracchettu (Alimena). t. trattellu. 

tirari, v. tr., tirare, trarre, met- 
ter fuori, l Riù., tirarsi, strapiparsi, 
e diceai per lo più dei capelli. 

tirdmari , s. m, (comp. da tri e 
dinari], antica moneta siciliana pari 
a quasi 1 cent, dì lira. 

tirrazia, t, 8. f., pegg. di terra. 

(irreiiu, (irrinH, i, s. m., lerreno, 
terra, fondo, tenuta. 

tirricedda. «, s. f., dim. di terra. 

timnu (Noto , Messina , Lipari) , 
vedi (irrenw. 

listali, i, s. m., capestro. 

Ustatnentu , tislamietifu, t, s. oi., 
leataraento. 

tisXtXta, i, s. f., cantone. 

(islusza , I, s. f. , dim. di lesta , 
testolina. 

tò. agg., tuo, tua [che pur si tro- 
va scritto io). To\ tuoi. tue. 

(órct'o, i, s. i., torchio daacoen- 

tos(«. agg., ardito e tosto. 

(oszti, i, a, s. m.. tozzo. 

Irabburcit, rhi, s. ni., trabocco. 

traccfieltu, vedi (raff^llu. 

tra,mdda,ri. v. intr., tramontare, 
calare. 

irffltnetliiu, i, s. m., dim. di irax- 
nu. Il Fari fu iraiuedàv., far la spia, 
il soffione, il mettimale riferendo i 
discorsi altrui. 

iromaasarist, v. riti., sconvolger- 
si, agitarsi. 

(ramuntari. v, ìntr., tramontare. 

nastri. V. intr.. entrare. 

(m»e(<u,»'r3»eli«,'(raeefie(tu nella 
frase stari o taitlvrisi a, fu tralUltu, 
mettersi in guardia, alle vedette. 

(ratiM ^'w). in agonia. 

traltun, i. s. m., trattore. 

travagghiu, traoagtiu, travallu.i, 
s. m., travaglio. 



SARio. 357 

travallu (Alim. e Geracì), vedi 
iroDO^j fiiu, 

trainerà. ', a. f„ quasi traceiara, 
viotto'o mulattiere. 

Tresa, contr. da Teresa. 

iTèvani (Paiazzo-Adr.), tenebre. 
■ Ir*, agg. num.. tre. 

Iridici, agg.. tredici.! Lasmri 'n 
Iridici, lasciare in tronco, in asso. 

trippodu, tripuòdu, i, s. m., trep- 
pié. 

trìpiiótfu [Resultano) , vedi tri;i- 
podu. 

trizta, i, s. r., treccia, detto per 
lo piii de' capelli. 

Irissiari. trwiziori , v. tr. , can- 
zonare, bufTonare, corbellare. 

tTÌz!iari, v. tr., corbellare, can- 
zonare, burlare, beffare. 

Irizzolìi . i (Salap.) , 8. m. , trec- 

trojfa, i. 8. f., cespo. Il Fig. detto 
di persona poco scaltra, grossola- 
na, madornale, minchiona. 

tronu, >, a, s. m. tuono. 

trubbari, per metatesi, invece di 
turbati, turbare. 

trulpdda, i, s. (., dim. di troffa, 
cespo. 

Irumma, i, s. f., tromba. Il Fig. , 
broncio, muso. Il Trumma di cacca- 
mi. vedi voi. IV, pag. 42. 

(ruptcia, l'i, 8. f., idropisia. 

trunìart, v. impers., tuonare. 

truseitedda, i, s. f., dim. di trit- 
\cia, fagottino. 

(rupori, v. tr., trovare. 

tru^zori, V. tr. e intr., urtare, 
percuotere, u Tornare con insi- 
stenza sopra un argomento. 

(ruzsata, i , s. f . , vedi truzxu- 

truzziari, v. trizziari. 
truzzunata , i, s. f. , alterato da 



UignieOb, Google 



m 

tro«avni, cha è pccr- iJÌ (rvxx», ur- 
to; orto TÌoleoto. 

(Iv^ti, onomatopea, par cui si 
esprime la caduta, il Tsnìre jitk- 
proiviso d'upa peraoD?, d'una 

tuccari, V. tr., toccare. D Inlroita- 
re uaa soDiina di denaro nella quale 
ci sia jl capitale e il guadafiiio; « 
dicesi da' venditori. | fare al taoco. 

(«mo, ». f„ cacio fresco non sa- 
lato. 

rumati, s. m.. Tommaso. 

tuma^fu I, a, s. m., cacìo^ 

(unica, cm, (CatlaDJss.) , lo stesso 
^e tofù/M, (Qnafsa. 

tunniaa. s. /., tonnina, 

tìtppion [Ca^le] termi ni), vedj tnp- 
puliari, bussare, pipclii«ire. 

tupfuhari, tuppiari. v. tr., ftus- 
sare, picchiare. 

lureiriti, V, ritt-, cqnlorcersi. pres. 
mi torcitt; p#8a, mi tìireivij fut. mi 
twrcirò -oggiit; pari. pas«. (umufu 
tortu. i Titreirisi comu 'na ligatìta . 
pontor'^ersi por interno dolore co- 
mesi ritorce l'ampeiodesmo doven- 
do CQO esso far delie ritortole. 

lurehiceddu, dtm. dì turcu. come 
a dira (urchetlo. 

turcu , chi I s. e agg. , turco. Il 
Senza fede né religione, il Che non 
senta ragioni. 

turmmtu t, a, s. m., tormenta. 

tussìchari , v. Ir. e iotr, , man- 
giare, e si dice quasi sempre im- 
precando alcuno che quel cne man- 
gia gli faccia tossico o veleno, ve- 
di voi. Il, pag. 70, n. i. 

(utttduj, amendue, tulli e dna, 
entrambi. 

tuvagghia, i, s, t, tovaglia. 



PUBE, KWm&t UCCONTI, EC. 



'V. invece di Ju, art., lo, il, 

vbbrigari. v. tr., obbligar». 

Vfchialuni. a, s. »).. accr., di «r 
ckiali, cannocchiale. 

ufchiuzzu, i, s, m. dim. di aabin, 
occhiuz£0. 

ùmmiVa, «mbra, ymmro, i, a. f„ 
ombra. 

un, art. indetv un.unp. ii'I7navv., 
non. 

'unca, avv., per fognaiiooQ della 
d, dunque. 

unetan', unitari , funffari , b^t^■ 
d'art, uncAi^n, v. tr. e intr. , eon- 
flara. 

«njfi'ari fpolìzzi), vedi uncitri. 

'anni (Salapsr.), no», u Unni, ^vv., 
ove, dove. 

'ungtid. (Salap.). vedi dunca- 

vma, i, s. f.. onza, moneta del 
valore cornspoodenle a L. 12 e «en- 
tes. 75. 

wccitt. i, (Noto), s. ai; oeebio. 

uora (Capaci), vedi or». 

urdtrt. V. tr., ordire, pres. «rdi- 
sdu o urdv; pass. unJtti» ; fijt. Hr- 
dirò -oggiti; pari. psss. urdut», 

urlimu, agg , ultimo. | Estremo 
Massimo. Il ^frurl'mu, da ultimo, 
alla 6ne, 

umcari (Marsala) , vedi i^rrt- 

miiddv, a, s. m. , dim. di otiu , 
ossicino, 
ufru, t, s. m,, otre, i Utero. 

ìittHi, io stesso che ult'ft, utile, 
ulltna, s. f., otiina. 



UigniaOb, Google 



. ti, 8. t., iBceheriB, chis' 
sa di vacche. 

vadli, i. s. m.. catinella. 

«addi, I, 8. f., valle. 

vagghiardu.giuiggbiardtt, a-gg., ga- 
giiafao. Il Pronto, sollecite). 

naja, ioter., via, orsi, sn via. 

vajana, guatanti, t, s. ì., baccello, 
gnscio ove nascono i legami. 

vaiata (Vallelunga) vedi baiata. 

«all'eia >. s. f., valigia. 

valintisKi, i, s.f., atto dì bravDfa, 
di valentia. 

eanifia i,.s. f.. desiderio, anrere 
ardenliMÌmo, dolore di ooR ^ter 
più avere, riavere, rivedere. 

vaniddvesa, i, a. f. , dim. di «a- 
ftedda, viColetlo. u flnipiri t'ooàn a 
vani4dv.zsa, aprir» gli occbi appena 
appena, e leggcrDienlci Vedi voi. 1, 
|ràg. 3B4, nota 9. 

vànniu, ti, s. m., bando. 

vattlaggiu , i, i. in. , vantaggio , 
tanto, vantamento, gloria. 

varca thi, s. f., barca. 

carcusza, *, s. f., dim. di varca, 
barcbelta. 

varda, i, a. f., bardella. Il Circeri 
pi varda è pi sedda, Sg. cercar dap- 
pertutto, con premura e preoccu- 
pazione. 

Daru, a (ENCe), s. m., marinato, 
pescatore. 

varca, t, s, U. barba. 

varvarottu i. s. m., mento. 

varvaìàmu , ti, s. m., comp. da 
earoa e saci'u, savio, sapiente, fi- 
losofo di quei dalla barba lunga 
come ce li offre I' ànlicbitH. 

eoreen, t, s. m.. barbiere. 

poian, V. Ir., baciare. 

colata i. s. f., bacio. 

caiaC^ilda, i, dim. di vaiata. \a- 
cino, bacì uzzo. 



«atttHH, i, s. in., TBseello. 

vaniallu i, ». m., vassallo, sod- 
dito. 

nàic'u, ».%%., basso. || Futcrtt do- 
DOntt, debole, poca energico, min- 
chione. 

vaisìa, t. vouia. 

uailasu. t, agg. e anst., facchino 
persona del basso volgo ecc. 

tattiari, v, tr., baltetzar«. 

vattiatu, part. pass, da vatit'art, 
balteziare. 

PàHiri, T. tr., battere. 

Booa, t, s. f., bava. |l Voce fan- 
cisllesCB, bambino, bambina. 

t&vartdda, i. b. f., pupilla. 

velv, i, s. m., velo. 

vénda, \ s. f., vendetta. 

i>«n;nuu, (Caltanìss.), a^gg. rispet- 
tabile, ragguardevole. 

tr^mVi, f. intr., Venire; pres, ve- 
^nu, veni, vmi; clnsfflU, vtntl», csn- 
nu. Pass, emni, otntstt, etnni ; tiin- 
nifflu, vin'ativu, einnint; part. pass, 
efnutu. 

véspiri, t, s. m. , lo stesso che 
veipru, vespro. 

v^st'a, ti. s. f. , bestia , e per lo 
più detto di cavallo o mulo. 

vio^f/eddii t, a, s. m. , dim. di 
viaggiu, viaggetto. 

tiaggia, t, s, f., in akuni comu- 
ni per viaggiu , volla. Sala , mo- 
mento. 

viaggia (Salnparuta) , vedi cola, 
volta . 

viaggiu, s. m., viaggio, u (Marsala, 
Salap.) volta, tempo, p. es.: nn viag- 
gia etra un re. ( C'era una volta 
nn re). 

vieinanzu, s. m., vicinato. 

viddauu , sost e agg. , villano > 
contadino. 

vide (Cianciana), vedi mi^emma. 



UigniaOb, Google 



FIABE, NOVELLE, BACCONTI EC. 



tidemmi (Polizzi), vedi midem- 

vidiri vidiri, vidrì, v. tr., ve- 
dere, badare, slare attento. 

vieccitt (Noto), lo slesso che vec- 
chiù, vecchio. 

t'eriti (Vali.) lo stesso che versu, 
verso, inverso, 

vi^ghia, i, s. f.. veglia, vi(;ilia. U 
Téntri ti ùgghì, vigilare, spiare. 

vihi inleriez., atiimg : oh! 

vineiri, V. Ir., vincere. 

vinculu, binculu, i, s. m., vin- 

eifliìirt (Messina), vedi oinniW. 

citiniri, vindin, v. trans, ven- 
dere. 

vinti, agg.. venti. 

vintiari, sventare , prender aria. 
Il Rubare. 

vintina, i, a. i., ventina, u (Sala- 
paruta), misura di capacità. 

viittuliata, i, B. f., ventilala, ven- 
tata, colpo dì vento. 

Dinlura, s. f., ventura, sventura, 
fortuna. 

viiiu, plur., vini, vinitra , s. m. , 
vino. 

vippita, i. s. {.. bibita. 

vtrga, viriga, etnea , fina , ghi, 
s. f., verga. 

vtrgunata, i, s. f., colpo di ver- 
ga. I Lividura prodotta dal colpo di 
una veraa. o d' altro. 

urna (PoIìikì) vedi virga. 

virina, i, e. f., tutto il corpo della 
mammella, la glandola. 

viriticK, agg., veridico. Il Valente 
i Intelligente, esperto. 



firmiceddu, s. tn., dim. dì vermi, 
vermicello. || Sorta di pasta molto 
sottile, vermicello. Sbummirari ti 



virsèriu, ti, 3. m., avversierì, da- 

virtkchiu. t.'s. m., fusaiuolo. n 
Il Fig. deliquio, svenimento. 

virtuustt, agg., virtuoso. 

visazioni, t, s., vessazione, noia, 
fastidio. 

visazza, i, s. t.. bisaccia. 

viseiea (Buccheri), lo slesso eb» 

viiilocu. vedi visiloeu. 

vìsHii, s. m., lutto, gramaglie. 

vispicìi chi, 8. m., vescovo. 
vissica, viseiea, 'hi, s. f., vescica, 

, vissicanti, : 



gtiai 



, vescicante, 
m. e femm 



be- 



visulocu, visiloeu, chi. s. m. , vi- 
sita nel luogo, net domicilio, sopra 
luogo. 

oitiddmzu, 1, 8.' m.. dim., di vv- 
teddw, vitellino. 

vitrina. i, a. f.. vetrina, 

viuleddu, I, a, dim. di violu, viot- 
tolo, 

viviri ■ V. tr. , bere. Pres. viva ; 
pass, vippi; /ut. viviró -oggiu; part. 
pass, flou tu. 

voi. i, s. tn., bue. U Mi, verbo, 

vómara . i (Borgetlo) . s. f. , vo- 

confa (Caltanìsselta. Cast) , vedi 
vola. 

voscenza, contratto da nostro ec- 
cellenza-, titolo che si dà dai ser- 
vitori a' padroni, e. per rispetto, 
da un inferiore del basso volgo a 
persona che meriti o esiga riguardi. 



UigniaOb, Google 



voteu. vòseura, votehi, vatea,t. 
m., bosco. 

vouia, vtttia, cotto, conlr. dalle 
voci voilra tignoria , e si di non 
gih » persone di rijjuardo, tna a 
cai si parli del tei. 

vola, conlralto da voUa , volta , 
Vota-canciala , giravolta; atte de- 

vrachi, i. f., pinr., brache, 

tiranea, ehi, s. L, branca. 

vrattm , etaucu , bwncu , agg. . 
ikianco. 

vrasstt. o, ». m.. braccio. 

vraxzuddtt , a , s. a\. , dim. di 
vrazzu. braccio. 

vroceuhi^ i, s. m- broccolo. 

vrodu, i, s. m.. brodo. 

vuàvvtTt, di alcune parlate, per 
vvavtri. voialtri. 

cucca, ecfit, B. f., bocca. 'ìlmucca, 
'n bucea, in bocca. 

vucceri, i. a, s., macellaio, car- 
nezziere. 

cuficuHi, a, s. in,, boccone. 

vttcevsia , vezzegg. di ouccn, s. 
f., boccuccia. 

vvddiri (Callaniss. e Valle!.), ve- 
di vùgghin. 

vudeddu. i. a, a. m., budello, iii' 
testino. I Pariti li vudedda fradici, 
aver gran dispetto o rabbia d'una 
cosa, qaasi infradiciar dentro per 
collera, i Parili li vvdeddapizti 
pizzi 'na eartìgghia, vale lo slesfio; 
vedi voi. I, pag. 3SS, n. I. 

vv^ghienli , part. pres. da fùjr- 
ghin, bollente. 

vugghiri, vvgliri , vùliiri , vud- 
diri, V. Ir., e intr., bollire. 

vui , pron. voi ; al plur. sì usa 
meglio vualri. 

vvjareddu, i. ». m., dim. di raja- 
m, boaro, g È anche dim. di oot.bue. 

PiTBÈ. ~ Piab» e Novellt. Voi. IV. 



juo. 36i 

vujàru, a, i, s. m., boaro, guar- 
diano di buoi. 

tmlà, e. m., balzana (Frane, vo- 
lani). 

vulanteri (Gaslelt.), vedi oKtt'n- 
Uri. 

eulari. v. intr., volare. Pres. vo- 
lu; pass, tulaii fui. vuliró oggiu; 
fMrC. pass, vulatu. 

ciiléra (ILrlce), vedi gulera. 

vulinUri, vulanteri,. »vv., volen- 
tieri. 

ouiin. V. Ir., volere. Pre». tog- 
gftcH, vói, voli, vuletittt, vutit', cott- 
nu; Pass., voti ecc. 

vuluni , a. 3. m. . accr. di colti, 
volo, volata. 

vummicari, vuntitari, v. tr. e in- 
tr., vomitare, recere. 

vunciari, uneiari, gunciari, bun- 
ciari, V. Ir. a intr.. gonhare. 

PHrfctcari (ilineo), vedi vvrri- 
cari. 

turdunant , t, a , s. m. , mulat- 
tiere. 

viuchitu, I, s. m., guadagno. 

vurrieari, murrieari, vurbicari , 
purvicari , vurdicari, varvicari, v. 
tr., sepellire (quasi polvicare). 

vuidu, s. 01., bossolo. 

vutàrisi, V. rifl., voltarsi. 

eutùru, t, a, s. m., avvoltoio. 



Zabbi'an (Cianciana), V. intr., taf- 
fare in acqua, spruzzare acqua. 

safarana, e. f., zafferano. 

separa, zagra, s. f.. fior d'aran- 
cio. 

xagaredda, i, s. f. , nastro , fet- 
tuccia. 

sagariddina, i, s. f. , dim. saga- 
rtdda. 



UigniaOb, Google 



FUBB, NOVELLE, RACCONTI RC. 



aonnu, t, a. m., «altimbanco, ciar- 
latano. 

xappuliatu, psrt. pasi. da zap- 
puttari, lappalo. 
'na, 1. a. f,, aia. 

caffritta o xieea agritta , add. 
di persona sordida ed avara. 

steekiari (Hareala) , v. tr, , sce- 
gliere. 

tiechituUa, s. f, sorta di giuoco 
rovinoso di carie, cbe i toscani di- 

sieehiUata,i,s. L, colpo dì dito 
die Bcoppii di sotto d'altro dito!, 
buffetto. 

ximmili, i. a, », m,, grande bi- 



saccia che ai posa sugli asini e sdì 
muli per someggiare. 

sita, i, 8. f., ragazia, fidantata. 

xitaggiu, t, s. m., sposaliiio. 

xilùchia, i, B. f. , aim. di sita, 
ragaiEB. 

sittìriti, V. inlr., tacere, non fare 
uno -litto. 

3i(it, i, >. m., promesso , fidan- 
lato, sposo. 

xu, conlr., da liu, zio, e si di 
oltre cbe allo tio propriamente 
detto, alle persona del basso volgo. 

locctt, cornp. da so ev. ciò che. 

xuem, ecM, a, s. m. ceppo. 

iilieearu, s. la., zacct)era. 

suttina, I, s. f., doztina. 



UigniaOb, Google 



AGGIUNTE 

AILE YARIAKTI ED AI RISCONTRI 



UignieOb, Google 



b, Google 



AVVBBTKMSA 



Da intiero anno c6rso dacché fu iacomìnciata la stampa 
di questa raccolta ha reso possibili e qua e colà neces- 
sarie non poche aggiunte alle note comparative che ac- 
compagnano le singole tradizioni. Nelle seguenti pagine 
non si presume dì offrire tutte le ommisstoni che potranno 
notarsi ne' quattro volumi, anche limitandosi a' soli con- 
fronti con libri italiani; tuttavia si accrescono 1 punti di 
riscontro, e quindi di studio, pe' quali, bisogna confessarlo, 
non è mai erudizione che basti. E poiché tra coloro che 
hanno letta con aDtìcìpazìone questa raccolta, Vittorio Im- 
briani mi ha gentilmente favorita, richiestone da me, una 
importante lettera, io son lieto di pubblicarla a capo delle 
mie aggiunte , colle quali quelle dell' Imbriani richia- 
mano a tradizioni io opere ignote o poco familiari all'I- 
ijilìa. Una osservazione buona a ripetere è che nella cer- 
chia de' miei riscontri non entrano le novella di altri 
paesi. 



- Fiabe e Novelli. Voi. IV. 



UigniaOb, Google 



UignieOb, Google 



Lettera di Vittorio Itnbriani a Giuseppe Pitrè 



Ottimo Amico, 

A voi comaodare , a me tocca obbedire. M'imponete 
d'indicarvi que' riscontri alle flabe siciliane, che andate 
stampando, ì quali potessero essere sfuggiti alle diligenti 
ricerche vostre e diuturne. Ed io, benché occupatissimo 
ora, come v'è noto, in faccende di tutt'altro genere e le 
quali assorbono tutto Tuomo; benché non abbia meco oè 
qae' libri né quegli appunti, ì quali mi agevolerebbero 
il compito; e benché non mi fidi troppo nella memoria 
birbona ; voglio servirvi e recarvi un picciol manipolerò 
spigolato nel campo vastissimo dove avete mietuto tanti . 
grossi covoni. Bealo voi, cui nulla distrae da questi studi 
filologici e demopsicologicj; cui non distolgono altre cure 
dallo attendere continuamente alla pubblicazione del ma- 
teriale preziosissimo raccolto 1 Ho qui circa trecento tra 
fiabe e novelle ne' dialetti del Napolitano, che chi sa quan-' 
do potrò vedere stampate. Ed in esse ci ha riscontri a 
quasi tutte le siciliane vostre; ma non piacendomi licitare 
cose inedite, il rimandare a scritture da pubblicarsi, il 
che sa di ciarlataneria, mentoverò per lo più solo riscontri 
desunti da opere a stampa, che ognuno può consultare ; 
permettendomi anche qualche citazione un po' lunghetta, 
quando mi sembri molto curiosa. Ed entro senz'altro in 
materia. 



UignieOb, Google 



300 FIABE, NOVELLE, RACCONTI BC. 

I. — Lu cuntu di ( Si raccunta >. Appo il Casaliochio 
(I. I. IV. Graziola equivoco per isfugpre it pagamento) si 
narra ài nn oste die consente a condonare la nota ai 
truffajolì, purQhè questi cantino una canzone della quale 
egli si dichiari soddisfatto. La cannone alla qaale egli 
ìmprOFTidameate applaude é: 

Bona mik bella, dammi ì ducatooi. 
Acciò ch'io paghi all'oste i suoi piccioni. 

II. — Lu pappagai4u chi canta tri cunti. La cornice di 
([ueste tre aoTelle èia medesima del pucasapta/t indiano, 
nel quale un pappagallo racconta settanta storielle alla 
padrona per trattenerla altrettante notti dal correre dal 
ganzo dimenticando il marito assente. 11 (l^asaptati è 
ancora inedito nella sua integrità; e la traduzione a stampa 
meno incompiuta è quella in romaico (ossia greco moderno) 
dello ateniese Demetrio Galanos (f 1833), data in luce 
nel HDCCCLI, postuma. L''opera sanscrita è stata imitata in 
molle lingue e da essa venne quel famosoi46ro Ae' sette scusi 
di cui tanto si deliziò l'Evomedio. 

IV. — Pwira Bedda. Nel secondo volume de' miei Coati 
d^ie Provincie meridionali é la canzone salentina seguente, 
la quale evidentemente deve appartenere ad un conto a- 
natogo a questo siciliano: 

De sira nde passai de la padnla, 
Nei 'nlìsi 'nn ranicchio lu cantare 
Ln rusciu de la mare è troppo farle. 
e na' lu seotu 
Ca le parole ssai copre la 'jeata 
Lu rascìu de lu mare 6 troppa forte, 



UigniaOb, Google 



AGGIDnTe ALLE VARIANTI. 368 

Iddbn uè dae la morte, iddha la 'ita, 
La flgghia de In Re ne aa marita, 

Ogghia mme 'niuru, 
Lii figgbiu de la Eie porta lu fiuru 
'Edo jeDlo de mare, '«ne de terra 
À figgbia de la Ite faiia la gaerra 

Li dan 'oa parma, 
La figghia de lo Re ise nd"ae a la Spagnn. 
Iddha a la Spagna, iu vado a la Tarcbia 
La figghla de Iu Re la sposa mmia. 

V. — ia grasta di lu basilico. L' ioganno eoa la bam- 
bola si ritrova sìidìIÌssìido presso il Bandello (p. I n. XIX) 
Vedi anche Polieno, neirVIH libro degli Stratagemmi: ~- 

< Poiché Cleonimo prese Tito, gli domandò per lo riscatto 

< due città: una delle quali si chiamava Epidauro e l'al- 

• Ira Apollonia. Non volle altrimenti dargliele il padre 

• di Tito, ma comandò che lo ritenesse. Cosi Tito, essea- 

• dosi procurata la propria immagine a guisa di persona 
1 addormentata, la pose nella sua abitazione, e montato 

• sa d' uD naviglio, mentre che le guardie lodavano al- 
f l'immagine, si fuggì secretamente. • 

VI. — Catarina la sapienti. Il francese Laboulaye, della 
versione di questa novella contenuta nel Pentamerone ^ 
ha fotta una spiritosa amplificazione e graziosissima, una 
cai mediocre versione Italiana venne pubblicata a spil- 
Inzzico sul FanfuUa, due anni sono, nel MDCCCLCXXn. 
— Con la storia di Giletla di Narbona è da confrontarsi 
]a favola I della VII notte dello Strapabola. Qualche lon- 
tana siiniglianza col nostro conto popolare ha pure la qua- 
dragemma novella (parte III) del Bandello: — • Inganno 



UigniaOb, Google 



370 FIABG, NOVELLE, IIACCO!«TI EC. 

< della Reina d^Aragooa al Re Pietro suo marito, pei- aver 
I da lui flgliaoli. * 

VII. — La soru di lu Conti. Spesso nelle noyelle si tro- 
vauo genitori i quali rivelano pel danno fatto a' loro G- 
gliuoli, cioè che pertinacemente negavano od occultavauo 
quando erano tormentati essi. Vedi nella Giornata Vili del 
Pìiggilozio di Tommaso Costo il racconto intitolato: « Un 
€ padre è tormentato e non dice nulla. Vede tormentare 
I il figliuolo e confessa il delitto. • — Anche nello Stha- 
FAROLA, v'é una novella simile. 

Vni. — La ponza ckt parrà. Il particolare della donna, 
che invitata a sfrattare portando seco ciò che le aggrada 
si porta via il marito stesso, rammenta quel che si narra 
di non so più quali cittadine d'un castello assediato dallo 
imperador Corrado III, Vedi presso il Guicgiardim, Detti 
et fatti, V aneddoto intitolato • Le donne far taluolta fatti 
egregii.i E nella Hintoria Varia del Dokemcui, Libro X, 
il racconto Cortesia di principe generoso. Il primo parla 
delle monacasche, il secondo delle veinsburghesi. Tom- 
maso Stigliani, nel XXXI del Mondo Nuovo trasporta il 
fatto nell'Isola d'Aiti e lo attribuisce alle donne di Pa- 
santro. Rammento averne letto anche altre versioni, che 
non saprei indicar preciso. 1 calcoli del trattare in que- 
sto conio e di Don Giuvannì Misinanli Dell' LXXXVH , 
hanno pure numerosi riscontri; e quelli della Pierretleàel 
Lafontainb son divenuti proverbiali in Francia. 

X. — Vaequa e lu sali. Salta agli occhi la somiglianza 
di questa novella col Be Lear dello Shakespeare. La donna 
mandata ad uccidere in un bosco dal padre, dalla madrs 
dallo amante, che sene vogliono sbrigare; e risparmiata 



UignieOb, Google 



AGGlnNTE ALLE VAMArm. 37t 

dai sicario, che porta al mandaDle falsi contrassegni del- 
romicjdio compialo; si ritrova negli Intrighi d'Amore, com- 
media giastissimamente, com'io ritengo, attribuita a Tor- 
{joalo Tasso (Vedi segnatameate la scena VII delPalto III 
tra Magagna, mandatario, ed Ersilia, Irucidanda.) Lo stesso 
motivo s'incontra nella favola pastorale il pentimento amo- 
roso di Luigi Gboto, il Cieco d'Adria, dove Ergasto pastore 
commette a Melibeo, caprajo, servo suo, di ammazzar Filo- 
vevìa, ninfa, tenerissima di laì,e per rignardo della quale 
nìan'altra vaole impacciarsi seco. Leggi pure la nov. V 
della deca li degli Ecatommiti del Giraldi : — ( Cicilia 

< ama Hinieri e divieue celatamente sua moglie: s' iO' 
* gravida di lui. II padre la dà nelle mani ad uno che 
( r uccida , il quale le dona la vita. Ella partorisce un 

< figliuolo. RìDìeri ritruova che il padre Pha data ad es- 
4 sere uccisa; P accusa. Egli è preso e condannato alla 
■* morte. La figliuola lo libera, e con somma letizia si 
t gode conBinieri,> Nella storia ièlla Bella Fiorlinda, della 
quale dovrò parlare anche in seguito , vi è un episodio 
consimile. Per quanto concerne i riscontri che questa 
ed altre fiabe tianuo con la storia di santa Uliva; vedi: 
La I Rappresentazione \ di \ Santa Uliva ] riprodotta \ mi' 
le antiche stampe || Pisa \ fratelli Nistri \ 1863, e la prefa- 
zione appostavi da Alessandro d'Ancona. La variante di 
Noto intitolata il Re di Francia, in ciò che ha di speciale, 
rammenta alla lontana la storia di Giuseppe ebreo; e me- 
glio ancora una delle novelle che si ritrova in quasi tutte 
le redazioni della Historìa septem Sapientitm, cioè II padre 
geloso del figliuolo e la profezia adempiuta. Vedi anche il 
poemetto popolare intitolato II compassionecol caso e lieta 



UignieOb, Google 



372 FUn, HOTBLLX, RACCOKTl EC. 

fi»0 di &mogme, figUo di un menante alessandrino, ch'i il 
venifleamento di essa novella, sewado il lesto dello Erotto^ 
XI. — Li tri belli curuui meif L' erba risuscitatorìa si 
trora frequenlemenle nelle novelle. Ricorderò solo La 
pietà remmonerata, cQùlo primo della Posilleehejata. — 
I Pacecca pe' compassione menaje 'na savorra sopraoiaDO, 
« e pe' bona fortuna cogliette lo Vozzacchio e le fece ca- 
( dere la Palommella da le granfe; la quale, caduta 'ocop* 

• p' a' na IrofTa d'erra, a mala pena la tooEaJe, cbe sabelD 
( fatte qoalto capotrommola e brociolejata 'oa poco 'nter- 
< ra, sse ne tornaje a bolare bella e bona, come se maje 
( fosse stata scanuarozzata. • — Con la stessa erba Pa- 
cecca risuscita il figliaol del Re di Campochiaro, che s» 
la sposa, e poi 11 cognatuzzo, del quale le veniva a torto 
apposta rnccisioDe. Questo racconto del vescovo Sarnelli, 
come ognuo vede, ba infiniti paui di somiglianza, anzi 
i in fondo Intt'nna cosa col vostro CXIV La TradimentOt 
il quale ne è una trasformazione religiosa. Cosi il divo 
Antonino Pio è diveoato in Sorrento Sant'Antonino; così 
Ercole Ostiario divenne San Cristofwo, ed i miti pagasi 
si trasformarono in leggende crisliane e da noi e dovunque. 

Palazzi incantati e disabitati e tavole apparecchiate da 
persone invisibili si ritrovano spesso negli scrittori. Ye^i 
Potei, Morgante, H, 18-2i. Marino, Mone IV. 92 sgg. Roo- 
no è di Dotare a proposito de' tre figliuoli della Impe- 
ratrice, come, finché dura uno incantesimo, il corso del 
lempo rimanga sospeso per lo incantato. Qaindi la nar- 
ratrice del conto XIX Lu Scam , dice: — < 'Sti morti a- 

* Tiana persn la vita pi manti di iti Scava ; e la mara- 
« vigghia è ca nnn passavanu mai, ma arristavami sem- 



UigniaOb, Google 



AGGIDTITE ALLI VABIANTI. 373 

t pri coinu s'avissim monta allura.» Cosi Torquato Tasso, 
»el primo canto dei Rinaldo, staaza XXXXIV, fa dire al 
vecchio che apiega al protagonista l' iDcaoto di Bajardo: 

Né ti meravieliar. se 'I destrier vive 
Dopo si luogo girar d'anni ancora: 
Che '1 fil troncar d'alcua le Parche dive 
Non ponnn, se iacanlafo egli dimora; 
M fra le imposte al viver suo, gli ascrive 
Il fato di qael tempo ur.a sot'ora. 
Grande 6 li poter de' maghi oltre miiara, 
B quasi eguale a qaello di natura. 

X[n. — Bianca-comu-nivi-russa-comu-focu. Qui mi per- 
metterà di protestare coatro V etimologia amoristica del 
Terbo ^nguaggiarisi, derivato dal marchese Emaouele di 
Vìliabiauca, da ingabbiare. La vera origine del vocabolo, 
che non è niente afTatto voce tutta siciliana , come cre- 
deva il buon marchese, diventerà patente, per chi lo raf* 
fronti con la sua forma napoletanesca ^nguadiare, ''ngua- 
dejare. Sono poi lietissimo del riconoscere dalla citazione 
della variante caslellerminese, che questo racconto è pre- 
cisamente la storia di Marco e Sciorella, proverbialmente 
citata spessissimo dagli scrittori in dialetto napoletano 
ma che nessuno al moDdo avea saputo dirmi qual fosse. 
Vedi Pentamerone , I, 2. — Ibid. Il 7. ■ Lo Prencepe dq- 
€ veva cierto portare quarche storia de Marco e Sciorella 
< cosata a lo jeppone, che no spìrìtaje a 'sta vista. > — 
Cortese. Ciullo e Pema. (Lib.l). — Sarnelli. Positlechejata 
— • Felice chi lo poteva avere ped ammico, pocca l'am- 
• more che fu tra Pilade ed Oreste, tra Dammoae e Pi- 



Up-ieUf, Google 



374 FIABB, NOVELLE, BACCONTI BC. 

■ zia, tra Patraoco ed Achille, tra Euhalo e Niso e tra 
t Marco e Scioretla, era 'na scenlella posto a la preta pa- 

< ragone de lo ssujo >. 

XIV. — Mandrutii e Mandruna, L'abbandono ìqvoIod- 
tario della ianamorata nel bosco ed alcun particolare ri- 
cordano la terza novella della giornata quiula del Deca- 
meron. — ■ Pietro Boccainazza si fugge con l'Agnotella, 

• troova ladroni : la giovane fugge per una selva ed è 

• condotta ad un castello. Pietro ò preso , e delle mani 

< de^ ladroni fugge; e dopo alcuno accidente capita a quel 

< castello dove rAgnoiella era, e sposatala, con lei se ne 
» torna a Roma.» —Maggiori sono i riscontri e più impor- 
tanti con la Istoria di Ottindlo e Giulia, quale tratta, come 
fu preso da' Turchi e con riscatto liberassi e con fedifiea- 
zione della città di Taranto per meszo loro, clk'è una delle 
storie popolari più diffuse in tutta Italia ed anche fuori, 
sott'altro nome. Vedi La storia \ di [ Otlinello e Giulia | 
Poemetto popolare in ottava rima \ riprodotto sulle antiche 
stampe \\ Bologna \ presso Gaetano Romagnoli \ 1867. Noterò 
qui solo tre riscontri che rimasero sconosciuti al d'Ancona, 
il quale curò questa ristampa e vi premise una dotta prefa- 
zione. Sarebbero: A) La XXII delle Porretane di M. Sala- 
dino Oegu Arienti Bolognese. — < El figliuolo del Ite di 

• Portogallo, fingendo andare per voto in Hierosolima.De 

• va in Anglia e mena via la ligliuola del Re, sua amante; 

• et ambedue in diversi lochi rapiti sono in servitù po- 
( sti. In la quale dimorati vn tempo, in Portogallo in 

• ottima mente se trovano, dove con gran festa e letitia 
> se maritano. • — (da carte SI a carte S9 della Edizioa* 
di Verona M.D.XL. per Antonio PuteIleto)—£.) L'Avrea- 



UigniaOb, Google 



AGGIUNTE ALLB VAfilANTI. 375 

Jura di Sif^Dto, nel XVII Canto del Mondo Nuovo di Tom- 
maso Stigliani da Matera. — C.) La Novella LVI della 
parie I delle Duecento Novelle di Ceuo Malespini : — < Av- 
« lenimento inrelice di Orio e Palicastra, che poi si ter- 
* minò in infinita allegrezza. » — Dalla Francia la storia 
è tornata in Italia sotto altra forma ed altro none ed é lo 
argomento d'un opuscolo popolare prosastico del quale ho 
soirocchì un'edizione recente: Storia memorabile | e molto 
piacevole \ per ogni generoso e nobile cavaliere \ itei valoro- 
so I Pietro di Provenza [ e della \ bella Maghelona [ dove 
sono ampiamente dichiarate \ le toro prodezze ed amori fi 
Torino 1863 ] Tipografia e Libreria fratelli Canfari \ Via 
Doragrosta N. 52, 

XV. — Lu Re di Spagna ; e XVll. — Marvizta. Le in- 
combenze ineseguibili si ritrovano anche nella mia No- 
vellaja Fiorentina, XI bis. La bella e la brutta; e, come più 
altri punti di questa Marsizia e di pareccliie altre novel- 
le, hanno manifesto riscontro nella favola antica di Amore 
e Psiche. Credo die i semi di zucca si mangino in tutta 
Italia. La voce de' venditori fiorentini è: Semina trastul- 
lino. Confronta per la statuiGcazione dell'Orca, la Pietà 
Hemmonerata, conto primo della Posillecheiata , dove ac- 
cade un quissimile a Mastro Cocchiarone. Trasformazioni 
io pini ed in islatue si trovano anche nella Corzia di 
Filippo Fiisblla (Napoli M.DC.XXVI), altre trasformazioni 
nel Capriccio , del Guidardi (Venezia M DCVIil) , ed in 
altre favole pastorali. 

XIX. — Lu Scavu. La donna che chiama ripetutamente 
ajuto ed alla quale non vien creduto perchè il ladro o 
l'amante sa nascondersi, si ritrova appo lo Stbapahola, 



UignieOb, Google 



376 FIABE, NOVELLE, KACCONTI EC. 

Nolte III, favola IV; e nel Pecorone, Giornata IX, Novella n. 
XX. — La vecchia di Vortu. Questa orca che si tuo) 
mangiare la involatrice de' suoi cavoli, rammenta na 
verso d'Orazio satiro, il quale forse (chi sa?) alludeva 
nello scriverlo io pensier suo a questa fiaba, che senza 
dubbio doyea narrarsi anche allora in Italia: 

Hec vincet ratio hoc, tantandem peeciìl idenique 
Qii tenefos caules alieni fregerit horti 
Et qui noctnrnii» divam sacra legeril. 

I particolari della chiusura nella muda della fanciolla, 
che si ritrovano nel conto XXXlll (Tridicinu) nonché pa- 
recchi particolari del conto XXXV (tu cuntu di 'na Big- 
gina) li ritrovo in un esempio lombardo intitolato Ciccin 
Berlin, che mi tratten go a stento dal trascrivere, ed in 
parecchie versioni anche inedite delle provincie meridio- 
nali, dove il protagonista ha per lo più il nome poco de- 
cente dì Miezoculillo. La ricchezza de' siiionimi che i ver- 
nacoli siciliani adoperano per fuggire, non meritava dav- 
vero che sopra essa il Catinella ed il Luisi fondassero* la 
superiorità del loro dialetto su tutte le favelle del moa- 
do. Agguagliano e superano il siciliano parecchi altri idio- 
mi; e per provarlo mi basterà riferire alcuni versi d'una 
egloga del gran Basile in napoletanesco (La Coppella). 

E qnanno tu te cride, 

Ca vo' 'inroestire eomme » caparrone. 

Che dia 'mmaslo a 'n asserzeto 

E ohe volle le mescole; 

Scoppi di, fa buon jnorno; 

Te resce 'no cavallo de ralaorno; 



UignieOb, Google 



AGaiDHTS ALLE VARIANTI. 377 

Afftiffi; alliscia; assarps; ed appalorcta; 
Sporchia; sfratta; e tu coglie le biok; 
E agoaglia; sfratta; e sSlk; 
E sp&rafoDQai e spara 
Lo tiro de partenza; 

Sse la dace 'ntallune; e sbigna; e scorre; 
Sse De piglia le bertele; 
Ajutanie talloDe, ca le caazo i 
Le carcagne le toccano le spalle; 
Ed ba lo pede a leparo; e te joca 
Lo spadone a doja gamire; 
E eomme a gran potroBe 
Arranca e foje; recave e va 'mpresona. 

XXL — Lu spunsaliziu di 'fta Riggina é un tatru. Il 
particolare del ladro che alloppia tutti, tranne la Regina 
vigilante, la quale giunge poi a svegliare it marito e cosi 
viene ucciso il ladro, vien narrato in persona del ladro 
Scirone , di Ippolita e di Teseo nel Rudi salvata | Canti 
tette [ del Conte e Cavaliere \ Vincenzo Marenco \ Opera 
postuma I ^^ntinuata e terntinata \ da | Giuseppe Turletti 
1 con gli argomenti dello stesso \\ Carmagnola 1833 ] per t 
tipi di Pietro Barbié. Vedi Canto V, stanze Vl-sgg. 

XXIII. — lÀ t/ridiei sbannvkti. La Novella di Democrate 
da Beeanati, opportunamente citata ne' riscontri, si trova 
tale e qnale nello Asino d'Oro. Ma non essendo conoscimi 
gli scritti d' Apolejo nel trecento , ser Giovanni Fioren- 
tino dovè desumere il suo racconto dalla tradizione po- 
polare. 

XXIV.— Bianca Cipudda.— XXVI.— Petra Itt massario- 
tit. Uan qualche punto di somiglianza con la novella V della 



UigniaOb, Google 



378 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

ìntrodnzione degli EcaUnnmiti. « Panfilo ama Noa;.... ella 
( lo strazia inlrattenendolo eoo ciance. Vengono a ginocare 
I insieme, e giuocano le lor vite. Vince Paofito; ella gli 
I dà a vedere che non l'tia vinla, onde se ne resta pa- 
< sciula di vento. > 

XXXVI. — Li figghi di tu eavuliciddaru. Confronta an- 
che con la Novella della pulzella di Francia, dove si rac- 
conta Vorigine delle guerre fra t Francesi e gV Inglesi, di 
Messer Jacopo di Poggio Bracciolini, occasione d'intermi- 
nabili polemiche letterarie. 

XXXVII. — Bosamanna. Il Batacchi lia inserita questa 
Saba, narrandola a suo modo, nel canto V del Zibaldone, 
dove comincia così: 

Fra i peccati che diconsi mortali 
Il più cattivo eJ 11 plb scellerato 
È l'invidia, cagioD di tutti 1 mail 
peccato assai peggior d'ogni peccato. 

XXVIII, — La vurza, tu firriolu e tu cornu 'nfatatu. Tra 
le Novelle Morali del Chierico Regolare Somasco France- 
sco Soave, ce n'è una intitolala Alimek o la Felicità, no- 
vella Araba, il cai protagonista possiede una borsa ch'è 
piena d'oro, qualora egli vuole; ed un anello che il tra- 
sporta tostamente dovunque gli è in grado. ìielVAdone del 
Marino , Canio XII , stanze 270-272 Idonea promette in 
nome di Palsirena al protagonista di largii dono d'una 
moneta. 

che sempre a cbi U spende, indietro riede. 
Se la spendessi mille volte ti giorno. 
Uilie lolle in tua man f^rà ritorno. 



UigniaOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VARIANTI. 379 

Uoa saa borsa ancor vo' eh' abbi appressa 
La cui virtù meravigliosa h molla. 
Dentro vi cresce ognor ciò che v'd mss^o, 
B rende al doppio più che non n' è tolto. 
Vedrai, se l' apri, tosto da sé stesso 
Moltiplicarsi qnel cbe v' è raccolto, 
Se poi vola la lassi e d' oro scarsa 
Ve De ritrovi almen sempre una marca. 

Li lucertola avrai da le due code. 
Perchè, giocando, a guadagnar li serva, ecc. 

XXXVm.— Li palli magìchi. Questa novella corrisponde 
perfetlameiite al tratlenimento II. della giornata 11. del 
Pentamerone. — t Nella è auimata ila 'no prencepe, lo 
« quale pe' 'no coimutto de cristallo va spisse vote a gau- 

< dere cod essa. Ma rutto lo passo da le 'mmediose de le 

• sore, sse taccareja tutto e sta "nfine de morte. Nella pe' 

• strana fortuna 'nteune lo remmedio, ctie sse po' fare, 

< l'appreca a lo malato, Io sana e lo piglia pe' marito.» — 
Confrontate anche col trattenimento V della stessa gior- 
nata II da voi citato altrove come il precedente: — • Lo 
( Re de Starzalonga marita la figliola co' 'no serpe ; e 

• acopierto ch'era 'no bello giovene 1' ardette la spoglia. 

• Isso volenno rompere 'na vetrata pe' foire sse rompe 

■ la capo; né trovanno remmedio, la figlia de Io Re lassa 
t la casa de lo patre e 'ntiso da 'na Vorpe lo secreto da 

■ sanare lo 'nnamorato, accide maliziosamente la vorpe e 

• co' lo grasso ssujo e de varie aucìeile, ontanno lo giovane 

• feruto, ch'era figlio de lo prencepe, le deventa marito.. 
XLI.— La Picuredda. — XLII. — Graltula-Beddattula.— 

Prima che il libretto e la musica di due Italiani rin- 



UignieOb, Google 



380 nAB£, NOVELLE, RACCONTI EC. 

giovaniasero la fiaba della Cenereatola e fin dall' aano 
M.DCCXIX fa recilaUi a Parigi una Cendrillott , parole 
deirAMSEAUME, musica del La Ruette, che non ebbe grande 
inconlro. Gli aneddoiisli danno per certo che alcuni anni 
prima, il basso Thevenard, passando ionanzì ad una cal- 
zoleria, stupisse della piccolezza elegante d'una paotolToIa 
da ricucirsi e che s'inforoiasse dello indirizzo della padrona 
e volesse conoscerla e se ne inoamorasse e la chiedesse in 
matrimonio lì per lì, su due piedi;e non fosse in seguito 
più scontento né più infelice di tanti e tanti che hanuo 
arrischiato il duro passo solo dopo mature considerazioni. 
Anche il poeta tedesco Di Platem Hallerhunob, sepolto 
a Siracusa, ha trattato drammaticamente questo bel tema. 
11 particolare delta' fuggitiva che fa fermare ì domestici, i 
quali la iuseguono, spargendo denari ogiojelli, si ritrova 
nel III libro degli Stratagemmi di Poueno: — • Poscia 
f che Demetrio prese la città di Atene, Lacare vestitasi 
I con certa veste da servo e da villano ed inctiiostraUisi 

< la faccia, portando un cesto coperto di sterco, segreta- 
• mente usci dalla città per uua postierla , e montato a 
f cavallo, tenendo dei darici d'oro in mano, se ne fug^. 

< I cavalieri tarantini però, teonergli dietro a spron bat- 

< luto senza punto arrestare il corso. Allora egli comìn- 

< ciò a spargere i darici aurei per la via, i quali veg- 

< gendo i tarantini , smontavano da cavallo e raccoglie- 
<■ vano. Fatto questo più volte, egli tagliò loro il segai- 
■ tarlo ; e perciò Lacare cavalcando sen venne in Beo- 
« zia >. — Né molto dissimile è l'altro stratagemnia che 
nel libro VII Polieno narra di Mitridate, t^nfronta con la 
favola d'Ippomene ed Atalanta. Vedi, nei i)e/(i e fatti ecc. 



UignieOb, Google 



AOGIUNTB ALLE VARIAMI. . 38t 

del Gaicciardioi, il racconto inlitolalo: — • Quanto possa 

• raiuEorio divino nelle cose humane, et percootra quanto 

• nuoca la divina iodegnatione >. -~ Vedi anche nel XXI 
deir Orlando Innamorato dì Francesco Berki, la storia 
della figliuola del Re Monodanie. 

XLIII. — Pitusedia. ConrroDta con ta succitata Rovella 
di Hesser Jacopo di Poggio Bracciouni per ciò che ri- 
guarda i disegni incestuosi del Re. Vedi /{ Propugnatore. 
Voi. VII: articolo di Achille Neri, Intorno alla Novella di 
Jacopo di Poggio Bracciolini e alCoriginal testo latino di 
Bartolomoo Fazio Delia Spezia. Paragona eoa la storia di 
Sant'Uliva. La variante caslelterminese intitolala Fidi e 
Gridi, risponde perfetlaoiente a La Vajassa fedele, conto 
secondo della Posillechejata; cosi pure La Cerva dì Noto. 

XLVII.— Lfi CustrUeri. In questo racconto si parla di uno 
stronzolo trasformato in una bella ragazza dalle fate. Uà 
miracolo consimile è narralo da Liherno Pitocco (Teofllo 
Folengo) nel capitolo V àelV Orlandino : 

Transibal Jeitw per un gran villaggio 
Con Piero, Andrea, Giovanni e con Taddeo. 
Trovan eh' un asinelio in guI rivaggjo 
Molte pallotle del suo sterco feo. 
Disse allor Piero al suo maestro saggio : 

— . Kn, domine, fac homines ex eo ' — 

— • Surge, villane • — disse Cristo allora; 
E '1 villan di que' stronzi saltò fuora. 

Ed in quel punto ìstesso, quanti pani 
Pur di letanbe, o d'asin o di bove, 
Insurrexerunl lo (idem et (ioni 
Per tutto 'I mondo a far delle sue prove; 
PiTBi. - Fiabe t NovelU. Voi. iV. Ì8 



UignieOb, Google 



JOi HABB, NOTELLB, RACCONTI, EC. 

Cioè pronte in rubar aver le mani, 
E Diatedir il ciel, (juando non 'piove; 
Esser failaci, (radilor, maligni. 
Di fuoco e forca per suoi merti digni. 

Il Boccaccio facendo personificare a Buffalmacco la stessa 
bella roba, ne ricava però dei nobili e non già dei vil- 
lani, anzi ne forma dei baroni: — (Si com'è il Tamagnia 

• della Porta, Don Mela, Manico di ^copa, lo Squacquera 

• et altri. .. • 

U. — Lu munacheddu. Salta agli occhi la somiglianza 
con lo episodio di Ulisse col Ciclope nell'Odiwea, e con 
quello (li Noradìno con l'Orco ucìVOrlando furioso dei di- 
vini Uniero ed Ariosto. 11 Bonajmti risponde perfettamente 
allo kidaìijo {c\oé Ggliuol di alcuno) spagnuolo; vale quanto 
figlinolo di buona gente, gentiluomo, galantuomo, come di- 
cono nelle provincie meridionali. 

Lil. — La Troffa di la razza. Le trasformazioni del Pa- 
dredrago e di Vincenzo (vedi anche nel conto CIV: ha 
bedda di la stidda d'ora), quelle del Drago e della Mam- 
madraga hanno un riscontro nel canto IX del Mondo Nuovo 
-dello Stigliaci, dove Artura narra come il mago Lieo- 
fronte le chiedesse il governo della fonte di Valserena: 

— • lo negai darlo e gliene fei disiiello'. 

• Garrimmo nn' ora o più, con voci altere. 

• AlQn venimmo airaltimo dispella 

I Con mani e piedi e denti a più potere. 

• Ma ve^gend'io non poter stargli a petto, 

• Ili tramutai, pugnando, in varie fere; 
> Kgli, secondo in una io mi cangiava, 

' • In un*allra m.^ggior si trasformava. • — 



UignieOb, Google 



AOCIUrn-E ALLE VABIA.MI. 383 

LIV. Lu diavulu zuppiddu. Vedi pure, appo il padre 
Casalicchio, parte II, decade I, argomento X: — • Invea- 
f ztone faceta per dimostrare l'inquiete degli aniaiogliali.' 

LV. — La mammana di la principissa-fata. Nella vila di 
Romolo appo Plutarco a legge un particolare che ricorda 
il principio di questa novella. Ha vi si tratta di tult'altra 
cosa elle una mano la quale venga dall'alto. 

LVIIL— Suli, Pema e Anna. Da questa tradizione popo- 
lare, Luigi Gboto, il Cieco d'Adria, tolse argomento d'una 
delie sue tragedie, intitolata La Dalida (ed è specialmente 
da vedersi atto 11, scena II). Se non che l'esito non è con-; 
solante appo il Greto. E qui mi cade in acconcio di notare 
come i solili istoriografi della letteratura Italiana parlino da 
dugenl'anni ÌD qua del Cieco d' Adria e delle sue scritture, 
che pur meriterebbero un esame attento, senza nemmea 
leggerle: che, se altrimenti fosse, si sarebbero accorti, un'al- 
tra sua tragedia, La Hadriana, essere una delle fonti del 
Bomeo e Giulietta dello Shakespbahb, e trovarvisi persino 
il personaggio della Nutrice. Ma quando avremo istorie let- 
terarie che valgan qualcosa? Pare che Francesco Redi 
fosse un po' più studioso delle opere del Greto, giacché 
trovo nei suoi scherzi un verso: S'aver ti posso un gioìTio 
in mio dominio, ch'è preso HaWEmiUa del Cieco d'Adria 
(atto li, scena V), dove suona: Ma s'io potessi averla in 
mio dominio. 

LIX. — La figlia di Biancuciuri. Vedi qualche lontanis- 
simo riscontro nell' episodio della principessa Florinetta 
di Belfiore, figliuola di Filomene (Morganle XiX). Ri- 
trae in parte di questo conto, in parte del LXXIX Lu 
He di Napuli, un breve componimento firmato S. S. (Dot- 



UignieOb, Google 



384 FIABE, NOVELU, RACCOPOl EC. 

lor Savino Savini) pubblicalo nel aomero 50 (i5 genoajo 
i843) del periodicola Paroia, che starapavasi in Bologna. 
Sarà forse opportuno trascriverlo , perchè le effemeridi 
sono efiSmere per propria natura ed intrinseca, mentre i 
libri durano nn po' più, 

POESIA IN PBOSA 

(Imitazione) 

L'Arpa STurewDA 

Vanno due cavalieri a una casa cercando una sposa; di 
due sorelle dimandano la piccola e la maggiore disprez- 
zano. 

La piò giovane sa Slar lino, e la grande sa guardare 
li porci. 

La pili giovane può filare dell' oro, la grande non può 
filare la lana. 

Dice la grande alla pìccola sorella: i Andiamo in riva 
■ del mare. • 

< Cbe faremo noi alla riva del mare? Nulla dobbiamo 
I portarci. * 

( Già somigliamo e diverremo cosi bianche del pari. • 

• Oh! sbanco ti laverai ogni giorno, bianca non diver- 

< rai più di quel che dìo ha volato. E quand* anche ti 

< facessi bianca più della neve, non avresti l'amante mio.» 
Siede la piccola sorella in nna roccia, la grande la spinge 

nel mare. 
La poverina innalza le braccia. 
(Mia cara sorella, ajutamil... • 



UignieOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VARIANTI. 38D 

< lo Doii li ajuterò, se noD promelti cedere a me il tuo 
■ fidanzato. • 

t Se potessi il farei; ma di lui dod posso decidere. Ger- 
< citerò doni e an amante per te. • 

SotBa leiribile Ostro e spinge il corpo oel mare. 

Corre il vento sulle onde cileslri e torna il corpo alla 
riva. 

Già soffia Levante e spinge il corpo verso la prua d'uà 
battello. 

Due pellegrini raccolgono il cadavere. 

Compongono un'arpa delle braccia della donzella; e for- 
mano corde co' biondi capegli suoi. 

• Andiamo alla casa vicina, ivi ai fan delle nozze. » 

Pongonsi appresso alla porla, e s''ode l'arpa. 

Dice la prima corda: f Mi è suora quella sposa. • 

E la seconda: < Uccidevami gelosa. • 

E la terza: • Dello sposo fui morosa. • 

Sì fa rossa come bragia la fidanzata: < Questo suono 

• mi fa male. > 

Si fa rossa come sangue la fidanzala: -i Non vo^ più 

• sentire quell'arpa. • 

E dice la quarta corda: «Oh quest'arpa non riposa » 

La fidanzata si corica in letto. 

L'arpa suona più forte, e il cuore della giovine scòppia. 

LXl. — Burditluni. Anche nella Mortella (Trattenimen- 
to Il della Giornata I del Pentamerone) le colpevoli pro- 
nunziano con la propria bocca la condanna loro, come ap- 
punto qui ed ullrove. 

LXU. — Li dui sorti. Negli studi sopra Asislofane pub- 
blicali dal signor Ehiuo Descanel (Parigi M-DCCCUCVII) 



UigniaOb, Google 



383 fiabe:, novelli:, racconti ec. 

t''^ un bel paragone desunto da questa fiaba, che é po- 
polare in Francia, come tra noi : — • Vous rappelez vous 
t ce eonte de fées, où deux jeunes filies, deux soeurs , 
« toules ies fois qu' elles ouvrent la bouche, en laisseni 

• écliapper, l'une des (leurs, des perles et des pierreries; 
I r aatre des vipères et lies crapauds ? De ces deus jeunes 

• fìlles, faites-eii une seule, doni la bouciie répandra tout 
■ cela' péle-méle: c'est la Muse d'Aristopliane. » — Vedi 
nell'opera citala del Bladé il racconto Les deux filies e 
la postilla dei Kdhler. 

LXIII. — La Mammadraa. La novella del Somma intorno 
ai due fratelli che incontrano Marzo era stata narrala du- 
genTanni prìma con molto maggior grazia dal Basile 
{Penlamerone V. 2) — • Ciance e Lise, fratielle, l'uno 

< ricco e P auto povero. Lise, ped essere povero e niente 
I ajutato da lo frale ricco, sse parte e 'nconlra tale for- 
t tuna, cbe sse fa straricco; Paulo cerca pe' 'mmidia la 

• medesema sciorte e le resce accessi contraria, che non 
t se po' scazzecare da 'na disgrazia granne, senza P aiuto 
i de l'autro frale >. 

LXIV. — Lu scarparu e li diavuli. Francesco Redi lia nar- 
rata questa novella in una lettera scritta il XXV Gennaio 
M.DCLXXX.IX di Firenze al Dr. Lorenzo Bellini in Pisa, 
con q'uella sua grazia un po' leziosa, ma che piace ed affa- 
scina appunto come le graziose e leziose donne e coniigia- 
. te. • Come una mamma amorosa che intenerita di quella 

< sua figliuola gobba e sciancata, vorrebbe pure ch'ella 

• comparisse con l'altre a una festa, e perciò s'affanna a 

< farle raddoppiare i tacconi alla scarpa del piede zoppo, 

• e le rimpinza guancialetti e batuffoli di cenci intorno 



UigniaOb, Google 



AGGIUNTE ALLB VARIANTI. 387 

1 ai fianchi ed intorno alle spalle; cosi ho fatto io di nuovo 
t iflloroo a quelle terzine, una di queste notiì cosi gela- 

• te, mentre mi tribolava, che non poteva dormire. Ma 

• penso che sarà avvenuto come accadde a quel gobbo da 

< Peretola , il quale avendo veduto, che un altro gobbo 

< suo vicino, dopo un certo suo viaggio, era tornato al 

• paese bello e diritto, essendogli genlilmente stala se- 
1 gala la gobba, lo interrogò, chi fosse slato il medico ed 

• in qual paese fosse aperto lo spedale, dove si facevano 

< cosi belle cure. Il buon gobbo, che non era più gobbo, 

• gliela confessò giusta giusta. Egli disse, che essendo 

• in viaggio, smarrì una notte la strada , e dopo langhi 

< aggiramenti sì trovò per fortuna alla Noce di Beneven- 

• lo , intorno alla quale stavano allegramente ballonzo- 

• landò moltissime streghe con una infinità di stregoni 
f e di diavoli. E che fermatosi di soppiatto a mirare il 

< tafTeruglio di quella tresca, fu scoperto, non so come,' 
( da una strega, la quale lo invitò al ballo, in cai egli 

• si portò con tanta grazia e maestria , che latti quanti 
( se ne maravigliarono; e gli presero perciò cosi grande 
« amore, che messoselo baldanzosamente in mezzo, e fatta 

< portare una certa sega di buliro, gli segaron con essa, 

• senza verun suo dolore, la gobba, e con un cerio iin- 

• piaslro di marzapane gli sanarono subito subito la ci- 

• cati'ice e lo mandarono a casa bello e guarito. Il buon 
« gobbo da Peretoìa, inleso questo, e facendo lo gnorri, se 

• ne stelle zitto zitto. Ma il giorno seguente si mise in 

< viaggio e tanto ricercò e tanto rifruslò, che potette ca- 
t pilar una notte al luogo della desiderata noce, dove con 

< diversità di pazzi strumenti quella ribaldaglìa delle stre- 



UigniaOb, Google 



388 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

• ghe 6 degli stregoni trescava a) solito in compagni» 

■ deMiavoli, delle diavolesse e delle versiere. Una versiera 
I diavolessa che si fosse, facendogli uà grazioso inchi- 
« no lo invitò alla danza , ma egli vi si portò con tanto 

■ malgarbo e con tanta svenevolaggìne, ciie stomacò tutto 

< quanto quel notturno conciliabolo, il quale poi niettende- 
€ segli attorno e facendo venire in un bacile quella gob- 
( ba segata al primiero gobbo, con certa tenacissima pe- 

• gola d'inferno la appiccò nel petto di queste secondo gob> 
e bo. E così questi, che era venato qui per guarire della 
I gobba di dietro, se ne tornò vergognosamente al paese 
e gobbo di dietro e dinanzi; conforme suol quasi sempre 

< avvenire a certi ipocondriaci crislianelli , che volendo 

• a tutti i patti e a dispetto del mondo, guarire di quat- 
4 che lor male irrimediabile, ingollano a crepapancia gli 

< strani beveroni di qualctie credulo ma famoso medica- 

< stro; e di un sol mate, per altro comportabile, che hanno, 
t incappano per lo piii dolorosamente in tre o quattr'al- 
> tri pili dolorosi del primo, i quali presto presto li raan- 
( dano a Patrasso, ch'é un oscuro paesello lontano da Fi- 
I renze delle miglia più di millanta. Or voi, caro Bellini, 

• applicate questa frottola alle terzine del mio sonetto. 
« Leggetele, ridetene, burlatemi, cuculiatemi, che me lo 

• merito, e se non ho potuto rabberciarle io, fate la gran 

■ carità di rabberciarle voi: 

• Cfte per onor dei fichi e delle pere 

• Fra medici pia lagtfio dì Pammo 
. FoHe creato l'arcimatlro e i! sere, 

• E in ogni cui potete dar di naso •. — 

lì paragone de' crìstìanelli allude ad un'altra frottola i^- 



UignieOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VARIANTI. 389 

cordata anche da Michele Zezza in uno de' sonetti del 
Carteggio poetico di Pica e di Pico. 

Lungi droghe che qui portar) gl'Inglesi 
Dal nuovo mondo a noi: queste, in mia (è. 
Ci mandano più presto a quei paesi. 

Per questo appunto Io Spagnuo! mori, 
Ma pria sull'urna sua scriverli fé: 
Per volere star meglio, ora ton fui. 

Il Noce di Beneveato (di cui parlale in nota al conto 
XXXVIll, Li palli magichi) è ricordalo anche nelle Poesie 
Italiane \ e in \ Dialetto Napoletano | di Domenico Ptccinni 
il Napoli I Da' tipi di Cataneo | 1827 (pagina Ì03; compo- 
nimento intitolalo: La notte). 

sta 'nD noce chiantata a Benevienlo, 
Addò', eomme la nolte s'abbicina, 
Nce veneno copp'acqua e coppa viento, 
E da parte lontana e da vicina, 
Le streghe; parte iut'a 'no vastetniento 
'Ddó, de diarole so' 'na cinquantina; 
Chi accavallo a 'no crapjo e chi a 'no puorco; 
Chi portala da 'n urzo e chi da 'n uorco. 

Stefano Francesco di Lantier nella XXXVI lettera della 
sua Correspondance de Suzette d^Arly: — < On racconte jw'tin 
t Italien,a3sez content de son sort,se maria pour Ótre mieiKc; 
( et mourut après six mais de mariage. Il ordonna de gra- 
■ ver cette inscriplion sur son tombeau : Stava bene, peh 
t ESSERE «EtìMO SON QUL Combien de gens, A l'exemple de 
t ce pauvre mari, se remmnt, s'agitent pour étre plus mal. > 

hX\l.~ Lu sangunazzu. È un misto della Introduzione, 
del penultimo conto e della Scompetura del Pentamerone. 



UignieOb, Google 



390- FIABB, NOVELLA, RACCONTI EC. 

LXVII. — La Fata mula. Questa novella e soprattutto la 
variante Castel te rminese La figlia di la balena , rispon- 
dono al conto napoletanesco della Fata Orlanda, che pub- 
blicai nelle note alla Novellaja miLmese. V'è un giovane 
innamorate di una piavola, nella Novella in versi di Giosuè 
Matteini da Pistoja, intitolata La Bambola e l'Amante not- 
turno. VediFflDo(e | e \ novelle \ di \ Giosuè Matteini | di \ 
Pistoja II Ride si sapis \ Mart. \\ la Pistoia MDCCLXXXVIII 
1 Nella stamperia d''AUo Bracali \ con approvazione. 

LXXIli.— £n-flfiianca. Il vantarsi delle proprie mogli che 
Tanno in brigata il Be, i Priiicipi ed i Cavalieri, ricorda 
un celebre luogo di Tito Livio {Libro l, cap. LVII); • In 

• his statìvis, ut til lungo niagis quam acri bello , satis 

< liberi commeatus erant, primoribas tamen magis quam 

< militìbus. Regii quidem iuvenes interduni olium coq- 

• viviis coiuisationibusque Inter se terebant. Forte potan- 

• tibus his apud Sex. Tarquinium, ubi et Collatiuus ce- 
€ nabat Tarqoinius Egerii fllius, incidit de uxoribus men- 

• tìo : suam quisqiie laudare inirìs modis. itide cerlamine 

• accenso Collatinus negat verbis opus esse , paucìs id 
€ quidem horis posse sciri, quantum caeleris praestet Lu- 

I cretia sua • ecc. ecc. 

LXXIV. — Lu Re di Spagna e lu Milordu 'nglisi. È 
Jn tutto e per tutto la dilTasissiuia storia popolare del- 
la bella Fìorlìnda. Ne ho sott' occhi una edizione na- 
poletana recente : La bella \ Fiorlinda | cioè \ Pinnocenza 
depressa | e poi gloriosa \ Ossia la moglie giudice e parte 

II Napoli. Presso Amllone 1849, (Ventiquattro paginfctte 
in-duodecimo). Principia coi verso: Febo, trasmetti un rag- 
gio tuo lucente, l&naiaì: E sempre splenderà come il sole; 



UignieOb, Google 



AGGIUNTE alle: vauianti. 391 

e consta di Clll ottave. Ne ho descrìtte anche alcune altre 
edizioni della rimanente Malìa ne\U mìa Bibliografia delle 
storie di Edizione Napoletana. Pel simulalo Reginotticidio 
e pel travestimento della Reginolta da paggio, vedi j ri- 
scontri ette ho citati a proposito del Conto X L'acqua e 
lu sali, e soprattutto Gl'Intrighi d'Amore del Tasso. E lo 
stesso mi convien dire a proposilo del conio LXXVII: Lu 
Gran Narbuni. 

LXXV. — La Stivala. È perfettamente la stessa cosa 
della Novella di Nicoderao Tabacchi, ossia Domenico Ba- 
tacchi, intitolala La Pianella. 

LXXVIII, — Lu Zu Vintati. Da confrontarsi con la No- 
vella intitolata Don Peppino e pubblicata nel n. V del- 
l'Anno il del periodico La Scuola italica (Napoli, 23 a- 
goslo 1874). 

LXXX.— La Jisterna. Ha nel principio molta somiglianza 
colla storia di Giuseppe Ebreo. 

XCIV.— Li setti lisluzzi. Ha (come pure il conto LXXXIX, 
Lu cani ''nfatatu) parecchi punti di somiglianza con La 
Capo e la Coda, Conto V della Positlechejata. 

XCV. — V acula chi ionu. Un'altra variante di questo 
conio si trova in terza rima nella Origine de' Volgari 
Proverbi di Aloise Cictio de' Fabbizì (M.D.XXVI) sotto il 
titolo L'è fatto il becco aW oca. Che i maccheroni siano 
d' origine siciliana, come dice il proverbio da voi citato, 
e che a' Siciliani, prima che a' Napolitani, dovesse venire 
attribuito l'epiteto di Mangiamaccheroni, é cosa che non 
può venir inforsata da chi rammenta quelle parole di Or- 
tensio Landò: — «Fra un mese (se i venti non ti fanno 
• torto) giungerai nella ricca isola di Sicilia, et mangerai 



UignieOb, Google 



302 FUBtS, NOVELLE, RACCONTI EG. 

( di qve' macheronì, i quali hanno preso il nome da) bea- 
< tiilcare. Soglionsi cuocere insieme eoo grassi capoBi et 

• caci freschi da ogni lato stillanti buliro et latte; et poi 

• con liberale mano vi sovrapongono zacchero et cannella 

• della più fina che trovar si possa: ohimè, che mi viene 

• la saliva in bocca sol a ricordarmene. Quando io ne man- 
4 giava mi doleva con Aristoxene che iddìo non mi ha* 
( vessi dato il collo di grue, perchè sentissi nel trangu- 

• giarlì maggior piacere, mi doleva che il corpo mio non 

• si facesse una gran capanna.* L'antico soprannome dei 
Napoletani era Mangiafoglia. 

XCVIl, — L'Abbati senza pinseri. Corrisponde alla IV no- 
vella (in ottava rima) della Settimana Villereccia del ba- 
rone MicKELU ZezzA, sul tema : Può sapere un villan piU 
d'un signore? Questa graziosa operiocialtota del Zezza , 
stampala dapprima in un volumetto in ottavo, venne poi 
ristampata nelle Opere \ Poetiche \ dì \ Michele Zezza \ 
Volume II II Napoli, 1818 \ Nella tipografia della società 
Fitomatica. Le domande falle all'abate dal principe sono: 

Qoanto j cieli da noi lonlani stanno! 

Quanto d'acqua nel inar copia vi sia; 

Ciò che nell'Indie qua' selvaggi fanno? 

E quanto vdle la persona min! 
Simile è, i l'Istoria del bealo Griffarrosto, • che forma il 
canto VII! ed ultimo lieW Orlandino di Lihbrno Pitocco 
(Teofilo Folengo), Ecco le domande che Rainero fa al pre* 
lato di Sutri: 

Cerco saper da \oì, quanto è vicino 

Il eie) da terra la ogni regione, 

Oltre di questo, dile giustamente 

Quant'È dall'Oriente all'oc.idente 



UigniaOb, Google 



ACGIU\TE ALLE VARIANTI. 393' 

Dae cose giunte a queste, intender «nco 
Desidero, Monsignor Grìffarosto: 
Dite (piacendo t voi] né più nò maneo 
Qnante son gocce d'acqua, che ha l'angoslo 
Adriaco mar insino al lido franco, 
Pigliando il grero col' (irreno accosto; 
Ullimamenle, buon servo di dio. 
Vorrei saper quale è il pensier mio. 

C. — Lu mircanti ''smaililuGiumentit. Si troveranno alcuni 
punii di somiglianza ne VAldimiro [ del | Cmalier ] Fba 
Carlo de' Conti | della Lengueglia. | Dedicato | AW Illu- 
slrissimo Signore \ Il gignor \ Christoforo | Centurione || In 
Milano. I Per Filippo Ghisolfi MDCXXXVII. \ Ad instan. di 
Giù. Battista Cerri, \ et Carlo Ferrandi. \ Con licenza dei 
superiori. (Libro secondo). L'autore stesso confessa che, 

• sotto il nome di Atdimiro è un accidente di Carlo Ha- 

< gno narrato dal Petrarca nella terza delle sue pistole, 

< et in quello di Neflteo l'avvenimento di Corrado secondo 

• scritto da Giovanni Villani a capo quattordici delTunde- 
« cimo libro. Volendo scrivere non mi sono appigliato alle 

• sole favole, poiché quel gentil maestro di buoni coslu- 

< mi condanna per cosa sconcia, il raccontare alle brigate 

< ì vaneggiamenti dei propri sogni. Ho condotti questi 

< due imperatori so tto finto nome di Cipro, né però sti- 

• mo, che abbia a dolersene la Germania, la quale è stala 

• a' forastieri popoli di suoi tanti Principi liberali: oltre- 
t che fu buon augurio, che non dovessero le loro amo- 
« rose fiamme essere infruttuose, trasportandogli in quel- 
■ l' Isola ove anche le fiamme sono di volanti parti f6- 

< conde, • ecc. ecc. — Vedi pure quel che di Corrado 



UigniaOb, Google 



394 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Imperatore si racconta nel Libro VI della Histaria | Va- 
ria \ di M. Ludovico \ Domenichi, ] nella quale si conten- 
gono I molte cote argute, nobili, e degne di memoria \ di 
diversi Principi et huomini illustri; ] divisa in XIII libri; 

I con due tavole, la prima de' [ nomi delle persone e delle 
cose notabili, et | (' altra della proprietà delle cose. | Con 
Privilegio. [| /« Vinegia appresso Gabriel \ Giolito de' Ferra- 
ri. \ M D LXV. Noterò per utile degli studiosi di novel- 
listica paragonata , che l' avventura dì Carlo Magno uti- 
lizzata da fia Carlo è la stessa che forma 1' argomento 
dell'avvenimento 11 della I delle sei (?iomo(e dello Erizzo. 
— ■ Il Be Carlo, cognominalo Magno, amando una gio- 
« vane nioi'la e non potendo abbandonare il suo corpo, 
1 fa inteso per rivelazione divina, la cagione di quel suo 

< furore essere uno anello, eh' era sotto la lingua della 

< giovane. Il quale dal vescovo coloniense rimosso, e di- 

< poi gettato in una palude , il He torna nella primiera 
■ sanità del suo animo. • — Giangiacomo Lavagna, altre 
secentista, fece un bel sonetto su questo tema, che termina: 

Né sperar posso già puce o ristoro 
Al nriio strano languir, al mio toi-menlo, 
S'amo la morto e" auoi Iriojifi aJoro. 

evi. — Lu Re. Il fatto della formica ecc. (che è pure 
nel conio di Bisacquino citato in nota alla novella XXXIII 
Tridicinu) si ritrova appo lo Straparola, notte III, favola 
IV: — < Fortunio, per una ricevuta ingiuria, dal padre 
t e dalla madre putativi si parte, vagabondo capita in uno 

< bosco , dove trova tì-e animali, dai quali per sua sen- 
• lenza è guiderdonato: indi entrato in Polonia giostra, 



UignieOb, Google 



AGCIDNTE ALLE VARIANTI. 31)0 

< a in premio Doralice , flgiiuola del Re, in moglie ot* 

• tiene >. 

CXI. — Lu giuviìii di lu fumani. Ricevo in questo mo- 
mento dalla cortesia del dottor Rinaldo Kòhl^r uq volu- 
me di Contes | populaires | recueillis en Agenais [ par | 
M, JEAN-FflANgois Bladé I Traiiuclion fran^aise et texte a- 
génais \ suivis de- notes comparatives | par { M. lìeinhold 
Kelìler 11 Paris i Librarne Joseph Baer \ Rue 4u Quatre Sep- 
tembre, ì \ 1874 ; )o apro a caso e la prima narrazione 
che mi cade sott' occhi è Phomme auz denls rouges, che 
corrisponde perfettamente a questa novella siciliana. 

CXVI. — San Micheli Arcatigilu e un so divotu. Pel 
carico di gatti è da confrontarsi con la Novella del Ma> 
GALOTTi : — * Ansaldo. degli Ormanni racconta nelle bri- 
t gate d'amici d'avere avuto ricchissimi doni dal Re 

• deir Isola Canaria per avergli portati due gatti. Per la 
f qual cosa Giocondo de' Fifanli si risolve di navigare 
« colà per tentar sua ventura : vende una possessione, e 
t co' denari d' essa compera gioje ed altre cose preziose; 

< e colà gìuDto 1e presenta al Re, il quale lo contraccam- 
I bia con un gatto : ond' egli scornato a Firenze pove- 

• rissimo se ne venne.» — 

CWlì.—Grigoliu Papa. Il figliuolo incestuosoo sacrilego 
che fatto poi papa assolve i genitori dal peccato cui deve 
l'esistenza, si ritrova in una curiosa canzonetta, popolare 
in Toscana fra la gente educata, e che merita di esser 
qui riferita integralmente, come me l'ha trasmessa la 
gentilissima signora C. 5. n. P. 

Erat QiiaeJam mnniictia. 
Et uionaL'Iia pulchorrjma. 



UignieOb, Google 



FIABE, NOVELLE, RACCOMl EC. 

Do re mi Fa. do re mi do, re mi, re mi, re do; 

Et uonacha pulcherrima 

Quae amabal clericum. 
Do re mi fa, tee. 

Quae amabal clericam, 

Et semper dicebat : 
fio re mi fa, écc. 

El semper dicebat: 

< Si filios habuerimus, 
Do re mi fa. ecc. 

• Si filios habuerìmDi, 

• frimus erìt cierjcuij 
Do re Dii fa- ecc. 

■ Primus crii clericus; 

• Secundua erit presbylerj 
Do re mi fa, ecc. 

• SecuDdus erit presbjter; 

• Tertius epìscupus) 
Do re mi fa. ecc. 

> Tertius episcopus; 

• QuartDS eri! cardinal: 
Do re mi fa, ecc: 

• Quartus erit cardinali 

■ Quiotiia erit pontifexj 
Do re mi fa, ecc. 

• Qnintus erit ponlifes 

• Et pontifex ampligsinius; 
Do re mi fa, ecc. 

• Et pontifex aiiiplis&imiu 

• Qui absoival dos ab omni* 
Do re mi fa, ecc. 

• Qui absolvat nos ab omnia 

• Peccata quae fecerlinus. 



UigniaOb, Google 



AOCtUNTK ALLE VARIANTI. 397 

Do ra mi f», ecc. 

• Pecokla qa&e feeerimus 

• Et per summa iodulgeaCìa 
Do re mi fa, ecc. 

I Et per summa indulgentia 

• Io paradisnm ibimas 
Do re mi fa, ecc. 

• In paradisDm ibimus 

• Cum angells caotantJbus, 
Do re mi fa, ecc. 

• Cum angelis caotantìbus: 

• In saetMlomm iaecula 
Do re mi fa, ecc. 

• In saectUorvm gaecula 
' Amen, am«n, ameni • 

Do re mi fa, do re mi do, re mi, re mi, re do. 

CXVIIi.— £« santu papa SHvestru. Noto in questo conto 
la particolarità stessa che Tedìtore ed illustratore ha no- 
tala nel V: La grasta di lu basilica, vale a dire delta 
vestigia di verseggiatura; 

• Vu' aviti a fari comu vi dicu io, 

• fi no, appriessu ci sarandu guai. 

• Sia libirtà nua vi la dugnu mai 

• NuD sgradiscili lu cumanau di diu. • 
Custaatinn la maona a 'mminazzari 

• Si DUO faciti cuomu vi dica iu, 

• Prieslu la fuga vi fazzu pigliari, ecc. 

CXX.— Marcu dispiratw. Corrisponde ad una istoria po- 
polare in prosa, diffusissima. In questo istante ne ho sot- 
t^occhi una sola stampa e recente di otto paginette, Tal- 

PiTRÉ. - Fiabe e Novelle. Voi. IV. 88 



UignieOb, Google 



398 FIABE, NOTBLLE, BACCOItn, BC 

lima delle quali occupata da una rozza silografia e la 
prima dal frontespizio: Narrazione \ dello Stato incuiri- 
trvvasi I Io scellerato ed ingratisdmo |. Malco \ Che ebbe 
r ardire di dare \ lo schiaffo a \ Cristo Signor Nostro | 
Come si raccoglie da un grate autore. || Napoli. [ Presso^ 
Avallone 1849. (La gnalità della carta mi accerta perà la 
stampa esser posteriore al MDCCCLX). 

CXXV. — Fra Giugannuni. Corrisponde a la Invidia non 
morite (muore) mai nel rarissimo libro del quale appena 
avanza una decina di esemplari (ne ho visti due, entrambi 
in Milano: quello con aggiunte autografe posseduto dal 
duca Melzi; e l'altro, proprietà del marchese Girolamo 
d'Adda), e che pur meriterebbe dì venir riprodotto per 
la somma importanza che ha, intitolato Libro della Ori- 
gine delli volgari Proverbi di AtxjrsE Cinthio degù Fa- 
BRiTii della poderosa et inclyta città di Yinegia cittadino, 
delle arti et di medicina dottore (Vinegia , HDXXVI , io 
folio). La gherminella con la morte è osata dalla Invìdia, 
Tedova d'un tavernaio. 

Questa, ancora che moglie stata fusse 
D'UD, che in quel loco già (enea laTerna, 
Alcun dal dritto mai non la condusse. 

Uà fin a ch'ebbe vita il suo pincerna 
Tra ior fu sempre amor, concordia, pace. 

Giove, ospitato amorevolmente da lei, le affata un melo 
che trattenga chi vi sale su , finché le piaccia. Ella in- 
duce la Morte, la quale viene per prenderla, a coglierle 
una mela, e Libitina rimane incatenata sull'albero finche 
Giove non accordi l'immortalila alla Invidia; 



UigniaOb, Google 



AGGIDISTE ALLE VARIAMI. 399 

„.. onde il proverbio poscia 
Nacque, che sotto <lelli solar rai, 
NOD pruDva luvidia, che la spegoi, angoscia. 

A questo proverbio ed al racconto allude Giulio Cesare 
Cortese, nel 01 Libro dì Ciuilo e Penta: • Se stesse 'mpo- 
f lere mmio, o Cìullo, la vita toja, da mo' porrisse cam- 
• pare cchiìi de la 'mmidìa.* Alberi Od orti che tratten- 
gono i ladri campestri si ritrovano appo il Bandello,(P. I. 
n. LVl). 

CXXVIU. — Saddaedda. Corrisponde a La jambe <f or 
ed a La goulue nei Conles populaires réeueillis en Agenats 
dal Biade. E pe' riscontri veggansi le annotazìoncelle 
comparative appostevi dal K&hler. 

CXXXIV — La Gatta e tu Surci. Ne ho parecchie ver- 
sioni delle Provincie meridionali. Il signor A. Buganti 
Trifone-Nutricati ne ha imperfettamente pubblicata nnà 
salentina nel suo libretto Intorno ai canti e racconti po- 
polari del Leccese (M.DCCCLXXIII). 

CXXXVI. — Li vecchi. Per gli appiccicamenti, vedi tra 
le XXX favole fedriane e manuscripto Bibliothecae Regiae 
Neapolitanae codice nuper editae, quella intitolata Mercu- 
rius et Mulieres. L'nna, madre d'un lattante prega di veder 
presto barbuto il figliuolo; guestus placebat alteri mere- 
2rtcttM, che prega ut se^atur sese guidquid tetigerit. 

Volat Uercnrins. Intro radeant mulieres: 
Barbatus infans, ecce, vagitus cJel. 
Id qoiim meretrix forte ridel validios, 
Nares replevit hamor, ot Aeri soiet. 
Emangere igitur ss volens prendit manu, 
Traxilque ad lerram nasi longitudinecn. 
Et alìim rìdens, ipsa rideoda estìtìt. 



UignieOb, Google 



400 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

CXXXVII.— Parrineddu. Qaand''a[)o, parlando eoo altri. 
Io forza a dir parola che rimi con gaalch'altra spiacevole 
per lo interlocatore, gli dà i montimi (Annotazioni al Mal- 
mantile, Canlare I. Stanza XLIV). Chi narra del Parrineddu, 
dà i monnini agli uditori. E questa facezia ha perfetti 
riscontri in tutta Italia. Eccone due inediti: 

Fatta* Salada e Seoa 

(Milano) 

Gli'era una volta tre tosann. Vunna la gh'aveva nomm 
Fatta; Taltra, Salada; e l'altra, Scoa. La mamma de sti 
tre tosann la ghe dis a quella Fatta: « Famm la minestra.» 
E ghe le fa fatta fatta fatta. Alora leelaglie dis a quella 
Salada: • Pamela ti, Salada. > E ghe le fa salada salada 
salada. Mora la ghe dis a queir altra.... Come ta se 
ciamma?... 

— Scoa. 

— ■ Merda in bocca toa. 

'Iffzofiia, 'Kasso e Stoppa 

(Pomigliano d'Arco). 

Una vota noe sleva 'na mamma , ca teneva tre liglie. 
Uno sse chiamava ''Nnzogtta, uno ''Ra$so e 'n'ata Stoppa. 
'Nu Juorno 'a mamma sse moreva 'e friddo. Chiammava '6 
primmo; dicette : — ■ Appiccemi 'nu poch' 'e fuoco, ca i' 
f mme moro 'e friddo.» Le dicette:— « Io so"Nzogna; mme 
« stegDO.» Chiammava 'ó secondo; dicette: — • 'Basso, vene 
« mm'appicce 'nu poch' 'e fuoco.» Ghille dicelte ca era 'Bas- 
so e sse squagliava. ChiI l'auto. .. comme ssi chiamma?... 

— Stoppa. 



UigniaOb, Google 



AQOIUNTG ALLE VARIANTI. 40J1 

— E ctiìsso naso 'ncule mtue 'ntoppa. 

CXXXVIII. ~ La Truvatura. Vedi nelle Oeuvres compli- 
tes\de\ E. F. de Ijintier | Précédées \ d'ime notice biogra- 
phique et iittéraire {] Paris | Auguste Desrez Imprimeur Edi- 
teur. I RueNeuve-des-petits-champs IV.50 | MDCCCXXXVIII 
trai Conles en vers quello inlitolato Le Conte interrompu. 
Stefano Francesco di Lantier nacque in Marsiglia il pnnio 
d'ottobre MDCCXXXiV e yi mori di XGH anni il trenluo 
gennaio M.DCCC.XXVL Lo ricordo, perchè, cultore sfega- 
tato degli studi italiani, ha evidentemente tolto dal No- 
vellino il tema del suo raceonlo. Eccone poi una lezione 
milanese anch'essa inedita: 

Ut FBgorée 

Ona volta gh'era on pegoree che Tè andaa coni i pe- 
gor per dagh de mangia in campagna, e l'era de passa 
d'on'acqua e Tha ciappaa i pegor a vuona a vunna per 
porlaj de là 

— E poeu? Va innanzi 

— Quand ch'è passàa ì pegor, andaroo innanz a linill. 

CXUV. — Li quattru miachiuna. La scioccherìa del se- 
condo minchione si trova presso Behvaldo di Vehville 
Le Moyen de Parvenir, {Capitolo XCVIII). — • Elle fui un 

• peu plus line que la femme de Carena, qui , un jour, 
■ avoit affaire de cendres et voyant force pastel iju'elte 
t croyoit qu' on avoit jété avec du brésil , mit tout au 

• feu, et en fil des cendres. II y avoit pour plus de cinq 

< cents livrea de marchandise, dont elle fit pour dix neaf 
I sois six deniers deux oboles de cendres. Voilà pas une 

< benne alquemiste ? > 



UignieOb, Google 



Vìi FIABE, NDVELLe, BAOXtNTI EC. 

CXLV.— Li tri minchiuna di Palermu. La scioccheria del 
primo lia suggerito un inciderne al Molièbe. Vedi Le 
feitin de pierre (Atto IV, scena XI). 

CXLVL— Itt tistamentu dilu Principi.È rargomenlo del 
Légataire unicersel (rappresentato per la prima volta il 
lunedì IX gennaio H.DCC.Y1II del commediografo franzese 
Regnasd, del quale il Voltaire ha detto, ctie clii non si 
compiaceva nel leggerne le commedie, non era degno di 
assaporar quelle del Molière. 

11 Regnarli drammatizzò un fatto accaduto veramente 
ad Antonio-Francesco Gautlitot, signore d'Ancier, nella 
Franca-Conlea; il quale essendo mor,to ab intestata in Ro- 
ma nel M.DC.XXVI, i Gesuiti sostituirono a lui un certo 
Dionigi Euvrard , colono del d'Ancier, cui somigliava. 
E r Euvrard dettò un testamento in favor proprio e dei 
Gesuiti. E sebbene anni dopo confessasse la frode e ce- 
desse agli eredi legittimi la porzione sua; e quantunque 
questi vincessero la causa intentata a' reverendi presso i 
tribunali di Besanzooe prima e poi di Dòle; il consiglio 
supremo di Brusselle (dal quale la Franca-Coatea, sotto- 
posta allora alla Spagna, dipendeva) die ragione in ultima 
istanza alla società. E si legge ancora sul frontispìzio 
della chiesa de'Gesuili in Besanzone, posseduta adesso dal 
Liceo: Ex munificentia domini d'^Aticier. Il fatto accaduto 
in un luogo, può essersi anche ripetuto altrove, 

GLI. — Lu Capaciotu,t. l'argomento della graziosissima 
Novella in sesta rima di Lorenzo Pignotti, intitolata:/! 
vecchio e P asino. 

CLVI. 2.— Lìi Custurm ehi torci lu mussu. InfiDile sono 
ie novelle e le commedie italiane ed esotiche, in cui si 



UigniaOb, Google 



AGGItNTB ALLE VAftlAKTI. 403 

fa credere che sia ammalalo chi non é, per farlo bistrat- 
tare e medicare (lermiai sinonimi). 

§ 3. — Xu Contrabbannu di porta di Crosta. Ha nn ri- 
scontro nella novella del Foutim : — ■ Un giovine sa- 

• oese essendo andato a diporto fino a Firenze per islare 

< alquanli giorni, ed avendo nella bolge un paio di camice 

• per mutarsi, li portieri gliele tolsero in frodo. Il gio- 

• vine sdegnalo alla sua partita si volse valere dell' onta 

• fattagh, ed a petto una scatola piena di fecce, se la fé 

• corre in frodo con proferger loro venticinque scudi se 

< gliela voleano rendere. Cosi la lasciò a' gabellotti, che 

< apertala rimasero beffati • . 

I 6. — la musica di U sceccki. Confronta con la Novel- 
la del BA.NDELLO (XXX della parte II). — < L' abbate di 

< Begaè fa nna musica porcetliaa e proatameute risponde 
4 al suo re e si libera da una domanda >. 

I S.— La ^mmasciata di Firrazzanu.ha, puntualità con 
cui Firrazzano adempie allo incarico, mi rammenta quel 
che Giordano Bruno, nello Spaccio della bestia trionfante 
(Dialogo 1) narra della sollecitudine del corvo (Cito dalle 
orribili edizioni, curate con poca lor lode dal Magner e 
dal Teoli). < Mandaro una volta il di lei corvo a prender 

< l'acqua da bere; il qual per il cammino vide un fico, 

• eh' avea le fiche o li fichi — perchè Tuno e l'altro geno 

< ó approvato da li grammatici, dite come vi piace — Per 
( gola, quell'uccello aspettò, elio lusserò maturi. De' quali 

• al fine essendosi pasciuto si ricordò dell'acqua ; andò 

• per riempir la lancella, viddevi il dragone, ebbe paura 

• e ritorna con la giarra vuota a li dei. I quali per far 
€ chiaro quanto hanno bea impiegato l'ingegno e il pen- 



uirneob, Google 



404 FIUBB, NOVELLE, BACCONTi EC. 

< siero, banno descritta in cielo questa istoria di sì gen^ 

• tile e acccomodalo servitore •■ 

I 9. — Quannu Firrazzanu fu mannatu a la terra 
di MtariaU, Si ritrova questo scherzo inserito nella No- 
vella XVIII parte IV del Bandelle : — . Fece il Gonnella 
I una brntta paura al Marchese Niccolò di Ferrara, libe- 

• randolo dalla quartana; il quale con un'altra paura vo- 

< lendo beffare esso Gonnella, fu cagione della morte di 
t quello *. 

CLX. — Lìi muraturi e so figghiu. Questo racconto it 
in Erodoto. Lo ritroviamo nel Bandella (p. I, nov, XXV.> 
— f Mirabile astuzia usata da un ladro, rubando ed in- 

• gannando il Re dell'Egitto.» — Anche Pabsania ha una 
narrazione quasi identica de' due architetti Agamede e 
Trofonio , ladri del tesoro di Trio, L'abbiamo in parec- 
chie redazioni del Libro de'' sette sari (Libro de' sette savi 
di Roma; testo Mohtaba. Crudel Matrigna; Compassiotie- 
voli Atmeninienti d''Erasto ecc.) A' nostri giorni il Platkn 
Hallerhììnde ne ha ricavalo un dramma tedesco, e lo Heine 
nna ballata satìrica. 

CLXin. — Lu fiyghiu tistardu. Ckinfronta con la Nor. T 
della Giornata II del Decameron. — f Andreuccio da Pe- 

■ rugia, venuto a Napoli a comperar cavalli, in una notte 

■ da tre gravi accidenti soprapreso, da tutti scampato, 

• con un rubino si torna a casa sua.» —Nonché col com- 
ponimento in isdrucicioli napoletani Nasceta , Vita e De- 
tgrazie de Biaso Valentino (dal verso 

Vennero dDJe IrafSne cole manecbe, 
all'altro 

che le parze remmedio a proposeto: 



UignieOb, Google 



AOGIUNTS ALLE VARIANTI. 40& 

pagg. 453-454 detredizione de! MJ)CG.XLViH de U Fuor- 
fece di Biagio Valemino.) 

CLXV. — Fra Ghiniparu. Fra Ginepro è celebre spe- 
cialmente per quel che oe vien detto ne" Fioretti di San 
Francesco e perle ottave mitanesi spiritosissime del Porta: 
Fra Zenever. Vedi e cfr. 

CLXVI. — Li tri cumpari. La befTa della estrazion del 
dente si ritrova nella Novella IV della giornata VII del 
Decameron; V altra di far creder al marito che sia morto 
e che poi riusciti ó la N(»¥ella di Ferondo (Itid. Vili della 
giornata IIl)^ 

CLXXIII. — Im monacu e lu fratellu. Vedi, presso il P. 
Casalicchio, VI. I. VI la Novella intitolata: CAi cCT'ca (rin- 
furiare il più delle volte resta ingannato. Fra gli aneddoti 
« le facezie popolari raccolti in Castrocaro dal Dottor Lo- 
dovico Paganelli e ch'egli iia avuto la cortesia dì comu- 
nicarmi (sventuratamente però non nel dialetto anzi in 
lingua aulica,) ve n'ò uno che riscontra perfettamente eoa 
questo. 

I tre amici. 

Tre amici amvarono una sera ad una piccola osterìa 
di campagna e fecero una cena frugale, poscia priuia dì 
andare a letto, dissero all'oste, che alla mattina, prima di 
partire, volevauo far colezione. Esso gli rispose essere 
impossibile; perchè, oltre quello che aveva loro dato, non 
aveva rimasto in casa che un quarto di tacchina, un pic- 
eolo pane ed il vino che vedevano nella bottiglia, che 
era poco più di nn bicchiere. Gli amici si trovarono 
male. Ma decisi di consumare quel poco che vi era , 



UignieOb, Google 



406 nABI!, NOVELLE, RACCONTI EC. 

e se non tutti, uno almeno mangiare, fissarono che colai 
fra di essi che avesse fatto il sogno piii bello o più brui- 
to, avrebbe fatta colezìone e gli altri sarebbero rimasti 
senza. Cosi venne combinata la scommessa in presenza 
dell'oste, che nominarono giudice de' sogni die avreb- 
ber fatto. E se ne andarono a letto. Uno di essi, sveglia- 
tosi la mattina alPalba e sentendo appetito, andò in cu- 
Cina e preso dall'armadio il pane, la tacchina ed il vino, 
mangiò e bevve tutto. Alzatisi gli altri, lo trovarono coq 
l'oste che fecero sedere in un vecchio caregone perchè 
decidesse della qualità e del merito dei sogni di ciascuno. 
Il primo narrò d'aver sognalo di andare in paradiso e di 
godere tatti i piaceri della beatitudine, i quali eran tali 
e tanti da non potersi da umano labbro raccontare; e con- 
cluse non potersi fare un più bel sogno. L'altro disse d'a- 
ver sugnato di andare allo inferno, soltostaudovi a tali e 
tanti patimenti, e soffrendo tale e tanto spavento, da ri- 
manerne tatlora sbigottito. L'oste osservò al primo : — 
< È innegabile che il vostro sogno è bellissimo. • E 
volgendosi al secondo gli diceva : — < È del pari io- 
I negabile che il vostro sogno è orrendo. Ora sentiamo 
f il terzo. • Ed il terzo , calmo e ridente, raccontò che 
aveva sognato esser i suoi due poveri compagni morti, 
andando l'uno in Paradiso, l'altro all'Inferno. Che, pe' 
dogmi della nostra santa religione, da quei luoghi, o bene 
male che vi si stia, non si ritorna in questo mondo , 
e difattì per quanti ne sian partiti nessuno è mai tornato. 
Persuaso quindi nessuno de' due aver più bisogno di co- 
lezìone; sì era alzato e credendo di dover partir solo, a- 
rea mangiato ciò che vi era e beute il poco vino avaa- 



UigniaObyGÒOglC 



AGGttlNTB ALLE VAaiANTI. 407 

zato. L'oste me di cuore dello ingegnoso trovato e de- 
cise elle per quanto bello il sogno del primo degli ospiti 
ed orrendo quello del secondo; il più logico era però il 
terzo : e non v'era da ridire sul fatto. E condannò i due 
digiuni a pagar tutta la spesa fatta nella sua locanda. I 
perdenti trovaron giusta la sentenza e l'accettarono, e sal- 
dato il conto si licenziarono, proseguendo II viaggio con 
l'intenzione di fermarsi alla prima taverna per istrada e 
mangiarvi a sazietà, come fecero. 

CLXXVl. — Lu cu3tureri.Vm o meno variata si ritrova 
frequentemente questa novella, d'origine orientale e resa 
popolare, com' io credo, dal Libro de setti savi, nelle più 
redazioni del quale s' incontra. Vedi nell' Orlando Inna- 
morato del Berni, Canto XXII, la istoria della figliuola del 
Re Monodante, d'Ordauro e di Polderico; nel Mimdo Nuovo 
dello Stiglum, Canto XXUl, le avventure di Ubino e 
di Gebra, desunte àaWErasto come ben avverti il Padre 
Aprosioda Ventimiglia, nel riveder le bucce allo autor del 
Colombaio. II PLATEN-HALLenuiiKDE ha trattato quest'argo- 
mento in una commediola intitolata Dos Schloss der sieben 
Pforten. Può considerarsi come derivata da questa la Nov. II 
della Giornata II del Pecorone,6a confrontarsi con Les ieux 
changeurs, fabliau (Contea et fabliaux de LeGRA.\D d'Aussy, 
terza edizione, tomo IV p. 204); BrantAhe, (che nelle sue 
Barnes galantes, dà il fatto per vero ed accaduto a Luigi 
d'Orleans e Mariella d'Enghien, madre del bastardo conte 
di Dunois) ; les cent Nouvelles nouvelles (Nov. l. La Mé- 
daille à recers); Straparola (Notte II Novella XI); Male- 
spiM (nov. LUI); V Arcadia in Brenta; Bandello (parte I 
nov. HI); ecc. ecc. 



UignieOb, Google 



408 FUBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

CLXXVn. — Li dui capi'tnarimla. È la sepoDda novella 
ia Ottava Rima della Villeggiatura in Portici del Barone 
HiCHELB Zezza. Ogni anno i fatti-diversai oe rimetlono io 
giro qualche naova versioDe, e Torse verameDte riaccada 
il fallo. Un aooDimo, che mi assicorano chiamarsi Giacoma 
Pezzolli, ha narrato graziosamente questa IrufTa in sestine 
vernacole ael Dono pel capo d"" anno 18S2 (Vicenza, Tipi 
LoDgo) sotto il titolo : Vn stoco e eontrostoco o sia et 
giro (Tun quadro , storiela. La sua narrazione comincia 
cosi: 

No' se potè negar che anco ao' sia 
V arte del stùcadnr 'na profession 
Che per esercitarla a perfezion, 
la oltre una dìficìle maestria 
No' esiga niolt'.istuzia, cor d' axzale. 
E cognizion del codice penale. 

CLXXVlll. — lu searparieddu. È il tema d'una ballata 
del Goethe, intitolala Gutmam und Gutweib che il signor 
consigliere aulico chiamava incommensurabile (ved. Dia- 
loghi dello Goethe dello Eckermann). 

CLXXIX. — Li du' Orvi. Vedi una novella del Sozzini. 
1 Scacazzone finge di dare un ducato a tre ciechi e li fa 
• venire alle bastonate. • 

CLXXXIV.— Lm scarparu dispiratu. Qui c'è una rosa che 
schiava tutti i serrami. Presso il Uakino (Adone XIII 127) 
è un'erba che ha la stessa virtù. Mercurio, dice il poeta, 

Or colla ba l'erba rari e vigorosa 

Non so bea dire ic quale estrania terra 



UignieOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VABIAHTI. 409 

Contro la cai virtù mar&vigliost 

Con mille chiavi indarno ascio li terra, 

E se le piante alena destrier vi posa 

Ne svelle i chiodi e lo discalza e sferra. 

Con questa, sema strepito o fracasso, 

Invisibile allnii s'aperse il passo. 
CLXXXIX. — Sdirrameddu. La storia de' pulcini infil- 
zati si ritrova nel librello popolare di Bertoldo, Bertoldino 
e Cacasenno e nel celebre poema dello stesso titolo. 

CXC. I 4. — Giufà e cUddu di la birritta. È la Novella 
die si legge in ventitré ottave nella Giornata terza delia 
Villeggiatura in Portici del Barone Michele Zezza. 

g 8. — Mandati rubbiceddi mei. Questo aneddoto è 
slato spesso attribuito a Dante Alighieri, fiorentino di pa- 
tria, non di costumi. Vedine parecchie versioni nell'opera 
infracilala del Papaoti. Basterà qui riferir lo epigramma 
del cinquecentista napoletano Cosimo Anisio. 

Inter convivas assiderai ultimus olim 

Danles; ferie ^ero tom toga vilìs erat. 
Pisclcnli appositi sunt mensae quisqoiliaeque: 

Hagnilìcos missus mensa habet ilio prior 
Aequo animo (ulil hoc Dantes; dein forte vocatus 

Est ilcrum ad coenam quae saliaris erat. 
Cum sponsalitiis accessit vestibus, ob quod 

Pompae llle priinum conlribuere locum, 
— ' Ergo non nobis ' sed pannis danlnr honores; 

• Mecam igitur libet penula nostra dapes. > — 
Haec secum et manicis farcii pulmenta vicissim: 

Cominentum hoc lepidum, et scitum ibi cuiqae fait, 

' Il Pup^nii siJimpa (.'rranesniHnie vohi* iniKii <Ji nobit. 



UigniaOb, Google 



410 FIABE, nOVELLB, RACCONTI EC. 

1 10. — Giufà e la hjocca. Anche questo aneddoto ha 
perfetto riscontro nel Vardello del Pmlamerone. 

celi. ~- ha Capitana e Iti Ginirali. Le apparenze spesso 
ingannano, e questo racconto non è ponto allusivo a qmì- 
che fatto speciale siciliano, anzi é una delle più antiche e 
diffuse novelle che ci siau venute dairOriente. Mi duole 
che le versioni delle Provincie napoletane che posseggo 
sian troppo lunghe per venir qui riferite e rimando per 
notizie intorno alla origine della fiaba ad un dotto arti- 
colo pubblicato da Rinaldo Kòrler (^rcAtt) /. Lt((. GescA., 
111. pag. 416 seg.) ed intitolato: Die Quelle von Wielanis 
Mann und Gulpenhek. 

CCXYIl. — La Calata di li ìndici. Il particolare dello 
scuojamento de' giudici e l'uso che si fa della lor pelle, 
corrisponde perfettamente a quanto gli storici antichi nar- 
ran di Cambìse.Yedi Tavvenìmento XIX nelle set Giornate 
dell'Emao: — « Cambise, re dei Persi, fa scorticare un suo 

• giudice, corrotto per denari; e ponendo un suo figliuolo 
< in suo luogo, fa attaccar su la sedia la pelle del pa- 

• dre. > — Victor Hago ha alluso a questa tradizione in 
due strofe non men belle poeticamente che ingiuste verso 
ì suoi avversari politici : 

Cambyse, je l'avouej ent eu ce coeur de roche. 
De faire asseoir Troploog sur \\ peau iti Baroche; 

Après un temps peu long; 
1) aarait dit:— • Cet aatre estpJre;qa'oQ l'ètrangle! • — 
et, si l'avoas encore eiit faìt asseoìr Delangle, 

Sor la pean de Troplong, 
Cambyse était stupide, et dìgne d'étre aaguste ! 
Coinme s'il sufBsait, pour qu'un hoinnie soit juale, 

Sana vices, sana orgueil, 



UigniaOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VABIANTl. 411 

Poar quii ne soit point traltre ^ la loÌ, ni Iransfoge, 
Qae d'une peaQ da tigre ou d'une pean de jnge 
On lai fasse un fauteail i 

CCXVIII. — La pelra di /« Jucaturi. Affiitto simile è il 
miracolo oairato ìd un Toglio volante che a" intitola : — 
1 Orribil Tatto successo a Rigoano )i 11 giugno 1867, dove 
( s'intende come un indegno uomo ardì tirare nna fuci- 

■ lata a Gesù Crocifisso, e miracolo operato da Maria San- 

• tissima Addolorata. > — Termina con le tre quartine 

• seguenti: 

Fu preso il Crocifisso 
E tatle le persone 
Con gran processione 
Lo andaro ad adorar. 

Han fallo una cappella 
Di marmo e d'oro fino; 
La messa ogni mattino 
Ci vanno a celebrar, 

Saverio Vellaaciaoi 
Vi porta quest'avviso; 
— • Gran sorte in Paradiso 
• A cbi lo può abbracciar. • — 

CCXLVII. — A gran tignuri picculu prisentì. Vedi, nel- 
l'opera citata del Biade, il raecooUi Lesdeuxpresents eia 
nota comparativa appostavi dal Kòhler. Si può aggiungere 

quei riscontri la novella del Malagotti di Ansaldo degli 
Ormannie Giocondo dei Fifanli; la Nov. CUI del SAccHEm: 
— 4 Hesser Giletto di Spagna dona uno piacevole asino a 

■ messer Bamabò, e Michelozzo da Firenze, avvisando il 
< detto signore essere vago di asini , gliene manda due 



UignieOb, Google 



112 FIABB, NOVELLE, BACCONTI EC. 

• coverti di scarlatto , de' quali gli è fatto poco onore ; 
( con molle nuove cose che per quello doDo ne segui- 
. rono •; — la novella nel IV libro del Fuggilozio: — *l\ 

< Re Francesco donando a molti gli vìen portata uaa so- ' 

• ma di zacctie da un malizioso contadino a cuìsod tratte 
t per la testa * ecc. ecc. Analogo è l'ottavo racconto de- 
gli Ozi poetici del Barone Zezza, dove un Re dà qua- 
ranta fendi ad un paggio che gli porta via una pulce e 
fa somministrare quaranta bastonate ad un altro che imita 
il premio per iscroccarsi una mancia eguale. 

CCLII. — Sigretu a fimmina nun cunfidari, ecc. Fra' ri- 
scontri debbono aggiungersi: I. !a Dovella XVI del Sacchet- 
ti:— e Un giovane sanese ha tre comandamenti alla morte 

• del padre; in poco tempo disubbidisce; e quello che ne 
« seguita, » — [l. Celio AIalespini, novella XIV delle sue 
dugento, eh' è una imitazione della LIl delle Cent Nou' 
velles Nouvelles {Les troìs monumento) , e parecchie altre 
varianti che in questo momento non mi sovvengono. 

CCLVI. — Li carizzi di Tinchiuni.l Veneti soglion di- 
re: — f El primo ano se magnarla la mugier de basi; el 

< secondo ano, rinviene de no averla magnada.» 
CCLVII. — Forfici foru. Nel IV libro del Fuggilozio v'è 

una novella di sor Provvedi e Monna Rassetta Marito e 
moglie inquieti, eh' è precisamente la stessa storia degli 
Epidorpidi e delI'U^i'^ col dolce. Il conto siciliano ha una 
infinità di riscontri. Vedi Bladé, opera citata (La (emme 
mechante). Wricht, A selection of Latin Stories from ma- 
tiuscripts of the XIII and XIV centuries: — t Audivi de 

• quadam muliere litigiosa , quae frequenter vituperabat 

• maritum snum, et Inter caetera opprobrta coram omni- 



UignieOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VAHUNTI. 413 

< bus ipsum pedicalosnm vocabat.... Tandem vireìus prae- 
t cipitaviL eam ia aqaam. Cumque fere suffocareiur eios 
• aperire noo posset, quia aqua sabÌDtrarel,'ipsa supra 

■ aquas maons extendens, coepìt signis esprobrare, et io- 

< ter duos ungues pollicum ac si pediculos occideret, expri- 
f mere signo qaod non poterai verbo. > — E. Du Méril, 
Poesie» inédites du moyea-dge ne dà un' altra versione 
desunta dal Dialogus creaturamm. Il Poggio nelle sue Fa- 
cetiae, narrò la storia intitolandola Periinaeia muliebrig, 
ecc. ecc. 

CCLXII. — Pirani mai f odili pira e mancu santa fai mi- 
raculi. A Napoli dicono più conciso ed energicamente: 
Te saccio piro. 

CCLXUl.— Tutti cosi ponnu succediti, fora d'omini pre- ■ 
ni, ecc. In Napoli dicono ; Ogn essere po'' essere , 'nfora 
ca rommo pregno. La versione di Borgetto ha più d'un 
riscontro ne' nostri novellieri, e spesso vi si ragiona di 
quiproqnò accaduti per iscambio di urioe o di baggiani 
a quali si fa credere d'esser gravi. Gterò solo alcuni po- 
chi esempì che mi sì aSacciano alla memoria. Boccaccio 
(Vili, 3). ( Maestro Simone ad istanza di Buono e di Buf- 

■ falmacco e di Nello fa credere a Calandrino che egli è 
« pregno: il quale per medicine dà a'predelti capponi e 
€ denari e guarisce sema partorire.» Lasca (L. I). Salvestro 
I Bisdominì, credendosi portare al maestro 1' orina della 

■ moglie ammalata, gli porta quella della fante sana: e per 
I eommessione del medico, usando seco il matrimonio goa- 
t risce; e alla serva, che bisogno ne aveva, dà marito.» 
Tommaso Costo. Fuggilozio (Gior. II). — « Giannina, avendo 
€ il marito ammalato, se ne va dal medico, col quale ra- 

PiT&É. - Fiabe e Novelle. Voi. IV. 17 



UigniaOb, Google 



414 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC 

■ gìonando intende ogni cosa al contrario e Ta molli atti 
* ridìcoli. > Tommaso Stigluni, se mal non mi sovviene 
{Mondo Nuovo, Avventura di Roldano; VI; e di Clodio 
XXm). Ho sentito narrare in Firenze una Novella plebea 
g'raziosissima, dell' uomo che, credeodosi gravido per Io 
scambio delle orine, cerca modo di abortire, e non gli 
riesce, rincliè precipitando da un albero vede scappar via 
ona lepre, ch'egli stima essere il suo portalo, onde ras- 
sereoato a casa se ne torna. 

CCLXXI. — Brancaliuni. Nel fascio Ili dello Frasche- 
rie di Ani'Onio Abati, si narra anche di nn Leone e di 
tm Àsino che contendono nella maggioranza del Begno 
e come PAstno sparasse il Leone. 

CCLXXIl. — Li dui surci. La Tavoletta di Fedro (L. Ili 
F. VII Canis et lupus) citata nelle Annotazioni ha un ri- 
scontro ne' Detti et fatti | piacevoli | et gravi | Di diversi 
principi, filosofi, | et cortigiani, \ Raccolti dal Guicciardi- 
ni, [ et ridotti a moralità, n In Yenetia, appresso Domenico, 
et Gio. Battista | Guerra, fratelli, M.D.LXIX: 

Fià da ttlmarai la libertà con molti stenti, 
che la lervitù con molti a;i 

Il cane riscoDtrando il Leone disse ; dbve corri tn mì- 
sero afTamato per queste selve, et per questi tragetti? 
guarda un poco me che servo, come io sono grasso , et 
fresco. Ma il Leone abborrendolo, rispose: se m hai la 
pasciona, tu hai anche (pazzo) la catena : servì pur tn 
cane, die puoi; perciò che io Leone non posso, né voglio. 

CCLXXIV.— Lu Venia, fAcquc e TOnuri. Sì litrova que- 



UignieOb, Google 



AGGItJNTB ALLE VAHIANTI. 415 

st' apologo tra le Favate del Coate Pietro Dal Verme pia- 
centino , sotto Ji tilolo: Il fuoco, V dcqua e V onore ; e ti 
comiDcia cosi : 

Poiché questa maledella 
Pioggia segue a cader Glia, 
Vno' che grata favolella, 
Già dal Goni no tempo scritta 
In hen tersa prosa e dotta, 
Da me in ?ersì sia ridotta. 

CCLXXVl.— Lìt Re di VArmali, lu Lupit e la Vurpi. Ri- 
troviamo qaesto apologo Dell'opera succitata di Lmci Guic- 
GiAHDini (a pag. 67 della edizione descritta) sotto il titolo 
La calunnia resta sovente sopra del calunniatore, nonché 
tra le Favole morali antiche volgarizzate dal Greco e dal 
Latino da H. Gio. Mario Verdizotti , dove è iatìtolata II 
Leone, il Lupo e la Volpe. 

CCLXXVIU. — UAcidduzzu. Ha qualche lontana somi- 
glianza con r apologo a pag. 119 della summentovata e- 
dizione de^ Detti e fatti del Guicciaeidim : Come bene ri' 
mangano talvolta alla trappola gli astuti et fraudolenti, 
che è identico alla favola del Verdizotti II Cane, il Gallo 
e la Volpe. 

CCLXXX.— £a Cicala e la frummicula. Si ritrova nel 
zibaldone sopraindicato di Luigi Guicciasdini : 

. V ia&ogavi»ggìne rldarre altrui io peuimo flato 

• Cantando la state la cicala, la formica travagliava per 
il verno, venuto poi 1' autunno, ecco la cicala che meo- 



UignieOb, Google 



416 FUBB, NOVELLE, HA.CCOÌVTI EC 

dicando Tiene alla formica, per un poco di grano. Ha la 
formica recasatoglielò, la licentiò aaco sererameote , di- 
cendo, questa state, quando che tu pigra, et inconside- 
rata cantavi, io lavorava sollecitamente, et facea pruova. 
Et poi soggiunse : 

Fuggi la dappocaggioe infingarda. 
Che '1 tanto cicalar naoce. et oon giova, 
A quel che dee seguir boroai riguarda; 
EC quale industria, onde ti pasca truova. 
Che chi manca a se stesso Iddio no '1 degna, 
Né trova poi alcun che io sovvegoa. 

Identica è la favola XIX del Verdizotti: Le formiche e 
la cicala. 
La risposta delta formica è ; 

Dunque se allor così cantar solevi 
Sema pensar che far dovresti il verno. 
Or ballerai per far più bello il giuoco: 
ti che tanto puoi far più agevolmente. 
Quanto hai di cibo il ventre ora men carco. 

CCLXXXIV.— Lu Bimtfi. Ha qualche pnoto di simi- 
glianza con una novella del Decameron (X. 10).— « Donno 
I Gianni ad instanzia dì compar Pietra fa lo 'ncantesimo 
t per far diventar la moglie una cavalla > eccetera, ec- 
cetera. 

CCXC. — V Arti si parti e la nalwa vinci. Questo a- 
Deddoto si racconta di Dante e Giotto. Vedi Dante secondo 
la Tradizione e i I^ovellalori. Ricerche di Giovanni Papanh 
(Livorno, 1873). 

GCXCVU. — Lu Viddanu e lu Ae. Si ritrova li atesse 



UignieOb, Google 



AGGiCrtTE ALLB VARIANTI. 417 

Novella nell'opericciatlola del Padre Casauccbio(VI. III. II). 
Bellissima division che facea un villano di quello che » 
guadagnava alla giornata. 

Eccovi, mio caro Pitrè, quelle varianti e risconlri da 
voi ommessi , de' quali mi soo risovvenulo leggendo i 
4}aaLtro preziosi volumi che mi avete mandati. La merce 
è scarsa e di poco valore. Graditela però cosi scarsa, e 
perdoDalemi di dod aver fatto di più, io coasiderazione 
delle raccende che mi sopraffanno e della lotta in cui mi 
trovo impegnato. E state sano ed abbiatemi per cosa vostra. 

Pomigliann d'Arco, 37. X. 74. 
(Giorno in cui eompin l'anno mio XXXIV). 

Ihbriam. 

PoscHiTTA. 26. XI. 74. — Nella /{afte, che porla la data 
d'oggi e che mi giunge contemporaneamente alle pruove 
di torchio di questa lettera , trovo il fatterello seguente 
desunto dalla l'atrie di Parigi, il quale perfettamente cor- 
risponde alla settima delie facezie di t'irrazzano da voi 
registrata (GLVI. 7. — Lu vinti pir centu. 

€ Un neveu pratique I 

■ Un commer^ant rctiré des affaires avait pas mal de 
créances dans les provinces; il voulait tàcher de rentrer 
dans son argent. Il s'adresse à son neveu, un gar^a fort 
habile, fort actif, mais qui frappait trop sonvenl à la porte 
de sa caisse. 

— I Ecoute, (—lui dil-il,— • plutól que de m'emprunter 

< tonjours de Targent que tu ne me rendes jamais, es- 
t saie d'en gagner; je t'eu offre les moyens. Voici des 

< titres qui me constitnent créancier de 150,000 francs. 



UigniaOb, Google 



418 FIABIi, NOVELLE, RACCONTI BC. 

> Ues débileur sont éparpillés snr tons les poinis da ler- 
( ritoire; il y eri a peut-étre dMnsolvables, d'autres qai 
■ se feront tirer beancoup l'oreille. Uets-toi à l' oeuvre, 

> et recouvre les sommes: le liers sera pour toi. • 

Le neveu Bt la grimace; il arracha une cenlaiae d^écos 
pour les premiers frais de voyage à son onde, et partit 

Ad bout de deux on trois mois, il revint; il avait une 
mine consternée. 

— • Je devine, » — fil l'onde; — • to as dù bien ira- 
vailler poar réussir. » — 

— * Encore, si j'avais réussi; mais que voulez-voust il 
t D'y a rien à faire avec ces gens-là. Cest à grand'peine 

• si j'ai pu recouvrer les cinquante mille fraacs pour mon 

• tiers; quant au reste, cher onde, impossible. > 



UignieOb, Google 



Aggiunte del Raccoglitore '. 



n. — Z.W Pappagadctu ehi minta tri cunti. Una versione 
piemontese di Cavour si trova riassunta nella Zoological 
Mythology, or The Legends of Animals by Angelo De Gn- 
BEBNATis, voi. 11, pag. 322. London, Teubner, 1872 in-8*. 
Per le reginelle maiale per stregtieria cfr. le 9, 10, U, 
Màrchen uni Sagen aus WàlschHrol dello ScHKELLeB, ove 
i genitori promettono la Gglia in isposa a chi saprà gua- 
rirla, 

VI, — Catarina la sapienti. Il riconoscimento che fa il 
padre de' propri figli sa di quella della 90 delle Màrchm 
tirolesi dello Schneller. 

VII. —La som di lu Conti. Quella specie di giudizio 
di Salomone che si riscontra nella versione palermitaDa 
col titolo Lu Lamperi d'orw, (Pitbè, Nuovo Saggio di Fiabe 
Ne avelie a. Ili) si 'Confronti con altro consimile che se 
ne legge nel Pungilingua di Fra Dome,mgo Cavalca, ri' 
dotto alla sua vera lesione da monsignor Giovanni Bottari 
(Milano, Silvestri, 1837); cap. II Del peccato del bestem- 
miare Dio, pag. 2:1. 

Vili. — La panza chi parrà. Variante di Palermo: Lu 
furasteri e lu tratturi. I calcoli fatti dal trattore hanno 
riscontro con quelli che fa la donna nella novellina 47 

' Per queste mie Hggiunle vcgjasi quel che bo iloua uell' ■vverleni» 
^i PI, 365. 



UignieOb, Google 



420 FUBE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

delle JUSrchm tirolesi dello Schneller: Die Brutkenne {La 
ciocca), ove la donDa conta di arricchire colle uova che 
le ha falte una chioccia. 

X. — L'acqua e tu mli. La novella di Partanna: Figlio 
mio dottore, ha un riscontro perretlo nelt'LXXX Capitolo 
del Moyen de parvenir di Fbascesco Behvaldo detto w 
Verville, nato in Parigi nel UDLVIII ma oriundo Italiano; 
suo padre era stato amico dello Scalìgero e maestro di 
Ettore Pregoso, che fu vescovo di Agen. Nella lezione del 
Beroaldo, una moglie chiede al marito quanto osso l'ami. 
Ed il marito risponde: • Come un bel cacare. > La moglie 
s'ingrogna ed il marito le fa impedire per qualche tempo 
dì scaricare il ventre, onde riconosca che il suo paragoae 
non era vilificativo (Questa nuova indicazione mi viene 
dairimtiriani). 

XII. Lu Be cavaddu mortu. L'intercalare della draga 
nell'entrare nel suo palazzo corre cosi nel Tirolo: 

TJm tim tim 

odor de cristianìm, 

che gbe n'd che ghe n'è sta 

che n vegDirì. 



Senio udur de cristianin, 
Se non ì gli è 
1 gli b atè I 

XIII. — Bianea-comu-fìivi-russa-comu-focu; variante : La 
bella Rosa (Noto). Confronta con la Bedda di li setti eitri 
delle Novelline popolari Albanesi di Sicilia, voi. IV, pa- 
gina 285. 



UignieOb, Google 



AflOIDNTE ALLB TARIANn. 421 

Una yersioDe toscana di Antignano presso Livorno è 
riassunta nella Zoological Mythology del De Gubernatis, 
Tol. If, pag. 242. Tre versioni ramane sono nella Foli 
Lare of Rome della Bdsck : Filagranala, The three Love- 
Oranges, e Palombelletta; quest'ultima, e più la seconda, 
sì accosta meglio alla variante di Noto (voi. 1, pag. 118) La 
bella Ro*a e alla lezione albanese suddetta. 

XV. — Lu Re 4i Spagna. Per le incombenze impossi- 
bili a esegaire, vedi la novella piemontese Marion d^ bosch, 
a pag. 13 delle Novelline di S. Stefano del De Gubeb- 
NATis. Questa tradizione si legge pare nella prefazione del 
Vesselofsky alla Novella della figlia del Re di Dacia. 

XVI, — Li tri figghi obbìdietiti. Una versione florenlina 
se ne legge nella Neceltaja milanese dell' IMBIllA^r, nota 
alla novella Xlf, pag. 50. Sono tre figli , e tocca loro in 
moglie all'uno una bottegaja, all'altro una maceitaja, e 
alla terza una rana. Da questo punto la novella muta. 

XVUI. — Re S'Amuri. In una novella calabrese di Cosen- 
za, pubblicata nella Zoological Mytkology del De Gubgrnatis 
voi. Il, pag. 28&-87, la goccia di cera cade nello specchio de! 
giovane dormiente. Vedi anche at mio voi. II, n. LXXXIt, 
nota Anale e Schneller, n. 18: Die drei Pomeranzen (/ tre 
aranci). 

Richiama in parte alla favola di Alcmena. 

XX. — La Vecchia di T ortu. Nel Barcaiuolo e il dia- 
volo, una delle Tradizioni sorrentine raccolte e verseggiate 
da AoGUST KOpisch, un demonio promette e dà a un pe- 
scatore 01-0 quanto ce n'entra nella sna barchetta a patto 
cìie egli sposatosi, gli dia a sette anni il primo figliuolo 
che gli nascerà. Cito questo riscontro iaWJtalia nei Canti 



UigniaOb, Google 



422 FIABE, NOVELLE, BACCONTI EC 

■dei poeti stranieri contemporànei tradotti da Gdsiavo Stbaf- 
fORELLo, e corredati di biografie, pag. !99. (Torino, Unio- 
ne lipografica edìtr. 1339) non avendo il libro del RO- 
pisch. 

Il principio è simile alla Filagranata della Polk-Lore 
a{ Bame della BuscK. In una leggenduoia popolare pie- 
montese si parla di una donna che va neirorlo del drago 
« va a cogliervi Sorì malgrado sia stata avvertita del pe- 
ricolo che la minaccia. Di fatti, mentr' ella dorme, esce 
il drago e la rapisce. (Sembra il mito di ProserpìTM de- 
generato). Vedi Ferbaho, Nuova raccolta di Canti popolari 
monferrini, n. XXXIII. Nella 17 delle aiarchcn tirolesi 
dello ScHNELLER, a una mudre che va in campagna col- 
l'unìca figliuola compiiriscooo tre fate, e le ordinano che 
in capo alPanno debba coodur loro la fanciulla. 

XXI. — Lu spunsalisiu di ^na Riggina e'' un latru. Uo 
riscontro della variante / sette fratelli si trova nel Para- 
diso degli Alberti. Ritrovi e Ragionamenti del 1389. Ro- 
manzo di GiovA>M DA Prato, dal Codice autografo e ano- 
ttimo della Riccardiana, a cura di Alessandro Wesselof- 
SKV. (Bologna, Romagnoli, MDCCCLXVII) nov. I, Della 0- 
rigine di Prato. < Una fanciulla mutala in isparviere da 
una maga e presso che annegata nel fiume, vien salvata 
e resa alla sua pristina forma da quattro giovani, i quali 
se la disputano, allegando ciascuno quel che ha fatto a 
suo favore...; sono per venire alle mani, quando dal con- 
cilio degli Dei alla fanciulla viene lasciata la libertà di 
scegliersi chi più le piacesse... Fratelli arleSci, essi par- 
tono di comune accordo in cerca di una fanciulla, di cui 
poi si disputano il possesso. > 



UignieOb, Google 



AGGniNTB ALLE TAHIANTl. ' 423 

Questo il riassunto che della novella fa il Wesselofsky, 
jt quale sulla provenienza e sui riscontri di essa scrive 
lungamente nel cap. IV del suddetto Paradiso degli Al- 
berti. Vedi e cfr. (Devo l'indicazione nel libro del" Wes- 
selofsky al prof. D' Ancona; e la lettura del libro alla gen- 
tilezza del comm. Zambrini). 

XXII. ~ Li setti latri. Questa fiaba trasformata in no- 
vella religiosa e devota forma il S. Giusippuzzu della 
presente raccolta; vedi n. CXV. 

Una novella identica pel fondo è The King o{ the Aa- 
sassins di Cappelianueva presso Cavour (Piemonte) nel- 
la Zoologicat Mylhology del Db Gubernatis, voi. Il, pa- 
gina 3^. 

XXV. — L'arginteri. Nello Specchio di vera penitenza di 
frale Jacopo Passavantì, cap, V, Della terza scienza dia- 
bolica si racconta * cbe al tempo di Papa Leone, nelle 
terre di Roma sursero due aibergatrici, che dando agli 
aomini certo cacio incantato, gii facevano diventar so- 
mieri. E nella vita de' santi Padri si legge, che e' fa 
menato a un santo Padre da' parenti una fanciulla, che era 
diventata una cavalla. E i libri de' Poeti son pieni di co- 
tali trasformazioni, come mostra il libro Metamorfoseos 
d'Ovidio, e quel d'Apulegio Platonico dull'asino dell'oro, » 
Una ragazza cbe tradisce un giovane divenutole marito, 
e se ne sbarazza rubandogli per inganno un anello, ra- 
gione di sua ricchezza ecc. è nella 44 delle Marchm und 
Sagea dello Schisellek: Ber Ring (L'anello). 

XXVI. — Petrn fu massariotu. I capricci dei re e delle 
principesse reali sono molti e curiosi nelle novetle. Qui 
la figlia del re promette di unirsi in matrimonio a chi 



UignieOb, Google 



424 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

saprà vincerla al giaoco. Nella XGV il re bandisce che 
sposerà la figlia a obi la troverà infra tre giorni entro il 
palazzo. Nelle Mdrchen tirolesi dello Schneller, n. 49. Die 
irei Hàtksel (I tre indovinelli) la principessa ereditaria 
del trono del padre cerca in chi le spieghi tre indovi- 
nelli il marito. 
Pel conciliabolo sotto l'albero cfr. n. XXXVIII. 

XXXI. — I^ *Mperafìriei Trebisonna. Per qualche punto 
di riscontro vedi il Cantare del bel Gherardino , novella 
eavallereica in ottava rima del secolo XYI non mai fin gui 
stampata (Bologna, presso Gaetano Romagnoli 4867).- Lo 
Zambrìni, editore di essa, la dice opera di Antonio Pucci 
(pag. 14) e ne ripone la compilazione verso il {335 o in 
quel torno (pag. 13;) e riferisce un giudizio del D' ka- 
cona sulla origine della stessa, che è questo: • Il poema 
evidentemente é, per quel che spetta alla favola, conge- 
sto di vari etementi romanzeschi, ma la più gran parte son 
tratti dal Parthénopeus de BUns. Questo romanzo fa pub- 
blicato in due voi. nel 183ì, ma un sunto se ne trova nei 
Fai/liattx di Legrand d'Ausst voi. V, 303-318, e nelle No- 
tices et Extraifs de la Bifiliothéque du Boi, voi IX-, parte 
2, pag. 1-84. . (pag. 17). 

XXXII. — Lu Be d' Animmulu. Una versione calabrese 
di Cosenza leggesi nella Zoological Mythology, volume If> 
pag. 286-81 

Pel canto delle fate cfr. Pitbè, Centuria di Canti popo- 
lari siciliani ora per la prima volta pubblicati, n. 81 (E- 
stratto dall'Eco dei Giovani di Padova, voi. Il fase. IMV): 
Ninna, la ninna, 
Lu Sgghiu dì Re .Ninna 



UigniaOb, Google 



AGaiDNTB ALLE VAMANTI. *ÌS 

Si la mamma eoi dicÌMì, 
Figgbiu (l'orti cci inittissi 
E sì gaddD Dun cantassi. 
Li campani nua aunassiru 
Aonacannu fussi semprì 

Basile, Lo cunto de li canti, II, 9: 

bello figlio mio 
Se lo sapesse mamma mia, 
'N conca d'oro te lavarria, 
'S fasce d'oro le 'ofasceria, 
E se mai gallo canUsse, 
Ulti da le me parlarria. 

Bernom, Fiabe pop. veneziane, a. XVDI: 

Fa la nana, bel bambin; 
Se la nana la savesse, 
In fasee d' oro t' infassarta; 

Se i gali no cantasse, 
Se le campane od sonasse, 
Hi con ti me ne starla; 
Fa la nana, vita mia. 

Sghnellbh, Màrcken wnd Sagen aus Walschtirol , pa- 
gina 187: 

Se i galli non cantassero. 
Se le campane non sonassero, 
Se le ore non battessero, 
Tutta la notte qui staria 
A farti compagnia, o bell'a-nima miai 



UignieOb, Google 



426 FUBB, NOVELLE, RACCOMl CC. 

La 30 di questa raccolta tirolese: Der Selleri {El Sei- 
lem), si cfr. colla nostra. 

XXXV. — Lu cunlu di 'na Biggiaa. Sui prodigi di qd 
anello é fondata la 44 delle Màrchm tirolesi dello Schncl- 
leb: Der Ring (L^anello). Vedi e cfr. 

XXXVi . — Li figghi di tu cavuHciddam. Cfr. pare COD 
la Novella di M. Francesco Maria Holza. Novellamente 
itampata et posta in luce. In Bologna M.D.LVII, e ripro- 
dotta nelle Tre novelle rarissime del secolo XVt. Bologna 
presso G. Romagnoli i867 , disp. LXXXV della Scelta di 
curiosità letterarie. Eccone l'argomento: < Una figliuola 
del Re di Beriagna si fugge dal padre innamorato di lai, 
capita per sventura in un Monastero, dove presala il Del- 
fino dì Franca per moglie, la suocera commette che sia 
accisa. Ella fuggitasi a Roma, vien ritrovala dal marito, 
et con grande allegrezza condotta in Francia. > 

• Il soggetto della novella, scrive Teditore di essa, Fr. 
Zambrtni, appartiene al medio evo e fa parte dei racconti 
popolari, misti di sacro e di profano, secondo che usavasi 
a que' tempi. A lei sono sorelle senza dubbio la Crescen- 
zia e Santa Uliva, la Genoveffa e POrtanda, la Florencìa 
e Santa Guglielma , la figlia del re di Dacia , e la reìua 
dì Polona ecc., le quali , come bene nota P eruditissimo 
sig. prof. Alessandro Wesselofsky, a pag. XIII della No- 
vella detta ^glia del re di Dacia (Pisa, Nistri, 1866, in-8). 
• Sono tutle divergenze dello stessa tipo, con più o meno 
t varietà nelle circostanze, secondo ctie la fanciulla vien 
1 perseguitata dal padre o dalla suocera, dalla matrigna o 
< dal fratello del marito assente. * Di fatto in che varia 



Uigniedb, Google 



AGGIUNrE ALLE vauianti. 427 

una buona parte della novella del Molza dalla Stona di 
Santa Uliva? nel principio singolarmente é dessa maota- 
ta. Di questo racconto altresì vediamo grandi traccie 
nel Vecorone di ser Giovanm Fiohemino, alla novella pri- 
ma della Giornata X, ed anche più anticamente nelTau- 
reo libro de^ Miracoli delila Madonna, al cap. X. Ella non 
é altro insomma, se non che la famosa Stona della Pul- 
zella d'Inghilterra o di Francia, che dir si voglia, trattata 
da parecchi e in diversi tempi. Col titolo di Storia del- 
Vorigine delle guerre tra i Francesi e gli Inglesi di Jacopo 
DI Poggio, si pubblicò in Firenze dal Doni nel Ì5i7, in-8. 
Nel 1834 si ristampò dal cav. Giuseppe Molini, pure in 
Firenze, alTlnsegna di Dante, in for. dì 8., col titola di 
Novella di Incerto Autore del sec. XV. E nel 1830 se ne 
replì<^ la stampa in Lucca per cura dei cav. Salvatore 
Bongì, alla tip. Baccelli . ia-8. col titolo di Novella della 
Putcella di Francia, dove si racconta Vorigine delie guerre 
tra i francesi e gli inglesi, di Jacopo di Poggio Braccio- 
UKi. — F. M. Molza, celebre letterato del secolo XVI rifa- 
cendo questa storia, non si diparti dall' argomento pri- 
miero nella sostanza , pago soltanto di ridurla a modo 
Boccaccevole , dandogli aria dì vera novella originale. > 
(pag. 53-55.) 

Pel fondo e per varie circostanze (come 1' odio della 
vecchia regina per la nuora, la partenza del prìncipe o- 
reditario per la guerra , la nascita dei due bambini du- 
rante l'ssseDza del padre, le male arti della suocera per 
■sbarazzarsi della nuora,) cfr. con la 50 delle Mdrcken 
und Sage» aus Walschtirol dello Sch>eller: Das Màdcfien 
okne Hànile {Quella dai brazzi mozzi). L'odio della suo- 



UigniaOb, Google 



4z8 FIABE, NOVELLE, BACCONTI, BC. 

cera era «pecialmente perchè la nuora era senza braccia, 
fattele resecare dalla trista madre. 

Differisce poco da questa novella P antico romanzo io- 
titolato Storia miracolosa del Cavalier del Cigno. Per la 
sostituzione dei cagnolioi a^ fancìalli Deooati, vedi il ro- 
manzo della Betta Elena di Cosiantinopotì la quale fu ma- 
dre di S. Martino di Toart in Twrena (Parigi, iQ-4*, go- 
tico) e il romanzo di Teteo di Colonia ecc. 

Qualche circostanza della nostra novella si riscontra 
negli Ecatommiti di G. 8. Giraldi, deca 1, nov. I. 

XXXVIII. — Li patti viagicki. Cfr. con la 21 delle Mar- 
cheti tirolesi dello Schnellea: Der goldhaarige Prinz {Il 
principe dai capegli d' oro) e con le tre novelle romane : 
The Pot of Marjoram, The Pot of Rue e King Otho nella 
Folk-Lore of Rome della Busck; nella prima si tratta dì 
an vaso di majorana (rom. persa) , nella seconda di nn 
vaso dì mia che la terza ragazza s'era fatto portare dal 
padre, partendo egli per suoi negozi! , e che le dne so- 
relle maggiori per invidia e dispetto aveano bottaio gin 
dalla finestra, lo ambedue queste novelle il Re di Persia 
cadendo da una finestra s'era tagliuzzato con cristallo, 
e dei pezzettini di cristallo gli erano entrati nelle carni. 
La ragazza andò a guarirlo ella stessa coi mezzi che odi 
necessari stando sopra un albero, a' pie' del quale un orco - 
e un' orchessa sbrano andati a ricoverare. La sig. Basek 
cita una novella tirolese analoga : l dia cavallari. 

Pel conciliabolo sotto l'albero cfr. pure Schnellbr do. 9, 
10 e 11 : Die zwei Reiter , Die kranke Prinzessin , Der 
Blinde ; e Abietti , Nov. pop. piem. : La fija dta jw- 
ma d'6r. 



UignieOb, Google 



AGGIUNTA ALLE VABIANTI. 489 

XXXIX. ~ Basina imperatrici. Una versione toscana dì 
Anlignano presso Livorno offre Db Giibkrnatis, Zoolog. 
Mythoi. voi. Il, pag. 382; la guaio ha motti punii di ri- 
scontro con la Grattula-bediattula, Re d' amuri ec. Una 
versìoDe piemontese è pure nella stessa opera, a pag. 381. 
X.a ragazza acquista un potere soprannaturale con un a- 
nello che le dà il mostro, e quando egli sparisce perché 
ella le ha rotto il segreto, la bella l'ottiene per virtù del- 
ran«llo. Uno stesso fondo ha la 2S delle Màrcken dello 
ScHNELLBR : Vom singenden, tanzenden und mtisicirenden 
Blatte (La foglia die canta, che balla e che suona). 11 
mostro non desidera die di comparire in pubblico con 
la ragazza che è andata ad abitare al suo palazzo, e quando 
ottiene di ballare con lei in una nuova festa che si ce- 
lebra per le nozze della seconda sorella della ragazza, 
egli durante il ballo diventa un bel giovane. 

Una certa analogia con un buon tratto di questa no- 
vella pare abbia la 72 delle Sicil. Màrchen della Gonzen- 
BACH, Don Giuvanni di la Fortuna, ed è quello ove la 
.ragazza prende il brutto uomo, il quale poi diventa bello. 

XLIl. ~- Grattula-bedditttula. Confronta pure colla Ce- 
nerentola piemontese, riassunta a pag. 12-13 delie No- 
velline di S. Stefano del Dt; Gdbernatis; con la Cenoriea- 
tola e con la Vaccarella delle Folk-Lore della Busck.I1 prin- 
cipio è anche comune alla novella toscana di Antignano 
presso Livorno della Zonlog. Mythoi. del De GaBEtL\ATis, 
voi. li, pag. 382; alle novelle romane delta Busck: The 
Pot of marjoram. The l'ot o{ Rm, King Otho, e alla 25 
delle Màrchen tirolesi dello Schkeller. 

XLlll. — Pilusedda. Un bel numero di versioni di que- 

Pjtrè. - Fiabe e Novelle, ^oì. IV. 28 



UigniaOb, Google 



430 FIABE, NOVELLE, RACCONTI EC. 

Sia novella raccolse in Roma, Loreto ec. la signora Busck. 
per le sue Folk-Lore of Rome pag. 66-93; eO escono coi 
titoli: Maria Wood (tre versioni) e La Candelieia; alla 
line di questa la raccoglitrice cita due novelle tirolesi 
corrispondenti : Colla dsll6 doi sores e Le due^ sorelle. 

Per r innamoramento del padre cfr. il principio della 
Nocella di M. Fr. M. Molza ìiovellamenle stampata et po- 
sta in luce. In Bologna, M.O.XLVIi. Vedi nella aggiunta 
alla nostra XXXVI. Per le apparizioni della Bella al r& 
vedi la suddetta Vaccarella. 

XllW. — La Ciautidda. '\eiii la L: Dammi lu veluf 
Nella 27 delle Mdrckea und Sajen aus Walschtirol : Die 
drei Tautien, vi son tre figlie d'un mago mutate in co- 
lombe, le ijuali ogni giorno perlempo lasciano in un ce- 
spuglio le loro penne e ridiventano bellissime ragazze. 
Un giovane volendo ottenere ciò che più gl'importa per 
liberarsi da un tristo mago a cui deve consegnar l'anima 
nasconde le penne della minore , e allora gliele resti- 
tuisce quando ella lo consiglia ed aiuta. Queste ragazze 
mutate in colombe richiamano a (|uelle della novella di 
pag. 290-301 nella Zoolog. J^ythol. 

LI. — L» munaclieddu. È il mito di Polifemo degene- 
rato. Vedi Die Sage von Poiyphem del Gbimm, (Berlin 1837) 
e il Discorso preliminare di questa raccolta sopra le No- 
velle popolari, I V. 

LUI. — Lu Maga Virgillu. In una lettera scritta di Si- 
cilia nel ]19ì e pubblicata negli Scriptores rerum bruns- 
vicensium di Leibnitz, voi. II , pag. 695-698, Corrado di 
Querfurt, Cancelliere dtìll'imp. Arrigo VI, parlando delle 
credenze de' Napolitani su Virgilio, diceva che le ossa 



UignieOb, Google 



AGGin>TB ALbe VARIANTI. 431 

troTansi in ud castello circondalo dal mare , e se ven- 
gano esposte all' aria si Ta subito scuro d' ogni dove, 
si ode la strepito di una tempesta, il mare si commuove 
lutto, si solleva e mellesi a procellare; • e questo, sog- 
giungeva, noi abbiam veduto e provato. • 

Vedi l'opera citala del Compabetti, Virgilio nel Medio- 
Evo, voi. U, p. Il, cap. II. 

LIV. — Lu Diavulu Zuppiddu. La novella del Mactiia- 
veili Tn tcadotia in francese da Tannecuv Lefebvre, e pub- 
blicata a Saumur nel 166S, in 12, sotto il tìtolo ^ami/e 
4e Belfegor come seguilo alle Yies des Poèles greca. Fu ri- 
prodotta con una traduzione tedesca a riscontro nelle Ga- 
lanteì'ies diverses arritées pour la plupart en France. Nu- 
remberg, 1685. La Foktaine ne fece una delle sue Fables; 
vedi lib. V, fav. VIU. 

LVI. — Lu Sirpenti. Un fondo simile alla presente of- 
fre una novella toscana di Fuceccbio nella Zoolog. Mythol, 
del De Gubernatis, voi. 1, pag. 41I-1S, in noia. — Di una 
madi'ign^t clie bistratta i suoi figliastri paria il Si" dei 
Canti popolari monferrini del Fisrharo: La povera Lena, 
storia sempre vecchia, e sempre nuova come la luna. 

LVI!. — La 'Nfanti Margarita — Di un povero giovane 
cieco abbandonato dal fratello in un bosco racconta là 
novella tirolese Der Blinde, i 1 delle M&rchen di ScHNELLEa, 

Il principio cfr. con Vaccarella e con The King who 
goes out tu Dinner nelle Folk-Lore of Home della Buse, 

LVIIl. — Suli, Pema e Anna. La regina ciie ordina la 
uccisione dei figli del figlio, delle cui carni fa apparec- 
cliiare una vivanda al figlio stesso, rìcliiama a un fatto 
consimile in Erodoto I, 119, in cui Astiage invita a ban- 



UignieOb, Google 



432 FIABt:, NOVELLE, RACCOm'I EC. 

Ghetto Arpago, e gli fa mangiare allesso le carni delPa- 
mato figliuolo. 

LIX. — La soru di Biancucluri e le due seguenti. I) prin- 
cipio somiglia alla Palombelletta delle Folk-lare of Rome 
della Bdsck. 

LX. — Cicintni. Cfr. con quella raccontata dal De Gd- 
BERNATis nella Zool.Myth. voi. II pag. 205. 

LXin. — La Mammairaa. In una novellina toscana rias- 
sunta nella Zool. Myth. Il, 62, due donne ottengono va- 
ria fortuna; l'una carezzando alcuni gatti ne ebbe molto 
bene, l'altra che si mostrò loro indelicata n'ebbe male. 

La varia fortuna che si trova presso le fate è eoma- 
nissima nelle novelle. Vedine un esempio nella 73 delle 
Sicil. Marcken ; Voti dem KSnig, der eine sehSne Frau 
woUte, (Il re che voleva una bella donna) ove una vec- 
chia bruita per favore delle fate diventa una bella ragaz- 
za; e la sorella, più bruita dì lei, saputo esser ella rin- 
■ giovanìla perchè s'era fatta togliere la pelle dal viso, va 
a farsela levare da un barbiere e ne muore. Un riscontro 
è nella 29 delle M'drchm tirolesi di Schnelleh. 

LXIV. — Lu scarparu e li diavuU. Si confronti coi Due 
Gobbi di G. Gozzi, e con la favola romana della Bcsck: 
The ,two kunchbacked Brothers. La nostra novella, che ri- 
chiama subito al Noce di Benevento, trova una parte di 
riscontro con la novella scritta in latino, mezzo secolo 
prima che dal Redi, da Pietro Piper.no nel suo trattato 
De nuce maga Beneventana, pag. 71-74. L'opera è molto 
rara ed io riferisco questa novella die esce sotto il titolo: 
Casus II: De Gmnoso vi D^gho.nis hdtato in AiieNATioNBM, 

SRO ANTE PECTU6 IN CONVIVIO NVCIS BeNBVENTAK^ HAG. 



UignieOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VARIANTI. 433 

Vii' quidam Loniberlus Alularius in patria sua Alta- 
villaa decoctus Beneventi jiiribus stalulariìs gaudens, vulgo 
affidato, artem suam popularj Isetitia , et risn exercebat 
amene dnctus uxorem (ilios, el patriam taugeodi, videndi- 
que causa in vigilia Sanctissìmì Corporìs Jesu CtirUti sera, 
humìda Incerile Luna, nostra discessit ab urbe, cum vix 
duobus oiìliiariis seiuolus. in^pexit in plano prape flumen 
Sabbati in ferlilis ruris confinio perilliistr. D. patrit. Ben. 
Francisci lanuarij omnium virtulum ornati, magnam vi- 
rorum mulierumque lurbam sattantium et cantantium: ben 
venga il Giovedì e H Venerdi, putans esse messores, ac foe- 
minas spiearum colligentes, ad eos rytlimica canoruqus 
voce accedens, e lo Sabbaio e la Domenica, replicando, 
quee faceliEe, et Gìbbosus homo et si exterus omnibaa 
arrisere et vanam ex iis arreptus diverberaiis scapulis 
sallabat, quibus clioreìs expletis , et defessi sub quailum 
alta, spacìoraque et magna nuce non lunge a fluinineac- 
cesserunt ubi plures mensie inultis esculentis paratie e- 
rant, famelicus forsan, vel jocandi animo ambitioso, ip&e 
prior sedem accipiens accumbit, cum ea D^mon a tergo 
vi et arte iDdìcibili, intenso sed raomeolaneo dolore, niì- 
raque celerilate montem iltum moi'bosum dislocatis spon- 
dilibus, super humeros adequuns ad pecias extulil. Sic- 
eine ille cito vociferaos, o Jesu Virgo Maria, omues cum. 
dapibus luminibusque evaiiuerunt, atque manibus sua . . 
terga tractans, gibbnsam elevationem non invenit, et 
quam oculi non videbant nunc ante deforoie et lamen- 
tabile impedimentam inspiciunt. Lomberlus igiliu' ad a- 
nimi fortitudìnem excitatus, eas lainias esse coUigit, in- 
tiere terniiaato, Dovam tamen molem anleriorem plorans 



UignieOb, Google 



434 FIABE, NOVELLE, EtACCONTI EC. 

ad domnm suam aurorse nuncii canta perveoit , jaDuam 
pulsai; lidiculosa magis forluna parai; uxor enim pudica 
nocturnis terrtta ìctibas, quìs est ìsle temerarius? dical? 
iile mulula voce referl: Lambertus (aie) tuus? Vox quidem 
ei talis vtdebalur, mente vero floo concipiebat hora illa 
malìs amica maritum advenìre potuìsse; surrexit e ledalo, 
feneslram aperit, tum lanari luce cum liominem sine gib- 
boso sigQO inspexisset, alta voce vicinos, et parentes pro- 
clamans mortarium projecìl non sine periculo capitis frac- 
tarae infoilunati viri, lune miserandus ille ululans sum 
Larabertus ? falleris? hic sum, aperi ? narrabo meos ca- 
sus, aperi? lace ? Tandem voci cessit, diversaque figura 
domum ingrediens, eventus sub Beneventana nuce suas 
uxori, ac parenlibus narravit, ita ut mane cum per pla- 
teas Altavillse non gibbosus ambulabat a suis credìloribus 
non cognoscebatur. Posi feslivos dies revertens ad no- 
stram urbem ut tutior, sed mutalus ab ilio, jocoso puero- 
rum acclaraaiu res audila fuii, casus bi multi apud oos, 
et scriptores plures, quos brevitati omittimus. (?) 

Vedi: Della superslitiosa noce di Benevento. Trattato Hi- 
storico del sig. Pietro Pìpekko Benevtntano, filosofo, et me- 
dico, e della gran Giurìsdittione a S. Sofia di essa città 
protomedico. Con il trattato in lingua latina scritto gli 
anni passati dalPistesso Autore intomo la sudetta superiti' 
-tiosa Noce. Opera non meno vaga, che curiosa, adornata di 
figure, con più indici copiosissimi. In questa seconda int- 
pressione da molti errori emendata. In Napoli, per Giacomo 
tiafTaro 1640 coD licenza de' superiori. Ad istanza dì Gio. 
Domenico Montanaro. 

Vedi i due riscontri ultimi delta LXIII. 



a. b, Google 



AGGIUNTE ALLE VARIANTI. 433 

LXXI. — Lu Ciclopu. Un bel tratto del princìpio sì cfr. 
«Oli The magician o{ the seven Hsads, di Fucecchio (Il ma- 
go delle sette teste), in Toscana nella Zool. Myth. del De 

CUBERNATIS, VOi. Il, 36. 

Nella novella romana della Busck: The King who goes 
out to Dinner una madrigna fìngendosi la moglie del re, 
sua figliastra, (cui ella avea gettata nel vivaio), dice es- 
ser travagliata da un dolore e non poterne guarire se non 
col sangue del fratello (che però è figliastro di lei)^ onde 
il giovane è preso per essere scannato. 

LXXIII. — Ervabianca. Vari punti di riscontro ha con 
Toniotto e Maria nelle Quattro novelle narrate da un mae- 
stro-di scuota di C. Balbo. Torino, G. Pomba, 1829. Cfr. 
la S. Oliva, altrove citata. 

LXXV. — Stivala. Un aneddoto che ha molta analogia 
colla presente novella è nelle Facezie e motti dei secoli 
.X¥ e XVI, Codice inedito magliabeckiano (edito da Giovanni 
Papanti). Bologna, Romagnoli, 1874, n. 8. 

LXXVI. Lu Bracceri di manu manca. Con lievissime 
■variazioni la versione palermitana del dialogo si legge 
nella Raccolta amplissima di Canti popolari siciliani di 
L. Vigo, n, SI43: // Guanto delP Imperatore. 

LrXXIX. — Lu He di NapuU. Ecco una novellina analoga 
di Palermo, che è tra le mie inedite. 

Una matrigna uccìse un figliastro, e di quello apprestò 
una vivanda al marito padre di lui. La sorella del morto 
non ne mangiò, ma seppellì le ossa del fratello davanti 
la porta. L' indomani spuntò dal terreno un uccello che 
«antava così: 

Pia più più, 

ìlÈ mairi mi cuciu 



UignieOb, Google 



4^ PUBE, 1WTEU.B, BMXONTI, EC, 

Uè patri mi maneian 
Uè soru nu noi vosi 
Ui misi diQlr> U fossa (!) 
Pia più pia. 

Scoperta cosi la Terìli, la madrigna Ta tosto buttala dal baF- 
cone. 

LXXX. — La Jistema. Cfr. peiTettamente colla novella 
toscana tradotta dal De GimeiiNATis nella Zoot. Myth., Il, 
*87 e seg. 

LXXXII. — Lu ""Mperatari Scarsmi. Il D' Ancona nota 
la somiglianza eoa Le Roman de Parienopeut e il Cantare 
del bel Gherardino ecc., vedi at n. XXXI. 

LXXXIV. — La Bedda di li setti muniagni (T oro. tJna 
versione piemontese di Torino, riassunta dal Dk Guber- 
lUTis nel suo scritto: Il Principe e PAquila, leggenda in- 
do-europea (vedi Rivista Orieatale di Firenze, an. I, fase. 1^ 
pag. 27) offre quasi tutto il fondo di questa novella co» 
tutte le circostanze del viaggio colP aquila che dimonda 
ed ha carne. Il De Gnbernatis mostra la identità di que- 
sta novella con altra indiana antichissima. 

Versioni e varianti tanto alla nostra LXXXIV di Paler- 
mo, quanto alla lezione dì Cìanciana sono nelle Marchen 
und Sagen aus W&lsehtirùl dello Souseller , n. 36 Der 
Sehuster (al tgialgio. Fassa); 37: Der Schuster (El calier); 
36: Die Konigin von den drei goMenen Bergen (La regina 
delle tre montagne d^oro). 

LXXXVIU. — Don Giuseppi Piru. Pel gatto fedele o be- 
nefico, vedi la 44 delle Màrcken tirolesi dello Sgbnbller 
Der Ring (L'anello), ove è anche un gallo fatato, il quale 
insieme col gatto trae da gravi pericoli, e mette in felice 
stato un giovane. 



UigniaOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VARIAMI, 437 

XCflI. — Li setti tistuzzi. Questa novellina ha nel fonda 
una lontana rassomiglianza con la iH delle MSrehen uitcf 
Sagen a«s Walsehtirol dello Schneller: Dar Kàalaibcken 
(La formajella), ove una. ragazza fa morire una vecchia 
avara. 

XCV. — V acuta chi sona. Qnalclie punlo di riscontro, 
è nella novella piemontese di Capellanaeva: The King of 
theassassins nella Zool. Mythol. Adì De GubernatisJI, 33. 

^sWArcadia in Brenta di Guvnesio Gavardo Vacalerio, 
giorn. Ili, si racconta di un giovane a nomeRìnaiduccio 
che non potendo per veran modo indarre a' sqdÌ desi- 
derit una giovane chiusa nel suo palazzo, si fé' traspor- 
tare a lei da un uomo dentro una cassa da viaggio, e 
uscendone la notte, potò prenderne piacere. Questo par- 
tito della cassa fu già un bello espediente pei novellieri, 
i quali vi ricorsero assai spesso e facilmente per appa- 
gare i desiderii d'uB povero amante a cui riusciva difiì- 
Cile l'introdursi in casa della donna amata. 

XGVII. — V Abbati senza pinseri. In un^ altra versione 
siciliana di Palermo, il papa {invece del re) vuol sapere 
dalPabate: 1. • Che distanza passa dal cielo alla terra •. 
2. t Che fa Dio in cielo ; • 3. ■ Che pensa il papa. • Il 
cuoco travestito da abate risponde: 1. • Tanta quanto è 
luogo questo gomitolo di filo; > % • Premia i buoni e ca- 
stiga i colpevoli; • 3. « Crede di parlare coll'abate e in- 
vece parla col cuoco. • 

Un'altra versione è nelle ÌSovelle di Giovanni Sebcahbi^ 
D. X; De jusla reprensione, ove i personaggi sono Dante 
e Re Roberto di Napoli. Vedi Rapanti, Dante secondo la 
tradizione e i novellieri. 



UignieOb, Google 



438 FIABE, NOVELLE, B4CC0HTI, EG. 

XCVIIl, — Lu Tiììenti pretiu. Si ravvicini per qualche 
circostanza a Madonna Lionesso, cantare inedito del secolo 
XIX, oggiuntavi una novella del Pecorone. (Bologna, Bo- 
magnoli, 1866), dispeo LXXXIX della Scelta di curiosità 
letterarie. Un aneddoto coDsìmJle al fondo di questo can- 
tare è narrato sul serio e come vero nella Vita di'Sista 
Quinto, Pontefice romano scritta da Gregorio Leti {Tori- 
no, cugini Pomba, 1832). 

C. — Lu mitcanti ''smailitu Giumenta. ì\ frot. A. U'Aq- 
cona mi ba notalo il seguente tratto delta Cronaca di Gio- 
vanni Villani, lib. IV, e, XV, die può confrontarsi colla 
nostra novella: * Dopo la morte il detto Currado, fu e- 
lelto imperadore Arrigo secondo: e clii disse figliuolo, ma 
e' fu pur genero del detto Currado imperadore, e figliuolo 
del conte Leopoldo palatino di Baviera, nipote del primo 
Arrigo. Onesto Arrigo fa profetato la notte ch'egli nacque 
in questo modo: che U detto Currado essendo egli cac- 
ciando arrivato di notte solo in una foresta in povera 
casa, ove abitava il padre e la madre di detto Arrigo, i- 
sfuggiti e in bando dello imperio per omicidio, ove il 
detto Arrigo nacque, seguendogli in visione che 'I detto 
nato fanciullo sarebbe suo genero e succede rebbegli allo 
'mperio, Currado credendo che fosse figliuolo di vittano, 
non conoscendo il conte suo padre, per disdegno il co- 
mandò a uccidere nella foresta, e i suoi famigliari per 
volontà di Dio lo lasciarono vivo, rapportando che l'a- 
veano morto. E poi crebbe in bontà e in istato, sicché 
oeila corte del detto Currado fu al servigio il detto Ar- 
rigo, e ricordandosi lo 'mperadore di lui e riconoscendolo 
per certi indizi e segnali di 'lui, il mandò alla moglie 



U.t,nra.t>, Google 



A6G1IIKTE ALLE VARIANTI. 439 

eoo lettere die "I facesse uccidere inconlanente, e per 
un prete eoo cui albergò in cammino, come piacque a 
Iddio, si levò dalle lettere quelle parole conlamente , e 
mise che gli desse la figliuola per moglie, e cosi fu fatto 
e il destÌDo premesso da Dio pure segui.» (Ediz.Moutìer) 
Qualcosa dì simile é nelle Storie di Ebodoto, l !. 

-CI. — La Palumma. Uua versione toscana leggesi nella 
seconda metà della novella toscana di Antjgnano raccon- 
tala dal De Gubebnatis, nella Zool. Myth., Il, 298-301. 
Questa novellina è indiana: Yrvapi. 

Gin. — Li tri cuiili di li tri flgghi dimircanti. Il terzo 
racconto ha un lontano riscontro coll'S de' Can(i popolari 
monferrim raccolti ed annotati da GitisEppe Ferraro, (To- 
rino, Loescher, 1870), ove una ostessa ha Tabìtudine di 
uccidere quanti vanno ad albergare da lei. 

CXIil. Lu giuriìii di la famaru. Per questa tradizione, 
che apparliene a! ciclo delle leggende nell'altro mondo, 
vedi la nota del Kòhler alla 83 delle Sicil. Marchen, Un 
fondo consimile ha la tradizione allegorica di Cloz in 
NoDsberg a pag. 215-16 delle Marcken itnd Sagm aus 

WàlscktirOl di SCHNELUR. 

CXIV. — Lu tradimeiìtu. Vedi la 20 delle Sicil. Marchen, 
e la nota del Kòhler. 

CXXV. — Fra Givgatinuni. Intorno a questa fiaba veg- 
gasi la curiosa Histoire de Vlmagerie poptilaire per Chahp- 
FLEL'RY (Paris, Dentu, 1809), ov'é appunto aa'Bistoire du 
Bonhomme Misere (pag, 10o-18B). Eccone i capitoli; I. Po- 
pularité du Boiikomme. Misere (in Francia è chiamato Jlfi- 
seria quel che da noi è Aceaciuni e Fra Giugannuni); 
11. L'origine du Bonkomme Misà-e ou Von verrà véritable- 



UigniaOb, Google 



4&0 FIABE, NOTSLLB, RACCONTI, EC. 

meni ce que d'est gue la misere ou elle a pris sm origine 
et quand elle /intra dans le monde IH. Le conte du Bon- 
homme Misere est-il d' origine italienne? IV. Bamification 
du conte à Vétranger. V. Le Bonhomme Misere en Norman- 
die. VI. Le Bonhonime Misere en Bretagae. VII Derniére ap- 
parition de Misere. Vili. Conclusion logiqtie du Conte. La 
leggenda sarebbe per M. Chanipfleury d'origine ilalìana. ' 
Vedi nelle notes la ricca Bibliograpkie e le Outraiies imités 
du Bonhomme Misere. 

Una versione romana è nelle Folk-Lore of Bome della 
Busck: Prete Olivo. 

CXXVi. — Lu Porru di S. Petru. Due versioni umbre 
di questa fiaba se ne leggono Be' Modi dì dire proverbiali 
e motti popolari italiani illustrati da Pico LuRi di Vassano 
(Ludovico Passarini) Roma,lipografia Tiberina, 1874, pa- 
gina 219, n. 452. La seconda Ai (]ueste versioni è simile 
alia novella greca pubblicata da Touuaseo neW Istitutore 
di Torino ec. 

CXXXV. — Lu nasu di lu sagristanu. Nella Muralità di 
li fault, sonetto di Dom. Tempio da Catania, c'è accennata 
la prima parie di questa novellina; ed eccone Qui i pri- 
mi otto versi; gli altri, non hanno da far nulla colla no- 
stra tradizione : 

Quann'er» picciriddu mi cantaro 
Dda favilla, ca mentri lu vicctiiltu 
Scupava la crisioilda luttii afflitti) 
La rounnizza mìltia 'tilra In p>inaru. 

E Pirelli era 'ntra In caso amaru 
Avvinili, chi truvau lirdinariltu 



uirneob, Google 



ACGtOHTB AULE VAIIU»TI. 441 

B diuiisi mi icMltu on cìeirilln 
lu non nni jettu scorci, amicu c>ru. 

Vedi Poesie di Doh. Tempio poeta siciliano (17S0-Ì821). 
Catania N. Giannotla 1874, voi. I, pag. 223. 

La seconda parte di questa tradizione lia riscontro dolla 
Fola dèi pundghein Delle Novelle popolari Bolognesi della 
Coronedi-Berti. 

CXLVin. — Lu viddanu di Larcara. Cfr. nelle Marchen 
und Sagm aus Watschtirol dello ScH>eLLEn la 5G: Die 
ndrrischen Weiber {l.e donne malte), ove un marito non 
sapendo più reggere alle scempiaggini della moglie parte 
pel mondo ginrando di non tornare a casa fìncUè non 
ti-ovi donne più scempiate di lei, le guati di Tatto trova. 

Sì cfr. pure Grimm, Kinder-wtd Hausmiircken, n. 104, e' 
ZiNGERLE, Marche», I, n. 14. 

CLll, — Lu Calavrisi. Uno slesso Tondo della nostra ha 
una storiella udita e pubblicata da Pico Luni di Vassano, 
Modi di dire proverbiali e motti popolari , u. 669 , ove i 
paesani di Hassignano consigliati da quei di Monlefìore 
nelle Marche vanno a cercare il giudizio a Roma, e cre- 
dono di averlo in una pignatta che è piena di sterco e 
coperta di miele, la quale i Romani consegnano loro ben 
turata. 

Canzonature simili falle da nn vescovo a certi suoi dio- 
cesani che gli chiedeano non so che consiglio o autoriz- 
zazione Bon nelle Màrcken und Sagen aus Wdlschttrol 
dello ScHNELLEB, n. 60: Lustige Geschichtchen (Storielle da 
ridere), 1, 2 e seg. 

CLIll. — Lu Pitralisi. TiM'Areadia in Brenta dell' ana- 
grammatico Ginnbsio Gavardo VACALenio, glorn. IV, pagi- 



UigniaOb, Google 



442 FIABE, NOVELLE, RACCOSTI, EC. 

na 165-66 son due altre versioni di questa stessa novella. 

CLV. — Lu NapuUlajtu e iu Siciliana. (Da aggiungersi 
alla nota t di pag. 139:) Vedi per quest'aneddoto A. Lon- 
tìo. Aneddoti siciliani, n. LXVII, 2, pag. 128. Altra far- 
beria consimile è nelle Facezie e motti dei secoli XV e XVI, 
Codice inedito magliabechiano, n. 39, pag- 37. 

CLVIII. — Lu solichianeddu. C'è una farsa intitolata La 
sciabola di legno, ed il re, è, rei pare, Federigo U di Prus- 
sia (D'Ancona). 

CLX. — Lu muratuii e sd ^gghìu. \edì il discorso £ulfó 
novelle popolari, | IV. 

CIAVI. — Li tri cumpari. L'ultima burla ha molla so- 
miglianza con una delle Luslige Geschichtcken raccontate 
da ScHNELLER {M&ich. M. Sag. a. W'àlsch.). n. 60, 3, di 
un taglialegna che mentre dormiva fu da un betlumore 
spoglialo dei suoi abiti, e vestito di quelli di un prete, 
die gli si era addonnentalo di sopra. 

CLXVII. — Lu zanuu. La L p. cfr. -con Y ultima parte 
della XX delle Novelle del Sgbcambi; De ventura in matto. 
È divulgatissima la novella del Dottor Tuttesalle. La leg- 
genda è di origine indiana; vedi BeiNfev, Orient und Oc- 
ctdenl, I, 374; Kóhler nella Gei-manta di Pfeiffer IV, 482, 
D'Akcona nella ediz. Bolognese del Sercambi, pag. 291-02. 

CLXXVL — Lu Custureri. Ce n'è una versione in Ser- 
cambi, Novelle, XIII, De fwto unius mulierii, su di che 
vedi gli altri riscontri notati dal D'Aucona a pag. 283-87 
e prima ancora dallo slesso nel Libro dei Sette SavJ di 
Roma (Pisa , Nisiri , 1864) pog. 120. Novella XIV. — La 
moglie involala. 

CLXXVIL — Li dui capì- mai iota. La novella del Cesari 



UignieOb, Google 



AGGIUNTE ALLE VARIANTI. 443 

è la II, eJ eccone rargomento: • Cecco e Giannotto ve- 
nali airestremo di ogni cosa ordiscono una sottile mali- 
zia per mangiarsi una cena. Il primo porta un meschino 
quadro da vendere a un rigalliere; ed il secondo entra 
nella bottega di costui, e lo inganna si bene, che gli fa 
credere di voler per grossa somma comperare il quadro. 
Il rigalliere dà a uno ben venti zecchini, e si trova po- 
scia uccellato da Giannotto. > 

CLXXXl.— La scummissa. Cfr. pure Sercahbi, Novelle, UI, 
ove il marito e la moglie sono Mucchietto e Staltorella 
come nella H' velia poetica del Goadagnoli La lingua di 
una donna alta prova sono Gesto e Mea. Forse quest'ul- 
timo altiuse al Sercambi , o |iiù probabilnieiile , dice il 
D'Ancona nelle note alte Nordle iM\o stesso Serjiambi, ai 
Contes du Sieuh d'Ouville, I, lOì (Haye, 1703). 

■ Dì frate Bandino priore Ui Selva di Lago, che per non 
rompere el silenzio lassò furare l'osino ■ raccontano al 
cap. 40 Gli assempri di Fba Filippo da Siena, Leggende 
del secolo XIV; testo di lingua inedito tratto da un codice 
autografo della Libreria comunale di Siena e ]ntl>blicato 
per cura del D. F. C. Carpellim (Siena, 1. Gali, 1 Luglio 
1864). • L'epoca di questo frate, dice l'editore, fu il 
Ciclo mitico del convento di Lercelo ; tante ne raccon- 
tano! . pag. 132. 

CLXXXUI.— Lw Maslru scai-poru e li spirdi.—CLXKXiy . 
Lu scarparu dispìratu, — CLXXXV. Lu mastru e li spir- 
ai. Questi poveri calzolai e maestri disperali per fame , 
i quali, pel loro coraggio , finiscono con trovare la loro 
buona ventura, ricorrono spesso nelle novelle. Vedi e 
cfr. ScBDELLBii , Màrcken ecc. nn. 38 : Der Schusler {Al 



UigniaOb, Google 



\Ì\ FIABE, ^OVELLI^, RACCONTI, EC. 

tgialgiO Fassa) e 37 : Ber Schuster {El ealier). Crr. pare 
il prìocipio dì queste novelle col principio dell» 53 dello 
stesso Schnelleb; Hamchen ohm Furcht (Zovanin senza 
paura). 

CLWXVì. -~ Maju longu.La medesima tradizione cor- 
re nelle Puglie, e fu data da F. Cheeco nella Civiltà ita- 
liana di Fireaze, an. I, trini. I, n. 13. V'è anche il flome 
dì Maggio. 

Tal Qoalé questa sciocchezza si trova nelle Marcken 
und Sagen aus WàlschUrol dello Sch>eli.gr n. 86: Die nSr- 
rischen Weiber, ove la moglie d'uno clie parte pel mondo 
e le l'accomanda un cacio ciie deve servire per maggio 
lungo (( empfehVich dir den schSnea fette» Kàslaib dort, 
den bewahre filr den langen Mai auf), dà questo cacio ad 
un uomo lungo che si dicliiarò Maggio. 

CLXXXVII. — La mugghieri babba. Cfr. colla prima parte 
della Patalocea delle Novelle popolari bolognesi della Co- 

nONEDI-BBHTI. 

CLXXXIX. — Sditrameddu, Qualcuna delle sciocchezze 
di questo personaggio somigliano a quelle (specialmente 
alle prime due) di Tutiulù nelle M&rchm tirolesi dello 

SCHNELLER, U. S7. 

CXC. — Giufà. In Erìce ho raccolto oa molleggio, che 
raccoglie T aneddoto segnente : Una volta Giura se ne 
stava sotto un fico. Sua madre sali suir albero e gli co- 
minciò a far cadere sulla bocca, che GiuHi apriva, dei 

grossi fichi, Giufà credette che piovessero fichi; e lo disse 
poi alla madre, ciò che ripetuto alla Gitislizia saWò la ma- 
dre dall'accusa che egli stesso scioccamente avea fallo con- 
tro lei, di avere ella, cioè, buttato nel pozzo un uomo ucciso, 



UignieOb, Google 



AGGIU^TB ALLE VARIANTI. 443 

che era il canta -la-nùtti di cui si parla nella novella 
di Giufà. Il motteggio che si rirerisce ai Qcbi è Cadimi 
fica e cadimi 'n cucca, dieia Giufà curcatu sulla un ar- 
vulu di ficu/ 

Il g 8; Mandati, ndfbiceddi mei! fu raccontato in per- 
sona di Dante; vedi G. Sehcaubi, Novelle, n. IX: l'è bo- 
nis moribui; Papanti, Dante nella tfadisioae ecc. Cfr. In- 
N0CE>20 111, De eontemptu mundi, lìb, II, e. 39. 

CCIil — Lu Viciarré Tuumna. Lo stratagemma del Ite 
che discende nel giardino e vi mozza i papaveri pili alti 
leggesi in persona di Tarquiuio il Superbo cppo Livio, I, 54: 
Dionisio, IV, 56; Ovid. Fast, II, 703. Questo stratagemma 
è anche più antico di Tarquinio, ed Erodoto, V, 92, rac- 
conta che Trasibulo tiranno di Hìleto iQsegnò,>af)battendo 
le spighe più rigogliose, a Periandro tiranno di Corinto 
come dovesse regolarsi. Vedi Vannucci, Storia d'Italia 
antica, 3" ediz. lib. Il, voi. I, pag. 612-13. Milano, 1873. 

CCXVI. — Li diavuli di la Zisa. Cfr. con quel che si legge 
nel libro Fra Scilla e Cariddi, Racconto di Cecilia Staz- 
zone: De Gregorio, cap. I. (Firenze, alta Galilejana, 1871). 

CGVIl. — Lti malu Gugghierimt. Nel n. 5206 della Bac- 
colta amplissima di Canti pop. sic. di L. Vigo, Vedh. (Ca- 
tania, 1870-74) evvi un canto che ricorda la moneta di 
cuoio di Guglielmo I. 

CC\il\.~Gugghiermu lu Bonu; voi. IV, pag. 38, notisi che 
la leggenda di Guglielmo II venne ritratta in un aETresco 
fatto dal celebre Velasquez (non dal Novelli), e sta nella 
scala del monastero dei PP. Benedettini di Monreale, dirim- 
petto al famoso quadro del S. Benedetto di Pielro Novelli. 

CCXVllI.— La petra di lu Jucaluri. Nelle Glorie di Maria, 

PiiBB. - Fiabt e NovelU. Voi. IV. SO 



UigniaOb, Google 



(16 FIAVE, NOVELL^, HACCOIfTI EC. 

opera det Beato Alfonso db' Liguori (citala a pag. 70 del 
voi. IV) si legge di nn giocatore milanese a nome Masaccio, 
che ferì tm'immagrne di Maria, e da essa usci molto sangae 
(p. Il, pag. 200, esempio 43). Bassano, RemondiDì, 1819. 
II Liguori la riferisce da P. Rho Sab., es. M. — Negli Asseni' 
pri di Fba Filippo da Sieiva, Leggende del secolo XJV. Te- 
tto di lingua inedito tratto da u» Codice autografo della 
Libreria comwnate di Siena e pubblicato per cura di D. F. 
C. Cabpellim (Sieoa, 1. Gali, 1 luglio 1864) ; al cap. 29 
ti parla ■ D'un uomo che percosse eoo una daga sa "n 
QO grosso la Ogura de la Vergine lUaria, e subbitameule 
ch'egli trasse fitore la daga, esci de la immagine del 
■grosso tanto sangue ctie tutto T grosso bagnò di sangae. » 
(Pag. 101-102). Vedi anche di questi Assempri i! 27" e il 
BS*: ■ D'on nomo clie avventò nna pietra ala flgnra de 
la Vergine Maria. • Sigismondo Tizio curato di S. Vincenti 
in Siena racconta quest'ultimo miracolo, e dice di averlo 
tratto da Codici amichi. Vedi Sigìsmokdi Titii Hislor. Seri., 
l. Ili, pag. 79*. 

CCXXXVH. — ta Turri Si S. Brancatu. Una novella 
tnollo simile e avente lo stesso fondo, si legge nell'^r- 
mdia in Brenta, giorn. VI, pag. '264-65. 

CCXXXVfli.— in /tocca di lu Ptzziddu. La impossibilità 
de' mezzi voluti al disincantamento dei tesori si ha pure 
WBfle tradizioni é'altri luoghi, come in quelle dì Calabria; 
■fli che cTr. II cap, XV de' Cenni sulle tredenze e sui co- 
■Utami del popolo calabrese di Raffa'Ele Capalbo nella Scena 
dì Venezia, an. Xtl, nn. 1, S, %, giugno e luglio 1874. 
Perii Tesoro Hi Cala Farina presso Rosolini nella provin- 
cia fli Siracosa, vedi il Cdla Farina , racconto popolare di 



UignieOb, Google 



AGGIUNTE ALLS VASrANTI. ^7 

Faustino HALTese, pag. 36 (Firanze, tip. del Vocabolario, 
1873). Quivi $|e£M,a pag. Il si legge: «.Ed^ijli è vero 
finche noQ si Piva fum lutti i tesori tli Cala Farioa, la 
Sicilia d^T'easw sempre povera? • • S'è verpi Ig djcoao 
bwtti i rorfisliori d'oltre ipare> e iu ne dubiti? * 

celi.-' Diu ti la manna bona! Nelle Facete e motti M 
moli XV e XVI, Codice mdito magliabechiam, n.?93, .sj 
legge ; • Massto Giuliano Gbostaaz^ medicala a Eoma di 
mal di pecto, et haveva nella scarsella .di moUe polire, 
che dicevano: iGnardalo da carne et vino, et dagli latta- 
gha, et farfereglì. Dipoi a qualunque gli dimaodara ooiO- 
$,igliQ, gli dava di decte polize.> 

CCJJV. — Nua diri quattru 9' '«« ràot 'fltó lu saccu. 
Dge versioni affatto differenti tra loro S9 ne leggono nei 
MwH ii dUre proverbiali e motti popolari di Pico Ujq( dj 
VàesAfiOf 0- 882. La prima 61 narrata d^irAuuutATo, Pise. 
I, li, disc- 4, riferita dal Sebdonati. 

GCL-VI. —r li carizii di TinckiwU, Dlcesì anche Li p»- 
rizii ài Tirriachiuni. Al^. della Masuora^ Itinerario ìq 
Sardegna, pag. 270, racconta quanto «egue: 

La bella di .San Luri in Sardegna uccia9 coi troppi am- 
plessi il giovane re Martino II di Sicilia, della Casa 4'Ar 
ra^oa, e (he diede rjjltinio colpo .airindipendanza dejla 
Sardegna, «puo^nendo alUi soa dinastia Ja parte ancor 
Ubera dell'isiola. Nel l&Od egli aveva otteonto u^a sples- 
(lifUi vittoria contro Braticaleoti^ Opri? p i\ Visconte di 
Narbona , quando fu vinto egli stesso .dalla bella di 3a.n 
Livi £b« nuova QiudUta jf/xm il re arAf[op^ anuria 
di baci. 

CCi'yii. — Forfici féru. Per «Itre versipoi europee «fr. 



UignieOb, Google 



448 FIABE, NOVELLE, RACC0M1, BC. 

COD quel che scrive Ralston nel Fraser's Magazine del 
1873, e KfiHLER ne' Contes populaires recueiìlia en Agenai» 
par H. J. F. Bladé pag. 155. La femme méchante. L'aoed- 
doto D. 8 die egli cita dalla Selection of Latin Storie» from 
manuscripts of the XIII and XIV centuries, edita da Th. 
Wrigut, corre inalterata in Sicilia, e proprio per l'iosetto 
che la moglie diceva al marito di avergli trovato in testa. 
Il passo della Selection è qnello citato a pag. 412-13 del 
pi-eséote volume. 

CGLX. — Sarvari crapa e cavuH. Cfr. Pico Luai di Vas- 
SANO, Modi di dire prov. ecc. n. 696. 

CGLXl.— Dissi la vecchia a Ninmi: • A tu peju «un ccV 
fini.» Quest'aneddoto si rirertsce anche come accaduto io 
persona di Dionisio il Tiranno e una douna siracusana. 
Vedi Fazello , lib. Ill^ cap. 1, e prima di lui Bufone da 
Gubbio, Fortunata Siculus (Firenze, 1832), che lo riferisce 
tal quale. Non mi è riuscito di trovare nessuna testimo- 
nianza antica di questa Iradizionei ma ho fermo convio- 
zione che qualche scrittore greco debbe averne fatto cen- 
no. Gfr. del resto ia nostra tradizione con quel che è 
detto a pag. 39ì del voi. IH a proposito della versione 
dì Vailelunga. 

GGLXUI. — Tutti cosi ponnu succediri ecc. La versione 
di Borgetto ha un riscontro con una delle Favole eli E- 
sopo secondo il codice Palatino (Lucca, 18GÌ), la quale si 
trova pure net Libro delle Novelle antiche tratte da diversi 
autori del buon secolo della lingua (da Francesco Zambri- 
ni). Bologna, Romagnoli, 1868; nov. J^XXVIU: . Del me- 
dico che curava uno amatalo e cavali sangue. > 

GCLXXI. — Brancalittni. Un fondo consimile ha la Eavola 
dì G. Ueu: Lìi liuni, lu scecca ed autri animati. 



UignieOb, Google 



AGGIDNTB ALLE VARIANTI. &&9 

CCLXXII. — Li dui surci. Cfr. con la 59 delle Màrcbea 
tirolesi dello Scu.neller: Die Rati {El pantegam). 

CCLXXVI.— Lu re di l'armali, lu lupa e la vurpi. Di una 
volpe sciocca e credulona racconta una favoietta toscana 
della Zool. Myfk. del De Gubbrnatis, II, pag. 138. Di aa 
lupo die vuol mangiare tre oche e poi ci perde esso 
stesso la vita si pujla nella %t delle Marchea tirolesi dello 
Schneller: Die drei Game. 

CCLXXVII. — La vurpi. La slessissima favoietta della 
Novella di Cacasenno, pag, 3i5-37, leggesi nelle Novellette 
Esempii morali e Apologhi di S. Bernardino da Siena (Bo- 
logna, RomagnuoJì, 186S), race. VI, e nel Morgante mag- 
giore del PtiLa, e. IX, st. 73-76; se non che, invece del- 
l'orso v'è il lupo. 

CCLXXVUI.- L-Acidduz2u; e CCLXXIX.— Lu Lupu e lu 
cardidduzzu. Il principio della prima e parte della fine 
della seconda clr. con la 41 àe]]e Marchen uud Sagen aus 
Wàlschtirol dello Schivelleii: Die Gevatler {I comparì). I 
viaggiatori sono an galletto, una galiioa, un'oca, ana mela 
bovina, una spranga, una scopa, un ago, un granchio e un 
lupo. Il lupo maugìa poi una vecchia , nella cui casa e* 
rano andati lutti ad abitare. 

CCLXXXIII. — La parrastra. Cfr. in parte con la no- 
vella delle Folk-Lore of Rome della Buse inlilolala: The 
King wko goes out to Dinner '. 

CGXLVII. — A gran Signuri picculu prisenti. Cfr. G. B. 
GiRALDi, Gli Ecatommiti, VI, 9. 

' Giova avverlire che, stielto dal tempo, non ho potuta e- 
ilendere 1 mìei riscontri colle Folk-Lore ofRome della signora 
Bdsk di là della prima terza parte del volume. 



UignieOb, Google 



430 FIABE, nOTELLE, DACCONTI EC 

CCXUV. — r 'un fari la gruppiddu , ti perdi tu pun- 
tiddu. Cfr. Pico Ldhi di Vassano, Modi di dire ptav. ose. 
ù. 693. 

CCXCI. — JVni r annittaru a Pirolla. Tra' canli pt^io' 
lari che ricordano il fatto storico cfr. Il caio di SciaeMi 
&. 49Si della Raccolta amplissima del Vico, canto di wì' 
gine evidentemente letteraria. Vedi pnre II caso di Setacea, 
cronaca siciliana del secolo XVI ora per la prima Wtttìi 
pubblicata da Vlncenzo Di Giovanni. Palermo, 1874. 

CCXCVIII. -- Pinnicula pinnàculu pianta. Un'altra \tir* 
sione &ìcili3iì3 dell' indovinello è in Vigo, Raccolta atn* 
piissimo di Canti popolari siciliani, a. 429&. 



F15K DEL QUARTO SD ULTIUO VOLDUE. 



UigniaOb, Google 



INDICE 

DEL PRESENTE VOLUME 



BERIE TEI12A 

<X:[. Ràisi Vita Lacchi u pag. l 

€CII. Lu CapitaDu e la Ginirali > S 

Coi fo mali, mali aspetta (variante). > iO 

ceni. La Viciarrè Tunnina • it 

CCIV. La Re e li carzarali • 13 

CCV. La Bedtia di Liccari .17 

La Bedda di Uccari (oar.) . . . . > 18 

€GVi. Maumelta. 20 

CCVIL. La mala Gugghiermu » 23 

Gagghierma lu Mala (par.) ....•%) 

Idem (id.) .23 

COVRI. Gugghierma lu Boqu > 33 

Lu 'Mperatori Gugghiermu (par.) ... 38 

cax. Fidiricu 'Mperaturi » 39 

'CCX. La Vèspiru siciliana > il 

Lu Vespiru Sicilianu (var.). ...» 48 

ldeni(id.) .46 

Mem (id.) .47 

Idem iid.) .48 

Idem (id.) > 49 

CCXI. Lu tagghia-ugghià di li Franeisi . . . • Si 



a. b, Google 



FIABB, HOTELLEj RACCOIVTI EC. 



ccxn. 


La scogghiD dì la mala caasigghia pag 


CCXilI. 


Tumma-Gallia i 


CCXIV. 


La Bella Aagialiaa 


axv. 


Li Biall Paall ■ 


CCXVI. 


LI Dlafali di la Ziia 




Li Dia?ali di la Zisa {variante) . » 


ccxvn. 


U Calala di li Jùdici 


ccxvin. 


La Petra di lu lucaluri 


CCXIX. 


La Carligghia di li setti fati . . . > 


axx. 


La Cruci di la chiesa dì S. Craci . > 


CCXXI. 


La Gratta di Sabbedda 


ccxxir. 


Vaddl di la Deona ■ 


ccxxm. 


La Rocca di la Motta, Serra di la Bannera • 


ccxxiv. 


La Gratta di la Pizzo beddu . . . > 


ccxxv. 


La Pedi d'alivi di lu Capitano . . » 


CCXXVI. 


La Pizza di Marabedda » 


CCXXVII. 


lia Muotagaa di la fera 


ccxxvni. 


Li vertali di la Hantagna di la fera > 


CCXXIX. 


Lu Pizza di li tri frati 


CCXXX. 


La banco di Ddisisa 




Pizza Gaddo (car.). ...... 




La Banco di Ddisisa [id.) . . . • 


ccxxxi. 


Rocca d'Antedda 


CCXXXll. 


La Montagna di S. Cuona 


ccxxxra. 


La Rocca di la Pizziddu 


CCXXXIV. 


La Chisniidda di lu Salvatori . . , > 


axxxv. 


La Petra di li setti muli ...••» 


ccxxxvi. 


U eresia di la S. Nunziata . . . . ■ 


ccxxxvn. 


La Turri di S. Braucatu 


CCXXXVIII 


La Pizzareddu . 



a. b, Google 



INDICE 463 

CCSXXIX. La Stràmula di'lu corvu .... pag. Ì04 

GCXL. La HaDtagDa di )a Raja > 105 

CCXU. La Sèggia di 1q Turcu -106 

CCXLU. La Castedda di Ficarazzì 'IO? 

CCXLllL Lu Chiana di l'aria !09 

CCXUV. x^ni ■ ■ • - • • **(> 

CCXLV. Curaggin Don Mennnl .1» 

BEBIE QUABTA 



CCXLVL 

CCXLVIL 
CCXLVIIl; 

CCXLIX. 
CCL. 



caL 

CCLIi. 

cani. 

CCLIV. 
CCLV. 
CCLVL 

cCLvn. 

CCLVilL 
CCLK. 

CCLX. 



Cctiiii si campa e cchiù si sapi . . . • 114 
A gran signurì piccalu priseati. . . > US 
D'an corDu all'àutin 'un si pò sapirì la 

Tintati » J16 

Nararra dud la senti sta canzuaa . . '117 
Cu' appi rc'ca campau , cu' appi paoì 

muria «US 

Cu' appi focu campau ecc. (variante) • 120 

Dia ti la manna bona I > 121 

SigretQ a flmmini 'un cunGdari. . . • 122 
Tutta la sciarra è pi la entra . . . > 125 
Nnn diri quattni s' 'nn l' hai 'nla In 

33CCU » 127 

< Piggliia In bon tempu, e 'nfilatillu dìn- 

tra >, dissi la sòggira a la nora. . > 129 

Li carìzzii di Tinchiuni • 130 

Fòrflci fflrn . 131 

Hi va' pnrtannu di grutla 'n gratta . • I3& 
Fàrisi scrupala di la stizza di lii latti > 137 
Sarvarì crapi e cavuli > 138 



UigniaOb, Google 



IM FIABE, riOTELLE, RACCONTI, EC 

GCLXL Dissi la vecchia a Niruai: • 3, la peja nim 

cc'è Uni > pag,. 139 

CCLXII. Piraru mai taàstà pira, e ataaca Santn fai 

miracnii > I4ft 

Piru mai facittì pira, e maDcn Cro- 
cifissa fai miraculi {variaale) • IH 
Né pira pira,[iò Sanla mìracHli (id.) 143 
CGLXUI. Tatti cosi poano succediri, fora d'omioì 

preni t i43 

CCLXIV. Arristari coma la zita ca ta giggtiia 

rasa ■ 145 

CCLXV. Pi *Da cipudda di Calàviia sì persira quat- 

tra CalavrisL . > tU 

CCL.XVI. Cci appizzau lu sceccu e li carrubbi > Ìi8 
CCLXVII. Mi vogghia bem Diu,ca di li santi mi luii 

jocu e rja. ........ • LSD 

CCLXVIil. Palermo, un sacca laotal . . . . • 152 

CCLXIX. Jibbisoti, frastajaddi * 15i 

CCLXX. Cani-CariniBi 15S 



CCLXXL 
CCLXXU. 


SERIE QDIMTA ~ 
Brancalianil 


> 1S7 

> 162 


ccLXxm. 

CCLXXIV. 

caxxv. 


L'Omn,. lu Uipu e laVuri^. . , . 

~ La Scarparu e In Linai (mr.). 

La Vanta, l'Acqna e l'Onori . . . 

Gumpari Lupa e ciunmaFi Varpt. . 

Lu Lnpu e la Vurpi (nar.) . . 


. IM 
. 474 
. 177 
. 18» 



UigniaOb, Google 



CCLXXVl. LuRe di l'armali, in Lupa e la Vurpi pag. 
Lu Liadi, In Lapa a la Vtrpi (tur.) * 

CCLXXVII. La Vnrpi 

CCLXXVBL L'AciddoMO > 

GCLXXIX. Lu Lupa e lu Cardldduzzu . . , • 
CCLXXX. La Cicala e la Fiummìcula . . . > 



APFEEISICE 

CCLXXXL La Re Crislallu 1S9 

CCLXXXn. La muglieri curiusa .208 

CCLXXXIII. La Parraslra .21» 

CCLXXXIV. La Rimila !19 

CCLXXXV. La bedda picclolu 223 

CCLXXXVL La tusa cadala 228 

CCLXXXVIL La Caraddazzu «din .237 

CCLXXXVIII. La Pupidda .242 

CCLXXXIX. Lu Liaai 248 

CCXO. - L'arti si parti e la natara vinci . . 252 

CCXCL Nni l' annitlaru a PlroHn ..... 2Si . 

CCXClf. Pi lu pania S. Martinu persi la cappa. 255 

CGXCIU. Pr' aa punta Martina pìrdiu la cappa. 296 

CGXCIV. Pr' 'un fari la gruppiddu si perdi la 

pantiddu .261 

CCXGV. Li tri donni e chi mali cci abbinai I ■ 263 

CCXCVL La tisoru di la Zisa ....'. .266 

CCXCYII. Lu Tiddann e lu Re 269 

CGXCVUL Pinuicula, pìnnàculu, pinnia. . . .272 

CCXCaX. La Divola .272 

ecc. Un Re radu 276 



UigniaOb, Google 



«56 FIABE, NOrSLLB, HACCONTI, EC. 

8ACH3IO DI HOTELLINE ALBAHESI DI SICILIA 

AvvertflDza pag. 283 

L La Bedda di li selli citrì • 283 

m. Mamadraga * 289 

IV. Goé ca pugareL e Giuxait '291 

V. I biri Begghil Q Ggbialpri 292 

VI. ChepQzari pa xhelme • 294 

Vn. Di mezzomèrat falarm ►296 

GLOSSAUO ' 

Avvertenza ■ 301 

Glossario • 303 

AGGIUNTE ALLE TAUAItTI E RISCONTRI 

Avvertenza » 363 

Lettera di V. Imbriani al Raccoglitore .... i 367 
Aggiante del Raccoglitore •419 



UigniaOb, Google 



ERRAI A-COBRIGE 



VOLUUE 1. 

Pig. lin. 

Lv la Chat-batté Chat-botti. 

LYii 10 rotìapsscologie .... Volkspsycholagie. 

. 83 di Holsteìn dell' Holslein. 

6 a La viddana Lu viddanu. 

31 8 La povira picciotU 8. [Si tolga il n. 8 di richiamo e 
si porti a lin. T, dopo 'ncutlu. 

33 2 stùria sluoria. 

3t 7 lu veru spusu la vera spusa. 

58 II n. 38 n- 38. 

Al li-13 ConoNKNi-BititTi.iVo- CoROflEDL-BBRTi, Novelle oopo- 

pelle popolari bolo- lari balogneii : La fola del 

gntsi: la fola del tréi CaadUir. 
Sitrel. 

14S ull. rigo: e raccolto dal e raccolto dal sig. G. Di Cio- 

sig.Guida cognato del vanni. 
gig. G. Di Gioiauiii. 

130 6 njnnlBgui muntagni. 

387 10 QuuDoa Quanna. 

VOLUME 11. 

173 13 e fu dicapitu o f u dicapilatu. 

SI Una lezione di Clan- una lezione di Caslelt eroi ini. 

ciana. 

113 a -> Appersusintinella: _ Appressu sinlinella: 

3S3 IS nella XVIll è il fatto nella CCLXXXIl è il f;itto del 

del lume acceso che lume acceso che la moglie 

il marito accosta di accosta di notte al marito. 

notte alla sua bella. 

377 39 guardiani di vacche, gran quanliEì dì vacche. 

388 3 dtr ausgoz sein Glùck. rfer auszog sein Gl&ek. 

VOLOME III. 

103 90 Zuannein Zanninein. 

180 il Ferrazzano di Ferrazzano. 

199 33 a facci à facci. 

311 33 stalo rimescolato. . . alquanto diminuito. 

915 JO ctapaio capraio. 

379 Si Giuseppe Vincenzo 

Gialongo Giuseppe Vioceazo Uarotta. 



UigniaOb, Google 



77 18 Pecoraro ferrwo, 

1S9 li Gàuttt Gantu. 

S17 28 Vincenzo «MUno. 

idi 30 NoD terra sumas. . . Nos terra sumas. 

HI 3; ili Si 4i8, Il nelU Foti-Lore - nelle Fott-lore. 

Nolo ìnGne che ho adoperato sninpre in f««njnino U vece 
llàrchen, che in (edeseo 6 neutro, inlendcndo l'ilaltano nocella, 
fiaitt. 



UignieOb, Google 



UignieOb, Google _ 



COMINCIATO A STAHPABI! 

IL DÌ I NOVEMBRE MDCCCLXXill 

FINITO IL XT GENNAIO HDCCCLXXT. 



UignieOb, Google 



INDICE 

DEL PRESENTE VOLUME 



BEmm PKIMA {Continmu.) 

CXI. La Gìutìdì di la Pamara .... pdg. 1 

CXIl. Lu PDTireadu 6 

CXIII. La santa Rimita i 12 

CXIV. U tradimento > 15 

CXV. Lo Saa Giasippazza i9 

CXVI. San Miclieli Arcaogìla e nn aò Divota. > Si 

CXVIl. Grigòliu Papa 33 

CXVIU. La santa Papa Silvestrn > 39 

CXIX. Pilato » 43 

CXX. Marca dispirala > 40 

CXXI. S. Petra e li Utri • 48 

LI Latri e san Petra {variante) . , ■ KO 

GXXII. S. Petra e lu tavirnara > 63 

CXXUI. La Signuri, S. Pelro e rAposluli . . • 64 

CXXIV. Accacìùni 67 

CXXV. Fra Giagannuni '60 

GXXVL Lu porru di S. Petra » 63 

La Mamma di S. Petra {var.}. . . * 66 

CXXVn. Mastra Francisco aiaocia-e-sedi ... * 68 

CXXVUI. Saddaedda .73 

GXXIX. La menza-gaddozzu .......> 77 



UigniaOb, Google 



402 

CX3tX. 

CXXXI. 

cxxxn. 

GXXXIU. 
CXXXIV. 



cxxxv. 

CXXXVI. 

cxxxvn. 
cxxxvm. 

CXXXIX. 
CXL. 

cxu. 



FIABE, NOVELLE, RACCONTI, GC. 

Don Firriuledda pag. 83 

Pitìdda .85 

Cummari Yurpidda 88 

La Crapa e la Monaca > 90 

La Gatta e la Sorci ■ 92 

Sasjzzedda (var.) * 9S 

Donn'Anna (t'd.) > iri 

La Dasu di lu Sagristanu -96 

Li vecchi > 103 

Parrineddu lOC 

La travatura , » !08 

La 'nniminu • 109 

% vota cc^eraan tri frati (var.) . * HO 

Lu Re-befò 'US 

La canta di la varveri 113 

(Racconti fanciulleschi) . . . . • ivi 



SERIE SECOKDA 

CXLd. La Tislamenta di lu Principi . . . > 117 

Maestro Cecco e i Gesuiti (var.) . > 118 

CXLni. Tìppiti nnàppiti • 120 

GXLIV. Li quattrti miacbiuaa > 124 

CXLV. Li tri mlnchiuna di Palermu. . . . ■ 126 

Li tinti di Missina (var.) .... * 130 

CXLVI. La scartizza di li tri Palermitani . . * 132 

CXLVn. La pignataru di Palermu > 134 

CXLV1[I. La viddanu di Larcàra MS? 

GXLIX. Lu Larcarisi 143 

CL. Lu Partannisi ■ 144 



UignieOb, Google 



INDICE 403 

cu. La Gapaciota pag. 1&6 

CUI. La Cabvrisi .180 

CLIK. Lu paralisi .153 

Racconto del Capiciano (var.) . . . > 15S 
CLIV. Lu latra di Sicilia e la latra di Napoli . > 197 

CLV. Lo NapulitaDa e lu Siciliana * lEi9 

CLVI. Firrazzana » 165 

I 1 . La mugghierì di Firrazzanu e la Riggiaa. ivi 

2. Lu custureri chi torci In mussa . > 166 

3. La contrabbaDQU di Porta dì Crastu > 168 

4. Firrazzanu e lu purcàra ..... 169 

5. Li PJruicani .172 

6. La musica di li sceccbi . . . . > 173 

7. La vinti pir ceotn .ivi 

8. La 'mmasciata di Firrazzana. . ... 174 

9. Quanou Firrazzanu fu mannata a la 

terra dì Murriali .175 

10. Li centu Ugnati ........ 176 

11. Firrazzanu e chiddu di la ruttami. > 177 

12. Firrazzana e chiddu di Pova . . » 178 

13. Firrazzana chi parrà a l'arìcchia a la 

scecca 178 

14. Firrazzana e li spèzii > ivi 

15. Firrazzanu e la Canfissurì . . ,. > 180 

La paraturi > 183 

CLVU. Lu za Crapiann > 185 

Hastru Franciscu Ctadda (par.) . * 194 

Lu mastra scarparu e li tri latri (t(j.)i 195 

Lu Za Birrittinu {id.) ..... ivi 

CLVUl. La soliohianeddu « 198 



UignieOb, Google 



GUX. 
CLX. 



CLTLl 
CLXn. 



CLXUL 
CLXIV. 
CLXV. 
CLXVI. 

axvu. 
cLxvra. 

CLXIX. 
CLXX. 

axxi. 

CLXXH. 
CLXXlll. 
CLXXIV. 
CLXXV. 
CLXXVI. 

CLXXVU. 

CLXXVIII. 

CLXXK. 

CLXXX. 

CLXXXl. 

CLXXXII. 

GLXXXIII. 



lUBB, NOVELLI, ll&CCONn|EC. 

'Hbroglia e Sbroglia pag. SWt 

Lo mnralnri e so figghiu > 210 

Lo figghia ili lu mastru d'ascia (tMir.> 2(8 

La scarparedda ■ 220 

Li| scarparu e li monaci 223 

Fra GittvaDDÌ (tor.) 23S 

Lu zu Licca-ìa-flcu {id.) 236 

Lu flgghlu tistardu 237 

Li tri ghimmuruti • 24t> 

Prà Gbinìparu > 2ì9 

Li tri cumpari > 2SS 

Li tri burli (car.) ....... 265 

Lu zannu > 267 

La Principi > 275 

Va crìditi a 0mminì I i 278 

Li dui compari . • 28D 

SeUilanzati > 286 

Hastru Baca. . ! > 293 

La monaca e tu fratello > 296" 

Lo parrìnn e li compara picnrari . . > 301 
La Burgisi e lu Prìdicaturi . . . . > 305 
La Custureri t 308 

La vostra bedda Grana t (mr.). . • 312 

Li dui capi-mariola 'SU 

Lo scarpariediln ........> 317 

Li dui orvi > 321 

L'apprinnista di la medico . . . . > 42Ì 

La scummissa > 326 

Lu viddanu saatocchiu i 329 

Lu mastru scarpara e li spirdi ... * 330 



UignieOb, Google 



INMCB 405 

CLXXXir. Lu scalmani disptratu pag. 333 

GLXXXV. Lu mastro e li spirdi » 338 

GLXXXVl. Hejn loDgo > 340 

GLXXXVII. U mo^hieri babba ■ 343 

GLXXXVIU. Lo Loccu dt li pàssuU e Ocu . . . > 344 
Li fati-màscali e lu picciottu senza 

naso (tar.) '347 

CLXXXIX. Sdirrameddu > 348 

CXG. Giufà » 353 

% 1. Giafà e la statua di ghissu . . •ivi 

2. Giulà e la pezia di tila . . . > 354 

3. Giufà e lu Judici > 355 

4. Giufà e chiddu di la birritla . > 386 

5. Giufò e lu Canla-matinu . . . > 360 

6. Giufà e la simula. ...... 361 

7. Giufà e la ventri lavata ... > 362 

8. f Haociati, rubbiceddi mei 1 • . * 3G5 

9. < Giufà, tirati la porla t > . . . '366 

10. Giufà e la Hjocca «ivi 

11. Giafà e li latri > 367 

12. < Occhi di cucca, i < Ahi 1 ahi t • i 308 

13. Giucà e chiddu di la scummissa • 369 
Giufà uni In Judici (car.) . . ■ 372 
Giufà e lu Cardinali (td.) . . i ivi 

Ganta-la-notti (id.) » 375 

Cunti di Giucà (td.) . ... .377 

GXGI. Chiddu di la scummissa 380 

GXCa. Chiddu di li scecchi > 381 

CXCIIL Va' trasi lu cavaddu t > 382 

GXGIV. U barglsi e lu patroni > 384 



UignieOb, Google 



408 FIABB, NOVELLE, RACCONTI EC 

CXCV. La foddi 

CXCVI. Lu 'nDimina 

CXGVII. Li tri rigordi 

CXCVlIf. Lu cuntu di In'Dnimioa. . . . 

CXCIX. La conili di la canzaaa .... 

ce. Petra FudduDÌ e l' ovu . . . . 



a. b, Google 



UignieOb, Google 



UignieOb, Google 



UignieOb, Google 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google 



UigniaOb, Google